Archive for the ‘Dalai Lama 8Versi Trasformaz Pensiero Dharams 81 IT’ Category

Sua Santità il Dalai Lama: Felicità, karma e mente

Sua Santità il Dalai Lama: Tutti i fenomeni composti sono soggetti alla disintegrazione.

Sua Santità il Dalai Lama: Felicità, karma e mente

Tra l’origine di questo mondo e la prima comparsa degli esseri viventi sulla Terra trascorsero miliardi di anni. Da allora ci volle un tempo immenso perché le creature viventi maturassero nel pensiero, nello sviluppo e nella perfezione delle loro facoltà intellettuali. Dal momento in cui gli umani conquistarono la maturità, fino ai nostri giorni, trascorsero ancora migliaia di anni. Per tutto questo esteso periodo di tempo, il mondo è passato attraverso cambiamenti incessanti, Continua »

 

1 S.S. Dalai Lama, Otto Versi di Trasformazione del Pensiero ’81 Dharamsala

Sua Santità il Dalai Lama: Coloro che hanno sviluppato l'atteggiamento  di coltivare degli altri, li considerano molto più importanti di sé stessi e ritengono questo valore superiore a tutto. E, agendo in questo modo, essi stessi, tra l'altro, diventano molto felici.

Sua Santità il Dalai Lama: Coloro che hanno sviluppato l'atteggiamento di coltivare degli altri, li considerano molto più importanti di sé stessi e ritengono questo valore superiore a tutto. E, agendo in questo modo, essi stessi, tra l'altro, diventano molto felici.

Prima parte dell’insegnamento di Sua Santità il Dalai Lama il 7 ottobre 1981 a Dharamsala, India sugli Otto Versi di Trasformazione del Pensiero.

Traduzione dal’inglese in italiano ed editing del Dott. Luciano Villa, dell’Ing. Alessandro Tenzin Villa e di Graziella Romania nell’ambito del Progetto “Free Dalai Lama’s Teachings” per il beneficio di tutti gli esseri senzienti.

Sua Santità il Dalai Lama
Gli “
Otto Versi di Trasformazione del Pensiero” è un testo del Geshe Kadampa Langri Tangpa, che spiega la pratica Paramitayana di metodo e saggezza: i primi sette versi vertono sul metodo (amorevole gentilezza, bodhicitta), mentre l’ottavo è sulla saggezza (1).

Considerando tutti gli esseri senzienti

superiori alla gemma che esaudisce i desideri

Per realizzare il fine supremo

Possa io costantemente prenderli a cuore. Continua »

 

2 S.S. Dalai Lama, Otto Versi di Trasformazione del Pensiero ’81 Dharamsala

Sua Santità il Dalai Lama: Al fine di raggiungere l'illuminazione per il bene degli esseri senzienti, dovremmo essere felici e disposti a trascorrere innumerevoli eoni nei più bassi inferni. Questo è ciò che s’intende prendere su noi stessi le sventure che affliggono gli altri.

Sua Santità il Dalai Lama: Al fine di raggiungere l'illuminazione per il bene degli esseri senzienti, dovremmo essere felici e disposti a trascorrere innumerevoli eoni nei più bassi inferni. Questo è ciò che s’intende prendere su noi stessi le sventure che affliggono gli altri.

Seconda parte dell’insegnamento di Sua Santità il Dalai Lama il 7 ottobre 1981 a Dharamsala, India sugli Otto Versi di trasformazione mentale. Traduzione dal’inglese in italiano ed editing del Dott. Luciano Villa, dell’Ing. Alessandro Tenzin Villa e di Graziella Romania nell’ambito del Progetto “Free Dalai Lama’s Teachings” per il beneficio di tutti gli esseri senzienti.

2

Quando sarò con gli altri

Possa ritenere me stesso come il meno importante

E possa prendermi cura di loro fin nel profondo del cuore

come se ognuno fosse il più elevato degli esseri.

Sua Santità il Dalai Lama
Non importa con chi siamo. Spesso pensiamo cose come, “sono più forte di lui”, “Sono più bella di lei”, “Sono più intelligenti”, “sono più ricco”, “Sono molto più qualificato” e così via, generiamo molto orgoglio. Questo non è bene. Invece, dovremmo sempre rimanere umili. Continua »

 

3 S.S. Dalai Lama, Otto Versi di Trasformazione del Pensiero ‘81 Dharamsala

Sua Santità il Dalai Lama: Uno dei modi per coltivare la pazienza è quello di contemplare gli svantaggi di arrabbiarci.

Sua Santità il Dalai Lama: Uno dei modi per coltivare la pazienza è quello di contemplare gli svantaggi di arrabbiarci.

Terza parte dell’insegnamento di Sua Santità il Dalai Lama il 7 ottobre 1981 a Dharamsala, India, sugli Otto Versi di Trasformazione Mentale. Traduzione dall’inglese in italiano ed editing del Dott. Luciano Villa, revisione dell’Ing. Alessandro Tenzin Villa e di Graziella Romania, nell’ambito del Progetto “Free Dalai Lama’s Teachings” per il beneficio di tutti gli esseri senzienti.

Domanda. Cosa dovremmo fare per trovarci nell’inferno più basso?

Sua Santità il Dalai Lama. Si tratta di sviluppare il coraggio di essere disposti ad andare in uno degli inferni, ma non significa di dover effettivamente andarci. Quando il Geshe Kadampa Chekawa stava morendo, Continua »

 

1 H.H. Dalai Lama: “The Eight Verses of Thought Transformation”

His Holiness the Dalai Lama: First, if we do not have pure motivation, whatever we do may not be satisfactory.

His Holiness the Dalai Lama: First, if we do not have pure motivation, whatever we do may not be satisfactory.

His Holiness the Dalai Lama gave this teaching on The Eight Verses of Thought Transformation in Dharamsala, India, on 7 October 1981.

His Holiness the Dalai Lama

The Eight Verses of Thought Transformation, a text by the Kadampa geshe Langri Tangpa, explains the Paramitayana practice of method and wisdom: the first seven verses deal with method—loving kindness, bodhicitta—and the eighth deals with wisdom.1

1. Determined to obtain the greatest possible benefit from all sentient beings, who are more precious than a wish-fulfilling jewel, I shall hold them most dear at all times.

We ourselves and all other beings want to be happy and completely free from suffering. In this we are all exactly equal. However, each of us is only one, while other beings are infinite in number.

Now, there are two attitudes to consider: that of selfishly cherishing ourselves and that of cherishing others. The self-cherishing attitude makes us very uptight; we think we are extremely important and our basic desire is for ourselves to be happy and for things to go well for us. Yet we don’t know how to bring this about. In fact, acting out of self-cherishing can never make us happy. Continua »

 

2 H.H. Dalai Lama: “The Eight Verses of Thought Transformation”

His Holiness the Dalai Lama: We ourselves want happiness and do not want suffering and can see that all other beings feel the same. 

His Holiness the Dalai Lama: We ourselves want happiness and do not want suffering and can see that all other beings feel the same.

His Holiness the Dalai Lama

No matter who we are with, we often think things like, “I am stronger than him,” “I am more beautiful than her,” “I am more intelligent,” “I am wealthier,” “I am much better qualified” and so forth—we generate much pride. This is not good. Instead, we should always remain humble. Even when we are helping others and are engaged in charity work we should not regard ourselves in a haughty way as great protectors benefiting the weak. This, too, is pride. Rather, we should engage in such activities very humbly and think that we are offering our services up to the people.

When we compare ourselves with animals, for instance, we might think, “I have a human body” or “I’m an ordained person” and feel much higher than them. From one point of view we can say that we have human bodies and are practicing the Buddha’s teachings and are thus much better than insects. But from another, we can say that insects are very innocent and free from guile, whereas we often lie and misrepresent ourselves Continua »

 

3 H.H. Dalai Lama: The Eight Verses of Thought Transformation

His Holiness the Dalai Lama with Mother Teresa from Kulkata

Question. What would we have to do to get to the lowest hell?
His Holiness the Dalai Lama. The point is to develop the courage to be willing to go to one of the hells; it doesn’t mean you actually have to go there. When the Kadampa geshe Chekawa was dying, he suddenly called in his disciples and asked them to make special offerings, ceremonies and prayers for him because his practice had been unsuccessful. The disciples were very upset because they thought something terrible was about to happen. However, the geshe explained that although all his life he had been praying to be born in the hells for the benefit of others, he was now receiving a pure vision of what was to follow—he was going to be reborn in a pure land instead of the hells—and that’s why he was upset. In the same way, if we develop a strong, sincere wish to be reborn in the lower realms for the benefit of others, we accumulate a vast amount of merit that brings about the opposite result. Continua »