Longchenpa: Il vasto stato di presenza.

Longchenpa: Questo vasto stato di presenza.

Riconosci che lo stato della pura e totale presenza è una vasta dimensione senza centro né confini. È dovunque uguale, non accetta né rifiuta alcunché. Unisci la natura della mente e i suoi processi abituali in una condizione al di là del dualismo. Poiché i fenomeni, concepiti soggettivamente o sperimentati direttamente, si presentano come ornamenti dello stato primordiale, non accettarli né respingerli. […] Gli oggetti presenti che appaiono spontaneamente sono manifestazioni della pura esperienza. […] Tutto ciò che esiste e appare si manifesta nello spazio della realtà non nata. […] Riconosci che tutto ciò che si pensa o di cui ci si occupa è la sostanza del principio d’ordine non nato. […]

Abituati al fatto che tutto quanto accettiamo o rifiutiamo e affermiamo o neghiamo con atteggiamento dualistico (piacere e disgusto, felicità e frustrazione, bello e brutto, paura e sicurezza, malattia e salute, nemici e amici, amore e odio, e così via) ha un unico sapore: in questo modo i giudizi si capovolgeranno. […]

Non creare il dualismo dallo stato unico. Felicità e sofferenza sono un’unica cosa nella presenza pura e totale. I Buddha e gli esseri sono la stessa cosa nella natura della mente. I fenomeni e gli esseri, l’ambiente e chi ci vive, in realtà sono la stessa cosa. Anche gli opposti vero e falso sono in realtà la stessa cosa. Non aggrapparti alla felicità, non respingere la sofferenza. In questo modo tutto si realizza. […] La virtù e il suo opposto, l’accettazione e il rifiuto, il bello e il brutto, il grande e il piccolo sono la stessa cosa nella presenza pura e totale […] Non opporti a quel che fai perché fare e non fare sono non nati.

Sapendo questo, tutto ciò che fai è la realtà non nata. […] Anche i cinque oggetti del desiderio vanno intesi come pura e totale presenza. I cinque oggetti del desiderio e dell’avversione sono anch’essi pura e totale presenza. […] Tutto ciò che fai o ciò che appare, lascialo nel suo stato naturale, senza premeditazione. Questa è la vera libertà.

[…] Il presente stato naturale della contemplazione sorge dimorando nella spontaneità. […] Non esiste alcuno stato che non sia questo vasto stato di presenza. Esso è la dimora e la sede di tutto. […] Qui non è necessario progredire gradualmente né purificare alcunché. […] Ascolta! Poiché la natura della mente è spontaneamente perfetta, io non insegno la perfezione e la non perfezione. Non discriminare tra piacere e ansietà. Sii libero dalla speranza del nirvana e dalla paura del samsara. […]

La meditazione è la chiarezza intrinseca che libera tutto ciò che sorge; il modo di vivere è un flusso dinamico e continuo; il risultato è la non dualità di speranza e paura. […] Quando sorge la pura presenza priva di pregiudizi e di parzialità che non corregge le apparenze, resta nello stato della chiarezza e seguine il flusso continuo senza distrarti” (pp. 45-53).

Tratto dal testo: “La nave preziosa: guida al significato della pura e totale presenza, l’energia creativa dell’universo”, di Longchenpa.

Fonte del Post: http://www.meditare.net/wp/buddhismo/questo-vasto-stato-di-presenza-longchenpa/

 

Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.sangye.it/home/altro/wp-includes/comment-template.php on line 1379