»
S
I
D
E
B
A
R
«
Sua Santità il Dalai Lama a Patna
January 20th, 2020 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “È importante combinare l’educazione moderna, con i suoi obiettivi di sviluppo materiale, con l’antica comprensione indiana del funzionamento della mente e delle emozioni, permettendoci di affrontare le nostre emozioni distruttive e raggiungere la pace interiore”.

18 gennaio 2020. Patna, Bihar, India – Ieri mattina, Sua Santità il Dalai Lama ha fatto una visita d’addio al Mahabodhi Stupa. Centinaia di persone si sono allineate lungo la strada per salutarlo mentre si dirigeva verso il santuario interiore, dove ha trascorso diversi minuti a pregare davanti alla venerata statua del Buddha. Dopo un breve volo da Gaya a Patna, Sua Santità incontrato il Primo Ministro del Bihar, Nitish Kumar, nella sua residenza che, prima di invitarlo a unirsi a lui per pranzo, ha chiesto a Sua Santità di benedire un albero della Bodhi nel giardino della sua residenza.

Questa mattina, Sua Santità ha raggiunto l’Accademia Giudiziaria del Bihar dove gli era stato chiesto di parlare dell’amore e della compassione come stile di vita. Qui è stato accolto dal Giudice Capo e dai Giudici dell’Alta Corte di Patna e, prima di entrare nell’edificio, ha piantò un albero nel giardino. Nella sua introduzione, il Giudice Capo Sanjay Karol ha dichiarato: “Ci sono persone che sono vicine ai nostri cuori e alle nostre menti, che non hanno bisogno di presentazioni. Sua Santità il Dalai Lama è uno di questi, universalmente riconosciuto come un uomo di pace, che si definisce un semplice monaco buddista. “

Rispettati fratelli e sorelle”, ha iniziato Sua Santità, “siamo tutti uguali. Tutti i 7 miliardi di esseri umani sono fratelli e sorelle. Sfortunatamente, oggi, c’è troppa enfasi nel vedere gli altri in termini di “noi” e “loro” – evidenziando le differenze di religione e nazionalità e, all’interno di un paese, le differenze tra ricchi e poveri. Fare troppe differenze del genere crea problemi in noi. Il rimedio è riconoscere l’unicità di tutti i 7 miliardi di esseri umani.

Ai bambini non importa a quale fede religiosa o nazionalità appartengono i loro compagni, purché siano affettuosi, sorridano e giochino facilmente insieme. È solo quando invecchiano che prestano attenzione a queste differenze secondarie. In effetti, da una prospettiva più ampia, siamo mentalmente, fisicamente, emotivamente tutti uguali. Vogliamo tutti vivere una vita felice, ma, molti dei problemi che affrontiamo, sono di nostra creazione. “

Tra le soluzioni ad alcuni di questi problemi, Sua Santità ha ricordato le tradizioni di lunga data dell’India: di “ahimsa” o non violenza e “karuna” o compassione. Ha sottolineato che essere non violenti nel nostro comportamento e compassionevoli nella nostra motivazione sono le basi su cui le nostre famiglie, comunità e nazioni possono vivere felici insieme. Ha osservato che i cambiamenti che porteranno questo risultato non saranno raggiunti attraverso la preghiera ma con l’istruzione.

“Se ci pensi, è chiaro che la violenza porta solo alla reciproca distruzione. Uccidere il nemico per rabbia creerà solo più nemici. D’altra parte, se pensi ai tuoi simili come fratelli e sorelle, ti sarà facile raggiungerli e star loro vicino.

“L’approccio umano corretto alla risoluzione dei conflitti è quello di impegnarsi nel dialogo”, ha continuato Sua Santità. “Affidarsi alle armi ed all’uso della forza non è appropriato, anzi, perpetua la discordia. Non è proficuo. Per evitare la violenza, dobbiamo imparare a trattarci reciprocamente con maggior rispetto.

L’India è un paese democratico che funziona sulla base dello stato di diritto. Il risultato è lì per tutti da vedere. L’India, la seconda nazione più popolata al mondo, è pacifica. Gli indiani sono liberi ed uno dei principali fattori alla base di questo è l’esistenza dello stato di diritto. Giudici ed avvocati hanno un ruolo essenziale nel mantenere una società giusta e felice. Se i giudici e gli avvocati pensano solo adrimpinguarsi le tasche”, ciò porterà a grossi problemi “.

Passando alle relazioni storiche tra il Tibet e l’India, Sua Santità ha osservato che nel VII secolo l’imperatore tibetano scelse di sviluppare una scrittura tibetana modellata sull’antico alfabeto indiano Devanagari. Più tardi, nell’VIII secolo, un altro imperatore scelse, nonostante gli stretti rapporti con la Cina, di introdurre direttamente dall’India il buddismo in Tibet.

Questa tradizione di Nalanda, con la sua enfasi sull’uso della logica e della ragione, ha dato fiducia e determinazione a noi stessi. Per questo saremo sempre grati all’India. Da un punto di vista personale, nel 1959 sono diventato un rifugiato. Da un lato, sono diventato l’ospite più longevo del governo indiano, dall’altro mi descrivo come un messaggero dell’antico pensiero indiano, in particolare di “ahimsa” e “karuna”. Ovunque io vada, porto questo messaggio.

L’India è anche un esempio vivente per il resto del mondo che tutte le nostre tradizioni religiose possono vivere insieme. In termini di comunità più ampia abbiamo diverse tradizioni religiose che insegnano diversi aspetti della verità. Considero l’armonia religiosa che troviamo in India come un qualcosa di meraviglioso.”

Alla fine, Sua Santità ha spiegato il suo ultimo impegno per rilanciare l’antica conoscenza indiana. “È importante”, ha sottolineato, “combinare l’educazione moderna, con i suoi obiettivi di sviluppo materiale, con l’antica comprensione indiana del funzionamento della mente e delle emozioni, permettendoci di affrontare le nostre emozioni distruttive e raggiungere la tranquillità. Una volta che questi due aspetti dell’istruzione sono stati combinati con successo, possiamo condividere con il mondo in generale ciò che abbiamo imparato”.

Alla domanda sul significato di essere un monaco in un mondo materialista, Sua Santità ha scherzato: Essere un monaco significa essere celibe. È successo che quando ho incontrato qualcuno per la prima volta era felicemente sposato. Quindi, la seconda volta che ci siamo incontrati, aveva un altro marito o moglie. Incontrandolo per la terza volta, si era sposato di nuovo. In un tale contesto, credo che sia un bene essere un monaco, ho così molto meno problemi. “

Un membro del pubblico si è alzato in piedi per dire a Sua Santità che non pensava a lui come un ospite dell’India. Ma che tu “Vivi nei nostri cuori. Sei un indiano. Tutti i tibetani che vivono in India sono nostri fratelli e sorelle.”

È stata posta a Sua Santità una domanda sul futuro Buddha, Maitreya, a cui Sua Santità ha risposto: “Certo, sono buddista. Ma ci sono alcune cose nelle Scritture che non accetto letteralmente. Ad esempio, i testi dicono che il monte Meru è al centro dell’universo, ma non ci credo. Contraddice la realtà osservabile. Allo stesso modo, quando parliamo del Buddha Maitreya, dobbiamo tenere presente che, secondo molti scienziati, il mondo potrebbe scomparire nei prossimi secoli. Il riscaldamento globale sta diventando molto serio e questo pianeta potrebbe diventare solo un deserto. Noi esseri umani non saremo in grado di sopravvivere. In tale contesto non ha senso parlare del Buddha Maitreya che apparirà in futuro.

“In questo momento, è più importante per noi prestare attenzione a ciò che ha insegnato Buddha Shakyamuni. Questo è l’insegnamento che possiamo effettivamente studiare e praticare qui ed ora. Possiamo pensare a ciò nello stesso modo a cui pensiamo al cibo. Se oggi hai del cibo nel piatto, perché dovresti aspettare fino a domani per mangiarlo? Non ha senso. Gli insegnamenti del Buddha sono stati mantenuti vivi fino ad ora: questi sono ciò che dovremmo studiare e praticare qui ed ora “.

Lasciando l’Accademia Giudiziaria del Bihar, Sua Santità si recò direttamente all’aeroporto di Patna, dove fu ricevuto dal Primo Ministro Nitish Kumar che era venuto a salutarlo. Trascorsero più di 30 minuti in conversazione prima che Sua Santità decollasse per Delhi.

Sua Santità si sottoporrà domani a Delhi ad una visita medica di routine. Ritornerà quindi a Dharamsala il 21 gennaio, completando un tour di 44 giorni che lo ha portato a Delhi, Goa, Mundgod, Bodhgaya e Patna.

Traduzione del Dott. Luciano Villa, da http://www.sangye.it/dalailamanews/?p=13973 nell’ambito del Progetto Free Dalai Lama’s Teachings a beneficio di tutti gli esseri senzienti.


Comments are closed

»  Substance: www.sangye.it   »  Style: Ahren Ahimsa