»
S
I
D
E
B
A
R
«
Sua Santità il Dalai Lama Conclude il Ciclo di Insegnamenti su Manjushri
January 7th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Le cose sono transitorie. Dopo essere stati insieme è nella natura delle cose che ci disperdiamo. Non vi dimenticherò. Vi penserò. A vostra volta, non pensate solo al fatto che siamo stati qui fisicamente insieme, pensate al fatto che io vi abbia impartito degli insegnamenti, questi sono la base per trasformarvi. Tuttavia, dovete anche essere pratici e ricordare che la trasformazione non avviene immediatamente. Ci vuole tempo: settimane, mesi e anni di pratica. Tenetelo a mente e praticate bene.”

Sua Santità il Dalai Lama Conclude il ciclo di insegnamenti su Manjushri

6 gennaio 2020. Bodhgaya, Bihar, India – Questa mattina, nell’ultimo giorno dell’attuale serie di insegnamenti di Sua Santità il Dalai Lama, il cielo era blu ed il sole brillava gaio e rendeva scintillanti gli ornamenti dorati sul tetto di Ganden Phelgyeling mentre tramontava oltre il Kalachakra Ground. Come è solito fare, Sua Santità il Dalai Lama ha salutato quanti più devoti e membri del pubblico ha potuto raggiungere. Ha parlato con alcuni, ha salutato molti ed ha sorriso a tutti. Quando raggiunse il palco, un secondo gruppo dei più qualificati nelle competizioni di memorizzazione e composizione poetica dell’India meridionale si radunarono per farsi fotografare con lui.

Guardando dal palcoscenico il pubblico, si affacciava una marea di volti sorridenti illuminati dal sole e quando Sua Santità ha salutato dando il buongiorno, migliaia di mani si sono levate in cielo per salutare. Sua Santit è quindi salito sul trono, ha salutato le immagini del Buddha e dei grandi maestri e si è seduto. Immediatamente, i maestri del canto, che negli ultimi giorni hanno offerto i loro servigi alla Grande Celebrazione delle Preghiere, si slanciarono in una commovente interpretazione del “Sutra del Cuorehttp://www.sangye.it/altro/?p=216 in Tibetano.

“Oggi”, annunciò Sua Santità, “le Iniziazioni finali del Ciclo di Insegnamenti di Manjushri sono per la Dharmaraja Interna, Esterna e Segreta. In primo luogo, devo fare le pratiche preparatorie necessarie, e mentre lo faccio potete recitare la “Lode a Dharmaraja“.

“Ci siamo tutti riuniti in questo luogo speciale, Bodhgaya, non per guadagni finanziari, ma perché volevamo ricevere insegnamenti. All’interno della divisione degli insegnamenti appartenenti alla struttura generale ed insegnamenti specializzati, questo appartiene a quest’ultimo. Le istruzioni sulla generazione della bodhicitta e così via appartengono alla struttura generale. Oltre ad essere specializzati, le Iniziazioni che conferirò oggi appartengono al più alto yoga Tantra. Sono nati perché il Buddha ha dato diversi insegnamenti a diversi individui e gruppi di persone per le loro diverse disposizioni mentali.

Dopo il Buddha, grandi maestri come Nagarjuna http://www.sangye.it/altro/?p=10906 ed i suoi seguaci hanno avuto visioni che hanno dato origine a tradizioni diverse. Più tardi, Naropa http://www.sangye.it/altro/?cat=67 che dapprima era un guardiano accademico della Università di Nalanda, lasciò quel ruolo ed entrò nella vita di uno yogin errante, affrontando ogni tipo di difficoltà, ma ricevendo anche istruzioni profonde da Tilopa. Vi delle pratiche che vanno utilizzate per superare ostacoli e nemici, di cui una di queste è la pratica del Dharmaraja irato.

Il fondamento della nostra pratica è la mente del risveglio della bodhicitta ed una chiara comprensione della vacuità. Jé Tsongkhapa http://www.sangye.it/altro/?p=942 ha detto: “Devo raggiungere il Corpo della Verità ed aiuterò gli altri nel percorso. Per superare gli ostacoli, farò affidamento sui protettori”. Questo a volte è necessario, sebbene lo scopo non sia quello di ottenere una ricompensa personale. Tuttavia, si dice che, se non riesci a superare gli ostacoli adottando un approccio pacifico, puoi usare dei mezzi irati.

La nostra motivazione dovrebbe essere d’impegnarci il più possibile, da ora fino al raggiungimento dell’illuminazione, per beneficiare gli altri. Se riflettiamo sul sorgere dipendente, possiamo sconfiggere l’egocentrismo ed il nostro malinteso del sé. Lavorare per superare l’atteggiamento autogratificante è sia il percorso della pratica che il percorso per insegnare agli altri.

“Ho fatto i preparativi e, prima di questa mattina, ho incontrato alcuni devoti cinesi. Ho fatto notare loro che il buddismo in Cina e in Tibet è nato qui in India. In questi giorni, la Cina ha la più grande popolazione buddista nel mondo. “

Sua Santità ha rivelato di fare ogni anno un ritiro di Vajrabhairava http://www.sangye.it/altro/?p=6714 come aveva promesso al suo tutore Ling Rinpoché. Ha aggiunto che Vajrabhairava è stato la prima Iniziazione maggiore che ha ricevuto da bambino da Tagdrak Rinpoché e poi molto più tardi è stato l’ultima Iniziazione che ha ricevuto da Ling Rinpoché.

Ha detto che oggi avrebbe pensato di leggere i “Tre aspetti principali del sentierohttp://www.sangye.it/altro/?p=489 di Jé Rinpoché, che aveva inviato in forma di lettera a Tsako Wönpo, Ngawang Drakpa, un discepolo vicino a Gyalmorong, nel Tibet orientale.

Sua Santità ha espresso la sua ammirazione per le opere scritte di Tsongkhapa. Ha osservato che il “Rosario d’Oro” riflette la comprensione iniziale della vacuità di Jé Rinpoché. “Il Grande Trattato sugli Stadi del Sentiero” http://www.sangye.it/altro/?cat=110, il “Trattato Intermedio sugli Stadi del Sentiero”, l ‘”Essenza delle buone spiegazionihttp://www.sangye.it/altro/?p=1008 e questo testo: “I Tre aspetti principali del Sentiero” rivelano la sua comprensione matura.

I tre principi del percorso a cui si fa riferimento nel titolo sono la determinazione ad essere liberi o rinuncia al samsara, la mente che si risveglia di bodhicitta e la saggezza che comprende il vacuità. Sua Santità ha spiegato che quando riflette su questo testo, traspone regolarmente l’enfasi della settima e dell’ottava strofa per rafforzare la determinazione ad essere liberi.

[7] Come Generare la Mente d’illuminazione

Trascinati via dalla corrente dei quattro grandi fiumi,

legati alle catene del karma

così difficile da eliminare,

intrappolati nelle maglie di ferro dell’attaccamento all’io

e completamente avvolti dalle tenebre dell’ignoranza

8] gli esseri sono spinti nel ciclo delle nascite e rinascite senza fine,

e vengono continuamente tormentati dalle tre sofferenze.

Tale è la condizione di tutti gli esseri, nostre madri

Riflettete su questa situazione e sviluppate la suprema mente d’illuminazione.

La strofa successiva chiarisce che senza rendersi conto della vacuità, non è possibile tagliare la radice dell’esistenza ciclica.

“Oggi nel mondo stiamo affrontando grandi problemi”, ha dichiarato Sua Santità. “C’è troppa violenza e stragi. La crisi climatica sta diventando estrema. Gli incendi che hanno colpito l’Australia e parti del Brasile hanno ucciso un gran numero di animali. A livello individuale possiamo prendere provvedimenti per contrastare il riscaldamento globale.

La settima e l’ottava strofa riguardano la generazione della bodhicitta: elimineremo la sofferenza solo superando l’ignoranza. Jé Rinpoché sottolinea che la comprensione del sorgere dipendente e della vacuità vanno di pari passo. Quando comprendiamo la vacuità, il sorgere dipendente è il ragionamento sottostante. Dobbiamo capire questo per apprezzare che le cose non hanno un’esistenza oggettiva. Tuttavia, “fintanto che queste due comprensioni sono viste come separate, non hai ancora realizzato l’intento del Buddha”.

“Jé Rinpoché prosegue chiarendo che “quando queste due realizzazioni sono coincidenti e simultanee, da una semplice visione dell’infallibile sorgere dipendente arriva una certa conoscenza che distrugge completamente tutti i modi di attaccamento mentale. In quel momento l’analisi della visione profonda è completa “. Per comprendere veramente la vacuità, dobbiamo superare i due estremi, perciò afferma: “Le apparenze confutano l’estremo dell’esistenza, la vacuità confuta l’estremo dell’inesistenza. Quando capisci il sorgere di causa ed effetto dal punto di vista della vacuità, non sei affascinato da nessuna vista estremo“.

“Il consiglio finale di Tsongkhapa a Tsako Wönpo, Ngawang Drakpa è di “dipendere dalla solitudine e dallo sforzo determinato per raggiungere rapidamente l’obiettivo finale “. Questo vale anche per noi.

Nel resoconto della sua vita, Tsongkhapa ha scritto:

All’inizio ho cercato di apprendere molto,

nel mezzo l’insegnamento mi è apparso come istruzione spirituale

ed alla fine, mi sono sforzato giorno e notte nella pratica.

Dedico i meriti affinché il Dharma possa prosperare.

“La chiave è studiare, riflettere e meditare su ciò che hai capito. L’obiettivo è quello di incorporare tutti gli insegnamenti del Buddha in un’unica pratica. “

Mentre ancora una volta conferiva i Voti del Bodhisattva http://www.sangye.it/altro/?p=6252, http://www.sangye.it/altro/?p=6248 Sua Santità ha sottolineato che coltivare bodhicitta è l’essenza dell’insegnamento del Buddha. Mentre dava le Iniziazioni, consigliava ai suoi ascoltatori di coltivare bodhicitta ed una chiara comprensione della vacuità e di fare lo yoga della divinità. Ha osservato che se riesci a portare i tre corpi nel percorso, sarai pronto a sfruttare la mente di chiara luce che si manifesta al momento della morte.

Alla fine della sessione Sua Santità ha dichiarato di essere soddisfatto del fatto che la serie di insegnamenti fosse stata completata con successo. Ha notato che sia i presenti con lui a Bodhgaya che quelli che frequentano gli insegnamenti online hanno ottenuto grandi meriti. Ha raccomandato di dire una preghiera di dedizione generale, ma anche di dedicarsi al benessere del Tibet.

Integrate gli insegnamenti dentro di voi e trasformate gradualmente la vostra mente. Questo è il modo di rendere significativa la vostra vita.

Le cose sono impermanenti. Dopo essere stati insieme è nella natura delle cose che ci disperdiamo. Non vi dimenticherò. Vi penserò. A vostra volta, non pensate solo al fatto che siamo stati qui fisicamente insieme, pensate al fatto che vi abbia impartito insegnamenti, questi sono la base per trasformarvi. Tuttavia, dovete anche essere pratici e ricordare che la trasformazione non avviene immediatamente. Ci vuole tempo: settimane, mesi ed anni di pratica. Tenetelo a mente e praticate bene.”

Alla fine, prima che Sua Santità lasciasse il luogo dell’insegnamento, un rappresentante del Comitato Organizzatore degli Insegnamenti e il Comitato delle Celebrazioni della Grande Preghiera hanno letto ciascuno un bilancio consuntivo. Sua Santità ha salutato la folla dal bordo del palco ed anche mentre saliva in macchina salutava altre persone che attiravano la sua attenzione. E con ciò è tornato al monastero di Gandel Phelgyeling.

Traduzione del Dott. Luciano Villa, da http://www.sangye.it/dalailamanews/?p=13959 nell’ambito del Progetto Free Dalai Lama’s Teachings a beneficio di tutti gli esseri senzienti.


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa