»
S
I
D
E
B
A
R
«
Terzo giorno d’Insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama a Dharamsala
September 7th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Per raggiungere la liberazione dobbiamo superare le emozioni afflittive. Dobbiamo studiare, riflettere e meditare su ciò che apprendiamo senza fare semplicemente affidamento su preghiere, fede e rituali.”

6 settembre 2019. Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina, dopo che i monaci thailandesi avevano cantato il “Mangala Sutta” in Pali, un gruppo di laici indonesiani recitava nella loro lingua il “Sutra del Cuore”.

“Oggi è l’ultimo giorno di questo insieme di insegnamenti”, ha osservato Sua Santità il Dalai Lama. “Pensavo che alla fine, come conclusione di buon auspicio, potremmo tenere una cerimonia per generare la mente risvegliata di bodhicitta. E, poiché la gamma ed il contenuto del testo di Nagarjuna sono vasti e complessi, ho pensato di insegnare i “Tre aspetti principali del sentiero” http://www.sangye.it/altro/?p=489 di Tsongkhapa, che possono essere prontamente applicati nella pratica.

Quando Atisha arrivò in Tibet, introdusse la tradizione Kadampa che considera l’intero contenuto delle Tre Collezioni di Scritture come istruzioni per la pratica in termini di persone di tre diverse capacità: contenuta, media e grande. Dopo aver composto il “Grande trattato sugli Stadi del sentiero”, il “Medio trattato” e il ” Trattato Conciso – La canzone dell’esperienza” http://www.sangye.it/altro/?p=1654 Tsongkhapa ha composto i “Tre aspetti principali del sentiero” http://www.sangye.it/altro/?p=489 su richiesta di Tsako Wönpo, Ngawang Drakpa, un discepolo vicino e leader del popolo di Gyalmorong nel Tibet orientale. È un testo utile da leggere ogni giorno. “

Sua Santità raccoglie il testo del “Commentario sulla mente d’illuminazione” http://www.sangye.it/altro/?p=9127, http://www.sangye.it/altro/?p=1640 e comincia a leggere da dove si era interrotto ieri con la strofa che si riferisce ai Dodici Anelli del Sorgere Dipendente http://www.sangye.it/altro/?p=6603. Ha osservato che alle obiezioni che la visione della Via di Mezzo è nichilista, Nagarjuna risponde che accettano che le cose esistano come sogni e illusioni. Sua Santità ha osservato che la strofa 68 mostra che il convenzionale e l’ultimo sono della stessa natura: l’uno non si verifica senza l’altro. Vedere le cose come indipendentemente esistenti è ignoranza. È una visione distorta.

Nel verso 74 viene spiegata la bodhicitta convenzionale. Sua Santità ha osservato che quando hai bodhicitta hai il coraggio di aiutare gli altri finché ci sarà lo spazio. Più tardi, ha aggiunto che, per raggiungere i nostri obiettivi, non c’è niente di meglio di bodhicitta e per raggiungere il beneficio degli altri non c’è niente di meglio di bodhicitta.

Riprendendo i “Tre aspetti principali del sentiero”, che Tsongkhapa ha inviato a Ngawang Drakpa come lettera, Sua Santità ha menzionato che in una nota di accompagnamento Tsongkhapa ha esortato Ngawang Drakpa a praticarli compiutamente. Gli ha assicurato che se dovesse farlo, quando lui, Tsongkhapa, manifesterà l’illuminazione come uno dei 1000 Buddha di questo fortunato eone, prima condividerà con lui il nettare del suo insegnamento.

Per imparare molte cose”, ha sottolineato Sua Santità, “abbiamo bisogno di un insegnante, il che equivale a conoscere il Dharma. Nel “Grande Trattato sugli Stadi del Sentiero” http://www.sangye.it/altro/?cat=110 Tsongkhapa commenta che non puoi domare gli altri senza prima esserti a tua volta domato. Dobbiamo seguire ciò che il Buddha ha insegnato sulla base dei tre corsi di formazione in etica, concentrazione e saggezza. Nel “Grande Trattato” raccomanda di controllare l’insegnante esaminando il suo insegnamento. Avere fede è una cosa, ma è necessario indagare, perché a volte gli insegnanti commettono errori.

Ad esempio, Kyabjé Phabongka Rinpoché aveva grandi discepoli come Kyabjé Trijang Rinpoché, ma, a dire il vero, si sbagliava nella sua propiziazione di Gyalpo Shukden. Devi avere una visione pura rispetto all’insegnante come persona, ma devi esaminare criticamente ciò che insegna. Ho sollevato obiezioni alla pratica di Shukden e in seguito ho scoperto che il Grande Quinto Dalai Lama era stato molto critico nei suoi scritti. Ha scritto che Shukden è nato come risultato di preghiere sbagliate ed è nato come un essere negativo che danneggia gli esseri e gli insegnamenti. Ecco come il Grande Quinto, che era lui stesso un maestro abile, che sperimentò visioni pure e così via, descrisse Shukden.

“All’inizio ho anche incoraggiato Shukden, ma una volta esaminato lui e le sue origini ho scoperto che non era appropriato praticare tale pratica. Ora, è mia responsabilità dire alla gente che in questa pratica ci sono danni e nessun beneficio. Propiziando le persone di Shukden hanno danneggiato la tradizione di Tsongkhapa.

Dobbiamo riflettere su questa idea di vedere tutto ciò che un insegnante fa come pura visione. Il Buddha non ci ha consigliato di farlo, ci ha incoraggiato a esaminare e investigare anche i nostri insegnanti.

Tornando al testo di Tsongkhapa, Sua Santità cominciò a leggere. “Seguendo l’omaggio ai venerati insegnanti, Tsongkhapa scrive, spiegherò l’essenza di tutti gli insegnamenti del Conquistatore: la visione profonda; il percorso elogiato dalla progenie del Conquistatore – la mente risvegliata di bodhicitta e l’ingresso per i fortunati che desiderano la liberazione – la determinazione ad essere liberi.

Per raggiungere la liberazione dobbiamo superare le emozioni afflittive. Dobbiamo studiare, riflettere e meditare su ciò che apprendiamo senza fare semplicemente affidamento su preghiere, fede e rituali. Dobbiamo superare il malinteso che è l’ignoranza seguendo il percorso che la contrasta. Se abbiamo fiducia in bodhicitta anche per un breve periodo, sarà utile.

Il testo rivela le ragioni dei tre aspetti principali del sentiero: la determinazione a essere liberi, bodhicitta e la visione profonda. Spiega come metterli in pratica e la misura di averlo fatto. Ci incoraggia ad apprezzare il valore di questa vita, a pensare all’impermanenza, all’inevitabilità della morte, alla sua imprevedibilità e al fatto che quando verrà il momento solo la conoscenza della pratica del Dharma sarà di aiuto.

La strofa 5 rivela come coltivare la determinazione ad essere liberi. La strofa 6 tratta delle ragioni per coltivare bodhicitta, mentre le strofe 7 ed 8 spiegano come coltivarla. Quando ogni giorno rifletto su questo testo, spesso adeguo queste due strofe. Quando applicati a sé stessi servono a migliorare la determinazione ad essere liberi, quando applicati ad altri, servono a migliorare la bodhicitta.

“Quando Khunu Lama Rinpoché mi ha insegnato la “Guida allo stile di vita del Bodhisattva”, mi ha detto che non vi era atro testo più grande sulla bodhicitta. Tuttavia, ci sono anche strofe della “Preziosa Ghirlanda – Ratnavali” di Nagarjuna che sono fonte di ispirazione.

483. Possa io sempre essere un oggetto di godimento

per tutti gli esseri senzienti secondo il loro desiderio

e senza interferenza, come lo sono la terra,

l’acqua, il fuoco, le erbe e le foreste selvagge.

484. Possa io essere caro agli esseri senzienti come (lo sono) le loro vite,

e possano essi essere per me perfino più cari di così.

Possano le loro azioni cattive fruttificare su di me

e tutte le mie virtù fruttificare per loro.

485. Fino a quando ogni essere senziente

ovunque non sia stato liberato,

possa io restare [nel mondo] per il bene di quell’essere,

benché io abbia ottenuto la suprema illuminazione.

http://www.sangye.it/altro/?p=2788

La strofa 9 chiarisce che senza la saggezza, la realizzazione della vacuità, non si può tagliare la radice dell’esistenza ciclica. Seguendo l’esempio di Nagarjuna, Jé Rinpoché avverte che è fondamentale sforzarsi di comprendere il sorgere dipendente, che può essere compreso in termini di causalità, in termini di dipendenza da parti e nel contesto della semplice designazione o etichettatura concettuale.

Dipendente implica che la realtà del modo in cui le cose esistono non viene abbandonata, mentre il sorgere indica che la convenzione terrena non viene abbandonata. Se capisci causa ed effetto, sarai in grado di capire come un tutto dipende dalle sue parti e come le cose sono designate. Se lo fai, sarai entrato nel percorso che piace al Buddha.

Finché queste due comprensioni – vacuità e il sorgere dipendente – sono viste come separate, non hai ancora realizzato l’intento del Buddha. All’inizio della sua vita, Tsongkhapa non fu in grado di riunire questi due e armonizzare la vacuità ed il sorgere dipendente in modo che si completano a vicenda. Una volta raggiunta questa intuizione, fu in grado di istruire Ngawang Drakpa: “Quando capisci il sorgere di causa ed effetto dal punto di vista della vacuità, non sei affascinato da nessuna delle due visioni estreme.” Il suo consiglio conclusivo è: “Vivi in solitudine e prodigati in forti sforzi, e raggiungerai rapidamente l’obiettivo finale ‘.

Sua Santità ha guidato l’assemblea durante la cerimonia per generare la mente risvegliata di bodhicitta. Alla fine diede la trasmissione dei mantra del Buddha, Avalokiteshvara, Manjushri e Arya Tara.

“Con ciò abbiamo finito”, ha annunciato. “L’insegnamento è completo. Non vedo l’ora che arrivi il prossimo anno “. Il pubblico ha applaudito.

I membri dei 38 gruppi di asiatici, che erano i primcipali discepoli di questa serie di insegnamenti, si radunano attorno al trono per farsi fotografare con Sua Santità. Fu quindi scortato dal tempio dove la sua auto era parcheggiata ai piedi delle scale. Sorridendo e salutando le persone che avevano aspettato nel cortile per vederlo, tornò alla sua residenza.

Tradotto dall’inglese http://www.sangye.it/dalailamanews/?p=13599 dal Dr. Luciano Villa nell’ambito del Progetto “Free Dalai Lama’s Teachings” per il beneficio di tutti gli esseri senzienti. https://livestream.com/DalaiLamaEnglish/asia-2019/videos/195924682https://www.dalailama.com/videos/teachings-for-asians-in-dharamsala


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa