The Life of Atisha

Atisha

Atisha

The Life of Atisha

By Kyabje Lama Zopa Rinpoche, Kopan Monastery, Nepal, 1976

Having a little bit of understanding of the life story of Atisha is very beneficial for our mind, so we can try to understand the teaching he wrote. By understanding Atisha’s life story and how he practiced Dharma and achieved realizations, devotion arises and we can feel that his teaching is most precious and pure. 1

Actually it is a very long life story, and it is divided into three parts. In order to have some idea about the great bodhisattva Atisha and how he benefited sentient beings, there are stories about his birth, his home, his birthplace and his early life. Continue reading »

1 Nagarjuna: Lettera ad un amico 1-51

Nagarjuna: Se la terra, le montagne e gli oceani saranno distrutti dal calore di sette soli, e anche degli esseri incarnati non rimarrà nemmeno la polvere, che bisogno c’è di considerare il corpo umano che è così fragile.

Nagarjuna: Se la terra, le montagne e gli oceani saranno distrutti dal calore di sette soli, e anche degli esseri incarnati non rimarrà nemmeno la polvere, che bisogno c’è di considerare il corpo umano che è così fragile.

1 Nagarjuna: Lettera ad un amico. 1-51

In sanscrito: suhrllekha

In tibetano: bshes pa’i springs yig

In italiano: Lettera a un amico

Mi prostro al giovane Manjushri.

1 Tu che possiedi naturalmente le qualità degne di virtù,

presta attenzione a questi versi armoniosi di metrica superiore

che ho brevemente composto e che inducono ai meriti

che sorgono dall’ascolto della parola dei Tathagata.

2 Chi è saggio rende omaggio all’immagine del corpo dei Tathagata,

non importa se fatta di legno o di altra fattura.

Allo stesso modo, anche se la mia lirica non è attraente, Continue reading »

2 Nagarjuna: Lettera ad un amico. 52-123

Nagarjuna: Senza la saggezza non c’è concentrazione, e pure senza la concentrazione non c’è saggezza.

Nagarjuna: Senza la saggezza non c’è concentrazione, e pure senza la concentrazione non c’è saggezza.

2 Nagarjuna: Lettera ad un amico. 52-123

In sanscrito: suhrllekha

In tibetano: bshes pa’i springs yig

Continua da qui http://www.sangye.it/altro/?p=9149

52 La liberazione dipende da te stesso, dunque

non c’è bisogno dell’aiuto di nessuno.

Quindi, tramite l’ascolto, la moralità e la concentrazione

impegnati nelle Quattro Verità.

53 Addestrati continuamente nella moralità superiore,

nella saggezza superiore e nella concentrazione superiore.

Questi tre addestramenti includono più di duecentocinquanta precetti.

54 O Signore, il Bhagavan ha indicato che

la reminiscenza del corpo è l’unico sentiero da percorrere.

Questa va mantenuto bene, con intensità.

Degenerando questa reminiscenza si distruggono tutti i Dharma. Continue reading »

Nagarjuna: Lettera ad un amico. Testo in tibetano

Nagarjuna: Lettera ad un amico

In sanscrito: suhrllekha

In tibetano: bshes pa’i springs yig

༄༅། །བཤེས་པའི་zིང་ཡིག་བ9གས་སོ།

9་གར་yད་zzzི་ད་ལེ་ཁ། བོད་yད་z། བཤེས་པའི་zིང་ཡིག

འཇམ་དཔལ་གཞོན་@ར་@ར་པ་ལ་9ག་འཚལ་ལོ། Continue reading »

Lama Zopa Rinpoche: Il Rituale del Sur

Kyabje Lama Zopa Rinpoche: Offrendo il SUR realizziamo i pensieri in accordo al Dharma liberandoci dalle interferenze e rinascendo nella terra pura della grande beatitudine e altro, e completiamo le due raccolte e otterremo lo stato di Buddha.

Kyabje Lama Zopa Rinpoche: Offrendo il SUR realizziamo i pensieri in accordo al Dharma liberandoci dalle interferenze e rinascendo nella terra pura della grande beatitudine e altro, e completiamo le due raccolte e otterremo lo stato di Buddha.

Lama Zopa Rinpoche: Il Rituale del Sur

Se desideri offrire il SUR a fine sera, fa’ un impasto pulito di farina, burro, grani, medicine, profumi, essenze e gioielli (1), mescola queste sostanze del SUR spruzzando dell’acqua e offrile in un contenitore del SUR pulito e senza crepe su un fuoco intenso senza fumo.

Nel Buddha, nel Dharma e nel Sangha

fino all’illuminazione prendo rifugio.

A causa delle raccolte delle generosità e le altre che io ho compiuto

possa ottenere l’illuminazione per il beneficio dei migratori. X3

Sono chiaramente visualizzato come Cenresig, dal mio cuore dei raggi di luce invitano gli ospiti d’onore che possiedono le qualità e tutti i poveri esseri con cui ho i debiti karmici, che si accomodano ai loro posti. Continue reading »

Kandro Rinpoche Tzerigma: Il Canto Struggente di Lama Vajradhara e Arya Tara

taraveKandro Rinpoche Tzerigma: Il Canto Struggente del Ricordo di Lama Vajradhara e Arya Tara Inseparabili

Che meraviglia! Sei bellissima e affascinante:

Mi rivolgo a te che sei la natura ultima di tutti i lignaggi.

Completamente felice, tieni il loto e dai rifugio:

Mi rivolgo a te, apparenza e vacuità, TARE liberatrice.

Grande beatitudine, Madre dei Tathagata e dei loro figli:

Mi rivolgo a te, natura ultima unificata.

Madre che dai rifugio ai miseri che soffrono:

Mi rivolgo a te, amorevole e compassionevole che liberi al vederti. Continue reading »

1 Nagarjuna: Commentario alla mente dell’illuminazione 1-59

Nagarjuna: Gli atomi della forma non producono le coscienze sensoriali

Nagarjuna: Gli atomi della forma non producono le coscienze sensoriali

1 Nagarjuna: Commentario alla mente dell’illuminazione 1-59

In Sanscrito: bodhitzitabiuarana nama

In Tibetano: bjang chub sems kyi ‘drel pa

Omaggio al Glorioso Vajrasattva!

È stato detto che:

Separata da tutte le cose

avendo abbandonato l’oggetto e il soggetto

degli aggregati, degli elementi e delle sorgenti,

poiché i fenomeni sono uguali in quanto privi di sé

la propria mente è da sempre innata,

della natura della vacuità. Continue reading »

2 Nagarjuna: Commentario alla mente dell’illuminazione 60-112

Nagarjuna: Coloro che si immergono nella mente dell’illuminazione la devono tenere stabile nei pensieri.

Nagarjuna: Coloro che si immergono nella mente dell’illuminazione la devono tenere stabile nei pensieri.

2 Nagarjuna: Commentario alla mente dell’illuminazione, 60 – 112

60 Questa ruota con 12 anelli

gira sulla strada del samsara

Non asseriamo che al di fuori da questa

gli esseri possono sperimentare i frutti delle loro azioni.

61 Così come in dipendenza dello specchio

appare l’immagine completa del proprio volto

il volto non si è spostato nello specchio

eppure senza esso non c’è immagine. Continue reading »