»
S
I
D
E
B
A
R
«
Nascosto ma non dimenticato: la commemorazione delle sparizioni forzate illumina gli oscuri segreti della prigione del Tibet
September 1st, 2018 by admin

Il difensore della lingua tibetana Tashi Wangchuk

Alla fine di gennaio 2016, il difensore della lingua tibetana Tashi Wangchuk è scomparso. Come tanti altri tibetani prima e dopo, è semplicemente svanito nel nulla  senza lasciare traccia, la sua famiglia sconvolta è stata lasciata a meditare sul suo destino.

Due mesi prima Tashi era apparso in un film documentario del New York Times e in un articolo in cui aveva delineato le sue paure per la sopravvivenza a lungo termine della lingua e cultura tibetana e le sue preoccupazioni che sotto il dominio cinese la prossima generazione di tibetani potrebbe crescere incapace di parlare la loro lingua madre. Avrebbe potuto scegliere di farlo in modo anonimo, ma Tashi ha insistito per parlare ai giornalisti e voleva parlare al mondo del Tibet.

Circa due mesi dopo, la sua famiglia ha imparato ciò che dovevano aver già temuto. Le persone che parlano in Tibet sono fatte sparire. Tashi era stato arrestato dai servizi di sicurezza cinesi, torturato e infine accusato di “incitamento al separatismo”. È rimasto incarcerato per oltre due anni, allontanato dalla sua famiglia e dai suoi avvocati, le sue condizioni di salute sconosciute. Nel maggio di quest’anno è stato condannato a cinque anni di carcere. La scorsa settimana, il suo appello è stato respinto. Non ci sono prove che Tashi Wangchuk abbia mai commesso un crimine.

Il 30 agosto si è svolta la Giornata internazionale dei desaparecidos, che riconosce la sofferenza creata dalle sparizioni forzate, sia per la persona che è stata sequestrata sia per le famiglie, gli amici e le comunità che sono state dimenticate. Il nostro pianeta potrebbe essere più interconnesso che mai, ma questa triste realtà persiste tuttavia per molte persone in tutto il mondo, incluse centinaia di tibetani. Le persone possono ancora svanire nel nostro mondo sempre più piccolo.

I tibetani e gli uiguri che difendono la loro cultura, i dissidenti cinesi e gli attivisti di Hong Kong sono tutti a rischio sotto il governo del Partito Comunista Cinese. Le cifre ufficiali dello stato rivelano un tasso di condanna del 99,93%; degli 1,16 milioni di persone processate l’anno scorso, i tribunali cinesi hanno emesso un verdetto di colpevolezza per tutti tranne che per 825 di loro.

Come Tashi Wangchuk, molte di queste persone non avranno mai commesso un crimine riconoscibile. La sua accusa, “incitazione al separatismo”, è uno dei numerosi “reati per la sicurezza dello stato” contenuti nel codice penale cinese. Con il pretesto della sicurezza dello stato, i tibetani sono stati puniti per una serie di attività, dalla partecipazione a una protesta per la bandiera nazionale tibetana proibita, al parlare con i media stranieri delle minacce poste allo stile di vita dei tibetani. I tibetani sono stati rapiti dalla polizia e dalle forze di sicurezza, imprigionati e torturati per “crimini”, semplici come inviare e-mail a persone al di fuori del paese sulla violazione dei diritti umani, oppure augurare buon compleanno al Dalai Lama e intonare canzoni che celebrano la cultura tibetana.

Le condanne per i crimini di sicurezza dello stato possono essere lunghe: nel gennaio 2015, un monaco tibetano di nome Thardhod Gyaltsen è stato condannato a 18 anni di carcere dopo che un raid della polizia lo ha ritenuto essere in possesso di immagini e registrazioni del Dalai Lama.

Quando un individuo viene sequestrato e accusato per “minacce” alla sicurezza dello stato, anche una parvenza di rispetto per i diritti umani o di un giusto processo manca. I sospettati vengono portati generalmente in un luogo segreto dove, lontano dagli occhi del mondo, sono ad alto rischio di tortura. Il maltrattamento può essere espressamente vietato dalla legge internazionale e cinese, ma secondo il diritto del PCC, le uniche persone che potrebbero essere punite per questo sono i sospettati, le cui confessioni forzate sono ancora utilizzate come prove in tribunale. Nel 2014 il Comitato delle Nazioni Unite per la tortura ha criticato la Cina per aver continuato a permettere questa pratica e lo stesso Comitato ha osservato che la detenzione e il carcere sono costati la vita a diversi tibetani. Tenzin Namgyal, ex prigioniero e sopravvissuto alla tortura, ha ricordato che i suoi rapitori gli avevano detto: “Comunque molte persone come te le uccidiamo e nessuno lo scoprirà mai”

Queste prigioni e centri di detenzione sono disseminati in tutto il Tibet, una vasta rete in cui sono detenuti almeno 2000 prigionieri politici tibetani. Chi si trova in stato di detenzione può trovarsi anche in case, ostelli e alberghi che fungono da siti  “prigione nera” utilizzati per punire ed estorcere confessioni.

Le risposte ufficiali del PCC hanno negato categoricamente il maltrattamento dei prigionieri del suo popolo, compresi tibetani e uiguri. Questa politica di rifiuto arriva nonostante la serie di preoccupazioni espresse all’inizio del mese dal Comitato delle Nazioni Unite per l’eliminazione della discriminazione razziale (CERD) per l’internamento di oltre un milione di uiguri nei “campi di rieducazione” e la morte di tibetani in carcere come Tenzin Delek Rinpoche nel 2015.

Nonostante le sofferenze causate ai tibetani come Tashi Wangchuk e la sua famiglia, ci sono motivi di speranza. La condanna a cinque anni che ha ricevuto è  troppo lunga, ma relativamente clemente per un crimine di sicurezza allo stato. Questo probabilmente sarà il risultato della massiccia attenzione internazionale e delle pressioni generate dai sostenitori del Tibet e dalle organizzazioni per i diritti umani, che hanno chiarito che anche se Tashi Wangchuk poteva essere stato nascosto, non era stato dimenticato. Ex detenuti tibetani, come il monaco e il difensore dei diritti umani Golog Jigme, hanno parlato del sostegno internazionale che hanno ricevuto mentre erano in prigione, di come ha filtrato e rafforzato la loro determinazione.

Per questo motivo, organizzazioni come il Tibet Libero si sono impegnate a fondo e hanno spinto la Cina a rivelare la posizione dei detenuti e dei prigionieri che si sta nascondendo con richieste di rilasciarli. È un obiettivo difficile che richiede mesi, forse anni di lavoro, ma molte concessioni possono essere elargite come la liberazione anticipata, permettere le visite visita dei famigliari, un trattamento umano in carcere che possono fare una differenza tangibile. Il 30 agosto è stato un giorno per sottolineare il trauma causato dalle sparizioni forzate, ma anche il lavoro svolto per porre fine a questa pratica.

Fonte: Hong Kong Free Prees, 30 agosto 2018, English article: https://youtu.be/7HGZXcBq87chttps://www.hongkongfp.com/2018/08/30/hidden-not-forgotten-intl-day-disappeared-shines-light-tibets-dark-prison-secrets/; https://www.laogai.it/nascosto-ma-non-dimenticato-il-giorno-della-commemorazione-delle-sparizioni-forzate-illumina-gli-oscuri-segreti-della-prigione-del-tibet-video/


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa