»
S
I
D
E
B
A
R
«
Conferenza internazionale su Jé Tsongkhapa: vita, pensiero ed eredità
December 21st, 2019 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Tutti gli esseri senzienti sono soggetti ad afflizioni mentali come il desiderio, la rabbia e l’ignoranza, ma solo gli esseri umani si combattono l’un l’altro. Avremmo dovuto avere abbastanza violenza, ma le vendite di armi continuano. Questo è il motivo per cui dobbiamo urgentemente concentrarci sulla non violenza e sulla compassione. Siamo animali sociali, dipendenti dalla nostra comunità, quindi la natura umana fondamentale è essere compassionevoli”.

20 dicembre 2019. Mundgod, Karnataka, India – Mentre Sua Santità il Dalai Lama s’incamminava dal monastero di Ganden Shartsé alla Sala delle assemblee di Ganden Lachi, dove 1000 persone erano sedute all’interno e più di 4000 erano sedute all’ombra all’esterno, è stato scortato dall’abate di Shartsé, il Ven. Jangchub Sangyé. All‘ingresso del tempio, accese una lampada davanti alle immagini del Buddha e si sedette di fronte al trono. Il moderatore della sessione inaugurale, Khensur Jangchub Choeden ha accolto con favore Sua Santità, il detentore del trono Ganden, Sharpa e Jangtsé Chöjés, abati, lama e ospiti dall’estero. Ha spiegato che la conferenza era stata convocata per discutere della vita, del pensiero e dell’eredità di Jé Tsongkhapa http://www.sangye.it/altro/?p=942 in occasione del 600° anniversario della sua morte. Si rivolse al dott. Thupten Jinpa per fornire una panoramica degli imminenti procedimenti.

Il dott. Jinpa ha osservato che tenere questa conferenza internazionale a Ganden, il monastero fondato da Tsongkhapa, l’ha resa davvero storica. Aggiungete a ciò che anche il discorso di apertura di Sua Santità lo ha reso di buon auspicio. Ha detto che come studente di Sua Santità ed ex monaco del monastero di Ganden, si sente onorato di essere presente.

Ha ricordato che Tsongkhapa divenne una delle figure di spicco della storia del buddismo tibetano. Nato nel 1357 ad Amdo, alla fine della sua vita nel 1419, le tre grandi Cattedre dell’apprendimento erano state fondate sotto la sua influenza. Aveva attirato un enorme seguito come risultato del suo ampio insegnamento, ma anche per la sua insistenza nello sviluppo di una comprensione integrata fondata sulla comprensione e sulla ragione critica, nonché su una forte difesa del ruolo dell’etica.

Il dott. Jinpa ha spiegato che la conferenza consisterà in sei sessioni di due ore in tre pomeriggi. Queste sessioni si concentreranno su diversi temi, tra cui la vita, il pensiero e l’eredità di Tsongkhapa; i suoi contributi alla Madhyamaka ed allo studio della Perfezione della Saggezza; la teoria e la pratica della meditazione; le fasi del percorso e dell’allenamento mentale, in particolare per quanto riguarda bodhicitta e compassione; e il suo contributo al pensiero ed alla pratica di Vajrayana. Ha sottolineato i tre obiettivi della conferenza: onorare Tsongkhapa in questo 600° anniversario, esplorare il suo pensiero e il suo retaggio spirituale ed esaminare quali intuizioni del suo pensiero e dei suoi insegnamenti sono rilevanti per la vita di oggi.

Per quanto riguarda i partecipanti alla conferenza, il dott. Jinpa ha sottolineato che si tratta di un incontro veramente internazionale. Ha attirato un’attenzione particolare sulla presenza tra i presentatori di due Geshé-ma. Il riconoscimento del massimo grado alle monache è stato il risultato della visione e dell’incoraggiamento di Sua Santità. Ha anche accolto con favore i due studiosi internazionali più importanti della tradizione di Tsongkhapa, il professor Jeffrey Hopkins ed il professor Robert Thurman.

Infine, il dott. Jinpa ha ringraziato Sua Santità per essere stato un esempio così stimolante della tradizione di Jé Tsongkhapa ed ha espresso gratitudine a tutti i presenti per essersi uniti a questa storica celebrazione. Prima di riprendere il suo posto, il dott. Jinpa offrì a Sua Santità una copia della sua biografia di Jé Rinpoché, recentemente pubblicata, intitolata “Tsongkhapa, un Buddha nella Terra delle Nevi”.

Khensur Jangchub Choeden ha debitamente ringraziato il dott. Jinpa per aver allestito la scena e ha invitato Sua Santità a tenere il discorso principale.

“Quindi, terremo questa conferenza internazionale in occasione del 600° anniversario della morte e dell’illuminazione del grande maestro Tsongkhapa e ci siamo concentrati sulla sua eredità”, ha iniziato Sua Santità.

Delle molte diverse tradizioni religiose nel mondo, molte di quelle che sono sorte in India sono importanti perché coinvolgono pratiche per sviluppare la calma mentale e la comprensione della realtà. La pratica religiosa rimane rilevante oggi in quanto il messaggio principale della maggior parte delle tradizioni è l’importanza di coltivare l’amore e la compassione.

Tutti gli esseri senzienti sono soggetti ad afflizioni mentali come il desiderio, la rabbia e l’ignoranza, ma solo gli esseri umani si combattono l’un l’altro. Avremmo dovuto avere abbastanza violenza, ma le vendite di armi continuano. Questo è il motivo per cui dobbiamo urgentemente concentrarci sulla non violenza e sulla compassione. Siamo animali sociali, dipendenti dalla nostra comunità, quindi la natura umana fondamentale è essere compassionevoli.

Ci sono tradizioni teistiche e tradizioni non teiste. Le persone che seguono le prime pregano Dio. Coloro che appartengono alle seconde non hanno posto per un creatore, invece, come dichiarò il Buddha, “Sei il padron di te stesso”. Possiamo fare la differenza se proviamo dolore o piacere provocando un cambiamento nelle nostre menti.

“Il buddismo è apparso in India a seguito delle tre serie di insegnamenti del Buddha. Durante la prima ha spiegato come entriamo nel ciclo dell’esistenza come risultato del karma e dell’illusione, nonché di come liberarci seguendo il percorso e raggiungendo la cessazione. Dobbiamo esplorare se è davvero possibile ottenere la cessazione o meno.

La tradizione di Nalanda sottolinea l’uso della logica e della ragione. Prende come punto di partenza il consiglio del Buddha ai suoi seguaci, “

Come il saggio testa l’oro bruciandolo, tagliandolo e sfregandolo, quindi, bhikshus, dovreste accettare le mie parole, dopo averle verificate, e non semplicemente per rispetto per me. ”Sebbene la Cina, il Corea, la Giappone ed il Vietnam siano stati influenzati dalla tradizione di Nalanda. Solo in Tibet e successivamente in Mongolia, il praticante buddista impiegava attivamente la logica e la ragione ”.

Sua Santità ha osservato che quando il re tibetano Songtsen Gampo voleva creare un sistema tibetano di scrittura, ignorava i metodi cinesi e adottò un modello indiano. Quando Shantarakshita venne in Tibet nell’ottavo secolo su invito del re, incoraggiò la traduzione in tibetano della letteratura buddista in modo che i tibetani potessero studiare nella loro lingua. Nel monastero di Samyé istituì un dipartimento di traduzione, nonché dipartimenti di concentrazione e celibato. La tradizione di Nalanda introdotta da Shantarakshita era fondata sull’uso della logica e della ragione. Furono quindi tradotti in tibetano gli ampi scritti di Dignaga e Dharmakirti sulla logica e l’epistemologia. In seguito, studiosi tibetani come Chapa Chökyi Sengé (1109-69), l’abate di Sangphu e Sakya Pandita hanno approfondito questi temi.

“È stato con la fiducia di un logico esperto che Gyaltsap Dharma Rinchen ha deciso di sfidare Jé Tsongkhapa. Venendo da dove insegnava Jé Rinpoché, si sedette accanto a lui sul trono. Jé Rinpoché ha continuato a insegnare ed ha tenuto una presentazione così profonda che prima Gyaltsap si è tolto il cappello e poi ha concesso la superiorità di Tsongkhapa dimettendosi.

Jé Rinpoché aveva visioni di divinità meditative, ma sottolineava lo studio dei testi classici. Durante una tale visione di Manjushri ricevette delle istruzioni che non riusciva a capire. Manjushri gli consigliò di studiare ulteriormente. Dopo essersi ritirato, ha sognato Nagarjuna ed i suoi cinque seguaci principali. Uno di loro, che aveva una carnagione bluastra scura, gli si avvicinò e gli pose un libro sul capo. Tsongkhapa lo riconobbe come Buddhapalita. Il giorno successivo, mentre leggeva il commentario di Buddhapalita sulla “Saggezza fondamentale” di Nagarjuna, ottenne una visione della vacuità e del sorgere dipendente.

Per quanto riguarda il Tantra, Tsongkhapa ha studiato in modo particolare Guhyasamaja. Ha anche scritto i commentari alla “Saggezza fondamentale” http://www.sangye.it/altro/?p=9194 di Nagarjuna e all'”Entrata nella via di mezzo” di Nagarjuna. Ecco perché lo considero un secondo Nagarjuna. Nei suoi scritti, dove Khedrup-je può sembrare presuntuoso, Tsongkhapa è umile. Butön Rinchen Drup ha scritto esaurientemente su molti argomenti, ma a confronto, Jé Rinpoché mi sembra più chiaro e più profondo.

“Quando è stato invitato a visitare l’imperatore cinese, Tsongkhapa http://www.sangye.it/altro/?p=942 ha risposto che non avrebbe potuto esaudire la richiesta del sovrano perché era in ritiro. Mandò al suo posto Jamchen Chöjé, al quale l’imperatore conferì un cappello nero. Ero solito prendere in giro i monaci di Sera quando lo mettevano sulla testa di una statua del loro fondatore.

“La tradizione di Jé Rinpoché è stata mantenuta vibrante a Drepung, Ganden e Sera attraverso lo studio e la pratica. Negli ultimi giorni ho osservato il dibattito qui a Gomang, Loseling e Shartsé. Ho intenzione di andare a Sera il prossimo marzo.

Se guardi agli scritti di Tsongkhapa, al suo ‘Illuminare l’intento: Esposizione di Ingresso nella Via di Mezzo di Chandrakirti’ http://www.sangye.it/altro/?p=10587, ‘Oceano del Ragionamento‘ nella ‘Saggezza Fondamentale‘ di Nagarjuna, ed ‘Essenza della vera eloquenza’, così come le sue opere sul tantra come l’incomparabile ‘Lampada luminosa’, capirai perché lo considero un secondo Nagarjuna. Chi altro ha lasciato un’eredità così completa? Queste opere sono immensamente utili per ottenere un’introspezione nella visione corretta.

“Per quanto riguarda la bodhicitta, ho studiato la “Guida allo stile di vita del Bodhisattva” di Shantideva. Ma ogni trasformazione che ho fatto è stata influenzata anche dalle opere di Tsongkhapa, incluso il “Grande Trattato sugli Stadi del Sentiero“. Ispirato dalla preghiera di Tsongkhapa:

Ovunque l’insegnamento si è diffuso e declinato

E ovunque non si sia diffuso

Vorrei che si diffondesse per compassione per tutti gli esseri viventi.

“Ho cercato di servire l’umanità e sento di non averla delusa”.

Khensur Jangchub Choeden ha ringraziato Sua Santità per la sua eloquente introspezione e ha invitato il Prof. Donald S. Lopez a fare la prima presentazione.

Il prof. Lopez iniziò con delle reminiscenze personali sull’India ed a Ganden, quarant’anni fa, di cui era allora abate il suo insegnante Lati Rinpoché. Iniziò poi a lavorare sul libro dei canoni Changkya, traduzione che ha recentemente completato e pubblicato. Ha citato l’abate di Gomang, Sogpo Ngawang Nyima dicendogli: “Sei un americano, mentre io sono mongolo. Eccoci in India, parlando tibetano, parlando di qualcuno dell’Amdo (che significa Tsongkhapa). È il karma. “

Il prof. Lopez s’è chiesto: cosa possiamo dire di quest’uomo che viene definito l’Ornamento della Corona degli studiosi della Terra delle Nevi? La sua risposta fu che, grazie a lui, ci sono le Tre Grandi Sedi dell’Apprendimento, così come Tashi Lhunpo, Labrang e Kumbum, c’è il Ganden Phodrang, ci sono i Dalai Lama ed i Panchen Lama.

Questo è straordinario perché Tsongkhapa non era un innovatore mondano, ma uno yogi itinerante.

Il prof. Lopez ha tracciato dei confronti tra buddismo, in particolare il buddismo tibetano ed il cristianesimo, in particolare con la chiesa cattolica romana. Tuttavia, dove tre uomini, Tommaso d’Aquino, Tommaso da Kempis e San Benedetto hanno effettivamente apportato cambiamenti nella chiesa, nella tradizione Geluk, un solo uomo, Tsongkhapa, realizzò l’integrazione della filosofia con la meditazione e la condotta.

Il prof. Lopez ha aggiunto che nella sua lunga conoscenza dei Canoni Changkya è stato decisamente colpito dalla presenza di Tsongkhapa nel testo, perché, nonostante non scriva sugli stessi canoni, difficilmente c’è un argomento su cui non offra una visione essenziale. Il Professore ha fatto notare che ciò è frutto dell’impegno di Tsongkhapa per la ragione, l’analisi e l’evidenza: il che rappresenta una delle lezioni principali che le sue opere hanno da offrire al mondo moderno.

Il prof. Lopez concluse con un’altra reminiscenza: quando dovette partire per l’America nel 1979, senza che il suo insegnante fosse in grado di finire di insegnargli l'”Essenza della vera eloquenza”, gli fu assicurato che ciò significava che si sarebbero incontrati di nuovo per continuare a studiarla. Questo è il testo cantato dai monaci a Ganden 600 anni fa quando Tsongkhapa morì.

Il professor Lopez ha quindi offerto a Sua Santità una copia della sua traduzione recentemente completata dei Canoni Changkya.

Khensur Jangchub Choeden ha ringraziato il prof. Lopez per il suo commovente intervento, e, dal momento che c’era tempo, ha chiesto a Gheshé Yama Rinchen di fare la prossima presentazione, che ha parlato in tibetano di come Tsongkhapa abbia chiarito lo studio e la pratica della Vinaya: la disciplina monastica. Tsongkhapa studiò molti testi classici, tra cui il “Vinaya Sutra” di Gunaprabha ed il vasto commentario di Dharmamitra.

Geshé Yama Rinchen menzionò due testi, uno breve e l’altro lungo, che Tsongkhapa scrisse a Wolka sul Vinaya, che non sono inclusi nelle edizioni standard delle sue raccolte di opere. In questi testi si concentrò sui consigli per coloro che non avevano mai preso in precedenza i voti monastici, in particolare su come mantenere i voti e su come ripristinare i precetti che avrebbero potuto essere violati.

Tsongkhapa prese sul serio il motto che se la pratica del Vinaya è realizzata, l’insegnamento del Buddha fiorisce. Pertanto, s’impegnò molto per la sua rinascita e la sua conservazione, esprimendo il desiderio: “Possano i monaci vivere in armonia e la comunità monastica crescere sempre più“.

Khensur Jangchub Choeden ha concluso la sessione, ringraziando Gheshé Yama Rinchen per la sua intuizione sull’importanza che Tsongkhapa aveva attribuito al Vinaya. Ha ringraziato Sua Santità per aver presieduto l’inaugurazione della conferenza e ha ringraziato altri illustri ospiti per la loro presenza. Prima che tutti si disperdessero per il pranzo, i presentatori si sono riuniti intorno a Sua Santità per farsi una foto di gruppo.

Sua Santità è tornato dalla sala Ganden Lachi fino a Ganden Shartsé. Sulle scale si fermò a sorridere ed a salutare la folla, che gli sorrise, lo applaudì per la gioia e contraccambiò ai suoi saluti agitando le mani.

Traduzione del Dr. Luciano Villa da http://www.sangye.it/dalailamanews/?p=13890#more-13890 nell’ambito del Programma Free Dalai Lama’s Teachings per il beneficio di tutti gli esseri senzienti.


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa