»
S
I
D
E
B
A
R
«
Sua Santità il Dalai Lama: Iniziazione di Avalokiteshvara
January 4th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Coltivare bodhicitta è la mia pratica più importante”

Iniziazione di Avalokiteshvara

3 gennaio 2020. Bodhgaya, Bihar, India – La luce dorata del sole è scesa sul Mahabodhi Stupa mentre Sua Santità il Dalai Lama ha lasciato stamattina il monastero di Ganden Phelgyeling per il Kalachakra Ground. Mentre camminava dal cancello al palco, si è fermato spesso a sorridere e salutare i gruppi di persone che si erano radunati per vederlo. Dal palco poteva vedere la folla fino alle pareti lungo i bordi e salutava tutti, a partire dai lama attorno al trono, ma ha anche prestato attenzione ai monaci anziani ed ai giovani tulku prima di sedersi.

Una dozzina di monaci e monache vietnamiti hanno cantato il “Sutra del Cuore” http://www.sangye.it/altro/?p=6098 nella loro lingua madre. Sono stati seguiti da dieci monaci del monastero buddista del Bangladesh che hanno recitavato il Mangala Sutta http://www.sangye.it/altro/?p=1868 in Pali. Un terzo gruppo, che ha recitato ancora una volta il “Sutra del cuore”, era composto da monaci e monache coreane. I membri di una famiglia che sponsorizzavano gli eventi odierni hanno offerto un mandala ed una triplice rappresentazione del corpo, della parola e della mente del Buddha.

“Oggi, dato che conferil’Iniziazione di Avalokiteshvara”, ha esortato Sua Santità, “mentre completerò i rituali preparatori, sarebbe positivo se tutti recitassero il mantra a sei sillabe: Om mani padme hung.”

Quando ha iniziato a piovere, Sua Santità ha invitato un gruppo di Gheshé a salire e sedersi nello spazio di fronte a lui ed ha esortato il pubblico a raccogliersi per ripararsi al meglio.

Oggi, in questo straordinario luogo in cui il Buddha si è illuminato, ricordiamo lui, i suoi sette successori, Nagarjuna http://www.sangye.it/altro/?p=10906 ed i suoi discepoli, così come Asanga http://www.sangye.it/altro/?p=5017 e suo fratello Vasubandhu. Abbiamo ancora accesso all’eredità degli insegnamenti buddisti attraverso gli scritti di questi grandi maestri.

“Sono stati fatti grandi progressi in termini di sviluppo materiale, che supportano la nostra salute fisica ed il nostro benessere, ma non apportano pace alle nostre menti disturbate. La felicità si trova essenzialmente dentro. Potremmo provare piacere negli spettacoli e in altri spettacoli, ma nel momento in cui lo spettacolo è finito, i piaceri si fermano. Questo è vero anche per il nostro godimento della musica meravigliosa. Invece di fare affidamento sull’esperienza sensoriale, sarebbe meglio scoprire come calmare i nostri stati mentali instabili.

Diverse tradizioni religiose hanno beneficiato milioni di persone nel corso dei secoli. Coloro che credono in Dio lo pregano quando affrontano difficoltà. Questo dà loro speranza. In India ci sono anche tradizioni come i Samkhyà non teisti, i Giainisti e i Buddisti che mirano alla pace interiore sulla base della comprensione del funzionamento della mente e delle emozioni.

Il buddismo parla di 51 fattori mentali http://www.sangye.it/altro/?p=6956 che includono cinque fattori mentali onnipresenti, cinque fattori mentali che determinano gli oggetti, undici fattori mentali virtuosi, sei afflizioni radicali, venti afflizioni secondarie e quattro fattori mentali variabili. La tradizione di Nalanda spiega la psicologia sulla base della logica e della ragione, che è ciò che la rende attraente ed interessante per gli scienziati moderni. “

Sua Santità annunciò che avrebbe conferito i voti del Bodhisattva http://www.sangye.it/altro/?p=6252, http://www.sangye.it/altro/?p=6248 basandosi sul rituale del capitolo sull’etica dei “Terreni del Bodhisattva” di Asanga (Bodhisattvabhumi) http://www.sangye.it/altro/?p=10312 comunicando al pubblico che questo particolare approccio s’era affievolito e che desiderava ripristinarlo. Questo consente di prendere i voti davanti ad un’immagine del Buddha. Di conseguenza, ha chiesto al suo tutore anziano, Ling Rinpoché, di fare ciò che era necessario. Rinpoché prima prese i voti di fronte all’immagine nello Stupa della Mahabodhi e poi li conferì a Sua Santità. Serkhong Rinpoché agì come assistente della cerimonia e quando fu completata, sia lui che Sua Santità piansero di gioia.

“Coltivare bodhicitta è la mia pratica più importante” dichiara Sua Santità. “I Bodhisattva osservano gli esseri senzienti e si concentrano sul raggiungimento dell’illuminazione. Il voto può essere preso davanti a un’immagine del Buddha o da un maestro che lo possiede. Bodhichitta è una causa universale di pace, perché la pace nel mondo richiede che siamo in pace all’interno di noi.

“Quando i leader creano conflitti in termini di “noi “e” loro “, le persone comuni soffrono a causa della mancanza di protezione da parte dei loro capi. Come esseri umani beneficiamo tutti della compassione.

Sono costantemente consapevole della bodhicitta che provoca uno stato mentale pacifico. Essere altruisti è essere d’aiuto. Se hai un buon cuore, avrai più amici. Il bullismo e lo sfruttamento degli altri allontana le persone. Prendere e mantenere i voti del Bodhisattva rafforza la nostra determinazione ad impegnarci nelle pratiche di un Bodhisattva. Osservare l’etica di questo voto anche per un giorno è immensamente benefico.

Ricordo di avere preso il voto di Bodhisattva anche nei miei sogni. Non esiste un‘altro fattore maggiore che contribuisca alla pace e alla felicità nel mondo “.

Una volta terminata la cerimonia per i voti del Bodhisattva, Sua Santità iniziò a conferire l’Iniziazione di Avalokiteshvara. Fatto ciò, ha sottolineato lo speciale legame karmico tra i tibetani e Chenrezig. Ha anche menzionato la rarità del Vajrayana, osservando che Buddha Shakyamuni è uno dei soli tre o quattro Buddha di questo fortunato eone che insegnano il tantra oltre al percorso dei sutra.

Ha ricordato al pubblico di aver conferito l’iniziazione con la lettura di ieri delle “Trentasette Pratiche del Bodhisattva” http://www.sangye.it/altro/?p=134 come insegnamento preliminare. Oggi ha fatto loro il voto di Bodhisattva secondo il capitolo dell’etica dei Terreni del Bodhisattva” di Asanga. Ha consigliato alle persone di seguire questo processo intraprendendone il ritiro. Li ha anche incoraggiati a leggere la “Guida allo stile di vita del Bodhisattva” http://www.sangye.it/altro/?cat=15 di Shantideva http://www.sangye.it/altro/?p=2340 in particolare l’ottavo capitolo http://www.sangye.it/altro/?p=2418 che rivela come coltivare bodhicitta ed il sesto http://www.sangye.it/altro/?p=2405 che fornisce un potente resoconto di come contrastare la rabbia e l’odio.

Infine, ha espresso parole d’elogio per il Comitato Organizzatore del Festival della Grande Preghiera. “In questi giorni”, ha detto loro, “quando guardiamo le notizie, vediamo notizie di poveri che soffrono in Bangladesh ed in Africa. Mi è venuto in mente che potreste prendere in considerazione di dare un contributo per aiutare queste persone dai fondi del Festival della Preghiera. Ho visto e sentito persone in Africa e Bangladesh alle prese con le conseguenze di inondazioni ed incendi che supplicano: “Anche noi siamo umani”. La mia considerazione è che l’UNESCO ha svolto costantemente un buon lavoro benefico sul terreno in tali situazioni ed una donazione a quell’organizzazione sarebbe positiva. “

Prima di tornare al monastero, Sua Santità ha annunciato che da domani riprenderà e spera di completare il ciclo di insegnamenti di Manjushri che ha iniziato l’anno scorso. Ha osservato che al pari di chi ha fatto affidamento sul mantra di Manjushri fin da bambino, Sua Santità è convinto della sua efficacia nel migliorare l’intelligenza.

Traduzione del Dott. Luciano Villa, da http://www.sangye.it/dalailamanews/?p=13947 e riferimenti a https://www.facebook.com/DalaiLamaItaliano/videos/iniziazione-di-avalokitesvara/2218327908246512/ nell’ambito del Progetto Free Dalai Lama’s Teachings a beneficio di tutti gli esseri senzienti.


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa