»
S
I
D
E
B
A
R
«
Il Parlamento Europeo chiede alla Cina il rispetto dei diritti in Tibet
January 20th, 2018 by admin

Il Parlamento Europeo, ha approvato a maggioranza giovedi 18 gennaio una risoluzione con la quale invita la Cina al rispetto delle disposizioni della propria costituzione che garantiscono i diritti dei tibetani e di altri cittadini cinesi alla libertà di espressione e parola,alla libertà di associazione e religione, incluso il diritto di criticare o protestare contro  la politica del governo.

La risoluzione adottata dal parlamento – l’organo legislativo di Strasburgo, con sede in Francia  composta da 28 Stati membri dell’Unione europea – ha preso in particolare considerazione il caso dell’attivista tibetano Tashi Wangchuk, che ora deve affrontare una pena detentiva di 15 anni,  difensore del diritto dei tibetani a studiare ed esprimersi nella loro lingua e per questo accusato di “incitamento al separatismo”.

Inoltre, è stata posta particolare attenzione al monaco tibetano Choekyi, imprigionato nel 2015 per aver festeggiato il compleanno del leader spirituale il Dalai Lama. Il Parlamento europeo ha chiesto il rilascio “immediato e incondizionato” di entrambi gli uomini.

In un’intervista a RFA , Michaela Sojdorva, vicepresidente della delegazione ceca del gruppo del Partito popolare europeo e coautore della risoluzione, ha dichiarato:

Siamo sinceramente molto preoccupati per la vita di questi uomini”, sottolineando che Choekyi in particolare, in carcere è in condinzioni di salute precarie.

Parlando per telefono, Sojdorva ha ripetuto la richiesta del parlamento inviata a Pechino di impegnarsi in colloqui con il Dalai Lama volti a risolvere pacificamente la questione del Tibet e che il parlamento ha osservato nella sua risoluzione che la legge penale cinese “viene violata per perseguitare i tibetani e Buddisti, le cui attività religiose sono equiparate al separatismo”.

Ribadiamo la richiesta al governo della Repubblica popolare cinese di impegnarsi con Sua Santità il Dalai Lama attraverso il dialogo e la negoziazione al fine di garantire al Tibet un’autentica autonomia nel quadro della costituzione della Repubblica popolare cinese “.

Esortiamo le autorità cinesi a rilasciare immediatamente tutti i difensori dei diritti umani e chiediamo al governo cinese di rispettare la propria costituzione, in particolare per quanto riguarda la protezione delle minoranze etniche nazionali”

Invitiamo l’Unione europea a sollevare regolarmente la questione delle violazioni dei diritti umani in Cina nei suoi dialoghi con il paese, il parlamento ha mostrato “una voce forte, chiara e unitaria “.

Nella risoluzione viene affermato che:

La Cina ha scelto di salvaguardare i diritti umani sottoscrivendo una vasta gamma di trattati internazionali sui diritti umani “

Il Parlamento europeo chiede, pertanto,  il dialogo con la Cina per far rispettare tali impegni”.

Radio Free Asia,18/01/2018

Traduzione Laogai Research Foundation Italia Onlus http://www.laogai.it/parlamento-europeo-chiede-alla-cina-rispetto-dei-diritti-tibet/

English article RFA:

European Parliament Calls Out China on Repression in Tibet
Continua a leggere: Il Parlamento Europeo chiede alla Cina il rispetto dei diritti in Tibet | Laogai Research Foundation Italia ONLUS
Follow us: @LaogaiRFItalia on Twitter | LaogaiResearchFoundationItalia on Facebook


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa