»
S
I
D
E
B
A
R
«
Sua Santità il Dalai Lama tiene la 24° Sarvepalli Radhakrishnan Memorial Lecture
November 23rd, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Ciò che è molto più importante è che rendiamo significative le nostre vite. Tutti noi abbiamo la natura di Buddha, ma ci vuole la pratica per realizzare il suo potenziale. Uno dei principali fattori di tale pratica è l’acquisizione della comprensione della realtà. Ciò implica riconoscere il divario tra apparenza e realtà. Poiché le emozioni distruttive si basano su un nostro malinteso sulle apparenze, il loro antidoto è riconoscere la realtà.”

21 novembre 2019. Nuova Delhi, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha attraversato Nuova Delhi fino all’India International Centre (IIC), dove era stato invitato dall’Istituto Indiano di Studi Superiori o Indian Institute of Advanced Study (IIAS) per tenere la 24° Sarvepalli Conferenza commemorativa di Radhakrishnan. Il dott. Radhakrishnan è stato il primo vicepresidente dell’India ed il secondo presidente. Fondò l’IIAS nel 1965, in quella che era stata la residenza del Vice-Re ed in seguito la Rashtrapati Niwas, a Shimla. Quando raggiunse il palco eretto sul Prato della Fontana dell’IIC, Sua Santità salutò, sorrise e fece un cenno di saluto a molti vecchi amici tra il folto pubblico di invitati. Il principale tra loro era la dott.ssa Kapila Vatsyayan. Gli è stato chiesto di unirsi all’Ospite d’Onore, il Dott. Vinay Sahasrabuddhe e al Presidente IIAS, Kapil Kapoor, nell’accendere una lampada per inaugurare l’evento.

Il prof. Makarand R Paranjape, direttore dell’IIAS, ha dato il benvenuto. Ha illustrato la storia della IIAS e la sua fondazione a Shimla da parte del dott. Radhakrishnan, una volta diventato presidente. Il Rashtrapati Niwas faceva parte della tenuta presidenziale, ma era sottoutilizzato. Il dottor Radhakrishnan, che era uno studioso non solo dei Veda e del sanscrito, ma che deteneva anche la Spalding Chair of Ethics a Oxford, decise di trasformarlo in un istituto di studi superiori. Per quanto riguarda l’etica, egli osservò: “Non è che gli esseri umani non siano consapevoli degli imperativi morali: non vogliono semplicemente esercitarli”.

Il Prof Paranjape ha invitato a parlare NN Vohra, Presidente dell’IIC ed ex Governatore del Jammu e Kashmir, che dichiara di avere poco da dire, se non quello di esprimere gioia per la presenza di Sua Santità. Ricorda la prima volta che lo incontrò nei primi anni ’60 quando era un magistrato a Kangra ed il funzionario di collegamento del MEA era assente. Vohra fu incaricato di servire Sua Santità. Ricordò di averlo incontrato, mentre studiava seriamente l’inglese, seduto sulla veranda della sua residenza Swarag Ashram a Dharamsala, intento a legge il Calcutta Statesman.

Il Vicepresidente dell’IIAS, CL Gupta ha fatto una breve introduzione in hindi. Il dott. Vinay Sahasrabuddhe ha espresso il suo compiacimento e l’onore di condividere l’evento con Sua Santità. Ha notato che non tutti i leader spirituali hanno l’autorità di parlare di etica, ma Sua Santità se l’è guadagnata. Egli ha sollevato quattro punti in relazione ad una discussione sull’etica: la necessità di un’accettazione universale della democrazia spirituale; individualismo e collettivismo e l’interdipendenza tra loro; in relazione alla protezione dell’ambiente e alla gestione dei cambiamenti climatici, l’idea che si dovrebbe contribuire prima di consumare, il che i paesi ricchi e sviluppati non hanno fatto. Infine, ha menzionato l’etica e l’economia, e ha suggerito di prendere come modello la fiduciata del Mahatma Gandhi.

Rivolgendosi all’incontro come “Rispettati fratelli e sorelle maggiori”, Sua Santità disse loro che poteva vedere tra loro un certo numero di vecchi amici che conosceva da molto tempo.

“Riconosco i vostri volti, anche se non riesco a ricordare immediatamente i vostri nomi. Quando noto che alcuni di voi sembrano più vecchi, mi viene in mente che sono cresciuto anche io.

“Tuttavia, ciò che è molto più importante è che rendiamo significative le nostre vite. Tutti noi abbiamo la natura di Buddha, ma ci vuole la pratica per realizzare il suo potenziale. Uno dei principali fattori di tale pratica è l’acquisizione della comprensione della realtà. Ciò implica riconoscere il divario tra apparenza e realtà. Poiché le emozioni distruttive si basano su un nostro malinteso sulle apparenze, il loro antidoto è riconoscere la realtà.

Il secondo fattore è l’altruismo. Possiamo vedere che coloro che hanno una visione più compassionevole sono più felici e radunano intorno a loro gli altri.

Oggi commemoriamo il dottor Radhakrishnan, che ho incontrato per la prima volta quando sono arrivato in India nel 1956. Era il presidente del comitato che mi ha invitato alle celebrazioni del Buddha Jayanti. Era un esperto di educazione moderna, ma aveva anche una profonda comprensione dell’antica conoscenza indiana.

“Il modo in cui cantava il sanscrito era impressionante, ma quando ha declamato i versi del “Mulamadhyamikakarika” http://www.sangye.it/altro/?p=9194 di Nagarjuna (“Saggezza fondamentale della via di mezzo”), ho riflettuto sul fatto che comprendere il significato delle parole fosse importante quanto il loro suono. Tuttavia, ha incarnato il potenziale positivo di combinare modi di apprendimento moderni ed antichi.

“C’è un urgente bisogno nel mondo di oggi delle tradizioni indiane di “ahimsa” e “karuna”, non violenza e compassione, che è ancora dilaniato da conflitti e stragi, a volte anche in nome della religione. Eppure ogni essere umano vuole fondamentalmente vivere una vita felice, senza dover affrontare la sofferenza od una mente disturbata. In effetti, sin dalla nascita, abbiamo il potenziale per sviluppare valori interiori che danno tranquillità: come la compassione.

La compassione genera naturalmente tolleranza e perdono. Ci permette di apprezzare che, anche qualcuno che pensiamo come nemico, è un essere umano con il diritto di essere felice. Questo è uno dei motivi per cui si dice che il tuo nemico può essere il tuo miglior insegnante. Lui o lei insegna la possibilità di compassione incondizionata. “

Sua Santità ha discusso del modo in cui la scienza sta cambiando. Un tempo gli scienziati sapevano molto del mondo esterno, ma poco della mente e del nostro regno interiore. Ha osservato che per gran parte del XX secolo gli scienziati hanno respinto qualsiasi idea che la mente fosse tutt’altro che una funzione del cervello. Dagli ultimi anni del secolo scorso e dai primi anni di questo, tuttavia, c’è stata una crescente accettazione delle prove che la mente può influenzare il cervello.

Oggi gli scienziati stanno esaminando come, nel corso della meditazione, il cervello è interessato. Ci sono anche ricercatori di Mosca e del Wisconsin che indagano su cosa succede quando meditatori esperti entrano nello stato di “Thukdam”. Sono clinicamente morti, ma, poiché la loro coscienza più sottile deve ancora abbandonare i loro corpi, rimangono freschi per qualche tempo.

Sua Santità ha concluso che, poiché le qualità della mente sono meglio comprese, c’è una corrispondente necessità per le scuole di insegnare come sviluppare e mantenere la pace della mente. Questo è un qualcosa a cui l’antica conoscenza indiana può contribuire.

Mentre rispondeva alle domande del pubblico, Sua Santità ha parlato della gravità del riscaldamento globale e di quanto sia incoraggiante vedere giovani come Greta Thunberg che esprimono la necessità di agire. Ha menzionato il ruolo che “ahimsa” e la diffusione sempre maggiore del vegetarismo possono svolgere.

Ha commentato che i bambini piccoli hanno naturalmente un atteggiamento nuovo, aperto, compassionevole. Dovrebbe essere possibile per le scuole coltivare queste qualità ed insegnare ai bambini che la cordialità porta alla pace della mente e ad una migliore salute fisica. Ha osservato che, se sei compassionevole ed altruista tutto tende ad apparire in una luce positiva. Indipendentemente dalle difficoltà che affronti, non perdi la tranquillità. Se, d’altra parte, sei pieno di paura e di sospetto, tutto appare in una luce negativa.

Credo fortemente nell’unicità di tutta l’umanità. Come esseri umani siamo tutti uguali “, ha spiegato. “Pertanto, con chiunque incontro, non c’è barriera tra di noi.”

Alla domanda sul perché l’insegnamento del Dharma sembra essere diminuito, Sua Santità ha suggerito che forse troppa attenzione è prestata all’esecuzione dei rituali e non abbastanza al vero significato dell’insegnamento. Ha raccomandato di dedicare più tempo allo studio e meno alla recitazione. “La vera pratica”, ha confermato, “è trasformare la nostra mente e le nostre emozioni”.

Sua Santità ha sottolineato che se nelle scuole si dedicasse più tempo ad incoraggiare gli studenti a raggiungere la tranquillità, dopo 30 anni sarebbe possibile vedere una differenza nel modo in cui si sono rivelati. Capire come portare la pace della mente e affrontare quelle emozioni negative che minacciano di disturbarla è la chiave per vivere una buona vita.

Il prof Kapil Kapoor ha offerto ampie parole di ringraziamento in hindi ed ha concluso che era suo piacere e dovere ringraziare i relatori del giorno, Sua Santità e il dott. Vinay Sahasrabuddhe per ciò che avevano da dire sull’etica.

Mentre Sua Santità lasciava il palco e si dirigeva verso il trasporto che lo avrebbe portato alla sua auto, molte persone si sono spinte in avanti per salutarlo in un grande spettacolo di affetto, stringergli la mano o per attirare la sua attenzione. Domani, Sua Santit lascerà Delhi per Aurangabad.

Traduzione del Dr. Luciano Villa, da http://www.sangye.it/dalailamanews/?p=13782 nell’ambito del Progetto Free Dalai Lama’s Teachings per il beneficio di tutti gli esseri senzienti.


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa