Khensur Ciampa Thegchog, Commentario al testo di Je Tzong Khapa: L’Essenza delle Buone Spiegazioni

Khensur Ciampa Thegchog: La saggezza che realizza la vacuità è la causa principale per tagliare la radice dell’esistenza condizionata.

Khensur Ciampa Thegchog Commentario al testo di Lama Tzong Khapa: L’Essenza delle Buone Spiegazioni

Proprio come la desideriamo noi, tutti gli esseri desiderano la felicità; e proprio come non la vogliamo noi, tutti gli esseri non vogliono la sofferenza. Ebbene, gli insegnamenti di Buddha contengono i metodi per eliminare la sofferenza e stabilire definitivamente la felicità, non solo per noi, ma anche per tutti gli altri.
All’inizio occorre coltivare l’amorevole gentilezza e la compassione verso ogni essere, e l’aspirazione di aiutarli ad abbandonare la sofferenza e trovare la felicità. Se non siamo in grado di sviluppare subito amore e compassione nei confronti di ognuno, almeno possiamo smettere di causare loro del male. Sempre più persone si stanno rendendo conto dell’importanza degli insegnamenti di Buddha, sia per se stessi che per la società. Seguendo il sentiero che lui ha mostrato, non danneggiamo nessuno, e procuriamo benefici a tanti. D’altra parte, se non riusciamo a praticarli, il difetto è nostro, e non degli insegnamenti!
Continue reading »

Ven. Khensur Ciampa Thegchog: Insegnamenti sulla vacuità

Ven. Khensur Ciampa Thegchog

Ven. Khensur Ciampa Thegchog: 

Insegnamenti sulla vacuità tratti dall’esperienza. 

Sviluppare la motivazione corretta. Perché meditare sulla vacuità. La realizzazione della vacuità recide la sofferenza alla radice. Insegnamenti differenti per differenti allievi. Differenti livelli di sorgere dipendente. Il sorgere dipendente dei fenomeni permanenti. Come la concezione di una vera esistenza genera attaccamento e odio. Come la concezione di un’esistenza intrinseca conduce alla produzione di karma negativo. Le due differenti modalità di afferrarsi alla vera esistenza. L’‘io’ convenzionalmente esistente. Sorgere in dipendenza di una designazione mentale. Base valida e conoscitore valido. ‘Vuoto (di esistenza intrinseca)’ e ‘sorgere dipendente’ sono sinonimi. 

Sviluppare la motivazione corretta

All’inizio di ogni pratica spirituale occorre riflettere su quale sia la nostra motivazione: si tratta di un punto estremamente importante! Continue reading »

Determine to Be Free of Problems as a Way to Happiness

Determine to Be Free of Problems as a Way to Happiness

Dr. Alexander Berzin

To deal with the stress of the Information Age, we need to examine the ways we use the Internet, with its social media, messaging, and so forth. Once we identify our self-defeating habits that just cause us further stress, we need to recognize that the source of our unhappiness is in our own minds. Continue reading »

Bodhichitta and the Two Truths in Anuttarayoga Tantra

Bodhichitta and the Two Truths in Anuttarayoga Tantra

by Dr. Alexander Berzin
Conventional and Deepest Bodhichittas

Conventional bodhichitta (kun-rdzob byang-sems, relative bodhichitta) focuses on the superficial truth (kun-rdzob bden-pa, conventional truth, relative truth) of enlightenment, such as its qualities of omniscience. Deepest bodhichitta (don-dam byang-sems, ultimate bodhichitta) focuses on its deepest truth (don-dam bden-pa, ultimate truth), namely its voidness (stong-nyid, emptiness).

Continue reading »

Condurre la gioia e il dolore sulla via verso l’illuminazione

Condurre la gioia e il dolore sulla via verso l’illuminazione

di Dodrupchen Jigme Tenpe Nyima

Omaggio

Rendo omaggio al nobile Avalokiteśvara elogiandone le virtù: Colui che gioisce sempre per la gioia degli altri
e che soffre per il dispiacere degli altri con estremo dolore;
colui che ha realizzato la virtù della Grande Compassione;
egli rinuncia, abbandonando sia la propria gioia sia il proprio dolore.”
[1]

Comunicazione d’intento

Illustrerò brevemente come condurre sulla retta via la gioia e il dolore. L’insegnamento più inestimabile al mondo e strumento essenziale per la vita spirituale. Esso si divide in due parti: Continue reading »

Lama Zopa Rinpoce: La mente non ha inizio

Lama Zopa Rinpoce: La natura della mente è chiara luce priva di forma e la mente ha la capacità di percepire gli oggetti.

Lama Zopa Rinpoce: La natura della mente è chiara luce priva di forma e la mente ha la capacità di percepire gli oggetti.

LA MENTE NON HA INIZIO di Lama Zopa Rinpoce

Se la mente avesse il suo inizio con la nascita dell’essere, allora non ci sarebbe scopo per la vita né alcuna ragione per l’esistenza della mente. Se non ci fosse motivo per la nascita o rinascita e la morte, allora non ci sarebbe la continuità delle vite l’esistenza dei differenti esseri e certamente non ci sarebbe motivo per la ricerca della verità (metodo interiore), per correre desiderosi dietro i possedimenti esterni.

Se non ci fosse la continuità della mente non ci sarebbe motivo logico di esistere per la sofferenza nella vita, nonostante tutti i tentativi umani di trovare la felicità, per esempio, mediante la comodità materiale e il progresso scientifico. Comunque, il mondo attuale sta diventando più insoddisfacente, aggressivo e indomabile. Continue reading »

Offering prayer before a meal

Offering prayer before a meal or mealtime prayer, prayer before eating

To the Unsurpassable Guide, the Precious Buddha.

TON PA LA ME SANG GYE RINPOCHE

To the unsurpassable Protector, the Precious Dharma.

KYOB PA LA MED DAM CHO RINPOCHE
To the Unsurpassable Savior, the Precious Sangha.

DREN PA LA MED GENDUN RINPOCHE

I offer to Three Supreme Sources of Refuge. Continue reading »

Satipatthana sutra

Sakyamuni Buddha: Chiunque pratichi i quattro fondamenti della consapevolezza per una settimana, può aspettarsi uno di questi due frutti: la più alta comprensione in questa vita o, se rimane qualche residuo di afflizione, il frutto del non-ritorno.

Sakyamuni Buddha: Chiunque pratichi i quattro fondamenti della consapevolezza per una settimana, può aspettarsi uno di questi due frutti: la più alta comprensione in questa vita o, se rimane qualche residuo di afflizione, il frutto del non-ritorno.

Il Sutra sui quattro fondamenti della consapevolezza

Satipatthana sutta (Theravada) dal Majjhima Nikaya, 10. Tradotto dal pali da Thich Nhat Hanh e Annabel Laity. (Prima versione)

Sezione prima

Udii queste parole del Buddha a Kammassadharma, una città del popolo dei Kuru. Il Buddha si rivolse ai bhikkhu: “O bhikkhu”. I bhikkhu risposero: “Venerabile Signore”.

Il Buddha disse: “Bhikkhu, c’è una via meravigliosa per aiutare gli esseri viventi a realizzare la purificazione, superare direttamente il dolore e la tristezza, porre fine alla sofferenza e all’ansia, percorrere il retto sentiero e realizzare il nirvana. È la via dei quattro fondamenti della consapevolezza. Continue reading »

Lama Zopa Rinpoche: Practicing Patience

Practicing Patience by Lama Zopa Rinpoche

Zopa Rinpoche gave this talk at Vajrapani Institute in May, 1997. It was transcribed and edited by Bhikshuni Thubten Chodron and is a chapter from A Chat about Heruka: Skillful Means to Take an Everlasting Holiday in the Pure Land of Vajrayogini, Tagpa Kacho, to be published by Lama Yeshe Wisdom Archives.

Q. I’m not at the level yet where I can use meditation on emptiness or the illusory nature of phenomena as an antidote to my anger. Continue reading »

Longchenpa: Finding Comfort in Ease and Meditation – 1

The first chapter of Longchenpa‘s Finding Comfort in Ease and Meditation (samten ngalso).

A Guide to Locations for Cultivating Samādhi by Longchen Rabjam

On mountaintops, in secluded forests and on islands and the like,
Places which are agreeable to the mind and well suited to the season,
Cultivate tranquil samādhi, which is single-pointed and unwavering— Continue reading »

The 1° Panchen Lama: Root Text for Mahamudra

The First Panchen Lama Lozang-chokyi-gyeltsen (Pan-chen Blo-bzang chos-kyi rgyal-mtshan): Root Text for Mahamudra “dGe-ldan bka’-brgyud rin-po-che’i phyag-chen rtsa-ba rgyal-ba’i gzhung-lam”.

Namo mahamudraya – homage to mahamudra, the great seal of reality.

I respectfully bow at the feet of my peerless guru, lord of that which pervades everywhere, master of those with actual attainment, who expounds, in a denuding manner, the diamond strong vajra sphere of mind, parted from (what can be expressed in) speech, inseparable from mahamudra, the great seal of reality, the all pervasive nature of everything. Continue reading »

The Third Karmapa: The Mahamudra Prayer

The Third Karmapa Rangjung-dorjey (Kar-ma Rang-byung rdo-rje): The Mahamudra Prayer, “Nges-don phyag-rgya chen-po’i smon-lam”

Homage to my Gurus.

(1) Gurus, yidams, and mandala figures, Triumphant Ones in the ten directions and three times, with your spiritual offspring, please regard me with affection. Inspire me that my prayers come true just as I’ve made them. Continue reading »

Lama Tzong Khapa: A Letter of Practical Advice on Sutra and Tantra

Lama Tzong Khapa: A Letter of Practical Advice on Sutra and Tantra

Opening Remarks

Homage to Manjughosha. May I always be cared for by (you,) the foremost of the peerless (Dharma) expounders. Your flawless knowledge and wisdom are unimpeded even concerning the subtlest points. This is due to your familiarization, over a long time, with the methods of profound (voidness) and extensive (enlightening actions, gained) through many magnificent skillful means. Continue reading »