SIDEBAR
»
S
I
D
E
B
A
R
«
Coltivare la nostra comune umanità in mezzo all’incertezza
Set 19th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama mostra una fotografia di Francisco Verala, che lo ha introdotto alla scienza moderna, all’inizio del suo dialogo su “Coltivare la nostra umanità comune in mezzo all’incertezza” dalla sua residenza a Dharamsala, HP, India, il 17 settembre 2020 Foto del Ven Tenzin Jamphel

18 settembre 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è stato invitato a partecipare a un dialogo con il Prof. Andreas Roepstorff dell’Interacting Minds Centre, Università di Aarhus, Danimarca, sul tema “Coltivare la nostra comune umanità in mezzo all’incertezza”. Sua Santità è stato accolto dalla Dott.ssa Amy Cohen Varela, Presidente di Mind and Life Europe. Lo ha ringraziato per aver accettato l’invito e gli ha assicurato che Mind & Life, Europe, è ben radicata e sta lavorando alacremente per realizzare la sua visione. Ultimamente questo ha comportato una più stretta collaborazione con i colleghi in Russia. Sua Santità ha risposto mostrando una fotografia che tiene sulla sua scrivania di Francisco Varela, il defunto marito di Amy Cohen Varela, che, ha detto, lo ha introdotto alla scienza moderna. È stato una delle persone che ha contribuito a sviluppare un dialogo serio tra Sua Santità e gli scienziati moderni”. Come risultato, molti più scienziati moderni stanno ora imparando la psicologia e la scienza della mente”. Una delle cose che ammiravo e che ricordo sempre di lui era che diceva: ‘Ora indosso il mio cappello da scienziato e, in un altro momento, lo dico con il mio cappello buddhista”.
Il Ven. Matthieu Ricard, moderatore di questa sessione, ha informato Sua Santità che avevano quattro domande principali sull’interdipendenza e la comune 
umanità in relazione ai sentimenti personali, come la solitudine, così come altre questioni globali. Per quanto riguarda la solitudine, Ricard ha riferito che molte persone si sono sentite a disagio nell’isolamento forzato che ha accompagnato le risposte alla pandemia. Ha chiesto ad Andreas Roepstorff di spiegare cosa ha scoperto in questa ricerca. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Cultivating our Common Humanity amidst Uncertainty
Set 18th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “Education should include explanations of how to cultivate positive emotions on the basis of reason. Similarly, we can learn to recognise that anger is mostly just a spontaneous response to something based on a distorted view of whatever it is.”

September 17, 2020 Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning His Holiness the Dalai Lama was invited to take part in a dialogue with Prof Andreas Roepstorff of the Interacting Minds Centre, Aarhus University, Denmark on the theme ‘Cultivating our Common Humanity amidst Uncertainty’. His Holiness was welcomed by Dr Amy Cohen Varela, Chairperson, Mind and Life Europe. She thanked him for accepting the invitation and assured him that Mind & Life, Europe, is well established and is working hard to fulfil his vision. Lately this has entailed closer cooperation with colleagues in Russia. His Holiness responded by showing a photograph he keeps on his desk of Francisco Varela, Amy Cohen Varela’s late husband, who, he said, introduced him to modern science. “He was one of the people who helped develop a serious dialogue between us and modern scientists. As a result, many more modern scientists are now learning about psychology and the science of the mind. One of the things I admired and always remember about him was that he would say, ‘Now I’m wearing my scientist’s hat and, at another point, I say this with my Buddhist cap on’.”

Ven Matthieu Ricard, moderator for this session, informed His Holiness that they had four major questions about interdependence and common humanity in relation to personal feelings, such as loneliness, as well as other global issues. With regard to loneliness, Ricard reported that many people have felt uneasy in the enforced isolation that has accompanied responses to the pandemic. He asked Andreas Roepstorff to explain what he has discovered in this research. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama’s Condolences for Smt Kapila Vatsyayan
Set 17th, 2020 by admin

September 16, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – On receiving news today that his old friend Kapila Vatsyayan had passed away, His Holiness the Dalai Lama wrote to her brother Shri Subash Bhashi to offer his condolences. He noted that he had known Smt Vatsyayan since his first visit to India in 1956 to participate in the 2500th Buddha Jayanti Celebrations. “I used to call her Amala (Mata-Ji) because of the motherly affection she showed me and so many other Tibetans,” he wrote. ”I have long been grateful for the personal interest she showed in the protection and preservation of Tibetan Buddhist culture. She was actively involved in the establishment of the Central Institute of Higher Tibetan Studies (CIHTS) at Sarnath, Varanasi in the early 1970s, an institution that has grown into a centre of learning well-versed in the ancient Indian wisdom of ‘Ahimsa’ and ‘Karuna’. While Secretary in the Department of Culture, GOI, she was the Chairwoman of the Board of the Management of the Institute till her retirement. I understand that she was also the current Chairperson of Tibet House, our Culture Centre in New Delhi. I consider her to have been a life-long friend of the Tibetan people.

I deeply appreciated her interest in and support for our efforts to preserve our Buddhist culture and also her forthright approach in dealing with important issues. We have kept in regular touch with each other over the years and last met in November last year in New Delhi.”

In closing, His Holiness observed that with her passing both Indians and Tibetans have lost a great friend, for she was also a towering figure in the field of Indian arts and culture. She lived a meaningful life of 92 years, during which her dedication in the service of the nation was an inspiration to all.

https://www.dalailama.com/news/2020/condolences-for-smt-kapila-vatsyayan

Sua Santità il Dalai Lama: La salvezza della Terra dipende da noi e specialmente dai politici
Set 17th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama : “I 7 miliardi di esseri umani sulla Terra hanno bisogno di un senso di responsabilità universale come motivazione centrale per riequilibrare le nostre relazioni con l’ambiente.”

Sua Santità il Dalai Lama

Il Buddha è nato mentre sua madre si appoggiava a un albero per sostenersi. Raggiunse l’illuminazione seduto sotto un albero e morì mentre gli alberi stavano a testimoniarne l’altezza. Se il Buddha dovesse tornare nel nostro mondo, sarebbe sicuramente un sostenitore della campagna per proteggere l’ambiente.

Parlando per me stesso, non esito a sostenere iniziative che aiutano a proteggere l’ambiente. Questa è una questione di sopravvivenza perché questo bellissimo pianeta blu è la nostra unica casa.

Nell’ultimo anno, milioni di giovani fratelli e sorelle hanno protestato, invitando i leader politici ad agire per combattere il cambiamento climatico. Stanno aiutando ad educare il pubblico anche se tutti assistiamo alla distruzione degli ecosistemi ed alla drammatica diminuzione della biodiversità.

Apprezzo molto gli sforzi di Greta Thunberg per aumentare la consapevolezza della necessità di agire direttamente. Il suo sforzo per sollevare il problema del riscaldamento globale tra gli studenti è un risultato notevole. Nonostante sia molto giovane, il suo senso di responsabilità universale è meraviglioso. Sostengo il suo movimento “Fridays for Future”. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: It’s up to us, and especially politicians, to save our planet
Set 16th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: The 7 billion human beings on Earth need a sense of universal responsibility as our central motivation to re-balance our relations with the environment.

His Holiness the Dalai Lama

Buddha was born as his mother leaned against a tree for support. He attained enlightenment seated beneath a tree and passed away as trees stood witness overhead. If Buddha were to return to our world, he would certainly be connected to the campaign to protect the environment.

Speaking for myself, I have no hesitation in supporting initiatives that help protect the environment. This is a question of survival because this beautiful blue planet is our only home.

Over the past year, millions of young brothers and sisters have been protesting, calling on political leaders to take action to combat climate change. They are helping to educate the public even as we all witness the destruction of ecosystems and the dramatic decrease in biodiversity.

I really appreciate Greta Thunberg’s efforts to raise awareness of the need to take direct action. Her effort to elevate the issue of global warming among schoolchildren is a remarkable achievement. Despite being very young, her sense of universal responsibility is wonderful. I support her “Fridays for Future” movement. Read the rest of this entry »

3 – Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama sulle “37 Pratiche del Bodhisattva” ed i “3 Aspetti Principali del Sentiero”
Set 8th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Quando ti alzi la mattina, dedica mezz’ora o giù di lì. Di solito siamo preoccupati delle percezioni sensoriali, ma per mezz’ora od un’ora ritira la mente dalla distrazione degli oggetti esterni. Poni la tua attenzione sulla mente stessa. Sviluppa un’esperienza della sua chiarezza e consapevolezza. Concentrati su questo con una mente calma e stabile. Quindi, applicalo all’analisi. Ecco come esaminare la tua mente.

6 settembre 2020, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Oggi, non appena Sua Santità il Dalai Lama ha preso posto, un gruppo di studenti del White Tara Buddhist Center di Jakarta ha iniziato a cantare il ‘Sutra del cuore’ in Indonesiano. Al termine, Sua Santità li ha ringraziati ed ha notato che questo era il terzo giorno di questa serie di insegnamenti. “Dopo aver conferito la trasmissione orale dei ‘Tre aspetti principali del sentiero’ vorrei condurre una cerimonia per la generazione della bodhicitta”, disse loro. “Se avete rappresentazioni degli oggetti di rifugio, un’immagine del Buddha e così via, bene e bene. Altrimenti potete semplicemente visualizzare il Buddha nello spazio davanti a voi.

Oggi, gli indonesiani sono i principali discepoli. Ci sono molti seguaci dell’Islam nel vostro paese, ma l’esistenza dello stupa del Borobudur è la prova che il buddismo un tempo fiorì anche lì. Ci sono differenze filosofiche tra le nostre varie tradizioni religiose. In effetti, ci sono quattro scuole di pensiero anche all’interno del buddismo. Tuttavia, la pratica dell’amore e della compassione, così come la tolleranza e l’appagamento, è comune a tutte queste tradizioni spirituali. Le persone trovano utili queste tradizioni e le loro pratiche, quindi le considero tutte con rispetto.

Il Buddha ha dato insegnamenti diversi in tempi e luoghi diversi, ma l’essenza di tutti è l’etica ed il buon cuore. I buddisti mirano a raggiungere la liberazione e l’onniscienza. I seguaci delle tradizioni teistiche cercano modi per essere uno con Dio. Ma ciò che pratichiamo in comune è amore e compassione. Read the rest of this entry »

3- His Holiness the Dalai Lama’s Teaching on 37 Practices of a Bodhisattva & 3 Principal Aspects of the Path
Set 8th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “When you get up in the morning, set aside half an hour or so. Usually we are preoccupied with sensory perceptions, but for half an hour or an hour, withdraw the mind from distraction by external objects. Place your attention on the mind itself. Develop an experience of its clarity and awareness. Focus on that with a calmly abiding mind. Then, apply that to analysis. This is how to examine your mind.”

September 6, 2020, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Today, no sooner had His Holiness the Dalai Lama settled in his seat than a group of students at the White Tara Buddhist Center in Jakarta began to chant the ‘Heart Sutra’ in Indonesian. When they were done, His Holiness thanked them and noted that this was the third day of this set of teachings. “After I’ve read the ‘Three Principal Aspects of the Path’ I’d like to conduct a ceremony for generating bodhichitta,” he told them. “If you have representations of the objects of refuge, an image of the Buddha and so forth, well and good. Otherwise you can just visualize the Buddha in the space before you.

Today, Indonesians are the main disciples. There are many followers of Islam in your country, but the existence of the stupa at Borobudur is evidence that Buddhism once flourished there too. There are philosophical differences between our various religious traditions. Indeed, there are four schools of thought even within Buddhism. However, the practice of love and compassion, as well as tolerance and contentment, is common to all these spiritual traditions. People find these traditions and their practices helpful, so I view them all with respect. Read the rest of this entry »

2 – Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama sulle “37 Pratiche del Bodhisattva” ed i “3 Aspetti Principali del Sentiero”
Set 6th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Quando sembra che coltivare la compassione per gli altri porti a trarne vantaggio, raccomando di rafforzare la pratica dell’amore e della compassione combinandola con la pazienza e la contentezza. Rivedi i motivi per cui pratichi amore, generosità e moralità.”

5 settembre 2020, Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India. Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama si è nuovamente seduto nella sua residenza davanti alla telecamera ed agli schermi che si rendono fondamentali per realizzare questo insegnamento virtuale. Un gruppo di monaci dalla Thailandia ha cantato i versi del “Mangala Sutta” http://www.sangye.it/altro/?p=1868. Al termine, un gruppo di monaci e monache del Vietnam ha recitato il “Sutra del cuore” http://www.sangye.it/altro/?p=6098 in tipico stile vietnamita al ritmo cadenzato del pesce di legno.

Oggi è il secondo giorno del nostro insegnamento”, ha esordito Sua Santità. “Sono un praticante buddista, un seguace del Buddha, un monaco nella tradizione Mulasarvastivadin che è stata fondata in Tibet dal grande abate Shantarakshita. Esistono diversi lignaggi vinaya, o disciplina monastica. In Cina si osserva la tradizione Dharmagupta. Ci sono piccole differenze tra queste tradizioni, ma i precetti principali sono gli stessi. Read the rest of this entry »

2- His Holiness the Dalai Lama’s Teaching on 37 Practices of a Bodhisattva & 3 Principal Aspects of the Path
Set 6th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “Seeing suffering as illusory, giving generously, safeguarding ethical discipline and cultivating patience are all practices of bodhisattvas.”

September 5, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama once again took his seat in his residence before the camera and screens that are integral to making this virtual teaching possible. Monks in Thailand proceeded to chant verses from the ‘Mangala Sutta’. When they were finished, a group of monks and nuns in Vietnam led a recitation of the ‘Heart Sutra’ in typical Vietnamese style, to the rhythmic beat of a wooden fish.

Today is the second day of our teaching,” His Holiness began. “I’m a Buddhist practitioner, a follower of the Buddha, a monk in the Mulasarvastivadin tradition that was established in Tibet by the great Abbot Shantarakshita. There are different vinaya, or monastic discipline, lineages. In China the Dharmagupta tradition is observed. There are minor differences between these traditions, but the major precepts are the same. Read the rest of this entry »

1 – Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama sulle “37 Pratiche del Bodhisattva” ed i “3 Aspetti Principali del Sentiero”
Set 5th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama ha osservato che un problema di fondo nel mondo di oggi è il divario tra ricchi e poveri. Ha incoraggiato i ricchi a fornire aiuto materiale ai bisognosi, ma anche a provvedere alla loro istruzione.

4 Settembre 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Dopo che Sua Santità il Dalai Lama ha preso posto questa mattina, è stato accolto dalla signora Wee Nee Ng a nome degli studenti buddhisti di sei paesi asiatici: Singapore, Thailandia, Malesia, Indonesia, Vietnam e Hong Kong. Ha spiegato che i monaci di un Centro di meditazione a Chiang Mai, in Thailandia, canteranno per primi il “Mangala Sutta” http://www.sangye.it/altro/?p=1868 in Pali. Saranno seguiti da due monache in un monastero di monache in Malesia, che reciteranno il ‘Sutra del cuore’ http://www.sangye.it/altro/?p=6098 in cinese.

Sua Santità ha iniziato ricordando ai suoi ascoltatori che il Buddha ha girato la ruota del Dharma più di 2500 anni fa. Oggi siamo testimoni di un grande sviluppo materiale, ma la gente è distratta dalla vera fonte della felicità”. Molte persone che seguono una tradizione religiosa trovano utile mantenere un equilibrio emotivo. Read the rest of this entry »

1- His Holiness the Dalai Lama’s Teaching on 37 Practices of a Bodhisattva & 3 Principal Aspects of the Path
Set 5th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “The kinder you are to others, the more you will also benefit. We all have natural self-interest; the wise way of fulfilling it is to serve others.”

September 4, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama gives a three-day teaching on Gyalsey Thokme Sangpo’s Thirty-Seven Practices of a Bodhisattva (laklen sodunma) & Je Tsongkhapa’s The Three Principal Aspects of the Path (lamtso namsum) on the mornings of September 4, 5 and 6, 2020 at the request of a group of Asians.

Once His Holiness the Dalai Lama had taken his seat this morning, he was welcomed by Ms. Wee Nee Ng on behalf of Buddhist students from six Asian countries: Singapore, Thailand, Malaysia, Indonesia, Vietnam, and Hong Kong. She explained that monks at a meditation centre in Chiang Mai, Thailand would first chant the ‘Mangala Sutta’ in Pali. Read the rest of this entry »

How the Dalai Lama staged a dramatic escape from Tibet to India in 1959
Ago 22nd, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama sulla via dell’esilio in India, marzo 1959.

How the Dalai Lama staged a dramatic escape from Tibet to India in 1959

An excerpted from ‘An Officer and His Holiness: How the Dalai Lama Crossed into India,’ by Rani Singh.

There were many uncertainties ahead. Where would the Dalai Lama and his retinue find refuge? What would happen to the Tibetan people? But as the noise of the shelling and bombing continued, the plan for the escape was set in motion. Read the rest of this entry »

Raimondo Bultrini: Quei missili cinesi sulle rive del lago sacro
Ago 22nd, 2020 by admin

Il lago Manosarovar col Monte Kailash: i luoghi sacri delle religioni dell’Asia

Il Manasarovar, o lago “del potere della mente”, è uno dei più vasti specchi d’acqua sopra i 4500 metri di altezza, formato dalle purissime acque che scendono da una vetta altrettanto sacra, il Monte Kailash. Su entrambi da millenni si recano in circuambulazione induisti e jainisti indiani, buddhisti tibetani e seguaci dell’antica religione himalayana del Bon. La Cina si è appropriata negli anni ’50 di questa area incantevole che – nonostante le nuove strade e alcuni brutti insediamenti – mantenevano il loro fascino antico e l’aura mistica del luogo dove risiedono virtualmente le maggiori divinità delle quattro principali religioni dell’India e del Tibet.
I MISSILI TERRA ARIA
La novità che non farà piacere a devoti e pellegrini è stata resa nota in questi giorni da un analista-geografo anonimo (@detresfa_) specializzato in riprese satellitari. Le immagini postate su Twitter sembrano mostrare un sito per missili terra-aria e altre infrastrutture militari cinesi proprio a ridosso delle rive di questo lago incontaminato, che secondo alcuni visitatori indiani giunti lo scorso anno avrebbe purtroppo già perso in parte la sua leggendaria trasparenza. Read the rest of this entry »

Tibet’s future?
Ago 19th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama and former Prime Minister of India Jawahar Lal Nehru

By Phintso Thonden (Phundhon)

Earlier this summer, following China and India’s deadly border skirmishes, there was a spike in public debate on Tibet’s legal status in the Indian news media. Many people claimed India did not have a common border with China, but only with Tibet, and that British India signed legal treaties regarding India’s northern border with Tibet, not China. Tibet had signed several treaties with British controlled India including the Simla Agreement of 1914, which established the McMahon Line as the border between Tibet and India. A public petition urged Indian Prime Minister Narendra Modi to change the name of Panchsheel Marg, the road within the Diplomatic Enclave in New Delhi leading to the Chinese Embassy, to “Dalai Lama Marg” because China had violated the principles of the Panchsheel (5-Point) Agreement signed by India and China in 1954. These recent debates indicate a growing awareness of, and the urgent need, to undo the colossal damage done to India’s national security by the Nehru Administration in recognizing the country of Tibet as “China’s region of Tibet” in the Panchsheel Agreement. This renewed interest in Tibet offers the Tibetan Government in Exile (now the Central Tibetan Administration), a unique opportunity to seek formal recognition for itself from the Government of India. Read the rest of this entry »

Raimondo Bultrini: La nuova contesa tra India e Nepal su dove è nato il Buddha
Ago 18th, 2020 by admin

Raimondo Bultrini. Narra la leggenda che quando tra il 563 e il 620 avanti Cristo la regina Maya Devi diede alla luce il bimbo divenuto celebre come Buddha, ella stava recandosi nella casa dei genitori a Devadaha, attuale municipalità nell’omonimo distretto del regno del Nepal. Le doglie erano pero’ troppo forti per completare i 7 km del tragitto dalle foreste di Lumbini e la partoriente afferrò i rami di un albero sotto al quale venne alla luce un pargolo che invece di emettere un vagito le annuncio’: “Questa è la mia rinascita finale”, e fece subito sette passi “sotto ognuno dei quali – dice la tradizione – sbocciò un fiore di loto”. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Conflitti, Covid e Compassione
Ago 13th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Il tempo passa, le cose cambiano e dobbiamo trovare nuovi modi di pensare. Voi giovani siete quelli che contribuirete a fare un mondo nuovo. Non si deve cadere nei vecchi modi di pensare. Accettate la nuova realtà sull’unità di tutti gli esseri umani e affrontate la sfida del riscaldamento globale. Aprite gli occhi e aprite le menti.”

12 agosto 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Quando questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è entrato nella stanza della videoconferenza e, quando ha visto i volti dei Generation Change Fellows sugli schermi davanti a lui, ha sorriso loro calorosamente salutandoli con la mano. Questi sono giovani costruttori di pace associati allo United States Institute of Peace (USIP) o Istituto di pace degli Stati Uniti, molti dei quali aveva già incontrato prima.

Nancy Lindborg, Presidente e CEO di USIP ha aperto i lavori: “È meraviglioso rivederla, Santità. Benvenuti a questa importante conversazione su conflitti, Covid e compassione. Ho portato diversi gruppi di giovani a trovarla a Dharamsala. Oggi ne abbiamo 20 con noi, ognuno dei quali ha scelto di essere un costruttore di pace nella propria comunità.

Quando ci siamo incontrati per la prima volta nel 2015, ha parlato di rendere il 21° secolo un’era priva di conflitti. Come stiamo andando?”

Apprezzo gli sforzi che avete fatto da diversi anni per portare questi giovani fin qui a trovarmi”, ha risposto Sua Santità. “Sento che le cose sono cambiate. Nella prima parte del 20° secolo, le persone credevano davvero nel potere militare. Hanno speso un sacco di soldi in armi e gli scienziati hanno rivolto le loro migliori capacità alla progettazione di armi sempre più distruttive. Ora, penso, come risultato dell’esperienza, che questo modo di pensare sta affievolendosi. Dopo due guerre mondiali, durante la seconda delle quali furono effettivamente utilizzate armi nucleari, si parlò di una terza guerra mondiale, ma di questo non si sente molto in questi giorni. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Conflict, COVID and Compassion
Ago 13th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “You young people are the ones who will contribute to making a new world. Don’t fall into old ways of thinking. Accept the new reality about the oneness of all human beings and face up to the challenge of global warming. Open your eyes and open your minds.”

August 12, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – When His Holiness the Dalai Lama came into the room this morning and saw the faces of Generation Change Fellows on the screens before him, he smiled warmly and waved. These were young peace-builders associated with the United States Institute of Peace (USIP), many of whom he had met before. Nancy Lindborg, President and CEO USIP opened the proceedings — “Wonderful to see you again, Your Holiness. Welcome to this important conversation on conflict, covid and compassion. I’ve brought several groups of young people to see you in Dharamsala. Today, we have 20 with us, each of whom has chosen to be a peace-builder in their community.

When we first met in 2015 you spoke of making the 21st century an era free of conflict. How are we doing?”

I appreciate the effort you have made over several years to bring these young people to see me,” His Holiness responded. “I feel things have changed. In the early part of the 20th century, people really believed in military power. They spent a lot of money on arms and scientists turned their brains to designing ever more destructive weapons. Now, I think, as a result of experience, this way of thinking is diminishing. After two world wars, during the second of which nuclear weapons were actually used, there was talk of a third world war, but we don’t hear much about that these days. Read the rest of this entry »

Perché i tibetani si danno fuoco
Ago 12th, 2020 by admin

Perché i tibetani si danno fuoco

La pluripremiata giornalista statunitense Barbara Demick racconta la storia di Ngaba, nel Sichuan, capitale mondiale dell’immolazione buddhista.

Read the rest of this entry »

3 – Sua Santità il Dalai Lama: “Lode alla relazione dipendente” di Je Tsongkhapa
Ago 7th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama:: “Medito ogni giorno sulla vacuità e sulla bodhicitta e lo trovo molto utile. Meditare sulla vacuità ha l’effetto di ridurre l’intensità della mia rabbia e del mio attaccamento. Scambiare sè stessi con gli altri con la meditazione riduce i miei atteggiamenti autogratificanti.”

6 agosto 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Sua Santità il Dalai Lama ha aperto il terzo giorno di insegnamenti che ha conferito ai giovani studenti tibetani ricordando che oggi è il 75° anniversario del bombardamento atomico della città giapponese di Hiroshima. “Alla fine della seconda guerra mondiale, le bombe atomiche furono sganciate prima su Hiroshima e tre giorni dopo su Nagasaki. Sono stato in entrambi i posti. A Hiroshima, vicino a dove è esplosa la bomba, si trovano le rovine di un edificio, la cupola di Genbaku o il memoriale della pace di Hiroshima. Puoi vedere delle parti di travi d’acciaio della cupola sciolte dal calore intensissimo. Ho incontrato dei sopravvissuti, alcuni dei quali sono stati gravemente ustionati.

“Sono stato anche a Nagasaki. Quando vedi qual è stato l’epicentro dell’esplosione, è molto inquietante. La guerra è mossa dalla rabbia, dall’impulso di eliminare il nemico, eppure altrimenti è la natura umana di base ad essere compassionevole. Read the rest of this entry »

I turisti cinesi affollano i siti sacri di Lhasa, i tibetani sono esclusi dall’entrata
Ago 7th, 2020 by admin

Turisti cinesi  camminano nella zona centrale di Barkhor a Lhasa 2020.

5 Agosto 2020 I turisti cinesi si riversano nella capitale del Tibet, Lhasa, in gran numero, affollando siti religiosi vietati a molti tibetani mentre la città si apre ai visitatori esterni dopo l’allentamento delle restrizioni di prevenzione del coronavirus.

Fonti a Lhasa affermano che gli arrivi dalla Cina sono quadruplicati da quando le paure si sono attenuate per la diffusione del COVID-19, una fonte locale ha riferito al Servizio tibetano della RFA che circa 4.000 persone visitano ogni giorno il Palazzo Potala di Lhasa, residenza principale del  Dalai Lama fino al suo esilio.

Questo danneggia gravemente l’eredità del Tibet”, ha detto la fonte della RFA, chiedendo  l’anonimato come condizione per poter parlare. “Inoltre, i tibetani che visitano aree al di fuori di Lhasa sono fortemente limitati e trattati in modo diverso.” Read the rest of this entry »

3 – His Holiness the Dalai Lama: ‘In Praise of Dependent Arising’
Ago 6th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “I meditate every day on emptiness and bodhichitta,” His Holiness vouchsafed, “and I find it very helpful. Meditating on emptiness has the effect of reducing the intensity of my anger and attachment. Exchanging self and others in meditation reduces my self-cherishing attitudes.”

August 6, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama opened the third day of teachings he has been giving to young Tibetan students with a reminder that today is the 75th anniversary of the atomic bombing of the Japanese city of Hiroshima. “At the end of the Second World War, atomic bombs were dropped first on Hiroshima and three days later on Nagasaki. I have been to both places. In Hiroshima, near to where the bomb exploded stand the ruins of a building, the Genbaku Dome or the Hiroshima Peace Memorial. You can see where parts of the steel girders of the dome were melted by the intense heat. I’ve met survivors, some of whom were severely burned.

I’ve also been to Nagasaki. When you see what was the epicentre of the explosion, it feels very unsettling. War is driven by anger, by the urge to eliminate the enemy, and yet otherwise it’s basic human nature to be compassionate.

I dream of a demilitarized world, a world free of nuclear weapons. Today, on the 75th anniversary of the destruction of Hiroshima we must remember that in order to bring about peace in the world, we need to cultivate peace within ourselves. We need to settle conflicts and disputes through dialogue and negotiation. Just as we don’t want suffering, we should not inflict suffering on others. When there is discord between members of a family, other relatives do what they can to resolve the conflict. Read the rest of this entry »

2 – Sua Santità il Dalai Lama: “Lode alla relazione dipendente” di Je Tsongkhapa
Ago 6th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se stai pensando alla tua prossima vita od al raggiungimento dell’illuminazione, quando sei gentile con gli altri: questa è etica religiosa. Ma se, quando sei utile ed al servizio degli altri, pensi principalmente che tutti siano felici qui e ora, questa è etica laica.

5 agosto 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Sua Santità il Dalai Lama ha salutato questa mattina il suo pubblico di giovani tibetani con un vivace “Tashi delek”. Ha iniziato il suo discorso osservando che la visione filosofica del buddismo è il sorgere dipende e la sua condotta è la non violenza: il non danneggiare gli altri e, se possibile, offrire loro aiuto. Questi due temi possono contribuire a portare la pace nel mondo.

Tutto ciò che esiste dipende da altri fattori. Se sei felice, l’atmosfera intorno a te sarà allegra. E se l’ambiente in cui vivi è pacifico, sarai contento. Dal momento che non vogliamo provare sofferenza, è opportuno che non facciamo del male agli altri. La visione filosofica che ho citato e questo codice di condotta sono correlati tra loro. Vi consiglio di tenere a mente questa visione e la condotta buddhista.

Come dico spesso, per raggiungere la pace nel mondo, abbiamo bisogno di tranquillità all’interno di noi stessi. Ciò che disturba la nostra tranquillità sono le nostre emozioni distruttive. Coloro che si occupano prevalentemente di sviluppo materiale, pensano alla felicità ed al benessere solo in termini di salute fisica e, tuttavia, anche la nostra salute mentale è cruciale. L’antica tradizione indiana ha acquisito una ricca comprensione del funzionamento della nostra mente e delle emozioni ed oggi possiamo ancora fare appello a questa conoscenza. Read the rest of this entry »

2 – His Holiness the Dalai Lama: ‘In Praise of Dependent Arising’
Ago 6th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “Because fields are where we grow crops, we take care of them. Just so, because we depend on the people around us, we need to take care of them too. Remember compassionate, non-violent conduct in the context of everything being dependently arisen.

August 5, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama greeted his audience of young Tibetans with a brisk, “Tashi delek,” this morning. He began his discourse with the observation that the philosophical view of Buddhism is dependent arising and its conduct is non-violence, not harming others and, if possible, offering them help. These two themes can contribute to bringing peace to the world.

Whatever exists is dependent on other factors. If you’re happy, the atmosphere around you will be cheerful. And if the environment in which you live is peaceful, you’ll be content. Since we don’t want to experience suffering, it’s appropriate that we do others no harm. The philosophical view I mentioned and this code of conduct correlate with each other. I recommend you keep this Buddhist view and conduct in mind.

As I often say, to achieve world peace, we need peace of mind within ourselves. What disturbs our peace of mind are our destructive emotions. Those who concern themselves predominantly with material development, think of happiness and well-being only in terms of physical health and yet our mental health is crucial too. Ancient Indian tradition acquired a rich understanding of the workings of our minds and emotions and we can still call on this knowledge today.

After he had attained enlightenment, the Buddha declared: Read the rest of this entry »

1 – Sua Santità il Dalai Lama: “Lode alla relazione dipendente” di Je Tsongkhapa
Ago 5th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se sei gentile ed affettuoso, sarai felice: e le persone intorno a te saranno felici. La trasformazione non è il risultato dell’assunzione di farmaci, si tratta di lavorare con la mente. Quindi, il nostro obiettivo è la promozione e lo sviluppo dell’amore e della compassione nella mente. Allo stesso tempo, dobbiamo ridurre la rabbia, l’invidia e l’attaccamento.”

4 agosto 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, dopo essere entrato nella stanza della sua residenza da dove stava per trasmettere gli insegnamenti in videoconferenza, Sua Santità il Dalai Lama ha salutato gli studenti tibetani che poteva vedere sugli schermi davanti a lui e si è seduto. Dopo la recitazione di preghiere rituali, compresa l’offerta di mandala, ha così iniziato.

Oggi questo insegnamento è principalmente per i giovani tibetani. La parola Dharma esiste da diverse migliaia di anni. Ora siamo nel 21° secolo e ci sono stati sostanziali progressi nella scienza e nella tecnologia. Potremmo chiederci: la religione è ancora rilevante?

Da migliaia di anni, la religione è un qualcosa su cui le persone hanno fatto affidamento quando hanno incontrato difficoltà. Ora ci sono più di sette miliardi di esseri umani su questa terra. Alcuni credono nella religione ed altri no, alcuni si oppongono alla religione e altri sono indifferenti. Tuttavia, tutti vogliono essere felici ed evitare la sofferenza. Coloro che si oppongono o sono indifferenti alla religione sono più felici degli altri? In generale, sembra che coloro che fanno affidamento su una pratica religiosa siano più contenti. Read the rest of this entry »

1 – His Holiness the Dalai Lama: ‘In Praise of Dependent Arising’
Ago 5th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “Because of negative karma, negative action, we spin through the cycle of existence. Liberation can only be attained by eliminating karma and afflictive emotions. Mental afflictions are rooted in the ignorance that believes that things exist as they appear.”

August 4, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – After His Holiness the Dalai Lama had entered the room in his residence from where he was giving teachings this morning, he saluted the Tibetan students he could see on the screens before him and sat down. They chanted a couple of prayers, including the mandala offering, and he began.“Today, this teaching is mainly for young Tibetans. The word dharma has existed for several thousand years. Now we are in the 21st century and there have been substantial advances in science and technology. We might ask, whether religion is still relevant?

For thousands of years, religion is something people have relied upon when they faced difficulties. There are now more than seven billion human beings on this earth. Some believe in religion and some don’t, some are opposed to religion and others are indifferent. However, all of them want to be happy and avoid suffering. Are those who are opposed to or indifferent to religion happier than the others? In general, it seems that those who rely on a religious practice are more contented. Read the rest of this entry »

Rapporto 2020 TCHRD: ai tibetani è negato il diritto ad un equo processo
Ago 5th, 2020 by admin

3 agosto 2020. Ai tibetani è costantemente negato il diritto a un equo processo: è quanto afferma il Centro Tibetano per i Diritti Umani e la Democrazia nell’annuale rapporto sulla situazione in Tibet.

Soprattutto nei casi politicamente sensibili “i tibetani sono raramente informati sul loro diritto ad essere difesi da un avvocato”, si legge nel rapporto. Spesso i processi si svolgono a porte chiuse e le confessioni sono estorte con il ricorso alla tortura. I famigliari dell’accusato non sono informati della detenzione o dell’arresto dei loro cari. Poiché nella maggior parte dei casi sono accusati di ledere la “sicurezza dello stato” o di avere divulgato di “segreti di stato”, ai tibetani è talvolta negato il processo e sono tenuti in isolamento per mesi senza che se ne abbiano notizie. “La Procura cinese svolge un doppio ruolo” – afferma il Centro Tibetano per i Diritti Umani e la Democrazia -, supervisiona il lavoro dei giudici e dei tribunali e può chiedere il riesame dei casi nonché il prolungamento del periodo di carcerazione preventiva mettendo a rischio l’indipendenza delle indagini e del giudizio”. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Compassione, la risposta a un mondo in difficoltà
Lug 31st, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se il sistema educativo favorisse la pace interiore, la compassione e la non violenza, gli studenti imparerebbero a raggiungere la pace della mente. Questo è ciò che è necessario se vogliamo raggiungere l’obiettivo di un mondo veramente pacifico e demilitarizzato.”

29 luglio 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è stato invitato a parlare con gli studenti della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Delhi; della Banaras Hindu University, Varanasi; della Guru Govind Singh Indraprastha University, Nuova Delhi; del National Institute of Technology, Yupia, Arunachal Pradesh e della Chapra Central School, Saran, Bihar.

Il Prof. Raman Mittal della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Delhi ha tenuto un breve discorso introduttivo di benvenuto in cui ha dichiarato che il mondo sta attraversando un periodo difficile, in cui tutti si sono ricordati della fragilità della vita. Costretti a guardarsi dentro, hanno cercato la guida di Sua Santità per quanto riguarda la compassione e la speranza.

“Quando ci troviamo di fronte a problemi e difficoltà”, ha risposto Sua Santità, “trovo utile affidarmi al maestro di Nalanda dell’VIII secolo Shantideva che così consigliava: “Analizzate il problema che vi si pone. Esaminate se può essere superato. Se si può, non c’è bisogno di preoccuparsi. Mettete in atto la soluzione. Se il problema non può essere superato, non servirà a nulla preoccuparsi.” Trovo che questa sia una valutazione molto realistica. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Compassion, the Answer in a Troubled World
Lug 30th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “If the education system fostered inner peace, compassion and non-violence, students would learn how to achieve peace of mind. This is what is required if we are to fulfill the goal of a genuinely peaceful and demilitarized world.”

July 29, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP – This morning His Holiness the Dalai Lama was invited to speak to students from the Law Faculty of Delhi University; Banaras Hindu University, Varanasi; Guru Govind Singh Indraprastha University, New Delhi; the National Institute of Technology, Yupia, Arunachal Pradesh and Chapra Central School, Saran, Bihar.

Prof Raman Mittal of the Delhi University Law Faculty gave a short welcome address. He acknowledged that the world is going through difficult times during which everyone has been reminded of the fragility of life. Forced to turn inward, they sought His Holiness’s guidance with regard to compassion and hope.

When we face problems and difficulties,” His Holiness responded, “I find it useful to rely on the 8th century Nalanda master, Shantideva’s advice. Analyse the problem that confronts you. Examine whether it can be overcome. If it can, there’s no need to worry. Put the solution into effect. If the problem can’t be overcome, worrying about it won’t help. I find this to be a very realistic assessment. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: La Compassione nella Pratica Medica
Lug 24th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se ti concentri solo sul tuo problema, potresti perdere la speranza, ma, se lo guardi da una prospettiva più ampia, è più facile essere più positivi.”

23 luglio 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Una volta che questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha preso posto nella sala del webcast è stato accolto nella conversazione virtuale odierna dal dott. Anupam Sibal, presidente della Global Association of Physicians of Indian Origin (GAPIO) e dal dott. Akshay Anand, Professore, PGIMER, Chandigarh, in rappresentanza dell’India Yoga Association. Il dott. Sibal ha suggerito che, a causa dello stress cui sono soggetti gli operatori della salute per la pandemia, occorre generare compassione. Il dott. Anand ha aggiunto che molte persone che lavorano nel campo medico in tutto il mondo si uniranno alla sessione. “Grazie”, ha risposto Sua Santità, “È davvero un grande onore anche per me tenere discussioni con studiosi e professionisti come voi. Imparo molto da questi scambi. Un noto studioso tibetano una volta ha osservato che fino a quando non raggiungiamo la Buddità, ognuno di noi è uno studente pronto a imparare qualcosa di nuovo.

Ora, per quanto riguarda la salute, ci si riferisce non solo a quella del nostro corpo, ma anche quella delle nostre menti ed emozioni. La pratica della compassione e dell’altruismo ci porta la pace della mente. Anche se affrontiamo problemi o qualcuno è critico nei confronti di qualcosa che abbiamo detto o fatto, la compassione ci consente di sentirci grati. La compassione è la migliore contromisura contro la rabbia, l’ansia e così via. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Compassion in Medical Practice
Lug 24th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “If you focus narrowly on the problem as you see it, you might well lose hope, but if you look at it from a wider perspective, it’s easier to be more positive.

July 23, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Once His Holiness the Dalai Lama had taken his seat this morning, he was welcomed to today’s virtual conversation by Dr Anupam Sibal, President of the Global Association of Physicians of Indian Origin (GAPIO) and Dr Akshay Anand, Professor, PGIMER, Chandigarh, representing the India Yoga Association. Dr Sibal suggested that due to the stresses of the current pandemic healers need compassion. Dr Anand added that many people working in the medical field around the world would be joining the session. “Thank you,” His Holiness responded, “It’s indeed a great honour for me too to hold discussions with scholars and professionals like you. I learn a great deal from such exchanges. A renowned Tibetan scholar once observed that until we attain Buddhahood, each of us is a student ready to learn something new.

Now, as far as health is concerned, it relates not only to our bodies, but also to our minds and emotions. The practice of compassion and altruism brings us peace of mind. Even if we face trouble or someone is critical of something we’ve said or done, compassion enables us to feel grateful to them. Compassion is the best counter measure to anger, anxiety and so forth. Read the rest of this entry »

3 – Sua Santità il Dalai Lama spiega l’‘Ingresso nella Via di Mezzo” di Chandrakirti
Lug 20th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama:: “Uno dei modi chiave per coltivare bodhicitta è il metodo di scambiare sé stessi con gli altri. Questo implica amare gli altri, mentre, all’opposto, tu ami te stesso, ma non significa che devi trascurare completamente te stesso.”

19 luglio 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, Sua Santità il Dalai Lama è arrivato nella sala del webcast, ha sorriso, ha salutato con un cenno di mano e si è seduto. Ha salutato calorosamente i membri del Nalanda Shiksha guardandoli e ascoltandoli in collegamento video, “Buongiorno. Come ho già accennato, lo scopo stesso del Dharma, come tutte le tradizioni religiose, è ridurre la sofferenza e dare la felicità. Come esseri umani, dal momento in cui siamo nati, dipendiamo tutti dalla compassione degli altri. Poiché tutte le tradizioni religiose coinvolgono gli esseri umani, tutte insegnano amorevole gentilezza, autodisciplina, tolleranza e così via.

Una delle cose che distingue le tradizioni indiane è che includono spiegazioni approfondite sul funzionamento della mente e delle emozioni. Il Buddha era un indiano e, dopo aver appreso le tradizioni esistenti, si dedicò a sei anni di pratica austera, digiunando e pensando profondamente. Di conseguenza, ha sviluppato una visione della realtà. Poco dopo la sua illuminazione, si dice che abbia espresso questi pensieri: “Profondo e pacifico, privo di elaborazione, luce chiara non spiegata, ho trovato un Dharma simile ad un nettare. Eppure, se dovessi insegnarlo, non si sarebbe che capisca ciò che ho detto; perciò rimarrò qui nella foresta in silenzio. “ Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama explains Chandrakirti’s ‘Entering into the Middle Way” – 3
Lug 20th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: How to deal with difficulties in times of distress? It’s important either not to feel demoralized and to be determined to follow what the Buddha taught, thinking, ‘When else will I be able to pursue the teaching if not now?’ The crucial point is to integrate the teachings within yourself.”

July 19, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama arrived, smiled, waved and took his seat. He warmly greeted members of the Nalanda Shiksha watching and listening to him by video link, “Good morning. As I’ve already mentioned, the very purpose of the dharma, like all religious traditions, is to reduce suffering and bring about happiness. As human beings we all depend on compassion from the moment we’re born. Since all religious traditions involve human beings, they all teach about loving-kindness, self-discipline, tolerance and so forth.

One of the things that distinguishes the Indian traditions is that they include thorough explanations of the workings of the mind and emotions. The Buddha was an Indian and, after learning existing traditions, he engaged in six years of austere practice, fasting and thinking deeply. As a result, he developed a view of reality. Soon after his enlightenment, he is said to have expressed these thoughts — ‘Profound and peaceful, free from elaboration, uncompounded clear light, I have found a nectar-like Dharma. Yet if I were to teach it, there is no-one who would understand what I said; therefore, I shall remain silent here in the forest.’ Read the rest of this entry »

2 – Sua Santità il Dalai Lama spiega l’‘Ingresso nella Via di Mezzo” di Chandrakirti
Lug 19th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se qualcuno ti critica e tu sorridi, lo fai riflettere. La pazienza crea un karma positivo che avrà buoni effetti nella prossima vita. Ed ha benefici pratici già in questa vita.”

18 luglio 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Ancora una volta, questa mattina, Sua Santità il Dalai Lama è entrato nella stanza del webcast sorridendo. Ha salutato agitando la mano le persone che ha riconosciuto sugli schermi davanti a lui e si è seduto. Non ha perso tempo a riprendere la spiegazione dell'”Ingresso nella via di mezzo” di Chandrakirti.

“Come ho già detto, Chandrakirti era un grande filosofo ed un grande praticante. Come Nagarjuna, non è più con noi, poiché gli esseri umani vivono, al massimo, circa cento anni. Tuttavia, i suoi scritti sono sopravvissuti per più di mille anni. E tra queste opere, “Entrare nella Via di Mezzo” è particolarmente importante.

“Faccio spesso notare che questo Paese, l’India, ha prodotto un gran numero di pensatori e di filosofi. Essi sono esemplificati dai meravigliosi Diciassette Maestri di Nalanda, ognuno dei quali è stato molto acuto. Gli scritti di questi maestri indiani possono essere esaminati da un punto di vista laico, accademico, e combinati con una visione scientifica moderna. Ciò di cui hanno scritto è rilevante qui nel XXI secolo perché discutono della mente umana e delle emozioni e di come coltivare la pace della mente. Ognuno di questi argomenti può essere esaminato in modo accademico. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama explains Chandrakirti’s ‘Entering into the Middle Way” – 2
Lug 19th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “If someone criticizes you and you just smile, it makes them pause. Patience creates positive karma that will have good effects in the next life. It has practical benefits in ordinary life.

July 18, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Once again, this morning, His Holiness the Dalai Lama entered the room smiling. He waved to people he recognized on the screens in front of him and sat down. He lost no time in resuming his explanation of Chandrakirti’s ‘Entering into the Middle Way’. “As I’ve already stated, Chandrakirti was a great philosopher and a great practitioner. Like Nagarjuna he’s no longer with us, since human beings live, at most, about a hundred years. However, their writings have survived for more than a thousand years. And among these works, ‘Entering into the Middle Way’ is particularly important.

I often point out that this country, India, has produced a great number of thinkers and philosophers. They are exemplified by the wonderful Seventeen Masters of Nalanda, each of whom was very sharp. These Indian masters’ writings can be examined from a secular, academic point of view and combined with a modern scientific outlook. What they wrote about is relevant here in the 21st century because they discuss the human mind and emotions and how to cultivate peace of mind. Each of these topics can be examined in an academic way. Read the rest of this entry »

1 – Sua Santità il Dalai Lama spiega l’‘Ingresso nella Via di Mezzo” di Chandrakirti
Lug 18th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se abbiamo un buon cuore intento ad aiutare gli altri, abbiamo anche bisogno di intelligenza. Abbiamo bisogno di vedere che è possibile liberare gli altri dalla sofferenza.”

17 luglio 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Quando questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è entrato nella stanza del webcast, ha scrutato i volti sugli schermi davanti a lui, ne ha riconosciuti diversi, li ha salutati con la mano, ha sorriso e si è seduto.

Il moderatore di questa mattina, Suresh Jindal, ha augurato a Sua Santità il buongiorno a nome del Sangha indiano. Lo ha anche ringraziato per aver accettato di insegnare.

“Nonostante la mia età, ho 85 anni – ha iniziato Sua Santità – non c’è nulla che non vada nelle mie condizioni fisiche. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la mia mente è in pace. Non ho nessuna ansia e sono ispirato dai versi di Shantideva:

Da ora, finché perdura lo spazio,
Finché esistono gli esseri,
Possa io rimanere
Per eliminare le loro sofferenze

Proprio come la terra e lo spazio stesso
E tutti gli altri po
ssenti elementi,
Per una moltitudine infinita di esseri
Possa io essere sempre il terreno della vita, una varietà di fonti di sostentamento.

“Sono determinato a vivere altri 15 o 20 anni per essere al servizio degli altri, non solo a livello fisico, ma anche a livello di pace mentale,. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama explains Chandrakirti’s ‘Entering into the Middle Way” – 1
Lug 18th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “I’ve been thinking about these things for a long time, emptiness for 60 years and bodhichitta for about 50 years. Understanding them takes time, but you have to keep up your analysis. It is possible to reduce the afflictive emotions. It’s not easy, but if you make the effort you can gradually bring about change, which will give rise to peace of mind.
“We all have the seed of Buddhahood within us. The emptiness of the mind of the Buddha and the mind of sentient beings is the same.”

July 17, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – When His Holiness the Dalai Lama entered the room this morning, he scrutinized the faces on the screens before him, recognised several of them, waved to them, laughed and took his seat.

This morning’s moderator, Suresh Jindal, wished His Holiness good morning on behalf of the Indian Sangha. He also thanked him for accepting their request to teach.

In spite of my age, my being 85 years old,” His Holiness began, “there’s nothing wrong with my physical condition. This is mainly because my mind is at peace. I have no anxiety and I’m inspired by verses by Shantideva:

And now as long as space endures,
As long as there are beings to be found,
May I continue likewise to remain
To drive away the sorrows of the world.

Just like the earth and space itself
And all the other mighty elements,
For boundless multitudes of beings
May I always be the ground of life, the source of varied sustenance.

In order to be of service to others, not only on a physical level, but also on the level of mental peace, I am determined to live another 15 or 20 years. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama in conversazione con Gaur Gopal Das
Lug 15th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Penso all’altruismo nel momento in cui mi sveglio, quindi è una parte essenziale della mia pratica quotidiana.

14 luglio 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama si è unito in conversazione via video con Gaur Gopal Das, un ex ingegnere della Hewlett Packard, ora monaco della Società Internazionale per la Coscienza di Krishna (ISKCON). Quando si è attivato il collegamento online, Das ha offerto a Sua Santità “Namaste” e ha risposto: “Sono pronto”.

Dopo aver dichiarato quanto fosse onorato di partecipare alla conversazione, Das ha fatto una breve introduzione a Sua Santità. Ha concluso osservando che siamo tutti formati dai nostri insegnanti e dalla nostra educazione ed ha invitato Sua Santità a dire qualcosa sulla sua educazione. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama In Conversation with Gaur Gopal Das
Lug 14th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “I think of altruism the moment I wake up, so it’s an essential part of my daily practice.”

July 14, 2020 Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning His Holiness the Dalai Lama was joined in conversation via video link by Gaur Gopal Das, a former Hewlett Packard engineer who is now a monk belonging to the International Society for Krishna Consciousness (ISKCON). As the link came online, Das offered His Holiness, “Namaste” and he replied, “I’m ready.”

After stating how honoured he was to take part in the conversation, Das gave a short introduction to His Holiness. He concluded by noting that we are all shaped by our teachers and our education and invited His Holiness to say something about his own upbringing.

I’m very happy. It’s also an honour for me,” His Holiness began, “to have this discussion with you, an Indian, and, if I may say so, a typical Indian. I feel that modern India places too much emphasis on material goals. For more than 3000 years, India has upheld the practice of ‘ahimsa’ and ‘karuna’. And yet these qualities are somewhat neglected today. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Dobbiamo agire tutti insieme per preservare il nostro mondo.
Lug 12th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Ore, minuti e secondi: il tempo non si ferma mai. Anche noi siamo parte di questa natura. Il passato è importante, ma è già passato. Il futuro è ancora nelle nostre mani, quindi dobbiamo pensare all’ecologia a livello globale.”

BY DALAI LAMA , TIME JULY 10, 2020

Questo pianeta è la nostra unica casa. Gli esperti ambientali dicono che nei prossimi decenni il riscaldamento globale raggiungerà un livello tale che molte risorse idriche si prosciugheranno. Quindi l’ecologia e la lotta al riscaldamento globale sono molto importanti.

Per esempio, il mio paese, il Tibet, è la fonte d’acqua per eccellenza dell’Asia. Fiumi come l’Indo del Pakistan, il Gange e il Brahmaputra dell’India, il Fiume Giallo della Cina, così come il Mekong, scorrono dall’altopiano del Tibet. Quindi dovremmo prestare maggiore attenzione alla conservazione dell’ecologia tibetana. Questo non solo per l’interesse di 6 milioni di tibetani, ma di tutti gli abitanti di questa regione. In passato, quando sorvolavo l’Afghanistan, c’erano chiari segni che quelli che una volta erano laghi e torrenti erano già asciutti. Sento che presto anche il Tibet potrebbe diventare così. Per quanto riguarda le questioni politiche del Tibet, mi sono già ritirato. Ma per quanto riguarda l’ecologia del Tibet e la sua ricchissima cultura, sono pienamente impegnato.

Noi esseri umani abbiamo queste menti meravigliose e brillanti. Ma siamo anche i più grandi distruttori del pianeta. Ora dovremmo usare il nostro cervello con compassione e con un senso di preoccupazione. Ecco perché uno dei miei impegni è la promozione di valori umani più profondi. Read the rest of this entry »

H.H. Dalai Lama: Seven billion people ‘need a sense of oneness’
Lug 12th, 2020 by admin

The Dalai Lama: “When we face some tragic situation, it reveals the deeper human values of compassion. Usually people don’t think about these deeper human values, but when they see their human brothers and sisters suffering the response comes automatically.”

The leader of Tibetan Buddhism sees reasons for optimism even in the midst of the coronavirus pandemic. People are helping one another, he tells the BBC’s Justin Rowlatt, and if seven billion people on Earth develop “a sense of oneness” they may yet unite to solve the problem of climate change.

The first time I met the Dalai Lama he tweaked my cheek.

It is pretty unusual to have your cheek tweaked by anyone, let alone by a man regarded as a living god by many of his followers.

But the Dalai Lama is a playful man who likes to tease his interviewers.

Now, of course, such a gesture would be unthinkable – our latest encounter comes via the sterile interface of a video conferencing app.

The Dalai Lama appears promptly and sits in front of the camera, smiling and adjusting his burgundy robes. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Il seme della compassione, lezioni di pace e compassione
Lug 12th, 2020 by admin

Nel suo nuovo libro, “Il seme della compassione”, Sua Santità il Dalai Lama si rivolge direttamente ai bambini, condividendo lezioni di pace e compassione, raccontate attraverso storie della sua infanzia.

Le illustrazioni sono dell’autore vietnamita Bao Luu, che attualmente vive negli Stati Uniti. Come artista, si concentra sul colore e sulla trama nelle sue illustrazioni uniche. È onorato di aver illustrato The Seed of Compassion.

Sua Santità è convinto che tutti nasciamo con una qualche predisposizione verso la gentilezza:”Quando si è molti piccoli la cosa traspare con chiarezza”, anche se questa parte del carattere può non svilupparsi poiché nell’attuale sistema educativo non si pone molta enfasi su tale aspetto della personalità.

Gran parte delle tragedie scatenate per mano dell’uomo sono il risultato di un’unica carenza: la mancanza di una responsabilità etica dettata dalla compassione.

L’istruzione moderna ha bisogno di una riforma fondamentale. Oltre a studiare materie standard, infatti ritiene che sia necessario educare il cuore, con i valori etici essenziali e la capacità di vivere all’insegna della compassione. Read the rest of this entry »

H.H. Dalai Lama: We Must Act as One to Preserve Our World
Lug 11th, 2020 by admin

H.H. the Dalai Lama: “Hours, minutes and seconds: time never stands still. We also are part of that nature. The past is important, but already past. The future is still in our hands, so we must think about ecology at the global level.”

BY DALAI LAMA , TIME JULY 10, 2020

This planet is our only home. Environmental experts say that over the next few decades, global warming will reach such a level that many water resources will go dry. So ecology and combatting global warming are very important.

For example, my country, Tibet, is the ultimate source of water in Asia. Rivers including Pakistan’s Indus, India’s Ganges and Brahmaputra, China’s Yellow River, as well as the Mekong, flow from Tibet’s plateau. So we should pay more attention to the preservation of Tibetan ecology. This is not only for the interest of 6 million Tibetans but all people in this region. In the past, when I was flying over Afghanistan, there were clear signs that what used to be lakes and streams were already dry. I feel that Tibet also may become like that soon. Regarding Tibet’s political matters, I have already retired. But regarding Tibet’s ecology and very rich culture, I’m fully committed.

We human beings have these marvelous, brilliant minds. But we are also the biggest troublemakers on the planet. Now we should utilize our brains with compassion, and a sense of concern. This is why one of my commitments is promotion of deeper human values. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama in conversazione con i membri della Polizia Metropolitana
Lug 10th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Il vero distruttore della nostra pace mentale, ciò che mina la nostra salute e il nostro benessere è la rabbia e la paura. Otterremo un corpo e una mente più sani se impareremo a coltivare la compassione e il perdono”.

9 luglio 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Quando Sua Santità il Dalai Lama ha visto sugli schermi davanti a lui stamattina i volti di una serie di agenti di polizia e del personale della Polizia Metropolitana, li ha salutati con la mano e li ha salutati calorosamente: “Ciao, ciao, ciao”. Una volta sistematosi al suo posto, ha osservato che mentre lui è abituato ad alzarsi alle 3.30 del mattino e a fare colazione alle 5.30, probabilmente loro non erano abituati ad alzarsi così presto a stomaco vuoto.

La moderatrice della conversazione, la signora Brin Deol, ha chiesto a Sua Santità se ha trascorso un buon compleanno.

“Sì”, ha risposto, “ma sento che ogni giorno è come un compleanno”. Ciò che conta è il proprio atteggiamento mentale. Se hai una mente serena, ogni mattina è come la mattina di un compleanno”.

Il dottor Kumanga Andrahennadi del Centro per l’apprendimento avanzato della consapevolezza (CALM) ha spiegato che per questa occasione speciale hanno organizzato 1000 agenti di polizia, personale e ospiti speciali per ascoltare Sua Santità a proposito della compassione. Ha detto che erano veramente grati.

Read the rest of this entry »

The Dalai Lama: The Responsibility to Fight Racial Injustice Lies With the People
Lug 10th, 2020 by admin

The Dalai Lama: “After one year, two year, maybe people … will develop oneness of human being, Not the concept of ‘we and they’ … That kind of thinking is backward. We should see a problem and rush to help. That’s what I feel.”

BY TIME STAFF JULY 9, 2020

Tibetan spiritual leader the Dalai Lama says that each “individual” must ultimately take responsibility for fighting systemic racism in modern society.

Speaking at Thursday’s TIME100 Talks about the mass protests that have erupted across the U.S. and world sparked by the police killing of unarmed Black man George Floyd, Tenzin Gyatso, the 14th Dalai Lama, said that, “ultimately people, the public, have the power to decide.”

Firstly, people should think more wisely, with more open mind,” he said. “So the government should take the public’s view, that’s very important.”

The feudal system is in the past, [when] a few people decided … Today is the democratic period.”

Speaking from his home in the northern Indian town of Dharamshala, the Dalai Lama also discussed recent tensions at India’s border with China, where at least 20 soldiers died in skirmishes last month. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama in Conversation with Members of the Metropolitan Police
Lug 9th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: How to maintain hope in these difficult times? All our physical and verbal actions relate to our mental actions. Therefore, if you have a good motivation and a sense of concern for others’ well-being, whatever steps you take will be beneficial.”

July 8, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – When His Holiness the Dalai Lama saw the faces of an array of police officers and staff of the Metropolitan Police on the screens before him this morning, he waved and greeted them warmly, “Hello, hello, hello”. Once he was settled in his seat, he remarked that while he’s used to getting up at 3.30 in the morning and having his breakfast at 5.30, they were probably not accustomed to being up so early with empty stomachs.

Moderator of the conversation, Ms Brin Deol, asked if His Holiness if he’d had a good birthday.

Yes,” he replied, “but I feel each day is like a birthday. What’s important is your mental attitude. If you have a peaceful mind, every morning is like a birthday morning.”

Dr Kumanga Andrahennadi of the Centre for the Advanced Learning of Mindfulness (CALM) explained that for this special occasion they had organized 1000 police officers, staff and special guests to listen to what His Holiness had to say about compassion. She said they were truly grateful. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama ci ringrazia per gli auguri di compleanno!
Lug 8th, 2020 by admin

Dal Private Office di Sua Santità il Dalai Lama a Dharamsala India abbiamo ricevuto questa graditissima lettera di ringraziamenti per gli auguri che abbiamo inviato a Sua Santità per il suo 85° compleanno!

Cari Fratelli e Sorelle,
Vorrei ringraziare tutti voi per i vostri saluti in occasione del mio 85° compleanno, così come coloro che hanno partecipato alla celebrazione della giornata in molte parti del mondo. Sono commosso dal vostro affetto.
Sono in buona salute e ho speranza di vivere a lungo per continuare ad essere di beneficio all’umanità.
Nel mondo in cui viviamo oggi, le nazioni non sono più isolate e autosufficienti come una volta. Siamo diventati tutti molto più interdipendenti; pertanto è necessario essere ancora più consapevoli dell’unicità dell’umanità. Gli interessi degli altri sono i nostri. Il cambiamento climatico e l’attuale pandemia, che ci minacciano tutti, sono sfide che ci insegnano che dobbiamo lavorare insieme, facendo uno sforzo concertato per raggiungere il nostro obiettivo comune di un mondo più attento e pacifico.
Con le mie preghiere e i miei auguri,
Dalai Lama

7 luglio 2020

Il Dalai Lama: La sofferenza, la compassione e l’essere uno studente perenne
Lug 7th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Il buddismo insegna che l’io è come un’illusione. Se cerchiamo quell’io tra le parti fisiche e mentali che compongono ognuno di noi, non troveremo nulla di concreto o di indipendente.”.

Dalai Lama e Daniel J. Levitin, neuroscienziato,

Ognuno di noi è uno studente e tutti gli altri nel mondo sono i nostri insegnanti, e coloro che ci causano maggiori difficoltà possono essere i nostri migliori insegnanti, verso i quali sarebbe saggio provare gratitudine.

La sofferenza, dovuta a cause come le malattie, l’invecchiamento, la fame o la solitudine, si può trovare in tutto il mondo. Noi stessi incontriamo ogni giorno le difficoltà della vita. C’è anche molto da apprezzare nella gentilezza e nel sostegno reciproco mostrato da tanti membri della nostra famiglia umana. E ci sono le opportunità che la vita ci offre per servire e agire in modo disinteressato, generoso e paziente verso i nostri fratelli e sorelle.

Alla radice della sofferenza umana c’è la nostra eccessiva egocentricità; una fissazione per i nostri bisogni piuttosto che per il bene superiore. Al contrario, i sentimenti di compassione, empatia e amorevole gentilezza, che spostano la nostra attenzione verso l’esterno, ci restituiscono la felicità.

Alcune emozioni positive sono innate, mentre altre devono essere coltivate. Anche le emozioni negative sono in noi. Quando sono sottili, appaiono così naturali e native che non ci rendiamo conto che sono dannose. Se non sono contenute, possono essere dannose. Quando siamo provocati, diventiamo istintivamente sulla difensiva e spesso rispondiamo con rabbia, senza pensare a ciò che l’altra persona potrebbe sperimentare. E quando abbiamo successo in un compito, spesso sentiamo di meritare un riconoscimento e un elogio, trascurando qualsiasi contributo dato dagli altri. Questo atteggiamento egocentrico può portare all’insoddisfazione, all’infelicità e persino alla depressione. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama thanks us for the birthday greetings!
Lug 7th, 2020 by admin

From the Private Office of His Holiness the Dalai Lama in Dharamsala, India, we received this very welcome letter of thanks for the good wishes we sent to His Holiness for his 85th birthday!

Dear Brothers and Sisters,

I would like to thank you all for your greetings on the occasion of my 85th birthday, as well as those who took part in celebrating the day in many parts of the world. I am touched by your affection.

I am in good health and look forward to live long to continue being of some service to humanity.

In the world in which we live today, nations are no longer isolated and self-sufficient as they once were. We have all become much more interdependent; therefore, there is a need to be even more aware of the oneness of humanity. The interests of others are our own. Climate change and the current pandemic, which threaten us all, are challenges that teach us that we must work together, making a concerted effort to reach our common goal of a more caring and more peaceful world.

With my prayers and good wishes,

Dalai Lama

July 7, 2020

Sua Santità il Dalai Lama: l’Addestramento Mentale
Lug 6th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Quando ero ancora in Tibet, pensavo che la pratica del bodhicitta fosse meravigliosa e ammirevole, ma molto difficile da realizzare. Più tardi, in India, dopo aver ricevuto le spiegazioni della “Guida”, cominciai a capire che era fattibile se ci si lavora abbastanza intensamente.”

5 luglio 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Un gruppo di amici si è riunito questa mattina a Taiwan per festeggiare domani l’85° compleanno di Sua Santità il Dalai Lama. Egli ha acconsentito alla loro richiesta di dare un breve insegnamento per celebrare l’occasione. I rappresentanti degli organizzatori taiwanesi stavano ancora introducendo l’evento in cinese quando Sua Santità è entrato nella sala. Una volta seduto, ha potuto vedere sugli schermi davanti a sé molte delle mille persone del pubblico che lo salutavano e gli sorridevano. Rideva e salutava con la mano. “Allora, oggi avete organizzato questo evento e mi avete chiesto di insegnare”. Da quando ho visitato Taiwan per la prima volta, mi siete stati tutti molto vicini. Penso a molti di voi come a vecchi amici e rimanete costantemente nella mia mente. Oggi vi spiegherò gli Otto versi per addestrare la mente” di Geshé Langri Tangpa http://www.sangye.it/altro/?p=27. È un breve testo incentrato sul risveglio della mente di bodhicitta che ha la sua fonte nella “Preziosa ghirlandahttp://www.sangye.it/altro/?p=2788 di Nagarjuna http://www.sangye.it/altro/?cat=9. Verso la fine di quell’opera ci sono venti versi che trattano di bodhicitta. Essi includono, tra l’altro, quanto segue:

Possa io essere sempre un oggetto di godimento
Per tutti gli esseri senzienti secondo il loro desiderio
E senza interferenze, come la terra,
Acqua, fuoco, vento, erbe e foreste selvagge.

Finché un qualsiasi essere senziente
Ovunque non è stato liberato,
Che io possa rimanere [nel mondo] per il bene di quell’essere,
Anche se ho raggiunto l’illuminazione più alta.

Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: A Short Teaching on Mind Training
Lug 6th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “The way to transform our impure body, speech and mind is to employ the awakening mind of bodhichitta represented in the mantra by ‘mani’, or a jewel, and wisdom represented by ‘padme’ or a lotus. The syllable ‘hung’ at the end represents the combination of bodhichitta and wisdom.

July 5, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – A group of friends gathered in Taiwan this morning to celebrate His Holiness the Dalai Lama’s 85th birthday tomorrow. He conceded to their request that he give a short teaching to mark the occasion. Representatives of the Taiwanese hosts were still introducing the event in Chinese when His Holiness first entered the room. Once he had sat down, he could see on the screens in front of him many of the one thousand people in the audience waving and smiling at him. He laughed and waved back.

So, today you’ve organized this event and requested me to teach,” he told them. “Since I first visited Taiwan, you have all been close to my heart. I think of many of you as old friends and you remain constantly in my mind. Today, I’ll explain Geshé Langri Tangpa’s ‘Eight Verses for Training the Mind’. It’s a short text focussed on the awakening mind of bodhichitta that has its source in Nagarjuna’s ‘Precious Garland’. Towards the end of that work are twenty verses dealing with bodhichitta. They conclude with the following:

May I always be an object of enjoyment
For all sentient beings according to their wish
And without interference, as are the earth,
Water, fire, wind, herbs, and wild forests.
Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Vision of a More Compassionate & Peaceful World
Giu 28th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “We are all part of human society, so the purpose of our lives is not to make trouble, but to serve others in any way we can. We’re all driven by self-interest to some extent, but cultivating concern for others is a wise way of fulfilling our own self-interest.“

June 26, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP – This morning His Holiness the Dalai Lama took part in a ‘webinar’ organized by Amity University. When he entered the sitting room at his residence, he smiled, folded his hands in greeting and silently sat down.

Vice-chancellor of Amity University, Gurgaon, Prof PB Sharma greeted him, set the scene and asked, “How do we serve humanity, now?” The Chancellor, Dr Aseem Chauhan added that Amity University is founded on human values and working together. He asked, “What can we do to make our world a more compassionate, peaceful place?”

Thank you, it’s a great honour for me to talk to you and share some of my experience with you,” His Holiness replied. “I always feel especially close to my Indian brothers and sisters because I consider myself to be a student of Indian thought. In the eighth century, the Tibetan Emperor Trisong Detsen had close links to the Chinese Emperor. Tibet was subject to a strong Chinese Buddhist influence with its preference for meditation rather than study. Nevertheless, he opted instead to invite the Indian master, Shantarakshita, a great philosopher and logician from Nalanda University, to Tibet.

For more than 3000 years this country has upheld the concepts of ‘ahimsa’ or non-violence and ‘karuna’ or compassion. Buddha Shakyamuni was a product of these ideas as well as the practice for cultivating a calmly abiding mind, ‘shamatha’ and insight, ‘vipashyana’. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Per un mondo più compassionevole e pacifico
Giu 27th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Se la situazione o il problema è tale da potervi porre rimedio, non c’è bisogno di preoccuparsi. In altre parole, se c’è una soluzione o una via d’uscita dalla difficoltà, allora non c’è bisogno di esserne sopraffatti. L’azione appropriata è quella di cercare la sua soluzione.

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India, 26 giugno 2020 – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha partecipato ad un ‘webinar’ organizzato dall’Università di Amity. Quando è entrato nel salotto della sua residenza, ha sorriso, ha giunto le mani in segno di saluto e si è seduto in silenzio.
Il vice cancelliere dell’Amity University, Gurgaon, il prof. PB Sharma lo ha salutato, ha preparato la scena e ha chiesto: “Come serviamo l’umanità, ora? Il Rettore, il dottor Aseem Chauhan, ha aggiunto che l’Amity University è fondata sui valori umani e sul lavoro comune. Ha chiesto: “Cosa possiamo fare per rendere il nostro mondo un luogo più compassionevole e pacifico?

“Grazie, è un grande onore per me parlare con voi e condividere alcune delle mie esperienze”, ha risposto Sua Santità. Mi sento sempre particolarmente vicino ai miei fratelli e sorelle indiani perché mi considero uno studente del pensiero indiano”. Nell’VIII secolo, l’imperatore tibetano Trisong Detsen aveva stretti legami con l’imperatore cinese. Il Tibet era soggetto a una forte influenza buddista cinese con la sua preferenza per la meditazione piuttosto che per lo studio. Tuttavia, egli scelse di invitare in Tibet il maestro indiano Shantarakshita, un grande filosofo e logico dell’Università di Nalanda.

Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama, Mind & Life: Resilienza, Compassione e Scienza per la guarigione odierna
Giu 23rd, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Nella mia esperienza, riflettere profondamente, giorno dopo giorno, sull’altruismo, sul risveglio della mente del bodhicitta e sulla realtà del sorgere dipendente è davvero utile quando si tratta di affrontare le emozioni distruttive.

20 giugno 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha partecipato ad una conversazione “Mind & Life Conversation” dalla sua residenza attraverso una videoconferenza. Ad unirsi a lui sono stati: Richie Davidson, Carolyn Jacobs, Thupten Jinpa e Susan Bauer-Wu, tutti membri di lunga data del Mind & Life Institute. Quando Sua Santità è entrato nella stanza, dieci minuti prima del previsto, e ha visto il volto del suo vecchio amico Richie Davidson sullo schermo davanti a lui, ha riso e gli ha dato un colpetto sul naso. Di solito quando si incontrano, Sua Santità prende in giro Davidson per il suo naso prominente e poi lo strofina con il suo, salutandolo affettuosamente come ha imparato a fare in Nuova Zelanda. “Buongiorno”, ha detto, rivolgendosi a tutto il gruppo. “Mi sento molto felice di vedervi, anche se siamo a una tale distanza fisica l’uno dall’altro”. Ciononostante, siamo in grado di riunirci virtualmente e di dedicarci al benessere degli altri”.

Quando Susan Bauer-Wu ha detto a Sua Santità quanto fosse bello rivederlo e chiese se stava bene, egli ha risposto: “Dovresti giudicare dalla mia faccia”. Ho 85 anni e sono fisicamente molto sano. Sento che questo è dovuto al fatto che la mia mente è pacifica, grazie all’avere coltivato l’altruismo, la mente del risveglio di Bodhicitta. Come sapete, così dice la mia preghiera preferita:

Finché lo spazio esisterà
E per tutto il tempo in cui rima
rranno gli esseri viventi
Fino ad allora possa anch’io rimanere
Per eliminare la sofferenza del mondo.
Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama, Mind & Life Conversation: Resilience, Compassion, & Science for Healing Today
Giu 21st, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “Reflecting deeply, day by day, on altruism, the awakening mind of bodhichitta and the reality of dependent arising is really useful when it comes to tackling destructive emotions.”

June 20, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning His Holiness the Dalai Lama took part in a Mind & Life Conversation from his residence by means of video conferencing. Joining him were: Richie Davidson, Carolyn Jacobs, Thupten Jinpa, and Susan Bauer-Wu, all longstanding members of the Mind & Life Institute. As His Holiness entered the room, ten minutes earlier than scheduled, and saw his old friend Richie Davidson’s face on the screen in front of him, he laughed and tapped his nose. Usually when they meet, His Holiness teases Davidson about his prominent nose and then rubs it with his own, greeting him affectionately as he learned to do in New Zealand. “Good morning,” he said, addressing the whole panel. “I feel very happy to see you although we are at such a physical distance from each other. Nevertheless, we are able to gather virtually and dedicated to the well-being of others.”

When Susan Bauer-Wu told His Holiness how good it was to see him again and asked if he was well, he replied, “You’ll have to judge from my face. I’m 85 and physically very healthy. I feel this is because my mind is peaceful as a result of my cultivating altruism, the awakening mind of bodhichitta. As you know, my favourite prayer says:

For as long as space endures
And for as long as living beings remain
Until then may I too abide
To dispel the misery of the world.
Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: “Come si pratica ‘ahimsa’ e ‘karuna’?
Giu 20th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Dobbiamo pensare a tutti gli esseri umani. Aggrapparsi alla propria nazione, alla propria religione, al questo è mio, al quello è mio, porta a conflitti. Dobbiamo puntare ad un mondo demilitarizzato; estendere “ahimsa”, la non violenza.”

18 giugno 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, Sua Santità il Dalai Lama è stato invitato a partecipare al progetto Brave New World del Festival della Letteratura di Jaipur, unendosi al suo vecchio amico Pico Iyer in una conversazione via internet. Quando è entrato nella stanza della sua residenza, Sua Santità era visibilmente contento di vedere il volto di Pico sul monitor davanti a lui. ha sorriso, ha salutato e ha augurato a Pico e Sanjoy Roy del Jaipur Literature Festival (JLF), “Buongiorno”.

Roy ha ricambiato il saluto a nome della JLF, spiegando di essere onorato di presentare una conversazione tra Sua Santità il Dalai Lama e Pico Iyer sul tema “Il Seme della Compassione”. Ha presentato Sua Santità come qualcuno che si descrive un semplice monaco buddista, un uomo di pace e vincitore del Premio Nobel per la pace per la sua coerente difesa della non violenza.

“Benvenuto, e grazie per essere qui con noi”, inizia Pico e chiede a Sua Santità: “Come stai?

“Guardami in faccia”, ha detto Sua Santità. “Ascolta la forza della mia voce. Il mio rispetto per le millenarie tradizioni indiane di ‘ahimsa’ (non violenza) e ‘karuna’ (compassione) mi dà sia fiducia in me stesso e anche forza interiore. Read the rest of this entry »

Tibet: la Cina ordina di togliere le bandiere di preghiera!
Giu 19th, 2020 by admin

Un poliziotto cinese esegue l’abbattimento delle bandiere di preghiera.

18 giugno 2020. Le autorità cinesi hanno ordinato la rimozione e la distruzione delle bandiere di preghiera, uno dei simboli della cultura tibetana.

La campagna, inserita nel programma di “riforma comportamentale”, è iniziata nel mese di giugno nella Prefettura Autonoma Tibetana di Golog (regione del Qinghai) e nella Contea di Tengchen (municipalità di Chamdo, nella cosiddetta Regione Autonoma Tibetana). Radio Free Asia riferisce di aver appreso da una fonte locale che le autorità governative e la polizia hanno indetto una riunione e invitato i residenti a organizzare una “pulizia del territorio”. “Capeggiata dalle forze di polizia la popolazione locale sta ora rimuovendo le bandiere di preghiera dai villaggi e dalle alture sulle quali tradizionalmente sventolano in segno di buon auspicio contro le forze del male e di buona fortuna”. Non solo sono state rimosse e distrutte le bandiere tibetane, vecchie o nuove, ma sono stati divelti anche i pali che le sostenevano. E’ un segno di disprezzo e di totale indifferenza nei confronti delle tradizioni e del credo dei tibetani” – ha aggiunto la fonte locale dicendo inoltre di temere che questa nuova campagna comporti ulteriori restrizioni delle pratiche religiose e delle usanze culturali tibetane. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: The Seed of Compassion
Giu 18th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “In the world today, there is still a huge gap between rich and poor. Starvation is rife. We must reduce this gap out of a sense of the oneness of humanity.”

June 17, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama was invited to take part in the Jaipur Literature Festival’s Brave New World project, joining his old friend Pico Iyer in conversation over the internet. When he walked into the room at his residence, His Holiness was visibly pleased to see Pico’s face on the monitor before him. He smiled, waved and wished Pico and Sanjoy Roy of the Jaipur Literature Festival (JLF), “Good morning”.

Roy returned the greeting on behalf of the JLF, explaining that they were honoured to present a conversation between His Holiness the Dalai Lama and Pico Iyer on the theme ‘The Seed of Compassion’. He introduced His Holiness as someone who describes himself as a simple Buddhist monk, a man of peace and a recipient of the Nobel Peace Prize for his consistent advocacy of non-violence.

Welcome, and thank you for joining us,” Pico began and asked His Holiness, “How have you been?”

Check my face,” His Holiness replied. “Listen to the strength of my voice. My regard for the thousands of years old Indian traditions of ‘ahimsa’ (non-violence) and ‘karuna’ (compassion) gives me both self-confidence and inner strength.

Wherever I go, I always feel the people I meet are the same as human beings like me. Scientists have also observed that we human beings are social animals. We have a sense of community. From birth we have the same feelings of closeness to those around us. Read the rest of this entry »

Dalai Lama: Sette miliardi di persone “hanno bisogno di un senso di unità”.
Giu 15th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Quando ci troviamo di fronte a una situazione tragica, essa rivela i valori umani più profondi della compassione. Di solito le persone non pensano a questi valori umani più profondi, ma quando vedono i loro fratelli e sorelle umani che soffrono, la risposta arriva automaticamente”.

ll leader del buddismo Tibetano vede ragioni di ottimismo anche nel bel mezzo della pandemia del coronavirus. Le persone si stanno aiutando a vicenda, dice a Justin Rowlatt della BBC, e se sette miliardi di persone sulla Terra sviluppando “un senso di unità” potrebbero ancora unirsi per risolvere il problema del cambiamento climatico.

La prima volta che ho incontrato il Dalai Lama mi ha dato un pizzicotto sulla guancia.

È piuttosto inusuale che qualcuno ti dia un pizzicotto sulla guancia, figuriamoci un uomo considerato un dio vivente da molti dei suoi seguaci.

Ma il Dalai Lama è un uomo giocoso che ama prendere in giro i suoi intervistatori.

Ora, naturalmente, un gesto del genere sarebbe impensabile – il nostro ultimo incontro avviene attraverso l’interfaccia sterile di un’applicazione per videoconferenza.

Il Dalai Lama appare prontamente e si siede davanti alla telecamera, sorridendo e regolando i suoi abiti bordeaux. Read the rest of this entry »

Robert Thurman: Dalai Lama, Tibet, l’America di Trump, la Cina, il Covid19
Giu 10th, 2020 by admin

Robert Thurman: “I tibetani non odiano i cinesi come tutti pensano, il Dalai Lama stesso è nato nell’Amdo, punto d’incontro tra mongoli, cinesi, musulmani uiguri. Sugli altipiani vivono da millenni indigeni organizzati, intelligenti…”

Intervista integrale del professor Robert Thurman realizzata via zoom il 7 maggio 2020 da Raimondo Bultrini.

Con il testo integrale dell’intervista realizzata il 7 maggio 2020, intendo offrire a tutti voi il quadro completo del pensiero del Professor Robert Thurman sull’attuale momento che sta attraversando l’America ed il mondo (spero presto di offrire una versione inglese). Sono certo che troverete la sua opinione, come tutte le opinioni, personale e quindi per qualcuno discutibile, ma di certo ancora più interessante e dettagliata della inevitabile sintesi giornalistica che molti lettori de Il Venerdì e di questo spazio hanno già avuto modo di apprezzare nonostante i tagli.

Gli argomenti spaziano dall’America di Donald Trump alla Cina di Xi Jingpin passando per le credenze tibetane sulle origini mistiche del Coronavirus.
Voglio anche aggiungere qui che il prof. Thurman, nella sua veste di direttore della Tibet House di New York, è stato il coraggioso editore della versione inglese del mio libro “Il demone e il Dalai lama” (“The Dalai lama and the King demon”), oggi fuori catalogo per Baldini e Castoldi e più volte citato in queste pagine. Tra le sue opere di saggistica più apprezzate ricordo “Why the Dalai Lama Matters” (perché il Dalai lama conta) ed una nota traduzione del Libro tibetano dei morti (The Tibetan Book of the Dead – Inner revolution, essential Tibetan buddhism), tradotto in Italia da Feltrinelli che ha pubblicato anche “Ira” e “La montagna sacra”, tutti fuori catalogo.
Raimondo Bultrini: Nel suo Paese i contagiati da Coronavirus sono ad oggi oltre 33 milioni e le vittime più di 250mila. Il presidente Donald Trump accusa Pechino di aver nascosto i dati iniziali e ora è in atto una guerra fredda contro un nemico descritto quasi come un demone. Lo è? Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Il dialogo con i giovani del Sud-Est Asiatico
Giu 9th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Pensare per molti anni a come nulla esista in modo indipendente e riflettere con perseveranza sull’altruismo hanno trasformato la mia mente”.

7 giugno 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India. Quando Sua Santità il Dalai Lama è entrato stamattina nel salotto della sua residenza, ha giunto le mani e ha sorriso salutando la schiera di giovani volti sugli schermi davanti a lui. La moderatrice, la signora Weenee Ng del Centro Buddista Tibetano di Singapore, gli ha dato il benvenuto, comunicandogli che, l’attendono on line più di 700 giovani del Sudest asiatico, insieme a tre illustri ospiti: Kishore Mahbubani, Distinguished Fellow dell’Asia Research Institute di Singapore; il Prof. Imtiaz Ahmed Shaukat Yusuf, Vice Preside dell’Università Islamica Internazionale della Malesia e il Professor Kamar Oniah Kamaruzaman, autore e docente dell’Università Islamica Internazionale della Malesia. “L’epidemia del coronavirus ha portato un cambiamento nel mondo e ha dato origine ad ansia e paura”, ha osservato la sig.ra Ng mentre introduceva il dialogo. “Molte persone devono affrontare la disoccupazione. Il mondo è diventato più complesso e più interdipendente. Oggi, più di 700 giovani provenienti da otto paesi del Sudest asiatico partecipano a questo dialogo virtuale. Speriamo di potervi porre diverse domande, ma prima vorremmo chiedervi: “Qual è il vostro consiglio per i giovani di oggi? Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Dialogue with Young People from South-east Asia
Giu 8th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “Meditation can help us learn to use our minds. We can learn to focus on different topics to analyse them, which can be very powerful. Destructive emotions are founded in ignorance, so gaining a deeper understanding of reality can help us counter them. It could be useful to introduce the practice of meditation at school, because improved concentration and analysis are very helpful.”

June 7, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – When His Holiness the Dalai Lama entered the sitting room at his residence this morning, he folded his hands together and smiled in greeting at the array of young faces on the screens before him. The moderator, Ms. Weenee Ng of the Tibetan Buddhist Centre Singapore, welcomed him and told him that in addition to more than 700 young South-east Asian participants, they were joined by three distinguished guests: Mr. Kishore Mahbubani, Distinguished Fellow at the Asia Research Institute, from Singapore; Prof. Imtiaz Ahmed Shaukat Yusuf, Deputy Dean at International Islamic University of Malaysia and Professor Kamar Oniah Kamaruzaman, Author and Lecturer at International Islamic University of Malaysia. “The outbreak of the coronavirus has brought about change in the world and given rise to anxiety and fear,” remarked Ms Ng as she introduced the dialogue. “Many people face unemployment. The world has become more complex and more interdependent. Today, more than 700 young people from eight South-east Asian countries are participating in this virtual dialogue. We hope to put several questions to you, but first would like to ask, ‘What is your advice for young people today?’”

Thank you, I appreciate the efforts of all the organizers for creating this opportunity,” His Holiness replied. “First of all, I’d like to share with you the idea that as human beings, all seven billion of us are the same. From a Buddhist point of view, all sentient beings are the same in that all want to be happy and to avoid suffering. Human beings are intelligent, but when our intelligence is combined with destructive emotions, the results can be destructive. We develop science and technology, but dedicate them to war and destruction, creating ever more fearsome weapons. Other animals can’t do this. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Coltivare la Mente dell’Illuminazione
Giu 7th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Dobbiamo pensare a essere di beneficio gli altri. Poiché tutti noi abbiamo la natura di Buddha, tutti abbiamo il potenziale per rivelare la mente onnisciente”.

5 giugno 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Seduto su una comoda sedia nella sua residenza, Sua Santità il Dalai Lama ha aperto il webcast di oggi citando il verso di omaggio alla fine della “Saggezza fondamentale della via di mezzo” http://www.sangye.it/altro/?p=9194 di Nagarjuna:

“Mi prostro a Gautama
Che, per compassione,
Ha insegnato
il sublime Dharma
Che porta all’eliminazione di tutte le visioni.

Ciò che questo ci insegna – ha detto – è che dobbiamo superare l’ignoranza, la nostra errata concezione della realtà, sviluppando la saggezza.

“Chandrakirti ha affermato anche nel suo “Ingresso nella via di mezzo” http://www.sangye.it/altro/?p=3263:

“Uditori e realizzatori solitari
Sorgono dai potenti
Buddha;
I Buddha nascono dai
Bodhisattva;
E i
Bodhisattva nascono dalla
mente compassionevole,
Dalla comprensione della nondualità,
e dalla bodhicitta la mente dell’illuminazione.

“Sviluppare la compassione è il modo migliore per seguire il Buddha e ripagarne la gentilezza. E insieme alla compassione è importante coltivare la comprensione della vacuità. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Cultivating the Awakening Mind
Giu 6th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “We need to think of benefiting others. Since we all have Buddha nature, we all have the potential to reveal the omniscient mind.”

June 5, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Seated on a comfortable chair at his residence, His Holiness the Dalai Lama opened today’s webcast by quoting the verse of homage at the end of Nagarjuna’s ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way:

I prostrate to Gautama
Who, through compassion,
Taught the exalted Dharma,
Which leads to the relinquishing of all views.

What this teaches us,” he said, “is that we have to overcome ignorance, our misconception of reality, by developing wisdom.

“Chandrakirti also stated in his ‘Entering into the Middle Way’:

Hearers and solitary realizers
Arise due to the powerful buddhas;
Buddhas are born from bodhisattvas;
And bodhisattvas arise from
The compassionate mind,
The understanding of nonduality,
And bodhichitta, the awakened heart.
Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Iniziazione di Avalokiteshvara
Mag 31st, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Ho meditato a lungo sugli insegnamenti del Buddha e ho condiviso con voi ciò che ho imparato. Dovreste fare lo stesso anche voi, condividere ciò che avete capito con la vostra famiglia e i vostri amici e incoraggiarli a fare altrettanto.

30 maggio 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Stamattina, in tutto il mondo, la gente ha potuto seguire Sua Santità il Dalai Lama per quasi tre quarti d’ora durante i rituali preparatori per l’Iniziazione di Avalokiteshvara. Mentre è rimasto seduto nella sua residenza, su diverse piattaforme veniva trasmesso via web ciò che faceva e diceva. Nel frattempo si è approntata la traduzione simultanea in Tibetano in ben tredici lingue: Cinese, Inglese, Francese, Tedesco, Hindi, Italiano, Giapponese, Coreano, Mongolo, Portoghese, Russo, Spagnolo e Vietnamita.

“Come ho detto ieri”, ha iniziato Sua Santità, “il mantra di Avalokiteshvara, Om mani padme hum è colmo di benedizioni. Nel corso dell’iniziazione di questa mattina mediteremo anche sulla mente di risveglio di bodhichitta e sulla saggezza della vacuità.

“Possa il suono del grande tamburo del dharma

Disperdere la sofferenza degli esseri senzienti.

Che tu possa vivere per dare insegnamenti

per inconcepibili miliardi di eoni. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Avalokiteshvara Empowerment
Mag 31st, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “Wisdom involves the two truths, conventional and ultimate. Things appear to us, but they don’t exist as they appear. Quantum physics observes something similar: nothing has any objective existence. As the Middle Way School says, things are merely designated. “

May 30, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – People all over the world were able to watch as His Holiness the Dalai Lama performed preparatory rituals for an Avalokiteshvara empowerment for almost three-quarters of an hour this morning. While he remained seated at his residence, what he did and said were webcast over several platforms. Translation of his words in Tibetan was provided simultaneously in thirteen other languages: Chinese, English, French, German, Hindi, Italian, Japanese, Korean, Mongolian, Portuguese, Russian, Spanish, and Vietnamese. “As I mentioned yesterday,” His Holiness began, “Avalokiteshvara’s mantra, Om mani padme hum is full of blessings. During the course of the empowerment this morning we’ll also meditate on the awakening mind of bodhichitta and the wisdom understanding emptiness.

May the sound of the great dharma drum
Dispel the misery of sentient beings.
May you live to give teachings
for inconceivable billions of aeons.

This empowerment belongs to the vehicle of secret mantra or tantra. Tantra was not revealed in public but in secret. The first round of the Buddha’s teachings, the first turning of the wheel of dharma, concerning the four noble truths and so forth, was taught in public. The second round, dealing with the perfection of wisdom teachings was given to a more select group of people who were not discomfited by the concept of emptiness. Since these teachings were not given openly, some have later questioned whether the Buddha gave them at all. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Preliminari per l’Iniziazione di Avalokiteshvara
Mag 30th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Tra i sette miliardi di esseri umani, nessuno vuole la sofferenza; tutti noi vogliamo essere felici. Eppure, se guardiamo i telegiornali, vediamo notizie di discriminazione razziale e di persone che sembrano trarre piacere uccidendo.”

29 maggio 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Il webcast dei preliminari dell’Iniziazione di Avalokiteshvara è iniziato oggi con Sua Santità che ha tranquillamente eseguito le necessarie procedure preparatorie nella sua residenza. Alla destra di Sua Santità c’era il piccolo padiglione del mandala. Dietro di esso, una statua di Avalokiteshvara a 1000 braccia e 1000 occhi. In questa occasione, ai lati della telecamera davanti a lui c’erano dei grandi monitor su cui Sua Santità poteva vedere alcuni Lama e amici da diverse parti del mondo. Una volta pronto, Sua Santità ha detto: “Molte persone preoccupate mi hanno chiesto se, in questo momento, potevo dare l’iniziazione di Avalokiteshvara. Pertanto, lo sto facendo su Internet. Anche l’anno scorso, quando, ho dato un tale conferimento, è stato trasmesso via web e ho saputo che la gente in Tibet è stata in grado di seguirlo. Inoltre, come preliminare al Ciclo degli insegnamenti di Manjushri, che ho iniziato a Bodhgaya e completato a Mundgod, ho dato l’iniziazione di Vajrabhairava alla quale i devoti hanno potuto accedere via internet.

Per quanto riguarda l’iniziazione, se avete una chiara intenzione di riceverla e io ho l’intenzione di darla in questo modo, sono fiducioso che la riceverete”. Avalokiteshvara è l’incarnazione della compassione. Se lo pregate e se coltivate la pratica concentrandovi su di lui, vi aiuterà ad aumentare la vostra compassione. Si dice che i Bodhisattva si concentrano sull’illuminazione con la saggezza e sugli esseri senzienti con compassione. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Preliminaries for an Avalokiteshvara Empowerment
Mag 30th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama : “In the more than one thousand years since Shantarakshita brought us the Buddhist tradition, the Nalanda Tradition, we have kept it alive, an invaluable part of humanity’s cultural heritage. Even those who have no interest in religious practice can benefit from the knowledge it preserves. “

May 29, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – The webcast of the preliminaries for an Avalokiteshvara empowerment began today with His Holiness quietly performing necessary preparatory procedures at his residence. Several monks from his household assisted as and when required. To His Holiness’s right was the small mandala pavilion. Behind that stood a statue of 1000 armed, 1000 eyed Avalokiteshvara. On this occasion, on either side of the camera before him were large monitors on which His Holiness could see Lamas and friends from different parts of the world. Once he was ready, His Holiness explained the situation. “Many concerned people have asked if I could give an Avalokiteshvara empowerment at this time. Therefore, I’m doing so over the internet. Last year too, when I gave such an empowerment, it was webcast and I heard that people in Tibet were able to follow it. Also, as a preliminary to the Cycle of Manjushri teachings that I began in Bodhgaya and completed in Mundgod, I gave a Vajrabhairava empowerment that devotees could access over the internet. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: La ‘Preziosa ghirlanda’ di Nagarjuna, secondo giorno
Mag 18th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Quando capirete che tutto, compreso voi stessi, è sorto in modo dipendente, che nulla esiste in modo indipendente, capirete che non c’è un sé indipendente, un controllore separato dal vostro corpo e dalla vostra mente.

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India, 17 maggio 2020.

“Oggi è un nuovo giorno”, ha annunciato Sua Santità il Dalai Lama aprendo la seconda sessione del suo insegnamento in webcast sulla ‘Preziosa ghirlanda’ http://www.sangye.it/altro/?p=2788 di Nagarjuna, “e vorrei augurare a tutti i miei amici del Dharma ‘Buongiorno'”.

Ancora una volta gli spettatori hanno visto Sua Santità seduto nella sua residenza e, mentre parlava in Tibetano, le sue parole sono state tradotte simultaneamente in altre tredici lingue: Cinese, Francese, Tedesco, Hindi, Italiano, Giapponese, Coreano, Mongolo, Portoghese, Russo, Spagnolo, Vietnamita e Inglese. Considerando che alcuni degli interpreti si trovavano in angoli remoti del mondo, si è trattato di un’impresa tecnica di un certo rilievo.

“Come ho detto ieri – ha continuato Sua Santità – tutti noi vogliamo essere felici e non soffrire, questo vale anche per gli animali”. Tuttavia, quando noi esseri umani agiamo sulla base della rabbia e dell’attaccamento, creiamo problemi a noi stessi. Questo spesso disturba anche altre creature. Parliamo all’infinito di pace, ma la sua realizzazione dipende da come si comportano gli esseri umani. Nel secolo precedente abbiamo visto conflitti intensamente violenti, caratterizzato da due guerre mondiali provocate da una mentalità ristretta in termini di interessi personali. In passato, nelle dispute territoriali i re mandavano i loro sudditi a combattere contro i loro vicini. Ecco perché penso che, alla base della guerra, ci sia un carattere feudale. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Second Day of Nagarjuna’s ‘Precious Garland’
Mag 18th, 2020 by admin

His Holines the Dalai Lama: “We should not let ourselves become despondent or demoralized because it doesn’t help. When problems like this pandemic come about, if we human beings don’t work together to solve them, who else is going to do it? I request the doctors and researchers seeking a solution to keep up their efforts.”

May 17, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – “Today is a new day,” announced His Holiness the Dalai Lama as he opened the second session of his webcast teaching about Nagarjuna’s ‘Precious Garland’, “and I’d like to wish all my dharma friends ‘Good morning’.”

Once again viewers could see His Holiness seated in his residence and while he spoke in Tibetan, his words were simultaneously translated into thirteen other languages: Chinese, French, German, Hindi, Italian, Japanese, Korean, Mongolian, Portuguese, Russian, Spanish, Vietnamese and English. Considering that some of the interpreters were in far off corners of the world, this was a technical feat.

As I mentioned yesterday,” His Holiness continued, “we all want to be happy and not to suffer, this is true of animals too. However, when we human beings act on the basis of anger and attachment, we bring trouble on ourselves. This often disturbs other creatures as well. We talk endlessly about peace, but bringing it about depends on how human beings behave. In the previous century we saw intensely violent conflict typified by two world wars provoked by narrow-minded thinking in terms of self-interest. In the past, kings sent people into battle with their neighbours in disputes over territory. This is why I think there is an underlying feudal character to warfare. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: la “Preziosa Ghirlanda” di Nagarjuna Live Webcast Mondiale
Mag 17th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Sono un essere umano, uno dei sette miliardi su questa terra, e credo che se dentro di loro le persone fossero più in pace, sarebbero più felici.”

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India, 16 maggio 2020 – Oggi, per la prima volta, Sua Santità il Dalai Lama ha dato un insegnamento, senza aver nessuno seduto davanti a lui, ripreso in video e trasmesso in webcast al mondo intero. Gli spettatori, tra cui monaci e monache tibetani, laici e laiche in tutti gli insediamenti in India ed altrove, così come molte altre persone in luoghi lontani, hanno potuto vedere ed ascoltare in modo chiaro Sua Santità. Molti si rallegravano di trovarlo così evidentemente energico ed in buona salute.

“Oggi siamo in grado di usare questa meravigliosa tecnologia per comunicare”, ha spiegato. “Molti amici hanno mostrato interesse e richiesto un insegnamento, ma, a causa delle restrizioni legate alla pandemia del coronavirus, non siamo stati in grado di incontrarci fisicamente”. Read the rest of this entry »

Teaching of Nagarjuna’s ‘Precious Garland’ Webcast around the World
Mag 17th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama : “Children survive because their parents care for them. Even as adults, individuals survive in dependence on the community. This is because we are social creatures. In the past, people lived in small communities with little interaction between them. Today, we are economically interdependent and we are faced by challenges like climate change that we can only meet if we are united. We must think globally and work together.”

May 16, 2020. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Today, for the first time, His Holiness the Dalai Lama gave a teaching with no one sitting in front of him that was captured on video and webcast to the world. Viewers, who included Tibetan monks and nuns, laymen and laywomen throughout the settlements in India and elsewhere, as well many other people in distant locations, were able to see and hear His Holiness clearly. Many rejoiced that he was so evidently strong and in good health.

Today, we are able to use this marvellous technology to communicate,” he explained. “Many friends have shown interest and requested a teaching, but due to restrictions related to the coronavirus pandemic, we not able to meet physically.

The main topic of my talk today will be Nagarjuna’s ‘Precious Garland’, which, along with the six books of the ‘Collection of Reasoning’, we continue to study. The first part of the text, which I’ll read today, deals with the sixteen factors for high status or good rebirth. Later in the text is the verse,

May sentient beings be as dear to me as my own life,
And may they be dearer to me than myself.
May their ill deeds bear fruit for me,
And all my virtues bear fruit for them.
Read the rest of this entry »

Vesak Message from His Holiness the Dalai Lama
Mag 8th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama paying his respects before the statue of the Buddha inside the stupa at the Mahabodhi Temple in Bodhgaya, Bihar, India on January 17, 2020. Photo by Tenzin Choejor

May 7, 2020.

It gives me great pleasure to offer greetings to Buddhist brothers and sisters across the world celebrating Vesak (Buddha Purnima) today.

Shakyamuni Buddha was born in Lumbini, attained enlightenment in Bodhgaya and passed away in Kushinagar 2600 years ago, yet I believe his teaching is universal and continues to be relevant today. Moved by a deep sense of concern to help others, following his enlightenment the Buddha spent the rest of his life as a monk, sharing his experience with everyone who wished to listen. Both his view of dependent arising and his advice not to harm anyone, but to help whoever you can, emphasize the practice of non-violence. This remains one of the most potent forces for good in the world today, for non-violence, motivated by compassion, is to be of service to our fellow beings.

In an increasingly interdependent world, our own welfare and happiness depend on many other people. Today, the challenges we face require us to accept the oneness of humanity. Despite superficial differences between us, people are equal in their basic wish for peace and happiness. Part of Buddhist practice involves training our minds through meditation. For our training in calming our minds, developing qualities such as love, compassion, generosity and patience, to be effective, we must put them into practice in day-to-day life. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: World Should Unite for a Coordinated Global Response to COVID-19
Mag 2nd, 2020 by admin

In this time of serious crisis, we face threats to our health and sadness for the family and friends we have lost.

Economic disruption is posing a major challenge to governments and undermining the ability of so many people to make a living.

It is during times like this that we must focus on what unites us as members of one human family. Accordingly, we need to reach out to each other with compassion.

As human beings, we are all the same. We experience the same fears, the same hopes, the same uncertainties, yet we are also united by a desire for happiness.

Our human capacity to reason and to see things realistically gives us the ability to transform hardship into opportunity.

This crisis and its consequences serve as a warning that only by coming together in a coordinated, global response, will we meet the unprecedented magnitude of the challenges we face. I pray we all heed ‘The Call to Unite’.

Dalai Lama
May 1, 2020

Message requested by The Call to Unite

His Holiness the Dalai Lama’s Message for Earth Day
Apr 23rd, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama : “As we face this crisis together, it is imperative that we act in a spirit of solidarity and cooperation in order to provide for the pressing needs, particularly of our less fortunate brothers and sisters around the world.”

On this 50th anniversary of Earth Day, our planet is facing one of the greatest challenges to the health and well-being of its people. And yet, in the midst of this struggle, we are reminded of the value of compassion and mutual support. The current global pandemic threatens us all, without distinctions of race, culture or gender, and our response must be as one humanity, providing for the most essential needs of all.

Whether we like it or not, we have been born on this earth as part of one great family. Rich or poor, educated or uneducated, belonging to one nation or another, ultimately each of us is just a human being like everyone else. Furthermore, we all have the same right to pursue happiness and avoid suffering. When we recognize that all beings are equal in this respect, we automatically feel empathy and closeness towards others. Out of this comes a genuine sense of universal responsibility: the wish to actively help others overcome their problems. Read the rest of this entry »

The Dalai Lama: ‘Prayer Is Not Enough.’
Apr 15th, 2020 by admin

H.H. the Dalai Lama: “We must also remember that nobody is free of suffering, and extend our hands to others who lack homes, resources or family to protect them. This crisis shows us that we are not separate from one another—even when we are living apart. Therefore, we all have a responsibility to exercise compassion and help.”

‘Prayer Is Not Enough.’ The Dalai Lama on Why We Need to Fight Coronavirus With Compassion

BY DALAI LAMA APRIL 14, 2020

Sometimes friends ask me to help with some problem in the world, using some “magical powers.” I always tell them that the Dalai Lama has no magical powers. If I did, I would not feel pain in my legs or a sore throat. We are all the same as human beings, and we experience the same fears, the same hopes, the same uncertainties.

From the Buddhist perspective, every sentient being is acquainted with suffering and the truths of sickness, old age and death. But as human beings, we have the capacity to use our minds to conquer anger and panic and greed. In recent years I have been stressing “emotional disarmament”: to try to see things realistically and clearly, without the confusion of fear or rage. If a problem has a solution, we must work to find it; if it does not, we need not waste time thinking about it.

We Buddhists believe that the entire world is interdependent. That is why I often speak about universal responsibility. The outbreak of this terrible coronavirus has shown that what happens to one person can soon affect every other being. But it also reminds us that a compassionate or constructive act—whether working in hospitals or just observing social distancing—has the potential to help many.

Ever since news emerged about the coronavirus in Wuhan, I have been praying for my brothers and sisters in China and everywhere else. Now we can see that nobody is immune to this virus. We are all worried about loved ones and the future, of both the global economy and our own individual homes. But prayer is not enough.

This crisis shows that we must all take responsibility where we can. We must combine the courage doctors and nurses are showing with empirical science to begin to turn this situation around and protect our future from more such threats. Read the rest of this entry »

Un messaggio speciale da Sua Santità il Dalai Lama
Apr 1st, 2020 by admin

Miei cari fratelli e sorelle,

Scrivo queste parole in risposta alle ripetute richieste di molte persone in tutto il mondo. Oggi stiamo attraversando un periodo eccezionalmente difficile a causa dello scoppio della pandemia di coronavirus.

Oltre a questo, l’umanità deve affrontare altri problemi, come il cambiamento climatico estremo. Vorrei cogliere l’occasione per esprimere la mia ammirazione e la mia gratitudine ai governi di tutto il mondo, compreso quello indiano, per i passi che stanno compiendo per affrontare queste sfide.

L’antica tradizione indiana descrive la creazione, il mantenimento e la distruzione di mondi nel tempo. Tra le cause di tale distruzione ci sono le armi e le malattie, che sembrano essere in accordo con ciò che stiamo vivendo oggi. Tuttavia, nonostante le enormi sfide che dobbiamo affrontare, gli esseri viventi, compresi gli esseri umani, hanno dimostrato una notevole capacità di sopravvivenza.

Per quanto difficile possa essere la situazione, dovremmo impiegare la scienza e l’ingegno umano con determinazione e coraggio per superare i problemi che ci troviamo ad affrontare. Di fronte alle minacce alla nostra salute e al nostro benessere, è naturale provare ansia e paura. Tuttavia, mi conforta molto il seguente saggio consiglio per esaminare i problemi che abbiamo di fronte: “Se c’è qualcosa da fare, fatelo, senza bisogno di preoccuparvi; se non c’è niente da fare, preoccuparsi ulteriormente non sarà d’aiuto.

Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: A Special Message for Covid-19 outbreak
Mar 31st, 2020 by admin

My dear brothers and sisters,

I am writing these words in response to repeated requests from many people around the world. Today, we are passing through an exceptionally difficult time due to the outbreak of the coronavirus pandemic.

In addition to this, further problems confront humanity such as extreme climate change. I would like to take this opportunity to express my admiration and gratitude to governments across the world, including the Government of India, for the steps they are taking to meet these challenges.

Ancient Indian tradition describes the creation, abiding and destruction of worlds over time. Among the causes of such destruction are armed conflict and disease, which seems to accord with what we are experiencing today. However, despite the enormous challenges we face, living beings, including humans, have shown a remarkable ability to survive. Read the rest of this entry »

Consigli per reclusi da virus. Meditiamo
Mar 15th, 2020 by admin

Il Dalai Lama propone da tempo di introdurre nelle scuole del mondo non già la religione, ma un insegnamento su come gestire le proprie emozioni fin dall’infanzia.

Consigli per reclusi da virus. Meditiamo

di Raimondo Bultrini

Chi riesce a risiedere il più a lungo possibile in quello spazio vuoto tra un pensiero e l’altro non è più in meditazione ma in contemplazione, non fissa più un oggetto o un pensiero separato da sé stesso, ma percepisce la perfetta unità dell’uno e del tutto, oltre lo spazio e il tempo.
LA MEDITAZIONE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS
MANUALE NON BREVE DI CONSULTAZIONE
Leggo i preziosi consigli dei miei colleghi di Repubblica per aiutare i lettori con le loro conoscenze ed esperienza in campo culturale e artistico ad affrontare e passare con svago e meno angoscia questo periodo di forzata clausura. Tra le offerte di letture, musica e intrattenimento manca pero’ un elemento secondo me importante, la chance di imparare come convivere con possibili altri periodi di maggiore reclusione come questo, o – se vogliamo – in maggiore forzata intimità con noi stessi. Read the rest of this entry »

10 marzo, il 61° anniversario dell’insurrezione di Lhasa
Mar 10th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama fugge da Lhasa per evitare di cadere in mano dei cinesi e trova rifugio in esilio in India.

Oggi 10 marzo, ricorre il 61° anniversario dell’insurrezione di Lhasa, un evento drammatico nella storia del Tibet. L’intera popolazione di Lhasa insorse contro l’occupazione militare cinese e nella repressione che ne seguì, 87.000 tibetani vennero brutalmente uccisi. Dal 1959, i Tibetani in tutto il mondo ricordano il 10 marzo come la giornata dell’Insurrezione Nazionale Tibetana e chiedono al mondo attenzione, conoscenza e solidarietà.
La questione tibetana non riguarda dunque solo il destino del Tibet e del suo popolo ma anche quello di ciascuno di noi.
Lunga vita a Sua Santità il Dalai Lama, uomo di pace, esempio di compassione e saggezza e a tutti i preziosi Maestri che preservano questa cultura millenaria e la diffondono a beneficio di tutti gli esseri.

10 Marzo
Pubblichiamo, dal libro “Lontano dal Tibet” di Carlo Buldrini la cronaca di quel drammatico mese di marzo 1959 che ha segnato per sempre la storia del Tibet contemporaneo.

Lhasa, 28 febbraio 1959. Continuano gli arrivi di centinaia di profughi nella capitale del Tibet. Giungono dalle province orientali di Amdo e di Kham. In queste zone, cinque anni fa, iniziò uno scontro armato tra le popolazioni locali e l’Esercito popolare di liberazione cinese. Amdovani e khampa si opposero in massa al programma di “riforme democratiche” imposte dal governo di Pechino. I monasteri diventarono i centri della resistenza tibetana. Nel febbraio del 1956, i due monasteri di Changtreng e Lithang, con dentro migliaia di rifugiati civili, vennero bombardati dagli aerei da guerra cinesi. Ci furono più di tremila morti. Dopo questi bombardamenti, la ribellione dei khampa si estese a tutto il nord-est del paese. L’Armata rossa di Mao Zedong la represse nel sangue. Migliaia di profughi khampa cercarono rifugio nel Tibet centrale. A Lhasa, da mesi, scarseggiano i viveri e i generi di prima necessità. Le truppe di occupazione cinesi presenti nella capitale sono stimate superare le ventimila unità. Le famiglie di profughi che hanno trovato rifugio a Lhasa o nelle sue immediate vicinanze sono più di quindicimila. Read the rest of this entry »

Dichiarazione del Presidente dell’Amministrazione Centrale Tibetana in occasione del 61° anniversario della Giornata della Rivolta Nazionale Tibetana
Mar 10th, 2020 by admin

Nel marzo del 1959Sua Santità il Dalai Lama fu costretto a fuggire in circostanze estremamente difficili. Prego che Sua Santità possa tornare presto nella sua casa; la casa dove i tibetani dentro e fuori il Tibet saranno riuniti e la libertà di base ripristinata nel loro paese. Bhod Gyalo!

Dichiarazione del Presidente dell’Amministrazione Centrale Tibetana in occasione del 61° anniversario della Giornata della Rivolta Nazionale Tibetana

Il 10 marzo 1959, il popolo tibetano si ribellò contro l’occupazione illegale di un Tibet, uno stato sovrano, da parte della Cina.

Con i pugni in aria, i tibetani inondarono le strade di Lhasa gridando: “Bhodkyi dhakpo bhodmi yin!” “Il Tibet appartiene ai tibetani!”

Sua Santità il 14 ° Dalai Lama del Tibet descrive il 10 marzo 1959 come il “il più importante giorno che la città di Lhasa abbia mai vissuto”. Nel suo libro di memorie “La mia terra, il mio popolo” continua dicendo:

Mi sentivo come se fossi in piedi tra due vulcani, ognuno dei quali poteva esplodere in qualsiasi momento. Da una parte c’era la veemente, inequivocabile, unanime protesta del mio popolo contro il regime cinese, dall’altra c’era la forza armata di un occupante potente e aggressivo.”

I cinesi risposero alle pacifiche manifestazioni tibetane con la forza bruta. L’allora consigliere generale indiano a Lhasa riferì che l’Esercito di Liberazione del Popolo cinese aveva scatenato tutta la sua “artiglieria, mortai, mitragliatrici e tutti i tipi di armi automatiche” su tibetani indifesi.

Siamo qui, uniti come un solo popolo, nel 61°anniversario di quel giorno, per rendere omaggio alle figlie coraggiose e ai figli del Tibet e per trarre ispirazione dai loro sacrifici nella nostra lotta per ripristinare la libertà e la pace in Tibet. Negli ultimi 60 anni i tibetani all’interno del Tibet sono stati compatti nella loro lotta contro l’occupazione illegale del nostro paese.

Qual è oggi per la gente comune tibetana la vita sotto il dominio cinese?

Il recente “Rapporto Freedom House” del 2020, ha dichiarato, per il quinto anno consecutivo, che il Tibet è la seconda regione meno libera del mondo, dopo la Siria. Read the rest of this entry »

Researchers from the University of Pisa visit H.H. the Dalai Lama to present their work on meditation
Feb 8th, 2020 by admin

Dalai Lama and on his left Choekyi Nangpa, with the researchers from the University of Pisa.

The mission, which saw a number of members of teaching staff from the University of Pisa make contact with the Kalachakra Institute for Meditation in Dharamsala, India, to do research into the effects that various advanced meditation practices have on cerebral activity, has drawn to a close. Professor Angelo Gemignani and Ciro Conversano a researcher, both from the Department of Surgical, Medical and Molecular Pathology and Critical Care Medicine, and Professor Bruno Neri from the Department of Information Engineering were invited to a series of meetings held by H.E. Choekyi Nangpa Rinpoche, recently elected head of one of the four schools of Tibetan Buddhism (the Jonang School). They were also given the opportunity to present their work to the Dalai Lama at his private residence in Dharamasala. “The collaboration with the Kalachakra Institute for Meditation will give us a firsthand opportunity to compare experiences with neural correlates, in particular with the study of electroencephalographic curves recorded during meditation sessions (Francisco Varela’s so-called neurophenomenology),” explain the researchers. Read the rest of this entry »

Ricercatori dell’Università di Pisa incontrano il Dalai Lama per presentare i loro studi sulla meditazione
Feb 7th, 2020 by admin

La delegazione pisana ricevuta dal Dalai Lama.

Si è appena conclusa la missione di alcuni docenti dell’Università di Pisa presso il Kalachakra Institute for Meditation di Dharamsala, in India, dove hanno preso contatti per condurre ricerche sugli effetti di alcune pratiche meditative avanzate sull’attività cerebrale.

Facciamo le nostre congratulazioni al professor Angelo Gemignani e il dottor Ciro Conversano del dipartimento di Patologia chirurgica, medica, molecolare e dell’area critica e il professor Bruno Neri del dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, che hanno avuto la possibilità di essere ricevuti dal Dalai Lama nella sua residenza privata di Dharamsala per presentare i loro studi.

Dal 2016 è stata firmata una Convenzione di collaborazione scientifica tra l’Università di Pisa e l’Istituto Lama Tzong Khapa che ha trovato l’espressione più evidente nel Master Universitario di primo livello in “Neuroscienze, Mindfulness e Pratiche Contemplative”, giunto alla sua quinta edizione, che vede la compartecipazione di studiosi di entrambe le Istituzioni e nel Simposio “The Mindscience of Reality” del 2017, nel corso del quale era stata conferita a Sua Santità il Dalai Lama la Laurea Magistrale Honoris Causa in Psicologia Clinica e della Salute. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama a Patna
Gen 20th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “È importante combinare l’educazione moderna, con i suoi obiettivi di sviluppo materiale, con l’antica comprensione indiana del funzionamento della mente e delle emozioni, permettendoci di affrontare le nostre emozioni distruttive e raggiungere la pace interiore”.

18 gennaio 2020. Patna, Bihar, India – Ieri mattina, Sua Santità il Dalai Lama ha fatto una visita d’addio al Mahabodhi Stupa. Centinaia di persone si sono allineate lungo la strada per salutarlo mentre si dirigeva verso il santuario interiore, dove ha trascorso diversi minuti a pregare davanti alla venerata statua del Buddha. Dopo un breve volo da Gaya a Patna, Sua Santità incontrato il Primo Ministro del Bihar, Nitish Kumar, nella sua residenza che, prima di invitarlo a unirsi a lui per pranzo, ha chiesto a Sua Santità di benedire un albero della Bodhi nel giardino della sua residenza.

Questa mattina, Sua Santità ha raggiunto l’Accademia Giudiziaria del Bihar dove gli era stato chiesto di parlare dell’amore e della compassione come stile di vita. Qui è stato accolto dal Giudice Capo e dai Giudici dell’Alta Corte di Patna e, prima di entrare nell’edificio, ha piantò un albero nel giardino. Nella sua introduzione, il Giudice Capo Sanjay Karol ha dichiarato: “Ci sono persone che sono vicine ai nostri cuori e alle nostre menti, che non hanno bisogno di presentazioni. Sua Santità il Dalai Lama è uno di questi, universalmente riconosciuto come un uomo di pace, che si definisce un semplice monaco buddista. “

Rispettati fratelli e sorelle”, ha iniziato Sua Santità, “siamo tutti uguali. Tutti i 7 miliardi di esseri umani sono fratelli e sorelle. Sfortunatamente, oggi, c’è troppa enfasi nel vedere gli altri in termini di “noi” e “loro” – evidenziando le differenze di religione e nazionalità e, all’interno di un paese, le differenze tra ricchi e poveri. Fare troppe differenze del genere crea problemi in noi. Il rimedio è riconoscere l’unicità di tutti i 7 miliardi di esseri umani. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Visit Patna
Gen 19th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama offering Bihar Chief Minister Nitish Kumar a Dharma Wheel at the conclusion of their meeting at the Chief Minister’s residence in Patna, Bihar, India on January 17, 2020. Photo by Lobsang Tsering

January 18, 2020. Patna, Bihar, India – Yesterday morning, His Holiness the Dalai Lama paid a farewell visit to the Mahabodhi Stupa. Hundreds of people lined the road to catch a glimpse of him as he made his way to the inner sanctum where he spent several minutes praying before the revered statue of the Buddha. After a short flight from Gaya to Patna, His Holiness drove directly to meet Bihar Chief Minister, Nitish Kumar, at his residence. The Chief Minister requested His Holiness to bless a bodhi tree in the garden of his residence, before inviting him to join him for lunch. In the afternoon, His Holiness took a short drive to the state guesthouse, where he retired for the day.

This morning, His Holiness drove to the Bihar Judicial Academy where he had been asked to talk about Love and Compassion as a Way of Life. He was welcomed by the Chief Justice and Judges of the Patna High Court and planted a sapling in the garden before entering the building. In his introduction Chief Justice Sanjay Karol declared, “There are those who are close to our hearts and minds, who do not need any introduction. His Holiness the Dalai Lama is such a man, universally recognized as a man of peace, who describes himself as a simple Buddhist monk.”

Respected brothers and sisters,” His Holiness began, “we are all the same. All 7 billion human beings are brothers and sisters. Unfortunately, today, there is too much emphasis on seeing others in terms of ‘us’ and ‘them’ – highlighting differences of religion and nationality, and within one country the differences between the rich and poor. Making too much of such differences creates problems for us. The remedy is to recognize the oneness of all 7 billion human beings. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Visita l’Indian Institute of Management a Bodhgaya
Gen 16th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Dobbiamo imparare l’uso della non violenza così come lo fece Gandhi-ji. I problemi devono essere risolti attraverso il dialogo, adottando un approccio non violento. Questa è la tradizione di lunga data dell’India. I grandi pensatori del passato come Mahavira e Buddha Sakyamuni sostenevano le antiche tradizioni indiane di “ahimsa” e “karuna”. Queste qualità sono molto rilevanti nel mondo d’oggi”.

14 gennaio 2020. Bodhgaya, Bihar, India – Oggi è un’altra mattina fredda e nebbiosa a Bodhgaya quando Sua Santità il Dalai Lama copre un breve tragitto in auto verso l’Indian Institute of Management (IIM) nel campus della Magadh University. Qui è stato ricevuto dalla direttrice, la dott.ssa Vinita Sahay, e dai suoi colleghi, che lo hanno invitato prima di tutto a piantare un albero per commemorare la sua visita. Davanti ad un pubblico di 180 studenti, docenti ed ospiti invitati seduti in un’area esterna chiusa, Sua Santità è stato formalmente accolto da uno degli studenti, che ha riassunto i suoi quattro impegni. Gli è stato quindi offerto uno scialle, un segno tradizionale di stima. Ha quindi pubblicato un libro di souvenir sull’Istituto. Firmando la prima copia, Sua Santità ha scritto: “La conoscenza unita alla compassione porta al progresso”.

Nelle sue osservazioni iniziali, la dott.ssa Vinita Sahay ha osservato che l’Istituto è ancora relativamente giovane, essendo stato promosso dal Ministero dello sviluppo delle risorse umane nel 2015. Ha osservato che ciascuno dei 20 IIM in India hanno una propria identità distinta. Ha descritto Sua Santità come il portatore di un messaggio di pace, non violenza, dialogo interreligioso, responsabilità universale e compassione. Ha aggiunto che, mentre l’India diventa un attore sempre più importante nell’economia globale, l’IIM di Bodhgaya sta lavorando per espandere il pool di talenti manageriali che saranno necessari in futuro. Ha definito l’istruzione come uno strumento per cambiare il mondo e raggiungere progressi sostenibili. Ha osservato che nel frenetico mondo d’oggi, le pratiche basate sulla consapevolezza sono molto preziose. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Visit the Indian Institute of Management, Bodhgaya
Gen 15th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama responding to a question from the audience during his talk at the Indian Institute of Management in Bodhgaya, Bihar, India on January 14, 2020. Photo by Lobsang Tsering

January 14, 2020. Bodhgaya, Bihar, India – It was another chilly, foggy Bodhgaya morning today as His Holiness the Dalai Lama took a short drive to the Indian Institute of Management (IIM) on the campus of Magadh University. He was received by the Director, Dr Vinita Sahay, and her colleagues, who invited him first of all to plant a sapling to commemorate his visit. Before a gathering of 180 students, faculty and invited guests seated in an enclosed outdoor area, His Holiness was formally welcomed by one of the students, who summarized his four commitments. He was offered a shawl, a traditional token of esteem. He then released a souvenir book about the Institute. Signing the first copy, His Holiness wrote: “Knowledge combined with compassion leads to progress”.

In her opening remarks, Dr Vinita Sahay noted that the Institute is still relatively young, having been launched by the Ministry of Human Resource Development in 2015. She observed that each of the 20 IIMs in India has its own distinct identity. She described His Holiness as someone who conveys a message of peace, non-violence, religious understanding, universal responsibility and compassion. She revealed that as India becomes an increasingly important player in the global economy, IIM Bodhgaya is working to expand the pool of managerial talent that will be needed in the future. She defined education as a tool for changing the world and achieving sustainable progress. She remarked that in today’s frenetic world, practices like mindfulness are very valuable. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Conclude il Ciclo di Insegnamenti su Manjushri
Gen 7th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Le cose sono transitorie. Dopo essere stati insieme è nella natura delle cose che ci disperdiamo. Non vi dimenticherò. Vi penserò. A vostra volta, non pensate solo al fatto che siamo stati qui fisicamente insieme, pensate al fatto che io vi abbia impartito degli insegnamenti, questi sono la base per trasformarvi. Tuttavia, dovete anche essere pratici e ricordare che la trasformazione non avviene immediatamente. Ci vuole tempo: settimane, mesi e anni di pratica. Tenetelo a mente e praticate bene.”

Sua Santità il Dalai Lama Conclude il ciclo di insegnamenti su Manjushri

6 gennaio 2020. Bodhgaya, Bihar, India – Questa mattina, nell’ultimo giorno dell’attuale serie di insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama, il cielo era blu ed il sole brillava gaio e rendeva scintillanti gli ornamenti dorati sul tetto di Ganden Phelgyeling mentre tramontava oltre il Kalachakra Ground. Come è solito fare, Sua Santità il Dalai Lama ha salutato quanti più devoti e membri del pubblico ha potuto raggiungere. Ha parlato con alcuni, ha salutato molti ed ha sorriso a tutti. Quando raggiunse il palco, un secondo gruppo dei più qualificati nelle competizioni di memorizzazione e composizione poetica dell’India meridionale si radunarono per farsi fotografare con lui.

Guardando dal palcoscenico il pubblico, si affacciava una marea di volti sorridenti illuminati dal sole e quando Sua Santità ha salutato dando il buongiorno, migliaia di mani si sono levate in cielo per salutare. Sua Santit è quindi salito sul trono, ha salutato le immagini del Buddha e dei grandi maestri e si è seduto. Immediatamente, i maestri del canto, che negli ultimi giorni hanno offerto i loro servigi alla Grande Celebrazione delle Preghiere, si slanciarono in una commovente interpretazione del “Sutra del Cuorehttp://www.sangye.it/altro/?p=216 in Tibetano.

“Oggi”, annunciò Sua Santità, “le Iniziazioni finali del Ciclo di Insegnamenti di Manjushri sono per la Dharmaraja Interna, Esterna e Segreta. In primo luogo, devo fare le pratiche preparatorie necessarie, e mentre lo faccio potete recitare la “Lode a Dharmaraja“. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Concludes Manjushri Cycle of Teachings
Gen 7th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama on the final day of his teachings at the Kalachakra Ground in Bodhgaya, Bihar, India on January 6, 2020. Photo by Tenzin Choejor

Manjushri Cycle of Teachings Concludes

January 6, 2020. Bodhgaya, Bihar, India – This morning, on the final day of His Holiness the Dalai Lama’s current series of teachings, the sky was blue and the sun glinted off the golden ornaments on the roof of Ganden Phelgyeling as he set out for the Kalachakra Ground. As is his wont, he greeted as many devotees and members of the public as he could on the way. He spoke to some, waved to many and smiled at them all. When he reached the stage a second group of those who came top in competitions in memorization and poetic composition in South India were gathered to have their photograph taken with him.

From the front of the stage the audience presented a sea of sunlit smiling faces and when His Holiness waved good morning, thousands of hands reached into the air to wave back. He then climbed onto the throne, saluted images of the Buddha and other great teachers and sat down. Immediately, the chant-masters, who have been serving the Great Prayer Festival for the last several days, launched into a stirring rendition of the ‘Heart Sutra’ in Tibetan. Read the rest of this entry »

I tesori della valle dello Swat
Gen 7th, 2020 by admin

Lo stupa dI Amluk Dara, X Sec. d.C. anticamente alto come il Pantheon.

Nel divino Pakistan. Un team di archeologi italiani sta riportando alla luce i tesori della valle dello Swat. Dove duemila anni fa le religioni si arricchivano a vicenda. Magicamente.

Reportage di Raimondo Bultrini.

Pubblico l’articolo uscito il 3 gennaio 2020 su Il Venerdì de la Repubblica. Riguarda gli scavi archeologici nello Swat, l’antica Uddiyana (nella mia foto) dove nacquero molti maestri della tradizione Vajrayana del Tibet, come Padmasambhava e Garab Dorje. Dallo Swat proveniva anche uno dei Re Magi della leggenda cristiana….Un grazie di cuore all’archeologo Luca Maria Olivieri e alla storica dell’Arte Anna Filigenzi, per il loro aiuto, nonché alla professoressa Giacomella Orofino per avermeli presentati.

Mingora (valle dello Swat) – pressappoco quando in Europa venivano fondati i primi conventi e borghi benedettini, i monaci orientali buddhisti del 500-600 d.C. praticavano l’ora et labora meditando e amministrando campi e canali d’irrigazione. Nelle fertili vallate del fiume Swat lungo la Via della Seta, incastonate tra i contrafforti dell’Hindukush nell’attuale Pakistan nord occidentale, ricevevano le decime su raccolti e armenti dai braccianti e pastori del circondario dell’antica città oggi chiamata Barikot e di altri borghi dove si produceva e distillava anche il vino forse sotto la loro diretta supervisione.
Grazie alle loro capacità manageriali e all’ordine mantenuto con la mitezza, i benedettini d’Asia godevano da secoli di uno speciale status presso chiunque si trovasse a governare, dai greci di Alessandro il Grande che più di 2300 anni fa sostituirono i persiani Achemenidi, ai Saka, i Kushana e i Sassanidi, perfino i temuti “Unni bianchi”. Poi l’Islam si insedio’ nell’anno 1000 con una dinastia giunta da Ghazni in Afghanistan, preparando la strada che portò cinque secoli dopo all’arrivo della grande tribù pashtun degli Yusufzai della quale fa parte il premio Nobel per la Pace Malala, nata e cresciuta a Mingora fino all’attentato dei talebani di sette anni fa.
Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama conferisce l’Iniziazione di Jetsunma Nakmo
Gen 6th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Coltivare bodhicitta con coraggio ed un senso di gioia interiore ti apporterà felicità momentanea e duratura. Di vita in vita sii determinato ad aiutare gli esseri senzienti. Sii per loro fonte di sostentamento come lo sono la terra, l’acqua, il fuoco, il vento, le erbe e le foreste selvagge. In breve, abbi il coraggio di lavorare per gli altri.”

Iniziazione di Jetsunma Nakmo

5 gennaio 2020. Bodhgaya, Bihar, India – Stamattina camminando dal monastero di Gandel Phelgyeling fino al Kalachakra Ground, Sua Santità il Dalai Lama si è fermato regolarmente per interagire con le persone lungo il percorso. Sembrava attratto dai molti coi loro volti sorridenti e le mani giunte, ma ha anche raggiunto i bambini, gli uomini e le donne anziani e le persone che offrono statue per la benedizione. Quando raggiunse il palco, rimase in piedi per farsi fotografare con un gruppo di monaci e monache, che si sono cclassificati tra i migliori in un concorso di memorizzazione tenuto per celebrare il 600° anniversario dell’illuminazione e della morte di Jé Tsongkhapa. Oggi, dieci monaci birmani hanno condotto una recita del “Mangala Sutta” http://www.sangye.it/altro/?p=1868 in Pali. Un gruppo di monaci e laici russi, molti dei quali provenienti da Tuva, hanno declamato il “Sutra del cuorehttp://www.sangye.it/altro/?p=6098 in russo, cui ha fatto seguito un gruppo misto di monaci e laici che di nuovo lo hanno cantato in inglese.

Sua Santità ha annunciato che oggi, dal ciclo Manjushri, avrebbe dato l’Iniziazione di una divinità chiamata Jetsunma Nakmo. Ha suggerito che mentre intraprende le procedure preparatorie, il pubblico potrebbe recitare la preghiera “Mig-tse-ma” http://www.sangye.it/altro/?p=1415. Prima di iniziare il rituale dell‘Iniziazione, ha chiesto a tutti di recitare le “Ventuno Lodi a Tara” http://www.sangye.it/altro/?p=600. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama gives Jetsunma Nakmo Permission
Gen 6th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the crowd at the Kalachakra Ground in Bodhgaya, Bihar, India on January 5, 2020. Photo by Tenzin Choejor

Jetsunma Nakmo Permission

January 5, 2020. Bodhgaya, Bihar, India – Walking from Ganden Phelgyeling Monastery to the Kalachakra Ground this morning, His Holiness the Dalai Lama stopped regularly to engage with people standing by the way. He seemed drawn to many by their smiling faces and folded hands, but he also reached out to children, elderly men and women and people holding statues for blessing. When he reached the stage, he stood to have his photograph taken with a group of monks and nuns, who came top in a memorization competition held to celebrate the 600th anniversary of Jé Tsongkhapa’s enlightenment and passing away. Today, ten Burmese monks conducted a recitation from the ‘Mangala Sutta’ in Pali. A group of monastics and laypeople from Russia, several of them from Tuva, declaimed the ‘Heart Sutra’ in Russian, and were followed by a mixed group of monastics and laypeople who chanted it again in English.

His Holiness announced that today, from the Manjushri Cycle, he was going to give the permission of a deity called Jetsunma Nakmo. He suggested that while he undertook the preparatory procedures, the audience could recite the ‘Mig-tse-ma’ prayer. Before beginning the rite of permission, he asked everyone to recite the ‘Twenty-one Praises to Tara’.

He declared that the first step was to take the bodhisattva vows. “I’ve already explained generating the awakening mind of bodhichitta and taking the bodhisattva vows over the last couple of days,” he said. “Bodhisattvas out of compassion observe sentient beings. They have the courage and determination to liberate beings across the expanse of space from suffering and bring them happiness, finally leading them to Buddhahood. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Riprende il Ciclo di Insegnamenti di Manjushri
Gen 5th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “I sutra ed i tantra chiariscono che la principale causa di infelicità è l’egocentrismo, specialmente se combinato con l’idea sbagliata che persone e fenomeni siano intrinsecamente esistenti. Per contrastare queste tendenze, ci rifugiamo nel Buddha e seguiamo ciò che è stato rivelato anche da Manjushri, Nagarjuna e dai suoi discepoli, ma anche da Maitreya, che conseguirono l’illuminazione prendendo a cuore ciò che il Buddha insegnò. Questo ci rende suoi studenti, quindi dobbiamo studiare.”

Sua Santità il Dalai Lama Riprende il Ciclo di Insegnamenti di Manjushri

4 gennaio 2020. Bodhgaya, Bihar, India – Il freddo è tornato a far da padrone a Bodhgaya ed una forte nebbia è sospesa nell’aria mentre questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è diretto verso il Kalachakra Ground. Come è sua abitudine, s’è impegnato faccia a faccia con il maggior numero di persone possibile tra coloro che hanno seguito il suo percorso. Dal palco ha salutato il pubblico e che ha risposto calorosamente al saluto. Ha quindi salutato vari lama ed altri ospiti prima di salire sul trono. Prima di sedersi, ha reso omaggio agli innumerevoli dipinti sacri appesi dietro ed intorno al palco.

Otto monaci del Royal Thai Monastery, guidati dal loro abate, l’anziano Thai Elder in India, hanno preso immediatamente posto davanti al trono per recitare una parte del Mangala Sutta http://www.sangye.it/altro/?p=1868 in Pali. Sono stati seguiti da un gruppo di dieci monaci, monache e laici, dal Giappone che hanno cantato il “Sutra del cuorehttp://www.sangye.it/altro/?p=6098 in giapponese. Dopo di loro hanno presenziato undici mongoli: monaci, una monaca e laici che hanno di nuovo cantato il “Il Cuore della Saggezza” in mongolo.

“Oggi, domani e dopodomani”, ha annunciato Sua Santità, “darò le Iniziazioni dal Ciclo di Insegnamenti di Manjushri che abbiamo iniziato l’anno scorso. http://www.sangye.it/dalailamanews/?p=13104 , http://www.sangye.it/dalailamanews/?p=13101 . Spero questa volta di concludere ciò che resta del ciclo.

Questi insegnamenti ci arrivano da Lama Umapa, Pawo Dorjé, che, anche da ragazzo quando allevava pecore, ha avuto visioni di Manjushri. Ho ricevuto la trasmissione da Tagdrak Rinpoché. ‘Omaggio a Manjushri, dall’aspetto giovanile, la cui brillante saggezza dissipa l’oscurità dei tre mondi.’ Questo non si riferisce all’oscurità fisica, ma all’ignoranza. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Resumes Manjushri Cycle of Teachings
Gen 5th, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the crowd before resuming the Manjushri Cycle of Teachings at the Kalachakra Ground in Bodhgaya, Bihar, India on January 4, 2020. Photo by Tenzin Choejor

Manjushri Cycle of Teachings Resumes

January 4, 2020. Bodhgaya, Bihar, India – The weather over Bodhgaya turned cold again and a heavy mist hung in the air as His Holiness the Dalai Lama made his way to the Kalachakra Ground this morning. As is his custom, he took time to engage eye to eye with as many people as he could among those who lined his path. From the stage he waved to the audience and they waved back. He greeted various Lamas and other guests before climbing onto the throne. Before sitting down, he acknowledged the array of sacred paintings hung behind and around the stage.

Eight monks from the Royal Thai Monastery, led by their Abbot who is the senior Thai Elder in India, lost no time in taking their seats before the throne and reciting a section of the Mangala Sutta in Pali. They were followed by a group of ten, monks, nuns and laypeople, from Japan who chanted the ‘Heart Sutra’ in Japanese. After them came eleven Mongolians, monks, a nun and laypeople who chanted the ‘Heart of Wisdom’ again in Mongolian.

Today, tomorrow and the day after,” His Holiness announced, “I’ll be giving permissions from the Manjushri Cycle of Teachings that we started last year. I hope to give what remains of the cycle this time. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Iniziazione di Avalokiteshvara
Gen 4th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Coltivare bodhicitta è la mia pratica più importante”

Iniziazione di Avalokiteshvara

3 gennaio 2020. Bodhgaya, Bihar, India – La luce dorata del sole è scesa sul Mahabodhi Stupa mentre Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato stamattina il monastero di Ganden Phelgyeling per il Kalachakra Ground. Mentre camminava dal cancello al palco, si è fermato spesso a sorridere e salutare i gruppi di persone che si erano radunati per vederlo. Dal palco poteva vedere la folla fino alle pareti lungo i bordi e salutava tutti, a partire dai lama attorno al trono, ma ha anche prestato attenzione ai monaci anziani ed ai giovani tulku prima di sedersi.

Una dozzina di monaci e monache vietnamiti hanno cantato il “Sutra del Cuore” http://www.sangye.it/altro/?p=6098 nella loro lingua madre. Sono stati seguiti da dieci monaci del monastero buddista del Bangladesh che hanno recitavato il Mangala Sutta http://www.sangye.it/altro/?p=1868 in Pali. Un terzo gruppo, che ha recitato ancora una volta il “Sutra del cuore”, era composto da monaci e monache coreane. I membri di una famiglia che sponsorizzavano gli eventi odierni hanno offerto un mandala ed una triplice rappresentazione del corpo, della parola e della mente del Buddha.

“Oggi, dato che conferil’Iniziazione di Avalokiteshvara”, ha esortato Sua Santità, “mentre completerò i rituali preparatori, sarebbe positivo se tutti recitassero il mantra a sei sillabe: Om mani padme hung.” Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Avalokiteshvara Empowerment
Gen 4th, 2020 by admin

Geshes filling the stage in front of His Holiness the Dalai Lama to get protection from the rain at the Kalachakra Ground in Bodhgaya, Bihar, India on January 3, 2020. Photo by Tenzin Choejor

Avalokiteshvara Empowerment

January 3, 2020 Bodhgaya, Bihar, India – Golden sunlight streamed over the Mahabodhi Stupa as His Holiness the Dalai Lama left Ganden Phelgyeling Monastery for the Kalachakra Ground this morning. As he walked from the gate to the stage he halted frequently to smile and wave to groups of people who had gathered to see him. From the stage he could see the crowd right up to the walls around the edge and waved to them all. He greeted the notable Lamas around the throne, but also paid attention to elderly monks and young tulkus before taking his seat.

A dozen Vietnamese monks and nuns chanted the ‘Heart Sutra’ http://www.sangye.it/altro/?p=8419 earnestly in their native tongue. They were followed by ten monks from the Bangladesh Buddhist Monastery who recited the Mangala Sutta in Pali. A third group, who recited the ‘Heart Sutra’ once more, consisted of Korean nuns and monks. Members of a family sponsoring today’s events offered a mandala and threefold representations of the Buddha’s body, speech and mind.

Today, since I’m going to give an Avalokiteshvara empowerment,” His Holiness advised, “while I complete the preparatory rituals, it would be good if all of you recited the six-syllable mantra, Om mani padme hung.” Read the rest of this entry »

Insegnamenti a Bodhgaya di Sua Santità il Dalai Lama su “Le Trentasette Pratiche del Bodhisattva”
Gen 3rd, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se scambi i tuoi interessi con quelli degli altri e li ami, tutto appare in una luce positiva. Avrai buona salute, vivrai a lungo ed intorno a te radunerai molti amici”.

Le Trentasette Pratiche del Bodhisattva

02 gennaio 2020. Bodhgaya, Bihar, India – Dopo diversi giorni di clima freddo e nebbioso in tutta l’India del Nord, le prospettive di questa mattina sembravano più favorevoli mentre Sua Santità il Dalai Lama s’incamminava dal monastero tibetano, Ganden Phelgyeling, fino al Kalachakra Ground. Gli abati dei Monasteri di Ganden Shartsé e Jangtsé ed il Disciplinario del Monastero di Namgyal hanno aperto la strada indossando i loro cappelli a cresta gialli e portando l’incenso. Sua Santità mentre percorreva la strada ha salutato le persone schierate su entrambi i lati. Circa 35.000 persone, monaci tibetani, monache, laici, persone provenienti dalle regioni dell’Himalaya e 2500 da 67 altri paesi erano in attesa sul terreno. Sua Santità, mentre saliva sul palco, sorrise loro, fece un cenno a tutti ed allungò la mano verso il maggior numero possibile di persone. E, dal palco, lì salutò con la mano quelli che erano più lontani.

Tra i lama seduti intorno al trono ha salutato Sakya Trizin, il detentore del trono Ganden ed il suo predecessore Rizong Rinpoché ed il nuovo Khambo Lama di Tuva.

Appena Sua Santità si sedette sul trono, otto monaci, indiani e srilankesi, del comitato di gestione del tempio di Bodhgaya, iniziarono a recitare in Pali la sezione del “Mangala Sutta” che riguarda l’amorevole gentilezza, a cui ha fatto seguito un gruppo di undici studenti della locale scuola Maitreya associata al Root Institute, che hanno cantato il “Sutra del cuore” in sanscrito cantilenato. Read the rest of this entry »

Bodhgaya, His Holiness the Dalai Lama’s teachings on the Thirty-seven Practices of Bodhisattvas
Gen 3rd, 2020 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the crowd at the Kalachakra Ground in Bodhgaya, Bihar, India on January 2, 2020. Photo by Tenzin Choejor

Thirty-seven Practices of Bodhisattvas

January 2, 2020. Bodhgaya, Bihar, India – After several days of cold and foggy weather across North India, the prospects this morning seemed brighter as His Holiness the Dalai Lama walked from the Tibetan Monastery, Ganden Phelgyeling, to the Kalachakra Ground. The Abbots of Ganden Shartsé and Jangtsé Monasteries and the Disciplinarian of Namgyal Monastery led the way wearing their yellow crested hats and carrying incense. His Holiness greeted people lined up on either side as he crossed the road. An estimated 35,000 people, Tibetan monks, nuns and laypeople, people from the Himalayan regions and 2500 from 67 other countries were gathered on the Ground. His Holiness smiled, waved and reached out to as many as he could as he walked to the stage. From there he waved to those who were further away.

Among the Lamas seated around the throne he greeted Sakya Trizin, the Ganden Throne-holder and his predecessor Rizong Rinpoché and the new Khambo Lama of Tuva.

As soon as His Holiness had sat down on the throne, eight monks, Indians and Sri Lankans, from the Bodhgaya Temple Management Committee, began a recitation in Pali of the section of the ‘Mangala Sutta’ that concerns loving kindness. They were followed by a group of eleven students from the local Maitreya School associated with Root Institute, who chanted the ‘Heart Sutra’ in mellifluous Sanskrit.

Lastly, a group of Chinese, including monks, a nun and laypeople recited the ‘Heart Sutra’ once more in Mandarin.

Before addressing the public, His Holiness repeated several verses including the closing homage to Nagarjuna’s ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way’, Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama al Dibattito a Ganden Jangtsé
Dic 24th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se facciamo uno sforzo per sviluppare in noi stessi la pace della mente e coltivare un giusto apprezzamento dell’unicità dell’umanità, possiamo creare un mondo più felice e più pacifico. Ciò di cui abbiamo bisogno è il buon senso, l’uso positivo dell’intelligenza, ed il buon cuore.”

23 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India – Questa mattina più di 400 membri dei Centri di Dharma all’estero collegati al monastero di Ganden Jangtsé e degli amici del monastero si sono riuniti nella sala delle udienze accanto all’appartamento di Sua Santità il Dalai Lama. Una dozzina di gruppi si sono raggruppati intorno per farsi fotografare con lui. Quindi, tutti si sedettero sul pavimento davanti a lui mentre indirizzava loro alcune parole.

“Il 20° secolo fu un’era di guerra e violenza”, ha detto loro, “e tuttavia la violenza non è mai una soluzione ai problemi. Porta solo sofferenza. Comprendendo ciò, dopo la seconda guerra mondiale, i leader francesi e tedeschi De Gaulle ed Adenauer iniziarono una comunità in Europa che divenne l’Unione Europea. Di conseguenza, la pace ha prevalso per più di 70 anni in gran parte dell’Europa. Ciò dimostra che esiste una vera speranza di creare un mondo più pacifico.

Tuttavia, per portare la pace nel mondo, gli individui devono creare in sé stessi la pace della mente. Nonostante ciò, il commercio di armi continua a prosperare. Le armi non hanno altro scopo che la distruzione. Il modo efficace per risolvere i conflitti è impegnarsi nel dialogo. Questo è il motivo per cui faccio spesso appello al 21° secolo affinché diventi un’era di dialogo. Read the rest of this entry »

Attending Debates at Ganden Jangtsé
Dic 24th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking to friends and supporters of Ganden Jangtsé Monastery before attending the debate session at the monastery’s assembly hall in Mundgod, Karnataka, India on December 23, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 23, 2019. Mundgod, Karnataka, India – More than 400 members of Dharma Centres abroad linked to Ganden Jangtsé Monastery and friends of the monastery gathered in the audience room next to His Holiness the Dalai Lama’s apartment this morning. A dozen groups clustered around to have their photographs taken with him. Then, all of them sat on the floor before him as he said a few words to them.

The 20th century was an era of war and violence,” he told them, “and yet violence is never a solution to problems. It only brings suffering. Understanding that, after the Second World War, French and German leaders de Gaulle and Adenauer initiated a community in Europe that became the European Union. Consequently, peace has prevailed for more than 70 years in much of Europe. This demonstrates that there is real hope of creating a more peaceful world.

However, to bring about peace in the world, individuals need to bring about peace of mind within themselves. Despite this, the arms trade continues to flourish. Weapons have no other purpose than destruction. The effective way to resolve conflicts is to engage in dialogue. This is why I often make an appeal for the 21st century to become an era of dialogue. Read the rest of this entry »

Cerimonia di Lunga Vita per Sua Santità il Dalai Lama
Dic 23rd, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Più vivo, più penso di beneficiare gli altri e di raggiungere l’obiettivo più alto. Al fine di soddisfare non tanto me stesso ma gli interessi degli altri, genero bodhicitta. Questa intenzione altruistica di servire gli altri può contribuire alla longevità. L’egoismo non aiuta a vivere più a lungo. Sono determinato a servire i 7 miliardi di esseri umani oggi viventi e da quest’impegno sembra provenire un qualche tipo di beneficio”.

22 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India. Quando Sua Santità il Dalai Lama è sceso questa mattina nella Sala dell’Assemblea di Ganden Jangtsé, il detentore del Trono di Ganden, Sharpa e Jangtsé Chöjés e il detentore del Trono di Drepung erano lì a riceverlo. Lo hanno accompagnato nella sala dove ha salutato il pubblico e gli ospiti, ha acceso una lampada davanti alle immagini dell’illuminazione e si è seduto sull’alto trono. Furono recitate preghiere propiziatorie, incluso la “Lode ai 17 Maestri di Nalanda” http://www.sangye.it/wordpress2/?p=1789. Sono stati quindi serviti del tè e del riso dolce.

Seduti sui loro troni di fronte a Sua Santità c’erano il detentore del Trono di Ganden, Sharpa e Jangtsé Chöjés, nonché l’ex detentore del Trono di Ganden, Rizong Rinpoché e Jonang Gyaltsap. Il maestro di canto di Jangtsé guidò i canti alle loro spalle. Alla destra di Sua Santità sedevano Ling Rinpoché, Taktsak Kundeling Rinpoché ed il detentore del Trono di Drepung. Alla sua sinistra c’erano i rappresentanti dei Tre Pilastri della Democrazia Tibetana CTA: il Sikyong, il Giudice Supremo ed il Presidente del Parlamento Tibetano in Esilio.

Prima dell’inizio della cerimonia, Sua Santità si è così rivolto ai presenti.

Oggi ci sono qui i monaci dei due monasteri di Ganden, di Drepung e Sera. I monaci delle Tre Sedi dell’Apprendimento si sono riuniti per offrire una Cerimonia di Lunga Vita. Come ho accennato ieri, il Primo Dalai Lama, Gendun Drup, così pregava Arya Tara: “Che io possa sforzarmi e perseverare nel preservare la tradizione del buddismo in generale e quella di Jé Tsongkhapa in particolare”. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Long Life Ceremony
Dic 23rd, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking during the Long Life Offering at Gaden Jangtse Monastery in Mundgod, Karnataka, India on December 22, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 22, 2019. Mundgod, Karnataka – When His Holiness the Dalai Lama came down to the Ganden Jangtsé Assembly Hall this morning, the Ganden Throne-holder, Sharpa and Jangtsé Chöjés and the Drepung Throne-holder were there to receive him. They escorted him into the hall where he greeted the audience and guests, lit a lamp before the images of enlightenment and took his seat on the high throne. Auspicious prayers were chanted, including the ‘Praise to the 17 Masters of Nalanda’. Tea and sweet rice were served.

Seated on thrones facing His Holiness were the Ganden Throne-holder, Sharpa and Jangtsé Chöjés, as well as the former Ganden Throne-holder, Rizong Rinpoché and Jonang Gyaltsap. The Jangtsé Chant-master led the chanting from behind them. To His Holiness’s right sat Ling Rinpoché, Taktsak Kundeling Rinpoché and the Drepung Throne-holder. To his left were the representatives of the Three Pillars of Tibetan Democracy, the Sikyong, Chief Justice and Speaker of the Tibetan Parliament in Exile. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Celebra Ganden Ngamchö
Dic 22nd, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Devi fare un’analisi della natura delle cose per trovare la certezza che non hanno un’esistenza oggettiva indipendente. Corpo e mente sono la base per la designazione di una persona o di un essere, ma anche la mente non ha un’esistenza intrinseca. Eppure, quando analizzi come esistono le cose, potresti avere l’impressione che le cose abbiano un’esistenza oggettiva e solida, ma non riesci a trovare nulla”.

21 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India – Questa mattina sopra l’insediamento tibetano a Mundgod è sorta un’alba dorata ed cortile intorno alle sale delle assemblee di Ganden Lachi e di Ganden Shartsé si è riempito uniformemente con oltre 10.000 persone. Sua Santità il Dalai Lama ha raggiunto a piedi da Ganden Shartsé la veranda in cima alle scale fino a Ganden Lachi, dove l’attendeva il trono ed una comoda sedia ed il detentore del Trono di Ganden, alti lama ed abati Geluk che lo hanno accolto con calore. Sua Santità ha acceso le lampade davanti i dipinti del Buddha e di Jé Tsongkhapa. Geshé Ngawang Samten, moderatore dell’evento, ha osservato che questa occasione propizia, il 600° anniversario della scomparsa e dell’illuminazione di Jé Tsongkhapa, veniva celebrata in un luogo propizio: il monastero di Ganden, l’istituzione da lui fondata. Proprio come il Buddha Shakyamuni diede insegnamenti sull’impermanenza e l’altruismo a Varanasi, provocando una rivoluzione nella pratica spirituale indiana, così Tsongkhapa lasciò un’eredità di cambiamenti in Tibet, diventando noto come “l’Ornamento della Corona degli studiosi nella Terra delle Nevi”.

L’abate di Ganden Shartsé, il Ven. Jangchub Sangyé, ha fatto un resoconto completo della vita di Tsongkhapa. Ha iniziato salutando gli ospiti e ringraziando Sua Santità per aver presieduto l’incontro, riferendo che Tsongkhapa nacque nel 1357 a Tsongkha. All’età di tre anni gli furono conferiti i voti Upasaka da Karmapa Rolpai Dorjé. Su istruzione del suo primo maestro, quando aveva 17 anni, andò nel Tibet centrale e studiò nei monasteri di Sangphu, Dewachen e Gungthang, poi a Gadong, Kyormolung e Tsurphu. Gli argomenti trattati includevano la Perfezione della Saggezza, Abhidharma superiore e inferiore, Vinaya, Pramana e Madhyamaka.

Si ritirò per studiare più a fondo allo Tsal Gungthang e nella lettura del Kangyur e del Tengyur. All’età di 31 anni, compose il suo primo lavoro significativo, il “Rosario d’Oro”. Un anno dopo stava insegnando 17 testi contemporaneamente, il che affermò la sua reputazione di monaco completamente formato. Read the rest of this entry »

Celebrating Ganden Ngamchö
Dic 22nd, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama being presented the Jé Tsongkhapa gratitude award during celebrations to mark the 600th anniversary of Jé Tsongkhapa’s passing away and enlightenment at Ganden Lachi in Mundgod, Karnataka, India on December 21, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 21, 2019. Mundgod, Karnataka, India – The sky over the Tibetan Settlement at Mundgod was golden as the sun rose this morning. The yard around the Ganden Lachi and Ganden Shartsé Assembly Halls steadily filled with more than 10,000 people. His Holiness the Dalai Lama walked from Ganden Shartsé to the veranda at the top of the steps to Ganden Lachi, where a throne and comfortable chair had been arranged for him. The Ganden Throne-holder, Geluk Hierarchs and Abbots made him welcome. He lit lamps before paintings of the Buddha and Jé Tsongkhapa. Geshé Ngawang Samten, moderator for the event, observed that this auspicious occasion, the 600th anniversary of Jé Tsongkhapa’s passing away and enlightenment, was being celebrated in an auspicious place—Ganden Monastery, the institution he founded. Just as Shakyamuni Buddha gave teachings on impermanence and selflessness in Varanasi, causing a revolution in Indian spiritual practice, so Tsongkhapa left a legacy of change in Tibet. He came to be known as the ‘crown ornament of scholars in the Land of Snows’. Read the rest of this entry »

Conferenza internazionale su Jé Tsongkhapa: vita, pensiero ed eredità
Dic 21st, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Tutti gli esseri senzienti sono soggetti ad afflizioni mentali come il desiderio, la rabbia e l’ignoranza, ma solo gli esseri umani si combattono l’un l’altro. Avremmo dovuto avere abbastanza violenza, ma le vendite di armi continuano. Questo è il motivo per cui dobbiamo urgentemente concentrarci sulla non violenza e sulla compassione. Siamo animali sociali, dipendenti dalla nostra comunità, quindi la natura umana fondamentale è essere compassionevoli”.

20 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India – Mentre Sua Santità il Dalai Lama s’incamminava dal monastero di Ganden Shartsé alla Sala delle assemblee di Ganden Lachi, dove 1000 persone erano sedute all’interno e più di 4000 erano sedute all’ombra all’esterno, è stato scortato dall’abate di Shartsé, il Ven. Jangchub Sangyé. All‘ingresso del tempio, accese una lampada davanti alle immagini del Buddha e si sedette di fronte al trono. Il moderatore della sessione inaugurale, Khensur Jangchub Choeden ha accolto con favore Sua Santità, il detentore del trono Ganden, Sharpa e Jangtsé Chöjés, abati, lama e ospiti dall’estero. Ha spiegato che la conferenza era stata convocata per discutere della vita, del pensiero e dell’eredità di Jé Tsongkhapa http://www.sangye.it/altro/?p=942 in occasione del 600° anniversario della sua morte. Si rivolse al dott. Thupten Jinpa per fornire una panoramica degli imminenti procedimenti.

Il dott. Jinpa ha osservato che tenere questa conferenza internazionale a Ganden, il monastero fondato da Tsongkhapa, l’ha resa davvero storica. Aggiungete a ciò che anche il discorso di apertura di Sua Santità lo ha reso di buon auspicio. Ha detto che come studente di Sua Santità ed ex monaco del monastero di Ganden, si sente onorato di essere presente.

Ha ricordato che Tsongkhapa divenne una delle figure di spicco della storia del buddismo tibetano. Nato nel 1357 ad Amdo, alla fine della sua vita nel 1419, le tre grandi Cattedre dell’apprendimento erano state fondate sotto la sua influenza. Aveva attirato un enorme seguito come risultato del suo ampio insegnamento, ma anche per la sua insistenza nello sviluppo di una comprensione integrata fondata sulla comprensione e sulla ragione critica, nonché su una forte difesa del ruolo dell’etica. Read the rest of this entry »

International Conference on Jé Tsongkhapa: Life, Thought and Legacy
Dic 21st, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama delivering the keynote address at the inaugural session of the International Conference on Jé Tsongkhapa at Gaden Lachi Assembly Hall in Mundgod, Karnataka, India on December 20, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 20, 2019. Mundgod, Karnataka, India – As His Holiness the Dalai Lama walked from Ganden Shartsé Monastery to the Ganden Lachi Assembly Hall, where 1000 people were sitting inside and more than 4000 more were seated in the shade outside, he was escorted by the Shartsé Abbot, Ven Jangchub Sangyé. At the head of the temple, he lit a lamp before the images of the Buddha and took his seat in front of the throne. Moderator for the inaugural session, Khensur Jangchub Choeden welcomed His Holiness, the Ganden Throne-holder, Sharpa and Jangtsé Chöjés, Abbots, Lamas and guests from abroad. He explained that the conference had been convened to discuss Jé Tsongkhapa’s life, thought and legacy on the occasion of the 600th anniversary of his death. He turned to Dr Thupten Jinpa to give an overview of the impending proceedings.

Dr Jinpa remarked that holding this international conference at Ganden, the monastery Tsongkhapa founded, made it really historic. Add to that that the keynote address was being given by His Holiness made it auspicious as well. He said that as a student of His Holiness and a former monk of Ganden Monastery, he was humbled and honoured to be present. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama al Dibattito a Ganden Shartsé
Dic 20th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Nagarjuna ha scritto: “Il desiderio, l’odio e l’ignoranza derivano del tutto dalla concettualizzazione”. Intendiamo erroneamente le cose come esistenti nel modo in cui appaiono. Oggi, la fisica quantistica afferma che nulla esiste oggettivamente come appare. Le emozioni distruttive sorgono a causa delle nostre prospettiva esagerata. Ma, quando investighiamo senza pregiudizi, scopriamo che le cose non esistono nel modo in cui appaiono”.

19 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India – Prima di scendere nella Sala delle Assemblee questa mattina, Sua Santità il Dalai Lama ha parlato con un gruppo di sostenitori della conferenza internazionale che inizia domani: “Jé Tsongkhapa: Life and Legacy” . Ha illustrato il grande valore e la continua rilevanza odierna delle antiche tradizioni indiane di non violenza e compassione. Ha anche espresso la sua ammirazione per le comuni pratiche meditative indiane per lo sviluppo di una calma dimorante ed introspezione della realtà.

Da questi è emersa una mappa della mente e delle tecniche per affrontare le emozioni distruttive come rabbia e paura, nonché linee guida per coltivare emozioni positive come l’amore e la compassione. “La ragione e l’analisi possono aiutarci a comprendere i benefici della compassione”, ha detto loro. “Impariamo che produce tranquillità, il che porta alla forza interiore, nel contesto del quale vengono ridotti la paura e il sospetto. Se ci pensate, potreste vedere che le emozioni distruttive sono strettamente legate all’egocentrismo.

“Questi risultati si applicano a tutti noi. Vogliamo tutti la felicità e, come esseri umani, abbiamo tutti lo stesso tipo di cervello, le stesse emozioni e lo stesso potenziale. Gli scienziati osservano che siamo animali sociali, per cui è fondamentale per la natura umana essere compassionevoli. Il futuro d’ognuno di noi dipende dagli altri. Ecco perché, ovunque io vada e chiunque incontri, sento che siamo essenzialmente tutti uguali “. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Debates at Ganden Shartsé
Dic 20th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama with patrons and supporters of the international conference on ‘Jé Tsongkhapa, Life and Legacy’ after their meeting at Gaden Shartse Monastery in Mundgod, Karnataka, India on December 19, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 19, 2019. Mundgod, Karnataka, India – Before going down to the Assembly Hall this morning, His Holiness the Dalai Lama talked to a group of patrons and supporters of the international conference that begins tomorrow—‘Jé Tsongkhapa, Life and Legacy’. He extolled the great value and continuing relevance today of the time-worn Indian traditions of non-violence and compassion. He also voiced his admiration for the common Indian meditative practices for developing a calmly abiding mind and insight into reality. From these emerged a map of the mind and techniques for tackling destructive emotions like anger and fear, as well as guidelines for cultivating positive emotions such as love and compassion. “Reason and analysis can help us understand the benefits of compassion,” he told them. “We learn that it yields peace of mind, which leads to inner strength, in the context of which fear and suspicion are reduced. If you think about it, you may see that destructive emotions are closely related to self-centredness.

These findings apply to us all. We all want happiness and, as human beings, we all have the same kind of brain, the same emotions, and the same potential. Scientists observe that we are social animals, because of which it is basic human nature to be compassionate. The future for each of us depends on others. That’s why, wherever I go and whoever I meet, I feel we are all essentially the same.” Read the rest of this entry »

Debates at Drepung Loseling and a Move to Ganden Shartsé
Dic 19th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama watching student monks debating Buddhist philosophy at Drepung Loseling Assembly Hall in Mundgod, Karnataka, India on December 18, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 18, 2019. Mundgod, Karnataka, India – His Holiness the Dalai Lama came down to the Drepung Loseling Assembly Hall to listen to monks debating this morning. Students of the Madhyamaka class discussed dependent arising and assertions such as, ‘for those for whom emptiness is feasible, everything is feasible’. They asked, ‘When you say things are merely designated, what does merely mean?’ Students of the Perfection of Wisdom class discussed the implications of the Mind Only School assertions about ‘imprints left on the mind’ and the twelve links of dependent arising. They also explored questions such as how to prove that all sentient beings have Buddha nature. Students from the class of Valid Cognition sought to prove the existence of past and future lives and the relationship between cause and effect.

The auspicious words recited to conclude the session were drawn from a verse from the ‘Guide to the Bodhisattva’s Way of Life’, which states that bodhichitta ‘like the supreme substance of the alchemists, takes our impure flesh and makes of it the body of a Buddha, a jewel beyond all price’.

His Holiness told the students he had found their debates interesting. He recalled that Ling Rinpoché, a prominent Lama of Drepung Loseling and his Senior Tutor, was a master of sutra and tantra. He was rigorous in his insistence on the use of reason. Yesterday, His Holiness recalled an occasion when Ling Rinpoché was debating with Gönpasar Rinpoché during the Great Prayer Festival in Lhasa and his agile arguments left Gönpasar lost for words. Read the rest of this entry »

Simposio sulle 400 Stanze sulla Via di Mezzo di Aryadeva
Dic 18th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “La felicità si trova dentro di noi. L’essenza è sviluppare amore e compassione. Questo è tutto.”

17 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India – Un pubblico di 15.000 monaci e monache e altri 9.500 ospiti e membri del pubblico questa mattina hanno riempito la Sala delle Assemblee di Drepung Loseling e si sono riversati nel cortile. Si erano riuniti per la sessione inaugurale di un simposio sui “400 Versi sulla Via di Mezzo” di Aryadeva http://www.sangye.it/altro/?p=10173. Una volta che Sua Santità il Dalai Lama è arrivato e si è seduto, Dhardo Tulku ha presentato l’evento, spiegando che il Drepung Loseling College aveva organizzato il simposio per celebrare tre eventi: il 600° anniversario della dipartita e dell’illuminazione di Jé Tsongkhapa http://www.sangye.it/altro/?p=942, il 600° anniversario dell’elevazione a detentore del Trono di Ganden, come primo Ganden Tripa, del suo allievo anziano Gyaltsap Dharma Rinchen, ed il 60° anniversario degli esami a Geshé Lharampa di Sua Santità.

Dhardo Tulku ha dichiarato che il Monastero Drepung Loseling è onorato di dare il benvenuto a Sua Santità come Ospite Primario, ed è molto lieto di dare il benvenuto al Ganden Tripa, Ganden Trisur, Sharpa e Jangtsé Chöjés, Drepung Tripa, l’Abate of Loseling, ed altri abati e tulku.

L’abate di Drepung Loseling, Ven Lobsang Samten, iniziò il suo discorso rendendo omaggio a Sua Santità il Dalai Lama, l’incarnazione della compassione, osservando che, dopo il 1959, grazie alla visione di Sua Santità ed alla sua gentilezza si ristabilirono le Cattedre tibetane d’Insegnamento. L’insegnamento di Sua Santità è stato la base per la conservazione della tradizione tibetana. Ha citato l’esempio di Sua Santità quando, nonostante si assumesse la responsabilità politica per il Tibet, ha continuato a proseguire i suoi studi. Successivamente, sollecitava monaci e monache tibetani a studiare e praticare ciò che avevano appreso. Read the rest of this entry »

Symposium on Aryadeva’s ‘400 Verses on the Middle Way’
Dic 18th, 2019 by admin

A view of the Drepung Loseling Assembly Hall during the Symposium on Aryadeva’s ‘400 Verses on the Middle Way’ in Mundgod, Karnataka, India on December 17, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 17, 2019. Mundgod, Karnataka, India – An audience of 15,000 monks and nuns and another 9500 guests and members of the public filled the Drepung Loseling Assembly Hall and spilled out into the courtyard this morning. They had gathered for the inaugural session of a Symposium on Aryadeva’s ‘400 Verses on the Middle Way’. Once His Holiness the Dalai Lama had arrived and taken his seat, Dhardo Tulku introduced the occasion. He explained that Drepung Loseling College had organized the symposium to celebrate three events—the 600th anniversary of Jé Tsongkhapa’s passing away and attaining enlightenment, the 600th anniversary of his senior student Gyaltsap Dharma Rinchen’s enthronement as the first Ganden Tripa—holder of the Throne of Ganden, and the 60th anniversary of His Holiness’s Geshé Lharampa exams.

Dhardo Tulku declared that Drepung Loseling was honoured to welcome His Holiness as the Chief Guest, and was very pleased to welcome the Ganden Tripa, the Ganden Trisur, the Sharpa and Jangtsé Chöjés, the Drepung Tripa, the Abbot of Loseling, other abbots and tulkus. Read the rest of this entry »

Iniziazione di Lunga Vita a Drepung Loseling
Dic 17th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Quando mi è stato chiesto stamattina se avessi dormito bene, ho risposto “Sì, perché pensare agli altri come più importanti, mette a proprio agio la mente e ti dona un sonno più profondo. Quando hai una visione altruistica, tutto appare in una luce più positiva.”

16 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India – Più di 25.000 persone, 10.000 dei quali monaci, questa mattina si sono stipate nel cortile dei dibattiti del Monastero di Drepung Loseling allorché Sua Santità il Dalai Lama è arrivato in auto. È stato accolto dall’abate, che lo ha accompagnato sul palco. Nell’angolo in alto del cortile erano riuniti due gruppi di anziani tibetani. Ce n’erano circa 70 dall’insediamento tibetano di Mundgod, tutti ultra 85 enni, di cui 70 circa ora residenti in Canada. Sua Santità sorrise, fece un cenno con la mano, parlò con alcuni e ne toccò quanti riuscì a raggiungere, che offrivano mani tese e piegavano il capo in segno d’omaggio. Davanti alla struttura con la facciata di vetro che contiene immagini sacre dietro il palco, Sua Santità si fermò per recitare una preghiera ed offrire una sciarpa rituale di seta davanti ad un grande thanka di Arya Tara. Accese una lampada davanti alle statue del Buddha e di Jé Tsongkhapa http://www.sangye.it/altro/?p=942 e offrì di nuovo una preghiera ed una sciarpa rituale davanti a un’altra grande thanka di Tara Bianca. Fece un cenno ai vecchi amici tra gli ospiti, poi salutò il pubblico a sinistra, a destra e davanti, che rispose con un’ondata di applausi. Salutò quindi i maggiorenti Gelukpa prima di salire i gradini per sedersi sul trono.

Alla destra di Sua Santità sedevano il detentore del trono di Ganden, Sharpa Chöjé, Ling Rinpoché, Taktsak Kundeling Rinpoché e Changkya Rinpoché. Alla sua sinistra c’erano l’ex detentore del trono Ganden, Jangtsé Chöjé, il detentore del trono di Drepung e l’abate di Drepung Loseling.

Sua Santità annunciò che doveva eseguire le procedure preparatorie per l’Iniziazione di Lunga Vita http://www.sangye.it/altro/?p=6163 che avrebbe conferito e chiese alla congregazione di recitare l’Elogio di Gendun Drup ad Arya Tara.

“In precedenza ho avuto l’opportunità di insegnare e rivolgermi al pubblico in questo cortile del dibattito”, ha detto alla folla. “Oggi concederò un’Iniziazione di Lunga Vita. Tuttavia, la pratica che vi porterà davvero alla longevità è il raggiungimento della pace della mente. Le due pratiche che la garantiranno, la mente altruista del risveglio di bodhicitta e la visione corretta della vacuità, sono l’essenza del Dharma. Ripetere ciecamente le preghiere ai Tre Gioielli non è abbastanza, dovete sapere in chi o in cosa state prendendo rifugio. ” Read the rest of this entry »

Long Life Empowerment at Loseling
Dic 17th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama giving the the Long Life Empowerment Associated with Je Rinpoche at the Drepung Loseling debate courtyard in Mundgod, Karnataka, India on December 16, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 16, 2019. Mundgod, Karnataka, India – More than 25,000 people, 10,000 of them monks, were packed into the Drepung Loseling debate yard this morning when His Holiness the Dalai Lama arrived by car. He was welcomed by the Abbot, who escorted him to the stage. In the top corner of the yard were assembled two groups of elderly Tibetans. There were about 70 from Mundgod Tibetan settlement, who were more than 85 years old and another 70 or so who are now resident in Canada. His Holiness smiled, waved, spoke to some and touched as many as he could reach, as they offered bowed heads and outstretched hands. Before the glass-fronted cabinet containing sacred images behind the stage, His Holiness paused to say a prayer and offer a silk scarf before a large thangka of Arya Tara. He lit a lamp before the statues of the Buddha and Jé Tsongkhapa and again offered a prayer and a scarf before another large thangka of White Tara. He waved to old friends among the guests, then waved to the audience left, right and ahead, who responded with a wave of applause. He then saluted the Gelukpa Hierarchs before climbing the steps to sit on the throne.

To His Holiness’s right sat the Ganden Throne-holder, Sharpa Chöjé, Ling Rinpoché, Taktsak Kundeling Rinpoché and Changkya Rinpoché. To his left were the former Ganden Throne-Holder, Jangtsé Chöjé, the Drepung Throne-holder and the Abbot of Drepung Loseling.

His Holiness announced that he needed to perform preparatory procedures for the Long-Life Permission he was going to give and asked the congregation to recite Gendun Drup’s Praise to Arya Tara. Read the rest of this entry »

Dibattito al Monastero di Gomang e visita al Monastero di Loseling
Dic 16th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama ascolta attentamente i monaci che dibattono temi di filosofia buddhista presso la Drepung Gomang Assembly Hall a Mundgod, Karnataka, India, il 15 dicembre 2019. Foto di Lobsang Tsering

15 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India – Questa mattina, Sua Santità il Dalai Lama ha ascoltato con attenzione più di una dozzina di dibattiti presso la Drepung Gomang Assembly Hall. Molti studenti hanno preso come spunto un’affermazione contenuta nella “Saggezza Fondamentale della Via di Mezzo” di Nagarjuna, per discutere dell’assenza del sé, dello stato degli aggregati in relazione alla persona, dell’origine dipendente e così via. Seguendo il consiglio di Sua Santità, i dibattiti si sono svolti esclusivamente facendo ricorso alla logica e il ragionamento, senza fare riferimento a citazioni scritturali a supporto del punto di vista che gli studenti stavano sostenendo. A conclusione dei dibattiti, Sua Santità ha raggiunto il Drepung Loseling, dove è stato accolto con tutti gli onori. L’abate lo ha accompagnato fino alla sala delle assemblee, presentando i lama e i tulku del monastero che erano in attesa di accoglierlo. Sul trono, Sua Santità ha scambiato qualche parola con uno Swami locale che era venuto ad incontrarlo. Prima di prendere posto, salutò il detentore del Trono di Ganden e altri alti lama Gelukpa.

Mentre venivano serviti tè e riso dolce, è stata recitata la preghiera per la lunga vita di Sua Santità composta dai suoi due tutor.

“Vorrei ringraziare tutti coloro che si sono riuniti qui oggi”, ha detto Sua Santità. “Ling Rinpoche apparteneva a questo monastero e amava particolarmente i libri del Panchen Sönam Drakpa, mentre l’altro grande maestro, Shagkor Khen Rinpoché, Gyen Nyima, preferiva le opere di Jamyang Shépa. Il Drepung Loseling è una sede di apprendimento che ha prodotto storicamente molti grandi eruditi. Quelli di voi che sono sostenitori e mecenati di questo monastero possono essere certi che nessuna  donazione, grande o piccola, è mai stata sprecata. Vorrei ringraziarvi per aver supportato gli sforzi che sono stati fatti in questo luogo”. Read the rest of this entry »

Debates at Gomang and a Move to Loseling
Dic 15th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama listening attentively to monks debating Buddhist philosophy at Drepung Gomang Assembly Hall in Mundgod, Karnataka, India on December 15, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 15, 2019. Mundgod, Karnataka, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama listened attentively to more than a dozen debates in the Drepung Gomang Assembly Hall. Several took an assertion in Nagarjuna’s ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way’ as their starting point, discussing selflessness, the status of the aggregates in relation to the person, dependent arising and so forth. Following His Holiness’s advice, the debaters employed logic and reasoning alone without turning to scriptural citation to support the point they were making. Debates over, His Holiness crossed the road to Drepung Loseling, where he was given a formal welcome. The Abbot accompanied him as he climbed the steps to the Assembly Hall, introducing Lamas and Tulkus of the monastery who were lined up to welcome him. Up by the throne His Holiness exchanged a few words with a local Swami who had come to meet him. He greeted the Ganden Throne-holder and other Gelukpa hierarchs before sitting down. Read the rest of this entry »

Inaugurating Drepung Gomang Monastery’s New Debate Yard
Dic 15th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama giving teachings on his ‘Praise to the 17 Masters of Nalanda’ at the new Drepung Gomang Monastery debate yard in Mundgod, Karnataka, India on December 14, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 14, 2019. Mundgod, Karnataka, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama drove to the newly constructed Debate Yard of Gomang Monastery. He was received by Abbot Lobsang Gyaltsen. At the door, he cut the ribbon and symbolically opened the new facility. Escorted by monks wearing yellow crested hats, with a yellow umbrella spread overhead, he walked in formal procession the length of the hall to the stage at the top end. Abbots, former Abbots and Tulkus of Gomang welcomed him. He in turn greeted the Ganden Throne-holder, former Throne-holder and the Sharpa and Jangtsé hierarchs and saluted western Buddhist scholars and scientists from Emory University. He briefly consecrated the statues and thangkas, lighting a lamp before them, then took his seat on a comfortable chair.
Auspicious prayers were led by the Chant-Master in stentorian tones as tea and sweet rice were served. After offering a mandala and the threefold representations of the Buddha’s body, speech and mind, the Abbot introduced the principal sponsors of the new construction to His Holiness.

The new debate yard is a large open space flanked by buildings and covered by a light fabric roof stretched over a steel structure requiring no supporting pillars. Today, the space was filled to capacity—15000 people, mostly monks, but also nuns, lay Tibetans, as well as friends and supporters from abroad. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama inaugura la nuova sala dei dibattiti del Monastero di Drepung Gomang
Dic 15th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama interviene durante la cerimonia in occasione del completamento di una fase di attuazione di sei anni dell’Emory Tibet Science Initiative (ETSI) presso la nuova sala di dibattiti del monastero di Drepung Gomang a Mundgod, Karnataka, India, il 14 dicembre 2019. Foto di Lobsang Tsering

14 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India – Stamattina Sua Santità il Dalai Lama si è recato nel cortile del dibattito, di recente costruzione, del monastero di Gomang. Qui fu ricevuto dall’abate Lobsang Gyaltsen e sula soglia tagliò il nastro e aprì simbolicamente la nuova struttura. Scortato da monaci che indossavano gialli cappelli a cresta, sormontato da un ombrello giallo, ha percorso in processione formale tutta la lunghezza della sala fino al palcoscenico all’estremità superiore. Gli abati, ex abati e Tulku di Gomang lo hanno accolto. A sua volta ha salutato il detentore del Trono di Ganden, l’ex detentore del Trono ed i maggiorenti di Sharpa e Jangtsé, come ha pure salutato studiosi e scienziati buddisti occidentali dell’Università di Emory. Ha consacrato brevemente le statue, accendendo una lampada davanti a loro.

Preghiere d’auspicio furono condotte in toni stentori dal Maestro del Canto mentre venivano serviti tè e riso dolce. Dopo aver offerto un mandala e le triplici rappresentazioni del corpo, della parola e della mente del Buddha, l’Abate introdusse a Sua Santità i principali sponsor della nuova costruzione. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama incontra dei neuroscienziati russi
Dic 14th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama parla ai membri di un programma di ricerca russo nella sua residenza nel monastero di Drepung Gomang a Mundgod, Karnataka, India, il 13 dicembre 2019. Foto di Lobsang Tsering

13 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India. Il Prof Svyatoslav V. Medvedev dell’Accademia Russa delle Scienze e Prof. Alexander Yakovlevich Kaplan dell’Università Statale di Mosca, membri russi del loro gruppo di ricerca e otto monaci tibetani che si sono formati in Russia hanno incontrato Sua Santità il Dalai Lama questa mattina. Un focus principale del loro lavoro è lo studio del “thukdam”, il fenomeno che a volte si verifica quando un meditatore esperto muore e la sua coscienza sottile rimane, anche dopo la morte clinica. Telo Rinpoché ha detto a Sua Santità che il gruppo ha visitato gli abati dei vari monasteri e ha istituito un laboratorio di ricerca nel monastero di Tashi Lhunpo. Sono stati anche istituiti gruppi di ricerca nei monasteri. A ottobre, i russi hanno visitato i monasteri di Sherabling e Dolanji nell’Himachal Pradesh e hanno in programma di stabilire collegamenti con Namdroling quando saranno i prossimi a Bylakuppe.

Otto monaci tibetani hanno seguito una formazione presso l’Istituto di Neurologia, l’Istituto di Neurofisiologia ed il Centro per gli studi sulla Coscienza dell’Università Statale di Mosca. Oltre ad avere una comprensione della teoria alla base della ricerca a cui devono partecipare, i monaci hanno anche ricevuto una formazione pratica in elettroencefalografia (elettroencefalogramma). Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama in Discussion with Participants in Russian Research Program
Dic 14th, 2019 by admin

Telo Rinpoche introducingh the discussion with His Holiness the Dalai Lama and participant in a Russian research program at his residence at Drepung Gomang Monastery in Mundgod, Karnataka, India on December 13, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 13, 2019. Mundgod, Karnataka – Prof Svyatoslav V. Medvedev of the Russian Academy of Sciences and Prof Alexander Yakovlevich Kaplan of Moscow State University, Russian members of their research team, and eight Tibetan monks who have undergone training in Russia met His Holiness the Dalai Lama this morning. A major focus of their work is investigating ‘thukdam’, the phenomenon that sometimes occurs when an accomplished meditator dies and their subtle consciousness remains, even after clinical death. Telo Rinpoché told His Holiness that the team have visited the Abbots of the various monasteries and have set up a research laboratory at Tashi Lhunpo Monastery. Research teams have also been established in the monasteries. In October, the Russians visited Sherabling and Dolanji Monasteries in Himachal Pradesh and plan to make connections with Namdroling when they are next in Bylakuppe.

Eight Tibetan monks have undergone training at the Institute of the Human Brain, the Institute of Higher Nervous Activity and Neurophysiology and the Center for Consciousness Studies at Moscow State University. In addition to being given an understanding of the theory behind the research they are to participate in, the monks also received practical training in electroencephalography (EEG). Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Arrives in Mundgod
Dic 13th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama arriving at Drepung Lachi in Mundgod, Karnataka, India on December 12, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 12, 2019. Mundgod, Karnataka, India – His Holiness the Dalai Lama flew from Goa to Hubli this morning and from there drove to the Tibetan settlement at Mundgod. Hundreds of people, monks and nuns, lay-people, students in school uniform, lined the road, white scarves in their hands, waiting excitedly to greet him. Rumbling long horns from the roof of Drepung Lachi heralded his arrival. When his car swept into the courtyard, the former Ganden Throne-holder, Rizong Rinpoché, the incumbent Ganden Throne-holder and the Sharpa and Jangtsé Chöjés were there to welcome him. Climbing the steps and walking up the middle of the assembly hall he waved and stopped to greet many old friends he spotted in the crowd on either side. He saluted the various sacred images behind the throne and paid a short visit to the Protector Chapel, before taking his seat at the head of the hall.

Tea and ceremonial sweet rice were served while the Chant Master led a recitation of the Prayer for His Holiness’s long life composed by Ling Rinpoché and Trijang Rinpoché. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama arriva a Mundgod
Dic 12th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “L’educazione moderna è utile per garantire lo sviluppo materiale, ma l’antica saggezza indiana riguarda la mente.”

12 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India – Sua Santità il Dalai Lama questa mattina è volato da Goa a Hubli e da lì ha raggiunto l’insediamento tibetano di Mundgod. Centinaia di persone, monaci e monache, laici, studenti in uniforme scolastica, fiancheggiavano la strada, con sciarpe bianche tra le mani, aspettando eccitati di salutarlo. I suoni profondi di lunghi corni sul tetto di Drepung Lachi annunciano il suo arrivo. Quando la sua auto raggiunge il cortile, lo attendevano per dargli il benvenuto l’ex detentore del trono di Ganden, Rizong Rinpoché, il detentore del trono di Ganden in carica ed il Sharpa e Jangtsé Chöjés. Salendo i gradini e raggiungendo il centro della sala riunioni, fece un cenno con la mano e si fermò per salutare molti vecchi amici che aveva notato nella folla su entrambi i lati. Salutò le varie immagini sacre dietro il trono e fece una breve visita alla Cappella del Protettore, prima di sedersi in testa alla sala. Read the rest of this entry »

Launch of Dalai Lama Chair for Nalanda Studies at Goa University
Dic 12th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama discussing the new Dalai Lama Chair for Nalanda Studies during a meeting at his hotel in Goa, India on December 11, 2019. Photo by Lobsang Tsering

December 11, 2019. Goa, India – Yesterday, His Holiness the Dalai Lama flew from the wintry north to the sultry warmth of Goa. More than 100 Tibetans gathered outside the airport to welcome him. He was received at his hotel by Dr Anita Dudhane and Rajiv Mehrotra, Secretary of the Foundation for Universal Responsibility, who have both been involved in facilitating the establishment of the Dalai Lama Chair for Nalanda Studies at Goa University. This morning, he met with Vice-Chancellor of Goa University, Varun Sahni, the Registrar YV Reddy, as well as Rajiv Mehrotra and Dr Anita Dudhane, to discuss the new chair at the University, funded by the Foundation for Universal Responsibility. They were joined by Dr Ajit Parulekar, Director of Goa Institute that is developing and implementing a secular ethics program.

His Holiness told them he regards the Dalai Lama Chair for Nalanda Studies at Goa University as contributing to his commitment to reviving interest in ancient Indian knowledge.

The Nalanda Tradition was introduced to Tibet in the eighth century by Shantarakshita. And although the knowledge it preserves is contained in religious texts it is universally applicable. The world needs this knowledge today. In Tibet, we kept this understanding alive, but it is only now that our scholars are beginning to engage with their counterparts in modern universities.” Read the rest of this entry »

Lancio della cattedra Dalai Lama per gli studi di Nalanda alla Goa University
Dic 11th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama mostra una traduzione in lingua marathi del suo libro con l’arcivescovo Desmond Tutu “Libro della gioia” a Goa, in India, l’11 dicembre 2019. Foto di Lobsang Tsering

11 dicembre 2019. Goa, India – Ieri Sua Santità il Dalai Lama è volato dall’inverno dell’India del nord al caldo afoso di Goa. Più di 100 tibetani si sono radunati fuori dall’aeroporto per dargli il benvenuto. È stato ricevuto nel suo hotel dalla dott.ssa Anita Dudhane e Rajiv Mehrotra, segretario della Fondazione per la Responsabilità Universale, che sono stati entrambi coinvolti nel facilitare l’istituzione della cattedra Dalai Lama per gli Studi di Nalanda alla Goa University. Questa mattina ha incontrato il vicecancelliere dell’Università di Goa, Varun Sahni, il cancelliere YV Reddy, nonché Rajiv Mehrotra e la dott.ssa Anita Dudhane, per discutere della nuova cattedra dell’Università, finanziata dalla Fondazione per la Responsabilità Universale. A loro si sono uniti il dott. Ajit Parulekar, direttore dell’Istituto dell’Università di Goa che sta sviluppando ed attuando un programma di etica secolare. Read the rest of this entry »

I buddisti himalayani respingono la pretesa di controllo di Pechino sulla successione del Dalai Lama del Tibet
Dic 8th, 2019 by admin

La Dichiarazione sancisce che “Se il governo della Repubblica popolare cinese per fini politici sceglie un candidato per il Dalai Lama, il popolo tibetano non riconoscerà e rispetterà quel candidato”.

I rappresentanti delle comunità buddiste in tutta la regione himalayana hanno respinto le rivendicazioni cinesi di controllo sulla successione del leader spirituale tibetano Dalai Lama, sostenendo una risoluzione approvata la scorsa settimana da alti leader religiosi tibetani durante una riunione in India.

Parlando alla stampa il 29 novembre a Dharamsala, in India, sede del governo del Tibet in esilio, rappresentanti dell’India, del Nepal, del Ladakh e di altre aree dell’Himalaya si sono espressi per respingere ciò che chiamavano interferenza da Pechino. “Esiste una stretta relazione tra la regione himalayana e Sua Santità il Dalai Lama, sia a livello culturale che spirituale”, ha detto ai giornalisti Ganden Shartse Khensur Rinpoche dopo un incontro tenuto a margine di un’importante conferenza religiosa buddista tibetana.

La nostra gratitudine per Sua Santità il Dalai Lama è incommensurabile, e quindi la questione della sua reincarnazione è molto cruciale per noi”, ha detto Khensur Rinpoche, aggiungendo, “Pertanto sosteniamo con tutto il cuore la Dichiarazione di Dharamsala in tre punti approvata alla 14 ° Conferenza religiosa tibetana “. Read the rest of this entry »

Symposium on Monastic Education to Mark the 25th Anniversary of Kirti Jepa Dratsang
Dic 8th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama arriving at Kirti Jepa Dratsang in Dharamsala, HP, India on December 7, 2019. Photo by Manuel Bauer

December 7, 2019. McLeod Ganj, Dharamsala, India – This morning, under a cloudless blue sky filled with the brilliant sunlight of winter, His Holiness the Dalai Lama drove the short distance from his residence to the nearby Kirti Jepa Dratsang. He was welcomed at the entrance to the monastery by Kirti Rinpoché who escorted him in. The monastery’s open areas were filled by monks, nuns and devoted members of the public. His Holiness stopped briefly to say consecrating prayers before a huge appliqué thangka of Jé Tsongkhapa and his two principal disciples. He walked a little further before pausing to pay attention to young monks from Darjeeling Suke Kirti Monastery debating. Next, he stopped to view an exhibition of books published by Kirti Jepa Dratsang. His Holiness took his seat on the stage in a large tented space that had been arranged to host a symposium on monastic education. To his left sat representatives of the Three Pillars of Tibetan democracy and members of the Central Tibetan Administration (CTA) and to his right sat Kirti Rinpoché and Prof Samdhong Rinpoché. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Meets Tibetan Studies Students
Dic 3rd, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama arriving at the audience hall for his meeting with Tibetan Studies’ students at his residence in Dharamsala, HP, India on December 2, 2019. Photo by Ven Tenzin Jamphel

December 2, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala – Two groups of students met with His Holiness the Dalai Lama in the audience hall at his residence this morning. One was a group of seven, with accompanying staff, from Earlham College, Indiana, USA, who have spent three months studying at the College for Higher Tibetan Studies — Sarah. The other consisted of 14 students who are due to graduate from a two-year intensive training with the Lotsawa Rinchen Zangpo Translator Program. They were accompanied by nine teachers and staff, as well as their 14 Tibetan language tutors. Opening his remarks to them, His Holiness outlined his four commitments. He observed that the whole of humanity comprises one community, declaring that he is trying to make a positive contribution to that community by promoting the importance of having a compassionate mind.

In developed parts of the world material facilities are excellent and yet stress, competition and self-centredness leave people dissatisfied. I’m committed to trying to let people know that the ultimate source of happiness is within us. Read the rest of this entry »

Un giovane tibetano si auto-immola e muore a Ngaba
Nov 28th, 2019 by admin

Yonten

8 novembre 2019. Un giovane tibetano si è dato fuoco ed è deceduto ieri a Ngaba, città teatro di numerosi casi di auto-immolazione.

Yonten, 24 anni, si è cosparso di benzina e si è dato fuoco nel pomeriggio di ieri, 27 novembre, in segno di protesta contro le durissime politiche repressive imposte dalla Cina all’interno del Tibet occupato. Il giovane è deceduto a causa delle gravi ustioni riportate. Ne riferire la notizia, Lobsang Yeshi e Kanyag Tsering, due monaci del monastero di Kirti Jhepa, a Dharamsala, hanno detto di non avere informazioni su quanto avvenuto dopo l’auto-immolazione. L’immediata chiusura di tutti i canali d’informazione non rende al momento impossibile sapere se il corpo di Yonten sia stato restituito alla famiglia.

Yonten era originario di Meruma, un comune della città di Ngaba situato nell’omonima Contea, nella regione dell’Amdo, provincia del Sichuan. Ex monaco, proveniva da una famiglia di nomadi e aveva rinunciato alla veste per aiutare i genitori, Sodhon e Tsekho Kyi, a procurarsi i necessari mezzi di sussistenza.

Fonte: Phayul, http://www.italiatibet.org/2019/11/28/un-giovane-tibetano-si-auto-immola-e-muore-a-ngaba/a

His Holiness the Dalai Lama Visits the Lokuttara International Bhikkhu Training Centre
Nov 24th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking to members of the media in Aurangabad, Maharashtra, India on November 23, 2019. Photo by Tenzin Choejor

November 23, 2019. Aurangabad, Maharashtra, India – His Holiness the Dalai Lama flew from Delhi to Aurangabad yesterday at the invitation of the Lokuttara International Bhikkhu Training Centre. He last visited the city more than 40 years ago in May 1978. This morning, before leaving for the Centre, he met briefly with media representatives. He wished them a good morning and told them he was looking forward to meeting people while he is here and exchanging ideas.

I usually describe myself as a messenger of Indian thought,” he told them. “I believe India’s long-standing traditions of ‘ahimsa’—non-violence and ‘karuna’—a compassionate attitude, are very relevant to today’s world. That’s why I talk about them whenever I can. Also, because of ‘ahimsa’, India is a country where all religions live together amicably. I not only admire this example, but am committed to promoting inter-religious harmony. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Teaches to Buddhists in Maharashtra
Nov 24th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama riding in a golf-cart to the stage at the stadium of PES College of Physical Education in Aurangabad, Maharashtra, India on November 24, 2019. Photo by Tenzin Choejor

November 24, 2019. Aurangabad, Maharashtra, India – This morning His Holiness the Dalai Lama drove across Aurangabad to the PES College of Physical Education, where a stadium had been prepared for him to address the public. From his car he was driven in a golf-cart along a cordoned off corridor across ground to the stage on the other side. Smiling people thronged the barriers to catch a glimpse of him as he passed. When he reached the stage, His Holiness paid his respects before a large white statue of the Buddha and an image of Dr Ambedkar. After he had taken his seat the stadium began to fill more rapidly, eventually accommodating more than 50,000 people. The Bhikkhus wore saffron and maroon robes, while lay devotees were mostly dressed in white. Mahanayaka Thero from Sri Lanka, seated next to His Holiness, led a chant of the verses for taking refuge in Pali.

Dr Harshadeep Kamble explained to the audience that he and his family had taken the initiative to launch the event and were supporting it financially. Ven Bodhipalo Mahathero invited His Holiness to address the venerable monks and lay devotees.

“Firstly, I’d like to recite some preliminary verses,” His Holiness told the crowd.

Praise for the Perfection Wisdom: Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama tiene la 24° Sarvepalli Radhakrishnan Memorial Lecture
Nov 23rd, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Ciò che è molto più importante è che rendiamo significative le nostre vite. Tutti noi abbiamo la natura di Buddha, ma ci vuole la pratica per realizzare il suo potenziale. Uno dei principali fattori di tale pratica è l’acquisizione della comprensione della realtà. Ciò implica riconoscere il divario tra apparenza e realtà. Poiché le emozioni distruttive si basano su un nostro malinteso sulle apparenze, il loro antidoto è riconoscere la realtà.”

21 novembre 2019. Nuova Delhi, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha attraversato Nuova Delhi fino all’India International Centre (IIC), dove era stato invitato dall’Istituto Indiano di Studi Superiori o Indian Institute of Advanced Study (IIAS) per tenere la 24° Sarvepalli Conferenza commemorativa di Radhakrishnan. Il dott. Radhakrishnan è stato il primo vicepresidente dell’India ed il secondo presidente. Fondò l’IIAS nel 1965, in quella che era stata la residenza del Vice-Re ed in seguito la Rashtrapati Niwas, a Shimla. Quando raggiunse il palco eretto sul Prato della Fontana dell’IIC, Sua Santità salutò, sorrise e fece un cenno di saluto a molti vecchi amici tra il folto pubblico di invitati. Il principale tra loro era la dott.ssa Kapila Vatsyayan. Gli è stato chiesto di unirsi all’Ospite d’Onore, il Dott. Vinay Sahasrabuddhe e al Presidente IIAS, Kapil Kapoor, nell’accendere una lampada per inaugurare l’evento.

Il prof. Makarand R Paranjape, direttore dell’IIAS, ha dato il benvenuto. Ha illustrato la storia della IIAS e la sua fondazione a Shimla da parte del dott. Radhakrishnan, una volta diventato presidente. Il Rashtrapati Niwas faceva parte della tenuta presidenziale, ma era sottoutilizzato. Il dottor Radhakrishnan, che era uno studioso non solo dei Veda e del sanscrito, ma che deteneva anche la Spalding Chair of Ethics a Oxford, decise di trasformarlo in un istituto di studi superiori. Per quanto riguarda l’etica, egli osservò: “Non è che gli esseri umani non siano consapevoli degli imperativi morali: non vogliono semplicemente esercitarli”. Read the rest of this entry »

Arrestati quattro monaci che chiedevano l’indipendenza del Tibet
Nov 22nd, 2019 by admin

21 novembre 2019. Quattro monaci sono stati arrestati in Tibet per aver sparso centinaia di volantini nei quali si chiedeva l’indipendenza del paese.

E’ accaduto il 7 novembre. Radio Free Asia riferisce di aver appreso da un monaco tibetano residente in India che quattro giovani monaci, Kunsal, Tsultrim, Tamey e Soeta, di età compresa tra i 18 e i 20 anni, sono stati tratti in arresto per aver sparso nel cortile dell’ufficio amministrativo del villaggio di Dza Wonpo centinaia di volantini in cui si chiedeva l’indipendenza del Tibet. La protesta è avvenuta nella Contea di Sershul, Prefettura Autonoma Tibetana di Kardze, provincia del Sichuan. La polizia ha fermato i religiosi irrompendo nelle loro stanze, nel monastero di Dza Wonpo Gaden Shedrub. Read the rest of this entry »

The 24th Sarvepalli Radhakrishnan Memorial Lecture
Nov 22nd, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama joining Guest of Honour, Dr Vinay Sahasrabuddhe and IIAS Chairman, Kapil Kapoor in lighting a lamp to inaugurate the 24th Sarvepalli Radhakrishnan Memorial Lecture at the Indian International Cnntre in New Delhi, India on November 21, 2019. Photo by Tenzin Choejor

November 21, 2019. New Delhi, India – This morning His Holiness the Dalai Lama drove across New Delhi to the India International Centre (IIC), where he had been invited by the Indian Institute of Advanced Study (IIAS) to give the 24th Sarvepalli Radhakrishnan Memorial Lecture. Dr Radhakrishnan was the first Vice-President of India and the second President. He founded the IIAS in 1965 in what had been the Vice-Regal Lodge and later the Rashtrapati Niwas, Shimla. As he reached the stage erected on the IIC’s Fountain Lawn, His Holiness greeted, smiled and waved to many old friends in the 250 strong audience of invited guests. Principal among them was Dr Kapila Vatsyayan. He was requested to join Guest of Honour, Dr Vinay Sahasrabuddhe and IIAS Chairman, Kapil Kapoor in lighting a lamp to inaugurate the occasion.

Prof Makarand R Paranjape, Director of the IIAS was welcoming. He gave a potted history of the IIAS and its founding in Shimla by Dr Radhakrishnan once he had become President. The Rashtrapati Niwas was part of the Presidential estate, but was under-used. Dr Radhakrishnan, who was a scholar not only of the Vedas and Sanskrit, but also held the Spalding Chair of Ethics at Oxford, decided to transform it into an institute of advanced study. With regard to ethics he remarked, “It’s not that human beings are unaware of moral imperatives, they just don’t want to exercise them.” Read the rest of this entry »

Tushita Delhi’s 40th Anniversary
Nov 21st, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the crowd during Delhi’s 40th Anniversary celebration held at St. Columba’s School in New Delhi, India on November 20, 2019. Photo by Tenzin Choejor

November 20, 2019. New Delhi, India – Members and friends of Tushita Mahayana Meditation Centre, New Delhi, invited His Holiness the Dalai Lama to join them today in celebrating the centre’s founding 40 years ago by Lama Thubten Yeshé and Zopa Rinpoché. The venue was St Columba’s School, adjacent to the Sacred Heart Cathedral, in the heart of the capital, where an audience of more than 5000, including many students from other Delhi schools gathered to listen to His Holiness. Tushita’s Director Dr Renuka Singh and St Columba’s Principal Bro E L Miranda welcomed His Holiness as he arrived. In a short meeting with supporters and friends of Tushita, he remarked that Lama Yeshé and Zopa Rinpoché had done a great deal to make people around the world aware of what the Buddha taught.

Now,” he added, “it’s important to be 21st century Buddhists reliant more on reason and understanding than faith alone. The Buddha advised his followers not to accept what he said without question, but to investigate and examine it. He explained that people and things are empty of intrinsic existence, but encouraged his followers to investigate this for themselves.” Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama al 40° anniversario del Centro di Meditazione Mahayana Tushita di Nuova Delhi
Nov 21st, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “La guerra e la violenza derivano dalla rabbia, dall’egoismo e dalla ristrettezza mentale. Se dovessimo avere un senso più convincente dell’unicità dell’umanità, non ci sarebbero basi per divisioni in “noi” e “loro” e nessuna base per il bullismo e l’uccisione reciproca.”

20 novembre 2019. Nuova Delhi, India – Membri ed amici del Centro di Meditazione Mahayana Tushita di Nuova Delhi, hanno oggi invitato Sua Santità il Dalai Lama ad unirsi a loro per celebrare la fondazione del centro 40 anni fa da parte di Lama Thubten Yeshé e Lama Zopa Rinpoché. Il luogo era la scuola di Santa Columba, adiacente alla Cattedrale del Sacro Cuore, nel cuore della capitale, dove un pubblico di oltre 5000 persone, tra cui molti studenti di altre scuole di Delhi, si è radunata per ascoltare Sua Santità. La dott.ssa Renuka Singh, direttrice di Tushita, ed il preside di S. Columba, Bro E L Miranda, hanno accolto Sua Santità al suo arrivo. In un breve incontro con i sostenitori e gli amici di Tushita, Sua Santità ha osservato che Lama Yeshé e Lama Zopa Rinpoché avevano fatto molto per rendere in tutto il mondo le persone consapevoli di ciò che il Buddha insegnava.

“Ora”, ha aggiunto, “è importante essere buddisti del 21° secolo: il che dipende più dalla ragione e dalla comprensione, che dalla sola fede. Il Buddha consigliò ai suoi seguaci di non accettare in modo irrazionale ciò che aveva detto, ma di indagare ed esaminarlo ed ha spiegato che le persone e le cose sono vuote d’esistenza intrinseca, ma ha incoraggiato i suoi seguaci a indagare da soli. “ Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Meets Indian Buddhists and Students of Mass Communication
Nov 16th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking to Indian Buddhists and students of mass communication at his residence in Dharamsala, HP, India on November 15, 2019. Photo by Tenzin Choejor

November 15, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Two groups of Indians met with His Holiness the Dalai Lama at his residence this morning. One consisted of members of the Youth Buddhist Society of India, Sankisa: students, teachers, doctors and engineers from 13 states and their friends. The other group were students and faculty from the Indian Institute of Mass Communication who have been getting to know the Tibetan community in Dharamsala. His Holiness began his talk to them be declaring that his primary commitment is to promoting the practice of altruism, the awakening mind of bodhichitta.

We are encouraged to view all sentient beings as being as dear as our own mother. There are beings in other galaxies with whom we have no direct contact. Here in this world there are animals, birds, insects, worms and so forth, who it is difficult to help because they have no language. However, we can do something for our fellow human beings, because we can communicate with people who are mentally, physically and emotionally the same as us. Training in compassion brings people peace of mind—it brings happiness. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama incontra due delegazioni d’indiani
Nov 16th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Essere troppo egocentrici può provocare ansia e depressione. Un antidoto efficace è coltivare un senso di altruismo, tenendo conto dell’intera umanità. Apprezzare l’unicità dell’umanità ci porta a riconoscere la nostra essenziale uguaglianza come esseri umani.”

15 novembre 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Stamattina due gruppi di indiani hanno incontrato Sua Santità il Dalai Lama nella sua residenza. Uno era composto da membri della Youth Buddhist Society of India, Sankisa: studenti, insegnanti, medici e ingegneri di 13 stati e i loro amici. L’altro gruppo era composto da studenti e docenti dell’Istituto indiano di comunicazione di massa che stavano conoscendo la comunità tibetana di Dharamsala. Sua Santità ha iniziato il suo discorso dichiarando loro che il suo impegno principale è quello di promuovere la pratica dell’altruismo, la mente risvegliata di bodhicitta.

Siamo incoraggiati a vedere tutti gli esseri senzienti cari come nostra madre. Ci sono esseri in altre galassie con le quali non abbiamo alcun contatto diretto. Qui in questo mondo ci sono animali, uccelli, insetti, vermi e così via, che è difficile aiutare perché non hanno una lingua. Tuttavia, possiamo fare qualcosa per i nostri simili, perché possiamo comunicare con persone che sono mentalmente, fisicamente ed emotivamente uguali a noi. L’addestramento alla compassione offre alle persone tranquillità, porta felicità.

“Quando siamo troppo frustrati, arrabbiati o pieni di paura, non abbiamo tranquillità. Il denaro, la fama e il potere non portano tranquillità, ma prestare attenzione alla compassione. I bambini piccoli non si preoccupano della fede, della nazionalità o della razza dei compagni, purché sorridano e giochino allegramente insieme. Questo è lo spirito di cui tutti abbiamo bisogno. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama incontra la delegazione nepalese dell’Organizzazione dei giovani presidenti YPO
Nov 14th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Nonostante abbia affrontato ogni sorta di difficoltà nella mia vita, ho scoperto che coltivare l’altruismo è una fonte utile di forza interiore”.

13 novembre 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Quando 30 membri nepalesi dell’Organizzazione dei giovani presidenti (YPO) hanno incontrato stamattina Sua Santità il Dalai Lama, ha detto loro che il Tibet e il Nepal hanno legami storici di lunga data e che è stato un onore riceverli. “Il re tibetano del VII secolo, Songtsen Gampo, sposò una principessa nepalese, nonché una principessa cinese”, ha osservato. “Quindi, quando fondò il Tempio Jokhang a Lhasa, molti artigiani nepalesi furono coinvolti nella sua costruzione.

Qui nel 21° secolo, abbiamo mantenuto viva la Tradizione di Nalanda che fu introdotta in Tibet nell’8° secolo. La tradizione pali del buddismo, che comprende insegnamenti fondamentali come le Quattro Nobili Verità, le loro 16 caratteristiche e i 37 fattori dell’illuminazione, si basa sull’autorità delle parole del Buddha. La tradizione di Nalanda, tuttavia, giustifica la sofisticata filosofia buddista sulla base della ragione e della logica. I maestri di Nalanda chiesero: “Perché il Buddha ha insegnato questo o quello?”. Perciò hanno intrapreso esperimenti e indagini. Read the rest of this entry »

Talking to Young Presidents’ Organization Delegation from Nepal
Nov 13th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking to the Nepal chapter of the Young Presidents’ Organization (YPO) at his residence in Dharamsala, HP, India on November 13, 2019. Photo by Tenzin Choejor

November 13, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – When 30 members of the Nepal chapter of the Young Presidents’ Organization (YPO) met His Holiness the Dalai Lama this morning, he told them that Tibet and Nepal have long-standing historical connections and that it was an honour to receive them. “The 7th century Tibetan King, Songtsen Gampo, married a Nepalese princess, as well as a Chinese princess,” he observed. “Then, when he founded the Jokhang Temple in Lhasa, many Nepalese craftsmen were involved in its construction.

Here in the 21st century, we have kept alive the Nalanda Tradition that was introduced to Tibet in the 8th century. The Pali Tradition of Buddhism, which includes fundamental teachings such as the Four Noble Truths, their 16 characteristics and the 37 Factors of Enlightenment, relies on the authority of the Buddha’s words. The Nalanda Tradition, however, justifies sophisticated Buddhist philosophy on the basis of reason and logic. Nalanda masters asked, “Why did the Buddha teach this or that?” They undertook experiments and investigation. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: La compassione come motore del cambiamento
Nov 12th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Coltivare amore e compassione – avere buon cuore – non solo produce un senso di pace a livello personale, ma crea un’atmosfera più pacifica all’interno delle comunità. La compassione inoltre rafforza la nostra determinazione e forza interiore”.

11 novembre 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Il vice-governatore dello Stato di Washington, Cyrus Habib, insieme a una delegazione di 21 studenti ha partecipato questa mattina a una trasmissione televisiva dedicata alla compassione in diretta con Sua Santità il Dalai Lama. “L’anno scorso abbiamo espresso il desiderio di stringere una relazione forte tra lei e il suo messaggio di compassione e il nostro stato”, ha detto Habib a Sua Santità. “La sua visita a Seattle del 2008 ha portato all’istituzione di un programma di studi sulla compassione. Abbiamo lanciato il programma SEE Learning e stiamo cercando di estenderlo a più scuole possibili. Vorremmo sapere da lei come rendere gli Stati Uniti, e lo Stato di Washington, più compassionevoli negli anni 2020”.

“In primo luogo – ha detto Sua Santità – vorrei dire che questa opportunità è molto preziosa. Sono semplicemente un essere umano tra 7 miliardi di persone. Da bambini, siamo circondati dall’affetto di nostra madre e dei nostri amici; sorridiamo sempre e ci piace giocare. L’attuale sistema educativo però non fa molto per coltivare queste qualità, non ci insegna come sviluppare il buon cuore, che è la vera chiave per una famiglia felice e una vita felice”. Read the rest of this entry »

Cultivating Compassion to Bring about Change
Nov 12th, 2019 by admin

Lieutenant Governor of Washington State, Cyrus Habib, introducing the program with His Holiness the Dalai Lama at his residence in Dharamsala, HP, India on November 11, 2019. Photo by Ven Tenzin Jamphel

November 11, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Lieutenant Governor of Washington State, USA, Cyrus Habib, led a delegation of 21 students and community leaders this morning, to take part in a live telecast with His Holiness the Dalai Lama on cultivating compassion.“Last year we expressed a desire to connect you and your message of compassion with our state,” Habib told His Holiness. “Your 2008 visit to Seattle led to the establishment of a compassion scholars’ program. We have launched the SEE Learning program and are looking to extend it to more schools. We want to know how to make the US and Washington State more compassionate in the 2020s.”

His Holiness responded to the people in the room, as well as to others he could see on screen gathered in Washington. “Firstly, I’d like to say that this opportunity is very useful. I am just one human being out of 7 billion. When we’re young, we enjoy our mother’s affection and the affection of our friends. We smile and are playful. However, our existing education system doesn’t do much to nurture these qualities and show us how to develop warm-heartedness, which is the key to a happy family and a happy life. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama partecipa al Conclave inter-religioso alla Guru Nanak Dev University
Nov 10th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama riceve il “prasad”, cibo benedetto, che viene offerto ad ogni pellegrino, mentre lascia Darbar Sahib al Tempio d’oro di Amritsar, Punjab, India, il 9 novembre 2019. Foto di Tenzin Choejor

9 novembre 2019. Amritsar, Punjab, India – Nell’ambito delle celebrazioni del 550° anniversario della nascita del Guru Nanak Dev-ji, il primo Guru Sikh, il governo del Punjab ha invitato Sua Santità il Dalai Lama a prendere parte a un Inter-Faith Conclave presso Guru Nanak Dev University. Il tema dell’incontro, Ik-Noor, rappresenta l’armonia tra le diverse sezioni della società basata sul rispetto e la comprensione reciproci. Sua Santità si è recato ad Amritsar, da Dharamsala, ieri pomeriggio. Questa mattina, mentre il sole sorgeva sulla città, era diretto al Tempio d’oro, l’Harmandir Sahib, il luogo di culto più santo dei Sikh. Un comitato di benvenuto era pronto a salutarlo ed a scortarlo al Darbar Sahib, il santuario coperto da una lamina d’oro al centro del “sarovar”, lo specchio di acqua santa. Mentre camminava lungo la strada rialzata fino al tempio, Sua Santità ha salutato le centinaia di devoti in fila per entrare nel tempio. Una volta dentro, Sua Santità, che si era coperto la testa in segno di rispetto per la tradizione Sikh, ha offerto i suoi rispetti e le sue silenziose preghiere. Mentre lasciava il Darbar Sahib, prese parte al “prasad”, cibo benedetto, offerto a ciascun pellegrino. Lasciando l’Harmandir Sahib, Sua Santità si recò alla Guru Nanak Dev University. Il vice cancelliere, il dott. Jaspal Singh Sandhu, ha dato il benvenuto a lui ed agli altri partecipanti al conclave. Ha informato gli astanti che Sua Santità ha visitato l’Università 25 anni fa, quando ha partecipato alla convocazione. Ha quindi presentato gli altri partecipanti. Read the rest of this entry »

Attending an Inter-Faith Conclave at Guru Nanak Dev University
Nov 10th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama walking down the causeway to the Dabar Shahib at the Golden Temple in Amritsar, Punjab, India on November 9, 2019. Photo by Tenzin Choejor

November 9, 2019. Amritsar, Punjab, India – As part of celebrations of the 550th Anniversary of the Birth of Guru Nanak Dev-ji, the first Sikh Guru, the Punjab Government invited His Holiness the Dalai Lama to take part in an Inter-Faith Conclave at Guru Nanak Dev University. The theme of the meeting, Ik-Noor, represents harmony among different sections of society based on mutual respect and understanding. His Holiness travelled to Amritsar from Dharamsala yesterday afternoon. This morning, as the sun rose over the city, he drove to the Golden Temple, the Harmandir Sahib, the Sikhs’ holiest place of worship. A welcome committee was ready to greet him and escort him to the Darbar Sahib, the shrine covered in gold foil at the centre of the ‘sarovar’, the tank of holy water. As he walked down the causeway to the temple, His Holiness greeted the hundreds of devotees lining up to enter the temple. Once inside, His Holiness, who had covered his head in deference to Sikh tradition, paid his respects and offered his own quiet prayers. As he left the Darbar Sahib he partook of the ‘prasad’, blessed food, that is offered to each pilgrim. Leaving the Harmandir Sahib, His Holiness drove to Guru Nanak Dev University. The Vice Chancellor, Dr Jaspal Singh Sandhu, welcomed him and other participants in the conclave. He informed the gathering that His Holiness visited the University 25 years ago when he attended the convocation. He then introduced the other participants. Read the rest of this entry »

Meeting Delegates to the Rising Himachal – Global Investors’ Meet
Nov 9th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama with Chief Minister of Sikkim, Prem Singh Tamang at his residence in Dharamsala, HP, India on November 8, 2019. Photo by Tenzin Choejor

November 8, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – After the Chief Minister of Sikkim, Prem Singh Tamang came to see him this morning, accompanied by his wife, son and members of his staff and cabinet, His Holiness the Dalai Lama met approximately 100 delegates to the Rising Himachal Global Investors’ Meet currently taking place in Dharamsala.
“I always consider the entire 7 billion human beings as brothers and sisters,” he told them. “Differences of colour, country or religion are secondary distinctions. Fundamentally, the way we are born and the way our mother nurtures us are the same. And when the end comes, we die the same way too. Our lives begin in the lap of our mother’s compassion, without which we could not survive.
“Scientists say human nature is basically compassionate because we are social animals. No matter how successful an individual may be, their survival depends on the community. In times past, communities were limited and local, but today the whole of humanity is one community. Consequently, I am committed to promoting the notion of the oneness of humanity and the idea that being warm-hearted makes us not only happier, but healthier.
Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Incontra i Delegati al Rising Himachal: Global Investors’ Meet
Nov 9th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Come possiamo rendere diverso il domani? Imparando a conoscere i valori interiori, riflettendo su ciò che avete imparato e familiarizzandovi con esso. Attraverso l’ascolto o la lettura, la riflessione e la meditazione, è possibile trasformare la mente.

8 novembre 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Dopo che il Primo Ministro del Sikkim, Prem Singh Tamang è venuto a trovarlo questa mattina, accompagnato dalla moglie, dal figlio e dai membri del suo staff e del suo gabinetto, Sua Santità il Dalai Lama si è riunito coi circa 100 delegati al Rising Himachal Global Investors ‘Meet attualmente in corso a Dharamsala.

“Considero sempre tutti i 7 miliardi di esseri umani come fratelli e sorelle”, ha detto loro. “Le differenze di colore, paese o religione sono distinzioni secondarie. Fondamentalmente, il modo in cui siamo nati ed il modo in cui nostra madre ci nutre sono gli stessi. E, quando arriva la fine, moriamo allo stesso modo. Le nostre vite iniziano nel grembo della compassione di nostra madre, senza la quale non potremmo sopravvivere.

Gli scienziati affermano che la natura umana è sostanzialmente compassionevole, perché siamo animali sociali. Non importa quanto un individuo possa avere successo: la sua sopravvivenza dipende dalla comunità. In passato, le comunità erano limitate e locali, ma oggi l’intera umanità è una comunità. Di conseguenza, mi impegno a promuovere la nozione di unità dell’umanità e l’idea che essere sinceri ci renda non solo più felici, ma più sani. Read the rest of this entry »

Talking about Secular Ethics with Entrepreneurs and Management Graduates
Nov 8th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking on secular ethics to entrepreneurs and management graduates at his residence in Dharamsala, HP, India on November 7, 2019. Photo by Tenzin Choejor

November 7, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – A group of Indians, many of whom graduated from the Indian Institute of Management, Ahmedabad, in 1979, who are attending a conference in Dharamsala on secular ethics, came to visit His Holiness the Dalai Lama this morning. They were joined by business leaders from the Zuckerberg Institute who are here to learn about Tibet in the context of their global ethics in business agenda. His Holiness greeted them as brothers and sisters and told them how important it is to emphasize that as human beings, we are all the same.

In the 21st century the world belongs to us 7 billion human beings and each country belongs to the people who live there, not their rulers. Basic human nature is compassionate because we are social animals. Community is the basis of our survival and nowadays technology has helped humanity become one community.”

He commended the longstanding Indian traditions of ‘ahimsa’—non-violence and ‘karuna’—compassion, which he stressed remain relevant today. He also noted that the general Indian practices for developing a calmly abiding mind and insight into reality have given rise to a profound understanding of the mind and ways to tackle destructive emotions. Read the rest of this entry »

Conclusa a Dharamsala l’8° conferenza internazionale dei Tibet Support Group
Nov 8th, 2019 by admin

The opening ceremony of the 8th International Tibet Support Groups conference in Dharamshala, India, on 3 November 2019.

7 novembre 2019. L’Approccio della Via di Mezzo è stato uno dei temi affrontati e più discussi nel corso dell’8°conferenza internazionale dei gruppi di Sostegno al Tibet riuniti a Dharamsala dal 5 all’8 novembre.

All’incontro hanno preso parte oltre 180 delegati provenienti da 42 diversi paesi tra i quali l’Italia (nella foto la cerimonia d’apertura). L’Associazione Italia-Tibet era rappresentata dal presidente Claudio Cardelli e dal consigliere Guenther Cologna. Al termine della conferenza è stato redatto e presentato un programma d’azione comune che prospetta le urgenze e le priorità di lavoro in questo momento sottoposte all’attenzione degli aderenti al network. Tra esse, oltre alla reiterazione dell’appello rivolto alla comunità internazionale affinché esorti la Cina a riprendere il dialogo e i negoziati con il Tibet, i gruppi di lavoro hanno evidenziato, tra gli altri, il problema ambientale, il problema del dilagare degli Istituti Confucio, e la questione della reincarnazione del Dalai Lama. Read the rest of this entry »

‘Heart Sutra’ Teaching at the Request of Koreans – 3rd Day
Nov 7th, 2019 by admin

Monks from Thailand reciting the ‘Mangala Sutta’ in Pali on the final day of His Holiness the Dalai Lama’s teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on November 6, 2019. Photo by Ven Tenzin Jamphel

November 6, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – As he walked from his residence to the Tsuglagkhang this morning, His Holiness the Dalai Lama reached out to well-wishers and devotees on both sides of the path. Among them were the elderly and infirm in need of comfort, children and infants and ordinary people happy to have the opportunity to offer a katag, a silk scarf. In the temple, proceedings began as usual with monks from Thailand reciting the ‘Mangala Sutta’ in Pali. They were followed again today by a group of Korean nuns who chanted the ‘Heart Sutra’ in Korean following the steady beat of a ‘moktak’ wooden fish.

His Holiness addressed the gathering. “Here we have monks from the Theravada tradition and Korean dharma brothers and sisters, who follow the Sanskrit tradition. All of us are followers of the same Gautama Buddha. Buddhism spread across Asia from India to Sri Lanka, Burma, Thailand, Laos and Cambodia, to China, Korea, Japan and Vietnam. It was also carried to Nepal and Tibet, Mongolia and the Russian republics of Kalmykia, Buryatia and Tuva. Read the rest of this entry »

2nd Day of ‘Heart Sutra’ Teaching at the Request of Koreans
Nov 6th, 2019 by admin

Thai monks reciting the Mangala Sutta in Pali at the start of the second day of His Holiness the Dalai Lama’s teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on November 5, 2019. Photo by Ven Tenzin Jamphel

November 5, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – After Thai monks had recited the Mangala Sutta in Pali, a discourse in which the Buddha responds to a question about what is the greatest blessing, a group of nuns led a recitation of the ‘Heart Sutra’ in Korean. They were joined by several rows of nuns seated at the front of the temple. “Today is the second day of discourse for our Korean brothers and sisters,” His Holiness announced. “Almost the whole of the continent of Asia follows the Buddha’s teaching. Buddhism is not something new to us. It’s about using reason and logic to transform our minds. Although there has been something of a custom not to study, these days I advise those interested to try to be 21st century Buddhists. This entails some level of study in order to understand what the Buddha taught.

During his first round of teachings, the Buddha introduced the Four Noble Truths and their 16 characteristics. This leads to the idea of taking refuge, but when we talk of the Three Objects of Refuge, we should understand that it is the Dharma, not the Buddha, that is the actual refuge. We can speak of the scriptural Dharma and the Dharma of realization, which includes true cessation and the true path. To attain true cessation requires an understanding of the true nature of suffering and a realization of selflessness. Read the rest of this entry »

1st day of ‘Heart Sutra’ Teaching at the Request of Koreans
Nov 5th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing representatives of Tibet Support Groups at his residence in Dharamsala, HP, India on November 4, 2019. Photo by Ven Tenzin Jamphel

November 4, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – When 180 representatives of Tibet Support Groups from 42 countries met with His Holiness the Dalai Lama this morning, he mentioned having been told that Chinese documents from the Tang dynasty refer to Tibet, China and Mongolia as independent states. He added that there are no historical references in such documents to Tibet being part of China. He remarked how impressed has been by the spirit of the European Union and can envisage Tibet’s being part of a such a union with China. He said that to insist on Tibetan independence would entail only what’s called Outer Tibet, which would involve just two million Tibetans. If, on the other hand, all the various Tibetan regions could be brought together, since the Chinese constitution recognises the autonomy of such regions and their right to preserve their Tibetan culture, 6-7 million Tibetans would be involved.

Tibet has a long history with a rich culture rooted in a profound knowledge of Buddhism,” His Holiness observed. “Indeed, Tibetans have maintained what is probably the most extensive presentation of the Buddha’s teachings. When professors in Chinese universities read books we have published here, that compile scientific and philosophical materials from the Kangyur and Tengyur, they are reported to have acknowledged the authentic origin of Tibetan Buddhism in the Nalanda Tradition and its scientific character. This is a source of confidence for us. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Primo giorno di insegnamenti sul “Sutra del cuore”
Nov 5th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Quando il bodhisattva ha visto “che anche i cinque aggregati sono vuoti di esistenza intrinseca”, ha rivelato l’assenza del sé non solo delle persone, ma anche dei fenomeni.”

4 novembre 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato 180 rappresentanti di gruppi di sostegno al Tibet, provenienti da 42 paesi, e ha ricordato loro che i documenti cinesi della dinastia Tang si riferiscono al Tibet, alla Cina e alla Mongolia come a tre stati indipendenti e che in tali documenti non vi sono riferimenti storici al fatto che il Tibet facesse parte della Cina. Ha aggiunto quanto apprezzi lo spirito dell’Unione europea e ha auspicato che il Tibet un giorno faccia parte di una unione analoga con la Cina. Insistere sull’indipendenza tibetana avrebbe un impatto solo su quello che viene chiamato Tibet esterno e coinvolgerebbe unicamente due milioni di tibetani. Se, invece, tutte le varie regioni tibetane potessero essere riunite, dato la costituzione cinese riconosce l’autonomia di tali regioni e il loro diritto di preservare la propria cultura, ne beneficerebbero 6-7 milioni di tibetani.

“Il Tibet ha una lunga storia, con una ricca cultura radicata nella profonda conoscenza del buddhismo”, ha detto Sua Santità. “I tibetani hanno preservato quella che probabilmente è la trasmissione più ampia degli insegnamenti del Buddha. Quando i professori delle università cinesi leggono i libri che abbiamo pubblicato qui, le raccolte scientifiche e filosofiche del Kangyur e del Tengyur, non possono che ammettere l’origine autentica del buddhismo tibetano, ovvero la tradizione del Nalanda e il suo approccio scientifico. Questa è per noi un motivo di orgoglio”. Read the rest of this entry »

600th Anniversary of Gyutö Monastery Founder’s Birth
Nov 3rd, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting members of the congregation as he enters the assembly hall at Gyutö Tantric College in Dharamsala, HP, India on November 2, 2019. Photo by Tenzin Choejor

November 2, 2019. Dharamsala, India – The main road leading to Gyutö Tantric College was lined with Tibetans and people from Lahoul & Spiti who live nearby this morning in anticipation of the arrival of His Holiness the Dalai Lama. Inside the monastery compound more people eagerly awaited his arrival. Overhead, between the freshly-painted hostel buildings and the temple, fluttered strings of Tibetan and Buddhist flags. A newly constructed ramp brought His Holiness’s car right up to the level of the temple. The Abbot welcomed him and escorted him into the large assembly hall. His Holiness waved to members of the congregation, reaching out to greet old friends here and there as he made his way to the throne. To his right sat the Ganden Tri Rinpoché with the Sharpa and Jangtsé Chöjés. To his left were Tai Situ Rinpoché and the Sikyong, Chief Justice Commissioner and TPiE Speaker.

Prayers were recited while tea and sweet rice were served. A three-volume set of books, published to mark the 600th anniversary of Jetsun Kunga Dhondup’s birth was released and presented to His Holiness. He took up one volume and began to read it with interest. Among the prayers for His Holiness’s long life was one originally composed by Radreng Rinpoché and first performed during His Holiness’s enthronement ceremony. Read the rest of this entry »

Celebrazioni per i 600 anni dalla nascita del fondatore del Monastero di Gyutö
Nov 3rd, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Applicando i metodi di chiara luce e corpo illusorio è possibile raggiungere la fase risultante. Vi ricordo il consiglio di Jé Rinpoché: qualsiasi cosa studiate dovrebbe essere applicata alla vostra mente.”

2 novembre 2019. Dharamsala, India – Questa mattina una grande folla, assiepata lungo la strada che conduce al Gyutö Tantric College, aspettava l’arrivo di Sua Santità il Dalai Lama e anche all’interno del complesso monastico centinaia di persone lo stavano attendendo. Una rampa di nuova costruzione ha permesso all’auto di Sua Santità di arrivare fino al livello del tempio. L’Abate ha accolto il Dalai Lama e lo ha accompagnato nella grande sala delle udienze. Sua Santità ha salutato i presenti e numerosi vecchi amici mentre prima di prendere posto sul trono. Alla sua destra si è seduto il Ganden Tri Rinpoché con gli Sharpa e Jangtsé Chöjés. Alla sua sinistra, Tai Situ Rinpoché e il Sikyong, Commissario Capo della Giustizia e TPiE Speaker.

Mentre veniva servito il tè e il riso dolce sono state recitate le tradizionali preghiere; poi sono stati offerti a Sua Santità tre volumi, pubblicati in occasione del 600°anniversario della nascita di Jetsun Kunga Dhondup, che ha sfogliato con grande interesse. Tra le preghiere recitate per la lunga vita di Sua Santità una era stata originariamente composta da Radreng Rinpoché ed era stata eseguita per la prima volta durante la cerimonia di intronizzazione di Sua Santità. Read the rest of this entry »

La svolta del Dalai Lama, “le reincarnazioni sono finite”
Nov 3rd, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama

La svolta del Dalai Lama, “le reincarnazioni sono finite”

In un post pubblicato sulla pagina Facebook “Torce Umane in Tibet”, Raimondo Bultrini scrive:

2 novembre 2019 – Ieri è stato pubblicato da La Repubblica un mio articolo sulle ultime dichiarazioni del Dalai lama a proposito della sua reincarnazione e sulle reincarnazioni in generale. E’ un tema vasto difficile da affrontare in 80 righe tipografiche. Per questo preferisco pubblicare qui almeno il testo più lungo della prima versione, dove alcuni dettagli sono meglio precisati.

BANGKOK – Di fronte a un gruppo di studenti provenienti dal Bhutan dove si preservano le antiche forme di buddhismo tibetano Vajrayana, il Dalai lama ha parlato di un aspetto politico ma anche intimo del suo rapporto con il mito delle “Reincarnazioni”. Ha detto che l’intero sistema tibetano è basato su un antico sistema feudale dominato da “reincarnati” – o tulku – che non sono sempre all’altezza ed è ora di adeguarlo ai tempi. Infatti – ha aggiunto – si stupisce di vedere che gli atei per eccellenza del partito comunista cinese mostrano di crederci al punto da aver nominato il Panchen Lama – numero 2 del buddhismo tibetano – contro la sua volontà. Read the rest of this entry »

Mind & Life Conversations – Second Day
Nov 2nd, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama with Pumla Gobodo-Madikizela on the second day of the Mind & Life Conversations at his residence in Dharamsala, HP, India on November 1, 2019. Photo by Tenzin Choejor

November 1, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – President of the Mind & Life Institute, Susan Bauer-Wu, welcomed His Holiness the Dalai Lama to the second day of Mind & Life Conversations this morning, telling him, “We’re so delighted to be back. We’re going to be exploring compassion, interconnection and transformation, this time with Pumla Gobodo-Madikizela from South Africa”.

Africa is a great continent,” His Holiness remarked, “previously exploited by Europeans, but it’s a continent with great potential and I’m very happy that we have an African here with us today.”

Moderator Aron Stern introduced Pumla Gobodo-Madikizela as a social scientist and clinical psychologist, a friend of Archbishop Tutu and as someone who served on the South African Truth & Reconciliation Commission. It was her work there that provided the basis for her book ‘A Human Being Died that Night: A South African Story of Forgiveness’. Read the rest of this entry »

Mind & Life Conversations – First Day
Ott 31st, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting old friends as he arrives for the first session of the Mind and Life Conversation at his residence in Dharamsala, HP, India on October 30, 2019. Photo by Tenzin Choejor

October 30, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – As participants in the first Mind & Life Conversation and an audience of about 50 people awaited His Holiness the Dalai Lama this morning, the sound of his laughter preceded him before he entered the room. He wished them all, “Good morning,” shook hands with the participants and greeted several other old friends. “Thank you for organizing this opportunity—wonderful,” he told them once he’d sat down. “Followers of the Pali Tradition of Buddhism accept the Buddha’s words as they are, but followers of the Sanskrit Tradition ask why? why? and even question what the Buddha said. Scholars like Nagarjuna, Buddhapalita and Chandrakirti examined the Buddha’s words closely and classified some of his instructions as definitive, but others as requiring interpretation.

The Buddha encouraged his followers to be sceptical—”As the wise test gold by burning, cutting and rubbing it, so, bhikshus, should you accept my words only after testing them, and not merely out of respect for me”. So, he gave us the liberty to investigate. I respect all the major religious traditions, but this advice is unique to Buddhism. It encourages questioning and using our human brains to the full. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Celebrates 60 Years of the TIPA Tibetan Institute of Performing Arts
Ott 30th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking to members of the Mind & Life Institute at his residence in Dharamsala, HP, India on October 29, 2019. Photo by Ven Tenzin Damchoe

October 29, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – When Susan Bauer-Wu, Thupten Jinpa, and Richie Davidson of the Mind & Life Institute, with Aaron Stern, met His Holiness the Dalai Lama this morning, he told them:

The very purpose of our life is to be compassionate. Scientists say that basic human nature is compassionate because we are social animals. From the moment of birth, we appreciate kindness. I would like to see more research being done into the effect of anger on the brain, but also the effect of compassion. I feel that in general, these days, more people are convinced by scientific evidence.”

The Mind & Life representatives briefed His Holiness about the format of the forthcoming Mind & Life Conversations. Pumla Gobodo-Madikizela, a clinical psychologist and social scientist from Cape Town, South Africa, and David Sloan Wilson, Distinguished Professor of Biology and Anthropology at Binghamton University, USA will make presentations to His Holiness and other scientists will then join the conversation. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Address Students from North Indian Universities
Ott 28th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting students from North Indian universities as he arrives from their meeting at his residence in Dharamsala, HP, India on October 25, 2019. Photo by Tenzin Choejor

October 25, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – A group of 25 students, their teachers and Principal, who are taking part in a new six-month course in Ancient Indian Wisdom at the Government College, Dharamsala, came to meet His Holiness the Dalai Lama this morning. They were joined by more than 100 students from several universities in North India, who included 18 Tibetans, 78 Bhutanese, 10 Ladakhis, two Arunachalis and four Africans. When His Holiness entered the room, he was welcomed with a resounding, “Tashi Delek”.

Firstly, I want to greet all of you,” he told the students who were seated before him on the floor. “I always feel that the entire 7 billion human beings on this planet are the same, mentally, physically and emotionally. Today’s reality is that in whatever part of the world we live, we are all part of one community. Scientists have evidence that because we are social animals, human nature is basically compassionate. This is a reflection of how we depend on our community to survive. Read the rest of this entry »

Secondo giorno dei Costruttori di Pace con Sua Santità il Dalai Lama
Ott 27th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama risponde alle domande poste dai giovani leader di paesi disturbati da conflitti nel secondo giorno di conversazione con i costruttori di pace nella sua residenza a Dharamsala, in India, in India, il 24 ottobre 2019. Foto di Tenzin Choejor

24 ottobre 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Il gruppo di giovani leader provenienti da paesi disturbati dai conflitti e i loro sostenitori dell’Istituto per la Pace degli Stati Uniti (USIP) che hanno incontrato ieri Sua Santità il Dalai Lama, si sono riuniti di nuovo questo mattina nella sua sala delle udienze pubbliche. Quando entrò nella stanza, Sua Santità augurò a tutti il buongiorno e strinse la mano a quelli a portata di mano. Nancy Lindborg, presidente dell’USIP e moderatrice della conversazione, ha sottolineato che ciascuno dei giovani leader presenti e coloro che hanno partecipato a riunioni simili negli anni precedenti, 106 complessivamente, hanno scelto di essere costruttori di pace. Ha detto a Sua Santità che il focus della prima parte delle discussioni del mattino sarebbe stato l’istruzione.

Per cominciare, una giovane donna venezuelana ha riferito che le persone nel suo paese erano divise dall’odio. Ha chiesto come incoraggiare il perdono. Sua Santità le disse che vendicarsi, uccidendo di nuovo, era inutile. Tuttavia, può essere utile a livello nazionale o comunitario non tollerare ciò che è accaduto, ma resistere. Ha citato il caso della Polonia in cui Lech Walesa, che conosce bene, ed il movimento Solidarnosc, hanno sfidato il potere comunista. A volte, ha suggerito, è bene essere fermi nell’opposizione a circostanze che non si sopportano. Read the rest of this entry »

Con la raccolta di “selezionati”materiali d’archivio, la Cina cerca di provare la sua sovranità sul Tibet
Ott 25th, 2019 by admin

24 ottobre 2019. Con la pubblicazione di 12 volumi contenenti “selezionati” materiali d’archivio, Pechino tenta ancora una volta di dimostrare l’appartenenza storica del Tibet alla Cina.

Nonostante lo stretto controllo militare esercitato dalla Cina sul territorio tibetano senza che alcun governo ne osi contestare la sovranità, Pechino è ossessionata dalla ricerca di prove che dimostrino l’appartenenza storica del Tibet alla grande madrepatria cinese. Ne è dimostrazione l’accurata “ricerca”, effettuata nell’arco di oltre cinque anni e culminata con la compilazione di 12 volumi che raccolgono “selezionati” documenti storici che risalgono all’epoca della dinastia Yuan (1271-1368).

Riferisce l’agenzia di stato Xinhua che i documenti, in lingua tibetana, mongola e manchu, appartengono all’archivio della cosiddetta Regione Autonoma Tibetana e sono stati presentati ufficialmente il 22 ottobre a Lhasa nel corso di un’apposita cerimonia. L’agenzia di stampa cinese ha reso noto che i 12 volumi raccolgono per la prima volta le fotocopie di migliaia di importanti carteggi riguardanti i rapporti tra “il governo centrale” e “il governo locale del Tibet” all’epoca della dinastia Qing (1644-1901) e la storia degli scambi all’epoca avvenuti nell’arco di questo periodo tra manchu, mongoli, tibetani e altri gruppi etnici. Nei 1394 documenti che compongono i 12 volumi figurano editti imperiali emanati dalle dinastie Yuan e Qing e dossier riguardanti il Dalai Lama e “funzionari locali” tibetani. Read the rest of this entry »

A Second Day of Conversation with Young Peace Builders
Ott 24th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing youth leaders from countries disturbed by conflict on the second day of conversation with peacebuilders at his residence in Dharamsala, HP, India on October 24, 2019. Photo by Tenzin Choejor

October 24, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – The group of youth leaders from countries disturbed by conflict and their supporters from United States Institute of Peace (USIP) who met His Holiness the Dalai Lama yesterday, gathered again in his audience hall this morning. When he entered the room, His Holiness wished everyone good morning and shook hands with those within reach. Nancy Lindborg, President of USIP and moderator of the conversation pointed out that each of the youth leaders present and those who have attended similar meetings in previous years, 106 altogether, have chosen to be peace builders. She told His Holiness that the focus of the first part of the morning’s discussions would be education. To begin with, a young woman from Venezuela reported that people in her country were divided by hatred. She asked how to encourage forgiveness. His Holiness told her that between individuals taking revenge by killing again was of no use whatever. However, it may be helpful on a national or community level not to be tolerant of what has happened but to resist it. He cited the case of Poland where Lech Walesa, who he knows well, and the Solidarity movement, challenged communist power. Sometimes, he suggested, it’s good to stand firm in opposition to circumstances you don’t support. Read the rest of this entry »

Giovani costruttori di pace in conversazione con Sua Santità il Dalai Lama
Ott 24th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama parla ai giovani
costruttori di pace durante il primo giorno della loro conversazione nella sua residenza a Dharamsala, in India, il 23 ottobre 2019. Foto di Tenzin Choejor

23 ottobre 2019, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina, l’Istituto per la Pace degli Stati Uniti (USIP) ha portato un gruppo di 24 giovani leader di 11 paesi colpiti da conflitti per discutere di rendere possibile la pace con Sua Santità il Dalai Lama. Provengono da Afghanistan, Colombia, Iraq, Libia, Myanmar, Nigeria, Somalia, Sud Sudan, Siria, Tunisia e Venezuela. Il gruppo comprendeva anche giovani istruttori, leader di pensiero e personale USIP. Il presidente dell’USIP, Nancy Lindborg, ha moderato la conversazione. Ha iniziato ringraziando Sua Santità per aver accolto per la quarta volta un gruppo di giovani costruttori di pace. Disse che avrebbe chiesto loro di presentarsi quando intervenne Sua Santità.

“Per me la migliore introduzione è il volto umano”, disse loro, ridendo. “Quando vedo due occhi, una bocca, un naso, so di avere a che fare con un altro essere umano come me. Sono come quei bambini piccoli che non si preoccupano del background dei loro compagni finché sorridono e sono disposti a giocare. Enfatizzare nazionalità, religione e colore crea semplicemente divisione. Dobbiamo guardare le cose ad un livello più profondo e ricordare che siamo esseri umani tutti uguali, fisicamente, mentalmente ed emotivamente uguali. È su questa base che ricordo alle persone l’unicità dell’umanità “. Read the rest of this entry »

Young Peacebuilders in Conversation with His Holiness the Dalai Lama
Ott 23rd, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting young people from conflict affected countries as he arrives for their conversation at his residence in Dharamsala, HP, India on October 23, 2019. Photo by Tenzin Choejor

October 23, 2019, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – This morning, the United States Institute of Peace (USIP) brought a group of 24 youth leaders from 11 conflict affected countries to discuss making peace possible with His Holiness the Dalai Lama. They came from Afghanistan, Colombia, Iraq, Libya, Myanmar, Nigeria, Somalia, South Sudan, Syria, Tunisia and Venezuela. The group also included young trainers, thought leaders and USIP staff. President of USIP, Nancy Lindborg moderated the conversation. She began by thanking His Holiness for welcoming a group of young peace builders for the fourth time. She told him she was going to ask them to introduce themselves when His Holiness intervened.

For me the best introduction is the human face,” he told them, laughing. “When I see two eyes, one mouth, one nose, I know I’m dealing with another human being like me. I’m like those young children who don’t care about their companions’ background so long as they smile and are willing to play. To emphasise nationality, religion, and colour just creates division. We have to look at things on a deeper level and remember that we are all the same as human beings, physically, mentally and emotionally the same. It’s on this basis that I remind people of the oneness of humanity.” Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama con i buddhisti impegnati nel sociale
Ott 23rd, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama si rivolge alla Rete Internazionale dei buddhisti impegnati durante il loro incontro presso la sua residenza a Dharamsala, India, il 21 ottobre 2019. Foto di Tenzin Choejor

21 ottobre 2019, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina, i membri della Rete internazionale dei buddhisti impegnati, guidati dall’attivista thailandese Sulak Sivaraksa, hanno avuto un’udienza con Sua Santità il Dalai Lama. Trentacinque di loro provenivano dalla Tailandia, quarantuno dall’India, trentasette dalla Birmania, oltre a rappresentanti da USA, Giappone, Corea del Sud, Bangladesh, Indonesia, Sri Lanka, Nepal, Taiwan, Hong Kong, Svizzera, Ungheria e Svezia. “Come esseri umani, tutti vogliamo vivere una vita felice”, ha detto loro Sua Santità, “ma ci troviamo regolarmente di fronte a problemi che noi stessi abbiamo creato e che sorgono perché continuiamo a vedere gli altri nei termini di ‘noi’ e ‘loro’. Ormai esistono conflitti persino in nome della religione. E’ vero, ci sono delle differenze tra le nostre tradizioni religiose, e anche al loro interno, ad esempio la tradizione di Pali comprende 18 scuole di pensiero, mentre nella tradizione sanscrita ne ha quattro. Ma i diversi punti di vista attraggono persone di diversa disposizione e la cosa più importante da ricordare è che tutte le tradizioni religiose sottolineano l’importanza di coltivare la gentilezza amorevole”. “Come sapete, il Buddha ha incoraggiato i suoi seguaci a mettere in discussione i suoi insegnamenti. I maestri di Nalanda come Nagarjuna, Chandrakirit e Buddhapalita hanno esaminato le sue parole in quest’ottica, classificandoli in definitivi e interpretativi”. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Meets Engaged Buddhists
Ott 23rd, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking to members of the International Network of Engaged Buddhists at his residence in Dharamsala, HP, India on October 21, 2019. Photo by Tenzin Choejor

October 21, 2019, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Members of the International Network of Engaged Buddhists led by Thai activist Sulak Sivaraksa met His Holiness the Dalai Lama this morning. They included 35 from Thailand, 41 from India, 37 from Burma, as well as people from the USA, Japan, South Korea, Bangladesh, Indonesia, Sri Lanka, Nepal, Taiwan Hong Kong, Switzerland, Hungary and Sweden. “As human beings, we all want to live a happy life,” His Holiness told them, “but we are regularly faced with problems of our own making. Many such problems arise because we persist in viewing others in terms of ‘us’ and ‘them’. In addition to this, these days, we also see conflict taking place in the name of religion. There are differences between our religious traditions and even within them—for example the Pali tradition included 18 schools of thought, while within the Sanskrit tradition there were four. Different points of view appeal to people of different dispositions, but what is most important to remember is that all religious traditions stress the importance of cultivating loving-kindness. “As you know, the Buddha encouraged his followers to question even what he had told them. Nalanda masters like Nagarjuna, Chandrakirit and Buddhapalita examined his teachings in this light, classifying them into those that were definitive and those requiring interpretation. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama inaugura il 550° anniversario di Guru Nanak all’Università di Chandigarh
Ott 19th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il suo discorso alla Chandigarh University di Chandigarh, India, il 15 ottobre 2019. Foto di Tenzin Choejor

15 ottobre 2019, Chandigarh, India – Quando Sua Santità il Dalai Lama è arrivato questa mattina alla Chandigarh University  è stato ricevuto da un comitato di benvenuto che includeva il Cancelliere e il Vice Cancelliere. Gli studenti tibetani hanno offerto il tradizionale benvenuto ‘chema changpu’, a cui è seguito un tradizionale benvenuto indiano. Nell’auditorium era atteso da più di 4000 persone. Sul palco, dopo aver salutato i presenti, Sua Santità ha partecipato all’accensione di una lampada per aprire la sessione in modo propizio. Il Vice Cancelliere, RS Bawa, ha presentato Sua Santità al pubblico descrivendolo come un leader spirituale globale, che parla del nostro cervello come di un tempio e che insegna che avere buon cuore è la vera fonte della felicità.

Sua Santità si è rivolto al pubblico dal suo posto sul palco, salutando tutti come fratelli e sorelle. Ha detto che è così che inizia regolarmente i suoi discorsi perché ritiene che, poiché tutti i 7 miliardi di esseri umani oggi vivi su questo pianeta sono mentalmente, fisicamente ed emotivamente uguali, è come se fossero fratelli e sorelle della medesima famiglia. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Celebrates Guru Nanak’s 550th Anniversary at Chandigarh University
Ott 19th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the gathering at Chandigarh University in Chandigarh, India on October 15, 2019. Photo by Tenzin Choejor

October 15, 2019. Chandigarh, India – When His Holiness the Dalai Lama arrived at Chandigarh University this morning after a half hour drive out of the city, he was received by a welcome committee that included the Chancellor and Vice Chancellor. Tibetan students offered the ‘chema changpu’ traditional welcome on the steps, while on the threshold of the building he was presented a traditional Indian welcome. He was first escorted to the Vice Chancellor’s office. Shortly afterwards he was driven in an electric powered buggy to an amphitheatre, where more than 4000 people, mostly students, were waiting to hear him. On the stage, after waving to the crowd and returning their greetings, His Holiness took part in the lighting of a lamp to open proceedings in an auspicious way. The Vice Chancellor, Dr RS Bawa introduced His Holiness to the audience describing him as a global spiritual leader, who has spoken of our brain as a temple and who teaches that to be good-hearted is a true source of happiness. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Inaugura la 11th Global Week alla Chitkara University
Ott 19th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante l’inaugurazione dell’XI Settimana Globale dell’Università di Chitkara a Chandigarh, India, il 14 ottobre 2019. Foto di Tenzin Choejor

14 ottobre 2019. Chandigarh, India, – Ieri Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato Dharamsala per Chandigarh, dove è stato invitato ad inaugurare l’undicesima settimana globale dell’Università di Chitkara presso il campus di Rajpura. La Settimana Globale – con docenti provenienti da tutto il mondo – è una piattaforma creata per aumentare la consapevolezza internazionale degli studenti e ampliare la loro esperienza di apprendimento. Sua Santità seduto in prima fila, nell’auditorium, è stato introdotto da Sangeet Jauraa un pubblico di 1.200 studenti e docenti. Cinque donne tibetane hanno eseguito una selezione di canzoni e danze della tradizione operistica tibetana, a partire da una struggente interpretazione dei versi della preghiera per la lunga vita di Sua Santità. Successivamente si sono esibite in una performance di danza Bharatanatyam, originaria dell’India meridionale. Sono state seguite da un gruppo di altre quattro donne indiane che hanno danzato nello stile Kathak, del Nord India. Tutti e tre i gruppi di artiste sono poi scesi dal palco per rendere omaggio a Sua Santità, che ha ringraziato personalmente ciascuna di loro. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Inaugurates Chitkara University’s 11th Global Week
Ott 19th, 2019 by admin

Young Indian women performing traditional dance at the start of the Inauguration of Chitkara University’s 11th Global Week in Chandigarh, India on October 14, 2019. Photo by Tenzin Choejor

October 14, 2019. Chandigarh, India, – Yesterday, His Holiness the Dalai Lama travelled by road from Dharamsala to Chandigarh. This morning he was invited to inaugurate the 11th Global Week of the Chitkara University and representatives of the university came to escort him to its campus at Rajpura. The Global Week, when teachers come from across the world to teach short courses to Chitkara students, is regarded as a platform for raising their international awareness and broadening their learning experience. His Holiness was seated in the front row of the auditorium while the Pro-Vice Chancellor, Mrs Sangeet Jaura introduced him to the 1200 strong audience of students and faculty. Five young Tibetan women performed a selection of songs and dances from Tibetan opera tradition, beginning with a poignant rendition of verses of a prayer for His Holiness’s long life. Five young Indian women then gave an energetic performance from the South Indian Bharatanatyam dance tradition. They were followed by a group of four more young Indian women who danced in the North Indian Kathak style. All three groups of performers came down from the stage to where His Holiness was sitting and he thanked each one of them personally. Read the rest of this entry »

3 Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama su “La Preziosa Ghirlanda” di Nagarjuna”
Ott 6th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Ciò che ci porta fuori strada è la nostra mente ribelle ed irrequieta. Le afflizioni mentali sono radicate nell’ignoranza, nell’idea sbagliata della realtà. Mettete fine a questa e metterete fine a tutte le emozioni afflittive.”

5 ottobre 2019, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Stamattina, camminando dalla sua residenza al tempio, Sua Santità il Dalai Lama ha moltiplicato i suoi sforzi per interagire con i membri del pubblico. Nel cortile del tempio la gente premeva con impazienza contro le ringhiere per attirare la sua attenzione. Sua Santità il Dalai Lama strinse le mani, scambiò parole con alcuni, diede una pacca sulla guancia ad alcuni bambini e scontrò affettuosamente la fronte con altri. Ha risposto in modo simile alle persone sedute fuori dal tempio mentre faceva il suo giro. Quando fu completa la recita cinese del “Sutra del cuore”, Sua Santità, mentre completava le procedure preparatorie per il permesso del Mahamayuri che avrebbe concesso in seguito, chiese al maestro di canto di continuare a cantare il verso finale aggiuntivo con la sua melodia commovente.

“Prima esaminerò il primo capitolo della “Preziosa Ghirlanda di consigli per il re ” http://www.sangye.it/altro/?p=2788 ha annunciato Sua Santità. “Poiché il libro insegna la vacuità, a volte viene chiamato “Stabilire Convenzioni”, spiega le cause dello stato elevato o della buona rinascita, il che è importante perché, senza di esso, non avresti l’intelligenza per distinguere il bene dal male. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: 3rd Day of Nagarjuna’s ‘Precious Garland of the Middle Way’
Ott 6th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama arriving inside the Main Tibetan Temple on the final day of his three day teaching given at the request of a group from Taiwan in Dharamsala, HP, India on October 5, 2019. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 5, 2019, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Walking from his residence to the temple this morning, His Holiness the Dalai Lama was unrestrained in his efforts to engage with members of the public. In the temple yard people pressed against the railings in their eagerness to catch his eye. He clasped hands, exchanged words with a few, patted some children on the cheek and bumped foreheads affectionately with others. He responded similarly to people seated outside the temple as he made his round. When the Chinese recitation of the ‘Heart Sutra’ was complete His Holiness asked the chant master to continue chanting the additional final verse with its moving tune while he completed preparatory procedures for the Mahamayuri permission he was to give later.

First I’ll go through the first chapter of the ‘Precious Garland of Advice to the King’,” His Holiness announced. “Because the book teaches about emptiness it is sometimes referred to as ‘Establishing Conventions’. It explains the causes of high status or good rebirth, which is important because without it you wouldn’t have the intelligence to tell right from wrong. As human beings we have a marvellous brain, one of the reasons why human life is precious. Nevertheless, we still need to aim for definite goodness because although there are benefits to be had from high status, even a good rebirth is under the influence of karma and delusion, so is still subject to the sufferings of conditioned existence. Read the rest of this entry »

2 Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama su “La Preziosa Ghirlanda” di Nagarjuna”
Ott 5th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se sei egoista, sarai miserabile, anche in questa vita. Più ti dedichi agli altri, più sarai felice. L’egoismo è miope e di mentalità ristretta. Tutti e 7 i miliardi di esseri umani sono uguali nel loro desiderio di essere felici ed evitare la sofferenza. Ma siamo noi umani a causare problemi a noi stessi!”

4 ottobre 2019, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Dopo la recita in cinese del Mangala Sutta e del “Sutra del Cuore” cantato in cinese, Sua Santità il Dalai Lama ha attirato l’attenzione su un verso che i buddisti cinesi aggiungono alla fine.

Possano i tre veleni essere eliminati,

Possa la luce della saggezza risplendere,

Possiamo non affrontare ostacoli interni o esterni

E possiamo addestrarci nel percorso del Bodhisattva.

“Tutte le tradizioni spirituali ci incoraggiano a trattenerci dal danneggiare gli altri e dal cadere vittime di emozioni distruttive”, ha spiegato. “La mente non è invariabilmente inquinata dalle contaminazioni, ma ci siamo abituati ad essere soggetti ai tre veleni da tempo senza inizio. Qui preghiamo di esserne scevri. Il rimedio è coltivare la saggezza, quindi il verso successivo recita che la luce della saggezza risplenda. A supporto di ciò abbiamo bisogno di coltivare la concentrazione univoca, che, a sua volta, si basa sulla disciplina e sull’osservanza dell’etica. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama 2nd Day of Nagarjuna’s ‘Precious Garland of the Middle Way’
Ott 4th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting monks from Taiwan as he arrives for the second day of teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on October 4, 2019. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 4, 2019, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Following the recitation in Pali of the Mangala Sutta and the chanting of the ‘Heart Sutra’ in Chinese, His Holiness the Dalai Lama drew attention to a verse that Chinese Buddhists add at the end. May the three poisons be eliminated,
May the light of wisdom shine forth,
May we face no inner or outer obstacles
And may we train in the bodhisattva path.

All spiritual traditions encourage us to restrain ourselves from harming others and falling prey to destructive emotions,” he explained. “The mind is not unchangingly polluted by defilements, but we have become accustomed over beginningless time to being subject to the three poisons. Here we pray that we be free from them. The remedy is to cultivate wisdom, so the next line prays that the light of wisdom shine forth. To support that we need to cultivate single-pointed concentration, which in turn is based on discipline and the observance of ethics. Read the rest of this entry »

1 Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama su “La Preziosa Ghirlanda” di Nagarjuna”
Ott 4th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama il primo giorno d’insegnamenti al tempio principale tibetano di Dharamsala, India, il 3 ottobre 2019 ha sottolineato che la trasformazione della mente non avviene in breve tempo, ma, continuando con gli sforzi, si raggiungerà l’obiettivo. Foto del Ven Tenzin Jamphelha.

3 ottobre 2019, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Il sole brilla in un cielo limpido questa mattina mentre Sua Santità il Dalai Lama cammina dalla sua residenza fino allo Tsuglagkhang, il principale tempio tibetano. Saluta il pubblico nel cortile ed intorno al tempio lungo il suo percorso, accarezza la guancia di un bambino, scambia qualche parola con chi incontra e saluta con un gento di mano quelli che erano al di là dalla sua portata.

Una volta nel tempio, prima di sedersi sul trono, saluta rispettosamente l’ex detentore del trono di Ganden, Rizong Rinpoché. La recita del “Mangala Sutta” in Pali da parte di monaci thailandesi è seguita dal canto del “Sutra del Cuore” in cinese.

Le oltre 7500 persone radunate dentro ed intorno al tempio includevano persone provenienti da 61 paesi. Di questi, gli studenti principali erano 1127 di Taiwan appartenenti a 21 organizzazioni sotto l’egida dell’Associazione buddista tibetana internazionale di Taiwan. Il più grande tra questi vari gruppi era “Beatitudine e saggezza” con i suoi 850 membri.

Dopo aver recitato i consueti versi dell’omaggio, Sua Santità così si rivolge al pubblico: Oggi, dei cinesi di Taiwan e di altri Paesi sono qui venuti ad ascoltare questo insegnamento. Siamo qui per imparare a trasformare le nostre menti. La tradizione buddista in generale e la tradizione di Nalanda, in particolare, insegnano il significato della mente usando la logica e la ragione. Esse spiegano come contrastare le emozioni distruttive come la rabbia e la gelosia, il che ha l’ulteriore vantaggio sul fisico di rafforzare il nostro sistema immunitario. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Teaches Nagarjuna’s ‘Precious Garland of the Middle Way’
Ott 3rd, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the gathering on the first day of his teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on October 3, 2019. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 3, 2019, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – The sun shone in a clear sky this morning as His Holiness the Dalai Lama walked from his residence to the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple. He greeted members of the public gathered in the yard and around the temple on his way, stroking a child’s cheek here, exchanging a few words there and waving to those beyond his reach. Once in the temple he respectfully saluted the former Ganden Throneholder, Rizong Rinpoché before taking his seat on the throne. A recitation of the ‘Mangala Sutta’ in Pali by Thai monks was followed by the chanting of the ‘Heart Sutra’ in Chinese.

The more than 7500 people gathered in and around the temple included individuals from 61 countries. Of these, the principal students were 1127 from Taiwan belonging to 21 organizations under the umbrella of the Taiwan International Tibetan Buddhist Association. Largest among these various groups was ‘Bliss and Wisdom’ and its 850 members.

After reciting the customary verses of homage, His Holiness addressed the congregation. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Visit Harijan Sevak Sangh at Gandhi Ashram
Set 26th, 2019 by admin

Baba Ramdev. and Morari Bapuji look on as His Holiness the Dalai Lama addresses the gathering during the interfaith program at Gandhi Ashram in New Delhi, India on September 25, 2019. Photo by Tenzin Choejor

September 25, 2019, New Delhi, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama joined a number of spiritual leaders from Hindu, Muslim, Sikh, Jain and Christian traditions at the Gandhi Ashram in Delhi. They first paid their respects before Gandhi-ji’s memorial, and then planted a tree together in the courtyard outside the library to mark the occasion. His Holiness and the other spiritual leaders then assembled on the stage where Morari Bapuji yesterday began a ritual performance of the Ram Kathaa, recounting the life and deeds of Lord Ram, which will go on for nine days. Together with members of the Harijan Sevak Sangh they lit a lamp to mark the auspicious opening their interfaith gathering.

Dr. Shankar Kumar Sanyal welcomed the spiritual leaders to the ashram where Gandhi stayed and worked for the benefit of India and the whole world between 1930 and 1940. Each of the spiritual leaders spoke about the importance of cultivating religious harmony, upholding India’s ancient traditions of ‘ahimsa’ and ‘karuna’—non-violence and compassion—in addition to taking care of our planet. Representing the Hindu tradition were Sadhvi Bhagavathi Saraswati, Swami Chidanand Saraswati and Baba Ramdev. From the Shia tradition came Maulana Kokab Muharram. Giani Gurbachan Singh represented the Sikh tradition. Read the rest of this entry »

Secondo giorno di Sua Santità il Dalai Lama allo Shri Udasin Karshni Ashram
Set 25th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama all’inaugurazione della porta del giardino del Buddha presso lo Sri Udasin Karshni Ashram di Mathura, India, il 23 settembre 2019. Foto di Tenzin Choejor

24 settembre 2019, Mathura, India – Questa mattina, all’inizio della sua seconda giornata allo Shri Udasin Karshni Ashram, Sua Santità il Dalai Lama è stato raggiunto dallo Swami Karshni Gurusharanandaji Maharaj, Swami Chidanand Saraswati con altri membri dell’ashram e hanno meditato insieme. Successivamente, Sua Santità si è recato sulle rive dello Yamuna dove, con il Maharaj-ji e il Swami-ji, ha preso parte ad un rituale che prevede l’offerta di luce. A un giornalista che gli chiedeva quali aspetti della cultura indiana sono rilevanti nel mondo contemporaneo, Sua Santità ha risposto:

“Sono convinto che coltivare le antiche tradizioni indiane di ‘ahimsa’, la condotta non violenta, e ‘karuna’, la sua motivazione compassionevole, rappresentino l’unico modo per porre fine alla violenza nel mondo. Come esseri umani siamo sostanzialmente uguali. Siamo nati allo stesso modo e moriamo allo stesso modo. Pertanto, è importante prestare attenzione ai valori umani fondamentali che sono stati coltivati in questo paese per migliaia di anni”.

Tornando all’ashram, Sua Santità ha partecipato all’inaugurazione del giardino del Buddha: è stata fatta suonare una grande campana, che sarà appesa sopra l’ingresso. Ha poi reso omaggio alla statua del Buddha, recitando una preghiera: Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama’s 2nd Day at Shri Udasin Karshni Ashram
Set 25th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama joining Swami Karshni Gurusharanandaji Maharaj in performing a Rudra Abhishek offering to the Shivling at Sri Udasin Karshni Ashram in Mathura, UP, India on September 23, 2019. Photo by Tenzin Choejor

Mathura, UP, India – This morning, at the start of his second day at Shri Udasin Karshni Ashram, His Holiness the Dalai Lama was joined by Swami Karshni Gurusharanandaji Maharaj, Swami Chidanand Saraswati with other members of the ashram and they meditated together. Subsequently, His Holiness drove to the banks of Yamuna where, with Maharaj-ji and Swami-ji, he took part in an aarti ritual that involves the offering of light. When a journalist asked what parts of Indian culture are relevant in today’s world, His Holiness replied:

I’m convinced that cultivating India’s age-old traditions of ‘ahimsa’, non-violent conduct and ‘karuna’, its compassionate motivation, are the only way to put an end to violence in the world. As human beings we are much the same. We are born the same way and we die the same way. Therefore, it is important to pay attention to the kind of basic human values that have been cultivated in this country for thousands of years.”

Back at the ashram His Holiness inaugurated the gate to the Buddha garden that has been established there by ringing a large bell, which will eventually be hung over the entrance. He paid his respects before the statue of the Buddha, reciting following prayer: Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Visita Shri Udasin Karshni Ashram
Set 25th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama ha reso omaggio al Tempio principale di Krishna allo Sri Udasin Karshni Ashram di Mathura, India, il 22 settembre 2019. Foto di Tenzin Choejor

22 settembre 2019, Mathura,  India – Dopo aver lasciato Delhi questa mattina presto, Sua Santità il Dalai Lama ha raggiunto la città di Mathura, sulle rive del fiume Yamuna, dove è stato ospite del Swami Karshni Gurusharanandaji Maharaj. All’arrivo allo Shri Udasin Karshni Ashram è stato ricevuto dal personale dell’ashram e accompagnato nei suoi alloggi, dove il Maharaj-ji lo ha raggiunto. Dopo un breve riposo, Sua Santità si è recato al tempio principale di Krishna per porgere i suoi rispetti. Il Maharaj-ji lo ha accompagnato a partecipare a un’abluzione rituale, come segno di rispetto: i piedi di Sua Santità sono stati lavati con latte, yogurt, zafferano, ghee e legno di sandalo. E’ seguita la recitazione di una Guru Puja e dei Quattro Veda.

Rivolgendosi ai presenti, Sua Santità ha detto di sentirsi profondamente commosso nell’ascoltare i canti in sanscrito.

“Quando ero giovane, ho imparato il sanscrito dal manuale di Kalapa, ma mi è sembrato abbastanza difficile. La più antica tradizione filosofica indiana, la scuola Samkhya, impiegava il sanscrito, così come le successive tradizioni Jain e buddhiste. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Visit Shri Udasin Karshni Ashram
Set 25th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama exchanging greeting Swami Karshni Gurusharanandaji Maharaja on his arrival at Sri Udasin Karshni Ashram in Mathura, UP, India on September 22, 2019. Photo by Tenzin Choejor

September 22, 2019, Mathura, UP, India – Leaving Delhi early this morning, His Holiness the Dalai Lama drove to the city of Mathura on the banks of the Yamuna River, where he was the guest of Swami Karshni Gurusharanandaji Maharaj. On arrival at Shri Udasin Karshni Ashram he was received by ashram staff and escorted to his room, where Maharaj-ji joined him. After a short rest, His Holiness proceeded to the main Krishna Temple to pay his respects. Maharaj-ji accompanied him to a seat on the dais and led temple priests in performing a ritual ablution, as a mark of respect, which involved washing His Holiness’s feet with milk, yogurt, saffron, ghee and sandalwood. This was followed by the recitation of a Guru Puja and other offerings to His Holiness including recitations from the Four Vedas.

Addressing the gathering, His Holiness told them how moved he felt to listen to the sonorous chanting in Sanskrit.

When I was young I learned Sanskrit from the Kalapa manual, but found it quite difficult. India’s most ancient philosophical tradition, the Samkhya School, employed Sanskrit, as did the later Jain and Buddhist traditions. Read the rest of this entry »

Meeting with Intellectuals, Academics and Diplomats
Set 22nd, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting a member of the audience before his talk to intellectuals, academics and diplomats in New Delhi, India on September 21, 2019. Photo by Tenzin Choejor.

September 21, 2019, New Delhi, India – When His Holiness the Dalai Lama met with a group of about one hundred intellectuals, academics and diplomats this morning, he told them that as human beings we are the same; mentally, emotionally and physically, we are all the same. We have the same kind of brain and the same quality of intelligence. What’s more we all want to live a happy life free from suffering. “These days, scientists tell us that basic human nature is compassionate,” His Holiness explained. “We are social animals who depend on the community in which we live. Before they go to school children are open and friendly to each other. They don’t care what religion or nationality their companions belong to, so long as they play together in a friendly way. Once they start school, however, they learn to pay more attention to secondary differences, such as religion, colour, economic background and, here in this country, what caste people belong to. To counter this kind of discrimination, this sense of ‘us’ and ‘them’, we need to cultivate a sense of oneness of 7 billion human beings.” Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama incontra gli studenti a Nuova Delhi
Set 22nd, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Poiché tutti e 7 i miliardi di esseri umani sono mentalmente, fisicamente ed emotivamente, gli stessi voi giovani dovete coltivare un senso di unità dell’umanità. Dobbiamo lavorare insieme per affrontare le sfide che riguardano tutti noi, come la crisi climatica. Non possiamo semplicemente sfruttare questo pianeta ed il suo ambiente naturale, dobbiamo occuparcene. Gli scienziati ci avvertono da tempo dei pericoli che affrontiamo.”

20 settembro 2019. Nuova Delhi, India – Dopo aver ieri volato da Dharamsala a Delhi, stamattina Sua Santità il Dalai Lama è stato ricevuto dal presidente, direttore e preside Arun Bharat Ram, alla scuola di Shri Ram, Vasant Vihar, di Nuova Delhi. Più di 2400 studenti provenienti da 84 scuole di Nuova Delhi gli hanno dato un entusiastico benvenuto. Prima di sedersi sul palco, Sua Santità ha acceso una lampada ed ha ringraziato gli organizzatori, Spic Macay, per aver convocato l’incontro.

“Rispettati fratelli e sorelle maggiori e fratelli e sorelle minori”, ha iniziato Sua Santità, “è un grande onore per me interagire con i giovani studenti che appartengono al 21° secolo. Sebbene non possiamo cambiare il passato, possiamo imparare da esso. Pertanto, il futuro è nelle vostre mani. Se fate uno sforzo per creare una società felice, credo che in questo secolo potete cambiare il mondo.

Gli scienziati ci dicono che la natura umana di base è compassionevole. Chiaramente, poiché siamo animali sociali, dovremmo considerare tutti i 7 miliardi di esseri umani come la comunità a cui apparteniamo. Pensare solo alla “mia nazione” od alla “mia gente” non è attuale. Nel corso del 20° secolo, pensare agli altri in termini di “noi” e “loro” ha portato a divisioni, con conseguenti lotte ed uccisioni. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Talks to Students in Delhi
Set 22nd, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking to students at Shri Ram School in New Delhi, India on September 20, 2019. Photo by Tenzin Choejor

September 20, 2019. New Delhi, India – Having flown from Dharamsala to Delhi yesterday, this morning His Holiness the Dalai Lama was received at the Shri Ram School, Vasant Vihar, by the Chairperson, Arun Bharat Ram, the director and principal. More than 2400 students from 84 New Delhi schools gave him an enthusiastic welcome. Before taking his seat on the stage, His Holiness lit a lamp and thanked the organizers, Spic Macay, for convening the meeting.

Respected elder brothers and sisters and younger brothers and sisters,” His Holiness began, “it’s a great honour for me to interact with young students who belong to the 21st century. Although we cannot change the past, we can learn from it. Therefore, the future is in your hands. If you make an effort to create a happy society, I believe that within this century you can change the world.

Scientists tell us that basic human nature is compassionate. Clearly, since we are social animals, we should consider all 7 billion human beings as the community we belong to. Thinking just of ‘my nation’ or ‘my people’ is out of date. During the 20th century, thinking of others in terms of ‘us’ and ‘them’ led to division resulting in fighting and killing. Read the rest of this entry »

Terzo giorno d’Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama a Dharamsala
Set 7th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Per raggiungere la liberazione dobbiamo superare le emozioni afflittive. Dobbiamo studiare, riflettere e meditare su ciò che apprendiamo senza fare semplicemente affidamento su preghiere, fede e rituali.”

6 settembre 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina, dopo che i monaci thailandesi avevano cantato il “Mangala Sutta” in Pali, un gruppo di laici indonesiani recitava nella loro lingua il “Sutra del Cuore”.

“Oggi è l’ultimo giorno di questo insieme di insegnamenti”, ha osservato Sua Santità il Dalai Lama. “Pensavo che alla fine, come conclusione di buon auspicio, potremmo tenere una cerimonia per generare la mente risvegliata di bodhicitta. E, poiché la gamma ed il contenuto del testo di Nagarjuna sono vasti e complessi, ho pensato di insegnare i “Tre aspetti principali del sentiero” http://www.sangye.it/altro/?p=489 di Tsongkhapa, che possono essere prontamente applicati nella pratica.

Quando Atisha arrivò in Tibet, introdusse la tradizione Kadampa che considera l’intero contenuto delle Tre Collezioni di Scritture come istruzioni per la pratica in termini di persone di tre diverse capacità: contenuta, media e grande. Dopo aver composto il “Grande trattato sugli Stadi del sentiero”, il “Medio trattato” e il ” Trattato Conciso – La canzone dell’esperienza” http://www.sangye.it/altro/?p=1654 Tsongkhapa ha composto i “Tre aspetti principali del sentiero” http://www.sangye.it/altro/?p=489 su richiesta di Tsako Wönpo, Ngawang Drakpa, un discepolo vicino e leader del popolo di Gyalmorong nel Tibet orientale. È un testo utile da leggere ogni giorno. “ Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama ‘s Third Day of Teachings for Asians
Set 6th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama waving to the crowd as he walks to the Main Tibetan Temple on the third day of his teachings at the request of groups from Asia in Dharamsala, HP, India on September 6, 2019. Photo by Matteo Passigato

September 6, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – This morning, after Thai monks had chanted the ‘Mangala Sutta’ in Pali, a group of lay-people from Indonesia recited the ‘Heart Sutra’ in their language. “Today is the final day of this set of teachings,” His Holiness the Dalai Lama observed. “I was thinking that we could hold a ceremony for generating the awakening mind of bodhichitta at the end as an auspicious conclusion. And since the range and content of Nagarjuna’s text is vast and complex, I thought I would teach Tsongkhapa’s ‘Three Principal Aspects of the Path’, which can be readily applied in practice.

When Atisha came to Tibet he introduced the Kadam tradition that regards the whole content of the Three Collections of Scripture as instructions for practice in terms of persons of three different capacities—small, medium and great. After composing the ‘Great Treatise on the Stages of the Path’, the ‘Medium Treatise’ and the ‘Concise Treatise – the Song of Experience’, Tsongkhapa composed the ‘Three Principal Aspects of the Path’ at the request of Tsako Wönpo, Ngawang Drakpa, a close disciple and leader of the people of Gyalmorong in Eastern Tibet. It’s a useful text to read through every day.” Read the rest of this entry »

Secondo giorno di insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama a Dharmsala
Set 6th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il secondo giorno di insegnamenti presso il Tempio Tibetano Principale a Dharamsala, (India), il 5 settembre 2019. Foto di Tenzin Choejor

5 settembre 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Raggiunto il Tsuglagkhang, il tempio tibetano principale, questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha salutato i lama e gli ospiti seduti attorno al trono. Prima di prendere posto, si è avvicinato al bordo del palco, da dove ha sorriso e ha salutato i praticanti. La sessione è iniziata con la recitazione del “Mangala Sutta” in lingua Pali fatta dai monaci thailandesi, seguita dal “Sutra del Cuore” in vietnamita.

Sua Santità ha quindi intonato a gran voce una “Lode alla perfezione della saggezza”:

Omaggio alla perfezione della saggezza,
la madre di tutti i Buddha dei tre tempi,
che è al di là delle parole, inconcepibile, inesprimibile,
non prodotta e non ostacolata, della natura dello spazio,
dominio oggettivo della saggezza consapevole di sé.
Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama’s Teachings for Asians – Second Day
Set 6th, 2019 by admin

Thai monks reciting the ‘Mangala Sutta’ in Pali at the start of the second day of His Holiness the Dalai Lama’s teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on September 5, 2019. Photo by Tenzin Choejor

September 5, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – On reaching the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple, this morning, His Holiness the Dalai Lama greeted the Lamas and guests sitting around the throne. Before taking his seat, he came to the edge of the platform, from where he smiled and waved to the audience. The session began with Thai monks reciting the ‘Mangala Sutta’ in Pali and continued as monks and lay-people from Vietnam chanted the ‘Heart Sutra’ in Vietnamese.

His Holiness briskly intoned a ‘Praise for the Perfection of Wisdom’,

Homage to the Perfection Wisdom,
The Mother of all Buddhas of the three times,
Which is beyond words, inconceivable, inexpressible,
Unproduced and unobstructed, in the nature of space,
The objective domain of self-aware wisdom.
Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Primo giorno di insegnamenti a Dharamsala
Set 5th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama durante il primo giorno di insegnamenti presso il Tempio Tibetano Principale a Dharamsala, (India), il 4 settembre 2019. Foto di Tenzin Choejor

4 settembre 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha raggiunto a piedi dalla sua residenza al Tsuglagkhang il Tempio Tibetano Principale per il primo dei tre giorni di insegnamenti. Ad attenderlo oltre seimila cinquecento persone, tra le quali  circa duemila provenienti da 69 diversi Paesi. Entrato nel tempio, Sua Santità ha salutato l’abate del monastero di Namgyal, Thamtog Rinpoche, l’ex detentore del trono Ganden Rizong Rinpoche, e gli altri Lama seduti attorno al trono. Prima di prendere posto, ha reso omaggio alle statue del Buddha e di Avalokiteshvara.

I monaci tailandesi hanno recitato un omaggio al Buddha in lingua Pali, seguito dal “Sutra del cuore” in cinese.

“Siamo di nuovo riuniti qui a Dharamsala”, ha esordito Sua Santità “e vorrei dare il benvenuto a tutti voi che siete arrivati da diverse parti del mondo. Persone provenienti da paesi tradizionalmente buddhisti vengono qui da diversi anni, mostrando grande interesse ed entusiasmo per gli insegnamenti. Anche in questa occasione terremo un discorso di Dharma e vorrei ringraziare gli organizzatori che hanno reso possibile tutto questo”. Read the rest of this entry »

First Day of Teachings for Asians
Set 5th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting members of the crowd as he walks to the Main Tibetan Temple for the first day of teachings in Dharamsala, HP, India on September 4, 2019. Photo by Tenzin Choejor

September 4, 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Early morning rain had cleared the air and the sky was blue as His Holiness the Dalai Lama walked from his residence to the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple today. An estimated 6500 people awaited him. Of those, 2000 were visitors from 69 countries: 855 of whom belonged to 38 Asian groups. Entering the temple, His Holiness greeted the Abbot of Namgyal Monastery, Thamtog Rinpoché and former Ganden Throne-holder Rizong Rinpoché, as well as others seated around the throne. Before sitting down, he turned to salute the statues of the Buddha and Avalokiteshvara.

Thai monks chanted a homage to the Buddha in Pali, following which the ‘Heart Sutra’ was recited in Chinese.

Here we are gathered in Dharamsala once again,” His Holiness told the audience, “and I’d like to welcome all those of you who have come from different parts of the world. People from traditionally Buddhist countries have been coming here for several years, showing great interest and enthusiasm for the teachings. On this occasion too, we’re going to hold a discourse and I’d like to thank the organizers who have made this possible.” Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama partecipa alla 52a Convenzione Nazionale dell’Associazione delle Scuole Cattoliche dell’India
Ago 30th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta il pubblico al termine della sessione mattutina della 52a Convenzione nazionale dell’Associazione delle scuole cattoliche dell’India a Mangaluru, Karnataka, India, il 30 agosto 2019. Foto di Tenzin Choejor

30 agosto 2019. Mangaluru, Karnataka, India – Dopo essere arrivato ieri nella città portuale di Mangaluru, questa mattina, il primo incontro di Sua Santità il Dalai Lama è stato con un gruppo di circa 250 giovani tibetani che studiano e si preparano qui. Sua Santità ha ricordato di aver sentito parlare, in una mostra a Pechino negli anni ’70, delle affermazioni secondo cui il Tibet faceva parte della Cina. Queste includevano il matrimonio di Songtsen Gampo con una principessa cinese e Genghis Khan che dava a Drogön Chögyal Phagpa il controllo sul Tibet. Nel contesto della Grande Muraglia cinese che attira così tanti turisti oggi, secondo cui da un lato della terra v’era la Cina e dall’altro nulla, queste affermazioni non hanno peso. Sua Santità ha osservato che gli è stato anche detto che non ci sono documenti storici del tempo della dinastia Tang che si riferiscono al Tibet come parte della Cina. “La principessa cinese che ha sposato il re Songtsen Gampo”, ha osservato, “ha portato in dono un’immagine importante del Buddha. Quando ho visitato Xi’an, ex capitale della Cina, mi è stata mostrata la nicchia vuota in cui si trovava. Le relazioni tra Tibet e Cina erano buone. Tuttavia, Songtsen Gampo scelse di non emulare lo stile cinese della scrittura, invece aveva un alfabeto tibetano modellato sulla scrittura indiana Devanagari. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Attend the 52nd National Convention of All India Association of Catholic Schools
Ago 30th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama arriving for his meeting with Tibetans studying and training in Mangaluru at his hotel in Mangaluru, Karnataka, India on August 30, 2019. Photo by Tenzin Choejor

August 30, 2019. Mangaluru, Karnataka, India – After arriving in the port city of Mangaluru yesterday, this morning, His Holiness the Dalai Lama’s first meeting was with a group of about 250 young Tibetans studying and training here. His Holiness recalled hearing about claims that Tibet had long been part of China made in an exhibition in Beijing in the ‘70s. These included Songtsen Gampo’s marriage to a Chinese princess and Genghis Khan’s giving Drogön Chögyal Phagpa control over Tibet. In the context of the Great Wall of China that attracts so many tourists today, according to which land on one side was China and on the other was not, these claims have no weight. His Holiness remarked that he has also been told there are no historical documents from the time of the Tang Dynasty that refer to Tibet as part of China. “The Chinese princess who married King Songtsen Gampo,” he observed, “brought an important image of the Buddha with her as a gift. When I visited Xi’an, a former capital of China, I was shown the empty niche where it used to sit. Relations between Tibet and China were good. Nevertheless, Songtsen Gampo chose not to emulate the Chinese style of writing and instead had a Tibetan alphabet modelled on the Indian Devanagari script. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama visita il monastero Ön Ngari a Manali
Ago 25th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Filosoficamente, il buddismo è una tradizione profonda e la nostra dipendenza dalla razionalità e dalla logica ci ha permesso di avviare un dialogo fruttuoso con gli scienziati moderni. Incoraggio oggi i seguaci del Buddha ad essere buddisti del 21° secolo, impiegando la ragione e seguendo il percorso dei saggi.”

23 agosto 2019. Manali, Himachal Pradesh, India – Mentre volge al termine il soggiorno di Sua Santità il Dalai Lama a Manali, i monaci del monastero di Ön Ngari lo hanno invitato a visitarli. Dopo aver dato udienza pubblica a diversi gruppi di persone, molti dei quali anziani e malati, Sua Santità è sceso dai suoi alloggi in cima alla nuova ala del monastero ed all’aula didattica. In una breve processione al tempio che include monaci che suonano il corno e un altro che portava un ombrello cerimoniale, lo saluta e lo scorta l‘abate Lobsang Samten. All’interno, Sua Santità, prima di sedersi, si è prostrato davanti alle statue del Buddha e di Avalokiteshvara.

Immediatamente due monaci, uno in piedi ed uno seduto sul pavimento, aprono un dibattito sull’uso della terminologia, come spiegato nel “Compendio della cognizione valida” di Dharmakirti http://www.sangye.it/altro/?p=7077. Li seguono una serie di coppie di giovani monaci, inclusa una coppia che era di giovanissimi, impegnandosi energicamente nel dibattito, che Sua Santità segue con gioia. Successivamente, Sua Santità si unisce ai monaci nelle recitazioni delle Scritture. Iniziano con il primo capitolo dell’ “Ornamento per la Chiara Realizzazione“, cantando nello stile di Gendun Gyatso, il Secondo Dalai Lama, cui segue il secondo capitolo dellaIntroduzione alla Via di Mezzohttp://www.sangye.it/altro/?p=3263 di Chandrakirti http://www.sangye.it/altro/?p=10587 e poi dalla sua lode al Grande Compassionevole chiamato l’Inossidabile Conchiglia Bianca. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Visits Ön Ngari Monastery
Ago 25th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama paying his respects before the statues of the Buddha and Avalokiteshvara before taking his seat at Ön Ngari Monastery in Manali, HP, India on August 23, 2019. Photo by Jeremy Russell

August 23, 2019. Manali, Himachal Pradesh, India – As His Holiness the Dalai Lama’s stay in Manali draws to a close, the monks of Ön Ngari Monastery invited him to visit them. After giving audience to several groups of people, many of them elderly and infirm, His Holiness came down from his quarters on top of the Monastery’s new accommodation and classroom block. Abbot Lobsang Samten greeted him and escorted him in a short procession that included monks playing horns and another bearing a ceremonial umbrella to the temple. Inside, His Holiness paid his respects before the statues of the Buddha and Avalokiteshvara, before taking his seat.

Immediately two monks, one standing and one seated on the floor, opened a debate on the usage of terminology as explained in Dharmakirti’s ‘Compendium of Valid Cognition’. A series of pairs of young monks followed them, including a couple who were still boys, engaging energetically in debate, which His Holiness followed with enjoyment. Next, His Holiness joined the monks in recitations from the scriptures. They began with the first chapter of ‘Ornament for Clear Realization’, chanting in the style of Gendun Gyatso, the Second Dalai Lama. Read the rest of this entry »

Le violenze contro le monache di Yachen Gar
Ago 22nd, 2019 by admin

Espulse dai monasteri, le religiose subiscono violenze e stupri negli orrendi «centri di detenzione»

La recente notizia della detenzione di circa 3.500 fra monaci e monache tibetani nel Centro buddhista Yachen Gar, nella contea di Palyul a Kardze, una prefettura della provincia del Sichuan, mette in luce un’altra dimensione della persecuzione del PCCcontro gruppi minoritari quali i tibetani e gli uiguri. La storia dell’oppressione comunista rivela che abusi e torture di questo genere contro i tibetani sono da sempre una caratteristica della politica praticata dal governo cinese in Tibet. E lo sforzo del PCC per «sinizzare» la religione e la cultura tibetane con programmi di indottrinamento prosegue: i monaci e le monache detenuti sono infatti costretti a diventare “patrioti” cinesi nei campi di concentramento, e qualsiasi accenno di dissenso o di resistenza comporta sevizie e abusi gravi.

Se si esaminano le violazioni dei diritti umani da parte della Cina nei confronti dei tibetani in Tibet, si vede che i detenuti sono prevalentemente monaci e monache. Una delle caratteristiche più sorprendenti della repressione è costituita dalla violenza di genere perpetrata contro le monache tibetane. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama conclude gli insegnamenti a Manali
Ago 20th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se il Dharma è efficace o meno dipende dal fatto che riesci a trasformare la tua mente. Avendo ascoltato gli insegnamenti, sta a te effettuare questa trasformazione.”

18 agosto 2019. Manali, Himachal Pradesh, India – Dopo un diluvio di due giorni, la pioggia ha continuato ancora a cadere mentre Sua Santità il Dalai Lama è arrivato sul luogo di insegnamento questa mattina: saluta il pubblico, saluta quelli seduti attorno al trono e si siede. Sua Santità consiglia ai monaci seduti in prima fila di coprirsi dal freddo. “Oggi esamineremo gli “Otto versi per addestrare la mentehttp://www.sangye.it/altro/?p=27 ha osservato, aprendo una copia del libro contenente i testi che stava insegnando in tibetano, hindi, inglese e cinese.

Geshé Langri Thangpa era noto per la sua pratica della bodhicitta. Pensando alle sofferenze degli esseri senzienti era così commosso che pianse. Il suo viso aveva un’espressione perpetuamente dolente.

“Ho ricevuto una spiegazione di questo testo da molti dei miei maestri, tra cui Kyabjé Trijang Rinpoché, e lo recito ogni giorno da quando ero un bambino. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama’s Teachings in Manali Completed
Ago 19th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the audience on the final day of his teachings in Manali, HP, India on August 18, 2019. Photo by Tenzin Choejor

August 18, 2019. Manali, Himachal Pradesh, India – After a two day deluge, rain continued to fall as His Holiness the Dalai Lama arrived at the teaching ground this morning. He waved to the audience, greeted those sat around the throne and took his seat. He advised the monks sitting in the front rows to wrap themselves up against the cold. “Today, we’ll look at the ‘Eight Verses for Training the Mind’,” he remarked, opening a copy of the book containing the texts he was teaching in Tibetan, Hindi, English and Chinese. “Geshé Langri Thangpa http://www.sangye.it/altro/?p=497 was known for his practice of bodhichitta. Thinking of the sufferings of sentient beings he was so moved he wept. His face wore a perpetual doleful expression.

I received an explanation of this text from several of my teachers including Kyabjé Trijang Rinpoché, and I’ve been reciting it daily since I was a small boy. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Iniziazione ad Avalokiteshvara a Manali
Ago 18th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama tiene un discorso introduttivo prima dell’effettiva Iniziazione di Mahakarunika Lokeshvara a Manali, HP, India, il 17 agosto 2019. Foto di Tenzin Choejor

17 agosto 2019. Manali, Himachal Pradesh, India – Circa 8000 persone si sono radunate oggi a Manali, nonostante la pioggia incessante, per assistere all’iniziazione del Mahakarunika Lokeshvara data da Sua Santità il Dalai Lama. Il luogo dell’evento, dove erano stati allestiti dei padiglioni, era gremitissimo, al punto che altre 500 persone seguivano l’insegnamento dall’esterno.

“Questa iniziazione proviene dalla collezione nota come Visioni segrete del Quinto Dalai Lama“, ha annunciato Sua Santità. “Durante un ritiro di Avalokiteshvara intrapreso nel Palazzo Potala dopo aver consultato l’Oracolo di Nechung, il Quinto Dalai Lama ebbe una visione del re Songtsen Gampo, che emerse dal cuore di Avalokiteshvara e lo condusse nel mandala, dove ricevette questi nove poteri di divinità.

Ho ricevuto i poteri in questa raccolta di 25 visioni da Tagdag Rinpoché quando ero molto giovane. Più tardi, in esilio, ho ricevuto i poteri di longevità da Trulshik Rinpoché. Ho intrapreso i ritiri di questa e di altre pratiche. Read the rest of this entry »

Empowerment of Mahakarunika Lokeshvara: the Great Compassionate Lord of the World
Ago 18th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama performing preparatory rituals for the Empowerment of Mahakarunika Lokeshvara in Manali, HP, India on August 17, 2019. Photo by Tenzin Choejor

August 17, 2019. Manali, Himachal Pradesh, India – An estimated 8000 people gathered in Manali today, despite incessant rain, to attend the Mahakarunika Lokeshvara empowerment given by His Holiness the Dalai Lama. The teaching ground, over which canopies had been set up, was filled to capacity and another 500 people followed events from the street outside. “This empowerment comes from the collection known as the Secret Visions of the Fifth Dalai Lama,” His Holiness announced to begin with. “During an Avalokiteshvara retreat undertaken in the Potala Palace after consulting the Nechung Oracle, the Fifth Dalai Lama had a vision of King Songtsen Gampo, who emerged from the heart of Avalokiteshvara and led him into the mandala, where he received this nine deity empowerment.

I received the empowerments in this collection of 25 visions from Tagdag Rinpoché when I was very young. Later, in exile, I received the longevity empowerments in the collection from Trulshik Rinpoché. I have undertaken the retreats for this and the other practices. Read the rest of this entry »

Secondo giorno d’insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama a Manali
Ago 16th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama spiega il “Commentario sulla Mente del Risveglio” di Nagarjuna, il secondo giorno dei suoi insegnamenti a Manali, HP, India, il 14 agosto 2019. Foto di Tenzin Choejor.

14 agosto 2019. Manali, Himachal Pradesh, India – Prima di partire per il luogo di insegnamento, questa mattina, Sua Santità ha rilasciato un’intervista alla Hakka TV di Taiwan. Tra gli argomenti toccati, l’intervistatore ha chiesto a Sua Santità se si ritiene è il più ottimista dei Dalai Lama e come riesce a mantenersi sorridente. “Sono un essere umano”, rispose Sua Santità, “e noi esseri umani siamo animali sociali. I 7 miliardi di esseri umani oggi viventi sono emotivamente, mentalmente e fisicamente uguali. Tutti abbiamo il diritto di vivere una vita felice. La capacità di sorridere è qualcosa che solo gli esseri umani possono avere: si sprigiona naturalmente. Tuttavia, ricordo anche che il maestro buddista indiano dell’ottavo secolo Shantideva http://www.sangye.it/altro/?p=2340 consigliò che, se sei un praticante di bodhicitta, dovresti sorridere a tutti quelli che incontri”.

Alla domanda se tutti possano raggiungere la pace della mente, Sua Santità ha osservato che mentre in passato l’educazione era stata in gran parte nelle mani di istituzioni religiose che avevano instillato valori interiori nei loro studenti, l’educazione moderna ha obiettivi materialistici e promuove uno stile di vita materialista. Read the rest of this entry »

His Holiness Dalai Lama’s 2° Day of Teachings in Manali
Ago 16th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking on the second day of his teachings in Manali, HP, India on August 14, 2019. Photo by Tenzin Choejor

August 14, 2019. Manali, Himachal Pradesh, India – Before leaving for the teaching ground this morning, His Holiness gave an interview to Hakka Television from Taiwan. Among a range of topics touched on, the interviewer wanted to know if His Holiness is the most optimistic of the Dalai Lamas and how he is able to keep smiling. “I’m a human being,” His Holiness replied, “and we human beings are social animals. The 7 billion of us alive today are emotionally, mentally and physically the same. We all have a right to live a happy life. The ability to smile is something only human beings can do, it comes naturally. However, I also remember that the 8th century Indian Buddhist master Shantideva http://www.sangye.it/altro/?p=10177 advised that if you are a practitioner of bodhicitta, you should smile at everyone you meet.” Asked if everyone can achieve peace of mind, His Holiness noted that whereas in the past education had largely been in the hands of religious institutions that instilled inner values in their students, modern education has materialistic goals and fosters a materialistic way of life. Read the rest of this entry »

Primo giorno d’insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama a Manali
Ago 14th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “La fisica quantistica osserva che nulla ha un’esistenza oggettiva, il che lo trovo utile nella mia meditazione sulla vacuità”.

13 agosto 2019, Manali, Himachal Pradesh, India – La pioggia durante la notte è svanita mentre Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato questa mattina il Monastero di Ön Ngari Dratshang. Sul vicino parcheggio del Consiglio comunale erano stati allestiti un palcoscenico ed uno spazio coperto per il pubblico. L’abate di Ngari Dratshang lo ha accolto e, con i leader locali, lo ha accompagnato sul palco da dove ha salutato la folla e ha salutato i lama che rappresentavano le varie tradizioni buddiste tibetane. Tra loro c’era la giovane Dungsey Asanga Rinpoché del Sakya Phuntsok Phodrang. All’arrivo di Sua Santità, i monaci stavano dibattendo di fronte al palco. Una volta preso posto, Sua Santità inizia la recita corale delle preghiere, mentre venivano distribuiti tè e riso dolce.

“Oggi siamo qui a Manali su invito del monastero di Ön Ngari”, ha iniziato Sua Santità, “che è stato ricollocato su richiesta dell’ex abate del monastero  di Gomang in un edificio che era stato donato ai tre luoghi di apprendimento. Questo è ora un monastero in cui i monaci non si limitano a memorizzare testi. Ma li studiano. Ngari Dratshang, Dakpo Shedrupling e Chö-khor Gyal furono fondati dal Secondo Dalai Lama. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama’s First Day of Teachings in Manali
Ago 14th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking on the first day of his teachings in Manali, HP, India on August 13, 2019. Photo by Tenzin Choejor

August 13, 2019, Manali, Himachal Pradesh, India – The overnight rain relented as His Holiness the Dalai Lama set off from Ön Ngari Dratshang this morning. On the nearby Municipal Council Parking Ground a stage and a covered space for the audience had been set up. The Ngari Dratshang Abbot welcomed him and, with local leaders, escorted him to the stage from where he saluted the crowd and greeted lamas representing the various Tibetan Buddhist traditions. Among them was the young Dungsey Asanga Rinpoché from the Sakya Phuntsok Phodrang. As His Holiness arrived, monks were debating in front of the stage. Once he had taken his seat, prayers were recited, while tea and sweet rice were distributed.

Today, we’re here in Manali at the invitation of Ön Ngari Monastery,” His Holiness began, “which has been re-established at the request of the former Abbot of Gomang Monastery in a building that had been given to the Three Seats of Learning. This is now a monastery where monks are not limited to memorizing texts. They study them too. Ngari Dratshang, Dakpo Shedrupling and Chö-khor Gyal were founded by the Second Dalai Lama. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Travels to Manali
Ago 11th, 2019 by admin

The Abbot of Ön Ngari Monastery, Gomang Khensur Lobsang Samten, making traditional offerings to His Holiness the Dalai Lama during welcoming ceremonies at the monastery in Manali, HP, India on August 10, 2019. Photo by Lobsang Tsering

August 10, 2019. Manali, Himachal Pradesh, India – After a wet night, rain continued to fall as His Holiness the Dalai Lama set off for Manali yesterday morning. Tibetans lined the road down to Dharamsala and through the town to see him off. The heavy rain kept up as His Holiness’s convoy drove across the lower Kangra Valley. At Nadaun the River Beas was very full. Breaking the journey at Hamirpur His Holiness was welcomed by beaming students from Kinnaur, Lahoul & Spiti. Former Chief Minister of Himachal Pradesh, Prof Prem Kumar Dhumal, lives in Hamirpur and came to greet His Holiness, who regaled him and his companions with why he is committed to reviving aspects of ancient Indian knowledge for our modern world.

The road from Hamirpur climbs the hills to pass Rewalsar, the village and lake celebrated by Tibetans and people of the Himalayan region as Tso-Pema for its association with Guru Padmasambhava. People holding silk scarves and burning sticks of incense lined the road to greet His Holiness as he passed. After Tso-Pema, as the rain eased and the sun began to come out, there was a winding descent down to Mandi. His Holiness ate lunch and retired for the day in the palace of the erstwhile Raja of Mandi that is now a hotel. Read the rest of this entry »

Tibetani picchiati e arrestati perché in possesso di foto del Dalai Lama
Ago 3rd, 2019 by admin

Sua Santità il XIV Dalai Lama del Tibet, Premio Nobel per la Pace

Alcune fonti anonime avrebbero riferito a RFA che  la polizia nella provincia occidentale del Sichuan nel mese di luglio ha picchiato gli abitanti dei villaggi tibetani dopo che  sono state trovate nelle loro abitazioni foto del Dalai Lama e hanno arrestato altri che avevano celebrato preghiere pubbliche per augurare lunga vita al Dalai Lama, durante i festeggiamenti per il suo compleanno.
Durante le ispezioni i funzionari locali, accompagnati dalla polizia armata e vestita di nero  hanno trovato le foto del Dalai Lama appese nelle pareti delle case. Sono state controllate le unità abitative confiscando le immagini e percuotendo chiunque sia stato  trovato in possesso di figure del leader spirituale del Tibet. Alcuni residenti sono stati arrestati, il 6 luglio, perché avevano recitato preghiere in occasione dell’84° compleanno del Dalai Lama. 

Dopo gli arresti  le tensioni rimangono elevate, diverse persone nelle comunità sono state prese in custodia.

I dettagli sulla data degli assalti e delle incarcerazioni, nonché i nomi e il numero di quelli detenuti non sono disponibili. Read the rest of this entry »

Dalai Lama, nelle stanze segrete dell’ultimo signore del Tibet
Ago 3rd, 2019 by admin

Sua Santità il 14° Dalai Lama del Tibet

Sebbene sia in esilio, il Dalai Lama resta il custode delle tradizioni religiose e culturali del suo popolo. La Cina, che ha colonizzato la regione himalayana, è decisa a designarne il successore. Lui, che ha compiuto 84 anni, ha in mente una strategia per contrastare Pechino.

Un uomo può scegliersi il suo destino. Anche una fede può scegliersi il suo, di destino. Più complicato è quando le due scelte si intrecciano. Tenzin Gyatso il proprio destino ha provato più volte a non subirlo da quando il 22 febbraio 1940 — non aveva ancora 5 anni, è nato il 6 luglio 1935 — salì sul trono del Tibet come quattordicesimo Dalai Lama, signore spirituale e, a quel tempo, temporale. Lavorò a un accomodamento con la Cina comunista di Mao Zedong che nel 1950-51 aveva «liberato» le aree tibetane (insieme costituiscono un quarto del territorio della Repubblica popolare), decise di fuggire in India nel marzo 1959 quando la morsa di Pechino si era fatta insopportabile, rinunciò a rivendicare un’impossibile indipendenza e, in ultimo, nel 2011 si spogliò della propria autorità politica di leader del governo in esilio. È adesso, a 84 anni, che la sorte di Tenzin Gyatso diventa davvero un tutt’uno con quella della sua religione, il Buddhismo tibetano.

Il commissariamento delle attività religiose

In gioco, la sopravvivenza delle strutture gerarchiche che nei secoli hanno garantito la continuità di una tradizione spirituale sulla quale si basa l’identità culturale di un popolo. Read the rest of this entry »

Il Dalai Lama ringrazia per gli auguri di compleanno
Lug 13th, 2019 by admin

Sua santità il Dalai Lama: “Ho già detto che, se volete farmi un regalo di compleanno, il meglio che potete fare è contribuire all’adempimento dei miei tre impegni …!

Vorrei ringraziarvi profondamente per i cordiali auguri che molti di voi mi hanno inviato il giorno del mio compleanno, il 6 luglio 2019. Ora ho 84 anni, ma spero di poter celebrare l’occasione con tutti voi per molti altri anni a venire.

Ho già detto che, se volete farmi un regalo di compleanno, il meglio che potete fare è contribuire all’adempimento dei miei tre impegni: promuovendo i valori umani più profondi, basati sul sentimento d’unicità dell’umanità, con l’obiettivo di creare una società più compassionevole; incoraggiando l’armonia e la comprensione tra le principali tradizioni religiose del mondo, e preservando la lingua e la cultura tibetana, il patrimonio tibetano ricevuto dai maestri dell’Università di Nalanda in India, mentre ci si dedica anche alla protezione dell’ambiente naturale del Tibet.

Inoltre, sono impegnato con tutto il cuore nel far rivivere tra i giovani indiani d’oggi l’apprezzamento dell’antica conoscenza indiana.

Abbiamo bisogno di introdurre la compassione e la cordialità nel nostro moderno sistema educativo per renderlo più olistico. Gran parte delle turbolenze che assistiamo in tutto il mondo si verificano perché le persone sono sopraffatte da emozioni disturbanti che possono essere difficili da affrontare.

Credo che la ricca comprensione del funzionamento della mente e delle emozioni che troviamo nelle antiche tradizioni indiane sia oggi rilevante. Sarebbe estremamente proficuo esaminare ed applicare queste conoscenze e valori come una disciplina umana di base, e non da un punto di vista religioso. Proprio come s’insegna l’igiene del fisico per rimanere fisicamente in forma, abbiamo bisogno di coltivare l’igiene emotiva, imparando ad affrontare le nostre emozioni distruttive, così da ottenere la pace della mente. Read the rest of this entry »

Thank You from His Holiness
Lug 11th, 2019 by admin

His Holiness the Dalai Lama : “Much of the turmoil we witness across the world occurs because people are overwhelmed by disturbing emotions that can be difficult to tackle.:.”

July 10, 2019. I would like to thank you deeply for the warm greetings that many of you have sent me on my birthday, 6 July 2019. I am now 84 years old, but I hope to be able to celebrate the occasion with all of you for many more years to come.

I have said before that if you would like to make me a birthday gift, the best you can do would be to help in fulfilling my three commitments—promoting deeper human values based on a sense of the oneness of humanity, with the aim of creating a more compassionate society; encouraging harmony and understanding among the world’s major religious traditions: And preserving the Tibetan language and culture, the heritage Tibetans received from the masters of India’s Nalanda University, while also working for the protection of Tibet’s natural environment.

In addition, I am whole-heartedly committed to reviving an appreciation of ancient Indian knowledge among young Indians today. We need to incorporate compassion and warm-heartedness into our modern education system to make it more holistic. Much of the turmoil we witness across the world occurs because people are overwhelmed by disturbing emotions that can be difficult to tackle.

I believe that the rich understanding of the workings of the mind and emotions that we find in ancient Indian traditions remains relevant today. There would be great value in examining and applying this as a basic human discipline, and not from a religious point of view. Just as we teach physical hygiene to stay physically fit, we need to cultivate emotional hygiene, learning to tackle our destructive emotions, so as to better achieve peace of mind.

Wherever I am, I share these ideas with anyone who wishes to listen. If you would like to help, I would be grateful if you could do the same.

Dalai Lama, July 10

Il Nepal ha proibito i festeggiamenti del compleanno del Dalai Lama
Lug 9th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama

8 Luglio 2019 . Il Dalai Lama ha compiuto 84 anni e i suoi seguaci in Nepal hanno sperato di celebrare l’evento nella capitale, Kathmandu, ma il governo comunista ha respinto la loro richiesta.

Kathmandu – La comunità tibetana in Nepal ha cancellato i piani per celebrare il compleanno del loro capo spirituale il Dalai Lama dopo che la loro richiesta di una celebrazione pubblica è stata respinta per motivi di sicurezza, ha detto oggi un funzionario del governo.

La Cina, che considera il Dalai Lama un pericoloso separatista, ha aumentato la sua influenza nella nazione himalayana che ospita circa 20.000 tibetani.

Il Nepal è un cuscinetto naturale tra la Cina e l’India ed è considerato da Nuova Delhi come il suo alleato naturale, ma la Cina si sta facendo strada anche fornendo aiuti  e investimenti infrastrutturali in quello che è uno dei 10 paesi più poveri del mondo. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama met with Educators Discussing ‘Human Education in the 3rd Millennium’
Lug 9th, 2019 by admin