»
S
I
D
E
B
A
R
«
Lancio della cattedra Dalai Lama per gli studi di Nalanda alla Goa University
December 11th, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama mostra una traduzione in lingua marathi del suo libro con l’arcivescovo Desmond Tutu “Libro della gioia” a Goa, in India, l’11 dicembre 2019. Foto di Lobsang Tsering

11 dicembre 2019. Goa, India – Ieri Sua Santità il Dalai Lama è volato dall’inverno dell’India del nord al caldo afoso di Goa. Più di 100 tibetani si sono radunati fuori dall’aeroporto per dargli il benvenuto. È stato ricevuto nel suo hotel dalla dott.ssa Anita Dudhane e Rajiv Mehrotra, segretario della Fondazione per la Responsabilità Universale, che sono stati entrambi coinvolti nel facilitare l’istituzione della cattedra Dalai Lama per gli Studi di Nalanda alla Goa University. Questa mattina ha incontrato il vicecancelliere dell’Università di Goa, Varun Sahni, il cancelliere YV Reddy, nonché Rajiv Mehrotra e la dott.ssa Anita Dudhane, per discutere della nuova cattedra dell’Università, finanziata dalla Fondazione per la Responsabilità Universale. A loro si sono uniti il dott. Ajit Parulekar, direttore dell’Istituto dell’Università di Goa che sta sviluppando ed attuando un programma di etica secolare.

Sua Santità ha detto loro che considera la Cattedra Dalai Lama per gli Studi di Nalanda all’Università di Goa come un contributo al suo impegno nel rilanciare l’interesse per l’antica conoscenza indiana.

La tradizione di Nalanda fu introdotta in Tibet da Shantarakshita nell’ottavo secolo. E, sebbene la conoscenza che conserva sia contenuta nei testi religiosi, è universalmente applicabile. Il mondo ha oggi bisogno di questa conoscenza. In Tibet, abbiamo mantenuto viva questa comprensione, ma è solo ora che i nostri studiosi stanno iniziando ad impegnarsi con le loro controparti nelle università moderne “.

Rajiv Mehrotra ha chiarito che la cattedra del Dalai Lama sarà una posizione di visita, con oratori in visita che verranno all’Università di Goa per far luce su aspetti della tradizione di Nalanda. Sua Santità ha osservato che chiunque siano gli studiosi in visita, è importante che adottino un approccio rigorosamente secolare per essere in grado di attrarre il più vasto pubblico possibile. Fece quindi una pausa, poi espresse un dubbio sull’opportunità di usare il nome di Nalanda: implica l’associazione con la borsa di studio buddista piuttosto che la più ampia antica saggezza indiana.

“Ho quattro impegni”, ha esordito all’incontro, “il primo dei quali è che, come essere umano, sono impegnato a promuovere i valori umani che contribuiscono alla felicità umana. Guarda oggi il mondo, dove la violenza è diffusa, le armi proliferano ed i paesi perseguono con entusiasmo alla vendita di armi. Questo è un approccio sbagliato. Ci sono altri modi per fare soldi. Sembra che seguiamo il modello del 20° secolo, che era un’era di guerra. Questo è il motivo per cui la tradizione indiana di “ahimsa”, non violenza, non danno, è così pertinente. Il mondo ha bisogno di “ahimsa” e “karuna”, non violenza e compassione, non in termini di preghiere o rituali, ma come stimoli per un diverso corso d’azione.

“L’India ha anche una nozione ben collaudata di secolarismo, rispettando i punti di vista degli altri e consentendo anche alle idee con una base religiosa di essere oggetto di studio accademico. Ciò che deve essere chiarito è che la base per la pace nel mondo è il buon cuore degli esseri umani.

Gli scienziati affermano che la natura umana di base è compassionevole perché siamo animali sociali; dipendiamo dalla comunità in cui viviamo. Tuttavia, i nostri cervelli umani, pur intelligenti, possono anche essere indotti a distruggere gli altri.

