»
S
I
D
E
B
A
R
«
Inasprimento sui gruppi sociali tibetani
August 1st, 2018 by admin

La polizia cinese fotografa la folla al dispiegamento cerimoniale, durante il Festival di Shoton al Monastero di Drepung, alla periferia di Lhasa, nella Regione autonoma del Tibet, il 29 agosto 2011

Human Rights Watch (HRW) ha affermato in un recente rapporto che la Cina sta prendendo di mira alcune attività sociali tra cui il dissenso politico e le iniziative della società civile sotto l’apparenza di voler contrastare i crimini organizzati in Tibet. Il direttore cinese dell’organizzazione, Sophie Richarson, ha dichiarato che la polizia ha ricevuto “poteri virtualmente illimitati” all’interno del Tibet. “Ora le autorità possono perseguire le persone semplicemente per la raccolta di dati per qualsiasi scopo non direttamente imposto o approvato dallo stato”. Richardson ha inoltre affermato che “Pechino dichiara ripetutamente che i tibetani sono autonomi e che i loro diritti di minoranza etnica sono rispettati. Le realtà mostra solo una crescente repressione della vita quotidiana dei tibetani e dei diritti umani fondamentali”.

Nel febbraio 2018, l’ufficio di pubblica sicurezza della Cina nella regione autonoma del Tibet (TAR) ha emesso un avviso che invitava il pubblico a informare sulle “forze della malavita” e ha dichiarato che una serie di attività sociali tradizionali o informali tra i tibetani era illegale.

Queste includevano iniziative locali per la protezione dell’ambiente, la conservazione della lingua e la mediazione delle controversie, alcune delle quali sostenevano segretamente di incoraggiare il sostegno per il Dalai Lama in esilio o per l’indipendenza tibetana.

L’avviso della polizia ha anche descritto qualsiasi espressione di sostegno alla proposta del Dalai Lama di una maggiore autonomia in Tibet come forma di criminalità organizzata. A nostra conoscenza, questa è la prima volta che tali attività e opinioni sono state ufficialmente elencate come crimini da un ente a livello provinciale in Tibet.

Gruppi ambientalisti e altre iniziative comunitarie sono ancora permesse in alcune aree orientali del Tibet, ma la pubblicazione dell’avviso della polizia indica l’avallo di alto livello per i funzionari del TAR, e limita le iniziative informali per proteggere l’ambiente, difendere la cultura tibetana o fornire assistenza sociale. Queste restrizioni minano le pratiche sociali tradizionali nella società tibetana, interrompono le normali forme di vita comunitaria e riducono i diritti dei tibetani in Cina di riunire e formare associazioni sociali informali, diritti garantiti dalla costituzione cinese e dal diritto internazionale.

Come stato membro delle Nazioni Unite, la Cina ha accettato la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, le cui disposizioni sono ampiamente considerate come una riflessione del diritto internazionale. Questi includono i diritti alla libertà di associazione, riunione pacifica, espressione e partecipazione alla vita culturale della comunità. L’avviso della polizia è l’ultima prova che la Cina sta violando sistematicamente questi diritti in Tibet.

Autorità del TAR ha emesso l’avviso della polizia in una risposta apparente ad una riunione nazionale del Partito Comunista Cinese (PCC) del segretario generale Xi Jinping nel mese gennaio per combattere le principali forme di “criminalità organizzata” e “bande mafiose”. Giri di vite precedenti su tali crimini in Cina si sono concentrati sulla protezione della stabilità sociale e della sicurezza, ma l’obiettivo dell’attuale campagna è apertamente politico: Xi ha affermato che “salvaguardare la sicurezza politica” è uno degli scopi principali della campagna, e l’agenzia di stampa ufficiale Xinhua lo ha descritto come un atto ” mirato principalmente a consolidare le fondamenta del governo del Partito Comunista Cinese ed a rafforzare il potere politico a livello di base “.

Mentre altre province in Cina hanno focalizzato le loro versioni della lotta anti-mafia su crimini come la corsa alle armi e al gioco d’azzardo, le autorità del TAR hanno usato la campagna, che dovrebbe durare per tre anni, per colpire sospetti dissidenti politici e per sopprimere le iniziative della società civile. Questi includono non solo iniziative organizzate su questioni ambientali e culturali, ma anche forme tradizionali di azione sociale, in particolare la mediazione locale di controversie familiari o familiari da parte di lama o altre figure dell’autorità tradizionale. Questa pratica sociale tibetana comune è stata ora classificata come illegale e solo i funzionari governativi o di partito sono ora autorizzati a mediare le dispute nel TAR. Inoltre, le associazioni di welfare informali, conosciute come kyidu,che sono una caratteristica tradizionale delle comunità tibetane, sono ora considerate illegali, apparentemente perché sono considerate una minaccia al dominio del partito.

Le ricerche di Human Rights Watch indicano che le dichiarazioni infondate del governo che stanno combattendo la manipolazione e l’infiltrazione straniera, e che le nuove restrizioni del TAR mirano ad aumentare l’autorità del PCC a livello di base, distruggendo qualsiasi influenza residua di lama e leader tradizionali all’interno delle comunità tibetane.

Questo rapporto esamina la comunicazione della polizia del febbraio 2018 e le sue conseguenze, compresa la messa al bando delle organizzazioni di mediazione e di assistenza sociale. Esamina anche il contesto della comunicazione attraverso precedenti regolamenti che criminalizzano l’attivismo sociale in Tibet. Le appendici del rapporto includono testimonianze dettagliate che spiegano l’impatto di queste restrizioni sulla vita quotidiana e le traduzioni dei documenti governativi pertinenti.

Traduzione a cura della LRF Italia Onlus: “L’altra Cina: in ricordo di Harry Wu” https://www.hrw.org/news/2018/07/29/china-crackdown-tibetan-social-groups,

https://www.laogai.it/cina-crackdown-sui-gruppi-sociali-tibetani/


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa