»
S
I
D
E
B
A
R
«
Il Dalai Lama interviene alla Yuvraj Krishan Memorial Lecture
Dec 9th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante la prima Yuvraj Krishan Memorial Lecture presso l’Auditorium Siri Fort di Nuova Delhi, India, l’8 dicembre 2018. Foto di Lobsang Tsering

8 dicembre 2018. Nuova Delhi, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama si è recato al Siri Fort, in occasione della lectio in memoria di Yuvraj Krishan. È stato accolto al suo arrivo dal figlio di Yuvraj Krishan, Giriraj Krishan Varma, che lo ha accompagnato nell’auditorium dove era atteso da più di 350 invitati. Il figlio di Krishan, Shrikant Krishan, ha dato il benvenuto a Sua Santità a nome della sua famiglia e ha presentato l’evento. Fu quando Sua Santità mostrò per la prima volta interesse per la casa di famiglia, ‘The Brig’, e per la tenuta in cui si trovava a McLeod Ganj, Dharamsala, che suo padre lo conobbe per la prima volta.

Shrikant Krishan ha ricordato il loro primo incontro nel 2002 e quanto lo colpirono le sue parole. In quell’occasione aveva detto che quando siamo arrabbiati di solito pensiamo che è la persona con cui siamo arrabbiati che è danneggiata, ma che se riflettiamo più attentamente capiamo che è l’esatto contrario, perché la nostra rabbia distrugge la nostra pace della mente. La lettera di condoglianze alla famiglia, alla morte del padre, scritta da Sua Santità aveva dato loro un grande conforto. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: 1st Yuvraj Krishan Memorial Lecture
Dec 9th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking at the 1st Yuvraj Krishan Memorial Lecture at Siri Fort Auditorium in New Delhi, India on December 8, 2018. Photo by Lobsang Tsering

December 8, 2018. New Delhi, India – This morning the sun shone in a hazy sky as His Holiness the Dalai Lama drove to Siri Fort, where he was to give the 1st Yuvraj Krishan Memorial Lecture. He was welcomed on arrival by Yuvraj Krishan’s daughter Giriraj Krishan Varma with her daughter. They escorted him into the auditorium where an audience of more than 350 invited guests awaited him. Krishan’s son, Shrikant Krishan welcomed His Holiness on behalf of his family and introduced the event. He explained that it was when His Holiness had first shown an interest in the family house, ‘The Brig’, and the estate on which it stood in McLeod Ganj, Dharamsala that his father first met him.

Shrikant Krishan recalled his own first meeting with His Holiness in 2002 and being struck by what he had to say. On that occasion he had pointed out that when we’re angry we generally feel that it is the person we’re angry with who is harmed by it. However, His Holiness observed that if we think more carefully we might see that it’s we who lose because our anger destroys our peace of mind. His Holiness’s remark in his letter of condolence to the family when their father passed away that he had lived a meaningful life brought them great solace. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: St Stephen’s College Founder’s Day
Dec 8th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama bowing to the audience as he arrives on stage for Founder’s Day celebrations at St Stephen’s College in New Delhi, India on December 7, 2018. Photo by Lobsang Tsering

December 7, 2018. New Delhi, India – St Stephen’s College is one of three founding colleges of the University of Delhi. It was first set up 137 years ago by Rev Samuel Scott Allnut and named after St Stephen who was adopted by the Anglican Church as the patron saint of Delhi after Christians were stoned to death in the 1857 turmoil. One of the most highly regarded colleges in India, it accepts graduates and under-graduates and offers courses in the sciences and liberal arts. The list of distinguished alumni, politicians, businessmen, artists, scientists and academics among them, is long. Today, St Stephen’s College’s Founder’s Day, His Holiness the Dalai Lama was invited to celebrations as the Chief Guest. Arriving on the college campus, His Holiness was welcomed by the Bursar, Dean and Senior Tutor who escorted him to the Principal’s office. He was introduced to the Principal, Prof John Varghese and the Chairman of the Governing Body, Rt Revd Warris Masih, who is also Bishop of Delhi.

After donning the College’s red academic robes and cap, His Holiness met members of the faculty. He then joined the ceremonial procession into the hall. Once everyone had taken their seats on the stage and in the hall, the Principal asked Rt Revd Masih to lead an opening prayer. He recalled the qualities of the founder as a good citizen dedicated to the service of others and prayed, “May we be like that”. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: A Guide to the Bodhisattva’s Way of Life – Final Day
Dec 6th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama with Youth Buddhist Society of India volunteers and organizers of his teaching in Sankisa, UP, India on December 5, 2018. Photo by Lobsang Tsering

December 5, 2018, Sankisa, UP, India – On the stage in the marquee the Youth Buddhist Society had put up for the teachings, His Holiness the Dalai Lama bowed with folded hands towards the group of school-children assembled before him and smiling wished them “Good morning”. “Good morning” they trilled back in unison before kneeling down to recite the Mangala Sutta once more in Pali. His Holiness recited several verses of salutation to the Buddha, as well as the mantra from the ‘Heart Sutra’, finishing with the final verse from Nagarjuna’s ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way’:

I prostrate to Gautama
Who, through compassion,
Taught the exalted Dharma,
Which leads to the relinquishing of all views.

The distorted views of afflictive intelligence have no basis in reason,” His Holiness explained. “In the system of the mind certain mental states are countered by their opposites, much as heat eliminates cold. Continua »

His Holiness the Dalai Lama’s Message to Delegates to the COP24 UN Climate Conference
Dec 6th, 2018 by admin

December 5, 2018

His Holiness the Dalai Lama’s Message to Delegates to the COP24 UN Climate Conference

Continua »

Guida allo stile di vita del Bodhisattva 2° giorno
Dec 5th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante la conferenza stampa presso il suo hotel a Sankisa, India, il 4 dicembre 2018. Foto di Lobsang Tsering

4 dicembre 2018. Sankisa, India – Prima degli insegnamenti di questa mattina, Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato i rappresentanti dei media locali nel giardino del suo hotel e ha esordito dicendo:

“Prima di tutto, voglio salutare ciascuno di voi. Come dico spesso, scherzando con i miei amici indiani, anche se sono fisicamente tibetano, la mia mente probabilmente è più indiana della vostra. Potreste non conoscere l’antica saggezza indiana a cui mi sono dedicato. Nell’antica India le pratiche per coltivare una mente calma e una visione profonda (shamatha e vipashyana) esistevano già prima della comparsa del Buddha. Queste pratiche continuano ad essere rilevanti ancora oggi.

“Oggi ci troviamo di fronte a problemi di cui, per la maggior parte, siamo gli autori. Diamo troppa enfasi a differenze trascurabili come la nazionalità, la fede religiosa e la razza, quando fondamentalmente, come esseri umani, siamo tutti uguali. Siamo nati allo stesso modo. Le nostre madri ci hanno accudito allo stesso modo. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: A Guide to the Bodhisattva’s Way of Life – Second Day
Dec 5th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama meeting with members of the local media on the lawn of his hotel in Sankisa, UP, India on December 4, 2018. Photo by Lobsang Tsering

December 4, 2018. Sankisa, UP, India – Before leaving for the teaching venue this morning, His Holiness the Dalai Lama met with members of the local media on the lawn of his hotel. He opened the conversation:

First, I want to greet you all. As I often tease my Indian friends, although I’m physically Tibetan, my mind may be more Indian than yours. You may not appreciate the ancient Indian knowledge in which I have trained. In ancient India practices for cultivating a calmly abiding mind and insight (shamatha and vipashyana) were pursued before the Buddha appeared. These practices continue to be relevant today.

Today, we face many problems to which we have contributed. We place too much emphasis on secondary differences like nationality, religious faith and race, when fundamentally we are all the same as human beings. We are born the same way. We are nurtured by our mothers in the same way. But because of the materialistic goals of our education systems we don’t pay much attention to inner values. What we need to remember is that at a deeper level we are all the same. We all want to be happy not miserable. Since we can help our fellow human beings and can communicate with them, this is what I have dedicated my life to doing. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Guida allo stile di vita del Bodhisattva 1° giorno
Dec 4th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama in visita al sito archeologico e ai resti dell’antico stupa di Sankisa, India, il 3 dicembre 2018. Foto di Lobsang Tsering

3 dicembre 2018. Sankisa, India – Sua Santità il Dalai Lama si è recato questa mattina in visita al sito archeologico di Sankisa dove ha recitato alcune brevi preghiere presso quelli che si ritengono i resti dell’antico stupa. Raggiunta la sede della Youth Buddhist Society of India (YBSI) ha inaugurato una mostra di dipinti su temi buddhisti, poi ha scoperto la prima pietra di una clinica e di una scuola che saranno costruite ed ha espresso il suo apprezzamento per il loro lavoro svolto da diversi volontari medici che gli sono stati presentati. Infine, ha reso omaggio all’immagine del Buddha.

Arrivato alla sede degli insegnamenti, Sua Santità ha ricevuto il tradizionale benvenuto tibetano da un gruppo dell’Istituto Tibetano per le Arti dello Spettacolo. Erano presenti anche alcuno artisti provenienti dal Tibet e dall’Arunachal Pradesh, con cui ha poi posato per delle fotografie ricordo. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama Arriva a Sankisa
Dec 3rd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama insieme ai volontari della Youth Buddhist Society presso il suo hotel a Sankisa,India, il 2 dicembre 2018. Foto di Tenzin Choejor

2 dicembre 2018. Sankisa, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha preso un primo volo da Dharamsala a Delhi e poi per Farrukhabad nell’Uttar Pradesh occidentale. Erano presenti all’aeroporto per dargli il benvenuto alcuni membri della Youth Buddhist Society of India (YBSI) e funzionari dell’amministrazione locale. Da Farrukhabad è stato accompagnato fino a Sankisa, uno degli otto principali luoghi di pellegrinaggio buddhista in India. Si dice che il Buddha riapparve a Sankisa, nota anche come Sankasya, dopo aver trascorso la stagione delle piogge insegnando nel Regno dei Trentatré, dove sua madre era rinata. Il sito fu identificato dall’imperatore Ashoka, che vi fece erigere un pilastro sormontato da un capitello a forma di elefante. Una parte di quel pilastro e del capitello sono giunti fino a noi. Sankisa fu visitata dai monaci cinesi Faxian e Xuanzang nei secoli V e VII d.C. e riscoperta nel 1842 dal generale Sir Alexander Cunningham. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Arrives in Sankisa
Dec 3rd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama arriving at the Farrukhabad airport near Sankisa, UP, India on December 2, 2018. Photo by Tenzin Choejor

December 2, 2018. Sankisa, UP, India – This morning His Holiness the Dalai Lama took an early flight from Dharamsala to Delhi and then on to Farrukhabad in western UP. Members of the Youth Buddhist Society of India (YBSI) and officials of the local administration, such as the local MP, the District Magistrate, the Superintendent of Police and the Additional District Magistrate, were present at the airfield to welcome him. From Farrukhabad he drove to Sankisa, which is counted among the eight major Buddhist pilgrimage places in India.It is said that the Buddha reappeared in Sankisa, also known as Sankasya, after spending a rainy season teaching in the Heaven of Thirty-three, where his mother had been reborn. The site was identified and marked by the Emperor Ashoka who had a pillar erected here topped by an elephant capital. Some of that pillar and the elephant capital remain to this day. Sankasya was visited by the Chinese monks Faxian and Xuanzang in the 5th and 7th centuries CE. It was rediscovered in 1842 by General Sir Alexander Cunningham. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama Visita il tempio di Tochoji
Nov 23rd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama risponde alle domande del pubblico durante il suo discorso al tempio Tochoji di Fuukuoka, Giappone, il 22 novembre 2018. Foto di Tenzin Jigme

22 novembre 2018. Fukuoka, Giappone – Sua Santità il Dalai Lama è volato ieri da Tokyo a Fukuoka, la città più popolosa dell’isola di Kyushu, nel Giappone occidentale, per visitare il Tempio di Tochoji. Fu fondato nel IX secolo da Kobo Daishi, conosciuto come Kukai, e a lui si deve l’introduzione degli insegnamenti esoterici e vajrayana di Shingon in Giappone. Una volta seduto insieme all’abate all’interno del tempio, Sua Santità ha recitato in tibetano il “Sutra del cuore” e la “Preghiera di Je Tsongkhapa per rinascere nella terra di Sukhavati – la Terra della Beatitudine”. Poi il “Sutra del cuore” è stato recitato nuovamente in giapponese.

Completate le preghiere, Sua Santità si è rivolto a un pubblico di circa mille e cinquecento persone.

“Mi sento fortunato di avere la possibilità di recitare il ‘Sutra del cuore’ e la ‘Preghiera di rinascita nella terra di Sukhavati’ proprio in questo famoso tempio”, ha detto “e dedicarli a coloro che sono morti prematuramente o hanno perso tutto a causa dei terremoti di Kumamoto e delle recenti disastrose inondazioni”.  Continua »

His Holiness the Dalai Lama Visit Tochoji Temple
Nov 23rd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the audience at Tochoji Temple in Fuukuoka, Japan on November 22, 2018. Photo by Tenzin Jigme

November 22, 2018. Fukuoka, Kyushu, Japan – His Holiness the Dalai Lama flew from Tokyo to Fukuoka, the most populous city on Kyushu Island in the west of Japan, yesterday. This morning, the streets were wet after overnight rain and a chill breeze blew as he drove the short distance to Tochoji Temple. The temple was originally founded in the 9th century by Kobo Daishi, popularly known as Kukai, who brought the esoteric, vajrayana teachings of Shingon to Japan. Once seated with the Chief Abbot inside the temple His Holiness recited the ‘Heart Sutra’ and Je Tsongkhapa’s ‘Prayer to be Reborn in Sukhavati – the Land of Bliss’ in Tibetan, after which the ‘Heart Sutra’ was recited again in Japanese.

Prayers completed, His Holiness turned to face an audience of about 1500 people.

Today, in this famous temple,” he told them, “I feel fortunate to have the opportunity to recite the ‘Heart Sutra’ and the ‘Prayer to be Reborn in Sukhavati’ for those who suffered untimely death and those who lost their homes in the Kumamoto earthquakes and recent disastrous floods. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama incontra il gruppo parlamentare giapponese per il Tibet
Nov 21st, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama incontra il gruppo parlamentare giapponese per il Tibet a Tokyo, Giappone, il 20 novembre 2018. Foto di Tenzin Choejor

20 novembre 2018. Tokyo, Giappone – Parlando a un gruppo di circa trecento tibetani e bhutanesi, venuti in visita oggi al suo hotel, Sua Santità il Dalai Lama ha detto loro della sua breve permanenza in Giappone. Ha menzionato le prove archeologiche della presenza umana in Tibet trentacinque mila anni fa e ha ipotizzato che, se la teoria secondo la quale gli esseri umani hanno avuto origine in Africa per poi diffondersi nel resto del mondo è corretta, allora avrebbero potuto raggiungere il Tibet prima della Cina, come dimostrerebbero anche antiche tracce di agricoltura scoperte nel Tibet occidentale. “Sebbene la statua di Jowo sia stata originariamente portata a Lhasa dalla capitale cinese Xi’an, la scrittura tibetana fu modellata sul Devanagari indiano”, ha detto Sua Santità. “Allo stesso modo, quando si trattò di risalire all’autentica fonte degli insegnamenti del Buddha, Trisong Detsen si rivolse di nuovo all’India e invitò Shantarakshita dall’Università del Nalanda. La tradizione da lui introdotta non riguardava le preghiere e i rituali, ma lo studio e l’analisi rigorosa. Shantarakshita incoraggiò la traduzione della letteratura buddhista principalmente sanscrita in tibetano in modo che i tibetani potessero studiare nella loro lingua”. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Meets All Party Japanese Parliamentary Group for Tibet
Nov 21st, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama posing for a group photo after his meeting with members of the Tibetan and Bhutanese communities in Tokyo, Japan on November 20, 2018. Photo by Tenzin Choejor

November 20, 2018. Tokyo, Japan – Speaking to a group of about 300 Tibetans and Bhutanese who had come to see him at his hotel today, His Holiness the Dalai Lama told them that he was on a short visit to Japan. He mentioned archaeological evidence of human presence in Tibet 35,000 years ago. He speculated that if theories of human beings originating in Africa and spreading out across the world from there were correct, they might have reached Tibet before China. Traces of ancient agriculture in Western Tibet might support this. “Although the Jowo statue was originally brought to Lhasa from the Chinese capital of Xi’an, when it came to improving the Tibetan script it was modelled on the Indian Devanagari,” His Holiness observed. “Similarly, seeing a need for an authentic source of the teachings of the Buddha, Trisong Detsen again turned to India and invited Shantarakshita from Nalanda University. The tradition he introduced was not concerned with prayers and rituals but with study and analysis. Shantarakshita encouraged the translation of primarily Sanskrit Buddhist literature into Tibetan so Tibetans could study in their own language. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Warm Welcome at Reitaku University
Nov 20th, 2018 by admin

Reitaku University President Nakayama Osamu presenting His Holiness the Dalai Lama an honorary Doctorate of Literature at Reitaku University in Chiba, Japan on November 19, 2018. Photo by Tenzin Jigme

November 19, 2018. Tokyo, Japan – His Holiness the Dalai Lama ventured into Chiba Prefecture again today when he drove out of Tokyo to Kashiwa and the Reitaku University. Trees in the delightful campus presented an array of autumn colours and lining the driveway to the Reitaku Memorial Hall were several hundred students and staff smiling and waving Tibetan flags. His Holiness was received by University President Mototaka Hiroike and Vice-president Osamu Nakayama who escorted him into the building. When he stepped onto the stage he was met with an outburst of warm applause from the more than 1700 strong audience. In his introductory speech, the President thanked His Holiness for his work to promote warm-heartedness and inner values as the source of human happiness, goals shared by the university. He also acknowledged His Holiness’s efforts to reach an understanding between modern science and Buddhist science.

His Holiness was invited to don the University gown and academic cap and thus attired was presented with an Honorary Doctorate of Literature. As he sat back down to address the gathering, senior members of the University left the stage to take their seats in the front row. His Holiness insisted that Vice-President Nakayama come back to sit with him so he wouldn’t feel alone. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama inaugura l’Istituto Sherab Kyetsel Ling
Nov 19th, 2018 by admin

Il pubblico ascolta Sua Santità il Dalai Lama nel tempio dello Sherab Kyetsel Ling Institute di Chiba, Giappone, il 18 novembre 2018. Foto di Tenzin Jigme

18 novembre 2018. Tokyo, Giappone – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato Tokyo per Ishihara, nella prefettura di Chiba, per inaugurare un nuovo centro buddhista, lo Sherab Kyetsel Ling Institute. Al suo arrivo si sono esibiti musicisti mongoli e tibetani e gli è stato offerto il tradizionale benvenuto chema changpu. Poi il Dalai Lama ha innaffiato un alberello appena piantato nel giardino dell’Istituto prima di entrare nell’edificio, dove gli è stato offerto un mandala e la rappresentazione del corpo, della parola e della mente del Buddha. Arrivato al tempio, costruito come una tenda mongola, il Dalai Lama ha sciolto una treccia fatta di ‘kata’ e spinto le porte per inaugurare ufficialmente il luogo ed è stato raggiunto da altri monaci per recitare versi di buon auspicio. All’interno ha acceso una lampada al burro, davanti ad una scintillante statua del Buddha. Una volta che Sua Santità ha preso posto sul trono, quattro giovani studentesse si sono fatte avanti, sorridendo, per offrirgli sciarpe di seta. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Inaugurates Sherab Kyetsel Ling Institute
Nov 19th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking at the inauguration of Sherab Kyetsel Ling Institute in Chiba, Japan on November 18, 2018. Photo by Tenzin Jigme

November 18, 2018. Tokyo, Japan – This morning the sky was overcast, but, being a Sunday, the roads were relatively clear as His Holiness the Dalai Lama drove out of Tokyo to Ishihara in Chiba Prefecture. He was to inaugurate a new Buddhist centre, the Sherab Kyetsel Ling Institute. Mongolian and Tibetan musicians played in greeting as he arrived and he was offered the traditional Tibetan welcome of ‘chema changpu’. He watered a newly planted sapling in the garden before taking his seat in the house, where he was offered a mandala and the threefold representation of the Buddha’s body, speech and mind. Stepping outside again, His Holiness was escorted to a temple in the form of a Mongolian tent, a ‘gur’. He undid a knotted plait of ‘katags’ and pushed open the doors to signify its inauguration and was joined by other monks in reciting verses of auspiciousness. Inside he lit a butter lamp before a gleaming statue of the Buddha. Once His Holiness was seated, four young schoolgirls stepped forward, smiling, to offer him silk scarves.

I’ve never given a teaching in a felt tent like this before,” His Holiness announced, “but I have a feeling that when the 3rd Dalai Lama went to Mongolia to spread the teachings of the Buddha and Je Tsongkhapa he would have done and much later the 13th Dalai Lama would have done too. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: We are One Family
Nov 18th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama arriving on stage at the Hibiya Open-Air Concert Hall in Tokyo, Japan on November 17, 2018. Photo by Tenzin Choejor

November 17, 2018. Tokyo, Japan – This morning, under bright sunshine and a high blue sky scattered with thin clouds, His Holiness the Dalai Lama left Yokohama. He drove directly to the Hibiya Open-Air Concert Hall in Tokyo, a ninety year old theatre surrounded by trees. Half the 2800 strong audience sat in the sun, the other half in the shade. The event was presented as an opportunity for young Japanese to get to know His Holiness better and to hear what he has to say. Two other special guests were introduced. Actor, film director and event producer Kenji Kohashi told the audience how moved he had been by a visit to Tibet. It compelled him to visit Dharamsala and meet His Holiness. He declared that he feels he must have been a Tibetan in a previous life.

Ai Tominaga started her career as a model at the age of 17 in New York and worked there for the next ten years. She returned to Tokyo and participates in activities that contribute to social welfare and convey the traditional culture of Japan. She has visited Mongolia. She told the audience how struck she had been by His Holiness’s warmth. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Dialogue between Modern Science and Buddhist Science
Nov 17th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the audience at the National Convention Hall at the start of the Dialogue between Modern Science and Buddhist Science in Yokohama, Japan on November 16, 2018. Photo by Tenzin Choejor

November 16, 2018. Yokohama, Japan – Immediately after His Holiness the Dalai Lama joined the other panellists on the stage at the National Convention Hall this morning, Ms Youko Yamaguchi welcomed the participants and the 5000 strong audience as she introduced the event. She invited His Holiness to make his opening remarks. “I’ve been engaged in discussions with American, European and Indian scientists such as Richie Davidson and Wolf Singer for many years. Ancient Indian science as embodied in the Nalanda Tradition advocated reasoned investigation particularly with regard to the mind and emotions. During more than 30 years of these talks proponents of modern science and Buddhist science have achieved mutual benefit. Having learned a great deal about the physical world, Buddhist scholars and contemplatives have acquainted modern scientists with qualities of the mind. The Mind & Life Institute that emerged from these interactions continues to organize conferences and workshops.

Dialogues like these have two purposes. Scientists’ brilliant minds have predominantly focussed on the physical world. But human beings are not just physical beings. We also have feelings and consciousness. It’s appropriate that scientists learn about the inner world of mind and emotions. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: In Praise of the Buddha for Teaching Dependent Arising’ and Avalokiteshvara Empowerment
Nov 16th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the audience on the final day of his teachings in Yokohama, Japan on November 15, 2018. Photo by Tenzin Jigme

November 15, 2018. Yokohama, Japan – Views of the sky were clear and the morning sun illuminated bridges across the Yokohama Bay as His Holiness the Dalai Lama walked to the teaching venue before the audience began to arrive today. Seated alone, His Holiness began the preparatory procedures for the Avalokiteshvara Empowerment he was going to give. Behind him hung a large appliqué thangka depicting Buddha Shakyamuni flanked by Nagarjuna and Asanga and another portraying Avalokiteshvara, Lord of the World. Beside him was small pavilion containing the Avalokiteshvara mandala. Once people began to fill the hall, the ‘Heart Sutra’ was recited first in Japanese, then in Korean, Chinese and Mongolian.

Good morning, today I’m going to give the initiation of the Great Compassionate One, Avalokiteshvara, Lord of the World,” His Holiness announced when he was ready. “Generally, I regard the teachings of the Buddha as being of two categories: the general structure that includes the sutra teachings from the three turnings of the wheel of dharma and special teachings given to specific groups or individuals. Today’s tantric empowerment belongs to the category of specialized teachings. Continua »

Insegnamenti sul “Sutra del cuore”’ e gli “Stadi della Meditazione”
Nov 15th, 2018 by admin

Il palco della Pacifico Yokohama National Convention Hall durante l’insegnamento di Sua Santità il Dalai Lama a Yokohama, Giappone, il 14 novembre 2018. Foto di Tenzin Jigme

14 novembre 2018. Yokohama, Giappone – Questa mattina presto, quando Sua Santità il Dalai Lama è arrivato alla Pacifico Yokohama National Convention Hall per il secondo giorno di insegnamenti, la sala era già gremita. Dopo aver salutato con affetto i vecchi amici tra i monaci, riuniti intorno al trono, ha preso posto e ha chiesto ai praticanti giapponesi di recitare il “Sutra del cuore”. Poi si è rivolto alle oltre cinquemila persone presenti (giapponesi, taiwanesi, coreani, mongoli, russi e cinesi provenienti da tutta l’Asia orientale). “Eccomi di nuovo qui, in Giappone, felice di essere tra vecchi amici e tante persone provenienti da altri Paesi. Vi saluto tutti. Non siete venuti qui per divertimento, ma per ascoltare gli insegnamenti buddhisti. Questo XXI secolo è un periodo di grande sviluppo tecnologico e si parla addirittura di creare un’intelligenza artificiale. Immagino che si possano sviluppare dei dispositivi che emulano la coscienza sensoriale umana, ma sono molto lontani dal riprodurre la nostra coscienza mentale. Tuttavia, questo è un momento in cui potremmo chiederci se la religione è ancora attuale”. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Teaching the ‘Heart Sutra’ and ‘Stages of Meditation’
Nov 14th, 2018 by admin

His Holiness reading from the text on the first day of his teaching in Yokohama, Japan on November 14, 2018. Photo by Tenzin Choejor

November 14, 2018. Yokohama, Japan – His Holiness the Dalai Lama arrived at the teaching venue early this morning and when he walked onto the stage the hall was still filling. He fondly greeted old friends among the monks gathered around the throne before taking his own seat. He encouraged those reciting the ‘Heart Sutra’ in Japanese to begin and when they had finished addressed the capacity crowd of 5000—Japanese, Taiwanese, Koreans, Mongolians, Russians and Chinese from across East Asia. “Here I am once again in Japan, happy to be among old friends and so many people from other countries too—I greet you all. You’ve not come here just for fun, but to listen to Buddhist teachings. This 21st century is a time of great technical development when people talk about creating artificial intelligence. I imagine they can create devices that emulate sensory consciousness, but they’re a long way from reproducing mental consciousness. Still, this is a time when we might ask if religion is still relevant. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Interviewed in Yokohama
Nov 14th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama poses for a photo with the members of the production team after his interview with Ms Yoshiko Sakurai, president of the Japan Institute of National Fundamentals, in Yokohama, Japan on November 13, 2018. Photo by Tenzin Choejor

November 13, 2018. Yokohama, Japan – His Holiness the Dalai Lama arrived in Yokohama from India yesterday on his 25th visit to Japan. Although the views over the bay from his hotel window were grey, His Holiness was bright and refreshed by a good night’s sleep after his journey. He opened his conversation with Rina Yamasawa of NHK with a recollection of his first visit in 1967. His elder brother, Taktser Rinpoche, was here and over lunch teased His Holiness, who had become a vegetarian, that he had the tastier bowl of udon noodles. His Holiness answered a first question about how he sees the situation in Tibet today by reviewing his three commitments.

First I consider myself just one among 7 billion human beings. While we pray for the welfare of all sentient beings, there’s nothing we can do but pray for those in other galaxies. On this planet there are countless animals, birds, fish and insects, but they have no language so we can’t really communicate with them. On a practical level, it’s our fellow human beings who we can do something for. In a materialistic world where many don’t know the value of peace of mind, I try to help them become happier by showing them how to find inner peace. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama intervistato a Yokohama
Nov 14th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante l’intervista con Rina Yamasawa di NHK a Yokohama, Giappone, il 13 novembre 2018. Foto di Tenzin Choejor

13 novembre 2018, Yokohama, Giappone – Sua Santità il Dalai Lama è arrivato ieri a Yokohama dall’India per la sua venticinquesima visita in Giappone. Anche se la veduta sulla baia, dalla finestra del suo hotel, era grigia, Sua Santità era luminoso e riposato, dopo una notte di sonno ristoratore. Il Dalai Lama ha iniziato la sua conversazione con Rina Yamasawa della NHK con un ricordo della sua prima visita, nel 1967: suo fratello maggiore, Taktser Rinpoche, che era con lui, durante il pranzo lo aveva preso in giro perché la sua ciotola vegetariana di udon noodles era più gustosa della sua. Sua Santità ha risposto a una prima domanda sulla situazione odierna in Tibet, ricordando quelli che sono i suoi tre impegni.

“Per prima cosa, mi considero solo uno di sette miliardi di esseri umani. Anche se preghiamo per il benessere di tutti gli esseri senzienti, non possiamo fare altro che pregare per quelli delle altre galassie. Su questo pianeta ci sono innumerevoli animali, uccelli, pesci e insetti, ma non hanno un linguaggio e quindi non possiamo realmente comunicare con loro. A livello pratico, quindi, sono solo i nostri simili quelli per cui possiamo fare qualcosa. In un mondo materialista, dove molti non conoscono il valore della pace della mente, cerco di aiutarli a diventare più felici, mostrando loro come trovare la pace interiore”. Continua »

Celebrazioni del 550°anniversario dalla nascita di Guru Nanak
Nov 11th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama e l’ex primo ministro indiano Singh piantano un alberello nel giardino del Bhai Vir Singh Sahitya Sadan nel corso delle celebrazioni del 550°anniversario dalla nascita di Guru Nanak a Nuova Delhi, India, il 10 novembre 2018. Foto di Tenzin Choejor

10 novembre 2018, New Delhi, India – Questa mattina a New Delhi, Jack Dorsey, co-fondatore e CEO di Twitter, ha incontrato Sua Santità il Dalai Lama e lo ha ringraziato per l’uso che ne fa anche il suo ufficio. Sua Santità gli ha parlato a lungo dei legami storici tra India e Tibet, dell’esemplare tradizione indiana di armonia religiosa e dell’importanza di riconoscere l’unicità dell’umanità. Quando Dorsey gli ha chiesto quale sarebbe stato l’impatto maggiore dell’armonia tra le diverse tradizioni religiose, Sua Santità ha risposto che, in generale, esprimere affetto e rispetto è ciò che unisce le persone nella maggior parte delle circostanze. Arrivato al Bhai Vir Singh Sahitya Sadan (BVSSS), Sua Santità è stato accolto dal direttore, Mohinder Singh e dal Presidente ed ex Primo Ministro Manmohan Singh, che gli hanno offerto in dono di un alberello. Il BVSSS è un’istituzione fondata 60 anni fa per commemorare e promuovere il pensiero e l’opera di Bhai Vir Singh, poeta, studioso e teologo Sikh nel corso dell’inaugurazione di un intero anno di celebrazioni per il 550°anniversario dalla nascita del fondatore del sikhismo, Guru Nanak. Continua »

Celebrations of Guru Nanak’s 550th Birth Anniversary
Nov 11th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the audience at celebrations of Guru Nanak’s 550th Birth Anniversary in New Delhi, India on November 10, 2018. Photo by Tenzin Choejor

November 10, 2018. New Delhi, India – This morning in New Delhi, Jack Dorsey, co-founder and CEO of Twitter came to meet His Holiness the Dalai Lama. He thanked His Holiness for using Twitter. His Holiness spoke to him extensively about historic links between India and Tibet, India’s exemplary tradition of religious harmony and the importance of recognising the oneness of humanity. When Dorsey asked what would have the most impact on bringing religious traditions together, His Holiness replied that in general expressing affection and respect is what brings people together in most situations. On the steps of the Bhai Vir Singh Sahitya Sadan (BVSSS), His Holiness was welcomed by the Director, Dr Mohinder Singh and the President, former Prime Minister, Dr Manmohan Singh, with the gift of a sapling. They then escorted him to the stage inside. BVSSS is an institution established 60 years ago to commemorate and further the work of Bhai Vir Singh, a poet, scholar, and theologian of the Sikh revival. Today, it was the focus of the inaugural event of a year-long celebration of the 550th anniversary of the birth of the founder of Sikhism, Guru Nanak. Continua »

Dialogue with Chinese Scientists about Quantum Effects – Third Day
Nov 10th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama and fellow participants posing for a group photo at the conclusion of the dialogue with Chinese scientists about quantum effects at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on November 3, 2018. Photo by Ven Tenzin Jamphel

November 3, 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Prof Yuan Tseh Lee opened the third day of discussions between Chinese scientists from Taiwan and the USA and His Holiness the Dalai Lama by expressing the presenters’ great appreciation of the opportunity. He then spoke extensively about Challenges and Opportunities for a Sustainable Planet. After drawing attention to the tremendous source of energy the sun represents for the earth, he showed a photograph of our planet from space. He reported a philosopher’s observation that seeing the world like that, free of boundaries, would inspire people to work together to protect it—has it happened yet, he asked. Prof Lee outlined the emergence of human beings two million years ago and their beginning to engage in agriculture 10,000 years ago. This led to settlements and the building of larger structures in which to live. His Holiness asked about the migration of human beings out of Africa. Prof Lee dated it as having taken place 50,000 years ago. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama Dialoga con gli scienziati cinesi 3° giorno
Nov 4th, 2018 by admin

Il professor Yuan Tseh Lee ha parlato delle sfide e delle opportunità per un pianeta sostenibile nel terzo giorno di discussioni tra gli scienziati cinesi di Taiwan e Stati Uniti e Sua Santità il Dalai Lama nel tempio tibetano principale a Dharamsala, in India, il 3 novembre 2018. Foto di Ven Tenzin Jamphel

3 Novembre 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Il professor Yuan Tseh Lee ha aperto la terza giornata di dialogo tra gli scienziati di Taiwan e degli Stati Uniti e Sua Santità il Dalai Lama, esprimendo il grande apprezzamento dei relatori per questo incontro. Ha poi parlato a lungo delle sfide e delle opportunità per un pianeta sostenibile. Dopo aver richiamato l’attenzione sull’enorme fonte di energia rappresentata dal sole, ha mostrato una fotografia del nostro pianeta dallo spazio, commentandola con l’osservazione di un filosofo: vedere il mondo da questa prospettiva e senza confini può ispirare le persone a lavorare insieme per proteggerlo, come è già successo? Il professor Lee ha parlato dell’evoluzione degli esseri umani, due milioni di anni fa, e della comparsa dell’agricoltura, 10.000 anni fa, che ha portato alla nascita degli insediamenti e alla costruzione di strutture più grandi in cui vivere. Sua Santità ha chiesto informazioni sulla migrazione degli esseri umani dall’Africa e il professor Lee ha risposto che ha avuto inizio 50.000 anni fa. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama Dialoga con gli scienziati cinesi 2° giorno
Nov 3rd, 2018 by admin

Il moderatore, il professor Albert M. Chang, dà il benvenuto alla seconda giornata di dialoghi tra Sua Santità il Dalai Lama e gli scienziati cinesi presso il Tempio Tibetano Principale di Dharamsala, India, il 2 novembre 2018. Foto del Venerabile Tenzin Jamphel

2 novembre 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Anche questa mattina Sua Santità il Dalai Lama si è recato allo Tsuglagkhang, il Tempio Tibetano Principale, per partecipare alla seconda giornata di discussioni sugli effetti quantistici con gli scienziati cinesi e americani. Il moderatore di oggi, il professor Albert M. Chang, ha dato il benvenuto a tutti a quella che ha definito una meravigliosa conversazione. L’emozionante scambio di ieri mattina è stato seguito nel pomeriggio da una discussione dinamica e stimolante con i monaci tibetani laureati in scienze. Ha poi presentato il primo relatore, il dottor Ting-Kuo Lee, che avrebbe parlato di superconduttività, un fenomeno difficile da immaginare in un ambiente fisico classico.

“Oggi è per me un grande onore condividere con voi un fenomeno del mondo quantistico davvero particolare” ha esordito il dottor Lee. La conduttività, ha spiegato, misura il modo in cui una carica elettrica passa attraverso un metallo; la superconduttività si verifica quando la resistenza elettrica è pari a zero. Sua Santità ha chiesto se l’elettricità è un’onda oppure è costituita da particelle. Il dottor Lee ha risposto che si tratta di particelle, ma può anche essere un’onda a seconda della prospettiva da cui la si osserva, mentre la resistenza zero della superconduttività è un effetto quantico che ha anche proprietà magnetiche, tra cui una levitazione magnetica in grado di sfidare la gravità. Continua »

Dialogue with Chinese Scientists about Quantum Effects – Second Day
Nov 3rd, 2018 by admin

Prof Chung-Yuan Mou talking about water during his presentation on the second day of the Dialogue between His Holiness the Dalai Lama and Chinese Scientists on Quantum Effects at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on November 2, 2018. Photo by Ven Tenzin Jamphel

November 2, 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – It was colder, the sky was overcast and there had been rain when His Holiness the Dalai Lama walked to the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple today to take part in a second day of discussions about quantum effects with Chinese scientists from Taiwan and the USA. Today’s moderator, Prof Albert M Chang, welcomed everybody to what he called a wonderful conversation. He mentioned that yesterday morning’s exciting exchange had been followed by a dynamic and inspiring discussion with science trained Tibetan monastics in the afternoon. He introduced the first presenter, Dr Ting-Kuo Lee who was to talk about superconductivity, a phenomena difficult to imagine in a classical physical environment.

Today it’s my great honour to share with you a beautiful phenomenon of the quantum world,” Dr Lee began. He explained that conductivity is a measure of how easy it is for an electric charge to pass through a metal. Superconductivity occurs when there is zero electrical resistance. His Holiness asked if electricity is a wave or particles. Dr Lee replied that it consists of particles, but can also be a wave depending on the angle from which you look at it. He stated that the zero resistance of superconductivity is a quantum effect and that it also has magnetic properties including magnetic levitation that defies gravity. He discussed the movement of pairs of electrons that he compared to ballroom dancers. Continua »

Dialogo con gli scienziati cinesi sulla fisica quantistica 1° giorno
Nov 2nd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama apre il dialogo con gli scienziati cinesi sulla fisica quantistica presso il Tempio Tibetano Principale di Dharamsala, India, il 1°novembre 2018. Foto Ven. Tenzin Jamphel

1 novembre 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina, presso il Tempio Tibetano Principale, adiacente la residenza di Sua Santità il Dalai Lama, hanno preso l’avvio i dialoghi tra il Dalai Lama e gli scienziati cinesi, per lo più taiwanesi. Sua Santità è arrivato nel tempio, salutando il pubblico che lo aspettava nel cortile e i monaci già presenti all’interno, e ha reso omaggio alla statua del Buddha. Ha dato il benvenuto ai nove relatori cinesi e ha preso posto insieme a loro. Tra i monaci erano presenti sei relatori tibetani, laureati nel programma Emory Science, e che parteciperanno alle discussioni con gli scienziati cinesi nel pomeriggio. Tra il pubblico, una cinquantina di ospiti provenienti da Taiwan, quasi trecento tibetani ricercatori dell’ufficio di Sua Santità, studenti del Men-tsee-khang, del College for Higher Tibetan Studies, di Sarah, del Tibetan Children’s Village e delle scuole vicine. L’incontro è stato condotto in inglese, con traduzione simultanea in cinese e tibetano disponibile via radio e trasmesso in diretta web.

Sua Santità ha preso la parola per primo. “Innanzi tutto, vorrei dare il benvenuto a tutti voi qui presenti. Questa è la prima volta che abbiamo l’opportunità di dialogare con degli scienziati prevalentemente cinesi; negli ultimi 30 anni ho incontrato soprattutto scienziati occidentali, americani ed europei e più raramente giapponesi e indiani”. Continua »

Dialogue with Chinese Scientists about Quantum Effects – First Day
Nov 2nd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama delivering his opening remarks at the start of the first day of the dialogue with Chinese scientists about quantum effects at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on November 1, 2018. Photo by Ven Tenzin Jamphel

November 1, 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – The first discussions between Chinese, mostly Taiwanese, scientists and His Holiness the Dalai Lama took place in the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple adjacent to his residence today. His Holiness walked to the temple, greeting members of the public who were waiting to see him in the yard. Once he reached the temple he acknowledged the assembled monks and paid his respects before the statue of the Buddha. After warmly greeting the nine Chinese presenters, he made a point of reaching out to old friends among the assembled guests. He then joined the presenters seated around a long table. Among the monks at the head of the temple were six Tibetan presenters, graduates of the Emory Science program, who will participate in discussions with the Chinese scientists in the afternoons. Approximately fifty guests sat in the back of the temple, including many who came with the Taiwanese group. About 270 Tibetans joined the audience: researchers from His Holiness’s office, as well as students from the Men-tsee-khang, the College for Higher Tibetan Studies, Sarah, the Tibetan Children’s Village and neighbouring schools. The meeting was conducted in English with simultaneous translation into Chinese and Tibetan being made available over FM radio. Proceedings were web-cast live. Continua »

Indian High School Students Meet His Holiness the Dalai Lama
Oct 31st, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting Indian high school students and their teachers as he arrives for their meeting at his residence in Dharamsala, HP, India on October 30, 2018. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 30, 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Today, 140 Indian students and their teachers from 14 High Schools in India and abroad came to meet His Holiness the Dalai Lama. They were all attending a Round Square conference at Him Academy Public School, Hamirpur. Once His Holiness had entered the room and wished everyone, “Good morning,” a girl student eloquently introduced the group to him. She told him that it was a great privilege for the Him Academy to host the Round Square conference and that being able to come and meet His Holiness made it even more auspicious.

The co-ordinator of the conference thanked His Holiness for meeting them. He explained that Round Square is an international network of 200 like-minded schools in 50 countries that follow the ideas of Kurt Hahn, the founder of Gordonstoun School in Scotland. Round Square schools share a commitment to six themes: international understanding, democracy, environmental stewardship, adventure, leadership and service. These themes are underpinned by other qualities including compassion, tolerance and self-discipline. He explained that the focus of the present conference was co-existence. Continua »

Lodi Gyari: una vita al servizio di Sua Santità il Dalai Lama e del popolo tibetano
Oct 31st, 2018 by admin

Lodi Gyari

30 ottobre 2018. Nelle prime ore di lunedì 29 ottobre si è spento a San Francisco, all’età di sessantanove anni, Lodi Gyari, figura di primo piano all’interno del movimento tibetano e dal 2002 al 2009 tra gli inviati del Dalai Lama in Cina per discutere una possibile soluzione del problema tibetano.

Nato nel 1949 nel Tibet orientale, Lodi Gyari abbracciò giovanissimo la causa della sua martoriata gente. Fu dapprima direttore di Tibetan Freedom, un giornale in lingua tibetana, e successivamente di Tibetan Review, la prima pubblicazione tibetana in lingua inglese. Nel 1970 fu tra i fondatori di Tibetan Youth Congress, il movimento che tuttora raccoglie e politicamente ispira i giovani tibetani in esilio uniti nella lotta per la pacifica liberazione del Tibet. Eletto presidente del Parlamento Tibetano e successivamente membro del Kashag, Gyari fu un fervente ed appassionato sostenitore dell’Approccio della Via di Mezzo, la linea politica delineata dal Dalai Lama per la soluzione della questione tibetana.

Presidente di International Campaign for Tibet dal 1991 al 1999, Lodi Gyari ne fu membro del direttivo fino al 2014. In qualità di direttore esecutivo si adoperò con successo affinché il Congresso degli Stati Uniti aiutasse economicamente i tibetani sia all’interno del Tibet sia in esilio e fosse a fianco del Tibet e del Dalai Lama nel sostenere i negoziati con Pechino. Gli anni ’80 e ’90 lo videro battersi anche all’interno delle Nazioni Unite. Nell’agosto 1991, la Risoluzione ONU sul Tibet segnò la fine di 25 anni di silenzio sulla drammatica situazione tibetana. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama Incontra una rappresentanza di giovani di zone di conflitto
Oct 26th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama chiacchiera con i ragazzi durante una pausa tè presso la sua residenza di Dharamsala, India, il 25 ottobre 2018. Foto del Venerabile Tenzin Jamphel

25 ottobre 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Per il terzo anno consecutivo, lo United States Institute of Peace (USIP) ha organizzato un incontro tra un gruppo di ragazzi provenienti da zone di conflitto e Sua Santità il Dalai Lama. Lo USIP è un’istituzione indipendente e apartitica che ha lo scopo di promuovere la sicurezza nazionale e la stabilità globale attraverso la riduzione dei conflitti.

Guidati dalla presidente dello USIP Nancy Lindborg, 27 giovani sono arrivati a Dharamsala da 12 paesi diversi: Afghanistan, Birmania, Repubblica Centrafricana, Colombia, Iraq, Libia, Nigeria, Somalia, Sud Sudan, Siria, Tunisia e Venezuela.

“Mi piacciono molto gli incontri come questo” ha esordito Sua Santità. “La mia pratica principale è quella di dedicare il mio corpo, la mia parola e la mia mente a beneficio degli altri. Non posso aiutare nessuno di voi a pulire le vostre case, ma almeno vi posso sorridere. Di solito un sorriso ne fa sorgere un altro. E’ piuttosto raro che un sorriso riceva come risposta un’espressione imbronciata. Dedico le mie azioni fisiche a beneficio degli altri e altrettanto faccio con le mie parole, ma la cosa principale è che dedico la mia mente alla realizzazione del benessere degli altri, non solo oggi, ma finché rimarrà lo spazio. Tuttavia, quando sono seduto in meditazione sono da solo, mentre quando mi trovo con persone come voi posso sorridere e far sentire la mia voce. Grazie per avermi dato questa opportunità”. Continua »

His Holiness the Dalai Lama in Discussions with Youth Leaders from Conflict Zones
Oct 26th, 2018 by admin

A youth leader asking His Holiness the Dalai Lama a question during their discussion at his residence in Dharamsala, HP, India on October 25, 2018. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 25, 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – For the third year in a row the United States Institute of Peace (USIP) has brought a group of youth leaders from conflict zones to meet His Holiness the Dalai Lama. USIP is a nonpartisan and independent institution tasked with promoting national security and global stability by reducing violent conflicts abroad.

Led by USIP President Nancy Lindborg, the 27 youth leaders, and three who came last year but who are now assisting as trainers, came from 12 different countries: Afghanistan, Burma, the Central African Republic, Colombia, Iraq, Libya, Nigeria, Somalia, South Sudan, Syria, Tunisia and Venezuela.

When His Holiness entered the room today he bid them all, “Good morning,” and shook hands with members of the morning’s first panel.

“I really enjoy this kind of meeting,” he told them. “My main practice is to dedicate my body, speech and mind to the benefit of others. I can’t help any of you by cleaning your houses, but at least I can smile. Usually one smile invokes another. It’s quite rare for a smile to be met with a frown. And just as I dedicate my physical actions to the benefit of others, so do I direct my speech, but the main thing is that I dedicate my mind to fulfilling others’ well-being—not just today, but for as long as space remains. However, when I sit in meditation I’m by myself, but when I’m with people like you I can smile and use my voice too. Thank you for giving me this opportunity.” Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Conversation with Students from Woodstock School
Oct 13th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama answering a question from the audience during his conversation with students from Woodstock School at his residence in Dharamsala, HP, India on October 11, 2018. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 11, 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – The happy chatter that filled the meeting room next to His Holiness the Dalai Lama’s office fell silent when he walked into the room and scanned the faces of the students waiting for him. He smiled broadly, wished them “Good morning”, and sat down. There were 51 students belonging to classes 11 and 12 from Woodstock School, who are visiting Dharamsala during their extra-curricular ‘activity week’. His Holiness first made friends with Woodstock School at the beginning of his life in exile when he lived in Mussoorie, the hill-station where the school is based. After asking how many Tibetans and Bhutanese there were in the group, His Holiness wanted to know where the rest of the students came from. The majority were Indian, but among a total of seven nationalities there were also students from Palestine, Syria and Afghanistan.

His Holiness reported that he had just been talking to a group from Indonesia about how sad he feels to witness friction between Shia and Sunni Muslims. To him it is unthinkable that people who worship the same Allah and follow the same Quran should fall out as they seem to do. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Conversazione con gli studenti della Woodstock School
Oct 12th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama incontra gli studenti della Woodstock School nella sala riunioni accanto al suo ufficio a Dharamsala, India, l’11 ottobre 2018. Foto del Venerabile Tenzin Jamphel

11 ottobre 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato un gruppo di studenti della Woodstock School, in visita a Dharamsala durante la loro settimana di attività extrascolastiche. Sua Santità conosce la Woodstock School fin dai primi anni del suo esilio, quando ha vissuto per un certo periodo nel distretto di Mussoorie, la regione collinare dove ha sede la scuola. Dopo aver chiesto quanti tibetani e bhutanesi erano presenti nel gruppo, Sua Santità ha voluto sapere la provenienza degli altri studenti: la maggioranza era indiana, ma erano presenti anche ragazzi e ragazze provenienti dalla Palestina, dalla Siria e dall’Afghanistan.

Sua Santità ha raccontato di aver incontrato un gruppo di indonesiani e di quanto lo rattristino le continue frizioni tra musulmani sciiti e sunniti. E’ impensabile, ha detto, che persone che adorano lo stesso Allah e seguono lo stesso Corano si scontrino in questo modo.

“Tuttavia non ho mai sentito parlare di simili attriti tra sunniti e sciiti qui in India” ha detto. “In effetti l’India è unica, nel senso che tutte le maggiori religioni del mondo, sia quelle autoctone sia quelle provenienti da altri paesi, qui coesistono pacificamente. La lunga tradizione di armonia interreligiosa dell’India è esemplare e ora è giunto il momento di condividere questa pratica con il resto del mondo”. Continua »

Ultimo giorno di insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama su richiesta dei praticanti di Taiwan
Oct 7th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante l’iniziazione di Avalokiteshvara che libera dai Regni Inferiori, l’ultimo giorno di insegnamenti al Tempio Tibetano Principale di Dharamsala, India, il 6 ottobre 2018. Foto del Venerabile Tenzin Jamphel

6 ottobre 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala – All’inizio dell’ultimo giorno di insegnamenti per i praticanti di Taiwan, Sua Santità il Dalai Lama ha eseguito i rituali preliminari in preparazione dell’iniziazione di Avalokiteshvara che, ha spiegato, sarebbe stata una conclusione di buon auspicio per le giornate appena trascorse. Inoltre ha detto che avrebbe dato anche i precetti laici e i voti del bodhisattva e che avrebbe letto i “Tre Aspetti Principali del Sentiero” di Je Tsongkhapa. “Il consiglio di Aryadeva – astenersi dalle azioni non virtuose, eliminare la concezione del sé e infine  eliminare tutte le visioni errate – ha detto Sua Santità “indica la progressione lungo il sentiero per l’illuminazione. Dopo l’introduzione del Buddhismo in Tibet nel VII e VIII secolo vi fu un periodo di profondo declino al punto che nel Tibet centrale non c’erano più monaci. Fu allora che i discendenti degli imperatori tibetani invitarono Atisha nel Tibet occidentale. Atisha compose la “Lampada sul Sentiero” e con Dromtönpa stabilì la tradizione Kadam che prevedeva la pratica dell’intero insegnamento del Buddha sulla base dei tre diversi tipi di persone”.

“Je Tsongkhapa riassunse questi insegnamenti nei “Tre Aspetti Principali del Sentiero” ovvero la determinazione ad essere liberi (la rinuncia), la mente di bodhicitta e la realizzazione della vacuità. Tsongkhapa nacque nell’Amdo e successivamente si trasferì nel Tibet centrale dove studiò nel monastero Kadampa di Sangphu”. Continua »

7 ottobre del 1950 invasione del Tibet da parte della Cina comunista.
Oct 6th, 2018 by admin

Ricordate il film “Sette anni in Tibet”? Raccontava l’inizio dell’invasione della repubblica buddista da parte della Cina comunista di Mao Tze Dong. Ebbene era tutto vero: il 7 ottobre del 1950 la Cina comunista dava il via all’invasione del Tibet, uno stato dentro uno stato, perché era una repubblica basata sul regno dei monaci buddisti con a capo il Dalai Lama, la figura spirituale ed anche politica dei monaci buddisti tibetani.

Tenzin Gyatso,fu al centro di un antica profezia pronunciata da un monaco la quale diceva che “quando l’uccello di ferro volerà e i cavalli correranno sulle ruote, il Dharma arriverà nella terra dell’uomo rosso e i tibetani saranno dispersi per tutta la terra”. Infatti dopo l’invasione della Cina i reggenti di Lhasa fecero un consiglio per dichiarare ufficialmente Tenzin Gyatso XVI Dalai Lama, il quale non aveva ancora 15 anni e per la legge tibetana bisognava aspettare la maggiore età per essere dichiarato guida spirituale dei monaci tibetani e capo della repubblica governata dai monaci. Quindi il Dalai Lama è una sorta di papa buddista, e quando venne dichiarato tale, dovette emigrare forzatamente nel sud del paese, ma rassicurato dal governo cinese egli rientrò a Lhasa. Continua »

Final Day of Teachings for Taiwanese Group
Oct 6th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama performing preparatory procedures for the permission of Avalokiteshvara Who Liberates from the Lower Realms on the final day of teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on October 6, 2018. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 6, 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – At the start of the final day of teachings for students from Taiwan, His Holiness the Dalai Lama announced that he would first perform preliminary rituals in preparation for the Avalokiteshvara permission he was going to give. Once he was ready, he explained that he had decided that the permission of Avalokiteshvara Who Liberates from the Lower Realms would be an auspicious conclusion to several days of teachings. Besides this he said he would also give the lay-person’s precepts and the bodhisattva vows. He added that, whereas Chandrakirti’s ‘Entering into the Middle Way’ had been an introduction to the teachings of the Buddha, this morning he would read Je Tsongkhapa’s ‘Three Principal Aspects of the Path’, which serves as a summary. “Aryadeva’s advice to overcome unwholesome deeds, to eliminate views of self and finally to eradicate all wrong views,” His Holiness observed, “refers to making progress on the path. After Buddhism was introduced to Tibet in the 7th and 8th centuries came a period of deep decline, a period when there were no longer any monks in Central Tibet. This was the context in which descendants of the Tibetan Emperors invited Atisha to Western Tibet. He composed the ‘Lamp for the Path’ and with Dromtönpa established the Kadam tradition that involved putting the whole teaching of the Buddha into practice within the framework of the three kinds of person. Continua »

Terza giornata di insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama a Dharamsala
Oct 6th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama legge il testo di Chandrakirti durante il terzo giorno di insegnamenti presso il Tempio Tibetano Principale di Dharamsala, India, il 5 ottobre 2018. Foto del Venerabile Tenzin Jamphel

5 ottobre 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala – Dopo aver raggiunto il Tsuglaglagkhang e aver salutato i presenti, questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha reso omaggio alle immagini del Buddha, di Avalokiteshvara e dei Tre Re Religiosi del Tibet prima di prendere posto sul trono. Il canto del “Sutra del cuore” in cinese ha seguito la recitazione del Mangala Sutta in Pali. “Anni fa a Singapore” ha esordito Sua Santità, “ho partecipato a una cerimonia in cui alcuni monaci anziani recitavano il “Sutra del cuore” in cinese. Ero molto commosso al pensiero di come gli insegnamenti del Buddha si fossero diffusi anche in Cina e e ho pensato che avrei fatto tutto il possibile per contribuire a far rivivere quella tradizione”.

“Più recentemente, ho incontrato a Delhi molti monaci buddhisti provenienti da diversi paesi. Dopo aver dichiarato che non amo le formalità e che preferisco essere aperto e diretto, ho detto loro che a volte mi chiedo se la religione sia ancora attuale nel mondo contemporaneo. La mia sensazione è che lo sia, perché tutte le tradizioni religiose promuovono la compassione, una qualità di cui tutti noi continuiamo ad avere bisogno”. Continua »

Third Day of Chandrakirti’s ‘Entering into the Middle Way’
Oct 6th, 2018 by admin

Thai monks reciting the Mangala Sutta in Pali at the start of the third day of His Holiness the Dalai Lama’s teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on October 5, 2018. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 5, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP – After reaching the Tsuglagkhang and greeting members of the audience this morning, His Holiness the Dalai Lama stood on the throne and saluted the images of the Buddha, Avalokiteshvara and the Three Religious Kings of Tibet before sitting down. Chanting of the ‘Heart Sutra’ in Chinese followed the recitation of the Mangala Sutta in Pali. “Years ago in Singapore,” His Holiness began, “I attended a ceremony at which elderly monks recited the ‘Heart Sutra’ in Chinese. I was much moved to think of how the teachings of the Buddha had once spread in China and wished to do whatever I could to help revive that tradition.

More recently, I met Buddhist monks from several countries in Delhi. Having explained that I dislike formality and prefer to be open and straightforward, I told them I sometimes ask whether religion is still relevant in today’s world. My own feeling is that it is, because all religious traditions commend the virtues of compassion, something we all continue to need. Continua »

The World According to China
Oct 5th, 2018 by admin

October 4, 2018. By Bradley A. Thayer and John M. Friend, The Diplomat, 

Inevitably as China becomes more powerful and influential in international relations, Beijing will fundamentally change the international system created by the United States and the Cold War. The key question for international politics is what kind of world does China seek to create by 2049, the centenary of the People’s Republic of China (PRC). Continua »

I tibetani residenti in nove villaggi della Contea di Gonjo forzatamente allontanati dalla loro terra
Oct 5th, 2018 by admin

4 ottobre 2018. Le autorità cinesi hanno ordinato ai tibetani residenti nella Contea di Gonjo, un territorio del Tibet orientale situato nella Prefettura di Chamdo, di trasferirsi in altre aree per consentire lo sfruttamento delle risorse minerarie presenti in abbondanza nel sottosuolo.

L’ordine emanato colpisce nove villaggi i cui abitanti saranno forzatamente trasferiti a Meldro Gongkar e a Toelung, nel comune di Lhasa, e nella prefettura di Lhoka. Il trasferimento dell’intera popolazione dovrà essere completato entro la fine del corrente anno. Radio Free Asia riferisce di aver appreso da una fonte anonima all’interno della Contea che “i tibetani sono stati costretti ad abbandonare la loro terra d’origine per far posto alla costruzione di una centrale elettrica e allo sfruttamento dei giacimenti minerali”. La stessa fonte ha fatto sapere che “in vista del forzato trasferimento gli abitanti di alcuni villaggi della Contea stanno vendendo o macellando il loro bestiame”. Continua »

Secondo giorno di di insegnamenti su Chandrakirti
Oct 5th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il secondo giorno di insegnamenti al Tempio Tibetano Principale di Dharamsala, India, il 4 ottobre 2018. Foto di Ven Tenzin Jamphel

4 ottobre 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – I rappresentanti degli studenti di Taiwan hanno scortato questa mattina Sua Santità il Dalai Lama dalla sua residenza al Tsuglagkhang. In piedi, davanti al trono prima di sedersi, il Dalai Lama ha guardato a lungo i volti del pubblico salutandoli con la mano. “Dall’India gli insegnamenti del Buddha si diffusero come tradizione Pali in Sri Lanka, Thailandia, Birmania e così via, e come tradizione sanscrita in Cina, Corea, Giappone e Vietnam e in Tibet. Nagarjuna è ben noto tra i seguaci della tradizione sanscrita. Leggendo i suoi scritti e quelli dei suoi discepoli possiamo apprezzare quanto fossero eruditi”.

“Con il primo giro della ruota del Dharma, il Buddha ha spiegato le Quattro Nobili Verità e le loro 16 caratteristiche. Per coloro che volevano comprenderle meglio, in particolare la vera cessazione e il vero sentiero, successivamente diede gli insegnamenti sulla Perfezione della Saggezza al Picco dell’Avvoltoio, nei pressi di Rajgir”. Continua »

Second Day of Chandrakirti’s ‘Entering into the Middle Way’
Oct 5th, 2018 by admin

Thai monks reciting the Mangala Sutta in Pali at the start of the second day of His Holiness the Dalai Lama’s teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on October 4, 2018. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 4, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Representatives of the Taiwanese students bearing incense holders escorted His Holiness the Dalai Lama from the gate of his residence to the Tsuglagkhang this morning. Standing before the throne before he sat down, he scanned the faces of the audience as he waved to them in greeting. As has become customary Thai monks recited the Mangala Sutta in Pali. Next the Taiwanese students chanted the ‘Heart Sutra’ in Chinese concluding with an additional verse:

May we dispel the three poisons (anger, attachment and ignorance),
May the light of wisdom shine forth.
May we overcome all obstacles
And enter into the practices of a bodhisattva.

His Holiness intoned a verse of Praise for the Perfection Wisdom: Continua »

Tibet: ex prigioniero politico muore per lesioni legate alla tortura, un gruppo per i diritti umani chiede indagine
Oct 4th, 2018 by admin

Palden Shonu poco dopo la sua morte

Un ex prigioniero politico tibetano è deceduto dopo una lunga malattia a causa delle torture subite in un carcere cinese.

Shonu Palden, 41 anni, è deceduto sulla strada conduce all’ospedale il 30 settembre. La causa della morte è da attribuirsi alle prolungate torture subite nel carcere della Prefettura autonoma tibetana di Kanlho nella provincia del Gansu.

Il TCHRD ha chiesto alle autorità cinesi di avviare prontamente un’indagine approfondita, imparziale e trasparente sulla morte prematura di Palden a causa della torture e della negazione di un’adeguata assistenza medica. “L’obbligo del governo di indagare sui decessi è richiesto per portare il compimento i diritti dei familiari di venire a conoscenza se la morte è stata causata deliberatamente o per negligenza.”

Il rilascio dell’uomo tibetano è avvenuto  prima del suo rilascio previsto nel luglio 2013, causa “molteplici complicazioni di salute” tra cui “arterie bloccate, vista debole, problemi respiratori e uditivi”.

Il gruppo per i diritti TCHRD asserisce che è una prassi regolare rilasciare in anticipo i detenuti  che sono vicini alla morte. “Questo è tipico della pratica del governo cinese di rilasciare i prigionieri in anticipo in modo che i funzionari della prigione possano evitare accuse di aver ucciso i prigionieri”. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama Riprende gli insegnamenti a Dharamsala
Oct 4th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il primo dei quattro giorni di insegnamenti al Tempio Tibetano Principale a Dharamsala, India, il 3 ottobre 2018. Foto di Tenzin Phende/DIIR

3 ottobre 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Quando Sua Santità il Dalai Lama ha raggiunto stamane il Tempio Tibetano Principale, il cortile era già affollato da persone desiderose di vederlo e dargli il benvenuto. All’interno del tempio, Sua Santità ha salutato la folla, i lama seduti ai lati del trono e ha preso posto. Tra le seimila e cinquecento persone presenti, un migliaio sono taiwanesi, la maggior parte dei quali appartenenti alle diverse organizzazioni culturali che fanno capo all’Associazione Internazionale del Dharma Buddhista Tibetano, di Taiwan. Erano presenti inoltre cinquecento indiani e quasi duemila persone provenienti da 66 paesi diversi e oltre tremila tibetani.

I monaci dalla Thailandia hanno aperto la sessione di insegnamenti con la recitazione del Mangala Sutta in lingua Pali. I praticanti di Taiwan hanno poi cantato il Sutra del Cuore in cinese. Sua Santità ha completato le preghiere preliminari recitando i versi di saluto al Buddha tratti dall’ “Ornamento per la chiara realizzazione” e dalla “Saggezza fondamentale della via di mezzo” di Nagarjuna. Poi ha dato il benvenuto a tutti: Continua »

Teaching of Chandrakirti’s ‘Entering into the Middle Way’ Resumes
Oct 4th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking during the first day of his four day teaching at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on October 3, 2018. Photo by Tenzin Phende/DIIR

October 3, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – The majestic Dhauladhar Mountains stood resolute against the clear blue, post-monsoon sky as His Holiness the Dalai Lama walked from his residence to the Tsuglagkhang, the main Tibetan temple, this morning. The temple yard was thronged with people eager to see him, smiles on their faces and hands folded in welcome. Inside the temple His Holiness waved to the crowd, greeted the Lamas seated around the throne and took his seat. Among the 6500 people in attendance, 1000 were Taiwanese, most of them belonging to 18 cultural organizations participating in the International Association of Tibetan Buddhist Dharma, Taiwan. In addition, there were 500 Indians, 1800 people from 66 countries abroad and 3200 Tibetans.

Monks from Thailand made an auspicious beginning to the proceedings as they recited the Mangala Sutta in Pali. Taiwanese disciples then chanted the Heart Sutra in Chinese. His Holiness completed the preliminary formalities by reciting the verses of salutation to the Buddha from ‘Ornament for Clear Realization’ and Nagarjuna’s ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way’. He welcomed everyone in the audience: Continua »

China turning Tibet airport into military airbase, building underground bomb-proof shelters
Oct 3rd, 2018 by admin

Chinese paramilitary police march during a flag raising ceremony in Lhasa in Western China’s Tibet’s Autonomous Region. Image: AP.

The Gonggar airport in Lhasa, Tibet Autonomous Region (TAR), is located just 1,350 kilometres from India’s capital New Delhi. Reports suggest China is turning it into a military airbase.

New Delhi: The security establishment in New Delhi is increasingly getting concerned amid reports that China is allegedly turning the airport in Tibet’s capital Lhasa into a military airbase. The Gonggar airport in Lhasa, Tibet Autonomous Region (TAR), is meant to be a civilian airport aimed at boosting regional connectivity. However, it has been learned that Beijing is building underground bomb-proof shelters at the airport to the station and secure fighter jets there.

This was reported in the Hindustan Times on Wednesday – the newspaper cited three officials familiar with the matter as commenting on New Delhi’s concerns. It has been reported that a ‘taxi track’ has been built that leads from the runway to underground bomb-proof hangers. The hangers have been constructed deep inside the mountains nearby. The report further said the hangars can house around 36 fighter jets or three squadrons. Continua »

La Cina distrugge l’ambiente del Tibet
Oct 3rd, 2018 by admin

La diga di Zangmu sul Brahmaputra suscita serie preoccupazioni in India

Il Parlamento tibetano in esilio ha espresso timori sul fatto che l’equilibrio ecologico della regione del Tar sia in pericolo a causa delle attività minerarie e di costruzione di dighe che hanno conseguenze di vasta portata non solo per l’India ma per l’intera regione.

La diga di Zangmu sul fiume Brahmaputra ha sollevato serie preoccupazioni in India

I membri del Parlamento tibetano in esilio si sono recati in visita a Mumbai per sensibilizzare l’opinione pubblica sul degrado ambientale in Tibet a causa delle attività della Cina nella regione autonoma del Tibet (TAR).

Parlando a un evento a Mumbai, Youdon Aukatsang, membro del Parlamento tibetano in esilio, ha espresso timori sul fatto che l’equilibrio ecologico della regione sia in pericolo a causa dell’attività mineraria e di costruzione di dighe che hanno conseguenze di vasta portata non solo per l’India ma per l’intera regione. Continua »

Tibet: il caso dell’ attivista difensore della lingua tibetana in carcere rivela le carenze del sistema legale cinese
Oct 1st, 2018 by admin

Il verdetto sostenuto dalla Corte popolare del Qinghai ha condannando Tashi Wangchuk, un avvocato difensore della lingua tibetana, a cinque anni di prigione. Il verdetto ha attirato le critiche di diverse organizzazioni per i diritti umani a sostegno del Tibet.

Mentre la sfacciata discriminazione contro la cultura tibetana non è nuova, questo episodio dimostra per l’ennesima volta, come il regime cinese sottopone un clima di terrore i tibetani. L’evidente mancanza di trasparenza all’interno del sistema giuridico evidenzia ancora una volta quanto la Cina sia lontana dal garantire i diritti umani e un vero stato di diritto.

Liang Xiaojun, avvocato difensore della lingua tibetana, Tashi Wangchuk, ha pubblicato un messaggio sul suo account Twitter il 22 agosto 2018 riguardante il verdetto dell’appello di Tashi dopo che è stato accusato di incitamento al separatismo. Continua »

Namkhai Norbu, dal Tibet all’Italia, l’eredità di un Maestro
Oct 1st, 2018 by admin

Namkhai Norbu e il Dalai Lama

Di Raimondo Bultrini. “Giovedì 27 settembre 2018, alle ore 21.00, il Maestro Namkhai Norbu ha lasciato questa esistenza terrena, all’età di 80 anni, in modo sereno e pacifico, nella sua residenza di Gadeling, Merigar (Arcidosso).”

Con queste righe la famiglia e i discepoli hanno annunciato la morte di uno dei più importanti e stimati maestri del buddhismo tibetano nel mondo. A lui voglio rendere omaggio ricordando per chi non lo conosceva le tappe fondamentali di una vita straordinaria e difficile da sintetizzare.

Namkhai Norbu lascia una massiccia eredità di pratiche spirituali e testi di storia e antropologia culturale tibetana raccolti dalla casa editrice della Comunità, la Shang Shung. Pochi altri saggi degli antichi lignaggi dell’Himalaya venuti in Occidente hanno contribuito come lui alla diffusione e divulgazione del buddhismo tibetano delle origini. Ma anche in Cina numerosi studiosi hanno revisionato i testi di storia sulla base delle deduzioni e scoperte del professor Norbu, per 30 anni docente dell’Università Orientale di Napoli. Continua »

Victory for the Human Rights of Tibetans and Americans: Rep Jim McGovern on Reciprocal Access to Tibet Act
Sep 29th, 2018 by admin

Representative Jim McGovern speaking at the public reception for the bipartisan US Congressional Delegation organised by CTA at Tsuglagkhang courtyard in Dharamsala, May 10, 2017. Photo by Tenzin Choejor/OHHDL

Dharamsala: US Congressman Jim McGovern, Democrat from Massachusetts, Co-Chair of the bipartisan Tom Lantos Human Rights Commission and the main author of the Reciprocal Access to Tibet Act, on Tuesday welcomed the passing of the bill in the House of Representatives.  

Today is a great day for human rights… America’s foreign policy ought to send the message that we value human rights. That we stand with those working for freedom. That those values compel us to speak out when we see something that’s wrong. And that we will hold accountable those who violate the basic human rights we are all entitled to. And that’s exactly what this bill today is all about,” he said on the House Floor. 

Rep Jim McGovern (D-Mass) introduced the bill in the house alongside Rep Randy Hultgren (R-Ill.).  Under the ‘Reciprocal Access to Tibet Act’, the Chinese officials who deny Americans entry to Tibet will be denied entry to the US. Continua »

US House passes Reciprocal Access to Tibet Act
Sep 27th, 2018 by admin

Washington, DC: In a major development on the status of Tibet and US-China relations, the US House of Representatives passed the Reciprocal Access to Tibet Act, a bipartisan bill that promotes access to Tibetan areas by denying Chinese government officials access to the United States if they are responsible for creating or administering restrictions on United States officials, journalists and other citizens seeking to travel to Tibet.

Today is a great day for human rights,” said Representative Jim McGovern (D-Mass), who introduced the legislation alongside Representative Randy Hultgren (R-Ill.). “The United States must continue to stand squarely for human rights and speak openly against China’s human rights violations in Tibet.” Continua »

Tibet: tre monaci detenuti in isolamento per aver protestato contro il regime cinese
Sep 26th, 2018 by admin

25 settembre 2018. Tre monaci del monastero di Kirti, situato nella Contea di Ngaba, provincia del Sichuan, sono stati arrestati e si trovano tuttora in stato di isolamento per aver protestato da soli, in tre diversi momenti, contro il regime cinese.

Il primo arresto è avvenuto il 5 settembre. Dorje Rabten, un monaco di ventitré anni appartenente al monastero di Kirti (nella foto) ha lasciato da solo il monastero e ha percorso le strade di Ngaba al grido di “Libertà per il Tibet”. E’ stato immediatamente fermato e non si hanno più sue notizie.

Il secondo arresto è avvenuto il 6 settembre. Tenzin Gelek, un monaco diciottenne appartenente al medesimo monastero ha dato vita a una seconda manifestazione di solitaria protesta invocando pubblicamente la libertà per il suo paese. I giorni precedenti, usando lo pseudonimo “Sarin” aveva postato sul suo account WeChat due frasi di condanna dell’occupazione. “Pensate che io possa continuare a vivere”? si leggeva in uno dei due post indirizzati al “Partito Comunista Cinese”. Continua »

Tibetani spiati in Svizzera
Sep 25th, 2018 by admin

Si moltiplicano i casi di presunte spie cinesi e con essi i timori della comunità in esilio a esprimere le proprie opinioni.  Continua »

Valori umani e educazione, presso l’Università di Scienze Applicate di Zurigo
Sep 25th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama all’Università di Scienze Applicate di Zurigo durante il simposio “Valori umani ed educazione”. Winterthur, Svizzera, il 24 settembre 2018.

24 settembre 2018. Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato il suo hotel per andare a Winterthur dove, al suo arrivo al Centro Congressi, è stato ricevuto da Jean-Marc Piveteau, presidente dell’Università ZHAW (Università di Scienze Applicate di Zurigo). Dopo che Sua Santità ha preso posto sul palco dell’auditorium, Piveteau ha presentato l’evento. “Oggi discuteremo di tolleranza, giustizia e libertà perché è importante essere consapevoli dei valori umani. Un’università è qualcosa di più di un luogo dove si va per conseguire una laurea, è un luogo dove si coltivano idee e valori, impegno e responsabilità. Per noi, Santità, lei rappresenta molti di questi valori e siamo onorati di sentire le sue parole”. “Cari fratelli e sorelle” ha esordito Sua Santità, “quando vedo un volto umano, penso: “Oh! un altro fratello, un’altra sorella umani”. Ci concentriamo troppo su differenze secondarie – nazionalità, etnia, confessione religiosa, status sociale – che danno origine a un senso di separazione tra “noi” e “loro”. Nel mondo di oggi, oltre ai disastri naturali, molti dei problemi che affrontiamo sono creati dall’uomo. Per questo la gente non è felice”. Continua »

‘Human Values and Education’ at Zurich University of Applied Sciences
Sep 25th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking at the symposium on “Human Values and Education” at the Zurich University of Applied Sciences in Winterthur, Switzerland on September 24, 2018. Photo by Manuel Bauer

September 24, 2018, Zurich, Switzerland – There was a chill in the air as His Holiness the Dalai Lama left his hotel to drive to Winterthur this morning. When he arrived at the Conference Centre he was received by Jean-Marc Piveteau, President of ZHAW University (Zurich University of Applied Sciences). Once His Holiness had sat down on the stage in the auditorium, Piveteau introduced the occasion. “We’re talking about tolerance, justice and freedom because it’s important to be aware of human values. A university is about more than just earning a degree, it’s about ideas and values and a commitment to responsibility. For us, Your Holiness, you represent many of these values and we’d like to hear from you.’ “Dear brothers and sisters,” His Holiness responded, “when I see a human face, I think, ‘O, another human brother or sister’. We focus too much on secondary differences between us—differences of community, religion, religious denomination, whether people are rich or poor—which gives rise to a sense of ‘us’ and ‘them’. In today’s world, besides natural disasters, many of the problems we face are of our own creation. As a result, people are not very happy. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Insegnamenti a Zurigo
Sep 24th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il suo insegnamento all’Hallenstadion di Zurigo, Svizzera, il 23 settembre 2018. Foto di Manuel Bauer

23 settembre 2018, Zurigo, Svizzera – Questa mattina, Sua Santità il Dalai Lama si è recato all’Hallenstadion di Zurigo, dove più di novemila persone lo aspettavano per ricevere i suoi insegnamenti. Ha preso posto sul trono, dietro al quale erano appese tre colossali thangka raffiguranti Buddha, Manjushri e Avalokiteshvara. Le preghiere sono state brevi e il Dalai Lama ha iniziato con una sintetica introduzione al Buddhismo. Il Dalai Lama spiegato che nell’antica India le persone che ricordavano le loro vite passate postularono l’esistenza di un sé unico, permanente e autonomo che continua da una vita all’altra; inoltre, molte tradizioni spirituali indiane avevano in comune pratiche per ottenere una mente stabilmente tranquilla e una visione profonda.

“Coltivando la calma dimorante, cerchiamo di eliminare le distrazioni della mente”  ha detto Sua Santità. “Calmare la mente e focalizzarla su un singolo punto si sviluppa in nove stadi, che sono spiegati nel volume intermedio degli “Stadi della Meditazione”. È necessario evitare torpore e pigrizia da un lato, ed eccitazione dall’altro. Conosco un meditatore che è emerso da un ritiro di tre anni e che ha ammesso che la sua mente era più opaca di prima: aveva permesso alla sua mente di sprofondare nel torpore. La mente invece deve essere completamente vigile. Ha bisogno dell’intensità della consapevolezza”. Continua »

Buddhist Teachings as Part of Tibet-Institute Rikon’s 50th Anniversary Celebrations
Sep 24th, 2018 by admin

A view of the stage at the Zurich Hallenstadion during His Holiness the Dalai Lama’s teaching in Zurich, Switzerland on September 23, 2018. Photo by Manuel Bauer

September 23, 2018, Zurich, Switzerland – This morning, His Holiness the Dalai Lama took a shorter drive to reach Zurich’s Hallenstadion where more than 9000 waited to listen to him. He took his seat on the throne against a backdrop of three colossal thangkas depicting the Buddha, Manjushri and Avalokiteshvara. Prayers were brief and he began to give an introduction to Buddhism. He explained how in ancient India people who remembered their past lives prompted the idea that there is a permanent, single, autonomous self that carries on from one life to the next. Common to many Indian spiritual traditions were practices for achieving a calmly abiding mind and special insight.

By cultivating calm abiding we try to eliminate the mind’s distractions,” His Holiness clarified. “Calming your mind and focussing it on a single point is developed in nine stages, which are explained in the middle volume of the ‘Stages of Meditation’. It’s necessary to avoid dullness and laxity on the one hand and excitement on the other. I know a meditator who emerged from a three year retreat and told me his mind was duller than before. He had allowed his mind to sink. The mind needs to be fully alert. It needs the intensity of alertness. Continua »

Further Celebrations of Tibet-Institute Rikon’s 50th Anniversary
Sep 24th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the audience at at Tibet Institute Rikon’s 50th Anniversary Celebration in Winterthur, Switzerland on September 22, 2018. Photo by Manuel Bauer

September 22, 2018, Zurich, Switzerland – Before leaving for Winterthur to attend further celebrations of the Tibet-Institute Rikon’s 50th anniversary this morning, His Holiness the Dalai Lama gave an interview to Swiss television conducted by Islamic scholar and journalist Amira Hafner-Al Jabaji. She began by asking the significance of the Tibet-Institute Rikon. “To start with Swiss people offered to provide work and homes for 1000 Tibetan refugees,” His Holiness responded, “who formed a Tibetan community. Since Buddhism is at the heart of Tibetan culture, it seemed worthwhile to create a small monastery as a cultural institution. Monks there could teach about the human mind and emotions, which, of course, can also be studied from an academic point of view. The Kuhn brothers initially wanted to help Tibetans. Later, they realized that Tibetan culture was something unique and wanted to help preserve it.”

Hafner asked His Holiness for his impressions of Switzerland and he told her that like Tibet it is a mountainous country with pure, clean air, but is much more developed. He added that when he was in Tibet he mostly associated Switzerland with watches, particularly Rolex with its five-point crown symbol. Continua »

Celebrazioni del 50°anniversario del Tibet Institute Rikon – seconda giornata
Sep 23rd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama si rivolge al pubblico del Tibet Institute Rikon in occasione del 50° anniversario dell’istituzione. Winterthur, Svizzera, il 22 settembre 2018. Foto di Manuel Bauer

22 settembre 2018, Zurigo, Svizzera – Prima di partire per Winterthur per partecipare alle ulteriori celebrazioni del 50° anniversario del Tibet-Institute Rikon, questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha rilasciato un’intervista alla televisione svizzera, condotta dalla studiosa e giornalista islamica Amira Hafner-Al Jabaji. Che ha iniziato chiedendo il significato dell’Istituto Tibetano Rikon. “Per cominciare, gli svizzeri si sono offerti di fornire lavoro e case a un migliaio di rifugiati tibetani,” ha risposto Sua Santità, “e questo ha permesso loro di formare una comunità tibetana. Poiché il buddhismo è al centro della cultura tibetana, è sembrato utile creare un piccolo monastero come istituzione culturale. I monaci potevano dare insegnamenti sulla la mente umana e sulle emozioni che, naturalmente, possono essere studiate anche da un punto di vista accademico. I fratelli Kuhn inizialmente volevano aiutare i tibetani, ma poi si sono resi conto dell’unicità della cultura tibetana e hanno deciso di dare un contributo per preservarla”.

La Hafner ha chiesto a Sua Santità le sue impressioni sulla Svizzera e il Dalai Lama ha risposto che è come il Tibet, un paese montuoso con aria pura e pulita, ma molto più sviluppato. Ha aggiunto che quando si trovava in Tibet associava la Svizzera soprattutto agli orologi, in particolare ai Rolex con il loro marchio a forma di corona a cinque punte. Continua »

Celebrazioni del 50° anniversario dell’Istituto Tibetano Rikon
Sep 22nd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta la folla di tibetani riunita per dargli il benvenuto al Tibet Institute di Rikon, Svizzera, il 21 settembre 2018. Foto di Manuel Bauer

21 settembre 2018, Zurigo, Svizzera – Quando Sua Santità il Dalai Lama è arrivato questa mattina, Rudolf Högger, vicepresidente del Board of Trustees del Tibet Institute di Rikon, lo ha ringraziato per essere venuto.

“È mio dovere” ha risposto Sua Santità, “entrambi i miei tutor erano legati al monastero di Rikon, il primo monastero buddhista tibetano in Europa”.

“Ogni volta che ho l’opportunità di parlare con i media ricordo quali sono i miei impegni principali. Il primo, poiché sono un essere umano, uno dei 7 miliardi di persone che vivono oggi, è cercare condividere con gli altri il fatto che la nostra vera fonte di gioia è la pace della mente. Il secondo, da monaco buddhista, è che giudico impensabile che le diverse tradizioni religiose stiano attualmente causando divisioni e morte. E’ possibile per le diverse religioni convivere in armonia? Se guardiamo al caso dell’India, la risposta è sì. Il mio terzo impegno, da tibetano, è mantenere vive le antiche conoscenze che i tibetani hanno preservato per più di mille anni e la lingua – il tibetano –  che le rende tutt’ora accessibili. Inoltre, è mia preoccupazione incoraggiare la protezione del fragile ambiente naturale tibetano”.

“Potete raccontare tutte le storie sensazionali che volete, ma vi chiedo di informare la gente di quanto sia urgente difendere anche i valori interiori”. Continua »

50th Anniversary Celebrations of Tibet Institute Rikon Begin
Sep 22nd, 2018 by admin

The Abbot of Rikon Monastery Ven Thupten Legmon delivering the welcome during during the ceremony commemorating Tibet Institute Rikon’s 50th anniversary in Rikon, Switzerland on September 21, 2018. Photo by Manuel Bauer

September 21, 2018, Zurich, Switzerland – When His Holiness the Dalai Lama met members of the media at his hotel in Zurich this morning Rudolf Högger, Vice President of the Board of Trustees of the Tibet Institute, Rikon, thanked him for coming.

It’s my duty,” His Holiness replied, “both my tutors were involved with Rikon Monastery, the first Tibetan Buddhist monastery in Europe.

Now, whenever I have the opportunity to talk to members of the media, I tell them about my main commitments. First of all, as I’m a human being, one of the 7 billion alive today, I try to share with others that our real source of joy is peace of mind. Secondly, for me as a Buddhist monk, the idea that our different religions are presently causing divisions that lead to people killing each other is unthinkable. Is it possible for different religions to live in harmony with one another? According to the Indian example, one thousand times, yes. Thirdly, as a Tibetan, I’m committed to keeping alive the ancient knowledge that Tibetans have preserved for more than a thousand years, as well as the Tibetan language in which it is expressed. In addition, I’m committed to encouraging the protection of Tibet’s fragile environment.

You may report sensational stories when you can, but I request you also to inform people how much we need to uphold inner values.” Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Happiness and Responsibility
Sep 21st, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking at the dialogue on Happiness and Responsibility in Heidelberg, Germany on September 20, 2018. Photo by Manuel Bauer

Zurich, Switzerland, September 20, 2018 – This morning, leaving the tranquillity of Darmstadt, where the bicycle is a favoured mode of transport, His Holiness the Dalai Lama was driven rapidly to Heidelberg. Reaching this picturesque city on the River Neckar he was taken directly to the City Hall where he was received by Mayor Wolfgang Erichson. After greeting well-wishers gathered on the pavement, His Holiness turned to wave to people watching from surrounding windows. Inside City Hall His Holiness was given an official welcome and invited to sign the Golden Book inscribed by honoured visitors to the city. This was followed by an exchange of gifts. As His Holiness entered the auditorium and took the stage he received warm applause from the 1500 people in the audience.

In his welcoming speech Mayor Wolfgang Erichson extolled the virtues of the beautiful city of Heidelberg. The University of Heidelberg attracts an open-minded student body and is among the 50 top universities in the world. People from 160 nations live in the city, which sees diversity not as a threat but an asset. The Mayor noted that it is possible to learn how cultivate and achieve happiness and he was pleased to report that at least one pioneering school in the city is teaching just that. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama a Heidelberg: Felicità e Responsabilità
Sep 21st, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta la folla al suo arrivo alla Kongresshaus Stadthalle di Heidelberg, Germania, il 20 settembre 2018. Foto di Manuel Bauer

20 settembre 2018, Zurigo, Svizzera –Questa mattina, lasciando la tranquillità di Darmstadt, dove la bicicletta è un mezzo di trasporto più utilizzato, Sua Santità il Dalai Lama è stato accompagnato a Heidelberg. Raggiunta questa pittoresca località sul fiume Neckar, è stato ricevuto in municipio dal sindaco. Dopo aver salutato la folla riunita nella piazza, Sua Santità si è voltato per salutare anche la gente che lo guardava dalle finestre dei palazzi circostanti.

Nel suo discorso di benvenuto, il sindaco Eckart Würzner ha esaltato le virtù della città di Heidelberg. La sua Università attrae studenti da numerosi Paesi ed è considerato uno dei 50 migliori atenei al mondo. In città vivono persone provenienti da 160 differenti nazioni e tutti considerano la diversità una risorsa, non una minaccia. Il sindaco ha ricordato che è possibile imparare a coltivare e raggiungere la felicità ed è lieto di di poter dire che una scuola ha già introdotto questo tema nel proprio curriculum. Durante una breve parentesi musicale, un quintetto di fiati e archi ha suonato un delizioso pezzo di Mozart. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Non-violence and Tibetan Resistance
Sep 20th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking at the discussion on non-violence at Darmstadtium Congress Hall in Darmstadt, Germany on September 19, 2018. Photo by Manuel Bauer

Darmstadt, Germany, September 19, 2018 – Tibetans and other well-wishers gathered to see His Holiness the Dalai Lama off from Rotterdam yesterday morning. The flight to Frankfurt took barely an hour following which he drove into Darmstadt. Among those assembled in the warm sunshine to welcome him at his hotel in the ‘City of Science’ were Tibetans, activists and journalists. His Holiness took the time to interact with them all, especially the children, shaking hands with some, talking to others and occasionally responding to questions. He seemed to be pleased to be meeting several old friends again. This morning as the early sunlight caught the rooftops in the vicinity of Ernst Ludwig Place, His Holiness drove around the block to reach the Darmstadtium Congress Hall. He was welcomed by members of the morning’s panel, notably Lech Walesa, Wolfgang Grader of the Tibet Initiative De, Hessian Minister of Finance, Thomas Schäfer and the Lord Mayor Darmstadt, Jochen Partsch. Rousing applause greeted them as they walked onto the stage. Continua »

Quattro monaci tibetani sono stati arrestati per protesta contro un piano di costruzione.
Sep 20th, 2018 by admin

Le autorità nella provincia occidentale del Sichuan hanno arrestato quattro monaci tibetani per aver protestato pubblicamente contro un piano di costruzione abitativo vicino al loro monastero. I quattro-Nyida, Kelsang e Nesang e il loro ex maestro di canto, Choeje, erano tutti residenti nel monastero di Gomang nella contea di Ngaba nel Sichuan. Continua »

Le parole del Dalai Lama sulla questione dei migranti
Sep 20th, 2018 by admin

Tibetan spiritual leader the Dalai Lama greets the audience in Ahoy Convention Centre in Rotterdam, the Netherlands, on 17 September 2018.

19 settembre 2018. Le parole pronunciate dal Dalai Lama lo scorso 12 settembre nella città svedese di Malmo a proposito della complessa questione dei migranti e dei rifugiati sono state riportate da alcuni media internazionali in modo errato e al di fuori del loro contesto.

A Malmo Sua Santità aveva dichiarato che l’Europa aveva la “responsabilità morale” di aiutare i rifugiati la cui vita era seriamente minacciata. “L’Europa deve riceverli, aiutarli e fornire loro la necessaria istruzione” – aveva aggiunto il Dalai Lama – “ma alla fine di questo percorso devono contribuire allo sviluppo dei loro paesi d’origine”.

Alcune testate giornalistiche e alcuni commenti postati sui social media hanno riportato un’errata e fuorviante interpretazione delle parole del leader religioso tibetano accusato di aver affermato che “tutti i rifugiati devono essere rimpatriati per contribuire nel più breve tempo possibile alla rinascita dei loro paesi”. “Lo stesso Dalai Lama dovrebbe dare l’esempio” – si legge in un tweet – e ritornare nella sua terra”. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: ‘Eight Verses for Training the Mind’
Sep 18th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking to a group of Dutch Parliamentarians in Rotterdam, the Netherlands on September 17, 2018. Photo by Olivier Adam

September 17, 2018, Rotterdam, the Netherlands – When His Holiness the Dalai Lama met six Dutch Parliamentarians this morning he was swift to tell them how much he appreciates their concern for Tibet. As time goes on more and more people come to appreciate that Tibetan culture is sophisticated and useful, while it is being steadily destroyed in Tibet. He pointed out that Tibet has always been politically significant as a buffer between India and China. “We’re not seeking independence because it would likely be difficult to achieve, but if we did, we would remain poor. Tibetans are no more averse to prosperity than anyone else. If we remain with the People’s Republic of China (PRC) we can benefit from China’s powerful economy.

The Chinese constitution recognises various Tibetan areas and we should have the freedom to preserve our language and culture in those regions. We can work together, the Chinese can provide us with material benefit, and we can offer them spiritual support. I greatly admire the spirit of the European Union which gives more importance to the common good than narrow national sovereignty. We could enter into a similar union with China. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Le Otto strofe per l’addestramento mentale
Sep 18th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il suo insegnamento sulle ‘Otto strofe dell’addestramento mentale” a Rotterdam, Paesi Bassi, il 17 settembre 2018. Foto di Olivier Adam

17 settembre 2018, Rotterdam, Paesi Bassi Olanda – Quando Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato stamattina sei parlamentari olandesi, ha subito detto quanto apprezzi la loro preoccupazione per il Tibet. Col passare del tempo, sempre più persone si rendono conto che la cultura tibetana è sofisticata e utile, mentre in Tibet viene costantemente distrutta. Ha sottolineato che il Tibet è sempre stato politicamente significativo come cuscinetto tra India e Cina. “Non stiamo cercando l’indipendenza perché probabilmente sarebbe difficile da ottenere e se lo facessimo ci ritroveremmo più poveri. Come chiunque, iI tibetani non sono contrari alla prosperità e al benessere. Se rimaniamo con la Repubblica Popolare Cinese (RPC) possiamo beneficiare della loro economia forte”.

“La costituzione cinese riconosce varie aree tibetane in cui dovremmo avere la libertà di preservare la nostra lingua e la nostra cultura. Possiamo lavorare insieme: i cinesi possono offrirci dei vantaggi materiali e noi possiamo offrire loro un sostegno spirituale. Ammiro molto lo spirito dell’Unione europea, che attribuisce più importanza al bene comune che alla ristretta sovranità nazionale. Potremmo entrare in un’unione simile con la Cina”. Continua »

Incontro con i tibetani, conversazione con Richard Gere e conferenza pubblica
Sep 17th, 2018 by admin

I responsabili della ICT insieme a Sua Santità il Dalai Lama, durante l’incontro organizzato presso il centro congressi Ahoy di Rotterdam, Paesi Bassi, il 16 settembre 2018. Foto di Jurjen Donkers

16 settembre 2018, Rotterdam, Paesi Bassi – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama si è recato al centro congressi Ahoy dove, in una sala dedicata, più di 5000 tibetani provenienti da Paesi Bassi, Belgio, Gran Bretagna, Spagna e Austria lo stavano già aspettando per ascoltare le sue parole. Il Dalai Lama ha salutato dal palco i suoi connazionali e ha preso posto. Nel frattempo, un delizioso gruppo di bambini tibetani ha cantato una preghiera per la sua lunga vita. Karma Ngawang, vicepresidente della comunità tibetana dei Paesi Bassi, ha dato il benvenuto a Sua Santità e il presidente Lobsang Choedar ha esposto una breve relazione.

“Siamo in esilio da quasi sessant’anni” ha detto Sua Santità “e alcuni di voi stanno vivendo un secondo esilio. Nella nostra patria, il nostro popolo e la nostra cultura sono sull’orlo dell’estinzione. Storicamente abbiamo affrontato alti e bassi, ma ora ci troviamo in un momento cruciale in cui è l’identità tibetana stessa ad essere in pericolo. I tibetani sono benedetti da Avalokiteshvara e noi siamo un popolo naturalmente compassionevole”. Continua »

Meeting Tibetans, in Conversation with Richard Gere, and a Public Talk
Sep 17th, 2018 by admin

International Campaign for Tibet (ICT) Executive Director Tsering Jhampa introducing His Holiness the Dalai Lama and Richard Gere at the start of their conversation at the Ahoy convention centre in Rotterdam, Netherlands on September 16, 2018. Photo by Olivier Adams

September 16, 2018, Rotterdam, the Netherlands – This morning the high blue skies were laced with dispersing vapour trails as His Holiness the Dalai Lama drove to the Ahoy convention centre. In the first hall more than 5000 Tibetans from the Netherlands, Belgium, Britain, Spain and Austria had gathered to listen to him. He waved to them from the stage before taking his seat. Meanwhile, a delightful group of young Tibetan children sang a prayer for his long life.
“We’ve been in exile almost sixty years,” His Holiness began, “and some of you here are in a second exile. In our homeland, our own people and culture are on the verge of extinction. Historically we’ve faced all kinds of ups and downs, but now we’re at a crucial juncture where the very Tibetan identity is under threat. Tibetans are blessed by Avalokiteshvara and we are a naturally compassionate people.

Songtsen Gampo initiated the formulation of a Tibetan literary language based on the letters, vowels and consonants of Indian Devanagari and Shantarakshita encouraged the translation of Indian Buddhist literature into it. During Trisong Detsen’s reign, Buddhism was established on Tibetan soil. Today, Buddhism is in decline while a wider interest in it is growing. Our spirit is undimmed, despite the deaths of thousands. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Compassione e tecnologia alla Nieuwe Kirk di Amsterdam
Sep 16th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama osserva le protesi bioniche di Tilly Lockey durante la discussione su “Robotica e telepresenza” alla Nieuwe Kerk di Amsterdam, Paesi Bassi, il 15 settembre 2018. Foto di Olivier Adam

15 settembre 2018, Amsterdam, Paesi Bassi Olanda – Ieri mattina, sotto un cielo azzurro e soleggiato, Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato Malmö per raggiungere Rotterdam dove è stato ricevuto dai membri della Fondazione Dalai Lama, che hanno organizzato la sua visita nei Paesi Bassi, e che lo hanno accompagnato in città. Ad attenderlo di fronte all’hotel c’erano alcune centinaia di persone tra cui numerose famiglie di tibetani. Sua Santità ha salutato tutti, mentre alcuni artisti in abito tradizionale si sono esibiti per dargli il benvenuto. Una volta che Sua Santità ha raggiunto la sua stanza, l’ambasciatore indiano nei Paesi Bassi, S.E. Venu Rajamony e sua moglie gli hanno fatto una breve telefonata. Il Dalai Lama ha poi incontrato privatamente anche quattro persone, in rappresentanza di un gruppo più ampio di una dozzina, che hanno presentato un rapporto scritto sugli abusi fisici e psicologici che sostengono di aver subito da parte di alcuni insegnanti tibetani e che chiede a Sua Santità di farsi carico della questione. Continua »

Compassion & Technology and the Life of the Buddha at the Nieuwe Kerk
Sep 16th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama looking at a thangka painting of the twelve deeds of the Buddha’s life, part of the exhibit illustrating the ‘Life of the Buddha’ at Nieuwe Kerk in Amsterdam, Netherlands on September 15, 2018. Photo by Jeppe Schilder

September 15, 2018, Amsterdam, the Netherlands – Yesterday morning, under sunny blue skies, His Holiness the Dalai Lama flew from Malmö to Rotterdam. He was received at the airport by members of the Dalai Lama Foundation who have organized his visit to the Netherlands and drove into the city of Rotterdam. About 200 Tibetans, many of them children, and other well-wishers were gathered in front of the hotel to greet him as he arrived. His Holiness walked the entire length of the barriers on which they leaned to return their greetings. Tibetan dancers performed on the hotel forecourt. He was offered a traditional Tibetan welcome just by the door to the hotel. More people were gathered in the lobby inside. Once His Holiness reached his room, the Indian Ambassador to the Netherlands, H.E. Venu Rajamony and his wife paid him a brief courtesy call. His Holiness also met with four people representing a larger group of 12 alleged victims who say Tibetan Buddhist teachers have abused them physically or psychologically. They presented him with written accounts of what they say happened to them and appealed to him to address the problem. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama Incontra gli studenti dell’Università di Malmö
Sep 14th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta i piccoli della comunità tibetana residente in Scandinavia, prima di dell’udienza privata con i membri della comunità tibetana scandinava. Malmö (Svezia) il 13 settembre 2018. Foto di Tseten Samdup

13 settembre 2018, Malmö, Svezia – La seconda giornata della visita di Sua Santità il Dalai Lama in Svezia è iniziata con l’incontro con un centinaio di tibetani residenti in Scandinavia e con una sessantina di membri di gruppi che sostengono la causa del Tibet. Ma prima di sedersi e iniziare a parlare, il Dalai Lama si è fermato a scherzare e giocare con i bambini seduti per terra davanti agli adulti. “Quando sono arrivato qui in Svezia l’altro ieri” ha detto “ero stanco, così ho fatto una doccia e ho dormito per 12 ore. Tagdrak Rinpoche, da cui ho ricevuto molti insegnamenti, era sulla settantina quando l’ho conosciuto e si lamentava di non dormire abbastanza. Io invece non ho questo problema!”

“Sono felice di incontrarvi tutti qui oggi, tibetani, amici e sostenitori. Spesso faccio notare che, poiché la causa del Tibet è una causa giusta, chi la sostiene non è tanto a favore del Tibet quanto a favore della giustizia. Continuiamo la nostra lotta sulla base della non violenza. Dal 1974 non chiediamo l’indipendenza, ma il rispetto dei diritti sanciti dalla costituzione cinese, diritti da mettere in pratica e non solo nella regione autonoma del Tibet, ma in tutte le aree storicamente tibetane, per preservare la nostra lingua e cultura. Oggi in Cina ci sono 400 milioni di buddhisti, molti dei quali riconoscono nel buddhismo tibetano l’autentica tradizione del Nalanda”. Continua »

Talking to Students of Malmö University
Sep 14th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama posing for a group photos with members of the Tibetan community and Tibet support groups after their meeting in Malmö, Sweden on September 13, 2018. Photo by Jeremy Russell

September 13, 2018, Malmö, Sweden – After two days of rain and grey skies, this morning the sun shone on the buildings and seascapes around His Holiness the Dalai Lama’s hotel. His first engagement was to meet approximately 100 Tibetans resident in Scandinavia and about 60 members of Tibet Support Groups. Before taking his seat in the room where they were waiting for him, he took time to laugh and play with the children sitting in the front. “When I arrived here in Sweden the day before yesterday,” he told the gathering, “I was tired so I took a shower and slept for 12 hours. Tagdrak Rinpoche, from whom I received many teachings, was in his 70s when I knew him and he used to complain about not getting enough sleep. It’s not a problem I have.

I’m happy to meet you all here today, Tibetans and our friends and supporters. I often point out that since the cause of Tibet is a just cause, Tibet supporters are not so much pro-Tibet as pro-justice. We continue to keep up our struggle on the basis of non-violence. Since 1974 we have not been seeking independence, but we have been seeking the rights mentioned in the Chinese constitution, rights to be implemented on the ground, not only in the Tibet Autonomous Region but in all Tibetan areas, to preserve Tibetan language and culture. In China today there are 400 million Buddhists, many of whom recognize Tibetan Buddhism as the authentic Nalanda Tradition. Continua »

Intervista al Dalai Lama: “L’educazione è la cura per la rabbia globale. Con la Cina? Vedo progressi”
Sep 13th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Il mio primo impegno è quello che mi viene dall’essere un umano, e provo a promuovere i diritti umani di base come karuna, la compassione.

12 settembre 2018. Pubblichiamo l’intervista concessa dal Dalai Lama al giornalista Raimondo Bultrini e pubblicata in data odierna sul quotidiano La Repubblica.

NEW DELHI. Ghirlande di fiori e sciarpe bianche augurali accolgono il Dalai Lama nell’albergo di New Delhi dove passerà la notte prima del tour europeo che lo porterà da domani in Svezia, Olanda, Germania e Svizzera. Con passo lento e l’aria affaticata per il viaggio dalla sua residenza himalayana di Dharamsala, il leader spirituale tibetano dissipa ogni dubbio sulla sua salute messo in circolazione di recente da alcuni media cinesi e indiani e accetta una intervista con La Repubblica nel salottino della stanza già pronta per il suo riposo. Alle voci aveva già risposto pubblicamente parlandone con i tibetani esuli. “Con le vostre preghiere e i vostri auspici – aveva detto – vi assicuro che posso vivere circa 100 anni”.

Come mai si fanno circolare certe notizie?, lei ci vede una strategia? Continua »

Speaking about ‘Art of Happiness and Peace’ at Invitation of IM
Sep 13th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama answering questions from the audience during his talk in Malmö, Sweden on September 12, 2018. Photo by Erik Törner/IM

September 12, 2018, Malmö, Sweden – Yesterday, His Holiness the Dalai Lama flew directly from Delhi to Sweden. The weather on arrival at Malmö airport was windy and wet; nevertheless he was given a warm welcome by Birthe Müller and Ann Svensén, Chair and Secretary General of IM respectively before driving into the city. IM is a development organisation fighting and exposing poverty and exclusion. It was founded in 1938 by Britta Holmström and now works in thirteen countries worldwide focussing on people´s right to education, good health and the ability to sustain a life in dignity. During a brief meeting with members of the media this morning, His Holiness was introduced by Ann Svensén, who pointed out that this year sees the 80th anniversary of IM’s founding, but also 50 years of partnership with Tibetans. She mentioned IM’s launch in 2016 of Humanium Metal, a metal made from recycled illegal weapons. “We are very happy to have you here,” she said, “and look forward to hearing what you have to say.” Continua »

Teachings for East and Southeast Asians – Fourth Day
Sep 8th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama answering question from the audience on the final day of his teachings for Buddhists from East and Southeast Asia at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on September 7, 2018. Photo by Lobsang Tsering

September 7, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – In the final session of this year’s teachings for Buddhists from East and Southeast Asia His Holiness the Dalai Lama sat on a chair in front of the throne in the Tsuglagkhang and invited the audience to put questions to him. He began by explaining that the real meaning of the Dharma is warm-heartedness.

If you can, serve others, but at least avoid doing them harm. That’s possible whatever your occupation. It’s important to make your Dharma practice part of your daily life. It’s not about just closing your eyes and remaining in isolation. There’s nothing wrong with making money; it’s something we need. And there are many people who are both poor and lack an education who you can help. So, try to be warm-hearted, honest and truthful, while helping others as much as you can.

To maintain energy in your practice you have to remind yourself that it’s up to you. The Buddha made clear that the Enlightened Ones don’t wash unwholesome deeds away with water, nor do they remove the sufferings of beings with their hands, neither do they transplant their own realization into others. It is through teaching the truth of suchness that they help beings find freedom. The key is to transform your own mind and emotions. Continua »

Second Set of Buddhapalita Teachings – Third Day
Sep 7th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama performing preparatory procedures for the Avalokiteshvara Permission while a group chants the ‘Heart Sutra’ in Vietnamese on the third day of his teachings in Dharamsala, HP, India on September 6, 2018. Photo by Tenzin Choejor

September 6, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Once seated on the throne this morning, His Holiness the Dalai Lama announced that he had decided to give the permission of Avalokiteshvara, Liberating Beings from the Lower Realms. In conjunction with that, he said he would also conduct a ceremony for taking the layperson’s and bodhisattva vows. However, first of all, while the prayers and recitations were being done, he would conduct the necessary preparations. Thai monks first chanted auspicious verses in Pali. They were followed by a mixed group of monks, nuns and laypeople who chanted the ‘Heart Sutra’ liltingly in Vietnamese. The ‘Heart Sutra’ was then recited again in Indonesian and was finally declaimed once more in English by a group from Singapore.

His Holiness began by quoting from Aryadeva’s ‘400 Verses’ as a guideline for the day’s discourse.

First prevent the demeritorious,
Next prevent [conceptions of] self;
Later prevent views of all kinds.
Whoever knows of this is wise.
Continua »

Second Set of Buddhapalita Teachings – Second Day
Sep 6th, 2018 by admin

Thai monks chanting in Pali a praise of the Ten Perfections according to the Theravada Tradition at the start of the second day of His Holiness the Dalai Lama’s teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on September 5, 2018. Photo by Tenzin Choejor

September 5, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – The second day of this year’s reading of the Buddhapalitavrtti began with Thai monks chanting in Pali a praise of the Ten Perfections according to the Theravada Tradition. These perfections include: generosity, ethics, renunciation, wisdom, energy, patience, truthfulness, determination, loving-kindness and equanimity. Next, nuns and monks led the 350 Koreans in reciting the ‘Heart Sutra’ in Korean to the rhythmic beat of a wooden fish gong, a ‘moktak’, which symbolises alertness. His Holiness the Dalai Lama began by acknowledging the efforts that members of the audience had made to come to attend these teachings.

Today, in the 21st century, we have made good material and technological progress and yet religious traditions that are thousands of years old are still with us. They are helpful to us. Some of them rely on faith because that is what is most beneficial for some people. In India religious traditions have emerged that rely on reason and investigation, which have given rise to various philosophical ideas. Continua »

Second Set of Buddhapalita Teachings – First Day
Sep 5th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama waving to the audience on his arrival at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on September 4, 2018. Photo by Tenzin Choejor

September 4, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, under skies that are beginning to clear as the monsoon recedes, His Holiness the Dalai Lama walked from his residence to the Tsuglagkhang, smiling, waving and greeting people as he went. An estimated 6000 people awaited him in the Main Temple, its surroundings and in the yard below. Of these, 1200 were from East and South-east Asian countries—Korea, Malaysia, Vietnam, Thailand, Indonesia and Singapore, including ordained and lay-people. Of an estimated 1700 people from 71 countries in other parts of the world, the largest contingent was from Israel. Inside the temple, His Holiness waved to the audience, greeted senior Thai and Korean monks, as well as the Ganden Throne-holder, before taking his seat on the throne. The Mangala Sutta was recited first in Pali by a group of Thai monks, after which the ‘Heart Sutra’ was chanted in Chinese, concluding with the following verse:

May we dispel the three poisons.
And light the lamp of wisdom.
May all obstacles be overcome and
May we engage in the deeds of bodhisattvas.
Continua »

Tibet: la dura mano cinese discrimina le donne
Sep 3rd, 2018 by admin
Intervista a Dechen Dolkar, Rappresentante delle Donne Tibetane Esuli in Italia, un racconto di repressione, discriminazione, carcerazioni e asfissiante controllo sociale e politico.

Il processo di spoliazione culturale e sociale in Tibet per mano cinese è in atto da lungo tempo, il tutto si è esacerbato dopo la mano dura applicata dalla Cina tra il 1956 e ’59, epoca in cui il Dalai Lama ha trovato rifugio in Cina, in realtà più di 80.000 tibetani fuggirono all’estero in quel tempo. In special modo dopo la insurrezione tibetana del 2008 la Cina ha avviato una politica su due piani, quello repressivo tout court che ha determinato l’esilio forzato di autorità religiose, intellettuali e civili di varia estrazioneogni tentativo di opposizione anti-cinese è stato bollato come ‘separatista o estremista‘ e numerose sono state le carcerazioni per spegnere ogni voce tibetana dissidente.  Continua »

China spends big in Tibet to avert a crisis when the Dalai Lama dies
Sep 3rd, 2018 by admin

Barry Kerzin, an American monk and the Dalai Lama’s personal physician, told NBC News that he is “perfectly fit.

China is increasingly trying to enhance its image by casting itself as the largest nation of Buddhist believers.
LHASA, China. China is pouring billions of dollars into Tibet as Beijing seeks to cement its control before the succession struggle that is likely to follow the death of the Dalai Lama.

During a rare Chinese government-organized visit to the region, local officials described a development program that they contend will bring prosperity to the 3.3 million Tibetans who inhabit a vast area roughly double the size of Texas.

The massive infrastructure projects include new airports and highways that cut through the world’s highest mountains, with planned investment totaling $97 billion.

The investment plan aims to protect Tibetan Buddhism’s holy sites while building a sustainable “green economy” that safeguards the fragile environment that is an average elevation of 13,000 feet above sea level.

According to official figures, China has also already spent over $450 million renovating Tibet’s major monasteries and other religious sites since the 1980s. An additional $290 million has been budgeted for the next five years.

The huge investment by China comes as the officially atheist country increasingly tries to enhance its image by casting itself as the largest nation of Buddhist believers. China claims some 300 million Buddhists of various schools, of which Tibetan Buddhism is one.

The effort comes as China faces charges from rights groups and exiles of repressing the Tibetan people. China has ruled Tibet with an iron fist since 1951, a year after its troops marched in.

Last month, Vice President Mike Pence said Tibet’s people “have been brutally repressed by the Chinese government.” And in June, the U.N. High Commissioner for Human Rights said conditions were “fast deteriorating” in Tibet. Continua »

Nascosto ma non dimenticato: la commemorazione delle sparizioni forzate illumina gli oscuri segreti della prigione del Tibet
Sep 1st, 2018 by admin

Il difensore della lingua tibetana Tashi Wangchuk

Alla fine di gennaio 2016, il difensore della lingua tibetana Tashi Wangchuk è scomparso. Come tanti altri tibetani prima e dopo, è semplicemente svanito nel nulla  senza lasciare traccia, la sua famiglia sconvolta è stata lasciata a meditare sul suo destino.

Due mesi prima Tashi era apparso in un film documentario del New York Times e in un articolo in cui aveva delineato le sue paure per la sopravvivenza a lungo termine della lingua e cultura tibetana e le sue preoccupazioni che sotto il dominio cinese la prossima generazione di tibetani potrebbe crescere incapace di parlare la loro lingua madre. Avrebbe potuto scegliere di farlo in modo anonimo, ma Tashi ha insistito per parlare ai giornalisti e voleva parlare al mondo del Tibet. Continua »

Tibet: La storia di Adhe torturata dai cinesi per 27 anni
Aug 27th, 2018 by admin

Ama Adhe

Arrestata perché guidava il movimento femminile contro Pechino. È stata seviziata e stuprata per “essere rieducata”. Le ONG delle attiviste costrette all’esilio in India lavorano per preservare la religione e la cultura del Paese delle nevi. Ricordo ancora il giorno in cui sono andata alla protesta. Eravamo circa 300 manifestanti di sesso femminile, e avevamo deciso di pregare per l’armonia del nostro paese. Sapevo che avrei potuto essere arrestata perché stavamo pregando per Sua Santità il Dalai Lama, ma non ho mai pensato che mi avrebbero messo in prigione per 27 anni”.

Ama Tapontsang, notoriamente conosciuta come Ama Adhe. È un modello di determinazione e forza per tutti coloro che conoscono il suo contributo nella comunità tibetana come attivista per la libertà.

Nel 1954, quando la Cina iniziò ad invadere il Tibet il regime cinese aveva demolito i monasteri e ucciso migliaia di innocenti in Tibet. Ama Adhe era uno di quei nomadi che si sono schierati contro il regime cinese. Continua »

Famiglia tibetana privata del sussidio di povertà perché ha una foto del Dalai Lama
Aug 17th, 2018 by admin

Le autorità della contea di Lithang, in Tibet, nella provincia occidentale del Sichuan in Cina, hanno negato i sussidi statali ad una famiglia bisognosa perché trovata in possesso di una foto del capo spirituale esiliato del Dalai Lama. Continua »

Visita all’Istituto per l’istruzione superiore del Dalai Lama
Aug 14th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama parla con i Geshe che studiano all’Istituto di Educazione Superiore del Dalai Lama a Sheshagrihalli, Karnataka, India, il 13 agosto 2018. Foto di Tenzin Choejor

13 agosto 2018. Bangalore, India – L’ultimo appuntamento del tour indiano di Sua Santità il Dalai Lama è stata una visita all’Istituto per l’Educazione Superiore del Dalai Lama (DLIHE). Di primo mattino, sotto un cielo più terso di quanto non lo fosse stato nei giorni precedenti, ha lasciato la città del Bangalore per recarsi a Sheshagrihalli, lungo la strada per Mysore.
Al suo arrivo è stato accolto da canti e dal tradizionale “chema changphu” tibetano. Accompagnato nel nuovo blocco del collegio maschile, è stato invitato a scoprire la targa commemorativa in occasione dell’inaugurazione. Il Dalai Lama ha poi salutato i membri dei consiglio di amministrazione della Fondazione Staub Kaiser e della Fondazione Giuseppe Kaiser (Svizzera) che hanno sostenuto finanziariamente i lavori.

Nell’ufficio dell’Istituto, Sua Santità ha incontrato 23 Geshe che, con il sostegno del Dalai Lama Trust, hanno studiato inglese e cinese e a cui ha chiesto innanzi tutto a quali monasteri appartenevano e quanti erano nati in Tibet e dove. Continua »

Visiting the Dalai Lama Institute for Higher Education
Aug 14th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the crowd of more than 6000 at the Dalai Lama Institute of Higher Education in Sheshagrihalli, Karnataka, India on August 13, 2018. Photo by Tenzin Choejor

August 13, 2018. Bengaluru, India – The last engagement of His Holiness the Dalai Lama’s current Indian tour was a visit to The Dalai Lama Institute for Higher Education (DLIHE). Early this morning, under skies that were clearer than they have been for some days, he drove out of Bengaluru city to the Institute at Sheshagrihalli on the Mysore road. He was welcomed by women singing and was offered the traditional Tibetan ‘chema changphu’ as he arrived. Escorted into the new Men’s Hostel block, he was invited to unveil a commemorative plaque to mark its inauguration. He greeted members of the boards of the Staub Kaiser Foundation and the Giuseppe Kaiser Foundation of Switzerland that have supported the construction.

In the Institute’s Office His Holiness met with 23 Geshes who have been studying English and Chinese intensively with the support of the Dalai Lama Trust. Sitting down with them he first asked which monasteries they belonged to, how many had been born in Tibet and where. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Conferenza pubblica “La saggezza indiana e il mondo moderno”
Aug 13th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama accende la lampada prima del suo discorso su “La saggezza indiana e il mondo moderno” a Bangalore, Karnataka, India, il 12 agosto 2018. Foto di Tenzin Choejor

12 agosto 2018. Bangalore, India – Stamattina Sua Santità il Dalai Lama si è rivolto nuovamente a un pubblico di oltre mille persone, a Bangalore. Ricevuta la tradizionale accoglienza, accesa la lampada votiva e reso omaggio alle immagini sacre allestite sul palco, Sua Santità ha salutato a lungo il pubblico prima di sedersi. Nella sua introduzione Veer Singh ha definito Sua Santità un essere umano straordinario e che quando la gente ne loda la semplicità, la gioia, l’innocenza infantile, è perché Il Dalai Lama è un vero praticante spirituale.

“Buongiorno a tutti, spero che abbiate dormito abbastanza e che non vi addormenterete durante il mio discorso” ha esordito scherzosamente Sua Santità. “L’antica saggezza indiana nell’India contemporanea è uno dei miei argomenti preferiti. Nonostante gli sviluppi materiali, tecnologici e scientifici che vediamo intorno a noi, stiamo attraversando una crisi emotiva. Non credo che la preghiera da sola sia un modo efficace per creare la pace nelle comunità”. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Indian Wisdom and the Modern World
Aug 13th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the audience during his talk in Bengaluru, Karnataka, India on August 12, 2018. Photo by Tenzin Choejor

August 12, 2018. Bengaluru, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama returned to the ballroom of the hotel where he is staying to address a packed audience of more than 1000. He was again given a traditional welcome, lit a lamp and paid his respects before the sacred images set up at the back of the stage. He scanned the faces of members of the audience and waved to them before he sat down. In his introduction Veer Singh referred to His Holiness as an extraordinary human being. He observed that when he hears people praise his simplicity, his joy, his childlike innocence, he reminds himself that His Holiness manifests these qualities because he is a spiritual practitioner. “Good morning everybody, I hope you all got enough sleep so you won’t doze off and discourage me during my talk.” His Holiness teased the audience. “‘Ancient Wisdom in Modern India’ is one of my favourite subjects. Despite the material, technological and scientific developments we see around us, we are passing through an emotional crisis. I don’t think prayer alone is an effective way of stabilizing the community. Continua »

La fabbrica dei certificati di morte del Dalai Lama
Aug 13th, 2018 by admin

Il Dalai Lama mostra un orzaiolo alla stampa

di Raimondo Bultrini, La Repubblica 12/08/2018

Di recente il media giapponese Nikkei ha pubblicato una presunta rivelazione fatta da qualche anonimo membro dell’entourage del premier indiano Narendra Modi sulle condizioni di salute del Dalai lama, leader spirituale del Tibet, in esilio in India dal 1959.

In sostanza lo si dà per moribondo, al punto che Modi avrebbe parlato a Pechino con la sua controparte cinese Xi Jinping sul modo di trattare la “questione tibetana” una volta che il Dalai lama sarà –ben presto, secondo l’articolo – in un altro mondo.

Non oso definire “spazzatura” queste notizie riprese anche da un importante quotidiano italiano, come fa il medico personale del Dalai, il dottor Tsetan Dorji Sadutshang nell’intervista che pubblico qui. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Coraggio e Compassione nel XXI secolo
Aug 12th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama parla a una platea di giovani professionisti e studenti a Bangalore, Karnataka, India, l’11 agosto 2018. Foto di Tenzin Choejor

11 agosto 2018. Bangalore, India – Stamattina Sua Santità il Dalai Lama è stato invitato da Vidyaloke, un’organizzazione il cui nome significa “luce della saggezza” e che ha lo scopo di favorire la riscoperta delle antiche tradizioni spirituali indiane tra cui il Buddhismo, a parlare con i giovani professionisti e gli studenti. Entrato nella sala conferenze, ha ricevuto la tradizionale accoglienza indiana con fiori, incenso, musica e così via. Ha poi partecipato all’accensione di della lampada votiva per inaugurare l’incontro. Veer Singh ha rivolto un saluto e un ringraziamento ai sostenitori di Vidyaloke. “Fratelli e sorelle, voglio innanzitutto chiarire che uso sempre queste parole per testimoniare che tutti i 7 miliardi di esseri umani che vivono oggi su questo pianeta fanno parte della stessa famiglia. Se vogliamo creare un mondo più pacifico, abitato da individui pacifici, abbiamo bisogno di dedicare maggiore attenzione agli altri, essere altruisti. Questo ci dà forza interiore, fiducia in noi stessi. Quando non ci curiamo del prossimo e ci sentiamo al centro dell’universo, siamo costantemente perseguitati dal sospetto. Non importa quanto siete istruiti o ricchi, se non avete pace nella vostra mente, non sarete mai felici”. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Vidyaloke Talk for Young Professionals and Students
Aug 12th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama lighting a lamp to inaugurate his talk in Bengaluru, Karnataka, India on August 11, 2018. Photo by Tenzin Choejor

August 11, 2018. Bengaluru, India – This morning His Holiness the Dalai Lama was invited by Vidyaloke, a group whose name alludes to the light of wisdom, dedicated to rekindling appreciation of ancient Indian spiritual traditions of which Buddhism is part, to talk to Young Professionals and Students. When he entered the hall he was accorded a traditional Indian welcome with flowers, incense, music and so forth. He then took part in lighting a lamp to inaugurate the occasion. Veer Singh offered a few words of greeting and thanks to Vidyaloke’s supporters. A hush fell upon the crowd and His Holiness began to speak: Brothers and sisters, firstly I want to make clear that I use these words because of the sense I have of the oneness of all 7 billion human beings alive today. If we are to create a more peaceful world, made up of peaceful individuals, we need a greater concern for others—altruism. That gives inner strength, self-confidence. When you don’t have much concern for others and you feel you’re the centre of the universe, you’ll be dogged by feelings of suspicion left and right. No matter how educated or wealthy you are, if you don’t have peace of mind, you won’t be happy. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Grazie Karnataka
Aug 11th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante l’evento Thank You Karnataka a Bangalore, Karnataka, India, il 10 agosto 2018. Foto di Tenzin Choejor

10 agosto 2018. Bangalore, India – Ieri mattina, Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato Goa per un breve volo che lo ha portato a Bangalore. Arrivato al suo hotel, è stato accolto da un folto gruppo di tibetani che vivono nel Karnataka. Tashi Shölpa e Gyal Shay si sono esibiti sul piazzale dell’hotel, mentre due giovani in costume tibetano tradizionale hanno offerto il tradizionale chemar changpu. Ganden Tri Rinpoche, seguito da altri dignitari, ha formalmente salutato Sua Santità. Gli abati dei vari monasteri sorti negli insediamenti tibetani attendevano nel frattempo il Dalai Lama nella hall.

Questa mattina, prima di partire, Sua Santità ha rilasciato un’intervista a Shoba Narayan, giornalista e scrittrice di Bangalore che gli ha innanzitutto chiesto come si fa ad invecchiare bene. Dipende da persona a persona – ha detto il Dalai Lama – nel suo caso è grazie alla sua formazione nella Tradizione del Nalanda, con il suo uso della ragione e della logica. Anche se da bambino era riluttante a studiare, col passare del tempo ha iniziato ad apprezzare il valore di ciò che aveva imparato. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Thank You Karnataka
Aug 11th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama presenting a Dharma Wheel to Karnataka Chief Minister, HD Kumaraswamy in gratitude to the Karnatakan public during the Thank You Karnataka program in Bengaluru, Karnataka, India on August 10, 2018. Photo by Tenzin Choejor

August 10, 2018. Bengaluru, India – Leaving Goa yesterday morning, His Holiness the Dalai Lama took a short flight to Bengaluru. He drove into the city and was welcomed at his hotel by a large contingent of Tibetans who live in Karnataka. Tashi Shölpa and Gyal Shay dancers performed on the hotel forecourt, while a young man and woman in Tibetan costume offered the traditional ‘chemar changpu’. Ganden Tri Rinpoche, followed by other hierarchs, formally greeted His Holiness. Abbots of the various monasteries in the Tibetan settlements lined the lobby to the lifts. His Holiness reached his room in time for lunch.

This morning, before going out, His Holiness gave an interview to Shoba Narayan, a journalist, author and Bangalorean. She began by asking him what he had learned about aging well and he told her that this would vary from one individual to another. In his case, he trained in the Nalanda Tradition, with its thorough use of reason and logic. Although, as a child, he was reluctant to study, as time went on he began to appreciate the value of what he had learned. Continua »

Dalai Lama in good health: Personal physician slams news report’s claims of prostate cancer
Aug 11th, 2018 by admin

This is fake news,” Dr Tseten Dorjee, the personal physician to the Dalai Lama, told The New Indian Express. “He is doing very well, and if that was not the case he would not have given discourses for 3 days in a row and taken this 10-day trip to Latvia and Lithuania.”

Beijing reports that he is terminally ill, His Holiness the Dalai Lama left on a 10-day lecture tour of the Baltic states Tuesday.

On Monday, an ‘exclusive’ report by a website citing unnamed Indian intelligence sources claimed that the Tibetan leader “is suffering from prostate cancer and has been undergoing treatment in the US for the last two years.

Asserting that “his ailment has advanced well into the last stages,” the report also says that both Indian and Chinese intelligence agencies were aware of this ‘for months.’

This is fake news,” Dr Tseten Dorjee, the personal physician to the Dalai Lama, told The New Indian Express. “He is doing very well, and if that was not the case he would not have given discourses for 3 days in a row and taken this 10-day trip to Latvia and Lithuania.”

The Dalai Lama’s health has been a cause of constant concern for his followers and well-wishers worldwide, particularly since China has announced that it would replace him with a “Chinese reincarnate” after his demise. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: L’importanza dell’antica saggezza indiana nell’India contemporanea
Aug 10th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama al Goa Institute of Management di Bambolim, Goa, India, l’8 agosto 2018. Foto di Tenzin Choejor

8 agosto 2018. Bambolim, Goa, India – Stamattina Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato il suo hotel in riva al mare per raggiungere il Goa Institute of Management (GIM) di Sanquelim. L’Istituto, considerato una delle più prestigiose business school del paese, conta 672 studenti a tempo pieno e 90 part-time, il 42% dei quali donne, e quest’anno festeggia il 25° anniversario dalla sua fondazione.

Durante il breve viaggio, il cielo era coperto da nubi monsoniche, i campi e gli alberi verdi e brillanti e le strade scorrevoli, grazie all’efficiente gestione del traffico da parte della polizia. Sua Santità è stato accolto al suo arrivo dal Direttore del GIM, Ajit Parulekar, e dal Presidente del Consiglio di Istituto, Ashok Chandra, che lo hanno accompagnato attraverso l’aula magna fino al palco, dove è salito tra applausi scroscianti. Come di consueto, il Dalai Lama ha partecipato all’accensione della lampada inaugurale. Il presidente Ashok Chandra, a nome dell’Istituto, ha detto a Sua Santità che è motivo di grande orgoglio averli onorati accettando il loro invito. Continua »

A Visit to the Dalai Lama’s Birthplace
Aug 9th, 2018 by admin


Takster is a footnote in the long history of Tibet; it would be all but unremarkable if it were not the birthplace of the 14th Dalai Lama

A Visit to the Dalai Lama’s Birthplace

 Takster tells a story of modern China: lingering poverty, resurgent Han nationalism, and persecuted minorities.

By Tim Robertson, August 07, 2018

On July 6, Tenzin Gyatso, the 14th Dalai Lama, celebrated his 83rd birthday in Ladakh, the Himalayan region in the Indian state of Jammu and Kashmir. On the other side of the world’s highest mountain range sits Lhasa, the Tibetan capital that he fled in 1959 during the Tibetan Uprising. The Dalai Lama has never been allowed to return. His has been a life lived in exile. But even Lhasa, home to the Jokhang Temple and Potala Palace, was a world away from the place where Tenzin Gyato was born.

Takster is a small village in the far northeast of the Tibetan plateau, in the region of Amdo (these days, it’s part of the Chinese province of Qinghai). In his biography, Freedom in Exile, the Dalai Lama writes of Takster: It was a small and poor settlement which stood on a hill overlooking a broad valley. Its pastures had not been settled or farmed for long, only grazed by nomads. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: The Relevance of Ancient Indian Knowledge in Contemporary India
Aug 9th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting the audience on his arrival on stage for his talk at the Goa Institute of Management in Sanquelim, Goa, India on August 8, 2018. Photo by Tenzin Choejor

August 8, 2018, Bambolim, Goa, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama left his hotel at the sea’s edge to drive 35kms inland to the Goa Institute of Management (GIM) in Sanquelim. The Institute, rated one of the leading business schools in the country has 672 full-time and 90 part-time students, 42% of whom are women,and is celebrating its 25th anniversary.

The skies were heavy with monsoon clouds, the fields and trees were vivid green, but the roads were remarkably clear due to efficient police traffic management. His Holiness was welcomed on arrival by Director, Ajit Parulekar and the Chairman of the Board, Ashok Chandra, who escorted him through the hall to the stage. When he stepped out onto it an affectionate cheer went up. As is customary, he participated in lighting the inaugural lamp.

Chairman Ashok Chandra, on behalf of the Institute told His Holiness that it was a matter of great pride that he had honoured them by accepting their invitation. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Arrives in Goa
Aug 8th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama receiving a traditional welcome on his arrival at the airport in Dabolim, Goa, India on August 7, 2018. Photo by Jeremy Russell

August 7, 2018. Bambolim, Goa, India – After coming down from Ladakh last Saturday, His Holiness the Dalai Lama spent two days in Delhi in the course of which several people came to see him. Among them were members of a Thai-Tibetan Exchange Program. “I am very happy that we are making a new beginning to build closer ties between the Thai and Tibetan traditions,” His Holiness told them. “In the 1960s we sent four monks to Bangkok and they learned the Thai language and so forth, but the connection lapsed. Buddhism teaches that we are responsible for our own actions. To begin with the Buddha was an ordinary being like us, but as a result of intense practice over a very long time he eventually became enlightened at Bodhgaya. He taught that we all have Buddha nature and emphasised not just prayer but training the mind. When the Buddha’s teachings were introduced to Tibet in the 8th century by Shantarakshita, he established the practice of Vinaya, the foundation of the Buddhadharma, by ordaining the first seven monks. To this day, we also maintain the practice of the Vinaya in common with other Buddhist traditions.” Continua »

Sua Santità il Dalai Lama Inaugura il parco pubblico a Juma Bagh
Aug 6th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante la cerimonia di inaugurazione del parco a Juma Bagh a Leh, Ladakh, India, il 3 agosto 2018. Foto di Tenzin Choejor

Leh, Ladakh, India – Questa mattina, ultimo giorno di permanenza nel Ladakh, Sua Santità il Dalai Lama su invito dell’Anjuman Moin-ul-Islam ha partecipato all’inaugurazione di un nuovo parco pubblico a Juma Bagh. Preceduto lungo la strada dalla folla in attesa di salutarlo, il Dalai Lama è stato accolto a Juma Bagh  da Abdul Quayum che lo ha invitato a scoprire la targa commemorativa della giornata.

Una volta che Sua Santità ha preso posto insieme gli altri ospiti, il dottor Quayum ha salutato tutti dicendo “As-salamu alaykum, Tashi Delek, Juleh e benvenuti”; ha spiegato che era stata una decisione dell’Anjuman Moin-ul-Islam quella di creare in quella zona un parco, dove le famiglie potessero rilassarsi e stare insieme, anziché costruire un hotel o degli uffici. Il parco dispone di diverse aree dove poter mangiare, una palestra e un centro per il tiro con l’arco. I progetti futuri includono l’esposizione di mostre provenienti da ogni parte del Ladakh. Abdul Quayum ha poi richiamato l’attenzione di Sua Santità su un negozio aperto da una persona disabile per dare lavoro ad altri portatori di handicap, che realizzano oggetti con materiali riciclati. Continua »

One Step closer to Predicting Tibet’s Devastating Quakes
Aug 5th, 2018 by admin

By Alice Shen, South China Morning Post

The Scientists in the United States led by a Chinese geologist have made a discovery that could help explain why the Tibetan plateau is a centre for seismic activity and assist in predicting future tremors.

According to Song Xiaodong, who headed the study at the University of Illinois, the upper mantle layer of the Indian tectonic plate was torn into four pieces when it collided with the Eurasian Plate tens of millions of years ago.

The collision between the Indian and Asian tectonic plates produced some of the deadliest earthquakes in the world,” said Song in the study published on Tuesday in the American edition of the Proceedings of the National Academy of Sciences. Song is also a researcher at Wuhan University in central China. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Inaugurates a Public Park at Juma Bagh
Aug 3rd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the gathering at the farewell luncheon at the Shewatsel teaching ground in Leh, Ladakh, J&K, India on August 3, 2018. Photo by Tenzin Choejor

August 3, 2018, Leh, Ladakh, J&K, India – This morning, on the final day of engagements during his current visit to Ladakh, His Holiness the Dalai Lama drove up to the section of Leh behind the old palace. He had been invited by the Anjuman Moin-ul-Islam to inaugurate a public park they have created at Juma Bagh. Groups of people stood at the side of the road all along the route to greet him. On arrival at Juma Bagh he was welcomed by Dr Abdul Quayum who requested him to unveil a commemorative plaque symbolic of inaugurating the park. Once His Holiness and other guests were seated, Dr Quayum greeted them, saying, “As-salamu alaykum, Tashi Delek, Juleh and welcome”. He explained that while they could have built a hotel or business centre on the site, Anjuman Moin-ul-Islam decided instead to create a park where families could relax together: a place of greater public value. The park includes several places to eat, a gym and an archery centre. Future plans include displays from every part of Ladakh. Dr Quayum drew His Holiness’s attention to a shop set up by a Mr Iqbal, who, handicapped himself, has created employment for other handicapped people making goods from recycled materials. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama Visita l’Eliezer Joldan Memorial College e la moschea Imam Barga
Aug 3rd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama partecipa ad una breve preghiera al suo arrivo alla moschea Imam Bargah vicino a Choglamsar. Leh, Ladakh, India, il 2 agosto 2018.

2 agosto 2018. Leh, Ladakh, India – Stamattina Sua Santità il Dalai Lama ha fatto visita all’Eliezer Joldan Memorial (EJM) College, l’università pubblica di Leh, dove è stato accolto dal rettore Deskyong Namgyal e e dove più di 1500 studenti e staff lo stavano aspettando. Dopo che gli studenti hanno intonato una canzone che inizia con il rifugio nel Buddha, nel Dharma e nel Sangha e prosegue con le lodi di Sua Santità, il Preside ha formalmente accolto il Dalai Lama per la sua prima visita all’EJM. Ha spiegato che l’Università è stata istituita nel 1994 e offre corsi di laurea in scienze, arti e commercio. Nel 2004, il governo del Jammu e Kashmir ha deciso di intitolare l’ateneo a Eliezer Joldan, di origine cristiana, poiché è stato il primo laureato ad insegnare nel Ladakh. Otsal Wangdu ha detto a Sua Santità quanto fossero onorati gli studenti e il personale della sua presenza e ha sottolineato l’impegno dell’Università a combinare l’istruzione moderna con l’antica saggezza indiana. Continua »

Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama al T.C.V. Choglamsar di Leh
Aug 3rd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante la sua visita alla scuola Choglamsar di Leh, Ladakh, India, il 1° agosto 2018. Foto di Tenzin Choejor

1 agosto 2018, Leh, Ladakh, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha fatto visita alla scuola Choglamsar del Tibetan Children’s Village dove, al suo arrivo, già lo attendevano tibetani di tutte le età e gruppi di musicisti per dargli il più festoso dei benvenuto. Camminando dalla sua auto al palco coperto, allestito nel cortile della scuola, Sua Santità si è fermato di tanto in tanto per benedire gruppi di anziani, infermi e portatori di handicap che lo aspettavano. I funzionari scolastici e l’ex membro del Rajya Sabha, Thiksey Rinpoche, lo hanno accolto sul palco, mentre nel frattempo la banda degli studenti eseguiva gli inni nazionali tibetano e indiano.

Il direttore della scuola, Chemey Lhundup, ha poi presentato una breve relazione sui recenti sviluppi dell’istituto, concentrandosi in particolare sulla creazione di un’unità per la cura dei bambini con bisogni speciali e l’introduzione di personale e strutture specificamente dedicate a loro. Il progetto è stato sostenuto dal Dalai Lama Trust. Continua »

His Holiness the Dalai Lam Visits to Eliezer Joldan Memorial College and the Imam Barga
Aug 3rd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama gestures as he answers questions from the audience during his talk at Eliezer Joldan Memorial College in Leh, Ladakh, J&K, India on August 2, 2018. Photo by Tenzin Choejor

August 2, 2018. Leh, Ladakh, J&K, India – This morning His Holiness the Dalai Lama was invited to Eliezer Joldan Memorial (EJM) College, a government degree college in Leh. He was welcomed at the door to the auditorium by the Principal Deskyong Namgyal and escorted to his seat on the stage. More than 1500 students and staff sat before him on the carpeted floor. After students had sung a song that began with taking refuge in the Buddha, Dharma and Sangha and went on to praise His Holiness, the Principal formally welcomed him for his first visit to EJM College. He explained that the College was first set up in 1994 and offers degree courses in science, arts and commerce. In 2004 the Jammu & Kashmir Government decided to name the College after Eliezer Joldan, who, coming from a Christian family, was the first trained graduate to teach in Ladakh. President Otsal Wangdu told His Holiness how honoured the students and staff of the College were to receive him, assuring him of the College’s interest in combining modern education with ancient Indian knowledge. With a nod to the staff, His Holiness greeted his respected elder brothers and sisters and smiling at the students, saluted them as his special younger brothers and sisters. Continua »

Ultima giornata di insegnamenti e iniziazione a Leh di Sua Santità il Dalai Lama
Aug 2nd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante la lettura della ‘Guida allo stile di vita del Bodhisattva’, l’ultimo giorno dei suoi insegnamenti a Leh, Ladakh, India, il 31 luglio 2018. Foto di Tenzin Choejor

31 luglio 2018. Leh, Ladakh, India – Il sorriso raggiante sul volto di Sua Santità il Dalai Lama, mentre camminava dalla sua residenza allo Shiwatsel, rivelava quanto fosse contento di vedere tutti anche questa mattina. Dal trono si è rivolto alla folla che oggi ha sfiorato le 30.000 persone. “Oggi continueremo a leggere il testo di Shantideva http://www.sangye.it/altro/?cat=15 da dove ci siamo interrotti ieri. Poi, per una conclusione di buon auspicio, darò i voti bodhisattva e l’iniziazione di lunga vita di Tara Bianca. Pertanto, ho alcuni rituali preparatori da svolgere adesso”.

Una volta concluso, Sua Santità ha ripreso la lettura del testo di Shantideva.

“Qualunque sia l’argomento dell’insegnamento, l’insegnante dovrebbe avere una motivazione corretta, così come coloro che lo ascoltano. Non è appropriato che l’insegnante si aspetti denaro o altre ricompense per i suoi insegnamenti e i praticanti dovrebbero rinunciare a qualsiasi inclinazione a imbrogliare, sfruttare o vessare gli altri. Continua »

His Holiness the Dalai Lama’s Teachings at Tibetan Children’s Village, Choglamsar, Leh
Aug 2nd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting elderly Tibetans as he arrives at Tibetan Children’s Village School Choglamsar in Leh, Ladakh, J&K, India on August 1, 2018. Photo by Tenzin Choejor

August 1, 2018. Leh, Ladakh, J&K, India – The road from Choglamsar on the Leh-Manali highway up to the Tibetan Children’s Village School is walled on both sides and climbs like a winding alley. This morning, as His Holiness the Dalai Lama arrived, Tibetans young and old, including bands of drummers and flute players, lined both sides of the road to welcome him. Walking from his car to the covered stage above the school ground, His Holiness paused now and then to bless groups of the elderly, infirm and handicapped, who were waiting to see him. School officials and former Rajya Sabha Member, Thiksey Rinpoche welcomed him to the stage. The entire gathering stood as a student band performed the Tibetan and Indian National Anthems.

Director Chemey Lhundup gave a brief report of recent developments at the school, focussing particularly on the establishment of a unit to care for children with special needs. This has involved making arrangements for specifically dedicated staff and facilities and has been supported by the Dalai Lama Trust. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Primo giorno di insegnamenti a Shiwatsel
Aug 1st, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama si rivolge a oltre 20.000 persone, il primo dei due giorni di insegnamenti a Leh, Ladakh, India, il 30 luglio 2018. Foto di Tenzin Choejor

30 luglio 2018. Leh, Ladakh, India – Il sole splendeva già alto quando Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato la sua residenza allo Shewatsel Phodrang per raggiungere a piedi il padiglione allestito per gli insegnamenti, poco distante. Thiksey Rinpoche e il Presidente di Ladakh Buddhist Association, Tsewang Thinles, hanno camminato insieme a lui. Lungo tutto il tragitto, migliaia di persone si sono affollate lungo la recinzione nella speranza di avvicinarsi a Sua Santità che, di tanto in tanto, si è fermato per accarezzare i bambini o per confortare gli anziani. Sua Santità ha percorso da cima a fondo il palco, per salutare le oltre ventimila persone che lo stavano aspettando. Nel frattempo, le monache dell’Istituto Centrale di Studi Buddhisti erano impegnate in un vivace dibattito, di fronte al palco. Poi, è stata la volta degli studenti della scuola pubblica del Ladakh.

Dopo aver preso posto sul trono, Sua Santità ha detto di essere stato invitato a osservare gli studenti impegnati nel dibattito, tra i quali spiccava anche un entusiasta ragazzo Sikh. Continua »

Inasprimento sui gruppi sociali tibetani
Aug 1st, 2018 by admin

La polizia cinese fotografa la folla al dispiegamento cerimoniale, durante il Festival di Shoton al Monastero di Drepung, alla periferia di Lhasa, nella Regione autonoma del Tibet, il 29 agosto 2011

Human Rights Watch (HRW) ha affermato in un recente rapporto che la Cina sta prendendo di mira alcune attività sociali tra cui il dissenso politico e le iniziative della società civile sotto l’apparenza di voler contrastare i crimini organizzati in Tibet. Il direttore cinese dell’organizzazione, Sophie Richarson, ha dichiarato che la polizia ha ricevuto “poteri virtualmente illimitati” all’interno del Tibet. “Ora le autorità possono perseguire le persone semplicemente per la raccolta di dati per qualsiasi scopo non direttamente imposto o approvato dallo stato”. Richardson ha inoltre affermato che “Pechino dichiara ripetutamente che i tibetani sono autonomi e che i loro diritti di minoranza etnica sono rispettati. Le realtà mostra solo una crescente repressione della vita quotidiana dei tibetani e dei diritti umani fondamentali”.

Nel febbraio 2018, l’ufficio di pubblica sicurezza della Cina nella regione autonoma del Tibet (TAR) ha emesso un avviso che invitava il pubblico a informare sulle “forze della malavita” e ha dichiarato che una serie di attività sociali tradizionali o informali tra i tibetani era illegale. Continua »

L’“Atto di Reciproco Accesso al Tibet” approvato all’unanimità dalla Commissione Giustizia USA
Aug 1st, 2018 by admin

30 luglio 2018. Con unanime voto bipartisan la Commissione Giustizia USA ha approvato il progetto di legge denominato Reciprocal Access Tibet Act che prevede la limitazione dei visti d’ingresso negli Stati Uniti ai funzionari cinesi se Pechino non garantirà agli operatori e osservatori americani libero accesso alle aree tibetane.

Con il progetto di legge, approvato il 25 luglio 2018, presentato la prima volta al Congresso da parlamentari sia democratici sia repubblicani nel giugno 2014 e riproposto nell’aprile 2017, gli Stati Uniti intendono porre fine alle restrizioni imposte dal governo cinese che impediscono il libero accesso alle aree tibetane a giornalisti, difensori dei diritti umani, diplomatici e turisti. Continua »

Teachings at Shewatsel Conclude with Longevity Empowerment
Jul 31st, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting well-wishers as he walks from his residence to the Shiwatsel Teaching Ground in Leh, Ladakh, J&K, India on July 31, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 31, 2018 Leh, Ladakh, J&K, India – The beaming smile on His Holiness the Dalai Lama’s face as he walked from his residence to the pavilion at the head of the Shewatsel Teaching Ground this morning revealed how pleased he was to see everyone. From the throne he addressed the crowd that had grown today to an estimated 30,000. “We’ll continue reading the text from where we left it yesterday. Then, to make an auspicious conclusion, I’ll be giving the bodhisattva vows along with a Long Life Empowerment related to Wish-fulfilling Wheel, White Tara. Consequently, I have preparatory rituals to do first.”

When he was ready, His Holiness told the audience that he would read through what remained of the text.

Whatever the topic of the discourse may be, the teacher should have a correct motivation, as should the disciples. It’s not appropriate for the teacher to expect money or other rewards for teaching, and disciples should set aside any inclination to cheat, exploit or bully others. Continua »

His Holiness the Dalai Lama’s Teachings at Shewatsel
Jul 30th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama walking from his residence to the Shewatsel Teaching Ground on the first day of his two day teaching in Leh, Ladakh, J&K, India on July 30, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 30, 2018. Leh, Ladakh, J&K, India – The sun was already bright and warm when His Holiness the Dalai Lama left his residence at the Shewatsel Phodrang to walk to the teaching pavilion on the adjacent teaching ground. Thiksey Rinpoche and LBA President Tsewang Thinles walked with him. All along the way members of the public pressed against the fence in hope of getting closer to His Holiness. Here and there he stopped to pat a child’s cheek or place his hand on the head of an older man or woman. In his efforts to be as inclusive as possible His Holiness walked to the furthest corners of the front of the stage to wave to people nearby as well as those in distant parts of the crowd of an estimated 20,000. Meanwhile, nuns from the Central Institute of Buddhist Studies engaged in a dynamic debate in front of the stage. They were followed by students from Ladakh Public School.

After taking his seat on the throne, His Holiness remarked that he was tickled to see that the debating school students included an enthusiastic Sikh boy. Continua »

China: Crackdown on Tibetan Social Groups
Jul 30th, 2018 by admin

Chinese police photograph the crowd at the ceremonial unfolding of a giant thangka, or religious silk embroidery, during the Shoton Festival at Drepung Monastery on the outskirts of Lhasa, Tibet Autonomous Region, August 29, 2011. © 2011 Reuters/Jacky Chen http://tibet.net/2018/07/china-crackdown-on-tibetan-social-groups/

New Regulations Ban Social Action Under Guise of Fighting ‘Organized Crime’

(New York) – Chinese authorities are using an ostensible anti-mafia campaign to target suspected political dissidents and suppress civil society initiatives in Tibetan areas, Human Rights Watch said in a report released today. The authorities are now treating even traditional forms of social action, including local mediation of community or family disputes by lamas or other traditional authority figures, as illegal.

The 101-page report, “‘Illegal Organizations’: China’s Crackdown on Tibetan Social Groups,” details efforts by the Chinese Communist Party at the local level to eliminate the remaining influence of lamas and traditional leaders within Tibetan communities. The report features rare in-depth interviews, state media cartoons depicting the new restrictions, and cases of Tibetans arbitrarily detained for their involvement in community activities.
“Police and Chinese Communist Party cadres already had virtually unlimited power over the daily lives of Tibetans,” said Sophie Richardson, China director at Human Rights Watch. “But now authorities can prosecute people for simply gathering for any purpose not directly mandated or approved by the state.”
Continua »

Sua Santità il Dalai Lama posa la prima pietra della biblioteca e del centro studi di Thiksey
Jul 30th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama scopre la lapide commemorativa per la posa della prima pietra della biblioteca e del centro Didattico del Monastero Thiksey di Leh, Ladakh, India, il 29 luglio 2018. Foto di Tenzin Choejor

29 luglio 2018. Leh, Ladakh, India – Una mattina tersa e luminosa ha accompagnato Sua Santità il Dalai Lama nel suo breve viaggio dallo Shewatsel Phodrang, dove risiede, fino al Monastero di Thiksey. All’ombra di pioppi e salici, la strada è costeggiata da stupa e passa accanto allo Shey Palace fino al monastero di Thiksey. Al suo arrivo, il Dalai Lama è stato accolto dall’ex membro del Rajya Sabha, Thiksey Rinpoche, e scortato al padiglione didattico ai piedi dello sperone roccioso su cui sorge il monastero; lì Sua Santità ha acceso una lampada di buon auspicio e reso i suoi omaggi alla statua del Buddha. A Sua Santità è stato poi mostrato il modello e il progetto della nuova biblioteca e del centro studi, per i quali Thiksey Rinpoche ha chiesto la sua benedizione e la posa della prima pietra.

Dopo che Sua Santità ha preso posto di fronte a una folla di oltre 2.500 persone, Thiksey Rinpoche ha fatto l’offerta del mandala e della rappresentazioni del corpo, della parola e della mente dell’illuminazione. Nella sua introduzione all’incontro, Rinpoche ha reso omaggio a Sua Santità, agli altri ospiti d’onore, agli studenti e al pubblico. Continua »

Breaking the Ground for Thiksey Library & Learning Centre and Lunch by the Indus
Jul 30th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the crowd during the ground breaking ceremony of the Library and Learning Centre at Thiksey Monastery in Leh, Ladakh, J&K, India on July 29, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 29, 2018. Leh, Ladakh, J&K, India – The morning was bright today as His Holiness the Dalai Lama travelled the short distance from the Shewatsel Phodrang, where he stays, to Thiksey Monastery. Shaded by poplar and willow trees the road wended its way between clusters of white-washed chörtens, past Shey Palace to Thiksey. He was welcomed on arrival by former Rajya Sabha Member, Thiksey Rinpoche and escorted to the teaching pavilion at the foot of the rocky outcrop on which Thiksey Monastery stands. He lit an auspicious inaugural lamp and paid his respects before a statue of the Buddha. His Holiness was then shown a model and plan of a Library and Learning Center, the ground-breaking of which Thiksey Rinpoche was asking him to bless, before he was requested to unveil the project’s foundation stone.

After His Holiness had taken his seat facing the estimated 2500 strong crowd, Thiksey Rinpoche offered a mandala and representations of the body, speech and mind of enlightenment. In his introduction to the occasion Rinpoche paid his respects to His Holiness, other distinguished guests, students and others. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama Visita la scuola pubblica Spring Dales di Mulbekh
Jul 28th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta la folla riunita al suo arrivo alla scuola pubblica Spring Dales di Mulbekh, Ladakh, India, il 26 luglio 2018. Foto di Tenzin Choejor

26 luglio 2018. Kargil, Ladakh, India – Questa mattina, durante un incontro con un piccolo gruppo di giornalisti presso il suo hotel di Kargil, Sua Santità ha parlato innanzitutto dei suoi tre impegni. “Come essere umano, so che siamo tutti fisicamente, mentalmente ed emotivamente uguali e che tutti vogliamo vivere una vita felice. Gli scienziati dicono che la nostra natura è essenzialmente compassionevole. È chiaro che l’amore e l’affetto uniscono le persone. Anche gli animali manifestano altruismo verso i propri simili. Gli elefanti, per esempio, sembra piangano quando un membro del loro branco muore”.

“La maggior parte di noi ha goduto fin dalla nascita dell’amore incondizionato della propria madre;  è da lei che abbiamo ricevuto il primo seme della compassione. Indipendentemente dal fatto di avere o meno fede nella religione, è bene essere più compassionevoli. La compassione ci rende più felici come individui, con un’influenza positiva sulle nostre famiglie e sul contesto in cui viviamo. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Incontro pubblico a Kargil
Jul 27th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il suo discorso all’Hussaini Park di Kargil, Ladakh,India, il 25 luglio 2018. Foto di Tenzin Choejor

25 luglio 2018. Kargil, Ladakh, India – La partenza di Sua Santità il Dalai Lama da Zanskar è stata ritardata questa mattina dalle condizioni meteorologiche previste per le ore di viaggio. Alla fine il cielo si è rasserenato e l’elicottero è decollato, sorvolando il fiume Suru, sopra il monastero di Rangdum, fino a Kargil. All’eliporto della città, Sua Santità è stato accolto da alcuni rappresentanti e dignitari dell’amministrazione locale, da alcuni membri della scuola islamica e dell’Imam Khomieni Memorial Trust di Kargil, dai leader di Dras, Mulbekh e Dahanu. Sua Santità è stato accompagnato direttamente all’Hussaini Park, a Kargil, dove circa 8000 persone, giovani e meno giovani provenienti da tutte le comunità locali, lo stavano già aspettando. Il Dalai lama ha salutato tutti, mentre prendeva posto su un palco coperto, insieme ai funzionari locali e agli imam. Continua »

His Holiness the Dalai Lama’s Visit to Spring Dales Public School in Mulbekh
Jul 27th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking to students, staff, and members of the public at Spring Dales Public School in Mulbekh, Ladakh, J&K, India on July 26, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 26, 2018. Kargil, Ladakh, J&K, India – Meeting with a small group of media representatives at his hotel in Kargil this morning, His Holiness first outlined his three commitments. “As a human being I’m aware that we are all physically, mentally and emotionally the same and we all want to live a happy life. Scientists say our basic nature is compassionate. It’s clear that love and affection bring people together. Even animals show limited altruism towards their companions. Elephants seem to mourn when one of the herd dies.

Most of us enjoy tremendous love and affection from our mothers when we are born. And it’s from her that we receive the first seed of compassion. Irrespective of whether we have faith in religion or not, it’s good to be more compassionate. It makes us happier as individuals with a positive influence on our families and the neighbourhood where we live. When someone who has lived a kind life dies, people miss them and say so. But when an angry, greedily ambitious, ruthless person dies, there’s a sense of relief. So, I try to practise warm-heartedness wherever I go. Continua »

Addressing a Public Gathering in Kargil
Jul 27th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama thanking staff at his hotel after lunch on his first day in Kargil, Ladakh, J&K, India on July 25, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 25, 2018. Kargil, Ladakh, J&K, India – His Holiness the Dalai Lama’s departure from Zanskar was delayed this morning due to concerns about the weather en route. Eventually the skies cleared and the helicopter took off, flew up the Suru River, over Rangdum Monastery, to Kargil, landing after 1 o’clock. He was welcomed at the helipad by Chairman of the J&K Legislative Council, Haji Anayat Ali, Senior Superintendent of Police T Gyalpo, Kargil DC, Vikas Kundal, Kargil MLA, Asgar Ali Karbalaie, the LBA President Kargil, as well as representatives of the Islamist School and the IKMT Kargil, Socio-Religious leaders from Dras, leaders from Mulbekh village, and villagers from Dahanu. His Holiness drove directly to Hussaini Park, in Kargil, where an estimated 8000 people, young and old from all the town’s communities awaited him. He saluted them as he took his seat on a covered stage in the company of local officials and Muslim clerics.

All 7 billion human beings alive today are brothers and sisters,” he began. We are physically, mentally and emotionally the same. We all want to live a happy life and avoid suffering and we all have a right to fulfil that wish. Since we all belong to it, it’s important that we acknowledge the oneness of humanity. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Visits Schools and the Men-tsee-khang
Jul 26th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing students at Lamdon Model School in Padum, Zanskar, J&K, India on July 24, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 24, 2018. Padum, Zanskar, J&K, India – Among several groups of people waiting to see His Holiness the Dalai Lama as he left his residence this morning, he took time to talk to former students of the Tibetan Children’s Village School. He reminded them that despite fruitful relations with China, Tibet’s Religious Kings had chosen Indian sources as the basis on which to develop Tibetan language and literature. Similarly, they had invited teachers from India to establish Buddhism in Tibet. Consequently, the Land of Snow is where the Nalanda Tradition, an approach to the Buddha’s teachings founded on reason and logic, has been kept alive. He urged them to remember the value of the Tibetan language as the most accurate medium for expressing Buddhist ideas and the crucial role of reason and logic in their study. His Holiness drove to the Model Public School in Padum at the invitation of the Anjumane Moen-ul-Islam. Their spokesman told His Holiness how happy they were to welcome him as the embodiment of peace, communal harmony and fellowship. Continua »

Iniziazione di Avalokiteshvara e offerta di lunga vita
Jul 25th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama prima dell’iniziazione di Avalokiteshvara a Padum, Zanskar, India, il 23 luglio 2018. Foto di Tenzin Choejor

23 luglio 2018. Padum, Zanskar, India – Il cielo era coperto e una brezza costante soffiava lungo la valle quando questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è uscito sulla veranda del Phodrang per salutare le persone che si erano riunite davanti al cancello principale per vederlo. Mentre ieri il Dalai Lama era stato accompagnato dai monaci del Monastero di Karsha, oggi è stato il turno dei monaci del vicino monastero Drukpa Kagyu di Bardön di condurlo fino alla sede degli insegnamenti. Mentre camminava verso la sede degli insegnamenti, Sua Santità si è fermato a salutare e a parlare con la gente, soprattutto con i tanti bambini che lo aspettavano, con gli occhi spalancati e le mani giunte.

Preso posto sul trono, il Dalai Lama ha esordito dicendo:

“Oggi, prima di dare l’iniziazione, il maestro deve fare l’auto-iniziazione, entrare nel mandala e rinnovare i voti del bodhisattva e i voti tantrici. Mentre io mi occupo di questi rituali preparatori voi potete recitare il mantra in sei sillabe di Avalokiteshvara”. Continua »

Avalokiteshvara Empowerment and Long Life Offering
Jul 25th, 2018 by admin

A view of the teaching pavilion during the Avalokiteshvara empowerment given by His Holiness the Dalai Lama in Padum, Zanskar, J&K, India on July 23, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 23, 2018. Padum, Zanskar, J&K, India – The sky was overcast and a steady breeze blew across the valley this morning as His Holiness the Dalai Lama emerged onto the veranda of the Phodrang. He spotted people peering through the main gate, eager to catch a glimpse of him, and more than fulfilled their wishes by walking down to speak to them. Where yesterday he had been escorted by horn-playing and censer-swinging monks from Karsha Monastery, today it was the turn of monks from the nearby Drukpa Kagyu monastery of Bardön. On his walk to the teaching ground, His Holiness stopped to greet and speak to people who lined the path, several times bending down low to engage with wide-eyed children gazing up at him with folded hands.

Reaching the teaching ground, he addressed the crowd from the throne:

Today, before giving the empowerment, the master has to take the self-initiation, enter into the mandala and renew his bodhisattva and tantric vows as part of the preparatory rite. I’ll be doing this and while I do so, the rest of you can recite the six syllable mantra of Avalokiteshvara.” Continua »

His Holiness the Dalai Lama’s Teachings in Zanskar
Jul 24th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the crowd of more than 16,000 during his teaching in Padum, Zanskar, J&K, India on July 22, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 22, 2018, Padum, Zanskar, J&K, India – This morning, under the scorching Zanskar sun, from which the shade of a ceremonial umbrella protected him, His Holiness the Dalai Lama walked from the New Phodrang to the pavilion at the head of the teaching ground. As is his wont, he stopped here and there to interact with members of the public. He briefly visited the temple that stands behind the teaching pavilion before stepping out to the front of the stage to greet the crowd of an estimated 16,000 people—monks and nuns, lay-people young and old, mostly Zanskaris, but including a few visitors from other parts of the world. The expressions on their faces varied from the seriously devotion to beaming smiles reflecting a genuine pleasure to see His Holiness before them.

Girl students from the CBAC Branch School were avidly engaged in debate as His Holiness made his way to the throne and sat down. Tea was served as introductory prayers were recited. Continua »

Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama nello Zanskar
Jul 23rd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il suo insegnamento a Padum, Zanskar, J&K, India, il 22 luglio 2018. Foto di Tenzin Choejor

22 luglio 2018. Padum, Zanskar, India – Questa mattina, sotto il sole cocente dello Zanskar, Sua Santità il Dalai Lama, protetto da un ombrello cerimoniale, ha camminato dal Phodrang fino al padiglione al centro di studi, sede degli insegnamenti. Come è sua abitudine, si è fermato più volte per scambiare sorrisi e saluti con la gente che aspettava di vederlo. Ha poi fatto una breve visita al tempio, che si trova dietro il padiglione degli insegnamenti, per poi scendere dalla parte anteriore del palco per salutare una folla di circa 16.000 persone tra monaci e monache, laici, giovani e anziani, per lo più Zanskari, e alcuni visitatori provenienti da altre parti del mondo. Le espressioni sul volto della gente andavano dalla più profonda devozione a una gioia incontenibile, dimostrando l’autentica felicità di trovarsi in presenza di Sua Santità. Alcune studentesse della CBAC Branch School erano nel frattempo impegnate in un dibattito. Quando Sua Santità è salito sul palco e ha preso posto sul trono è stato servito il tè ed è iniziata la recitazione delle preghiere introduttive. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Iniziazione e offerte di lunga vita
Jul 21st, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta la folla al suo arrivo alla sede degli insegnamenti presso il monastero di Samstanling a Sumur, Ladakh, India, il 17 luglio 2018. Foto di Tenzin Choejor

17 luglio 2018. Sumur, Ladakh, India – Per il terzo giorno consecutivo, Sua Santità il Dalai Lama è sceso dalla sua residenza nel monastero di Samstanling all’area allestita per gli insegnamenti. Nel cortile del monastero e di nuovo vicino ai cancelli di ingresso, alcuni gruppi di persone lo aspettavano nella speranza di vederlo da vicino e salutarlo. Il Dalai Lama ha sorriso e scambiato qualche parola con il maggior numero di possibile di persone e lo stesso ha fatto quando ha raggiunto ha raggiunto i piedi del palco. Una volta preso posto, ha iniziato i rituali preparatori per l’iniziazione di lunga vita che ieri aveva annunciato avrebbe conferito a conclusione di queste giornate a Sumur. Nel frattempo, il maestro dei canti ha guidato il pubblico nella recitazione del mantra di Arya Tara. Una volta ultimati i rituali, Sua Santità si è rivolto alla folla. “In questi giorni ho incontrato il pubblico, inaugurato il Grande Dibattito Estivo e ieri ho dato insegnamenti. Quindi, oggi, per concludere con i migliori auspici, darò l’iniziazione di lunga vita, secondo la Ruota che esaudisce tutti i desideri di Tara Bianca. Continua »

Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama al Grande Dibattito Estivo a Sumur
Jul 19th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se riflettiamo sulla la rabbia per capire se ha una qualche utilità, scopriamo che ha solo il potere di distruggere la nostra tranquillità, sconvolgere la nostra salute e danneggiare le nostre relazioni con gli altri. Dunque dobbiamo ridurla il più possibile. Superficialmente possiamo pensare che le cause della rabbia siano la frustrazione e l’irritazione, ma in realtà alla base c’è il nostro fraintendimento della realtà.”

16 luglio 2018. Sumur, Nubra Valley, Ladakh, India – Quando Sua Santità il Dalai Lama questa mattina ha raggiunto il palco allestito al Samstanling, alcuni monaci erano già impegnati in un intenso dibattito. Il Dalai lama ha salutato la folla, i lama e i dignitari per poi prendere posto. Il maestro di canto ha intonato le preghiere introduttive mentre nel frattempo venivano serviti il tè e il pane. “Oggi, ho intenzione di fare un discorso sugli insegnamenti del Buddha” ha annunciato Sua Santità, “per questo abbiamo iniziato recitando i ‘Tre Continuum’ e il ‘Sutra del Cuore’ http://www.sangye.it/altro/?p=6098. Il primo testo si trova nelle edizioni Pali e Sanscrita, ma la ‘Sutra del Cuore’ http://www.sangye.it/altro/?p=216 è solo dalla tradizione Sanscrita. Recitiamo anche i versi di omaggio di Nagarjuna http://www.sangye.it/altro/?cat=9 tratti dalla ‘Saggezza fondamentale della via di mezzo’ http://www.sangye.it/altro/?p=9194 e dall’’Ornamento della chiara realizzazione” (in Sanscrito Abhisamayalamkara) di Maitreya.

“Durante un recente incontro tra studiosi tibetani e Theravada ho posto una domanda. Il Buddha insegnò 2500 anni fa e da allora molte cose sono cambiate enormemente: gli abiti che indossiamo, le nostre case, i mezzi di trasporto. Quindi dobbiamo chiederci: l’insegnamento del Buddha è attuale ancora oggi? Non dovremmo seguirlo semplicemente perché siamo abituati a farlo”.

“Ho molti amici cristiani, musulmani, indù per i quali la fede è stata di beneficio. Tutte queste tradizioni insegnano l’importanza dell’amore e della compassione verso il prossimo e quando gli esseri umani si trovano a dover affrontare delle difficoltà, la fede in Dio li può aiutare a mantenere viva la speranza”.

“Nella sua prima serie di insegnamenti, che chiamiamo il primo giro della ruota del Dharma, tradizionalmente conservato in lingua Pali, il Buddha ha spiegato le Quattro Nobili Verità http://www.sangye.it/altro/?p=3785 e i loro sedici attributi. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Longevity Empowerment and Long-Life Offering
Jul 18th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the congregation at the Samstanling Monastery teaching ground Sumur, Ladakh, J&K, India on July 17, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 17, 2018. Sumur, Ladakh, J&K, India – For the third day in a row, His Holiness the Dalai Lama walked down from his quarters on top of Samstanling Monastery to the teaching ground below. In the monastery courtyard and again below the gate groups of people had gathered in hope of catching his attention. He smiled, waved and exchanged a few words with as many as he could. Similarly, when he reached the front of the stage above the teaching ground, his gaze took in the faces before him as he smiled and waved to the crowd. Once he had sat down, he began the preparatory procedures for the Longevity Empowerment he was going to give. In the meantime, the chant-master led the audience in chanting the mantra of Arya Tara. When he was ready, His Holiness addressed the congregation. “Over the last few days I’ve met members of the public, inaugurated the Great Summer Debate and yesterday I gave teachings. So, today, by way of an auspicious conclusion, I’m going to give a Longevity Empowerment according to Wish-fulfilling Wheel of White Tara.

Have a good heart and remember that things do not exist inherently. Try to transform adverse circumstances into positive opportunities. If you keep bodhichitta and the view of emptiness in mind, whatever you do will be beneficial. Continua »

His Holiness the Dalai Lama’s Teachings During the Great Summer Debate
Jul 17th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama explaining Je Tsongkhapa’s “The Principal Aspects of the Path” during his teaching at Samstanling Monastery in Sumur, Nubra Valley, Ladakh, J&K, India on July 16, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 16, 2018. Sumur, Nubra Valley, Ladakh, J&K, India – Monks were engaged in vigorous debate when His Holiness the Dalai Lama reached the stage at the top of the Samstanling teaching ground today. He saluted the crowd, greeted Lamas and dignitaries as usual and took his seat. The chant-master began the introductory prayers while tea and bread were served. “Today, I’m going to give a discourse on the teachings of the Buddha,” His Holiness announced, “so we’ve begun by reciting the ‘Three Continuums’ and the ‘Heart Sutra’ http://www.sangye.it/altro/?p=8419. The first can be found in Pali and Sanskrit editions, but the ‘Heart Sutra’ derives from the Sanskrit Tradition. We also say the verses of homage from Nagarjuna’s ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way’ http://www.sangye.it/altro/?p=513 and ‘Ornament for Clear Realization’.

During a recent meeting between Tibetan and Theravada scholars I posed a question. The Buddha taught 2500 years ago. Since then many things, such as the clothes we wear, our houses, our modes of transport, have changed significantly. So we have to ask, is the teaching of the Buddha still relevant today? We shouldn’t follow it just because we’ve become accustomed to doing so. Continua »

Let the Dalai Lama go Home
Jul 16th, 2018 by admin

H.H. Tenzin Gyatso, the 14th Dalai Lama

By: Nancy Pelosi and James McGovern, July 13, 2018, Boston Globe

Tenzin Gyatso, the 14th Dalai Lama, celebrated his 83rd birthday last week. What a wonderful gift it would be if China would treat the Tibetan people with the dignity and respect they deserve, and let the Dalai Lama go home to Tibet, whether to visit or to stay.

The Dalai Lama was born and educated in Tibet. He was recognized as the reincarnation of the 13th Dalai Lama when he was only 2, and he was just 6 when he began his monastic studies. While the Dalai Lama is the spiritual leader of Tibet, he humbly describes himself as a simple Buddhist monk.

Before the Dalai Lama could finish his education, he was called to assume the leadership of his people, after China’s invasion of Tibet, in 1950. He worked to preserve Tibetan autonomy and culture, until years of growing resentment against restrictions imposed by the Chinese Communists led to a full-scale revolt in March 1959. As the uprising was crushed by Chinese troops, the Dalai Lama was forced to flee, and he eventually settled in Dharamsala, in northern India. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama inaugura il Grande Dibattito Estivo
Jul 16th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama si è rivolto a una folla di oltre 8000 persone durante l’inaugurazione del Grande Dibattito Estivo presso il monastero di Samstanling a Sumur, Ladakh, India, il 15 luglio 2018. Foto di Tenzin Choejor

15 luglio 2018. Sumur, Nubra Valley, Ladakh, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato la sua residenza al monastero di Samstanling e per visitare il tempio sottostante. Prima di entrare, ha osservato a lungo il quadro raffigurante la Ruota della Vita appeso nella veranda e, una volta all’interno del tempio ha reso  omaggio alle statue del Buddha Shakyamuni, di Je Tsongkhapa e di Cenresig dalle Mille braccia. Uscito dal tempio, si fermò a parlare con un gruppo di occidentali, ai quali ha ricordato che tutti gli esseri umani sono fisicamente, mentalmente ed emotivamente uguali ed è quindi essenziale riconoscere l’unicità dell’umanità. Ha ammesso che vi sono differenze dal punto di vista della religione, della nazionalità, della razza, dello stile di vita e così via, ma sono di secondaria importanza. Di fronte al monastero, numerosi gruppi di ladakhi lo aspettavano per salutarlo. Sua Santità ha stretto la mano ad alcuni, ha scambiato qualche parola scherzosa con altri e si è fermato per la consuete fotografie di gruppo. Poi ha proseguito il suo cammino verso il collegio, dove si è unito alle preghiere di buon auspicio e ha acceso la lampada della saggezza. Come è sua consuetudine, Sua Santità ha cercato di salutare il maggior numero possibile di persone, tra le oltre 8.000 che lo attendevano, compresi i bambini delle scuole locali. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Inaugurates the Great Summer Debate
Jul 16th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting a woman on the security team on his way to the teaching ground for the Inauguration of the Great Summer Debate at Samstanling Monastery in Sumur, Ladakh, J&K, India on July 15, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 15, 2018. Sumur, Nubra Valley, Ladakh, J&K, India – This morning His Holiness the Dalai Lama left his quarters on top of Samstanling Monastery and walked down to visit the temple below. He inspected the painting of the Wheel of Life on the veranda before going inside to see and pay his respects before the statues of Buddha Shakyamuni, Je Tsongkhapa, and Thousand Armed Avalokiteshvara. Emerging into the sunshine, he stopped to talk to a group of Westerners, telling them that all human beings are physically, mentally and emotionally the same, so it is essential to acknowledge the oneness of humanity. He conceded that there are differences among us of religion, nationality, race, prosperity and so forth, but they are of secondary importance. At the foot of the monastery steps groups of Ladakhis waited to greet him. His Holiness shook hands with some, teased others and posed for photographs with them in groups. He continued his walk to the teaching ground where he joined in auspicious prayers to mark its inauguration and lit the lamp of wisdom. As is his custom, His Holiness tried to extend his greetings to as many people in the crowd of more than 8,000 as possible, smiling and saluting them with folded hands in each direction. When he waved to the school-children, they joyfully waved back. Continua »

Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama al Diskit Phodrang e incontro con la comunità islamica
Jul 14th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama incontra la comunità mussulmana di Tartuk a Diskit, Nubra.

13 luglio 2018. Diskit, Ladakh, India – Il Diskit Phodrang, o Palazzo, si trova su un’altura sopra la città ed è visibile, da lontano, sia dal Monastero di Diskit e sia dal Monastero di Phodrang, da dove Sua Santità il Dalai Lama è partito questa mattina. Molte persone si sono riversate in strada per salutarlo mentre attraversava la città, e si stima che oltre 5.600 lo stavano già aspettando nella sede degli insegnamenti. Mentre il Dalai Lama percorreva la scalinata del padiglione, alcuni monaci erano già impegnati in un vivace dibattito. Prima di prendere posto, Sua Santità ha poi salutato il suo ospite, l’ex membro del Rajya Sabha (la Camera alta del Parlamento indiano, ndt) Thiksey Rinpoche, l’ex titolare del trono di Ganden, Rizong Rinpoche e il pubblico. Dopo le preghiere introduttive, compresa la recitazione del Sutra del Cuore, e la distribuzione di tè al burro, pane e riso dolce, Sua Santità ha dato inizio agli insegnamenti.

“Sono di nuovo qui a Nubra” ha esordito “e oggi guiderò la generazione della mente del risveglio di bodhichitta, qualcosa che faccio io stesso ogni giorno. Darò anche qualche istruzione per meditare sulla vacuità”. Continua »

H.H. Dalai Lama’s Teachings at Diskit Phodrang
Jul 14th, 2018 by admin

July 13, 2018, “Here I am in Nubra once again,” he remarked. “Today, I’m going to lead the generation of the awakening mind of bodhichitta, something I do myself every day, and also give some guidance on meditating on emptiness.”

His Holiness digressed to advise monks and nuns sitting before him that when the sun got too hot they should cover their heads with their upper robes. He instructed lay people likewise to put on hats or raise umbrellas.

Those of us gathered here, whether we follow religion or not, whether we count ourselves Buddhist, Muslim, Christian or Hindu, we are first of all human beings. Our religious identity is secondary. We may pray for the welfare of all sentient beings, but in practical terms it is our fellow human beings we can actually do something for. Animals, birds and insects surround us, yet there is little we can do to teach them. Language enables us to share our experience of love and compassion with other people. Continua »

Qinghai, scontri fra polizia e tibetani: ‘Basta scavi’
Jul 13th, 2018 by admin

12/07/2018 La autorità stroncano le proteste della popolazione locale che manifesta contro l’estrazione mineraria a Yulshul. “Ci dicono che costruiscono una strada. Ma si tratta di una miniera”. I locali sono preoccupati perché le attività estrattive inquinano e devastano il paesaggio. I manifestanti denunciano anche il giro di corruzione legato a queste opere. Yulshul (AsiaNews) – La polizia cinese ha represso con la violenza le proteste di alcuni tibetani nella provincia dello Qinghai, nella prefettura autonoma di Yulshul. Secondo Radio Free Asia, i dimostranti sono in lotta da almeno due mesi contro le attività estrattive nella loro zona; nessuno ha informato la popolazione della realizzazione di una nuova miniera. La regione è a maggioranza tibetana ma le aziende, anche locali, che portano avanti i lavori sono cinesi. Continua »

CTA President Releases ‘Costume and Jewellery of Tibet’ Authored by Namgyal Lhamo Taklha
Jul 12th, 2018 by admin

Mrs Namgyal Lhamo Taklha addressing the launch of ‘Costume and Jewellery of Tibet’ at Tibet Museum, DIIR on 11 July 2018. Photo/Tenzin Phende/DIIR

Mrs Namgyal Lhamo Taklha, author and renowned Tibetan figure, who is also former Health Secretary of Central Tibetan Administration, released the first-ever work of documentation of traditional Tibetan costumes and jewellery.

The book titled ‘Costume and Jewellery of Tibet’ was released by President Dr Lobsang Sangay, Central Tibetan Administration during a launch ceremony held at Tibet Museum on Wednesday.

The event was also attended by Secretary Tenzin Dhardon Sharling (Equivalent), Department of Information and International Relations, Secretary Tenzin Lungtok of Department of Religion and Culture, Additional Secretaries of DIIR and a host of Tibetan intellectuals, writers, journalists and prominent personalities.

Speaking at the event, Ms Namgyal Lhamo said she first conceived the idea of the book in 1998 when Gabriel Lafitte, a Tibetan research scholar presented her with a book on Mongolian costumes. Continua »

Dopo otto anni agli arresti domiciliari Liu Xia è stata liberata ed è arrivata a Berlino
Jul 11th, 2018 by admin

Liu Xia arriva in Germania

10 luglio 2018. Costretta per otto lunghi anni agli arresti domiciliari, Liu Xia, moglie del dissidente e Premio Nobel cinese Liu Xiaobo, è stata liberata ed è arrivata in giornata a Berlino.

Liu Xia, 57 anni, poetessa, era detenuta sotto stretta sorveglianza nella sua abitazione, a Pechino, dal 2010, anno in cui il marito, Liu Xiaobo, fu insignito del Premio Nobel per la Pace, premio che non gli fu concesso di ritirare in quanto nello stesso anno fu condannato a undici anni di prigione con l’accusa di “incitamento al sovvertimento dello stato”. Liu Xiaobo era stato tra gli ispiratori e i firmatari della “Carta 08″, il documento che proponeva un articolato piano di riforme e auspicava la fine del Partito unico. Il Premio fu ritirato dall’attivista cinese Yang Jianli. L’attrice Liv Ullmann lesse un discorso scritto da Liu Xiaobo nel dicembre 2009, due giorni prima di essere condannato dal regime di Pechino. Eccone uno stralcio: “Nel corso dei miei oltre cinquant’anni di vita, il giugno del 1989 ha rappresentato uno spartiacque. Continua »

La Cina allontana con la forza i giovani monaci tibetani dai loro monasteri
Jul 11th, 2018 by admin

Secondo fonti tibetane, le autorità cinesi in una regione del Sichuan popolata dai tibetani costringono i monaci buddisti di età inferiore ai 15 anni a lasciare i loro monasteri, collocandoli invece in scuole governative.
L’azione è stata sostenuta da minacce per punire i curatori del monastero, i genitori ed i maestri religiosi dei monaci.
Continua »

H.H. Dalai Lama: Sympathy for Flood Victims in Japan
Jul 11th, 2018 by admin

July 9, 2018. Leh, J&K, India – Concerned about the victims of the unprecedented and extensive flooding that has taken place in Western Japan in recent days, His Holiness the Dalai Lama has written to the Japanese Prime Minister, Shinzo Abe.

I am writing to express my sadness over the loss of life, devastation of property and hardship caused to so many,” his letter made clear. “I have visited Hiroshima several times and am familiar with that part of the country. I feel a great sympathy for the families of people who have died and those who have lost their homes.

I appreciate the efficient steps that are being taken to seek out and rescue those affected and provide relief. I pray for the success of the measures being taken. Continua »

S.S. il Dalai Lama: Cordoglio per le vittime delle inondazioni in Giappone
Jul 10th, 2018 by admin

Addolorato per le vittime delle inondazioni, senza precedenti e di vaste proporzioni, che hanno colpito il Giappone occidentale in questi ultimi giorni, Sua Santità il Dalai Lama ha scritto al Primo Ministro Shinzo Abe.

“Le scrivo per esprimere la mia tristezza per la perdita di vite umane, la devastazione delle proprietà e le difficoltà che stanno affrontando così tante persone. Ho visitato Hiroshima molte volte e conosco bene quella parte del paese. Provo grande cordoglio per il le famiglie delle vittime e per coloro che hanno perso tutto.
Apprezzo gli sforzi e l’efficienza messi in atto nelle operazioni di ricerca e salvataggio dei dispersi. Prego perché abbiate successo.
Continua »

Celebrations of His Holiness the Dalai Lama’s 83rd Birthday
Jul 8th, 2018 by admin

The oracle of Dorje Yamakyong paying respect to His Holiness the Dalai Lama during early morning prayers on his 83rd birthday at his residence in Leh, Ladakh, J&K, India on July 6, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 6, 2018. Shewatsel, Leh, Ladakh, J&K, India – Today was His Holiness the Dalai Lama’s 83rd birthday. He came down to the prayer-hall at his residence in Shewatsel Phodrang at 7 o’clock and joined prayers for his long life and well-being attended by personal staff and close attendants. The oracles of Dorje Yamakyong and Nyenchen Thangla both paid their respects in trance. Once the prayers were over, in a demonstration of robust good health, His Holiness walked the 500m from the Phodrang to the Shewatsel Teaching Pavilion unaided. He stopped frequently to greet and speak to the hundreds of well-wishers who lined both sides of the road. Reaching the pavilion, he lit a butter-lamp before the statue of the Buddha. Coming out onto the stage in front he walked to the north and south corners to closely greet members of the crowd estimated to number 25,000. Everyone stood for the Indian and Tibetan national anthems, which were followed by a song to celebrate His Holiness’s birthday. President of the Ladakh Buddhist Association Tsewang Thinles opened proceedings paying homage to the Buddha and saluting His Holiness, Ganden Trisur Rinpoche, Drikung Chetsang Rinpoche, Thiksey Rinpoche other tulkus, members of the Sangha community, and dignitaries including President of the Central Tibetan Administration (CTA) Dr Lobsang Sangay, Continua »

Festeggiamenti per l’83°compleanno di Sua Santità il Dalai Lama
Jul 7th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama taglia la torta preparata in occasione delle celebrazioni per il suo 83° compleanno allo Shiwatsel. Leh, Ladakh, il 6 luglio 2018.

6 luglio 2018. Shewatsel, Leh, Ladakh, – Oggi si è celebrato l’83° compleanno di Sua Santità il Dalai Lama. Questa mattina alle 7, è sceso nella sala di preghiera della sua residenza di Shewatsel Phodrang e si è unito alle preghiere per la sua lunga vita e la sua salute. Gli oracoli di Dorje Yamakyong e Nyenchen Thangla hanno entrambi reso i loro omaggi, in stato di trance. Terminate le preghiere, dando prova di una perfetta salute, Sua Santità ha camminato dal Phodrang al Padiglione degli Insegnamenti di Shewatsel. Lungo il tragitto si è fermato spesso per salutare e parlare con le centinaia fedeli che costeggiavano entrambi i lati della strada. Raggiunto il padiglione, ha acceso una lampada al burro davanti alla statua del Buddha per poi salutare una folla di oltre 25.000 persone. Tutti si sono alzati in piedi per gli inni nazionali indiano e tibetano, a cui è seguita una canzone per festeggiare il compleanno di Sua Santità. Continua »

Kashag’s statement on the 83rd birthday of His Holiness the Great Fourteenth Dalai Lama of Tibet
Jul 7th, 2018 by admin

July 6, 2018. Today on this auspicious and joyous occasion of the eighty-third birthday of His Holiness the Great Fourteenth Dalai Lama of Tibet, the 15th Kashag and Tibetans everywhere join millions of admirers across the globe in wishing His Holiness good health and a long life.

The Kashag pays obeisance and bows down in deepest reverence to express gratitude to His Holiness.

The Dalai Lamas are the reincarnation of Chenrezig, the Bodhisattva of compassion, and has a special karmic relation with the people of Tibet. We remain indebted to the parents of His Holiness for blessing us with their precious son, Lhamo Dhondup. Born to a peasant family in Takster village in the Amdo region of Tibet, His Holiness at the tender age of two was recognized as the reincarnation of the great thirteenth Dalai Lama. He took the reins of Tibet’s spiritual and political leadership at the tender age of 16. Continua »

H.H. Dalai Lama: Pilgrimage to Leh Jokhang
Jul 6th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama delivering his remarks to the gathering at the Jokhang in Leh, Ladakh, J&K, India on July 4, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 4, 2018. Leh, Ladakh, J&K, India – Following his arrival in Ladakh yesterday, His Holiness the Dalai Lama began the day today with a pilgrimage to the Leh Jokhang. Smiling people lined the streets to greet him as he approached the city of Leh. He was welcomed on arrival at the Jokhang by Tsewang Thinles, President of the Ladakh Buddhist Association and his staff. Led by monks playing horns, they escorted His Holiness to the temple while traditional Ladakhi musicians played in the temple yard. Once inside the temple, which was packed with local people, monks and nuns, as well as laymen and women, His Holiness paid his respects before the statues of Manjushri, Thousand Armed Avalokiteshvara, the Buddha and Guru Padmasambhava. He warmly greeted Ganden Trisur, Rizong Rinpoche, Thiksey Rinpoche and other Lamas before taking his seat facing the statue of the Buddha that emulates the Lhasa Jowo. Continua »

H.H. Dalai Lama Arrival in Ladakh
Jul 5th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama waving to well-wishers on his arrival at the airport in Leh, Ladakh, J&K, India on July 3, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 3, 2018. Leh, J&K, India – After an early departure Delhi Airport this morning, His Holiness the Dalai Lama took a flight to Leh. He was given a ceremonial welcome on arrival with an ornamental umbrella, horns and drums. He was greeted by former Ganden Throneholder Rizong Rinpoche, Drikung Chetsang Rinpoche and Thiksey Rinpoche, as well as other Lamas. Local officials and representatives of various organizations were also there to pay their respects, including MP Thubten Tsewang and Leh MLA Rigzin Jora, in addition to numerous members of the public. As His Holiness’s car pulled slowly away from the airport, the road was lined by thousands of Ladakhis and Tibetans, monastics and lay people, old and young, including hundreds of school children in uniform. It was as if the entire local population had turned out to greet His Holiness, eager smiles on their faces, scarves, sticks of incense and flowers in their hands. Reaching Shewatsel Phodrang His Holiness was welcomed once more by Ganden Trisur, Rizong Rinpoche, Drikung Chetsang Rinpoche, Thiksey Rinpoche, Taklung Matrul, Thuksey Rinpoche and so forth. Tea and sweet rice were served. Continua »

Il Dalai Lama arriva a Leh
Jul 4th, 2018 by admin

Il Ven. Gaden Trisur Rizong Rinpoche porge il benvenuto a Sua Santità il Dalai Lama al suo arrivo all’aeroporto di Leh il 3 luglio 2018.

3 luglio 2018. Leh, Ladakh, India – Dopo aver lasciato questa mattina presto Delhi, Sua Santità il Dalai Lama ha raggiunto in aereo Leh. Al suo arrivo c’era ad attenderlo il tradizionale cerimoniale di benvenuto con il parasole, i corni e i cembali. Il Dalai Lama è stato accolto dall’ex titolare del trono di Ganden Rizong Rinpoche, da Drikung Chetsang Rinpoche e Thiksey Rinpoche, oltre che da altri Lama. Numerosi funzionari locali e rappresentanti di varie organizzazioni, tra cui il deputato Thubten Tsewang e Rigzin Jora, membro dell’assemblea legislativa di Leh, e un vasto pubblico erano presenti per rendergli omaggio. Mentre l’auto di Sua Santità si allontanava lentamente dall’aeroporto, migliaia di abitanti del Ladakh e tibetani, monaci e laici, vecchi e giovani, tra cui centinaia di scolari in divisa, hanno salutato festosamente il suo passaggio. Sembrava che l’intera popolazione locale si fosse riversata in strada per salutare Sua Santità, i volti sorridenti, le sciarpe bianche e bastoncini d’incenso tra le mani e una profusione di fiori.Raggiunto il Shewatsel Phodrang, la residenza ufficiale del Dalai Lama in Ladakh, Sua Santità è stato accolto ancora una volta dal Ganden Trisur, Rizong Rinpoche, Drikung Chetsang Rinpoche, Thiksey Rinpoche, Taklung Matrul, Thuksey Rinpoche e da altri dignitari. Tè e riso dolce sono stati serviti agli ospiti. Continua »

Launch of Happiness Curriculum for Delhi Schools
Jul 4th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the gathering at the Launch of the Happiness Curriculum in Delhi Government Schools in New Delhi, India on July 2, 2018. Photo by Tenzin Choejor

July 2, 2018. New Delhi, India – To start the day, His Holiness the Dalai Lama gave an interview to Adriaan van Dis for Dutch television in connection with his prospective visit to the Netherlands in September. Van Dis opened by asking if His Holiness is ever angry and he told him that occasionally he is, but it doesn’t last. They talked about other people who may be angry and the gap between rich and poor. His Holiness remarked that historically the wealthy upper classes have exploited the poor, who, even when they enjoy equal rights, find it difficult to build self-confidence. Van Dis mentioned the anger expressed by young Tibetan writers he’s read. His Holiness explained that Tibet is not only physically occupied, but also that hardliners among Chinese officials view any distinguishing Tibetan quality, such as Tibetan culture and language, as an expression of separatism. Consequently, study of Buddhism and Tibetan is restricted. Continua »

Lancio del Curriculum della felicità per le scuole pubbliche di Delhi
Jul 3rd, 2018 by admin

Il Vice Primo Ministro di Delhi Manish Sisodia, Sua Santità il Dalai Lama e il Primo Ministro di Delhi Arvind Kejriwal presentano il “Curriculum della felicità” per le scuole governative di Delhi. Nuova Delhi, India, 2 luglio 2018. Foto di Tenzin Choejor

2 luglio 2018. Nuova Delhi, India – In occasione della sua prossima visita nei Paesi Bassi, Sua Santità il Dalai Lama ha rilasciato questa mattina un’intervista ad Adriaan van Dis per la televisione olandese; la prima domanda è stata “Lei non si arrabbia mai?”. “Qualche volta – ha risposto il Dalai Lama – ma non dura molto”. L’intervista è proseguita sul tema della rabbia e poi sul divario tra ricchi e poveri: “storicamente – ha osservato Sua Santità – le classi abbienti hanno sempre sfruttato i poveri i quali, anche quando godono di pari diritti, fanno molta fatica ad avere fiducia in se stessi”. Van Dis ha menzionato la rabbia espressa dai giovani scrittori tibetani nei libri che ha avuto occasione di leggere. “Il Tibet non è solo materialmente occupato, ma i funzionari cinesi sostenitori della linea dura considerano qualsiasi manifestazione di identità tibetana, come la cultura e la lingua, un’espressione di separatismo. Di conseguenza, lo studio del buddhismo e del tibetano sono molto limitati”.

“Ci sono anche alcuni tibetani che sono arrabbiati con me perché dal 1974 non ho più fatto pressioni per l’indipendenza. In termini di sviluppo materiale, possiamo trarre vantaggio dal fatto di rimanere con la Repubblica Popolare Cinese, ma dobbiamo essere in grado di preservare la nostra lingua e cultura e proteggere l’ambiente naturale della nostra patria. Quest’ultimo punto non è solo una questione interna per i tibetani, dato che i principali fiumi asiatici sorgono sull’altopiano tibetano e più di un miliardo di persone dipendono dalle loro acque”. Continua »

H.H. Dalai Lama Meeting Delegates to the Second Dialogue on Vinaya
Jul 3rd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama with delegates to the Second Dialogue on Vinaya during their meeting in New Delhi, India on July 1, 2018. Photo by Jeremy Russell

July 1, 2018. New Delhi, India – This morning His Holiness the Dalai Lama met with delegates who had participated in a Second Dialogue on Vinaya. They included representatives of the Sri Lankan, Burmese, Thai, Vietnamese, Taiwanese, Indian and Tibetan Buddhist Traditions. Among reports read to the gathering was one from a senior Elder of the Thai Forest Monk’s tradition, who approved of the spirit of the meeting, but expressed regret that since proceedings were being held in a hotel it was inappropriate for him as a Forest Monk to attend. Nevertheless, he encouraged delegates by quoting the Buddha’s having told Ananda that after his passing away, the Vinaya would be the disciples’ guide. He added that as long as the Vinaya prevailed, the Buddha’s teachings would survive. Further reports clarified that in their discussions delegates had recognised that although the various Vinaya traditions may vary in the numbers of specific precepts, they shared the seven fundamental divisions of the Vinaya. There are proposals for further such dialogues to be held. Continua »

Incontro con i Delegati del Secondo Dialogo sul Vinaya
Jul 2nd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il Secondo Dialogo sul Vinaya a Nuova Delhi, in India, il 1° luglio 2018. Foto di Jeremy Russell

1 luglio 2018. Nuova Delhi, India – Stamattina Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato i delegati che hanno partecipato al Secondo Dialogo sul Vinaya. Tra questi, rappresentanti delle tradizioni buddhiste dello Sri Lanka, birmane, thailandesi, vietnamite, taiwanesi, indiane e tibetane. Tra i rapporti letti durante l’incontro c’è stato quello di un anziano monaco della tradizione del thailandese della foresta che pur condividendo lo spirito della riunione, esprimeva rammarico per il fatto che, poiché i lavori avevano luogo all’interno di un hotel, era inopportuno per lui come monaco della foresta di partecipare. Tuttavia, ha incoraggiato i delegati, citando il Buddha quando disse ad Ananda che, dopo la sua morte, il Vinaya sarebbe stato la guida dei discepoli. Ha aggiunto che, finché il Vinaya esisterà, sopravviveranno anche gli insegnamenti del Buddha. Altre relazioni hanno messo in luce che, nelle loro discussioni, i vari i delegati hanno riconosciuto che nonostante nelle differenti tradizioni buddhiste il numero di precetti possa variare, tutte condividono i sette considerati fondamentali e che dialoghi come quello odierno dovrebbero proseguire. Continua »

La Cina rifiuta ai funzionari ONU di dare “accesso senza restrizioni” al Tibet
Jun 22nd, 2018 by admin

DHARAMSHALA, 19 giugno: l’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Il principe Zeid Ra’ad al-Hussein di Giordania nel suo ultimo discorso fatto alla 38a sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite ha affermato che nonostante i numerosi sforzi del suo ufficio, la Cina non ha ha concesso “l’accesso senza restrizioni” al suo personale nelle cosiddette regioni cinesi, nella regione autonoma tibetana e nella regione autonoma uigura dello Xinjiang.  Continua »

H.H. Dalai Lama: Final Day of Teachings in Riga
Jun 20th, 2018 by admin

His holiness the Dalai Lama on the final day of his three day teaching in Riga, Latvia on June 18, 2018. Photo by Tenzin Choejor

June 18, 2018. Riga, Latvia – His Holiness left his hotel earlier than usual this morning in order to be able to complete preparations for the empowerment and permission he was going to confer.

On arrival at the Skonto Hall, His Holiness posed for photographs with more than 60 people who as volunteers had served in various capacities during the three-day teaching. As he thanked them, he told them they should consider what they had done as of service to the Buddhadharma.

Once the preparatory rituals were complete, His Holiness announced that he would confer the Avalokiteshvara Empowerment first. He explained that the people of the Land of Snows have a special connection to Avalokiteshvara. Continua »

Insegnamenti a Riga – Giornata conclusiva
Jun 19th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama conduce i rituali preparatori per l’iniziazione di Avalokiteshvara l’ultimo giorno dei suoi insegnamenti a Riga, Lettonia, il 18 giugno 2018. Foto di Tenzin Choejo

18 giugno 2018. Riga, Lettonia – Questa mattina, Sua Santità ha lasciato l’albergo prima del solito per poter svolgere i rituali preparatori per le due iniziazioni previste nella giornata.

Al suo arrivo alla Skonto Hall, ha posato per alcune foto con più di 60 persone che, come volontari, avevano prestato servizio a vario titolo durante i tre giorni di insegnamenti. Nel ringraziarli, il Dalai lama ha raccomandato di considerare ciò che avevano fatto come un servizio reso al Buddhadharma.

Terminati i rituali preparatori, Sua Santità ha annunciato che avrebbe conferito per prima l’iniziazione di Avalokiteshvara con cui il popolo del Paese delle Nevi ha un legame speciale.

“Inoltre, poiché tutti gli insegnamenti del Buddha – conservati nel Kangyur e nel Tengyur, nei sutra e nei tantra e preservati dai buddhisti tibetani – si sono diffusi anche nei paesi vicini, tra cui la Mongolia, anche quelle popolazioni godono di una connessione particolare con Avalokiteshvara. Continua »

H.H. Dalai Lama: Second Day of Teachings in Riga
Jun 19th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting well wishers as he leaves his hotel on the way to Skonto Hall in Riga, Latvia on June 17, 2018. Photo by Tenzin Choejor

June 17, 2018. Riga, Latvia – By the time His Holiness was ready to leave for the Skonto Hall this morning, almost two hundred people filled the hotel lobby waiting to catch a glimpse of him. Many held photos and other items they hoped to have blessed. Security personnel had a tough time keeping a cordon around His Holiness as eager and determined devotees pushed from both sides in their efforts to touch him.

Once he had reached the teaching venue and settled into his seat on the stage, His Holiness began by remarking that the Buddha taught us to subdue our minds.

You do this by using your critical faculty and analysing the situation before you. Letting yourself be overtaken by negative emotions leads to suffering. Therefore, it’s important to recognise the shortcomings of an unruly, undisciplined mind. If you train your mind, you’ll suffer less, which is why the Buddha set taming or subduing the mind at the heart of his teaching.” Continua »

Secondo giorno di insegnamenti a Riga
Jun 18th, 2018 by admin

17 giugno 2018. Riga, Lettonia – Questa mattina, prima che Sua Santità venisse nuovamente accompagnato alla Skonto Hall, quasi duecento persone hanno affollato l’atrio dell’hotel in attesa di vederlo: molti desideravano scattargli una foto, altri avevano portato degli oggetti sacri per farli benedire. Il personale di sicurezza ha avuto il suo bel da fare a mantenere un cordone di sicurezza attorno a Sua Santità. Una volta raggiunta la Skonto Hall, Sua Santità ha esordito dicendo che il Buddha ci ha insegnato a domare le nostre menti.

“Potete farlo utilizzando il vostro senso critico e analizzando la situazione nella quale vi trovate. Lasciarsi sopraffare dalle emozioni negative porta alla sofferenza. Pertanto, è importante riconoscere i difetti di una mente indisciplinata e fuori controllo. Se allenate la mente, soffrirete meno, ed è per questo che il Buddha ha messo l’addestramento mentale al centro del suo insegnamento”. Continua »

H.H. Dalai Lama: First Day of Teachings in Riga
Jun 18th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting the audience on his arrival on stage at Skonto Hall in Riga, Latvia on June 16, 2018. Photo by Tenzin Choejor

June 16, 2018. Riga, Latvia – Yesterday, a short flight over the Baltic Sea brought His Holiness the Dalai Lama to Latvia. He was welcomed at Riga Airport by the local Latvian and Russian organizers of his visit. A large group of well-wishers were waiting to greet him at his hotel—he smiled, waved and shook hands with as many of them as he could. This morning at the Skonto Hall, which is once again the teaching venue, His Holiness first met with more than 40 members of the media gathered in an anteroom. After making a very brief statement, His Holiness took their questions.

Asked how to feel confident of making correct decisions, His Holiness replied: We human beings have a sophisticated intelligence which we must learn to use properly. Our decisions and consequent actions should not be taken simply on the basis of what we want. Although such an approach might provide some short-term satisfaction, we’d be little different from animals. As intelligent human beings we also have the ability to reason and anticipate the consequences of our actions. We can assess whether what we do will be socially acceptable and whether it is good for our health or not. We have to take the larger reality of any given situation into account. Looking at things from only one angle is not enough. Examining things from different angles objectively without too much emotion will lead to a better result.” Continua »

Primo giorno di insegnamenti a Riga, Lettonia
Jun 17th, 2018 by admin

16 giugno 2018. Riga, Lettonia – Ieri un breve volo sul Mar Baltico ha portato Sua Santità il Dalai Lama in Lettonia dove, all’aeroporto di Riga, è stato accolto dagli organizzatori della sua visita, locali e russi, mentre un folto gruppo di praticanti già lo stava aspettando presso il suo albergo. Il Dalai Lama ha sorriso, salutato e stretto mani al maggior numero di persone possibile.

Questa mattina alla Skonto Hall, nuovamente sede degli insegnamenti (il Dalai Lama vi aveva dato insegnamenti nel settembre 2017, n.d.t), Sua Santità ha subito incontrato più di 40 rappresentanti dei media a cui, dopo un breve discorso, ha lasciato la parola per le domande.

La prima riguardava come essere sicuri di prendere decisioni corrette. Sua Santità ha risposto: “Noi esseri umani abbiamo un’intelligenza sofisticata, ma dobbiamo imparare ad usarla correttamente. Continua »

Incontro con i sostenitori del Tibet e conferenza pubblica a Vilnius
Jun 15th, 2018 by admin

Una persona del pubblico rivolge a Sua Santità il Dalai Lama una domanda durante il suo discorso alla Siemens Arena di Vilnius, Lituania, il 14 giugno 2018. Foto di Tenzin Choejor

14 giugno 2018. Vilnius, Lituania – Durante un incontro con i membri del Gruppo parlamentare lituano per il Tibet e i sostenitori della causa tibetana, questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha detto:

“Abbiamo attraversato un periodo difficile, di gravi violazioni dei diritti umani in Tibet, ma la mia principale preoccupazione è la conservazione del nostro patrimonio culturale unico, radicato nell’antica comprensione indiana del funzionamento della mente che permette di raggiungere la pace della mente e affrontare le emozioni distruttive. Si tratta di un sapere oggi molto importante”.

“Apprezziamo il sostegno di amici come voi. Il popolo tibetano resta forte e la vostra sincera preoccupazione non solo dà loro coraggio, ma dà anche un chiaro messaggio ai sostenitori della linea dura cinese riguardo al fatto che la questione tibetana deve essere affrontata in modo realistico. Vi ringrazio quindi a nome dei sei milioni di tibetani”. Continua »

Meeting with Tibet Supporters and Public Talk in Vilnius
Jun 15th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama joining members of the Lithuanian Parliamentary Group for Tibet and Tibet supporters for a group photo in Vilnius, Lithuania on June 14, 2018. Photo by Tenzin Choejor

June 14, 2018. Vilnius, Lithuania – Meeting with members of the Lithuanian Parliamentary Group for Tibet and Tibet supporters this morning His Holiness the Dalai Lama told them:

“We’ve been passing through a difficult period with extensive human rights violations in Tibet, but my main concern is for the preservation of Tibet’s unique cultural heritage. This is rooted in the ancient Indian understanding of the workings of the mind, on the basis of which we can achieve peace of mind and tackle our destructive emotions. This is something that is very much relevant today.

We appreciate the support of friends like you. The people in Tibet’s spirit remains strong and when you show concern it not only gives them courage, it also sends a clear message to Chinese hardliners that the Tibetan issue has to be dealt with in a realistic way. Therefore, I would like to thank you on behalf of the six million Tibetans.” Continua »

Incontro con i media e visita all’Università di Vilnius
Jun 14th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta i rappresentanti dei media al suo arrivo alla conferenza stampa. Vilnius, Lituania, il 13 giugno 2018. Foto di Tenzin Choejor

13 giugno 2018. Vilnius, Lituania – Nel suo primo appuntamento della giornata, Sua Santità il Dalai Lama ha rilasciato un’intervista esclusiva al canale lrytas.tv, durante la quale anche tre bambini hanno avuto l’opportunità di rivolgergli una domanda. Alla domanda su come si possa essere sicuri di di riuscire a prendere la decisione giusta, Sua Santità ha risposto:

“La vita è abbastanza complicata. Ma io uso il cervello: il cervello umano ha un grande potenziale e non dobbiamo permettere alle emozioni negative di interferire con il ragionamento. Dovremmo analizzare le situazioni in modo obiettivo, esaminandole da diverse angolazioni. Se lo fate, tutto ciò che farete sarà realistico. Dobbiamo usare la nostra intelligenza. Poi, man mano che la nostra fiducia in noi stessi cresce, avremo sempre più forza interiore. “ Continua »

Statement on the Singapore Summit Initiative
Jun 14th, 2018 by admin

June 13, 2018, Lithuania – His Holiness the Dalai Lama issued a statement where he welcomed the initiative that the leaders of the United States and North Korea have begun in Singapore to resolve long-standing differences in the hope that it will eventually lead to the denuclearization of the Korean Peninsula. Continua »

Meeting with the Media and a Visit to University of Vilnius
Jun 14th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama answering questions during his meeting with members of the media in Vilnius, Lithuania on June 13, 2018. Photo by Tenzin Choejor

June 13, 2018. Vilnius, Lithuania – In his first engagement of the day, His Holiness the Dalai Lama gave an exclusive interview to the lrytas.tv channel, during which three young children had the opportunity to ask him a question. Asked how you can be sure you’ve made the right decision about something, His Holiness replied:

Life is quite complicated. But I use my brain—the human brain has great potential. However, we should not allow our negative emotions to interfere. We should analyze things objectively, examining them from different angles. If you do that, whatever you do will be realistic. We have to use our human intelligence. Then as our self-confidence grows it brings inner strength. “

In the packed lobby of the hotel, more than 60 people gathered to attend His Holiness’s interaction with members of the media. Continua »

Pechino chiede ai buddisti tibetani di rendere omaggio anzitutto al Partito e alla Costituzione
Jun 13th, 2018 by admin

12 giugno 2018. Pechino ha chiesto ai buddisti tibetani e ai milioni di cittadini che in territorio cinese praticano una religione di rendere omaggio e venerare in primo luogo il Partito e la Costituzione e solo in seconda battuta le rispettive divinità.

Riferisce il People’s Daily, organo di stampa del Partito comunista,che la scorsa settimana i monaci e le monache della cosiddetta Regione Autonoma Tibetana hanno completato a Lhasa uno speciale corso di apprendimento delle direttive politiche di Pechino riguardanti la religione e il “socialismo con caratteristiche cinesi”. Ai religiosi tibetani è stato chiesto di essere politicamente “affidabili” e di assumere una posizione “chiara e netta”. “I templi buddisti svolgono un ruolo chiave per quanto attiene alla stabilità del Tibet” – riferisce il quotidiano cinese -, “e questi speciali programmi di apprendimento sono di fondamentale importanza per far conoscere ai monaci e alle monache le direttive di Pechino. Continua »

Monaci tibetani a scuola di partito
Jun 10th, 2018 by admin

9 giugno 2018  Pechino ha chiesto ai cittadini che si dicono religiosi, e ai loro leader, di adorare il partito prima di tutto, e poi i loro rispettivi dei, nel tentativo di rendere le diverse fedi secondarie rispetto ai principi del partito. Il quotidiano People’s Daily riporta che i monaci e le monache buddiste della Regione Autonoma del Tibet hanno completato una formazione di tre giorni a Lhasa sulle politiche di Pechino in materia di religioni e socialismo con caratteristiche cinesi per «rafforzare le loro convinzioni politiche». A questi buddisti viene chiesto di essere “affidabili” in politica per assumere una posizione chiara e ferma e di svolgere un ruolo attivo «nei momenti critici», senza specificare quali.

«I templi buddisti giocano un ruolo chiave nella stabilità del Tibet (…) e tali programmi educativi sono un canale vitale per propagare le politiche di Pechino tra monaci e monache (…) Avere i buddisti che predicano le politiche tra i loro fedeli è più efficace che attraverso conferenze di terze parti o quadri di partito». Il Tibet Daily, giornale ufficiale del governo della regione autonoma, riporta che più di 20.000 quadri del partito sono stati inviati in 7.000 templi per predicare lo spirito del XIX Congresso del partito tra i buddisti dall’ottobre 2017. Continua »

Teachings for Young Tibetan Students – 2° Day
Jun 9th, 2018 by admin

A student asking His Holiness the Dalai Lama a question during a break on the second day of teachings for young Tibetan students at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on June 7, 2018. Photo by Tenzin Phuntsok

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – As soon as His Holiness the Dalai Lama had taken his seat this morning, members of staff from the TCV School at Gopalpur began an energetic presentation of debate. They discussed taking refuge and definitions of the Three Jewels. They were followed by a group of students from the same school who focussed on science—specifically on living organisms. “The foremost scholar of the Nalanda Tradition was Nagarjuna,” were His Holiness’s opening words. “His writings reveal what a great master he was, precise and profound. His students, Aryadeva, Bhavaviveka, and eventually Shantideva elaborated on what he wrote. An early verse in his ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way’ demonstrates how he used reasoning to establish the teaching:

Neither from itself nor from another
Nor from both,
Nor without a cause
Does anything whatever, anywhere arise.

Nagarjuna praised the Buddha, not only for attaining enlightenment, but also for teaching dependent origination. As the final homage at the end of ‘Fundamental Wisdom’ says the Buddha taught the holy Dharma to rid us of all distorted views. Continua »

Teachings for Young Tibetan Students
Jun 8th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting TCV students as he arrives at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on June 6, 2018. Photo by Tenzin Phuntsok

June 6, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – The yard around the Tsuglagkhang was packed with people when His Holiness the Dalai Lama walked out through the gates of his residence this morning. The estimated 9000 people included 900 college students, 112 students from the Men-tsee-khang, 105 students from the Tibetan Transit School, nearly 1400 students from TCV schools—mostly from classes 9-12, 250 from the Dharamsala Buddhist Study Group, more than 2000 interested people from abroad, including 150 Thai monks from the Thai Dhama-Sala Charitable Society, and local Tibetans. Smiling and waving to members of the crowd as he went, His Holiness made his way up to the temple. There he paid his respects before the statue of the Buddha and greeted old friends before taking his seat on the throne.

Members of the Dharamsala Buddhist Study Group, comprising men and women, monastics and lay-people, Tibetans and people from abroad, demonstrated their debating skills. The first group discussed the aspiring and venturing awakening minds as described in the ‘Guide to the Bodhisattva’s Way of Life’. The second group explored modes of reasoning as revealed in Dharmakirti’s ‘Commentary on Valid Cognition’ (Pramanavarttika). Continua »

Insegnamenti per gli studenti tibetani – Seconda giornata
Jun 8th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il secondo giorno di insegnamenti per gli studenti tibetani presso il Tempio Tibetano Principale a Dharamsala, India, il 7 giugno 2018. Foto di Tenzin Phuntsok

7 giugno 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Non appena Sua Santità il Dalai Lama ha preso posto questa mattina, alcuni insegnanti della Tibetan Children’s Village School di Gopalpur hanno dato una vivace dimostrazione di dibattito sul Rifugio e sui Tre Gioielli. Dopo di loro, un gruppo di studenti della stessa scuola si sono impegnati in un dibattito sulla scienza, in particolare sugli organismi viventi. “Il primo erudito della Tradizione del Nalanda fu Nagarjuna”, ha esordito Sua Santità. “I suoi scritti rivelano il grande maestro che è stato, acuto e profondo. I suoi studenti, Aryadeva, Bhavaviveka e infine Shantideva hanno elaborato ciò che egli ha scritto. La prima strofa della sua “Saggezza Fondamentale della Via di Mezzo” indica in che modo egli usasse il ragionamento per arrivare a un insegnamento:

Né da se stesso né da qualcos’altro,
né da entrambi,
né senza causa:
non c’è nulla che sia mai sorto così.

“Nagarjuna lodò il Buddha non solo per aver raggiunto l’illuminazione, ma anche per aver insegnato l’origine dipendente. Come recita l’omaggio alla fine della “Saggezza Fondamentale’, il Buddha ha insegnato al santo Dharma per liberarci da ogni visione distorta”. Continua »

Insegnamenti per gli studenti tibetani – Prima giornata
Jun 7th, 2018 by admin

Domande e risposte con il pubblico durante la prima giornata di insegnamento agli studenti tibetani presso il Tempio Tibetano Principale di Dharamsala, India il 6 giugno 2018. Foto di Tenzin Phuntsok

6 giugno 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Il cortile che circonda lo Tsuglagkhang era già affollatissimo quando Sua Santità il Dalai Lama, questa mattina, ha lasciato la sua residenza. Circa 9.000 persone, tra cui 900 studenti universitari, 112 studenti del Men-tsee-khang, 105 studenti della Tibetan Transit School, quasi 1.400 studenti delle scuole del Tibetan Children’s Village, soprattutto delle classi dai 9 ai 12 anni, 250 del Gruppo di Studio Buddhista di Dharamsala, più altre 2.000 persone provenienti dall’estero, tra cui 150 monaci thailandesi della Thai Dhama-Sala Charitable Society e tibetani residenti in India. Sorridendo e salutando la folla, Sua Santità ha raggiunto il tempio dove ha reso omaggio alla statua del Buddha e dato il benvenuto ai vecchi amici prima di prendere posto sul trono.

I membri del Gruppo di Studio Buddhista di Dharamsala, uomini e donne, monaci e laici, tibetani e stranieri, hanno dato una dimostrazione dell’arte del dibattito. Il primo gruppo ha affrontato il soggetto della mente che aspira all’illuminazione, così come descritto nella “Guida allo stile di vita del Bodhisattva”. Il secondo gruppo ha discusso i diversi tipi di ragionamento, così come illustrati dal “Commentario alla cognizione valida” di Dharmakirti (Pramanavarttika). Continua »

Ventinove anni fa il massacro di Piazza Tienanmen
Jun 5th, 2018 by admin

4 giugno 2018. Nella notte tra il 3 e il 4 giugno 1989 i carri armati dell’Esercito di Liberazione Popolare cinese uccisero a Piazza Tienanmen centinaia di persone, mettendo fine alle proteste degli studenti che reclamavano la democrazia.

La protesta a piazza Tienanmen era iniziata un mese e mezzo prima, il 15 aprile. In quell’anno, quello della caduta del Muro, molti regimi comunisti furono rovesciati in Europa. Il 27 aprile, studenti provenienti da più di 40 università marciarono su piazza Tienanmen dove furono raggiunti da operai, intellettuali e funzionari pubblici. A maggio, più di un milione di persone riempì la piazza, la stessa in cui nel 1949 Mao Zedong aveva dichiarato la nascita della Repubblica Popolare Cinese. Il 20 maggio il governo impose la legge marziale a Pechino. Continua »

American, Indian and Tibetan Students and Teachers Meet His Holiness the Dalai Lama
Jun 2nd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama answering questions from the audience during his meeting with students and teachers at his residence in Dharamsala, HP, India on June 1, 2018. Photo by Tenzin Choejor

June 1, 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Eighty people from three different groups met His Holiness the Dalai Lama today. They included students and faculty members from Emory University, Atlanta, Georgia, USA, as well as participants in the Emory-Tibet Partnership from the Library of Tibetan Works and Archives in Dharamsala, and students involved with the Kurukul Program of the Foundation for Universal Responsibility, New Delhi. His Holiness welcomed them to Dharamsala, which he described as his second home for the last 59 years.

He outlined his four main commitments, explaining that the first is to promoting an understanding of the oneness that unites all 7 billion human beings alive today. He mentioned not only the interdependence of the global economy, but also how we are all affected by common concerns like climate change.

We are emotionally, mentally and physically the same and we can help each other by sharing our experience of achieving peace of mind.” Continua »

Studenti e insegnanti americani, indiani e tibetani incontrano Sua Santità il Dalai Lama
Jun 2nd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta i presenti all’udienza prima dell’incontro con studenti e insegnanti nella sua residenza a Dharamsala, India, il 1 giugno 2018. Foto di Tenzin Choejor

1 giugno 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Oggi ottanta persone di tre diversi gruppi hanno incontrato Sua Santità il Dalai Lama. Tra questi, studenti e docenti della Emory University, (Atlanta, USA), oltre ai partecipanti alla Emory-Tibet Partnership della Library of Tibetan Works and Archives di Dharamsala, e gli studenti del programma Kurukul della Fondazione per la responsabilità universale di Nuova Delhi. Sua Santità li ha accolti a Dharamsala, che ha descritto come la sua seconda casa, negli ultimi 59 anni.

Ha ricordato i suoi quattro impegni principali, spiegando che il primo è quello di promuovere la comprensione dell’unità dei 7 miliardi di esseri umani vivi oggi; ha accennato non solo all’interdipendenza dell’economia globale, ma anche al modo in cui siamo tutti influenzati da preoccupazioni comuni, come il cambiamento climatico.

“Siamo emotivamente, mentalmente e fisicamente uguali e possiamo aiutarci a vicenda, condividendo la nostra esperienza nella ricerca della pace della mente”. Continua »

Il diario di un monaco tibetano racconta le violenze perpetrate dalla Cina all’interno dei “centri di rieducazione patriottica”
Jun 1st, 2018 by admin

Monache tibetane in un centro di rieducazione.

31 maggio 2018. Il diario di un monaco tibetano costretto a frequentare per quattro mesi un cosiddetto centro di ri-educazione patriottica rivela le violenze fisiche e psicologiche inflitte dai cinesi a monaci e monache.
Il diario, reso pubblico dal Centro Tibetano per i Diritti e la Democrazia che per ragioni di sicurezza ha tenuto segreto il nome del monaco, fornisce un dettagliato resoconto dei tentativi posti in atto dal governo cinese all’interno dei “centri di ri-educazione patriottica” per azzerare la fede e la lealtà dei religiosi nei confronti del Dalai Lama, loro leader spirituale. Costretto a lasciare il monastero e trasferito nel centro situato nella Contea di Sog (“in realtà una prigione”, recita il diario), nella cosiddetta Regione Autonoma Tibetana, senza poter portare con sé nulla all’infuori delle sue vesti, un asciugamano, dentifricio e spazzolino, il monaco scrive: “Dopo la colazione eravamo costretti a frequentare i corsi. Oggetto delle lezioni era in realtà il continuo tentativo di costringerci a denunciare il Dalai Lama.
Continua »

Meeting Participants in an International Conference on the Middle Way Approach
May 31st, 2018 by admin

May 30, 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama met 500 Tibetans from different parts of the world and 170 Tibetans from various settlements in India and Nepal in the yard of the Tsuglagkhang this morning. They had gathered in Dharamsala to participate in an International Conference on the Middle Way Approach. “Since I formulated the Middle Way Approach,” His Holiness told them, “I feel I have a responsibility to explain it.”

He recounted his initial experiences of dealing with the outside world, including China, beginning in the 1950s. Next, he recalled his introduction to Indian Prime Minister Jawaharlal Nehru

“I met him first in 1954 at Beijing, then again in 1956 when I was invited to attend the 2500th Buddha Jayanti Celebrations in India. By then, the Chinese communists had already begun their brutal crackdown in Tibet. Consequently, my ministers, as well as my brothers, were utterly opposed to my returning to Tibet. They sought to persuade me to stay in India. I discussed this with Nehru, who advised me to return to Tibet. He highlighted certain points in the Seventeen Point Agreement which he felt we could still negotiate with the Chinese. He recommended that I try to do that within Tibet. Continua »

Incontro con i partecipanti alla Conferenza Internazionale sull’Approccio della Via di Mezzo
May 31st, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama posa per una delle numerose foto di gruppo con i tibetani che hanno partecipato alla Conferenza Internazionale sull’Approccio della Via di Mezzo presso il cortile del Tempio Tibetano Principale di Dharamsala, India, il 30 maggio 2018. Foto di Tenzin Choejor

30 maggio 2018. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato questa mattina 500 tibetani provenienti da diverse parti del mondo e 170 tibetani provenienti da vari insediamenti in India e Nepal nel cortile dello Tsuglagkhang, arrivati a Dharamsala per partecipare alla Conferenza Internazionale sull’Approccio della Via di Mezzo. “Da quando ho elaborato l’Approccio della Via di Mezzo” ha detto Sua Santità “sento di avere la responsabilità di spiegarlo”.

Il Dalai Lama ha raccontato le sue prime esperienze con il mondo esterno, Cina compresa, a partire dagli anni Cinquanta e ha ricordato il suo incontro con il Primo Ministro indiano Jawaharlal Nehru.

“L’ho incontrato prima nel 1954 a Pechino, poi di nuovo nel 1956 quando sono stato invitato a partecipare alle celebrazioni in occasione del 2500°Buddha Jayanti in India. All’epoca, i comunisti cinesi avevano già iniziato la loro brutale repressione in Tibet. Di conseguenza, i miei ministri, così come i miei fratelli, erano assolutamente contrari al mio ritorno in Tibet. Hanno cercato di convincermi a rimanere in India. Ne ho discusso con Nehru, che tuttavia mi ha consigliato di tornare in Tibet perché c’erano alcuni punti dell’Accordo in Diciassette Punti che, a suo parere, avrei potuto ancora negoziare con i cinesi e che sarebbe stato preferibile ciò avvenisse in Tibet. Continua »

Tashi Wangchuk condannato a cinque anni di carcere
May 25th, 2018 by admin

Tashi Wangchuk,

24 maggio 2018. Con l’accusa di “incitamento al separatismo” il tribunale della prefettura di Yushu ha condannato a cinque anni di carcere Tashi Wangchuk, strenuo difensore del diritto dei tibetani a studiare ed esprimersi nella loro lingua.
Tashi Wangchuk, trentatré anni, Tashi fu arrestato il 27 gennaio 2016, due mesi dopo la pubblicazione sul New York Times di un articolo e di un documentario in cui l’attivista tibetano denunciava le pressioni e lo stato di paura in cui versano i suoi connazionali ed esprimeva il timore dell’annientamento della cultura tibetana attuato dal governo cinese attraverso la progressiva riduzione e deterioramento della lingua scritta e parlata. Accusato di “incitamento al separatismo” nonostante avesse sempre dichiarato di non volere l’indipendenza del Tibet, Tashi comparve davanti al Tribunale del Popolo della Prefettura di Yushu, nella regione del Kham, la mattina del 4 gennaio 2018. Liang Xiaojun, il suo avvocato, fece sapere che il processo, durato circa quattro ore, si era concluso senza una sentenza, rinviata a data da stabilirsi.

Continua »

H. H. Dalai Lama: 2° Day of Interaction with Vietnamese Groups
May 24th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai lama posing for one of several group photos at the conclusion of his two day meeting with Vietnamese business leaders, artists, intellectuals and members of youth delegations and groups in Vietnam by live teleconference link, at his residence in Dharamsala, HP, India on May 22, 2018. Photo by Tenzin Choejor

May 22, 2018 Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama met Vietnamese business leaders, artists, intellectuals and members of youth delegations for a second time today. First of all he undertook the preparatory ritual for a White Manjushri Permission, while members of the audience recited the mantra of Buddha Shakyamuni. “The 7 billion human beings alive today can be categorized into three groups,” His Holiness explained, “one that does not pay much attention to inner values, another that considers religion to be negative and one that has respect for spiritual practice. Everybody has an equal right to be happy, however, it seems that when faced with difficulties or desperate circumstances, people who have the support of religious belief find it easier not to lose hope.

“Jainism, one branch of the Samkhyas and Buddhism do not believe in a creator. Apart from Buddhism, all other religious traditions accept the notion of an independent, permanent self, or atman. The Buddhist theory of dependent origination means this idea of an independent self is untenable.

“The Buddha taught that things do not exist as they appear. Later, four major schools of thoughts evolved within Buddhism, each of which explains the four noble truths, the two truths and the concept of selflessness, but among them all it is the Middle Way (Madhyamaka) presentation that is most scientific.” Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: 2° giorno di incontro coi gruppi di praticanti vietnamiti
May 23rd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il rituale preparatorio per l’iniziazione di Manjushri Bianco, all’inizio del secondo giorno del suo incontro con gruppi provenienti dal Vietnam, presso la sua residenza a Dharamsala, India, 22 maggio 2018. Foto di Tenzin Choejor

22 maggio 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato oggi, per la seconda volta imprenditori, artisti, intellettuali e membri di delegazioni di giovani vietnamiti. Prima di tutto ha eseguito il rituale preparatorio per l’iniziazione di Manjushri Bianco, mentre il pubblico ha recitato il mantra di Buddha Shakyamuni. “I 7 miliardi di esseri umani che vivono oggi possono essere classificati in tre tipologie”, ha spiegato Sua Santità, “quelli che non prestano molta attenzione ai valori interiori, quelli che considerano negativamente la religione e quelli che hanno rispetto per la pratica spirituale”. Ogni tipologia ha l’identico diritto di essere felice, tuttavia, sembra che di fronte alle difficoltà o a circostanze particolarmente dolorose, le persone che hanno il sostegno di un credo religioso riescono a non perdere la speranza.

“Il giainismo, un ramo della Samkhya e il Buddhismo non credono in un dio creatore. A parte il Buddhismo, tutte le altre tradizioni religiose accettano la nozione di un sé indipendente, permanente o atman. La teoria buddhista dell’originazione dipendente significa che questa idea di un sé indipendente è insostenibile”. Continua »

H. H. Dalai Lama: Interacting with Vietnamese Business Leaders, Artists and Intellectuals
May 23rd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama waving to participants in Hanoi, Ho Chi Minh City and Hai Phong attending a meeting over a live teleconferencing link with a group from Vietnam at his residence in Dharamsala, HP, India on May 21, 2018. Photo by Tenzin Choejor

May 21, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama met with approximately 80 business leaders, artists, intellectuals and members of youth delegations from Vietnam at his residence today. Another 500 participated in the interaction in Hanoi, Ho Chi Minh City and Hai Phong over a live teleconferencing link. His Holiness began by emphasising the need to appreciate the oneness of humanity. He expressed regret about the extent of violence in the world and the way the poor are neglected leading to children dying of starvation.

“Meanwhile,” he added, “many of those who are otherwise well-off are neither happy nor at peace. Still, scientists finding evidence that basic human nature is compassionate is a source of hope. Virtually all of us have benefited from our mother’s affection at the start of our lives. When someone is on their deathbed, if he or she is surrounded by loved ones they can pass away peacefully. From birth to death we all need affection. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: 1° giorno di incontro coi praticanti vietnamiti
May 22nd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante l’incontro con diversi gruppi provenienti dal Vietnam, presso la sua residenza di Dharamsala, India, il 21 maggio 2018. Foto di Tenzin Choejor

21 maggio 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato oggi presso la sua residenza circa 80 imprenditori, artisti, intellettuali e membri di delegazioni giovanili provenienti dal Vietnam. Altre 500 persone hanno partecipato all’incontro da Hanoi, Ho Chi Minh City e Hai Phong tramite videoconferenza. Sua Santità ha esordito sottolineando la necessità di riconoscere l’unicità dell’umanità e si è rammaricato per le continue violenze nel mondo, per l’indifferenza per i più poveri e perché ancora oggi ci sono bambini che muoiono di fame.

“Nel frattempo” ha aggiunto “le persone ricche e benestanti non sono né felici né in pace. Tuttavia prove scientifiche dimostrano che la natura umana di base è compassionevole è ciò è una fonte di speranza. Quasi ciascuno di noi ha beneficiato dell’affetto della propria madre, all’inizio della vita e quando una persona è sul letto di morte, se è circondata da persone care, può morire tranquillamente. Dalla nascita alla morte tutti abbiamo bisogno di affetto”. “Molti dei problemi che ci troviamo ad affrontare sorgono perché prestiamo troppa attenzione a differenze del tutto secondarie. L’antidoto a questa abitudine è coltivare una comprensione più profonda dell’unità dell’umanità. Anche se noi tibetani abbiamo sofferto enormemente sotto lo rigido controllo delle autorità cinesi, non usiamo questa scusa per fomentare ostilità verso i nostri fratelli e sorelle cinesi. Al contrario, uno spirito di fraternità è essenziale per il nostro benessere comune”. Continua »

H. H. Dalai Lama’s Meeting with Visitors from Around the World
May 20th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting younger members of the audiences as he joins in group photos with people from around the world at the Tsuglagkhang courtyard in Dharamsala, HP, India on May 19, 2018. Photo by Tenzin Choejor

May 19, 2018, Thekchen Chöling, McLeod Ganj, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama met with about 1000 people from different parts of South Asia, including India, North America, South America, Europe, Russia and Israel today in the yard of the Tsuglagkhang, next to his residence. He first posed for photographs with them in groups arranged according to geographical region.

Visiting the Kalachakra Temple and Tsuglagkhang to pay his respects, His Holiness greeted Tibetans who have gathered to take part in prayers and recitations of ‘Om mani padme hung’, mantra of Avalokiteshvara, to celebrate the month in which the Buddha was born, enlightened and passed away.
Back in the temple yard, he addressed the international visitors:

“I hope this meeting will allow us to interact with one another—I look forward to hearing your questions.

“In the past, although we Tibetans traditionally prayed for the welfare of all sentient beings, we weren’t really concerned with what happened in the rest of the world, remaining isolated behind the mountains that surround our land. However, the reality today is that we are all so interdependent, trying to preserve such isolation is inappropriate and out of date. We need instead to think of the oneness of humanity. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: 21st Century must embrace compassion and oneness
May 19th, 2018 by admin

Dharamsala, May 19, 2018. His Holiness the Dalai Lama on Saturday said the 21st century must pursue compassion, dialogue and a new system of education that inculcates moral values to its future generation.

While there could be innumerable sentient beings across the infinite galaxies, there are only 7 billion human beings on this planet. These 7 billion beings are biologically the same,” he said. “As human beings we share a fundamental wish to be happy and avoid suffering. On top of that, each of our lives are interconnected so much that a person’s future depends on the wellbeing of another”.

His Holiness was addressing a group of 960 Indians and foreign tourists from 42 countries across the globe.

Wherever I go, I consider myself as one of the 7 billion human beings. This thinking makes me feel close and relate to people as brothers and sisters. If we consider the ways in which we are all the same, the barriers between us will diminish,” His Holiness said. Continua »

Moving Towards Global Compassion: His Holiness the Dalai Lama in conversation with Dr Paul Ekman
May 19th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama taking part in an interactive teleconferencing event with Dr Paul Ekman and group of scientists on topic “Moving Towards Global Compassion”.

Dharamsala: His Holiness the Dalai Lama participated in an interactive teleconferencing event with Dr Paul Ekman and groups of scientists, psychologists and spiritual members in San Francisco, California earlier this morning.

Dr Paul Ekman, an American psychologist and a pioneer in the study of emotions and facial expressions co-created the Atlas of Human Emotions Project with His Holiness the Dalai Lama.

The theme of the dialogue was ‘Moving Towards Global Compassion’. The live webcast received over 293,000 views on Facebook.

His Holiness started off the meeting reiterating a favourite theme and his lifelong commitment: promotion of basic human values.

My friend, Paul knows my way of thinking. I have totally dedicated my body, speech and mind towards the well-being of others”. Continua »

Proibita a diplomatici europei la visita a Liu Xia. L’appello di Amnesty International
May 18th, 2018 by admin

17 maggio 2018. Le autorità cinesi hanno bloccato cinque diplomatici europei che volevano visitare Liu Xia, vedova del defunto dissidente e premio Nobel per la pace Liu Xiaobo, fra gli autori della Carta 08, un manifesto per i diritti umani e la democrazia in Cina.

Liu Xia, 57 anni, è agli arresti domiciliari dal 2010, da quando il marito fu insignito del premio, anche se contro di lei non vi è alcuna accusa formale. Liu Xiaobo, condannato a 11 anni per “sovversione contro lo Stato” a causa di alcuni suoi articoli sulla democrazia, è stato lasciato morire in prigione per un cancro al fegato (nella foto Liu Xia con il marito Liu Xiaobo).

Il gruppo europeo ha cercato di incontrare Liu Xia lo scorso 11 maggio, ma sono stati fermati al cancello della sua casa dalla guardia di sicurezza che non ha consentito loro di entrare. Continua »

Divieto d’insegnare ai monaci buddisti “erroneamente istruiti” in India
May 17th, 2018 by admin

16 maggio 2018 Una contea cinese ha vietato ai monaci tibetani, “erroneamente istruiti” in India, di insegnare il buddismo temendo che potessero diffondere contenuti “separatisti”.
In un recente rapporto sul Global Times viene detto che un funzionario cinese dell’ufficio affari etnici e religiosi di Litang ha dichiarato che:
I monaci istruiti erroneamente in India sono stati banditi dall’insegnare il buddismo ai residenti della contea di Litang, nella provincia del Sichuan della Cina sudoccidentale. 

La contea conduce sezioni di educazione patriottica ogni anno per quelli istruiti e i più meritevoli vengono premiati con il Gexe Lharampa, il più alto grado accademico negli studi buddisti tibetani, in India.

Coloro che si sono comportati in modo inappropriato durante l’educazione patriottica o hanno mostrato “qualche segno di intenti separatisti” sono rigorosamente monitorati e banditi dall’insegnare il buddismo al pubblico. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama Incontra l’Associazione delle donne tibetane
May 16th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta i membri dell’Associazione delle Donne Tibetane al loro arrivo nella sua residenza di Dharamsala, India, 14 maggio 2018. Foto di Tenzin Damchoe

15 maggio 2018 Thekchen Chöling, McLeod Ganj, Dharamsala, India – Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato questa mattina 190 membri della Tibetan Women’s Association (TWA), provenienti da 37 diversi insediamenti in India, Nepal, Belgio e Stati Uniti, in occasione della riunione triennale del consiglio d’amministrazione dell’organizzazione. “Siamo diventati dei rifugiati quasi sessant’anni fa” ha esordito Sua Santità. “Durante tutto questo tempo, il mondo ha imparato ad apprezzare la tradizione del buddhismo tibetano. Persino gli scienziati si stanno interessando a ciò che la nostra tradizione ha da dire. Da rifugiati siamo riusciti anche a presentare al mondo la nostra identità tibetana che si esprime attraverso le nostre varie tradizioni religiose, la nostra lingua, il nostro modo di scrivere e così via”.

“Molte persone mi dicono quanto apprezzano la natura compassionevole, allegra e gentile dei tibetani e i loro sorrisi affettuosi. Siamo riusciti a offrire al mondo un’immagine positiva del Tibet”.

“Quando siamo arrivati in India, eravamo all’incirca ottantamila. Molto presto abbiamo iniziato un processo di democratizzazione sistematica del nostro governo in esilio. Con il sostegno del Primo Ministro indiano Jawaharlal Nehru abbiamo creato scuole presso le quali i bambini tibetani potessero ricevere sia un’educazione tradizionale tibetana sia un’istruzione moderna”. Continua »

14 maggio 1995: Gedun Choekyi Nyima, il monaco bambino nominato Panchen Lama, prima di scomparire
May 15th, 2018 by admin

Il Dalai Lama è la carica più importante del Buddhismo tibetano: spetta a lui nominare la seconda carica più prestigiosa, il Panchen Lama, che, una volta deceduto, secondo la tradizione, si reincarna in un’altra persona, che il Dalai Lama deve individuare. Alla morte del X Panchen Lama nel 1989, Tenzin Gyatso, l’attuale Dalai Lama, doveva rintracciare la nuova incarnazione del Panchen: nel 1995 venne finalmente individuato.

Il Panchen Lama numero XI era un bambino di sei anni, Gedun Choekyi Nyima, che si apprestava, già così giovane, a essere cresciuto con una grandissima responsabilità sulle spalle. Era il 14 maggio del 1995. Restò in carica per soli tre giorni: il 17 di quel mese fu rapito dal Governo cinese e da allora non si sa più niente di lui. Il posto di Panchen Lama è stato affidato a Gyancain Norbu, quasi coetaneo del predecessore, riconosciuto da una parte minoritaria dei monaci tibetani, quelli favorevoli alle politiche cinese in Tibet, mentre la maggior parte, fedele al Dalai Lama rifiuta questa imposizione.

Del Panchen Lama legittimo non si sa niente: oggi sarebbe un ragazzo di ventinove anni e le autorità cinesi sostengono che sia in buona salute, alto un metro e sessantacinque e al sicuro, come da volontà della famiglia. C’è chi ritiene che il giovane sia in realtà morto tempo fa, per leucemia. In ogni caso, Gedun Choekyi Nyima è il più giovane prigioniero politico di tutti i tempi: un bambino vittima dei giochi dei più grandi.
Fonte: L’Indro, 14/05/2018, http://www.laogai.it/14-maggio1955-gedun-choekyi-nyima-il-monaco-bambino-nominato-panchen-lama-prima-di-scomparire-video/

English version, Phayul: “Panchen Lama still alive according to reliable information”, says Dalai Lama

His Holiness the Dalai Lama Meets Tibetan Women’s Association
May 15th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama posing for group photos with members of the Tibetan Women’s Association after their meeting at his residence in Dharamsala, HP, India on May 14, 2018. Photo by Ven Tenzin Damchoe

May 14, 2018 Thekchen Chöling, McLeod Ganj, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama met this morning with 190 members of the Tibetan Women’s Association (TWA) who have gathered from 37 different settlements in India, Nepal, Belgium and US for their triennial board meeting. “We became refugees nearly sixty years ago,” His Holiness told them. “During that time the world has come to appreciate the Tibetan tradition of Buddhism. Now even modern scientists take a keen interest in what it has to say. As refugees we have succeeded in presenting to the world our unique Tibetan identity as expressed through our distinct religious traditions, our language, our modes of writing and so forth.

Many people tell me how much they appreciate Tibetans’ compassionate, cheerful, good nature and their warm smiles. We have succeeded in presenting a positive image of Tibet to the world.

When we first arrived in India, about eighty thousand Tibetans had managed to escape. Very early on we began the systematic democratization of our administration in exile. With Indian Prime Minister Jawaharlal Nehru’s support we established  schools where Tibetan children could receive both a traditional Tibetan upbringing and a modern education.” Continua »

Announcing the Release of Dalai Lama App for Android
May 11th, 2018 by admin

May 10, 2018. Announcing the release of the official Dalai Lama app for Android now available for download at https://bit.ly/2rqd3i6. Dalai Lama, the official app from the Office of His Holiness the Dalai Lama, lets you stay up to date with what His Holiness is doing, his travels, and his teachings. Get official news, videos, and photos from His Holiness’s Office, including live video streams when they are available.

Also available for iPhone at http://apple.co/2C5zpco.

https://www.dalailama.com/news/2018/release-of-dalai-lama-app-for-android

Comprendere il mondo. Il Dalai Lama, gli scienziati, il cervello e la mente
May 8th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama ha raccontato che il fisico nucleare indiano Raja Ramana gli ha detto che la fisica quantistica è nuova per la scienza, «ma concetti corrispondenti possono essere trovati negli scritti del maestro buddista Nagarjuna».

Aprendo a Dharamsala, in India, “Understanding the World”, il secondo dialogo tra scienziati e studenti russi e tibetani, il Dalai Lama ha detto che «Per me, i re, il Papa, i lama, i mendicanti e i poliziotti sono tutti uguali». Il leader spirituale tibetano ha anche rivelato che cerca sempre di strappare un sorriso a tutti, persino agli ufficiali di polizia, «E se non sorridono, comincio a fargli il solletico».

Partendo da queste battute, il meeting russo-Tibetano, basato sul libro del Dalai Lama “The Universe in a Single Atom: the Convergence of Science and Spirituality”, il secondo di questo  tipo dopo quello di New Delhi dell’agosto 2017 –  organizzato del Center of tibetan ulture and information, Save Tibet Foundation e Dalai Lama Trus con il sostegno del Centro studi sulla coscienza dell’università statale Lomonosov di Mosca e dell’Istituto di filosofia dell’Accademia delle scienze russa (Ras) – si è occupato di temi complessi come neurobiologia, fisiologia, fisica quantistica e genetica per costruire costruzione di “ponti concettuali” nell’ambito del progetto “Conoscenza fondamentale: dialogo tra scienziati russi e buddisti”. Continua »

Comprendere il mondo. Il Dalai Lama, gli scienziati, il cervello e la mente
May 8th, 2018 by admin

07.05.18. Aprendo a Dharamsala, in India, “Understanding the World”, il secondo dialogo tra scienziati e studenti russi e tibetani, il Dalai Lama ha detto che «Per me, i re, il Papa, i lama, i mendicanti e i poliziotti sono tutti uguali». Il leader spirituale tibetano ha anche rivelato che cerca sempre di strappare un sorriso a tutti, persino agli ufficiali di polizia, «E se non sorridono, comincio a fargli il solletico».

Partendo da queste battute, il meeting russo-Tibetano, basato sul libro del Dalai Lama “The Universe in a Single Atom: the Convergence of Science and Spirituality”, il secondo di questo  tipo dopo quello di New Delhi dell’agosto 2017 –  organizzato del Center of tibetan ulture and information, Save Tibet Foundation e Dalai Lama Trus con il sostegno del Centro studi sulla coscienza dell’università statale Lomonosov di Mosca e dell’Istituto di filosofia dell’Accademia delle scienze russa (Ras) – si è occupato di temi complessi come neurobiologia, fisiologia, fisica quantistica e genetica per costruire costruzione di “ponti concettuali” nell’ambito del progetto “Conoscenza fondamentale: dialogo tra scienziati russi e buddisti”. Continua »

Dialogo tra studiosi russi e buddisti 2° giorno
May 5th, 2018 by admin

Namdol Lhamo, del Tibetan Medical and Astro-science Institute, durante la sua presentazione sulla comprensione del mondo nel contesto della tradizione medica tibetana, in occasione del Dialogo tra studiosi russi e buddhisti a Dharamsala, India, il 4 maggio 2018. Foto di Tenzin Choejor

4 maggio 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Quando Sua Santità il Dalai Lama ha raggiunto il Tsuglagkhang questa mattina, ha reso omaggio e salutato i vari scienziati russi e ha preso posto al tavolo di discussione. Telo Rinpoche ha invitato immediatamente la dottoressa Namdol Lhamo dell’Men-tsee-khang, il Tibetan Medical and Astro-science Institute, a fare la sua presentazione su tema “Comprendere  il mondo nel contesto della tradizione medica tibetana”. La dottoressa ha spiegato che l’essere umano è un aggregato di sei elementi: terra, acqua, fuoco, vento e spazio. Sua Santità ha suggerito che, per facilitare la comprensione da parte delle persone che non hanno familiarità con questo sistema, è necessario specificare che per “fuoco” non si intende quello reale, ma il calore, e che con il termine “vento” ci si riferisce all’energia e al movimento. La dottoressa Lhamo ha aggiunto che il sesto costituente è la coscienza. Riprendendo la questione che Sua Santità aveva sollevato il giorno precedente, ha chiarito che la presenza di sperma e ovulo non sono condizioni sufficienti perché avvenga il concepimento, anche la coscienza è necessaria. Inoltre, è il karma a riunire questi tre elementi. Se uno dei tre è assente, il concepimento non ha luogo, cosa che avviene nel 20% dei casi. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Dialogue between Russian and Buddhist Scholars 2° Day
May 5th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama thanking the Russian scholars with presentations of traditional Tibetan scarves at the conclusion of the Dialogue between Russian and Buddhist Scholars at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on May 4, 2018. Photo by Tenzin Choejor

May 4, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – When His Holiness the Dalai Lama reached the Tsuglagkhang this morning, he paid his respects, greeted the various Russian scientists and took his seat. Telo Rinpoche lost no time in introducing Dr Namdol Lhamo of the Men-tsee-khang, the Tibetan Medical and Astro-science Institute, who had been invited to make a presentation on Understanding the World in the context of the Tibetan medical tradition.

She began by explaining that a human being is an aggregate of six elements: earth, water, fire, wind and space. His Holiness suggested that it can help people unfamiliar with the system to understand it better if it is made clear that actual fire is not involved. The word fire represents heat, just as wind implies energy and movement. Dr Lhamo added that the sixth constituent is consciousness. Taking up the question that His Holiness raised yesterday, she clarified that the presence of sperm and ovum are not sufficient for the conception of a foetus to take place; consciousness is also required. In addition, it is karma that brings them together. If one of these constituents is absent, conception will not take place, which is what happens in 20% of cases. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama, Dialogo tra studiosi russi e buddisti: Comprendere il mondo
May 4th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il suo discorso di apertura in occasione del Dialogo tra studiosi russi e buddhisti a Dharamsala, India, 3 maggio 2018. Foto di Tenzin Choejor

3 maggio 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, sotto un cielo tempestoso, Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato la sua residenza al Tsuglagkhang, per prendere parte al secondo Dialogo tra studiosi russi e buddhisti, intitolato “Comprendere il Mondo”. L’evento è stato organizzato dal Centro di Cultura e Informazione Tibetana (Mosca), dalla Fondazione Save Tibet (Mosca) e dal Dalai Lama Trust, con il contributo del Centro di Studi sulla Consapevolezza dell’Università Statale Lomonosov di Mosca e dell’Istituto di Filosofia dell’Accademia Russa delle Scienze. Arrivato al tempio, il Dalai Lama ha reso omaggio alla statua del Buddha Shakyamuni e salutato i monaci presenti. Poi ha dato il benvenuto ad alcuni vecchi amici tra i nove scienziati russi che lo attendevano seduti al tavolo allestito nel corpo principale del tempio. Il resto dello spazio è stato occupato da circa 150 osservatori, tra cui 75 russi, 18 monaci tibetani studiosi di scienze, 17 studenti dell’Istituto di Dialettica Buddhista di Sarah, 25 del Men-tsee-khang, 50 studenti del Tibetan Children’s Village, tre di Tong-len e due insegnanti del Dharamsala Government College, oltre a 18 ospiti del Ganden Phodrang. Continua »

Dialogue between Russian and Buddhist Scholars, Understanding the World
May 4th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting members of the public at the Main Tibetan Temple courtyard on his way to participate in the Dialogue Between Russian and Buddhist Scholars in Dharamsala, HP, India on May 3, 2018. Photo by Tenzin Choejor

May 3, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, under stormy skies, His Holiness the Dalai Lama walked from his residence to the Tsuglagkhang, to take part in a second Dialogue between Russian and Buddhist Scholars – Understanding the World. The event was organized by the Center of Tibetan Culture and Information (Moscow), Save Tibet Foundation (Moscow), and the Dalai Lama Trust, with the support of the Center for Consciousness Studies at the Lomonosov Moscow State University and the Institute of Philosophy, Russian Academy of Sciences. In the temple, he paid his respects before the statue of Buddha Shakyamuni and saluted the monks sitting nearby. He then turned to greet old friends among the nine Russian scientists gathered round a table in the main body of the temple. The remaining space was filled by about 150 observers including 75 Russians, 18 Tibetan monks who have experience of studying science, 17 students from the Institute of Buddhist Dialectics, Sarah, 25 from the Men-tsee-khang, 50 students from the Tibetan Children’s Village, three from Tong-len and two teachers from the Dharamsala Government College, in addition to 18 guests of the Ganden Phodrang.

Telo Rinpoche, Representative of His Holiness the Dalai Lama at the Office of Tibet in Moscow, briefly introduced this second Dialogue between Russian and Buddhist Scholars in Dharamsala. He welcomed the Russian scientists, as well as people viewing the webcast online, noting that proceedings were being made available in English, Russian, Chinese and Tibetan. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama si congratula con i due leader coreani
May 1st, 2018 by admin

30 aprile 2018 Thekchen Chöling, Dharamsala – Sua Santità il Dalai Lama ha scritto separatamente ai leader nordcoreano e sudcoreano per congratularsi per l’impegno che hanno assunto, in seguito ai recenti colloqui, di lavorare per liberare la penisola coreana dalle armi nucleari e trasformare l’armistizio che ha posto fine alla guerra di Corea in un trattato di pace entro quest’anno. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Congratulates the Two Korean Leaders and Welcomes Steps towards Nuclear Disarmament.
May 1st, 2018 by admin

April 30, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama has written separately to the North Korean and South Korean leaders to congratulate them on the pledge they made following recent talks to work to rid the Korean peninsula of nuclear weapons and turn the armistice that ended the Korean War into a peace treaty this year. Continua »

Dura replica di Pechino alla risoluzione USA sul riconoscimento della reincarnazione del Dalai Lama
Apr 29th, 2018 by admin

La risoluzione approvata il 25 aprile dal senato degli Stati Uniti sulle modalità del riconoscimento della reincarnazione del Dalai Lama è stata oggetto di una dura replica da parte delle autorità cinesi. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: La felicità e una vita libera dallo stress
Apr 25th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante la conferenza “Felicità e una vita senza stress” all’auditorium dell’IIT di Nuova Delhi, 24 aprile 2018. Foto di Tenzin Choejor

24 aprile 2018, Nuova Delhi, India – Al suo arrivo nel campus dell’Indian Institute of Technology (IIT) ad Hauz Khas (Nuova Delhi), Sua Santità il Dalai Lama è stato ricevuto dalla fondatrice di Velocity 48, Parul Rai, e dall’attrice Tisca Chopra che lo hanno accompagnato all’auditorium dove un pubblico di 1500 persone lo stava già aspettando.

Sul palco, Sua Santità e le sue ospiti hanno acceso insieme una lampada tradizionale per aprire l’evento. La moderatrice, Sadhna Srivastav, ha invitato il Direttore dell’IIT, il professor Ramgopal Rao, e il Consigliere Esecutivo dell’IIT, Sanjeev Jain ad accogliere formalmente Sua Santità con fiori e una sciarpa bianca. Parul Rai ha detto che è sempre stato un suo sogno poter offrire alle persone l’opportunità di incontrare e ascoltare autentiche “leggende viventi”, per cui era entusiasta che Sua Santità avesse accettato il suo invito. Ha aggiunto scherzosamente che era del tutto “casuale” che gli ospiti sul palco con Sua Santità fossero tutte le donne. Continua »

Happiness and a Stress-free Life
Apr 25th, 2018 by admin

A view from the back of the stage at the IIT auditorium during His Holiness the Dalai Lama’s talk on “Happiness and a Stress-free Life” in New Delhi, India on April 24, 2018. Photo by Tenzin Choejor

April 24, 2018, New Delhi, India – On arrival at the leafy IIT campus in Hauz Khas, New Delhi, this morning, His Holiness the Dalai Lama was received by the founder of Velocity 48, Ms Parul Rai and actor Tisca Chopra. They escorted him to the auditorium where an audience of 1500 were waiting.

On the stage His Holiness and his hosts lit a traditional lamp together to open the event. Moderator Sadhna Srivastav invited the Director of IIT Prof V Ramgopal Rao and IIT Executive Councillor Sanjeev Jain to formally welcome His Holiness with flowers and a white scarf. Ms Parul Rai explained that it has been her dream to provide opportunities for people to meet and listen to living legends so she was pleased that His Holiness had accepted her invitation. She added playfully that it was more by accident than design that the panel on stage with His Holiness were all women.

In her words of welcome Tisca Chopra said she found it daunting to be speaking at IIT and introducing His Holiness who the New York Times has described as the most famous man in the world. She mentioned several questions she would like to have answered—is it our goal to be happy? can compassion be learned? and what is a well-lived life? Continua »

Il Dalai Lama: il Tibet potrebbe fare parte della Cina se Pechino ne rispettasse la cultura e l’autonomia
Apr 24th, 2018 by admin

Queste le parole pronunciate dal Dalai Lama il 22 aprile nel corso di una conferenza organizzata dal Nehru Memorial Museum and Library nell’ambito degli eventi commemorativi del 60° anniversario dell’arrivo in India del leader spirituale tibetano. “Storicamente e culturalmente il Tibet è sempre stato un paese indipendente” – ha affermato il Dalai Lama. “La geografia della regione ne definisce chiaramente i confini. Se la Cina, come sancito nella sua costituzione, riconoscerà la cultura, la storia e l’autonomia del paese, il Tibet potrebbe fare parte della Cina”. Continua »

Lal Bahadur Shastri Institute of Management – XXIII Cerimonia di Laurea
Apr 24th, 2018 by admin

Il Presidente del Consiglio dei Rettori Anil Shastri, in qualità di Direttore del LBSIM, offre a Sua Santità il Dalai Lama un targa ricordo della sua visita, a conclusione della cerimonia delle lauree al Lal Bahadur Shastri Institute of Management di Nuova Delhi, India, 23 aprile 2018. Foto di Tenzin Choejor

23 aprile 2018, Nuova Delhi, India – Al suo arrivo al Lal Bahadur Shastri Institute of Management (LBSIM) di Dwarka (un sobborgo di Nuova Delhi) Sua Santità il Dalai Lama è stato ricevuto dal Direttore, il dottor Srivastava e dal Presidente del Consiglio dei Rettori Anil Shastri. Poiché Sua Santità aveva conosciuto personalmente il secondo Primo Ministro indiano, si è avvicinato senza indugio al busto di Lal Bahadur Shastri (1904-1966), collocato su un piedistallo all’ingresso dell’Istituto, per offrire una sciarpa bianca e rendergli omaggio.

Dopo aver indossato le vesti e il copricapo accademici, Sua Santità ha partecipato alla processione accademica nell’auditorium. Sul lato del palco, si è unito al figlio di Shastri, Anil, per accendere una lampada votiva e offrire fiori davanti a un ritratto di Lal Bahadur Shastri. Continua »

Lal Bahadur Shastri Institute of Management – 23rd Convocation
Apr 24th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama lighting a lamp and offering flowers before a portrait of Lal Bahadur Shastri at the start of the Lal Bahadur Shastri Institute of Management Convocation in New Delhi, India on April 23, 2018. Photo by Tenzin Choejor

April 23, 2018, New Delhi, India – On arrival at the Lal Bahadur Shastri Institute of Management (LBSIM) in the New Delhi suburb of Dwarka this morning, His Holiness the Dalai Lama was received by the Director, Dr DK Srivastava and the Chairman of the Board of Governors Anil Shastri. Since His Holiness had known India’s second Prime Minister personally, without further ado he approached the bust of Lal Bahadur Shastri, mounted on a pedestal before the Institute, to offer a white scarf and pay his respects.

Having donned the academic robes as well as the hat, His Holiness took part in the academic procession into the auditorium. On the side of the stage he joined Shastri’s son, Anil, in lighting a lamp and offering flowers before a portrait of Lal Bahadur Shastri.

After Anil Shastri had declared the Convocation open, Director of LBSIM, Dr DK Srivastava gave a brief welcome address and read a report outlining the Institute’s achievements. Anil Shastri spoke next, recalling his friendship with His Holiness. He reported that he first met him as a schoolboy, when he touched his feet. Later, when he was MP for Varanasi, His Holiness launched one of his books and on another occasion delivered the Lal Bahadur Shastri Memorial Lecture. Reciting a quotation from His Holiness, “If you want others to be happy, practice compassion. If you want to be happy, practice compassion,” Shastri concluded that His Holiness is acknowledged across the world as a great spiritual leader. Continua »

Discorso presso il Nehru Memorial Museum and Library Auditorium
Apr 23rd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama al Nehru Memorial Museum and Library Auditorium di Nuova Delhi, India, 22 aprile 2018. Foto di Tenzin Choejor

22 aprile 2018, Nuova Delhi, India – Prima della conferenza pubblica del mattino, durante un incontro privato con persone interessate all’etica secolare Sua Santità il Dalai Lama ha detto:

“Il nostro vero obiettivo è capire come aiutare i 7 miliardi di persone che vivono su questo pianeta a cambiare il modo in cui affrontano le proprie emozioni e raggiungere la pace interiore. Concentrarsi solo sullo sviluppo materiale e accumulare armi sempre più potenti non fa che creare paura. Le antiche tradizioni indiane, che insegnano come sviluppare una mente calma (shamatha) e l’intuizione (vipashyana), includono metodi per trasformare le nostre emozioni; metodi che sono rilevanti quando, come oggi, il mondo sta attraversando una crisi emotiva”.

“I bambini piccoli non si curano delle differenze di nazionalità, di fede o di razza. Finché i loro compagni sorridono, giocano insieme e sono contenti. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Invited to Nehru Memorial Museum and Library
Apr 23rd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking at the Nehru Memorial Museum and Library auditorium in New Delhi, India on April 22, 2018. Photo by Tenzin Choejor

April 22, 2018, New Delhi, India – During a private meeting with people interested in secular ethics before the morning’s public engagement, His Holiness the Dalai Lama said,

Our ultimate aim is to find out how to help the 7 billion people on the planet to change—change the way they deal with their emotions so they can achieve inner peace. Focusing only on material development and accumulating ever more powerful weapons only brings fear. The ancient Indian traditions for developing a calmly abiding mind (shamatha) and insight (vipashyana) include methods to transform our emotions, which are relevant when, as we find today, the world is passing through an emotional crisis.

Young children don’t care about differences of nationality, faith or race. So long as their companions smile, they play together happily. It seems it’s only as we grow up, in the course of education, that focussing on secondary differences between people creates trouble. This isn’t confined to people in one part of the world or the other, look at the sectarianism we’ve seen among Tibetan Buddhists, who have forgotten not only about the oneness of human beings, but also the oneness of Buddhists. Continua »

Due monaci tibetani arrestati dalle autorità cinesi
Apr 21st, 2018 by admin

Due monaci tibetani sono stati arrestati dalle autorità cinesi per aver condiviso ciò che è stato considerato “contenuto illegale online”, nel monastero di Tsang a Ba Dzong, nella provincia del Qinghai. Continua »

Tibet: le autorità cinesi si sono appropriate con la forza della terra di contadini tibetani
Apr 19th, 2018 by admin

Le autorità cinesi hanno confiscato ai contadini  le loro terre con la forza. L’esproprio forzato è avvenuto  nella contea di Toelung Dechen vicino alla capitale Lhasa nella regione autonoma tibetana (TAR) nel Tibet, con il pretesto di usare la terra per una piantagione di fiori di massa per il governo. Continua »

Udienza pubblica con visitatori da tutto il mondo
Apr 17th, 2018 by admin

16 aprile 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina, Sua Santità il Dalai Lama era di buon umore quando ha lasciato la sua residenza e ha salutato gli oltre 1500 visitatori provenienti da 68 paesi che si lo attendevano nel cortile del Tempio Tibetano Principale.

Ha stretto la mano ad alcuni, scherzato e scambiato qualche parola con altri. Lentamente si è fatto strada lungo il cortile, fermandosi per alcune foto di gruppo, prima di sedersi sotto il portico del tempio. “Da tempo penso che quando si riuniscono qui fratelli e sorelle di paesi diversi”  ha esordito “non sia semplicemente per vedermi. Voglio dimostrare quanto sia brillante il mio cervello parlando con voi”. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Meeting with Visitors from Across the World
Apr 17th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting members of the more than 1500 strong crowd gathered in the Main Tibetan Temple courtyard to listen to his talk in Dharamsala, HP, India on April 16, 2018. Photo by Tenzin Choejor

April 16, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama was in a jovial mood as he emerged from his residence this morning. He greeted the more than 1500 visitors from 68 countries who had gathered in the temple courtyard, shaking hands with some, teasing and exchanging a few words others. He gradually made his way round the yard, stopping to pose for photographs with people grouped according to their geographical origins, before sitting down on a chair in the porch under the temple. “For some time I’ve thought that when there are brothers and sisters from different countries here,” he told the crowd, “just seeing my face is not sufficient. I want to show how brilliant my brain is by talking to them.

We Buddhists pray for the welfare of all sentient beings, but we have to think about what that really means. Whether we think about animals, insects or fish, there’s not much we can really do for them except pray. However, the 7 billion other human beings on this planet are like us. They have the same kind of brain as we do. Realistically, they are the only ones we can really help. Continua »

“In Tibet la situazione è gravissima”. Dialogo con Claudio Cardelli, l’uomo che ha portato il Dalai Lama in Italia
Apr 12th, 2018 by admin

La polizia cinese in Tibet

PangeaNews – 10 aprile 2018

Come stelle che implodono. Come urla fiammate. Ceri viventi. Si immolano. L’ultimo – per ciò che ne sappiamo, dacché oltre la cortina himalayana regna l’ambiguo – si chiama Tsekho. Un mese fa. Aveva moglie e figlie, due. Un patriota. Si è cosparso di benzina. Si è acceso. In Tibet la luce ha il sapore di tenebra, non scalda – agghiaccia. 152. I tibetani che dal 2009 si danno fuoco per dare un segno di luce – e di morte – alla loro protesta. Vogliono il Tibet libero. Si illuminano. Come ghigni di tigre contro il dragone cinese. Implacabile. Il gesto di Tsekho non è accaduto un giorno qualunque. Il 10 marzo si sono festeggiati i 59 anni dalla sollevazione di Lahsa contro l’occupazione cinese. A Ginevra, per l’occasione, si è radunato un corteo di 7mila persone. “Noi saremo sempre qui a difendere la sacra causa del Tibet e il futuro della nostra civiltà”, ha detto, per sigillare l’occasione, Claudio Cardelli. Dicono siano grandinati applausi. Continua »

La polizia cinese offre ricompense in denaro a chi denuncia attività pro Tibet.
Apr 6th, 2018 by admin

L’ avviso della polizia della contea di Nagchu del 13 marzo 2018 che offre ricompense in denaro a chi fornisce informazioni su comportamenti ritenuti “sleali”.

Secondo un comunicato ufficiale recentemente pubblicato, le autorità cinesi nella contea tibetana di Nagchu, offrono ricompense in denaro a chi denuncia attività “criminali”, compresi gli sforzi per promuovere la cultura nazionale, lla lingua del Tibet o legami con il Dalai Lama.

Il documento del 13 marzo, una copia del quale è stato ottenuto dal servizio tibetano della RFA, offre importi fino a 100.000 yuan (US $ 15.556) a chi fornisce informazioni sulle attività di quelle che definisce di bande criminali, un termine liberamente definito per includere persone o organizzazioni che sostengono il “separatismo“. Una azione mirata spesso contro i tibetani che chiedono maggiori diritti culturali o religiosi.

Sempre nell’attestato si legge che sono stati inoltre promessi premi fino a 50.000 yuan per indicazioni, da verificare tramite indagini della polizia, riguardanti il ​​gioco d’azzardo, il traffico di droga e “le religioni considerate illegali, potere e collegamenti familiari per possesso illegale di proprietà”. Continua »

Pechino: le religioni devono essere al servizio del Partito Comunista
Apr 6th, 2018 by admin

militari a Lhasa

5 aprile 2018. Le religioni devono sostenere il Partito Comunista ed essere subordinate agli interessi della nazione: questo il contenuto del libro bianco reso pubblico il 3 aprile dalle autorità di Pechino.

Il documento, intitolato “Le politiche e le procedure cinesi sulla protezione della libertà religiosa”, afferma la necessità che le religioni si adattino ad una società socialista e come si debbano sviluppare nel contesto della Cina. “Essere parte attiva nell’adattare le religioni alla società socialista significa sviluppare nei credenti l’amore per il loro paese ed insegnare loro come essere subordinati e servire gli interessi della nazione e del popolo cinese”. “Significa inoltre” – prosegue il libro bianco – “adoperarsi affinché i gruppi religiosi difendano e si attengano al socialismo con caratteristiche cinesi e ne abbraccino i valori”. Continua »

“Grazie India 2018”: il Dalai Lama e i Tibetani, dopo 59 anni di esilio
Apr 2nd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama porge un dono commemorativo al Ministro per la Cultura Mahesh Sharma. Tempio Tibetano Principale, Dharamsala, India, 31 marzo 2018. Foto di Tenzin Choejor

31 marzo 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina, il cortile dello Tsuglagkhang, il Tempio Tibetano Principale, è stato riccamente decorato: la struttura delle pensiline è stata rivestita in arancione, bianco e verde, i colori del tricolore indiano. Gli ospiti aspettavano con ansia l’apertura delle porte della residenza del Dalai Lama per poterlo vedere finalmente. Sua Santità ha percorso la corsia centrale, sorridendo e salutando con la mano, fermandosi di tanto in tanto per dare il benvenuto ai suoi ospiti. Raggiunto il podio, è stato accolto dai relatori e dai dignitari e ha preso posto, continuando a sorridere alla folla. Il Segretario alle Relazioni internazionali dell’Amministrazione centrale tibetana (CTA) e Presidente del comitato “Grazie India”, Sonam Dagpo, ha introdotto le celebrazioni. Ha spiegato che il 31 marzo segna la data in cui Sua Santità raggiunse l’India, nel 1959, dopo essere fuggito dal Tibet. La giornata odierna dà l’avvio alla celebrazione annuale di quell’evento storico che culminerà, il prossimo anno, con le celebrazioni del 60°anniversario. Oltre a salutare Sua Santità, Sonam Dagpo ha dato il benvenuto agli ospiti d’onore, il Ministro della Cultura, del Turismo e dell’Aviazione Civile, Mahesh Sharma e al Segretario Generale Nazionale del Bharatiya Janata Party, Ram Madhav. Shanta Kumar, deputato locale del Kangra, ex capo del governo e coordinatore del Forum parlamentare indiano per il Tibet, ha dichiarato che oggi è un giorno speciale. Continua »

Thank You India 2018
Apr 2nd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama and special guests arriving at the Main Tibetan Temple courtyard for the Thank You India celebration in Dharamsala, HP, India on March 31, 2018. Photo by Tenzin Choejor

March 31, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – The courtyard of the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple, had been elaborately decorated this morning. The structure of the overhead canopies was decked out in the orange, white and green of the Indian tricolour. The guests who filled the yard waited in anticipation until the gates to his residence opened and His Holiness the Dalai Lama emerged. He walked steadily up the central aisle waving and smiling at well-wishers and occasionally stopping to shake someone’s hand. Reaching the dais below the temple he was introduced to guests and dignitaries and took his seat smiling at the crowd. International Relations Secretary of the Central Tibetan Administration (CTA) and Chair of the ‘Thank You India’ Committee, Sonam Dagpo introduced the occasion. He explained that 31st March marks the day His Holiness reached India in 1959 after fleeing Tibet. Today marked the beginning of a yearlong celebration of that event that will culminate in the sixtieth anniversary next year. In addition to saluting His Holiness, he welcomed the Chief Guest, Minister of State for Culture, Tourism and Civil Aviation, Mahesh Sharma and Guest of Honour, National General Secretary of the Bharatiya Janata Party, Ram Madhav. Continua »

Attivista tibetano arrestato per aver caricato su facebook foto bandiera tibetana
Mar 31st, 2018 by admin

30 marzo 2018. Un tibetano sarebbe stato incarcerato per 10 giorni e minacciato di essere rinviato in Tibet dalla polizia nepalese per una foto che ha caricato all’inizio di questo mese su Facebook in cui si vede con la bandiera nazionale tibetana nelle vicinanze di uno stupa del Buddha a Kathmandu.

Un gruppo per i diritti internazionali per il Tibet afferma che l’uomo di nome Adak, sulla quarantina, è stato arrestato tre giorni dopo aver pubblicato l’immagine. La polizia nepalese ha mostrato la fotografia all’uomo e immediatamente dopo che ha confermato che era la sua foto, lo hanno preso in custodia

Adak è un membro di un piccolo gruppo di tibetani in Nepal, che sono state parte dell’organizzazione di proteste pacifiche nel 2008 sulla scia della rivolte prima delle Olimpiadi di Pechino. In occasione dell’anniversario della rivolta del 1959 e delle proteste del 2008, il gruppo ha inviato lettere alle ambasciate internazionali a Kathmandu, sottolineando il peggioramento della situazione dei diritti umani in Tibet. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Udienza con 150 ospiti provenienti da tutto il mondo
Mar 31st, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama insieme ad alcuni dei 150 ospiti provenienti da tutto il mondo, al termine dell’udienza avvenuta presso la sua residenza di Dharamsala (India), il 30 marzo 2018. Foto della Venerabile Thubten Damchoe

30 marzo 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, (India) 30 marzo 2018 – “Fratelli e sorelle, sono felice di incontrare tutti voi”. Con queste parole Sua Santità il Dalai Lama ha accolto stamattina, presso la sua residenza, quasi 150 ospiti provenienti da diverse parti del mondo. Una cinquantina – arrivati da Messico, Colombia, Argentina e Cile –  erano accompagnati da quattro monache buddhiste che hanno creato una piccola comunità in Messico. Un altro gruppo, di circa 90 persone, era costituito dai partecipanti a un corso di dieci giorni di introduzione al buddhismo tibetano, tenutosi presso Centro di Meditazione Tushita di Dharamsala.

“Noi 7 miliardi di esseri umani su questo pianeta siamo tutti uguali, mentalmente, fisicamente ed emotivamente” ha detto loro. “Siamo nati tutti da una madre e siamo sopravvissuti grazie alla sua gentilezza e alle sue cure. Come esseri umani siamo animali sociali e sono amore e affetto ad unirci”.

“Grazie ad esperimenti condotti con i neonati, gli scienziati hanno raccolto numerose prove che suggeriscono che la natura umana di base è compassionevole. Altri risultati indicano che vivere in uno stato di rabbia e odio costanti mina il nostro sistema immunitario, mentre coltivare un atteggiamento più compassionevole in generale rafforza il nostro benessere fisico e mentale”. Continua »

Addressing People from Many Parts of the World
Mar 31st, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing a gathering of people from around the world at his residence in Dharamsala, HP, India on March 30, 2018. Photo by Ven Damchoe

March 30, 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – “Brothers and sisters, I’m happy to meet with all of you,” was how His Holiness the Dalai Lama welcomed almost 150 people from many different parts of the world at his residence this morning. Nearly 50, predominantly from Mexico, Colombia, Argentina and Chile were led by a group of four Buddhist nuns who have set up a small community in Mexico. Another group of about 90 were participants in a ten day course introducing Tibetan Buddhism at the local Tushita Meditation Centre.

We 7 billion human beings on this planet are all the same—mentally, physical and emotionally,” he told them. “We were all born from a mother and we all survived because of her kindness and care. As human beings we are social animals and it’s love and affection that binds us together. Continua »

Rinviata a tempo indeterminato la 7°Conferenza Mondiale dei Parlamentari per il Tibet
Mar 28th, 2018 by admin

27 marzo 2018. Nuova scossa nei rapporti tra governo indiano e i tibetani: è stata rinviata a tempo indeterminato la 7° Conferenza Mondiale dei Parlamentari per il Tibet che avrebbe dovuto tenersi a New Delhi dal 26 al 28 aprile 2018. Continua »

92° Incontro annuale dell’Associazione delle Università Indiane a Sarnath. Seconda giornata
Mar 22nd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il suo discorso di apertura, il secondo giorno dell’incontro dell’Associazione delle Università Indiane a Sarnath, India, 20 marzo 2018. Foto di Lobsang Tsering

21 marzo 2018, Sarnath, India – Prima di partecipare all’incontro dell’Associazione delle Università Indiane (AIU), questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha avuto una riunione con gli insegnanti dell’Istituto Centrale per gli Studi Superiori sul Tibet (CIHTS). Ha ricordato che Kapila Vatsyayan aveva fondato l’Istituto, cinquant’anni fa, per contribuire a mantenere viva la cultura tibetana. Ha osservato inoltre che, quando le persone si sono rese conto delle carenze della moderna istruzione subito è cresciuto l’interesse per le antiche tradizioni indiane. L’uso della logica e del ragionamento sviluppati nel passato oggi si ritrovano esclusivamente nella tradizione tibetana e i tibetani sono di fatto gli unici depositari dell’antica comprensione indiana del funzionamento della mente e delle emozioni. “Ho suggerito che lo studio di questi soggetti non sia più appannaggio esclusivo dei monaci e delle monache, ma sia messo a disposizione anche dei laici. Tuttavia, è difficile accoglierli nelle nostre istituzioni monastiche. Con la creazione dell’Istituto di Dialettica Buddhista e di questa istituzione è diventato più semplice per i laici e gli stranieri impegnarsi nelle nostre tradizioni di studio. Continua »

Second Day of Association of Indian Universities’ Meet at Sarnath
Mar 21st, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing a gathering of Central Institute for Higher Tibetan Studies’ (CIHTS) teachers in Sarnath, UP, India on March 20, 2018. Photo by Jeremy Russell

March 20, 2018, Sarnath, UP, India – Before attending the Association of Indian Universities’ (AIU) Meet this morning, His Holiness the Dalai Lama spoke to a gathering of Central Institute for Higher Tibetan Studies’ (CIHTS) teachers. He recalled that Kapila Vatsyayan had taken the initiative to establish the Institute fifty years ago to help keep Tibetan culture alive. He observed that as people have become aware of the shortcomings of modern education, interest has grown in ancient Indian traditions. The past extensive use of logic and reasoning is now only to be found preserved in the Tibetan tradition. In addition, Tibetans find themselves almost the sole repository of the ancient Indian understanding of the workings of the mind and emotions. “I have suggested that study of these things should not be confined to monks and nuns, but should be made available to lay people too.

Continua »

92° Incontro annuale dell’Associazione delle Università Indiane a Sarnath. Sessione inaugurale
Mar 20th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama e alcuni relatori presentano il rapporto annuale dell’AIU al 92° Incontro dell’Associazione delle Università Indiane alla CIHTS di Sarnath, India, 19 marzo 2018. Foto di Lobsang Tsering

19 marzo 2018, Sarnath, India – Era ancora buio a Delhi, questa mattina, quando Sua Santità il Dalai Lama si è imbarcato sul volo che l’avrebbe portato a Varanasi. Al momento del decollo, tuttavia, il sole era spuntato. Il vice rettore dell’Istituto centrale di studi superiori tibetani (CIHTS), Geshe Ngawang Samten, ha ricevuto il Dalai Lama al suo arrivo all’aeroporto internazionale di Lal Bahadur Shastri, da dove insieme hanno raggiunto l’Istituto, a Sarnath. Studenti sorridenti “armati” di sciarpe bianche, fiori e bastoncini d’incenso lo aspettavano, dai cancelli dell’edificio fino alla residenza di Sua Santità, mentre i danzatori di Tashi Shölpa cantavano e ballavano per dargli il benvenuto. Uscito dall’auto, una giovane coppia ha chiesto al Dalai Lama di benedire il loro bambino appena nato. Nel frattempo, ragazzi e ragazze in abito tradizionale tibetano hanno offerto il tradizionale “chemar changpu”. Poco prima delle dieci, il presidente dell’Associazione delle università indiane (AIU), il professor PB Sharma, e il segretario generale Furqan Qamar, insieme a Geshe Ngawang Samten, hanno accompagnato Sua Santità nella vicina sala conferenze. Una volta seduti, un gruppo di studenti ha intonato l’inno dell’istituto; poi un altro gruppo di studentesse e monache ha recitato in sanscrito il Mangalacharan, seguite da un gruppo di monaci che hanno ripetuto la stessa invocazione in tibetano, a cui si è unito anche Sua Santità. Continua »

92nd Annual Meet of Association of Indian Universities at Sarnath – Inaugural Session
Mar 20th, 2018 by admin

A couple presenting their new born baby to His Holiness the Dalai Lama for a blessing as he arrives at the Central Institute for Higher Tibetan Studies (CIHTS) in Sarnath, UP, India on March 19, 2018. Photo by Jeremy Russell

March 19, 2018, Sarnath, UP, India – It was still dark in Delhi this morning when His Holiness the Dalai Lama left for the airport to board a flight to Varanasi. By the time of take-off, however, the sun had risen. Vice-Chancellor of the Central Institute for Higher Tibetan Studies (CIHTS), Geshe Ngawang Samten received him on arrival at Lal Bahadur Shastri International Airport, from where he drove to the Institute in Sarnath. Smiling students holding white scarves, flowers and sticks of incense lined the way from the gate to His Holiness’s residence. Tashi Shölpa dancers sang and danced to welcome him. As he stepped out of his car a couple presented a new-born baby for him to bless. Young men and women in Tibetan costume offered the traditional ‘chemar changpu’. Just before ten o’clock, Association of Indian Universities (AIU) President Prof PB Sharma and Secretary General Furqan Qamar, with Geshe Ngawang Samten, escorted His Holiness to the Conference Hall nearby.

Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Discorso ai neo laureati della Central University dello Jammu
Mar 19th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il suo discorso alla Prima Convocazione dell’Università Centrale dello Jammu, India, 18 marzo 2018. Foto di Tenzin Choejor

18 marzo 2018, Jammu, India – Ieri Sua Santità il Dalai Lama ha raggiunto in auto la città di Jammu dove innanzi tutto ha incontrato, presso l’hotel di cui è ospite, numerosi fedeli del Ladakh e dello Zanskar. Li ha salutati come vecchi amici, ricordando loro che molti studiosi e traduttori tibetani del passato hanno attraversato proprio le loro terre per raggiungere l’India e che, ai tempi di Rinchen Zangpo, Dipankara Atisha vi passò per andare in Tibet su richiesta del re di Thöling. “Avete mantenuto in vita le nostre millenarie tradizioni buddhiste, ma oggi dovete essere buddhisti del XXI secolo. Questo significa che dovete capire quello che il Buddha ha insegnato e per capire dovete studiare. La recita dei mantra e le preghiere non sono sufficienti. Il Buddha stesso disse ai suoi seguaci di non accettare nulla, neppure le sue parole, senza indagare ed esaminare”.

“Tutte le varie tradizioni religiose sono fonte di ispirazione, se gli insegnamenti vengono seguiti con sincerità. Per questo le rispetto e le ammiro. L’India è la prova vivente che l’armonia tra le religioni è possibile, ed è una tradizione che vi esorto di mantenere viva anche qui nello Jammu e nel Kashmir”. Continua »

First Convocation of the Central University Jammu
Mar 19th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama meeting with people from Ladakh and Zanskar at his hotel in Jammu, J&K, India on March 18, 2018. Photo by Jeremy Russell

March 18, 2018, Jammu, J&K, India – His Holiness the Dalai Lama reached Jammu yesterday by road. This morning, before leaving his hotel, he met briefly with people from Ladakh and Zanskar. He greeted them as old friends, recalling that many Tibetan scholars and translators of the past travelled through this region to India. Later, during the life of Rinchen Zangpo, Dipankara Atisha passed through here when he came to Tibet at the request of the king in Thöling. “Although you have been keeping our more than 1000 year old Buddhist traditions alive, now you need to be 21st century Buddhists. That means you have to understand what the Buddha taught, which in turn means you have to study. Recitation of mantras and prayers is not enough. The Buddha told his followers not to accept anything, even what he said, without investigating and examining it. Continua »

Il Dalai Lama: “Le formalità e le belle parole non sono importanti”
Mar 17th, 2018 by admin

17 marzo 2018.In risposta alla presa di distanza del governo di New Delhi dalle manifestazioni organizzate da Dharamsala per celebrare il 60°anniversario dell’arrivo del Dalai Lama in India, il leader religioso tibetano ha dichiarato di non ritenere importanti le formalità e le belle parole.

In un’intervista rilasciata il 10 marzo al giornalista CNN Vir Sanghvi, il Dalai Lama ha affermato di non essere turbato dalla decisione presa dal governo indiano che, “a causa del difficile momento nelle relazioni tra India a Cina”, ha chiesto ai ministri e funzionari del governo centrale e dei governi locali di non partecipare agli eventi organizzati dall’Amministrazione Centrale Tibetana in segno di ringraziamento per l’ospitalità da sessant’anni offerta da New Delhi al leader tibetano e alle migliaia di profughi in fuga dal Tibet occupato.

Continua »

Mind & Life Conference: Reimagining Human Flourishing, 5° Day
Mar 17th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama fondly greeting a young girl on his way to Main Tibetan Temple to participate on the final day of the Mind & Life Conference in Dharamsala, HP, India on March 16, 2018. Photo by Tenzin Choejor

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India. March 16, 2018 – Aaron Stern was the moderator this morning for the final meeting of the 33rd Mind & Life dialogue. As soon as His Holiness the Dalai Lama had arrived and was settled in his seat, he introduced the day’s two presenters—Sonia Lupien and Patricia Jennings, both of whom were to talk about problems in the classroom and solutions to them. Sonia Lupien began by announcing that she was a teacher from Canada who has been trying to teach SEL and secular ethics for a long time. Over that time she has noticed that while many, perhaps most students, are well-adjusted to learning, others faced difficulties. She wondered why. She noted that this girl’s parents were getting divorced, that boy was being bullied and another’s sister was sick. It took 25 years to realise that each of these children was suffering from stress.

When she looked at the science she found that when the brain detects stress hormones are released. These feed back to the brain where they particularly affect selective attention, by which we distinguish what is relevant, and the general faculty for learning. His Holiness asked if this could not be treated with medication and Lupien explained that it had been tried and it was found that limiting some hormones affects others and so upsets the whole balance of health. She explained that stress can be absolute and relative. Absolute stress is prompted by a threat to survival. Relative stress is Novel, Unpredictable, a Threat to the sense of self and has a Sense of taking away control, which is referred to by the acronym NUTS. Continua »

33ª Mind & Life Conference “Reimagining Human Flourishing” – Giornata conclusiva
Mar 17th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta una bambina prima di entrare nel Tempio Tibetano Principale per partecipare all’ultimo giorno della Mind & Life Conference a Dharamsala, India, 16 marzo 2018. Foto di Tenzin Choejor

16 marzo 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Aaron Stern è stato il moderatore della sessione conclusiva della 33 ͣ Mind & Life Conference. Non appena Sua Santità il Dalai Lama è arrivato e ha preso posto, Stern ha presentato i due relatori della giornata, Sonia Lupien e Patricia Jennings, che avrebbero parlato dei problemi che si possono incontrare in classe e delle possibili soluzioni. Sonia Lupien, dal Canada, si è presentata raccontando di essere stata un’insegnante, prima di diventare la direttrice del Center for Studies on Human Stress, e di aver cercato per molto tempo di insegnare SEL e l’etica secolare alle sue classi. Nel corso degli anni, ha notato che mentre molti, forse la maggior parte degli studenti, erano ben disposti verso questo tipo di apprendimento, altri incontravano delle difficoltà e si era sempre chiesta perché. Poi si è resa conto che, ad esempio, i genitori di una studentessa stavano divorziando, che un altro studente era stato vittima di bullismo o che la sorella di un altro era gravemente malata. Ci sono voluti 25 anni per rendersi conto che ognuno di questi ragazzini soffriva di stress.

Cercando una risposta e possibili soluzioni nella scienza, Sonia Lupien ha scoperto che quando il cervello rileva un certo livello di stress vengono rilasciati degli ormoni che, a loro volta influenzano, il cervello soprattutto per quel che riguarda in particolare l’attenzione selettiva, la facoltà con cui si distingue ciò che è rilevante, e la capacità di apprendimento più in generale. Sua Santità ha chiesto se questo problema non potesse essere trattato farmacologicamente e la Lupien ha risposto che i farmaci possono sì limitare l’attivazione di alcuni ormoni, ma al contempo influiscono su altri, compromettendo così l’equilibrio generale della salute.

Continua »

Mind & Life Conference: Reimagining Human Flourishing 4° Day
Mar 16th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting members of the audience as he arrives for the fourth day of the Mind & Life Conference at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on March 15, 2018. Photo by Tenzin Choejor

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India. March 15, 2018 – This morning, after His Holiness the Dalai Lama had arrived at the Tsuglagkhang and taken his seat, the morning’s moderator, Dan Goleman, asked how he had slept. His Holiness replied that he felt a little tired, but had slept well. “Of course,” he remarked, “while I’m asleep, during dream time I do analysis. As far as I’m concerned a relaxing period of thoughtlessness is a waste of the potential of our brains.”

Goleman informed him that Robert Roeser, Matthieu Ricard and Sona Dimidjian would talk about some of the research that is going on in relation to ethics and compassion in education. However, first of all, Goleman acknowledged His Holiness’s advocacy of secular ethics and asked what it means and why it is so important for the 21st century.

The world is facing an array of problems,” His Holiness replied, “many of which we have created. People who make trouble were not necessarily trouble-makers when they were children. In fact, scientists say they have observed that basic human nature is compassionate. But if that’s so, why do we end up creating so many problems for ourselves? One reason is that we don’t have a holistic view, we only see things from a narrow perspective. If we were to take a broader view, the problems we confront wouldn’t seem so significant. Then we would be less irritated and angry. We also need to understand that if we act in this or that way, there will be consequences. Narrow minded people don’t seem to give any thought to the consequences of their behaviour. And we need to appreciate that we are all interdependent. Continua »

33ª Mind & Life Conference “Reimagining Human Flourishing” 4° giorno
Mar 16th, 2018 by admin

Sona Dimidjian ha parlato dei risultati di un breve addestramento alla compassione progettato come app per telefoni cellulari. Quarto giorno della Mind & Life Conference, Tempio Tibetano Principale di Dharamsala, India, 15 marzo 2018. Foto di Tenzin Choejor

15 marzo 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, India. Anche questa mattina, dopo che Sua Santità il Dalai Lama è arrivato al Tsuglagkhang e ha preso posto, il moderatore della sessione, Dan Goleman, gli ha domandato come avesse dormito. Sua Santità ha risposto che si sentiva un po’ stanco, ma che aveva dormito bene. “Naturalmente”, ha aggiunto, “anche mentre sono addormentato, analizzo durante i sogni. Per quanto mi riguarda, infatti, un periodo di totale relax privo di pensieri è uno spreco di potenziale del nostro cervello”. Goleman ha informato il Dalai Lama che oggi che Robert Roeser, Matthieu Ricard e Sona Dimidjian avrebbero parlato di alcune delle ricerche in corso riguardanti l’etica e la compassione nell’istruzione. Tuttavia, prima di tutto, Goleman – riconoscendo il grande impegno di Sua Santità rispetto all’etica secolare – ha voluto chiedergli che cosa significhi e perché sia così importante per il XXI secolo.

“Il mondo sta affrontando una serie di problemi”, ha risposto Sua Santità, “molti dei quali sono stati creati proprio da noi. Le persone che hanno creato problemi non erano necessariamente in grado di farlo da bambini. In realtà, gli scienziati dicono di aver dimostrato che la natura umana di base è compassionevole. Ma se è così, perché finiamo per creare tanti problemi per noi stessi?” Continua »

33ª Mind & Life Conference “Reimagining Human Flourishing” 3° giorno
Mar 16th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama racconta un episodio della sua vita all’inizio del terzo giorno della Mind & Life Conference, presso il Tempio Tibetano Principale di Dharamsala, India, 14 marzo 2018. Foto di Tenzin Choejor

14 marzo 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Non appena Sua Santità il Dalai Lama ha preso posto, all’inizio del terzo giorno della Conferenza Mind & Life, Richard Davidson, moderatore di oggi, gli ha domandato per quanto tempo avesse dormito. “Nove ore” ha risposto il Dalai Lama e ha raccontato di un leader politico, che ebbe modo di conoscere nell’Arunachal Pradesh, che gli aveva rivolto la stessa domanda. Anche a lui aveva risposto di aver dormito nove ore e di essersi alzato alle 3 del mattino per meditare e per affinare la sua mente, in modo da poter meglio truffare le persone. Il politico aveva riso e aveva aggiunto che, dato che dormiva solo sei ore, ovviamente non era preparato per imbrogliare le persone. Davidson ha detto che dopo aver sentito parlare dei presupposti scientifici su cui si fonda il SEEL il primo giorno e averne visto esempi concreti ieri, la giornata odierna e quella successiva sarebbero state dedicate a conoscere nel dettaglio le componenti chiave di questi programmi. Ha poi introdotto Amishi Jha e Sona Dimidjian che avrebbero parlato di meta-consapevolezza e addestramento all’attenzione, aggiungendo che Thupten Jinpa avrebbe concluso la sessione, presentando questi argomenti da una prospettiva buddhista. Continua »

Lobsang Sangay chiede all’UNESCO di avviare un’indagine sull’incendio scoppiato al Jokhang
Mar 15th, 2018 by admin

In una lettera aperta inviata all’UNESCO il 14 marzo, Lobsang Sangay, presidente dell’Amministrazione Centrale Tibetana, ha chiesto all’organizzazione ONU di avviare un’indagine sull’incendio scoppiato nel tempio del Jokhang, a Lhasa, il 17 febbraio. Citando nuove e attendibili fonti, il presidente Sangay afferma di ritenere possibile che le fiamme abbiano gravemente danneggiato sia il tempio sia le numerose statue, reliquie e manoscritti in esso contenute provocando “la perdita irreparabile dei sacri tesori di un’antica civiltà”.

Continua »

33ª Mind & Life Conference “Reimagining Human Flourishing” 2° giorno
Mar 15th, 2018 by admin

Tara Wilkie e Sophie Langri durante la loro presentazione, nel corso della seconda giornata della 33ª Mind & Life Conference. Tempio Tibetano Principale, Dharamsala, India, 13 marzo 2018. Foto di Tenzin Choejor

13 marzo 2018, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Come è sua abitudine, anche questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha percorso a piedi la strada che conduce dalla sua residenza al Tsuglagkhang, fermandosi a parlare con le persone lungo il tragitto. Arrivato al tempio, ha innanzi tutto reso i suoi omaggi alla statua del Buddha, poi ha salutato gli ospiti che lo attendevano per partecipare alla seconda sessione della conferenza Mind & Life; ha chiesto loro se avessero dormito bene e ha aggiunto che lui aveva dormito per nove ore. Tra le persone a cui si è rivolto direttamente c’era anche il suo medico della Mayo Clinic. Il moderatore di oggi, Tony Phillips, ha dato il benvenuto a Sua Santità e lo ha ringraziato per il suo tempo. Ha poi anticipato che le tre presentazioni previste per la mattinata avrebbero illustrato in che modo l’educazione del cuore stia trasformando concretamente l’educazione attuale, sulla base dei consigli di Sua Santità.

Il primo relatore a prendere la parola è stata Kimberly Schonert-Reichl, che ha iniziato la sua carriera come insegnante, ma che è diventata una scienziata che oggi può vantare 30 anni di esperienza sul campo nel Social Emotional Learning (SEL) e nel Collaborative for Academic, Social, and Emotional Learning (CASEL). I bambini che hanno beneficiato dei programmi SEL hanno dimostrato di aver acquisito la capacità di comportarsi con grande gentilezza e allo stesso tempo di raggiungere notevoli risultati accademici, di saper vivere con minor aggressività e livelli di stress inferiori a quelli dei loro coetanei. In più, grazie anche alla crescente popolarità di questi programmi a livello internazionale, nel 2017 il SEL è entrato a far parte del sistema di istruzione in vigore nel 50% degli stati del Nord America, coinvolgendo così un milioni e cinquecentomila insegnanti e 25 milioni di studenti. Il risultato è che gli studenti stanno ora imparando non solo le materie tradizionali, ma anche ad affrontare le proprie emozioni. Continua »

Mind & Life Conference: Reimagining Human Flourishing. 3° Day
Mar 15th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama discussing perception with Amish Jha during her presentation on the third day of the Mind & Life Conference at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on March 14, 2018. Photo by Tenzin Phuntsok

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India. March 14, 2018 – As His Holiness the Dalai Lama sat down at the start of the third day of the Mind & Life Conference this morning, Richard Davidson, today’s moderator, asked him how long he had slept. “Nine hours,” he replied and went on to tell the story of a political leader he got to know in Arunachal Pradesh who asked the same question. His Holiness told him he’d slept nine hours and that he got up at 3am to engage in meditation to sharpen his mind so he could better cheat people. The politician laughed and retorted that since he only slept six hours he obviously wasn’t equipped to cheat people. Davidson said that after hearing about the basic science behind SEEL on the first day and seeing examples of it in action yesterday, today and tomorrow would be spent looking at key components of these programs. He introduced Amishi Jha and Sona Dimidjian who would talk about meta-awareness and attention training in their work, adding that Thupten Jinpa would finish up the session, appraising these topics from a Buddhist perspective. Amishi Jha researches attention and meta-awareness. A common example is of someone having the intention to read a book. They begin reading, but a point comes when they realize their mind has wandered and they have not in fact been paying attention. That realization is an example of meta-awareness, an explicit awareness of the current content of their consciousness. Attention allows for the selection of a chosen object and the preferential processing of that object. It is a like shining a torch in a dark room. It can be moved from one thing to another and can be focussed within as well as outside. Continua »

Mind & Life Conference: Reimagining Human Flourishing. 2° Day
Mar 14th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama arriving at the Main Tibetan Temple for the second day of the Mind & Life Conference – Reimagining Human Flourishing – in Dharamsala, HP, India on March 13, 2018. Photo by Tenzin Choejor

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India. March 13, 2018 – As is his custom, His Holiness the Dalai Lama walked from his residence to the Tsuglagkhang this morning, stopping to talk to people on the way. In the temple he first paid his respects before the statue of the Buddha then turned to greet those gathered for the Mind & Life conference, asking them how they slept and declaring that he had slept nine hours. Among those he greeted personally was his principal physician from the Mayo Clinic. Today’s moderator, Tony Phillips, welcomed His Holiness and thanked him for his time. He explained that this morning three presentations would show how education of the heart is transforming education in actual practice, on the basis of His Holiness’s advice.

First to speak was Kimberly Schonert-Reichl, who began her career as a teacher but became a scientist who now has 30 years experience working in Social Emotional Learning and Collaborative for Academic, Social, and Emotional Learning (CASEL). Children who have benefited from these programs are found to have higher kindness behaviour and academic achievement, as well as less aggression and emotional distress. What’s more, as SEL becomes more popular around the world, by 2017 it had become part of the accepted education system in 50% of states in the USA, involving 1.5 million teachers and 25 million students. The result is that students are now commonly learning not only how to read and do maths, but also how to deal with their emotions. Continua »

33ª Mind & Life Conference “Reimagining Human Flourishing” 1° giorno
Mar 13th, 2018 by admin

Richard Davidson, il giorno di apertura della 33a Conferenza Mind & Life – Reimagining Human Flourishing – presso il Tempio Tibetano Principale di Dharamsala, India, il 12 marzo 2018. Foto di Tenzin Choejor

12 marzo 2018 Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina il Tsuglagkhang, il Tempio Tibetano Principale, adiacente alla residenza di Sua Santità il Dalai Lama, è stata la sede per l’apertura della Conferenza Mind & Life dedicata a “Reimagining Human Flourishing”. I partecipanti, i relatori e i moderatori si sono seduti attorno ad un grande tavolo basso, posto lateralmente nell’area principale del tempio. Insieme a loro, ospiti e osservatori – 100 dal lato Mind & Life e altri 200, molti dei quali monaci e monache, invitati dal Dalai Lama Trust. Quando Sua Santità è arrivato, ha salutato diversi vecchi amici prima di prendere posto a capotavola.

Susan Bauer-Wu, Presidente dell’Istituto Mind & Life, ha esordito dando il benvenuto a tutti i presenti a questo Dialogo Mind & Life, il 33°, e il 13°organizzato a Dharamsala. Ha ringraziato Sua Santità, il Dalai Lama Trust e la Hershey Family Foundation per il loro sostegno che ha reso possibile questo evento. Nel 26°anno dalla sua fondazione, l’obiettivo del Mind & Life Institute continua ad essere quello di lavorare per eliminare la sofferenza e promuovere lo sviluppo del potenziale umano. In questa occasione in particolare, il focus è approfondire ancora una volta in che modo offrire ai giovani una buona educazione, che includa etica secolare, l’attenzione e la compassione, l’amore e il perdono: un’educazione del cuore, che tenga conto del fatto, ormai scientificamente provato, che la compassione può essere insegnata.

Continua »

Mind & Life Conference – Reimagining Human Flourishing – Opening Day
Mar 13th, 2018 by admin

His Holiness the Dalai remarking on the purpose of his meeting with scientists on the opening day of the 33rd Mind & Life Conference – Reimagining Human Flourishing – at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on March 12, 2018. Photo by Tenzin Choejor

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India. March 12, 2018 – The Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple, adjacent to His Holiness the Dalai Lama’s residence was the location this morning for the opening of a Mind & Life Conference focussing on ‘Reimagining Human Flourishing’. Participants, presenters and moderators are seated around a large low table set laterally across the main body of the temple. They are flanked by guests and interested observers, 100 from the Mind & Life side and another 200, many of them scholarly monks and nuns, invited by the Dalai Lama Trust. When His Holiness arrived he greeted several old friends before taking his seat at the head of the table.

Susan Bauer-Wu, President of the Mind & Life Institute, began by welcoming everyone present to this Mind & Life Dialogue, the 33rd altogether and the 13th in Dharamsala. She expressed gratitude to His Holiness, the Dalai Lama Trust and the Hershey Family Foundation for their support in making it possible. In the 26th year of its existence she reiterated the Mind & Life Institute’s aim of working to eliminate suffering and promote human flourishing. On this occasion the intention is to delve again into how to give young people a good education that takes account of secular ethics, attention and compassion, love and forgiveness—an education of the heart, bearing in mind the evidence that compassion can be taught. She closed her introduction by presenting His Holiness with a copy of a new book, ‘The Monastery and The Microscope’, a record of the dialogue that took place in Mundgod in 2013. Continua »

I tibetani in Svizzera chiedono più protezione
Mar 11th, 2018 by admin

La comunità tibetana in Svizzera ha chiesto al Consiglio Federale di impegnarsi maggiormente per la difesa dei diritti umani in Tibet e ha fatto presente che il rapporto, sempre più stretto, tra Berna e Pechino sta avendo un effetto negativo sui diritti fondamentali dei tibetani in Svizzera.

Nel 2013, la Svizzera e la Cina hanno firmato un accordo di libero scambio che, secondo una dichiarazione rilasciata dalla Società per i popoli minacciati (STP), non ha fatto menzione dei diritti umani o della situazione delle minoranze.

Le organizzazioni STP e Tibet in Svizzera sono preoccupate per il crescente sforzo di influenza del governo cinese anche in Svizzera. In particolare, la preoccupazione è stata causata dalle violazioni deI dirittI alla libertà di espressione, di movimento e di diritto alla privacy”, si legge nella nota. Continua »

Celebrato a Ginevra il 59°anniversario dell’insurrezione nazionale tibetana
Mar 11th, 2018 by admin

10 marzo 2018. Migliaia di tibetani e sostenitori della loro causa arrivati da tutta Europa hanno celebrato a Ginevra il 59° anniversario dell’insurrezione nazionale tibetana.

La pioggia battente che ha accompagnato il corteo per le prime due ore della manifestazione non ha scoraggiato le migliaia di tibetani, soprattutto giovani, e dei loro sostenitori che al grido di “Free Tibet” e di slogan che reclamavano il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali hanno raggiunto il Jardin Anglais tra lo sventolio di centinaia di bandiere. Imponente la folla dei manifestanti, circa 7000 persone, tra i quali tantissimi volti di giovanissimi tibetani.

Numerosi gli interventi degli oratori che si sono succeduti sul palco. Tra i nomi più illustri quelli di Ngodup Dorje, rappresentante dell’Amministrazione Centrale Tibetana a Ginevra, di Thubten Wangchen, parlamentare tibetano e presidente della Casa del Tibet di Barcellona, di Thomas Mann, presidente del gruppo Tibet presso il Parlamento Europeo, di Giulio Terzi di Santagata, ex Ministro degli Esteri italiano, di Norman Baker, ex Ministro degli Esteri del Regno Unito e della signora Molli Scott Cato, europarlamentare del Regno Unito. Continua »

Tsekho si autoimmola e muore a Ngaba
Mar 8th, 2018 by admin

7 marzo 2018. Un tibetano è deceduto oggi a Meruma, nella Contea di Ngaba, dopo essersi dato fuoco in segno di protesta contro l’occupazione cinese del Tibet.

Tsekho, un quarantenne tibetano conosciuto anche col nome di Tsekho Tukchak, si è cosparso di benzina e si è fato fuoco a Meruma attorno alle cinque del pomeriggio (ora locale). La sua morte è stata istantanea. Conosciuto per il suo patriottismo, Tsekho si è autoimmolato in segno di protesta per la dura politica di repressione attuata dal governo cinese nei confronti del tibetani. Lascia la moglie e due figlie.

Sale a 152 il numero dei tibetani che dal 2009 si sono autoimmolati per la libertà del Tibet. La sua morte, la prima del 2018, avviene a soli tre giorni dal 59° anniversario della sollevazione di Lhasa e a dieci anni dall’insurrezione che nel 2008 infiammò tutto il Tibet.

In vista della ricorrenza del 10 marzo le autorità cinesi hanno rafforzato i controlli in tutto il Tibet. Il 2 marzo l’Esercito di Liberazione e la Polizia Armata del Popolo hanno condotto una massiccia esercitazione militare congiunta con grande dispiego di uomini e mezzi. Imponente la presenza militare nei monasteri del Tibet orientale. Gli organi di informazione cinesi riferiscono che attraverso l’esercitazione le autorità cinesi hanno voluto dimostrare la ferma intenzione di garantire la “stabilità sociale” necessaria al perseguimento degli obbiettivi strategici ed economici programmati in tutto l’altopiano tibetano.

Fonti: Phayul – Tibet Net

http://www.italiatibet.org/2018/03/07/un-tibetano-si-autoimmola-e-muore-nella-contea-di-ngaba/

Sua Santità il Dalai Lama Celebra la Giornata dei Miracoli
Mar 3rd, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante le preghiere conclusive al termine degli insegnamenti dati nel Giorno dei Miracoli presso il Tempio Tibetano Principale a Dharamsala, 2 marzo 2018. Foto di Tenzin Choejor

Thekchen Chöling, Dharamsala (India) – Questa mattina, il cortile del Tsuglagkhang, il Tempio Tibetano Principale di Dharamsala, era stipato di gente – tibetani e stranieri – tutti in attesa di ascoltare Sua Santità il Dalai Lama. Scortato dalla sua residenza fino al Tempio sotto l’ombrello cerimoniale, il Dalai Lama è stato accompagnato lungo il tragitto dal canto dei monaci del suo seguito. Dopo aver preso posto sul trono, è iniziata la recitazione del Sutra del Cuore e la distribuzione di te e di riso dolce. Dopo l’invocazione alle divinità, ai semidei e agli altri perché ascoltassero gli insegnamenti, il Dalai Lama ha pronunciato alcuni versi di Nagarjuna:

Omaggio a Gautama
colui che, mosso da compassione,
ha insegnato il sublime dharma
che conduce ad abbandonare tutte le visioni

Oggi è la Giornata dei Miracoli – ha esordito – celebrata nell’ambito del Grande Festival di Preghiera che si tiene a Lhasa da quasi 600 anni. Questa giornata commemora un episodio della vita del Buddha, quando sconfisse gli asceti che lo sfidavano a dare prova di azioni miracolose”. Continua »

H. H. the Dalai Lama Celebrating the Day of Miracles
Mar 2nd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama commenting on Je Tsongkhapa’s ‘In Praise of Dependent Origination’ at the Main Tibetan Temple courtyard in Dharamsala, HP, India on March 2, 2018. Photo by Tenzin Choejor

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – The courtyard of the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple in Dharamsala, was packed with people, Tibetans and others, who had gathered to listen to His Holiness the Dalai Lama this morning. He was escorted from his residence to the throne set up beneath the Temple under the shade of a huge ceremonial umbrella, to the stirring accompaniment of chanting monks. After His Holiness had taken his seat, the Heart Sutra was recited while tea and sweet rice were served. After reciting a verse calling on gods, demigods and others to listen to the teaching, His Holiness also repeated Nagarjuna’s verse,

Homage to Gautama
Who, through compassion,
Taught the exalted Dharma,
Which leads to the relinquishing of all views.

Today,” he began, “is the Day of Miracles, celebrated as part of the Great Prayer Festival that has been held in Lhasa for almost 600 years. It commemorates an occasion during the Buddha’s life when he defeated other ascetics in a display of miraculous feats. Continua »

No delle autorità indiane alla partecipazione di rappresentanti governativi agli eventi organizzati dalla CTA
Mar 2nd, 2018 by admin

5 marzo – Il 1° marzo le autorità indiane hanno chiesto ai ministri e funzionari del governo centrale e dei governi locali di non partecipare agli eventi organizzati dall’Amministrazione Centrale Tibetana all’interno della campagna “grazie India. Continua »

Donna tibetana deportata dalla Svizzera ora imprigionata in Nepal
Mar 1st, 2018 by admin

Yangdon Chorasherpa, espulsa dalla Svizzera, langue in un carcere nepalese.

Yangdon Chorasherpa è stata espulsa dalla Svizzera ed è attualmente detenuta in una prigione di Kathmandu dalla polizia nepalese, dove le sue condizioni, dopo aver sofferto di un’infezione febbrile, sembrano essere sempre critiche. La donna tibetana di 27 anni era venuta per la prima volta in Svizzera quasi tre anni fa, nel 2014, ed era un’ insegnante volontaria che insegnava il tibetano ai bambini a Zurigo.

I tentativi dei rifugiati tibetani  con documenti di altre nazionalità sono un atto disperato per ottenere l’ingresso in Europa, afferma Michael Flueckiger del “Swiss Refugee Relief”.

Nepal, che molti dicono avere un forte ruolo anche subordinato con la Cina è un paese creato sulla instabilità politica e soprattutto inabitabile per i profughi tibetani a causa della Cina.

L’Associazione “The Tibetan Youth Association in Europe” (TYAE) sulla loro pagina ufficiale di Facebook ha scritto: “Questa azione intrapresa dalle autorità (svizzere) è scioccante soprattutto perché l’influenza cinese in Nepal è immensa e ben nota. Yangdon è ancora in stato di detenzione; la sua condizione continua ad essere critica. Continua »

La cittadinanza onoraria del Comune di Fano al Dalai Lama
Feb 24th, 2018 by admin

Sia Santità il Dalai Lama Tenzin Gyatso

Fano (PU) – Nel 2018 ricorre il 510° anno dalla fondazione dell’Università degli Studi “Carlo Bo” di Urbino e per l’occasione sono tantissime le iniziative promosse dall’ateneo ducale che ha ufficialmente invitato il Dalai Lama Tenzin Gyatso, per celebrare i festeggiamenti in presenza di tale altissima personalità portatrice di parole di pace e tolleranza in tutto il mondo, e insignirlo con il Sigillo ufficiale dell’Università degli Studi di Urbino, la più alta onorificenza dell’Università.

Nell’ultima seduta del consiglio comunale è stata approvata all’unanimità una mozione proposta dalla consigliere Lucia Tarsi poi sottoscritto da tutti i gruppi consiliari, che come oggetto aveva il conferimento della cittadinanza onoraria del Comune di Fano al Dalai Lama, Tenzin Gyatso, per l’altissimo esempio di pace e tolleranza che rappresenta e per questo tale richiesta sarà formalmente inviata nei prossimi giorni al magnifico Rettore, Prof. Vilberto Stocchi.

La mozione verte sul fatto che esiste un antico e profondo legame tra il Tibet e la città di Fano, la quale ha dato i natali, nel 1674, ai padri cappuccini Domenico da Fano e Giovanni da Fano, al secolo Francesco Magnanini e Giovan Battista Lombardi, che furono tra i primi occidentali a raggiungere Lhasa nel 1709. Continua »

Lhasa: contrastanti notizie sull’incendio divampato al Tsuglakhan
Feb 23rd, 2018 by admin

22 febbraio 2018. A distanza di giorni dall’incendio divampato a Lhasa nel complesso dello Tsuglakhan restano incerte e contrastanti le notizie su quale degli edifici religiosi che lo compongono sia andata a fuoco.

Le immagini pervenute da Lhasa la sera del 17 febbraio mostrano alte fiamme levarsi dal tetto di una delle cappelle dello Tsuglakhan, il complesso monastico di cui fa parte il Jokhang, il tempio buddhista risalente al 7°secolo che ospita la famosa statua del dodicenne Jowo Buddha Sakyamuni portata in Tibet, secondo la tradizione, dalla moglie cinese del re tibetano Songtsen Gampo. A fronte delle primissime e drammatiche notizie che davano per certo l’incendio della cappella del Jokhang, i siti di informazione Phayul e TibetNet hanno reso noto che le fiamme non sono divampate nel Jokhang ma in una cappella ad esso adiacente, presumibilmente quella di Lhamo Khang situata al piano superiore dell’edificio accanto al tempio principale.

Nonostante la smentita, la notizia che le autorità cinesi, pur avendo provveduto a domare le fiamme, avevano chiuso al pubblico e ai pellegrini il tempio del Jokhang e avevano diffidato i tibetani dal diffondere qualsiasi immagine riguardante l’incendio, ha per giorni alimentato interrogativi e speculazioni su dove effettivamente il fuoco sia divampato e sull’entità dei danni. Secondo alcune ricostruzioni le fiamme potrebbero essersi sviluppate al secondo piano del Jokhang danneggiando, anche se solo parzialmente, la famosa statua dello Jowo Buddha dietro la quale sembra sia stato appeso un drappo giallo presumibilmente a nascondere il guasto provocato dall’incendio. Una fonte tibetana ha fatto sapere che è stato vietato a chiunque l’accesso al secondo piano dell’edificio. Continua »

Tibet: la Cina ordina ai tibetani di denunciare le “forze separatiste”
Feb 15th, 2018 by admin

Una circolare diramata dalle autorità cinesi della cosiddetta Regione Autonoma ordina ai tibetani di spiare e riferire all’Ufficio di Pubblica Sicurezza ogni “attività criminale compiuta da forze separatiste”.

Il dettagliato documento elenca ventidue attività illegali oggetto di denuncia. Di queste, tre fanno diretto riferimento al leader religioso tibetano e impongono che alle autorità sia immediatamente riferita ogni azione effettuata da “bande criminali legate alle forze separatiste del Dalai Lama”. La circolare rilasciata dall’Ufficio di Pubblica Sicurezza della “Regione Autonoma” invita i tibetani a tenersi lontani dalle “forze del male” della cricca del Dalai Lama che potrebbero usare i templi e le attività religiose per “confondere e incitare” la popolazione contro il partito comunista e il governo.

Wang Xiaobin, un ricercatore dell’Istituto Cinese di Tibetologia con sede a Pechino, ha affermato che “il gruppo che fa capo al Dalai Lama continua ad interferire negli affari interni della Cina controllando i templi, le attività dei Lama e degli stessi “Buddha Viventi” nel tentativo di propagare la cosiddetta ‘via di mezzo’ che in realtà è solo un invito al separatismo della nazione ed è lesiva dei diritti del governo”. “Le forze ostili e alcuni intellettuali che affermano di voler preservare la lingua locale – prosegue Wang – tentano invece di diffondere l’idea che la lingua cinese sta minacciando la cultura tibetana, ma l’estremismo etnico è un’ideologia dalle conseguenze imprevedibili”. Continua »

La torcia olimpica firmata dal Dalai Lama va all’asta
Feb 11th, 2018 by admin

Sua Santità il Dalai Lama autografa la torcia olimpica

A poche ore dall’inizio dei XXIII giochi olimpici invernali torna all’asta la torcia olimpica del Dalai Lama. Nel 2006, anno dei giochi invernali di Torino, il Dalai Lama autografò la fiaccola olimpica e vi scrisse un messaggio di pace. La torcia fu poi venduta per beneficenza, e orapiù di dieci anni dopo, torna all’asta per finanziare un nuovo progetto di aiuto alla comunità tibetana.

L’asta, visibile a questo link, inizierà in concomitanza con l’apertura dei prossimi giochi invernali, il 9 febbraio, e si concluderà il 24 Febbraio. La storia di questa torcia olimpica è davvero incredibile: nel marzo 2006 la torcia viene portata in India da una spedizione di tedofori d’eccezione. Raggiunta la città di Dharamsala la spedizione incontra il Dalai Lama, qui in esilio. Il maestro supremo del buddismo tibetano, oltre ad autografare la fiaccola, vi scrive una dedica dal significato molto importante: “Prego perché tutti gli esseri senzienti vivano in felicità”. La spedizione promette allora al Dalai Lama di portare la fiaccola in vetta al Makalu (8.450 m) per poi metterla all’asta e raccogliere i fondi utili a costruire una scuola per i bambini tibetani in esilio a Dharamsala. La fiaccola viene portata da Tom Perry, lo scalatore scalzo famoso in tutto il mondo per le sue salite e discese a piedi nudi, per 140 km fino al campo base del Makalu (c.a. 4.870 m). Continua »

Monaco tibetano rilasciato con disabilità per le torture subite in una prigione cinese
Feb 10th, 2018 by admin

Un monaco tibetano che ha scontato sei anni di prigione in Cina è stato rilasciato il mese scorso con disabilità permanenti  a causa di torture subite in  carcere.

Ghesce Tsewang Namgyal, un monaco del monastero di Draggo(Sichuan), ha subito lesioni  irreversibili ad una gamba e alla parte inferiore del corpo, e non può camminare senza supporto. È stato rilasciato il 24 gennaio.

Non è in grado di camminare normalmente e le persone nella contea di Draggo hanno timore di parlare apertamente delle sue condizioni “,  una fonte tibetana in esilio che ha desiderato mantenere l’anonimato  a riferito a RFA

Ghesce Tsewang è stato arrestato il 23 gennaio 2012, in seguito a una manifestazione pacifica a Draggo durante il nuovo anno lunare. La manifestazione pacifica di massa da parte dei tibetani è stata brutalmente soffocata con l’ausilio munizioni caricate con proiettili veri e sei persone sono  morte dal fuoco delle autorità cinesi. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Sutra del Diamante, conclusione dell’insegnamento
Feb 10th, 2018 by admin

23 gennaio 2018 Bodhgaya, Bihar, India – Anche questa mattina, l’arrivo di Sua Santità il Dalai Lama al Kalachakra Maidan è stato accompagnato da una folla festosa. Una volta salito sul palco e preso posto sul trono, i praticanti hanno intonato il Sutra del Cuore in cinese. Il Dalai Lama ha poi dato inizio ai rituali preparatori per l’iniziazione di Sarasvati che aveva deciso di conferire. Ha ricordato che nel corso di quest’ultimo ciclo di insegnamenti a Bodhgaya, persone delle più diverse provenienze hanno recitato il Sutra del Cuore nella loro lingua madre all’inizio di ogni sessione. Una cinquantina di anni fa, ha aggiunto, gli occidentali hanno iniziato a visitare l’Asia, e l’India in particolare, sviluppando un grande interesse per l’antica saggezza indiana al punto che molti di loro sono poi diventati buddhisti.

Per questa ragione, in occasione dell’ultimo insegnamento, il Sutra del Cuore sarà recitato in inglese. “Dal momento che le tradizioni religiose sono state di beneficio per gli esseri umani, tutte meritano il nostro rispetto” ha esordito il Dalai Lama “ed è davvero molto triste quando la religione diventa un pretesto per creare conflitti e violenza. E’ quindi fondamentale impegnarsi nel preservare l’armonia tra le varie tradizioni religiose.

Continua »

His Holiness the Dalai Lama Expresses Sadness about Taiwan Earthquake
Feb 10th, 2018 by admin

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – In a letter he wrote to the President of Taiwan Ms. Tsai Ing-wen today, His Holiness the Dalai Lama expressed sadness over the loss of life and extensive devastation caused by a strong earthquake that struck Hualien city last night.

I understand that every effort is being made to rescue the injured and provide relief to those affected by this tragedy,” he added. “I offer condolences to Your Excellency and to the families who have lost loved ones.” https://www.dalailama.com/news/2018/his-holiness-the-dalai-lama-expresses-sadness-about-taiwan-earthquake

Mercedes-Benz si scusa con la Cina per aver citato una frase del Dalai Lama in un post pubblicitario
Feb 8th, 2018 by admin

La casa automobilistica Mercedes-Benz si è pubblicamente scusata con la Cina per aver citato una frase del Dalai Lama in un’immagine pubblicitaria postata su Istagram.

L’immagine postata da Mercedes su Istagram mostra una delle prestigiose automobili del marchio tedesco parcheggiata in riva al mare. Nella parte superiore della fotografia viene citata la seguente frase del Dalai Lama: “Look at the situations from all angles, and you will become more open” (valuta le situazioni da ogni prospettiva e diventerai più aperto). Il post con le parole del leader religioso tibetano, che Pechino considera un pericoloso separatista, è stato immediatamente oggetto di dure critiche mosse soprattutto dai collaboratori e dipendenti cinesi della compagnia. La casa automobilistica non solo ha prontamene rimosso l’immagine pubblicitaria ma, in data 6 febbraio, si è affrettata a pubblicare nel suo sito ufficiale su Weibo una dichiarazione in cui presenta al popolo cinese le sue più sincere scuse. Continua »

Il teatro della Royal Court di Londra censura opera sul Tibet causa timori di reazioni negative di Pechino
Feb 6th, 2018 by admin

Il teatro della Royal Court è stato accusato di censura da un drammaturgo indiano, Abhishek Majumdar, il quale sostiene che la sua produzione di una nuova opera importante sul Tibet contemporaneo è stata censurata a causa dei timori di una reazione negativa del governo cinese.

Continua »

Il Centro di Studi Buddhisti di Larung Gar sotto il totale controllo delle autorità cinesi
Jan 31st, 2018 by admin

Completata la distruzione di larga parte degli edifici (nella foto) ed espulsi forzatamente quasi 5000 religiosi, le autorità cinesi hanno assunto il pieno controllo sia religioso sia amministrativo del Centro di Studi Buddhisti di Larung Gar, il più grande e noto istituto religioso del Tibet.
Un rapporto recentemente pubblicato dall’organizzazione internazionale a difesa dei diritti umani Human Rights Watch sulla base di un documento cinese di cui è entrata in possesso, riferisce che, a partire dall’agosto 2017, circa duecento persone tra dirigenti e funzionari del Partito Comunista cinese stanno assumendo il totale controllo dell’istituzione religiosa esercitandone la direzione amministrativa e finanziaria, decidendo sui criteri di ammissione dei religiosi e perfino sulla scelta dei libri di testo. Secondo il rapporto di Human Rights Watch, l’intervento del governo cinese nella gestione amministrativa del centro religioso potrebbe avere una valenza e un significato ben più importante delle demolizioni e delle espulsioni portate a termine nell’aprile dello scorso anno. Secondo Sophie Richardson, direttore dell’organizzazione, l’intervento nell’amministrazione di Larung Gar dimostra che il governo non si prefiggeva soltanto la riduzione del numero dei religiosi presenti nel Centro ma aveva come fine ultimo il totale controllo di ogni attività all’interno delle comunità monastiche ad onta di quanto asserito nella costituzione cinese che afferma di proteggere le differenti credenze e istituzioni religiose.

Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Talking to Bihari Students & Inaugurating the Wat Pa Buddhagaya Vanaram Temple
Jan 27th, 2018 by admin

Bodhgaya, Bihar, India – A cheer went up from an estimated 7000 local Bihari students when His Holiness the Dalai Lama stepped onto the stage at the Kalachakra Maidan this morning. He had been invited to address them by the Alice Project, an educational foundation set up by an Italian,  

After offerings of welcome had been made, His Holiness was requested to release Giacomin’s latest book, ‘Universal Ethics’. Giacomin then gave a welcoming speech in which he explained how he had met His Holiness in Dharamsala more than 30 years ago. His Holiness told him then that it would be excellent if he could continue to work with education in India. Consequently, the Alice Project, focused on sustainable education and a culture of peace in an intercultural and interreligious school, was launched in Sarnath in 1994 with branches established later in Bodhgaya and Arunachal Pradesh.

He said that a major aim of the project was to find a solution to the current crisis in education that results in students showing a lack of discipline, poor attention and a general fall in academic performance. One reason for this is that modern education tends to have materialistic goals with too little time given to inner values. The Alice Project schools make a point of providing opportunities for meditation and exploring ways to lead a happy life. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Discorso agli studenti del Bihar e inaugurazione del tempio Wat Pa Buddhagaya Vanaram
Jan 26th, 2018 by admin

Valentino Giacomin presenta il suo nuovo libro “Etica Universale” a Sua Santità il Dalai Lama all’inizio del dialogo con gli studenti organizzato dalla sua ONG Alice Project a Bodhgaya, Bihar, India il 25 gennaio 2018. Foto di Lobsang Tsering

Bodhgaya, Bihar, India – Sembrava autentico tifo da stadio il tipo di accoglienza che gli oltre 7.000 studenti del Bihar hanno riservato a Sua Santità il Dalai Lama mentre saliva sul palco al Kalachakra Maidan, questa mattina, su invito della ONG italiana Alice Project.

Dopo le offerte di benvenuto, Sua Santità è stato invitato a presentare l’ultimo libro di Valentino Giacomin, insegnante trevigiano e fondatore dell’organizzazione, intitolato “Etica Universale”. Giacomin ha poi tenuto un breve discorso in cui ha ricordato il suo primo incontro con Sua Santità a Dharamsala, più di 30 anni fa, e che all’epoca il Dalai Lama gli disse che sarebbe stato eccellente se avesse voluto continuare a lavorare nell’ambito educativo anche in India. Così è nato, il progetto Alice, incentrato su un’educazione sostenibile e su una cultura della pace, in una scuola interculturale e interreligiosa inaugurata  a Sarnath nel 1994 e, successivamente, anche a Bodhgaya e nell’Arunachal Pradesh. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Concluding the Diamond Cutter Sutra
Jan 25th, 2018 by admin

Bodhgaya, Bihar, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama arrived at the Kalachakra Maidan, greeted the crowd and took his seat on the throne. While the ‘Heart Sutra’ was chanted in Chinese, he undertook preparations for a Sarasvati permission he had decided to give. He remarked that during the current series of teachings he has been giving here in Bodhgaya, people from several traditionally Buddhist countries had recited the ‘Heart Sutra’ at the beginning of teaching sessions in their respective styles and languages. He recalled that fifty years ago young Westerners began to travel to Asia in general and India in particular, where they took an interest in ancient Indian knowledge. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: The Diamond Cutter Sutra
Jan 24th, 2018 by admin

Bodhgaya, Bihar, India – When His Holiness the Dalai Lama arrived at the Kalachakra Maidan this morning, he was greeted as usual by thousands of smiling faces and folded hands. He returned the smiles and saluted some old friends. From the edge of the stage he waved to more distant members of the audience and they waved back, some even jumping up and down for joy. After greeting old friends among the Lamas on the stage, His Holiness took his seat on the throne. The ‘Heart Sutra’ was recited in Chinese. “The Pali tradition, with its exemplary Vinaya traditions, spread to countries like Sri Lanka, Burma and Thailand. The Sanskrit tradition in the way it was followed at Nalanda spread to China and from there to Korea, Japan and Vietnam. Later it was carried to Tibet and on to Mongolia. China was therefore among the earlier countries to which Buddhism spread. Nowadays, wherever in the world there are Chinese, they set up a Buddhist temple, which shows how close Buddhism is to the Chinese heart—it is China’s traditional religion. Continua »

Sutra del Diamante, conclusione dell’insegnamento
Jan 24th, 2018 by admin

23 gennaio 2018, Bodhgaya, Bihar, India – Anche questa mattina, l’arrivo di Sua Santità il Dalai Lama al Kalachakra Maidan è stato accompagnato da una folla festosa. Una volta salito sul palco e preso posto sul trono, i praticanti hanno intonato il Sutra del Cuore in cinese. Il Dalai Lama ha poi dato inizio ai rituali preparatori per l’iniziazione di Sarasvati che aveva deciso di conferire. Ha ricordato che nel corso di quest’ultimo ciclo di insegnamenti a Bodhgaya, persone delle più diverse provenienze hanno recitato il Sutra del Cuore nella loro lingua madre all’inizio di ogni sessione. Una cinquantina di anni fa, ha aggiunto, gli occidentali hanno iniziato a visitare l’Asia, e l’India in particolare, sviluppando un grande interesse per l’antica saggezza indiana al punto che molti di loro sono poi diventati buddhisti. Per questa ragione, in occasione dell’ultimo insegnamento, il Sutra del Cuore sarà recitato in inglese. “Dal momento che le tradizioni religiose sono state di beneficio per gli esseri umani, tutte meritano il nostro rispetto” ha esordito il Dalai Lama “ed è davvero molto triste quando la religione diventa un pretesto per creare conflitti e violenza. E’ quindi fondamentale impegnarsi nel preservare l’armonia tra le varie tradizioni religiose. Continua »

Il Dalai Lama: “La Rivoluzione Culturale ha fallito, la forza bruta non può reprimere la fede di un popolo”
Jan 23rd, 2018 by admin

“Nonostante la Rivoluzione Culturale abbia cercato di estirpare con la forza la religione e le istituzioni religiose presenti in Cina, possiamo oggi affermare che il tentativo è completamente fallito”.

Queste le parole rivolte dal Dalai Lama a un folto gruppo di praticanti buddhisti cinesi arrivati a Bodhgaya per presenziare agli insegnamenti del leader religioso tibetano arrivato nella città santa il 2 gennaio. “Forze esterne non possono prevalere sulla millenaria eredità spirituale del popolo cinese” – ha proseguito Tenzin Gyatso – “oggi, in Cina, assistiamo alla rinascita non solo del Buddhismo ma anche di altre antiche tradizioni”.

Il popolo e la cultura cinese sono strettamente legati al Buddhismo. La tradizione sanscrita si è diffusa prima in Cina e, solo successivamente, in Corea, Vietnam, Tibet e Mongolia. Di conseguenza, storicamente, il popolo cinese nutre una naturale propensione per il Buddhismo, è un tesoro che avete ereditato ed è ammirevole la vostra dedizione nel preservarlo”.

Il Dalai Lama ha tuttavia insistito sulla necessità che la pratica religiosa non si basi sulla fede ma sia coltivata e preservata grazie allo studio. “Ho sempre chiesto ai religiosi tibetani, sia che vivano all’interno delle grandi università buddhiste o all’interno di piccoli centri e monasteri, di studiare i testi e di analizzare e sperimentare quanto la filosofia buddhista insegna. Chiedo lo stesso impegno anche agli amici cinesi”. Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Il Sutra del Diamante
Jan 23rd, 2018 by admin

22 gennaio 2018 Bodhgaya, Bihar, India – Quando Sua Santità il Dalai Lama è arrivato al Kalachakra Maidan questa mattina, è stato accolto come al solito da migliaia di volti sorridenti e mani giunte. Il Dalai Lama ha sorriso a tutti e ha salutato alcuni vecchi amici, tra i quali alcuni Lama già presenti sul palco. Ha poi preso posto sul trono ed è iniziata la recitazione in cinese del Sutra del Cuore.

Oggi spiegherò il “Sutra del Diamante” principalmente su richiesta degli studenti cinesi, come è già capitato in un’altra occasione” ha annunciato Sua Santità “e sto anche pensando di spiegare il Sutra del Cuore. Ogni anno dò insegnamenti ai cinesi a Dharamsala, ma oggi ci troviamo qui insieme in questo luogo sacro. All’inizio di questa serie di insegnamenti ho insegnato a un gruppo di buddhisti indiani, ricordando che il buddhismo ha avuto origine in India, prima di diffondersi in tutta l’Asia”. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Solitary Hero Vajrabhairava Empowerment
Jan 23rd, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama conducting preparations for the Solitary Hero Vajrabhairava Empowerment in Bodhgaya, Bihar, India on January 21, 2018. Photo by Lobsang Tsering

Bodhgaya, Bihar, India – Once again the teaching ground had yet to fill when His Holiness the Dalai Lama arrived this morning. After greeting those who had already arrived, he sat down opposite the mandala pavilion. While he was conducting his preparations for the Solitary Hero Vajrabhairava Empowerment, the morning sun shining through an upper window illuminated the Namchu Wangden, the Kalachakra mantra monogram, on the back of the throne.
Following the recitation of the customary verses of homage, followed by the ‘Foundation of all Excellence’, His Holiness declared that today marked the end of a series of teachings he has been giving here in Bodhgaya. He acknowledged Mrs Kelsang Taklha, who served the Central Tibetan Administration in several capacities, including Kalon, as the main sponsor of today’s empowerment.
Continua »

Sua Santità il Dalai Lama: Iniziazione di Vajrabhairava Eroe Solitario
Jan 22nd, 2018 by admin

21 gennaio 2018 Bodhgaya, Bihar, India – Quando Sua Santità il Dalai Lama ha fatto il suo ingresso stamattina al Padiglione del Kalachakra, solo pochi praticanti erano già presenti. Dopo averli salutati, il Dalai Lama si è seduto di fronte al padiglione del mandala. Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Thirteen Deity Vajrabhairava Empowerment
Jan 21st, 2018 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the crowd during the Thirteen Deity Vajrabhairava Empowerment in Bodhgaya, Bihar, India on January 19, 2018. Photo by Manuel Bauer

Bodhgaya, Bihar, India – Bodhgaya’s usually teeming streets were almost empty and the teaching ground was only beginning to fill when His Holiness the Dalai Lama reached there just before 7am this morning. He greeted the early arrivals and sat down in front of the mandala pavilion to begin preparations for the Thirteen Deity Vajrabhairava Empowerment. Two monks from Namgyal Monastery sat with him to accompany his recitation of the rite. An hour and a half later he told the congregation that he had developed a bit of a cold.

It’s been a month and a half since I left Dharamsala. I’ve been in Mumbai and at Drepung, Ganden and Sera giving public talks and teaching, which have made a little tired. Tomorrow I’m going to take a break and the day after that, because it’s short, I’ll give the Solitary Hero Vajrabhairava Empowerment, but I’m going to postpone the Chakrasamvara Empowerment to another time. Continua »

Il Parlamento Europeo chiede alla Cina il rispetto dei diritti in Tibet
Jan 20th, 2018 by admin

Il Parlamento Europeo, ha approvato a maggioranza giovedi 18 gennaio una risoluzione con la quale invita la Cina al rispetto delle disposizioni della propria costituzione che garantiscono i diritti dei tibetani e di altri cittadini cinesi alla libertà di espressione e parola,alla libertà di associazione e religione, incluso il diritto di criticare o protestare contro  la politica del governo.

Continua »

Iniziazione di Vajrabhairava Tredici Divinità
Jan 20th, 2018 by admin

Alcuni partecipanti all’iniziazione indossano le bende rituali durante l’iniziazione di Vajrabhairava Eroe Solitario conferita da Sua Santità il Dalai Lama a Bodhgaya, Bihar, India, il 21 gennaio 2018. Foto di Lobsang Tsering

19 gennaio 2018 Bodhgaya, Bihar, India – Questa mattina le strade solitamente brulicanti di Bodhgaya erano quasi deserte e la sede degli insegnamenti ha iniziato a riempirsi solo quando Sua Santità il Dalai Lama vi ha fatto ingresso poco prima delle 7. Il Dalai Lama ha salutato i presenti e si è seduto davanti al padiglione del mandala per i rituali preparatori per l’iniziazione di Vajrabhairava Tredici Divinità.

Due monaci del monastero di Namgyal si sono seduti accanto a lui per accompagnare la sua recitazione.

Un’ora e mezza più tardi Sua Santità ha detto ai monaci presenti di sentire un po’ di freddo.
“E’ passato un mese e mezzo da quando ho lasciato Dharamsala. Sono stato a Mumbai e a Drepung, a Ganden e a Sera a parlare e insegnare pubblicamente: ora comincio ad avvertire un po’ di stanchezza. Domani prenderò un giorno di pausa e il giorno successivo darò l’iniziazione di Vajrabhairava Eroe Solitario, poiché è un rituale breve, ma ho intenzione di rimandare l’iniziazione di Chakrasamvara a un’altra volta”.
Continua »

His Holiness the Dalai Lama: Preparations for the Thirteen Deity Vajrabhairava Empowerment
Jan 20th, 2018 by admin

His Holiness the Dala Lama conducting the rituals and meditations necessary to prepare himself to begin the Thirteen Deity Vajrabhairava Empowerment in Bodhgaya, Bihar, India on January 18, 2018. Photo by Manuel Bauer

Bodhgaya, Bihar, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama made the short journey from the Tibetan Temple to the Kalachakra Maidan, greeted the gathering crowd and sat down facing the mandala pavilion. He spent the best part of an hour conducting the rituals and meditations necessary to prepare himself to begin the Thirteen Deity Vajrabhairava Empowerment. While he did so the Gyütö Chant Master led repeated recitations of the ‘Praise to Manjushri: Glorious Wisdom’s Excellent Qualities’ and his ‘ara patsa na dhi’ mantra. Once His Holiness was ready and had mounted the throne, recitation of the usual verses of salutation from ‘Ornament of Clear Realization’ and ‘Fundamental Wisdom’ was augmented with Je Tsongkhapa’s ‘Foundation of All Excellence’. Continua »

Riti preliminari per l’iniziazione di Vajrabhairava Tredici Divinità
Jan 19th, 2018 by admin

18 gennaio 2018 Bodhgaya, Bihar, India – Anche questa mattina, Sua Santità il Dalai Lama ha percorso il breve tragitto dal Tempio Tibetano fino al Kalachakra Maidan; ha salutato la folla di praticanti e si è seduto di fronte al padiglione del mandala. Ha dedicato oltre un’ora ai rituali e alle meditazioni necessarie per prepararsi all’iniziazione di Vajrabhairava Tredici Divinità. Continua »

His Holiness the Dalai Lama Participating in Prayers by the Bodhi Tree
Jan 19th, 2018 by admin