“I bambini non si preoccupano della religione, la nazionalità o la razza dei compagni, a loro importa sorridere e giocare insieme allegramente. Questo è il tipo di atteggiamento che tutti dobbiamo adottare. Nel mondo d’oggi, la competitività e l’ostilità porta a stigmatizzare gli altri in termini di “noi” e “loro”, il che si trasforma facilmente in violenza. “Ahimsa”, la non violenza, rimane rilevante ed insieme dobbiamo ricordare a noi stessi l’unicità dell’umanità. “

Sua Santità ha osservato che, piuttosto che citare ciò che il Buddha potrebbe aver detto, preferisce citare i risultati scientifici, il risultato di esperimenti e d’indagini accettabili da chiunque. Perciò preferisce adottare un approccio secolare ed emulare l’esempio dei maestri di Nalanda nell’usare pienamente l’intelligenza umana impiegando rigorosamente la ragione e la logica. Ha osservato che, mentre la fisica quantistica afferma che nulla esiste oggettivamente e sottolinea il ruolo dell’osservatore, poco è stato fatto per indagare sull’osservatore. La tradizione di Nalanda può colmare questa lacuna.

Quando ha raggiunto l’Auditorium dell’Accademia Kala, Sua Santità è stato accolto dal Vice Cancelliere e dal Segretario che lo hanno accompagnato sul palco. Innanzitutto, il Coro dell’Università di Goa ha eseguito in suo onore la “Cantata del Grande Oceano”, una commovente opera corale accompagnata da pianoforte, violino e percussioni. Questa è stata la prima mondiale di questo brano in tre movimenti per commemorare la fuga di Sua Santità da Lhasa, la sua conquista della libertà e le sue lotte in esilio per la causa del Tibet. È stato scritto da Santiago Lusardi Girelli, Visiting Research Professor di musica occidentale all’Università di Goa, già direttore d’orchestra. La performance ha suscitato calorosi applausi.

Parlando da un leggio contrassegnato dal logo dell’Università di Goa e dal suo motto, “La conoscenza è divina”, il vicecancelliere ha salutato i suoi ospiti. Ha annunciato che ieri, il 10 dicembre, l’Università di Goa ha firmato un protocollo d’intesa con la Fondazione per la Responsabilità Universale che istituisce la Cattedra per gli Studi di Nalanda del Dalai Lama. Ha aggiunto che ieri era anche il trentesimo anniversario del conferimento del premio Nobel per la Pace a Sua Santità e il sessantesimo anniversario del suo superamento degli esami di Gheshé.

“I detentori della cattedra Dalai Lama si concentreranno sull’antica conoscenza indiana in combinazione con l’educazione moderna”, ha detto alle oltre 1500 persone presenti. “Perché oggi è importante la tradizione Nalanda? Il Mahavihara non era solo un luogo d’insegnamento agli studenti, ma era anche un luogo che incoraggiava argomenti di collaborazione e competizione, stimolando nuove idee ed innovazioni. Speriamo di emularlo nel nostro istituto di apprendimento.

I maestri di Nalanda erano tutti indiani. Quando l’università fu distrutta nel XII secolo, il mondo avrebbe perso la conoscenza che quel gran luogo di cultura preservava se non fosse già stato trasmessa ai monasteri del Tibet. Ora può essere ritrasmessa in un’università in India.

Come risultato di un memorandum d’intesa che l’anno scorso abbiamo firmato col monastero di Drepung Loseling, i nostri studenti vi sono recati per addestrarsi alla meditazione. Presto, i membri della nostra facoltà andranno a Mundgod in connessione con il programma di SEE Learning. L‘Università di Goa non vede l’ora di trapiantare nei giorni nostri la tradizione di Nalanda. ”

Rajiv Mehrotra, a nome della Fondazione per la Responsabilità Universale, ha espresso gratitudine per la nuova collaborazione ed ha sottolineato che si sta svolgendo in un contesto e programma laico che coinvolgerà un insieme di metodo e saggezza.

