Rifugio

Azioni per la pratica derivanti dal prendere una direzione sicura (Rifugio)

Estratto modificato in Marzo 2002 da: Berzin, Alexander: L’Iniziazione di Kalachakra. Roma: Ubaldini Editore, 2002. Traduzione in italiano a cura di Francesca Paoletti.

Introduzione

Prendere rifugio (skyabs-‘gro) significa imprimere alla nostra vita, in maniera formale, la direzione sicura e positiva indicata dal Triplice Gioiello – i Buddha, il Dharma e il Sangha – e promettere di mantenere risolutamente questa direzione stabile, finché non ci porti alla liberazione o all’illuminazione. Continue reading »

A. Berzin: Voti radice del bodhisattva

Voti radice del bodhisattva

Estratto modificato in Marzo 2002 da: Berzin, Alexander: L’iniziazione di Kalachakra. Roma: Ubaldini Editore, 2002. Traduzione in italiano a cura di Francesca Paoletti.

Contesto

Un voto (sdom-pa) è una forma invisibile e sottile in un continuum mentale, che determina il comportamento. In particolare, è l’astensione da un ”azione biasimevole” (kha-na ma-tho-ba), sia che essa sia un’azione naturalmente distruttiva (rang-bzhin-gyi kha-na ma-tho-ba) oppure una che il Buddha ha proibito (bcas-pa’i kha-na ma-tho-ba) per individui specifici che stanno praticando per raggiungere certi obiettivi specifici. Continue reading »

L’impermanenza come risorsa

meditazione sulla impermanenza

Meditazione sulla impermanenza

L’impermanenza come risorsa per costruire relazioni sane

Alexander Berzin, Friburgo, Germania, 15 Marzo 2002. Traduzione in italiano a cura di Benedetta Lanza.

Il titolo di questa lezione suggerisce che la conoscenza o la comprensione dell’impermanenza può essere di aiuto come risorsa per affrontare la vita, in particolare per le difficoltà derivanti dal costruire relazioni sane con gli altri. Continue reading »

Kalama Sutta

amitabha-buddha-copiaKalama Sutta

The Buddha’s Charter of Free Inquiry, translated from the Pali by Soma Thera

Preface

The instruction of the Kalamas (Kalama Sutta) is justly famous for its encouragement of free inquiry; the spirit of the sutta signifies a teaching that is exempt from fanaticism, bigotry, dogmatism, and intolerance.

The reasonableness of the Dhamma, the Buddha’s teaching, is chiefly evident in its welcoming careful examination at all stages of the path to enlightenment. Indeed the whole course of training for wisdom culminating in the purity of the consummate one (the arahant) is intimately bound up with examination and analysis of things internal: the eye and visible objects, the ear and sounds, the nose and smells, the tongue and tastes, the body and tactile impressions, the mind and ideas. Continue reading »