La storia della tartaruga

Quando la tartaruga sentì quello che aveva detto il vecchio, tirò fuori la sua testa e chiese: “Amico, cosa ho fatto per meritarmi una cosa orribile come quella?

Quando la tartaruga sentì quello che aveva detto il vecchio, tirò fuori la sua testa e chiese: “Amico, cosa ho fatto per meritarmi una cosa orribile come quella?

Un Re una volta aveva costruito un lago nel suo cortile per far giocare in esso i giovani principini. Essi vi nuotavano dentro, e con le loro barche e zattere navigavano su di esso. Un giorno il re disse loro di aver chiesto agli uomini di mettere dei pesci nel lago. I ragazzi corsero subito a vedere i pesci. Ora, insieme ai pesci, c’era una tartaruga. I ragazzi si dilettavano coi pesci, ma essi non avevano mai visto una tartaruga, e avevano paura di lei, pensando che fosse un demone. Così corsero piangendo dal Re loro padre, dicendo:”C’è un demone sulla riva del lago!” Il re ordinò che i suoi uomini prendessero il demone, e lo portassero al palazzo.

Quando la tartaruga fu portata a palazzo, i ragazzi piangendo fuggirono. Il re voleva molto bene ai suoi figli, così ordinò agli uomini che gli avevano portato la tartaruga di ucciderla. “Come la uccideremo?” essi si chiesero. “Riduciamola in polvere”, disse uno. “No. Cuciniamola al forno sui carboni ardenti”, disse un altro.

Così, si parlava di un piano dopo l’altro. Allora un vecchio che aveva sempre avuto paura dell’acqua disse: “Gettatela nel lago, là dove dalle pietre esce fuori verso il fiume. Così sarà uccisa certamente”.

Quando la tartaruga sentì quello che aveva detto il vecchio, tirò fuori la sua testa e chiese: “Amico, cosa ho fatto per meritarmi una cosa orribile come quella? Le altre proposte erano abbastanza cattive, ma gettarmi nel lago! Non parlate di una cosa così crudele!”

Quando il re sentì ciò che disse la tartaruga, egli disse ai suoi uomini di prendere subito la tartaruga e di gettarla nel lago.

La tartaruga rise tra sè e sé, non appena scivolò giù nel fiume fino alla sua vecchia casa. “Bene!” disse, “Per fortuna quelle persone non sanno come io sono sicura nell’acqua!”

http://www.centronirvana.it/i_jataka.htm

 

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.sangye.it/home/altro/wp-includes/comment-template.php on line 1379

Lascia un Commento

Comments are closed.