Sua Santità si è rivolto ai suoi fratelli e sorelle anziani ed ai fratelli e sorelle più giovani, dicendo loro: “Comincio sempre così, perché credo davvero che tutti i 7 miliardi di esseri umani oggi vivi facciano parte di un’unica famiglia umana. Il modo in cui nasciamo ed il modo in cui moriamo è lo stesso. E ciò che è più prezioso nelle nostre relazioni con gli altri è il buon cuore, che produce la pace della mente e la forza interiore che sono fondamentali per una comunità felice.

Cerco di condividere con altre persone che la fonte ultima della felicità è dentro di noi: non si trova nel denaro e nella fama. Promuovo i valori umani fondamentali sulla base di scoperte scientifiche ed il buon senso. Il fatto che è scientificamente provato che la natura umana di base è compassionevole, è una fonte di speranza. Questo è importante, non in termini di prossima vita o liberazione, ma qui ed ora.

“Mi sono anche impegnato ad incoraggiare l’armonia interreligiosa, la conservazione della cultura tibetana e la protezione dell’ambiente del Tibet. Inoltre, mi dedico a rilanciare in India l’antica conoscenza indiana, correlata alla comprensione del funzionamento della mente e delle emozioni. Molte persone sono consapevoli della loro esperienza sensoriale, ma prestano poca attenzione alla loro esperienza mentale. Eppure potenti emozioni come rabbia e compassione coinvolgono entrambe l’esperienza mentale.

Applicando la nostra intelligenza umana, possiamo scoprire come raggiungere la tranquillità. Siamo in grado di riconoscere che questa o quell’emozione negativa, come la rabbia e l’odio, distruggono la nostra tranquillità. Coltivare la calma della mente ci consente di focalizzare la mente come vorremmo. Sviluppando la comprensione possiamo imparare a trasformare la mente.”

Sua Santità ha discusso di quanto sia importante studiare. Ha risposto alla sfida che alcuni meditatori cinesi hanno presentato poco dopo che Shantarakshita aveva introdotto la tradizione di Nalanda in Tibet. Essi sostennero la meditazione non concettuale, piuttosto che studiare, ma furono sconfitti nel dibattito dal discepolo di Shantarakshita, Kamalashila.

Sua Santità incoraggiò i membri dell’Università di Goa ad avvalersi appieno della conoscenza degli studiosi esperti in cosa studiare e come studiare, che risiedono nei monasteri tibetani nel Karnataka. Sua Santità attende con impazienza il rilancio dell’antica conoscenza indiana e la sua integrazione nell’educazione moderna. Se ciò può essere fatto, l’India ha il potenziale per dare l’esempio al mondo.

Rispondendo a diverse domande del pubblico, Sua Santità ha citato la maturità mostrata da quei paesi europei che hanno costituito l’Unione Europea come esempio del perché sia ottimista. Dopo secoli di conflitti distruttivi hanno anteposto il bene comune agli interessi locali.

Alla domanda su ciò che lo fa arrabbiare, Sua Santità ha chiarito che la rabbia non serve a nulla. Molto meglio coltivare buon cuore e compassione. Allo stesso modo, ha respinto come contraddittoria, la violenza in nome della religione.

Sua Santità ha chiarito che ciò che era essenziale a Nalanda non erano gli edifici che sono ora in rovina, ma la conoscenza che ci è giunta da lì, di cui i tibetani sono stati i custodi per più di mille anni. Sua Santità ha anche elogiato le tradizioni di non violenza, compassione e secolarismo che fanno parte dell’antica eredità indiana. Allo stesso tempo, ha suggerito che nel paese democratico più popoloso della terra, il sistema delle caste, una reliquia del feudalesimo, non è coerente al mondo d’oggi.

Il cancelliere, YV Reddy, ha offerto delle parole di ringraziamento a conclusione quindi tutti si sono alzati in piedi per ascoltare l’inno nazionale.

Traduzione del Dr. Luciano Villa, da https://www.dalailama.com/news/2019/launch-of-dalai-lama-chair-for-nalanda-studies-at-goa-university nell’ambito del Progetto Free Dalai Lama’s Teachings per il beneficio di tutti gli esseri senzienti.


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa