Adeu Rinpoche: Dzogchen and Mahamudra, Two Great Paths

Trulshik Adeu Rinpoche

Adeu Rinpoche: Dzogchen and Mahamudra, Two Great Paths

Dzogchen and Mahamudra, the Great Perfection and the Great Seal, are powerful meditative systems for revealing the nature of mind, explains Adeu Rinpoche. While their methods may differ, their essence is the same.

The meditation approach of Mahamudra as found in the Tibetan Kagyu tradition and the Dzogchen approach from the Nyingma tradition are identical in essence, you may follow one or the other, however, each has its own unique instructions. In each system, Mahamudra and Dzogchen, various methods are used to reveal the nature of bare awareness itself. Continue reading »

Meditazione sulla vacuità

Per capire la vacuità ed essere convinti che sia corretta dobbiamo compiere un’analisi utilizzando la logica. Come conosciamo le cose? Qual è un modo valido di conoscere? Nel Buddhismo parliamo di due modi validi di conoscere qualcosa.

Dr. Alexander Berzin: Meditazione sulla vacuità

Identificare il falso “io”

La continuità dell’“io” convenzionale

Secondo la tradizione buddhista indo-tibetana, abbiamo un “io” convenzionale, e in realtà esso è un’astrazione: consiste in un’imputazione sul flusso di continuità, in continuo cambiamento, dei cinque fattori aggregati che costituiscono ogni momento della nostra esperienza soggettiva individuale. Questo “io” convenzionale è incluso nell’aggregato delle altre variabili influenzanti – il grande aggregato che include tutto ciò che è non statico e non negli altri, come tutte le emozioni. L’“io” convenzionale è qualcosa che cambia di istante in istante, non è statico. “Ora sto facendo questo, ora sto facendo quello”. Cambia, ovviamente, attimo dopo attimo. Inoltre può produrre degli effetti. “Posso lavare i vestiti; posso rendere felice qualcuno; posso rendere infelice qualcuno”.

Continue reading »

Lama Yeshe: How Delusions Arise

Lama Thubten Yeshe: How Delusions Arise

Kathmandu, Nepal (Archive #090). From Wisdom Energy by Lama Yeshe and Lama Zopa Rinpoche. Edited by Jonathan Landaw with Alexander Berzin. Published by Wisdom Publications, Boston, MA, USA.

The purpose of meditation is to gain realizations leading to the cessation of delusion and superstition. This cessation depends, first of all, on recognizing the character or function of the deluded mind. In addition, it is necessary to understand the various factors causing such a deluded mind to arise. Continue reading »

A. Berzin: Mind and the Five Aggregates, Karma Kagyu

Mind is the individual, subjective mental activity of experiencing something, and it constitutes a beginningless and endless individual continuum. 

Mind and the Five Aggregates: Karma Kagyu

Dr. Alexander Berzin

The Importance of Understanding the Mind

Mind is important to understand, since we all want to be happy and not to suffer and be unhappy. The source of a stable and lasting happiness, however, is not material wealth or physical pleasure, but the mind and our attitudes and emotions. Therefore, we need to understand what mind is and how it works in each moment. We also need to understand everything that makes up each moment of our minds, which is what the five aggregates are all about. When we understand them, we will understand our attitudes and emotions and how they work. If we understand how they work, we can gain confidence that we can overcome the destructive ones and we can change our attitudes. In short, we need to work on our minds, and doing that requires understanding our minds.
All Buddhist schools agree on what mind is, but there are several ways of presenting it and several different analyses in Buddhism of how mind works. Here, we shall present the sutra explanation given by the Karma Kagyu school.

Continue reading »

Chögyal Namkhai Norbu: Introduzione all’Ati Guru Yoga

Chögyal Namkhai Norbu: Come si manifestano queste infinite potenzialità e quali sono le loro qualità?

Chögyal Namkhai Norbu: Introduzione al ritiro di insegnamenti dell’Ati Guru Yoga

Benvenuti a tutti. Questo ritiro non è molto utile per i praticanti più anziani i quali conoscono più o meno molte cose, per cui sarebbe più utile che facciano la pratica. Non potete ottenere la realizzazione solo ascoltando gli insegnamenti. Per prima cosa dovete capire il significato e il senso dell’insegnamento, poi applicarlo e integrarlo. È il motivo per cui ripeto più volte gli stessi ritiri. Lo faccio perché ci sono persone nuove che non hanno la trasmissione e non sanno cosa devono fare. Continue reading »

Chögyal Namkhai Norbu: Ati Yoga 2

Chögyal Namkhai Norbu Rinpoche: In Tibet diciamo “Quando le circostanze sono tali da compiere azioni virtuose dobbiamo sempre compierle”.

Chögyal Namkhai Norbu: Ritiro di insegnamenti Ati Yoga. Parte 2.

Abbiamo cause primarie e secondarie, collegate alle circostanze. A volte abbiamo molti problemi perché nella nostra condizione possiamo avere un karma positivo o negativo. Questa è la vera causa e quando ci troviamo in circostanze che hanno forti cause secondarie, il nostro karma matura e quel problema si manifesta. Quindi non dipendiamo veramente dalle cause secondarie, ma ne abbiamo la potenzialità e
dobbiamo sapere che tutte le possibilità possono esistere.

Quando pratichiamo pronunciamo la A, facciamo visualizzazione usando la mente, giudicando e pensando. Questo non è lo stato della meditazione, ma andiamo in quella direzione. Dopo un po’ che facciamo questa visualizzazione, sentiamo che è qualcosa di vivo, e dobbiamo essere rilassati. Molte persone non sanno come fare la pratica rilassati. Continue reading »

Who Was Patrul Rinpoche?

Patrul Rinpoche’s few personal belongings. Photo by Matthieu Ricard.

Who Was Patrul Rinpoche?

by Matthieu Ricard

Buddhist monk Matthieu Ricard provides a glimpse into the life of Patrul Rinpoche, a wandering yogi who became one of the most illustrious masters of Tibetan Buddhism. From the Spring 2018 issue of Buddhadharma: The Practitioner’s Quarterly.

Patrul Rinpoche, Orgyen Jigme Chökyi Wangpo (1808–1887), a wandering practitioner in the ancient tradition of vagabond renunciants, became one of the most revered spiritual teachers in Tibetan history, widely renowned as a scholar and author while at the same time living a life of utmost simplicity. A strong advocate of the joys of solitude, he always stressed the futility of worldly pursuits and ambitions. The memory of his life’s example is still very much alive today, offering an ever-fresh source of inspiration for practitioners of Tibetan Buddhism. Continue reading »

Patrul Rinpoche: Guide to the Stages of Visualization for the Ngöndro

Patrul Rinpoche

Patrul Rinpoche

Brief Guide to the Stages of Visualization for the Ngöndro Practice

by Patrul Rinpoche

Namo Samantabhadraye!

When Tibet was shrouded in the darkness of the five degenerations,[1]
With the chariot of your great and immeasurable bodhicitta,[2]
You brought the sunlight of the teachings of secret mantra-
Orgyen, King of Dharma, I keep you forever in my mind!
The enlightened vision of the vajra vehicle of Ancient Translations,
All condensed into its quintessence, like a drop of ḍākinīs’ life-blood;
A treasure arising as the spontaneous expression of reality itself—
O Guru, Lord of Dharma, you who brought us these teachings, protect me! Continue reading »

51 Fattori mentali

36-potalaI 51 Fattori mentali secondo le scuole Mahayana

I 5 fattori onnipresenti.

  1. Sensazione: Un’entità dell’esperienza che sperimenta individualmente le fruizioni delle azioni virtuose e non-virtuose. I suoi oggetti sono il piacevole, lo spiacevole e il neutrale.

  2. Discriminazione: Apprende, sulla base dell’aggregazione di un oggetto, un potere sensoriale e una coscienza, i segni non-comuni di un oggetto. Continue reading »

Saraha: Mahamudra

Saraha

Saraha

SARAHA

Kye Ho! Do not fear distraction, trying to keep attention on the mind. If you realize the nature of your own mind, then even the wandering mind will be seen as the Mahamudra. In the state of Great Bliss all dualistic features become auto-liberated.
Like awakening from a dream, pleasure and pain then seem to have had no reality whatsoever.
So, abandon hope and fear. Let go of trying to accomplish something or exhibiting anything. Since all the phenomena of both Samsara and Nirvana are devoid of “self-nature,” any clinging to hopeful or doubtful thoughts is simply meaningless. What is the point of striving to accept or reject anything? Continue reading »

Kyabje Khenchen Jigme Phuntsok: My Heart’s Advice

Khenchen Jigme Phuntsok

Khenchen Jigme Phuntsok

The Heart Essence: My Heart’s Advice

by Kyabje Khenchen Jigme Phuntsok

  1. May the youthful sun of speech, Mañjuśrī, in his enlightened form,
    With its signs and marks, embodying the secret body, speech and mind
    Of all the infinite buddhas and their bodhisattva heirs,
    Turn your minds towards the path to perfect awakening!

  2. There are countless Dharma teachings, profound and extensive,
    Suited to the mental capacities and inclinations of limitless beings, Continue reading »

Shabkar Tsok Druk Rangdrol: Compassion

Zhabkar Tsokdruk Rangdrol

Zhabkar Tsokdruk Rangdrol

Shabkar Tsok Druk Rangdrol (1781-1851)

If someone has compassion, he is a Buddha;
Without compassion, he is a Lord of Death.

With compassion, the root of Dharma is planted,
Without compassion, the root of Dharma is rotten.

One with compassion is kind even when angry,
One without compassion will kill even as he smiles.

For one with compassion, even his enemies will turn into friends,
Without compassion, even his friends turn into enemies. Continue reading »

Rongtön Sheja Künrig: The Three Conceptions

Rongtön Sheja Künrig: When we are meditating on emptiness, if we consider that this meditation has any real characteristics, that will only serve to entangle us.

Rongtön Sheja Künrig: When we are meditating on emptiness, if we consider that this meditation has any real characteristics, that will only serve to entangle us.

How to Meditate on the Three Gateways to Liberation According to the Mahāyāna by Rongtön Sheja Künrig

Homage to the guru and the supreme deity!

Your wisdom is perfectly clear like the sphere of the sun,
And in your compassion, you care for all limitless beings,
Your enlightened actions continuing until the ends of time—
Supreme sage, in devotion I bow down before you!

Ācārya Haribhadra, in explaining the practice of meditating upon the three gateways to liberation, explains how the three gateways can be related to meditation upon the sixteen aspects of the four noble truths, beginning with impermanence. Here, when we explain the three gateways, i.e., emptiness, absence of characteristics and wishlessness, according to the tenets of the Mahāyāna, emptiness is applied to the basis, signlessness is applied to the path, and wishlessness is applied to the result.

Firstly we must explain the three conceptions which block these gateways to liberation:

Credi alla rinascita?

L´idea della rinascita spiegava anche perché le cose avvenute nella mia vita erano successe.

L´idea della rinascita spiega anche perché le cose avvenute nella mia vita erano successe.

Credi alla rinascita?

Singapore, 10 agosto del 1988. Estratto rivisto da Berzin, Alexander e Chodron, Thubten. Glimpse of Reality. Singapore: Amitabha Buddhist Centre, 1999.

Domanda: Credi alla rinascita?

Risposta: Si, ci credo. Tuttavia, c’è voluto molto tempo per me prima d’arrivare a questo punto. Non si crede alla rinascita subito. In alcune aree del mondo, per esempio in molte parti dell’Asia, credere alla rinascita fa parte della cultura: le persone ne hanno sentito parlare fin dalla loro infanzia e per questo ci credono automaticamente. Per chi proviene da culture occidentali, invece, può sembrare strano credere alla rinascita. Normalmente, non ci si convince di colpo della sua esistenza: non è che tutto d´un tratto appaiono arcobaleni e musica… e poi gridiamo “Alleluia! Ora credo!” Di solito le cose non avvengono così.

La maggior parte delle persone ha bisogno di molto tempo per abituarsi all´idea della rinascita. Continue reading »

Le paramita o perfezioni

Queste 10 virtù corrispondono ad altrettanti gradini o tappe o stadi che il bodhisattva deve percorrere - impiegando anche migliaia di esistenze – per raggiungere la buddhità.

Queste 10 virtù corrispondono ad altrettanti gradini o tappe o stadi che il bodhisattva deve percorrere - impiegando anche migliaia di esistenze – per raggiungere la buddhità.

LE PARAMITA o PERFEZIONI

Dopo aver sviluppato il bodhicitta, si deve cominciare a seguire la pratica delle “paramita” (perfezioni o virtù trascendenti): generosità, moralità, pazienza, impegno entusiastico, meditazione, saggezza discriminativa.

Delle 6 paramita, le prime 5 costituiscono il “metodo” (mezzi salutari o azione

appropriata), mentre la sesta è la “saggezza discriminante” : la pratica di quelle comporta l’“accumulazione di meriti”, mentre questa comporta l’”accumulazione di saggezza (consapevolezza)”. Le due accumulazioni sono le cause per ottenere – finchè si sta nel samsara – un corpo umano pienamente qualificato, nonché per raggiungere rispettivamente il Rupakaya e il Dharmakaya : esse sono quindi i mezzi per maturare la mente e diventare un Buddha. Gli occhi sono la saggezza, i piedi sono le altre 5 paramita, che devono andare – per così dire – di pari passo, se si vuole arrivare al nirvana: sono indispensabili entrambe come le due ali ad un uccello per poter volare. La pratica delle paramita – purché sia ispirata dal bodhicitta – è la via percorsa da tutti coloro che seguono i sutra ed un preliminare per chi intende poi dedicarsi al tantra. Il bodhisattva le coltiva così lungo i 5 Sentieri, soprattutto a partire da quello della Visione Interiore. Continue reading »

Lama Zopa Rinpoche: The Basis of the Dissatisfied Mind.

Lama Zopa Rinpoche: The Basis of the Dissatisfied Mind.

One of the fundamental problems in our life is the concept of permanence, apprehending phenomena—which are in the nature of impermanence—as permanent.

We ourselves, our own life, our body, enemy, friend and stranger, the sense objects and so forth—all these things are in the nature of perishing, in the nature of changing within every second and can be stopped at any time. Continue reading »

Lama Yeshe: Karma and Emptiness

Lama Yesce: The ego’s misconceptions about reality keep us in bondage.

Lama Yesce: The ego’s misconceptions about reality keep us in bondage.

Lama Thubten Yeshe: Karma and Emptiness

You are all interested in Dharma and meditation. But what is Dharma, and how do we meditate? Basically, Dharma is anything that causes our delusions, our disturbing thoughts, to subside; it is anything that brings us peace of mind and liberation from confusion and suffering.

Buddhadharma teaches methods to purify the mind of negativities and to develop our human potential to the fullest. Some of these methods, such as not harming others, generating compassion, and practicing generosity, are shared by other philosophical and religious traditions. Other methods are uniquely Buddhist. Two of these, karma and emptiness, are the heart of Dharma. Karma is the law of cause and effect, and emptiness is the ultimate nature of reality, devoid of all misconceptions.

Let us begin with karma. Every single action performed by body, speech, or mind eventually produces a specific reaction. For example, an unwholesome attitude will definitely culminate in problems and suffering, while a wholesome, clean, clear mind always brings happiness. Continue reading »

Meditazione di Autoguarigione

meicine-buddhaMeditazione di Autoguarigione

Cerchiamo d’assumere una buona posizione, anzi una corretta posizione, la postura corretta di meditazione: osserviamo il nostro corpo dal di dentro. Troviamone i punti di tensione: e lasciamoci andare.

Partiamo dal capo. Rilassiamo i muscoli del viso, iniziando dalla fronte, rilassiamo le nostre mandibole, rilassiamo le labbra, posiamo dolcemente la lingua sulla volta del palato, rilassiamo le braccia, lasciamole leggermente discoste: la mia mente mi osserva.

Rilassiamo il collo, le spalle, scendiamo lungo gli arti superiori fino alla punta delle dita.

Procediamo nello stesso modo rispetto all’addome, al torace, ai glutei, alle gambe fino alla punta delle dita dei piedi: il mio corpo lentamente e progressivamente si rilassa, fino a sentirsi sprofondare nel cuscino. Continue reading »

Parafrasi di Consigli di un anziano saggio

Parafrasi di Consigli di un anziano saggio

(Nyams-myong rgan-po’i ‘bel-gtam yid-‘byung dmar-khrid) Ghesce Ngawang Dhargyey. Tratto da appunti presi da Alexander Berzin. Dalla traduzione orale di Sherpa Rinpoche. Dharamsala, India, 5 – 12 Settembre 1975. Traduzione in italiano a cura di Claudio Li Calzi. [La parafrasi del testo è in nero. I commenti di Ghesce Dhargyey sono in viola tra parentesi quadre.]

[Questi insegnamenti sulla sofferenza provengono dal testo Consigli di un anziano saggio composto dal prezioso maestro Gungtang Rinpoche (Gung-thang-bzang dKon-mchog bstan-pa’i sgron-me) (1762-1823). Composto nella forma di parabole, il testo scorre come una storia in versi, basata sulle scritture. Il punto principale di quest’insegnamento è di aiutarci a sviluppare uno spirito di rinuncia e determinazione a essere liberi, e in generale a preparare il terreno per lo sviluppo della bodhicitta per ottenere l’illuminazione per il beneficio di tutti.]

Omaggio all’incorrotto Buddha che ha abbandonato i semi dell’incontrollabile rinascita ricorrente causati dalla forza del karma e delle emozioni disturbanti e che, di conseguenza, non prova più le sofferenze della vecchiaia, della malattia e della morte. Continue reading »

Karma e rinascita

bhudDomande fondamentali sul karma e sulla rinascita

Singapore, 10 Agosto 1988. Estratto rivisto di: Berzin, Alexander e Chodron, Thubten. Glimpse of Reality. Singapore, Centro buddhista Amitabha, 1999.

Domanda: La teoria del karma è empirica e scientifica, oppure è accettata per fede?

Risposta: Per vari motivi, l’idea del karma è ragionevole, ma a volte il significato del “karma” viene frainteso. Continue reading »

Il fascino del Buddhismo nel mondo moderno

Buddha

Buddha

Il fascino del Buddhismo nel mondo moderno

Singapore, 10 Agosto 1988. Estratto riveduto da Berzin, Alexander e Chodron, Thubten. Glimpse of Reality. Singapore: Amitabha Buddhist Centre, 1999. Traduzione italiana a cura di Julian Piras.

Domanda: Quest´anno hai intrapreso un tour di conferenze che ti ha condotto in ventisei paesi. Raccontaci le tue osservazioni su come il Buddhismo si sta diffondendo in posti nuovi.

Risposta: Oggigiorno, il Buddhismo si sta diffondendo rapidamente in tutto il mondo. Ci sono centri buddhisti in tanti paesi europei, nell´America del Nord, nell´America del Sud, in Africa del Sud, in Australasia, e così via. In Europa, non ci sono buddhisti soltanto nell´occidente capitalista, ma anche nei paesi socialisti dell´est. Per esempio, in Polonia ci sono circa cinquemila buddhisti attivi. Continue reading »

Lama Denys Rinpoche: Lo Specchio.

Lama Denys Rinpoche, Centro Namdeling, Napoli 17-19.11.17

Insegnamenti di Mindfulness sulla base del testo di Chogyam Namkhai Norbu “Lo Specchio. Un consiglio sulla piena presenza e consapevolezza”.

Sono impressionato dal fatto che i napoletani si sono dimostrati molto più puntuali degli svizzeri. Siamo qui per celebrare il 10° anniversario del Namdeling, la Comunità Dzogchen di Napoli, e vorrei definire quest’incontro come inter Sangha, tra la comunità Dzochen e Rimè. Ci sono praticanti, ed è molto bello, da diverse origini che si trovano insieme per fare questo tipo di pratica. Continue reading »