»
S
I
D
E
B
A
R
«
Giovani costruttori di pace in conversazione con Sua Santità il Dalai Lama
October 24th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama parla ai giovani
costruttori di pace durante il primo giorno della loro conversazione nella sua residenza a Dharamsala, in India, il 23 ottobre 2019. Foto di Tenzin Choejor

23 ottobre 2019, Thekchen Chöling, Dharamsala, India – Questa mattina, l’Istituto per la Pace degli Stati Uniti (USIP) ha portato un gruppo di 24 giovani leader di 11 paesi colpiti da conflitti per discutere di rendere possibile la pace con Sua Santità il Dalai Lama. Provengono da Afghanistan, Colombia, Iraq, Libia, Myanmar, Nigeria, Somalia, Sud Sudan, Siria, Tunisia e Venezuela. Il gruppo comprendeva anche giovani istruttori, leader di pensiero e personale USIP. Il presidente dell’USIP, Nancy Lindborg, ha moderato la conversazione. Ha iniziato ringraziando Sua Santità per aver accolto per la quarta volta un gruppo di giovani costruttori di pace. Disse che avrebbe chiesto loro di presentarsi quando intervenne Sua Santità.

“Per me la migliore introduzione è il volto umano”, disse loro, ridendo. “Quando vedo due occhi, una bocca, un naso, so di avere a che fare con un altro essere umano come me. Sono come quei bambini piccoli che non si preoccupano del background dei loro compagni finché sorridono e sono disposti a giocare. Enfatizzare nazionalità, religione e colore crea semplicemente divisione. Dobbiamo guardare le cose ad un livello più profondo e ricordare che siamo esseri umani tutti uguali, fisicamente, mentalmente ed emotivamente uguali. È su questa base che ricordo alle persone l’unicità dell’umanità “.

Lindborg ha spiegato di sperare che nei prossimi due giorni possano essere discussi quattro argomenti: costruire ponti in comunità divise; come essere inclusivi; costruire la pace e la resilienza.

Un giovane leader del Myanmar ha raccontato il trauma della morte di sua madre da parte di un membro di un’altra tribù e ha chiesto informazioni sui discorsi d’odio tra i buddisti. Sua Santità ha risposto che quando ha saputo per la prima volta che i musulmani erano stati molestati dai buddisti in Myanmar, aveva avvertito che i buddisti dovevano immaginare un Buddha che proteggesse ciascuno dei musulmani. Ha detto di aver sollevato la questione con Aung San Suu Kyi, che gli ha detto che il coinvolgimento militare ha reso la situazione complicata e difficile.

In tali circostanze dobbiamo pensare che, a livello fondamentale, siamo tutti esseri umani. Gli scienziati osservano che siamo animali sociali. Dipendiamo gli uni dagli altri per sopravvivere. La rabbia e l’odio non solo sono socialmente divisivi, ma fanno male alla nostra salute. Vogliamo tutti vivere una vita felice, essere fisicamente sani, ma, per raggiungere questi obiettivi, dobbiamo anche coltivare un senso di igiene emotiva, imparare come affrontare le nostre emozioni distruttive, più o meno allo stesso modo in cui osserviamo l’igiene fisica.

“I nostri sistemi educativi moderni, molto influenzati dall’Occidente, non rivelano molta comprensione di come trasformare le nostre emozioni. Per fare ciò, dobbiamo usare la nostra intelligenza, basandoci sulla conoscenza piuttosto che sulla fede. Dobbiamo comportarci tramite la non violenza e, sulla base della compassione, coltivare il rispetto per gli altri.

Tutte le tradizioni religiose coinvolgono gli esseri umani e sebbene possano adottare diverse posizioni filosofiche, si concentrano sulle migliori qualità umane come l’amore. Condividono un obiettivo comune di aiutare a formare individui più felici e, di conseguenza, società più felici. “

Un costruttore di pace tunisino voleva sapere come aiutare le persone emarginate a ritrovare la speranza. Sua Santità rispose che trovava utile pensare a sè stesso solo come un essere umano. Anche se originario della Terra delle Nevi, ricorda a se stesso che fondamentalmente è uguale agli altri esseri umani. Questo, ai bambini piccoli, sembra venire naturalmente. Che tu sia benestante o povero: è solo dopo aver iniziato la scuola che vengono evidenziate le differenze di nazionalità, fede religiosa, razza e background familiare. Tuttavia, tali differenze sono solo di secondaria importanza. Ciò che è più significativo è rendersi conto che, come esseri umani, apparteniamo ad una comunità.

Sua Santità ha riferito di aver incontrato un insegnante a Soweto, in Sudafrica, congratulandosi con lui per le libertà ritrovate nel suo paese e per l’opportunità di eguagliare tutti i suoi cittadini. Fu scioccato quando l’insegnante gli disse che tali aspirazioni erano impossibili perché il cervello dei neri era inferiore. L’ha quindi contraddetto, insistendo sul fatto che il cervello delle persone sia bianche o nere è lo stesso. Ha aggiunto che, a volte, i cinesi Han hanno espresso il pregiudizio che il cervello dei tibetani sia inferiore al loro. Nell’esperienza di Sua Santità l’unica vera differenza è nelle opportunità. Quando hanno le stesse opportunità, i tibetani si sono dimostrati altrettanto capaci dei cinesi.

Oggi, nonostante un significativo sviluppo materiale e tecnologico”, ha spiegato Sua Santità, “affrontiamo numerosi problemi creati da noi stessi. Alcuni derivano dal vedere altre persone in termini di “noi” e “loro”. Laddove l’educazione è incompleta, dobbiamo unire un senso di cordialità all’intelligenza. Dobbiamo anche sforzarci di risolvere le differenze con le altre persone attraverso il dialogo, non con la violenza.

Un’educazione completa può concentrarsi non solo su obiettivi materialistici, ma può spiegare come affrontare la rabbia e gli atteggiamenti egocentrici e come raggiungere la tranquillità. Dal momento che le emozioni distruttive come la rabbia e l’attaccamento si basano sull’ignoranza, sulle idee sbagliate sulla realtà, è utile analizzare la differenza tra apparenza e realtà come fa la fisica quantistica. “

Altri giovani leader volevano sapere come promuovere un senso di unità dell’umanità e come curare la memoria collettiva della comunità danneggiata. Sua Santità ha suggerito che le persone si chiedano se la situazione esistente in cui si trovano è soddisfacente. E, se non riescono a sopportare la situazione in cui si trovano, devono chiedere chi o qual è la fonte delle loro difficoltà e prendere provvedimenti per risolverla. Ha sottolineato che la preghiera di per sé non è una soluzione pratica, è sempre necessario agire. Ha ribadito che molti problemi che derivano da un pensiero non realistico possono essere corretti dall’istruzione.

“Se i giovani adottano una visione più ampia, adottano una posizione più realistica e fanno uno sforzo, possono cambiare il mondo”, ha dichiarato Sua Santità.

Un giovane che in precedenza aveva detto che sua madre era stata uccisa voleva sapere come superare il dolore. Sua Santità ha avvertito che la pazienza ed il perdono creano un’atmosfera positiva, mentre la ricerca della vendetta crea ulteriore inimicizia e la violenza crea sempre più sofferenza.

Ha aggiunto che ci sono momenti in cui la soluzione più sensata per una situazione difficile è andarsene.

Nel marzo del 1959, a Lhasa, ho cercato di raffreddare i rapporti tra le forze cinesi e tibetane fino a quando la situazione è andata fuori controllo. Quando mi resi conto di non poter più aiutare in modo pacifico, decisi di scappare, anche se mentre lasciavo Lhasa, non avevo pensavo riuscire a vedere il giorno successivo.

“Se riesci a cambiare idea dell’altra persona, è bene e bene, ma, in caso contrario, devi tenere la rabbia e l’odio sotto controllo e considerare solo di andartene”.

A Sua Santità è stato chiesto più volte quali giovani possono contribuire al cambiamento pacifico.

Hai bisogno di costante determinazione e credenza nella verità. Lavorare onestamente e sinceramente a lungo andare ti darà un grande potere. Il potere delle armi può avere un effetto immediato, ma, a lungo andare, il potere della verità continua all’infinito.”

L’intero gruppo ha pranzato insieme e si incontrerà di nuovo domani.

Traduzione dall’inglese http://www.sangye.it/dalailamanews/?p=13696 del Dr. Luciano Villa nell’ambito del Progetto Free Dalai lama’s Teachings per beneficiare tutti gli esseri senzienti.


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa