»
S
I
D
E
B
A
R
«
Sua Santità il Dalai Lama incontra gli studenti a Nuova Delhi
September 22nd, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Poiché tutti e 7 i miliardi di esseri umani sono mentalmente, fisicamente ed emotivamente, gli stessi voi giovani dovete coltivare un senso di unità dell’umanità. Dobbiamo lavorare insieme per affrontare le sfide che riguardano tutti noi, come la crisi climatica. Non possiamo semplicemente sfruttare questo pianeta ed il suo ambiente naturale, dobbiamo occuparcene. Gli scienziati ci avvertono da tempo dei pericoli che affrontiamo.”

20 settembro 2019. Nuova Delhi, India – Dopo aver ieri volato da Dharamsala a Delhi, stamattina Sua Santità il Dalai Lama è stato ricevuto dal presidente, direttore e preside Arun Bharat Ram, alla scuola di Shri Ram, Vasant Vihar, di Nuova Delhi. Più di 2400 studenti provenienti da 84 scuole di Nuova Delhi gli hanno dato un entusiastico benvenuto. Prima di sedersi sul palco, Sua Santità ha acceso una lampada ed ha ringraziato gli organizzatori, Spic Macay, per aver convocato l’incontro.

“Rispettati fratelli e sorelle maggiori e fratelli e sorelle minori”, ha iniziato Sua Santità, “è un grande onore per me interagire con i giovani studenti che appartengono al 21° secolo. Sebbene non possiamo cambiare il passato, possiamo imparare da esso. Pertanto, il futuro è nelle vostre mani. Se fate uno sforzo per creare una società felice, credo che in questo secolo potete cambiare il mondo.

Gli scienziati ci dicono che la natura umana di base è compassionevole. Chiaramente, poiché siamo animali sociali, dovremmo considerare tutti i 7 miliardi di esseri umani come la comunità a cui apparteniamo. Pensare solo alla “mia nazione” od alla “mia gente” non è attuale. Nel corso del 20° secolo, pensare agli altri in termini di “noi” e “loro” ha portato a divisioni, con conseguenti lotte ed uccisioni.

Poiché tutti e 7 i miliardi di esseri umani sono mentalmente, fisicamente ed emotivamente, gli stessi voi giovani dovete coltivare un senso di unità dell’umanità. Dobbiamo lavorare insieme per affrontare le sfide che riguardano tutti noi, come la crisi climatica. Non possiamo semplicemente sfruttare questo pianeta ed il suo ambiente naturale, dobbiamo occuparcene. Gli scienziati ci avvertono da tempo dei pericoli che affrontiamo.”

Sua Santità ha espresso la sua ammirazione per l’antica tradizione di armonia interreligiosa che fiorisce in India. Ha sottolineato che i membri di tutte le principali tradizioni religiose per centinaia di anni hanno vissuto fianco a fianco in armonia. Ha sottolineato il valore dell’esempio dell’India per il resto del mondo: le tradizioni religiose possono davvero vivere insieme nel rispetto reciproco. Inoltre, la tradizione laica dell’India di mostrare rispetto, non solo per tutte le tradizioni spirituali, ma anche per coloro che non hanno fede, è rilevante nel contesto in cui un miliardo di persone del mondo oggi sono agnostiche.

Un altro aspetto della tradizione indiana che Sua Santità considera rilevante oggi è “ahimsa“, condotta non violenta e “karuna“, motivazione compassionevole. Ha ricordato che il Mahatma Gandhi ha impiegato “ahimsa” con grande efficacia durante la lotta per la libertà dell’India, che a sua volta è stata fonte di ispirazione per Nelson Mandela in Sudafrica e Martin Luther King Jr negli Stati Uniti.

“L’educazione moderna, che è stata introdotta in India dagli inglesi, tende ad avere obiettivi materialistici”, ha osservato Sua Santità. “Lo sviluppo materiale è importante, ma non dovremmo trascurare l’antica conoscenza indiana con la sua profonda comprensione del funzionamento della nostra mente e delle nostre emozioni. Se potessimo combinarlo con l’educazione moderna, potremmo imparare come affrontare le emozioni distruttive e raggiungere la tranquillità. Ho trovato molto utile rendermi conto che le emozioni afflittive non sono radicate nella realtà, mentre la compassione può essere coltivata sulla base della ragione. Questo mi ha permesso di affrontare le varie complicazioni della mia vita con tranquillità. ”

Mentre rispondeva a diverse domande del pubblico, Sua Santità ha sottolineato che la reincarnazione non è una questione di continuità fisica, ma di continuità della mente. La causa sostanziale di un momento della mente è un momento precedente della mente. Ha citato casi di bambini che ha incontrato, indiani e tibetani, che hanno chiari ricordi delle loro vite precedenti.

Ha chiarito che il karma riguarda le azioni e i loro risultati. Spiegò in modo scherzoso che se ha fame, ma mangia un biscotto, non ha più fame. Ciò che provoca la nascita come essere umano è un’azione positiva, motivata dal desiderio di aiutare gli altri. Al contrario, ha ripetuto che le emozioni afflittive sorgono a causa dei nostri atteggiamenti egocentrici. Sono legate a un senso di ignoranza che confonde l’apparenza con la realtà.

Alla domanda su chi fosse stato il suo migliore amico, Sua Santità rispose che aveva molti amici. Tuttavia, la persona a cui era più vicino, prima di tutto, era sua madre. Fu la sua prima insegnante di compassione, qualcuno che non mostrò mai una faccia arrabbiata. Lo ha ripetuto perché ricorda sempre a se stesso l’unicità di tutti gli esseri umani, ovunque vada e chiunque incontri, considera suo fratello o sua sorella.

Rispondendo ad una domanda sulla reincarnazione, Sua Santità ha citato un episodio della fine della vita del primo Dalai Lama quando i suoi discepoli gli dissero che sarebbe sicuramente nato in una terra pura. Disse loro che non aveva tale desiderio, ma voleva nascere dove c’era sofferenza per poter servire gli altri.

Sua Santità ha concluso recitando la sua preghiera preferita, dalla “Guida allo stile di vita” del Bodhisattva:

Fino a quando lo permarrà spazio

E finché rimarranno gli esseri viventi,

Fino ad allora possa anch’io rimanere

Per dissipare la miseria del mondo.

Un rappresentante del gli studenti ha ringraziato Sua Santità per essere venuto e per le sue parole arricchenti e stimolanti, che hanno dato a tutti una nuova prospettiva. Mentre lasciava il palco, Sua Santità saluta il pubblico, che gli sorride e lo ricambia calorosamente.

Tradotto da http://www.sangye.it/dalailamanews/?p=13622 dal Dr. Luciano Villa nell’ambito del Progetto Free Dalai Lama’s Techings per il beneficio di tutti gli esseri senzienti. 


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa