»
S
I
D
E
B
A
R
«
I buddisti himalayani respingono la pretesa di controllo di Pechino sulla successione del Dalai Lama del Tibet
December 8th, 2019 by admin

La Dichiarazione sancisce che “Se il governo della Repubblica popolare cinese per fini politici sceglie un candidato per il Dalai Lama, il popolo tibetano non riconoscerà e rispetterà quel candidato”.

I rappresentanti delle comunità buddiste in tutta la regione himalayana hanno respinto le rivendicazioni cinesi di controllo sulla successione del leader spirituale tibetano Dalai Lama, sostenendo una risoluzione approvata la scorsa settimana da alti leader religiosi tibetani durante una riunione in India.

Parlando alla stampa il 29 novembre a Dharamsala, in India, sede del governo del Tibet in esilio, rappresentanti dell’India, del Nepal, del Ladakh e di altre aree dell’Himalaya si sono espressi per respingere ciò che chiamavano interferenza da Pechino. “Esiste una stretta relazione tra la regione himalayana e Sua Santità il Dalai Lama, sia a livello culturale che spirituale”, ha detto ai giornalisti Ganden Shartse Khensur Rinpoche dopo un incontro tenuto a margine di un’importante conferenza religiosa buddista tibetana.

La nostra gratitudine per Sua Santità il Dalai Lama è incommensurabile, e quindi la questione della sua reincarnazione è molto cruciale per noi”, ha detto Khensur Rinpoche, aggiungendo, “Pertanto sosteniamo con tutto il cuore la Dichiarazione di Dharamsala in tre punti approvata alla 14 ° Conferenza religiosa tibetana “.

Parlando in seguito in un’intervista con il Servizio tibetano della RFA, Khensur Rinpoche ha aggiunto: “Quelle risoluzioni sono in risposta diretta all’affermazione della Cina sul loro diritto di controllare la reincarnazione di Sua Santità il Dalai Lama”.

Attrito tra la Cina e i Tibetani

Incontrandosi dal 27 al 29 novembre, i principali leader religiosi tibetani hanno formalmente affermato che la scelta del successore del Dalai Lama sarà fatta secondo la tradizione tibetana e lasciata allo stesso leader spirituale di 84 anni, senza alcuna interferenza da Pechino.

Nessun governo … avrà tale autorità”, afferma la Dichiarazione di Dharamsala in uno dei suoi punti, aggiungendo che il popolo tibetano desidera fortemente che la linea di Dalai Lama continui e sia scelta con mezzi tradizionali.

La Dichiarazione sancisce che “Se il governo della Repubblica popolare cinese per fini politici sceglie un candidato per il Dalai Lama, il popolo tibetano non riconoscerà e rispetterà quel candidato”.

La domanda su chi selezionerà il successore del Dalai Lama è un importante punto di attrito tra la Cina, che insiste sul suo diritto di scegliere la reincarnazione del leader religioso e i tibetani all’interno della loro terra natale e in tutto il mondo.

La tradizione tibetana sostiene che alti monaci buddisti si reincarnano nel corpo di un bambino dopo la loro morte.

Supporto richiesto dall’India

Il 29 novembre si è espresso anche il Lama Choephel Soepa Rinpoche, presidente dell’Associazione della cultura buddista della regione himalayana. Egli ha espresso il suo desiderio che il Dalai Lama continuerà a rinascere “fino a quando il buddismo rimarrà nel mondo”.

E facciamo appello alla prossima incarnazione per nascere in un’area nella regione dell’Himalaya, poiché Sua Santità il Dalai Lama è il nostro guru principale”, ha detto Rinpoche.

Notando che la Cina ha fatto pressioni sull’India affinché concedesse all’autorità di Pechino la prossima selezione del Dalai Lama, Soepa Rinpoche ha riposto la speranza nei rappresentanti “che il governo indiano ascolti le aspirazioni della popolazione della regione himalayana”.

Ha anche affermato:”E intendiamo avvicinarci gradualmente al governo indiano per dare il loro peso a sostegno delle risoluzioni”.

Fonte: RFA,04/12/2019

Commento e traduzione di Giuseppe Manes, Arcipelago Laogai in memoria di Harry Wu

La Cina esercita pressioni sull’“investitura” religiosa del Dalai Lama! I buddisti continuano a subire gli attacchi dell’imperialismo cinese con pesanti interferenze così come i Cattolici e gli Uiguri. Con i cattolici è riuscita nel suo intento nominando preti e vescovi senza l’investitura del vaticano. In questo caso la Santa Sede da pochi mesi sta gestendo la “questione cinese” attraverso accordi bilaterali come se fosse una questione politica piuttosto che di sola Fede. https://www.laogai.it/i-buddisti-himalayani-respingono-la-pretesa-di-controllo-di-pechino-sulla-successione-del-dalai-lama-del-tibet/

Articolo in inglese: Himalayan Buddhists Reject Beijing’s Claim of Control Over Tibet’s Dalai Lama,


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa