Patrul Rinpoche: Bodhichitta

annap1Aspiration to Generate Bodhichitta, Utterly Pure and Supreme

by Patrul Rinpoche

Namo guru!

Your mind, many aeons ago, rid itself of all deceit,
Your speech, honest and true, is free of any form of artifice,
Your body’s acts are disciplined and unpretentious—
Great sage, genuine and wise, to you I prostrate!

Buddha’s heirs, who have seen the ultimate meaning,
Speakers of truth, whose words have prophetic power, Continue reading »

Ven. Ghesce Yesce Tobden: La sofferenza dell’esistenza ciclica

Ven. Ghesce Yesce Tobden: Non riusciamo a trovare un oggetto che esiste come tale, di per se stesso.

Ven. Ghesce Yesce Tobden: Non riusciamo a trovare un oggetto che esiste come tale, di per se stesso.

Ven. Ghesce Yesce Tobden: La sofferenza dell’esistenza ciclica

6. Insegnamenti del Ven. Ghesce Yesce Tobden al Centro Ewam, Firenze.

Parlando della sofferenza della esistenza ciclica parliamo di sei tipi di sofferenze generali:

1. la prima sofferenza dell’esistenza ciclica in generale, vale a dire il primo tipo di sofferenza che viene affrontato da qualsiasi essere senziente, da qualsiasi forma di vita, è l’insoddisfazione Continue reading »

Thich Nhat Hanh: Trattato di pace con la Terra

Thich Nhat Hanh: Mi impegno a praticare ciò che ho segnato in questa lista, così da ridurre l’impatto ecologico del mio stile di vita.

Thich Nhat Hanh: Mi impegno a praticare ciò che ho segnato in questa lista, così da ridurre l’impatto ecologico del mio stile di vita.

Thich Nhat Hanh: Trattato di pace con la Terra

Questo foglio suggerisce un certo numero di passi da intraprendere per ridurre l’impatto delle tracce che lasciamo sulla Terra, in senso ecologico. Ti invitiamo a leggerli e, se ti ispirano, a prendere l’impegno di rispettarne alcuni o tutti, marcandoli con il segno “√”. I passi che stai già praticando andranno invece segnati con una “X”. Quando hai terminato, copia i tuoi impegni su un foglio che potrai portare con te come promemoria.
[
Per chi conosce l’inglese e usa il computer: ti invitiamo a scaricare la versione inglese in formato pdf da www.earthpeacetreaty.org o dal sito del Deer Park Monastery www.deerparkmonastery.org/peace_treaty.pdf e a spedire il tuo Trattato di pace all’indirizzo riportato in nota a fine testo. I tuoi impegni saranno pubblicati su un sito web dove altri praticanti e amici potranno leggerli e trarre ispirazione dalle tue azioni.]

Io, _______________________________________________, mi impegno a: Continue reading »

Thich Nhat Hanh: I quattro mantra dell’amore.

Thich Nhat Hanh: Nel vero amore, non c'è posto per l'orgoglio.

Thich Nhat Hanh: Nel vero amore, non c'è posto per l'orgoglio.

Thich Nhat Hanh: I quattro mantra dell’amore.

Tratto da un discorso di Thich Nhat Hanh del ritiro estivo del 1996.

Quando amate qualcuno, dovete essere veramente presenti per l’altro. Ho conosciuto un bambino di dieci anni al quale il padre aveva chiesto cosa desiderasse per il suo compleanno. Il bambino non seppe rispondere: il padre era ricco e avrebbe potuto permettersi di comprargli qualsiasi cosa. Ma il ragazzino disse soltanto: ‘Papà, voglio te!’. Il padre era sempre troppo occupato e non aveva tempo per la moglie e i figli. Per dimostrare vero amore, dobbiamo renderci disponibili. Se quel padre imparasse a respirare consapevolmente e a essere presente per suo figlio, potrebbe dire: ‘Figlio mio, sono veramente qui per te’. Continue reading »

Lama Yeshe: True Dharma Practitioners Welcome Trouble

Lama Thubten Yeshe: If you understand your own attitude and level and know what you need at any particular moment in time.

Lama Thubten Yeshe: If you understand your own attitude and level and know what you need at any particular moment in time.

Lama Yeshe: True Dharma Practitioners Welcome Trouble

Sometimes when people first hear Dharma teachings on happiness and suffering they think that happiness depends upon suffering and that if they were to be completely free of suffering there would be no way to experience happiness. I can see where the idea comes from. In a way it’s quite logical: if there’s no misery there’s no happiness; misery and happiness are interdependent phenomena. This is human experience. It’s my experience too.

When I was studying at Sera in Tibet from the ages of nine to twenty-four, I took many teachings and received many commentaries from excellent teachers. I was well looked after by my uncle, who made sure I never went hungry or thirsty and took care of me in general. It was a typical monastic life and it was really good. And from my side I tried my best to study and practice Dharma.
But still, in 1959, the Chinese kicked us out. Well, not exactly, but they did not allow people to practice Dharma, so I thought that if I want to keep practicing there was no reason to stay in Tibet. So I escaped to India. Not only were the Chinese preventing us from practicing, they were shooting people dead and even though I had been studying and practicing, I didn’t feel ready to die. Continue reading »

Lama Yesce: That’s the Lam-rim!

Lama Yesce: Don't think that renunciation means giving something desirable up. But there's a dangerous fire burning inside you. That's what you have to extinguish; what you have to renounce, is the flaming mind of grasping attachment. That's what's burning you.

Lama Yesce: Don't think that renunciation means giving something desirable up. But there's a dangerous fire burning inside you. That's what you have to extinguish; what you have to renounce, is the flaming mind of grasping attachment. That's what's burning you.

Lama Yesce: That’s the Lam-rim!

Those who understand the entire evolution of samsara see that it’s ignorance that makes people dedicate their whole lives, beginning to end, to the pursuit of temporal pleasure without getting bored. Therefore there’s a need for meditation, not only for religious people but also for those who are not religious. Liberation is not only for religious people. Continue reading »

Lama Thubten Yeshe: Integrating What You’ve Heard

Lama Yesce: Where do samsaric beings come from and why are we born on this earth?

Lama Yesce: Where do samsaric beings come from and why are we born on this earth?

Lama Thubten Yeshe: Integrating What You’ve Heard

In the early 70s, Lama Yeshe used to give Sunday afternoon lectures at Kopan Monastery and people would come from where they were staying in the immediate vicinity (very few people were able to stay at Kopan at the time) or Kathmandu. If any of these were recorded, as far as we know, none of the recordings have survived…except this one. This is the earliest recorded Lama Yeshe teaching by at least two years.

Lama Thubten Yeshe

You’ve spent quite a lot of time with me now, listening to my explanations of Lama Tsongkhapa’s approach to both the fundamental human problem and your individual ones. After all these months, you need to come to a conclusion from what you’ve read and heard; you need to integrate the teachings within yourself.

Listening to my words you might think, “Yes, what he’s saying is true,” but experience and actualization are very different from mere intellectual understanding. Continue reading »

La Preghiera di Kuntzangpo, il Buddha Primordiale Samanthabadra.

primordial-buddha-kuntuzangpo-sergey-noskovLa Preghiera di Kuntzangpo, il Buddha Primordiale Samanthabadra.

Ho! Tutte le cose – apparenza ed esistenza, samsara e nirvana, hanno una singola base, eppure hanno anche due sentieri e due realizzazioni, che magicamente si manifestano come consapevolezza e non consapevolezza.

Attraverso la preghiera di Kuntuzangpo, possano tutti gli esseri diventare dei Buddha, completamente perfezionati nella dimora del Dharmadhatu. La base di tutto è non condizionata, e la grande espansione autoemergente, al di là di ogni espressione, non ha né il nome di “samsara”, né il nome di “nirvana”. Realizzando soltanto questo, si è dei Buddha; non realizzando qusto, si è esseri vaganti nel samsara.

Prego, affinché tutti gli esseri dei tre reami possano realizzare il vero significato della base inesprimibile.

Io, Kuntuzangpo, ho realizzato la verità di questa base, libera da cause e condizioni, che è questa consapevolezza che sorge da sé. Essa è non macchiata da espressione esterna o pensiero interno, affermazione o negazione, e non è contaminata dall’oscurità della non consapevolezza. Perciò questa espansione che si manifesta da sé è libera da difetti. Continue reading »

A Short Dharma Teaching by His Holiness Sakya Trizin

His Holiness Sakya Trizin: “We all possess the seed of the Buddha - the true nature of our mind is pure right from the beginning. All sentient beings have this seed”.

His Holiness Sakya Trizin: “We all possess the seed of the Buddha - the true nature of our mind is pure right from the beginning. All sentient beings have this seed”.

A Short Dharma Teaching by His Holiness Sakya Trizin
Given on Monday, September 24th, 1984. Bristol, England.

Tibetan Buddhism is one of the richest traditions as it contains all the different levels of teaching give by Lord Buddha: Hinayana, Mahayana and Vajrayana. The teachings have now spread to many countries and many people are practicing them, which is good as they are the only source of benefit and happiness. Through the Buddhas great activity many different schools arose. In Tibet there are four major schools, They are like one family which has 4 jewels, if one jewel is lost, it is a great loss. Therefore it is important that all 4 traditions are preserved and continued.

Lord Buddha resolved to attain enlightenment for the sake of all sentient beings. He had accumulated a tremendous amount of merit and wisdom over 3 countless aeons. He then appeared in India as a son of the Shakya kingdom and performed the 72 great deeds. He set an example by showing that enlightenment can be attained by an ordinary person through following the noble path. Continue reading »

A. Berzin, M. Lindén: Cos’è l’illuminazione?

Lavoriamo per aiutare gli altri senza aspettarci nulla in cambio.

Dr. Alexander Berzin, Matt Lindén: Cos’è l’illuminazione?

L’illuminazione significa diventare un Buddha – l’apice dello sviluppo e del potenziale umano – ed è l’obiettivo finale nel Buddhismo. È qualcosa che ogni singolo essere sulla terra ha il potenziale di raggiungere.

Al momento non siamo dei Buddha – al contrario sperimentiamo una vita piena di problemi e di costanti alti e bassi. Siamo bloccati in questo modo perché le nostre menti proiettano automaticamente assurdità su ogni cosa e crediamo veramente che sia la realtà. Agiamo in modi che pensiamo ci portino felicità vera, ma che finiscono soltanto con il causarci sofferenza. Continue reading »

A. Berzin, M. Lindén: Cos’è la mente?

Mediante l’allenamento delle nostre menti, possiamo trasformare in modo radicale le nostre esperienze migliorandole, e con uno sforzo sostenuto, questo cambiamento positivo diventerà spontaneo

Dr. Alexander Berzin, Matt Lindén: Cos’è la mente?

La mente è l’esperienza soggettiva, individuale, di “qualcosa” che cambia sempre, momento per momento.

Il concetto di “mente” è difficile da catturare, e lingue differenti lo concettualizzano in modo diverso. Il termine buddhista per mente in sanscrito è chitta, e possiede un ampio spettro di significato. Esso include la percezione sensoriale, il pensiero verbale e astratto, le emozioni, sentimenti di felicità e infelicità, attenzione, concentrazione, intelligenza e di più. Quando il Buddhismo parla della mente, si riferisce ad ogni tipo di attività mentale. Continue reading »

A. Berzin, M. Lindén: Un giorno nella vita di un buddhista

Decidiamo che oggi proveremo ad aiutare gli altri in qualunque modo sia possibile, e se non è possibile, almeno ci asterremo dal causare qualunque danno.

Dr. Alexander Berzin, Matt Lindén: Un giorno nella vita di un buddhista

Gli insegnamenti buddhisti offrono moltissimi consigli su come condurre le nostre vite quotidiane. Dai un’occhiata qui sotto.

Quando ci svegliamo

Dopo esserci svegliati e prima di alzarci, dovremmo sentirci incredibilmente felici e grati che siamo ancora in vita, pronti ad affrontare un nuovo giorno. Stabiliamo una forte intenzione di:

  1. Rendere il giorno significativo.

  2. Non sprecare la preziosa opportunità che abbiamo per lavorare su noi stessi e per aiutare gli altri.

Se dobbiamo andare al lavoro, decidiamo di provare ad essere concentrati e produttivi. Non ci arrabbieremo, non diventeremo impazienti o scontrosi con i nostri colleghi. Continue reading »

A. Berzin, M. Lindén: Cos’è la compassione?

La compassione è particolarmente efficace quando è unita alla conoscenza e alla saggezza, in modo tale da prendere la decisione giusta su come agire.

Dr. Alexander Berzin, Matt Lindén: Cos’è la compassione?

Nel Buddhismo, la compassione è il desiderio che gli altri siano liberi dalla sofferenza e dalle cause della sofferenza. Essa è basata sul comprendere i sentimenti delle altre persone, specialmente quando abbiamo patito i stessi tormenti. Anche se non abbiamo mai sperimentato quello che hanno sofferto, possiamo metterci nei loro panni e provare quanto terribile dev’essere stato. Immaginando quanto vorremmo esserne privi, desideriamo fortemente che anche gli altri siano liberi da tale sofferenza. Continue reading »

A. Berzin, M. Lindén: Cos’è l’amore?

È quando realmente arriviamo ad amare noi stessi, che possiamo veramente amare gli altri.

Dr. Alexander Berzin, Matt Lindén: Cos’è l’amore?

L’amore è il desiderio che gli altri siano felici e abbiano le cause della felicità. Basato sulla comprensione che tutti vogliano ugualmente essere così, è universale e senza riserve. Esso include la qualità di essere sensibile ai bisogni degli altri e la disponibilità a contribuire alla loro felicità. Può essere esteso in egual modo verso tutti, indipendentemente dalla loro relazione con noi o da cosa abbiano fatto, e non aspetta nulla in cambio. Nel Buddhismo, l’amore è la fonte più grande di felicità. Continue reading »

A. Berzin, M. Lindén: Cos’è la meditazione?

Nessuno è perfetto, e tutti noi possiamo trovare qualche cattiva abitudine che vorremmo eliminare. Fortunatamente, queste abitudini non sono scolpite nella pietra, ma possono essere cambiate.

Dr. Alexander Berzin, Matt Lindén: Cos’è la meditazione?

La meditazione è un metodo per sviluppare stati mentali benefici. Facciamo questo generando ripetutamente certi stati mentali finché non diventino un’abitudine. Fisicamente, è stato dimostrato che in effetti la meditazione crei nuovi percorsi neurali.

I benefici della meditazione

Ci sono molti differenti stati mentali benefici che possiamo sviluppare attraverso la meditazione:

  • Essere più rilassati, e meno stressati;

  • Essere più concentrati, e meno disorientati;

  • Essere più calmi, liberi da preoccupazioni costanti;

  • Avere una comprensione migliore di noi stessi e delle nostre vite, e degli altri;

  • Avere maggiori emozioni positive, come amore e compassione.

Continue reading »

A. Berzin, M. Lindén: Cos’è la pratica buddhista?

Dr. Alexander Berzin, Matt Lindén: Cos’è la pratica buddhista?

Il punto centrale nel Buddhismo consiste nel lavorare per superare i nostri difetti e realizzare i nostri potenziali positivi. I difetti includono la mancanza di lucidità e uno squilibrio emotivo, che generano confusione sulla vita. Di conseguenza, agiamo in modo compulsivo, spinti da emozioni disturbanti come rabbia, avidità, e ingenuità. I nostri potenziali positivi includono la nostra abilità di comunicare in modo chiaro, di comprendere la realtà, di immedesimarci con gli altri, e di migliorare noi stessi.

Il punto di partenza della pratica buddhista consiste nel calmare le nostre menti ed essere consci, il che significa ricordarsi costantemente di essere consapevoli di come stiamo agendo e parlando con altri, e di come stiamo pensando quando siamo da soli. Continue reading »