Archive for the ‘Dalai Lama Una vita etica IT’ Category

Sua Santità il Dalai Lama: Consigli per la pratica buddista 1

Sua Santità il Dalai Lama: Nel più alto Tantra Yoga si rimarca più enfasi sul rispetto per la donna. Nei quattordici principali voti tantrici radice, c'è il voto di non disprezzare le donne, ma se si disprezzano gli uomini non si sta rompendo quel voto.

Sua Santità il Dalai Lama: Nel più alto Tantra Yoga si rimarca più enfasi sul rispetto per la donna. Nei quattordici principali voti tantrici radice, c'è il voto di non disprezzare le donne, ma se si disprezzano gli uomini non si sta rompendo quel voto.

Sua Santità il Dalai Lama: Consigli per la pratica buddista – prima parte
Sua Santità il Dalai Lama a Dharamsala, India (Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2012). Intervista con Sua Santità il Dalai Lama a Dharamsala, in India, il 2 novembre 1988; a cura di Sandra Smith, ottobre 2012. Sua Santità il Dalai Lama risponde a domande sulla veridicità degli insegnamenti del Buddha, i
tre reami inferiori, il buddismo tibetano e le donne. Traduzione ed editing del Dott. Luciano Villa, Ing. Alessandro Tenzin Villa e di Graziella Romania nell’ambito del Progetto “Free Dalai Lama’s Teachings” per il beneficio di tutti gli esseri senzienti.
Sua Santità il Dalai Lama: Porgo i miei saluti. Sono molto lieto di incontrarmi con voi come un amico del Dharma.
Domanda: Dato che gli insegnamenti del Buddha non sono stati scritti per centinaia di anni, come possiamo essere sicuri che siano esatti?
Sua Santità il Dalai Lama: Ci sono diversi testi ed insegnamenti e tutti dichiarano che in origine provenivano dal Buddha stesso. Allo stesso tempo, esistono differenti scritture, quindi è difficile accettare d’acchito tutto questo. Dopo il Buddha, degli studiosi realizzati hanno appreso deliberatamente gli insegnamenti, poi i Mahasiddha hanno realmente praticato la dottrina e interiorizzato gli insegnamenti e conseguito realizzazioni. Qualunque insegnamento che ci dà la possibilità d’ottenere delle realizzazioni lo rende affidabile. Quindi, se l’insegnamento delle Scritture o è affidabile o meno dipende dal fatto di essere o meno in grado di ottenere realizzazioni.
Continua »

 

Sua Santità il Dalai Lama: Consigli per la pratica buddista 2

Sua Santità il Dalai Lama: Per praticare il tantra è necessario avere una buona comprensione della bodhicitta e della saggezza che comprende la vacuità. Dal profondo del nostro cuore dobbiamo avere l\'aspirazione sincera all\'atteggiamento altruistico o mente dell\'illuminazione e la visione della vacuità.

Sua Santità il Dalai Lama: Per praticare il tantra è necessario avere una buona comprensione della bodhicitta e della saggezza che comprende la vacuità. Dal profondo del nostro cuore dobbiamo avere l'aspirazione sincera all'atteggiamento altruistico o mente dell'illuminazione e la visione della vacuità.

Sua Santità il Dalai Lama: Consigli per la pratica buddista – seconda parte
Sua Santità il Dalai Lama a Dharamsala, India (Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2012). Intervista con Sua Santità il Dalai Lama a Dharamsala, in India, il 2 novembre 1988; a cura di Sandra Smith, ottobre 2012. Sua Santità il Dalai Lama risponde a domande sulla reincarnazione, la pratica del tantra, la vacuità, bodhicitta.
Traduzione ed editing del Dott. Luciano Villa, Ing. Alessandro Tenzin Villa e di Graziella Romania nell’ambito del Progetto “Free Dalai Lama’s Teachings” per il beneficio di tutti gli esseri senzienti.

Domanda: Ho dei dubbi sulla reincarnazione. Sarebbe Santità tanto gentile da descrivere la sua esperienza personale di questo processo?
Sua Santità il Dalai Lama: Questa è una cosa complicata. Uno dei motivi che la rendono tale è che dobbiamo studiare la forma e la coscienza senza forma, e se una cosa come la coscienza esiste o meno. Per prima cosa dobbiamo stabilire questo. Per prima cosa dobbiamo stabilire cosa sono i fenomeni esistenti e non esistenti. Ciò che è stabilito dalla percezione valido è quello che viene chiamato esistente. Se qualcosa non è stabilito dalla percezione valida, dalla cognizione valida, non esiste. I fenomeni esistenti possono essere classificati in due tipi: quelli che dipendono da cause e condizioni, e quelle che non lo sono.
Continua »

 

H. H. Dalai Lama: Achieving a Happy Mind through Secular Ethics.

His Holiness the Fourteenth Dalai Lama: Achieving a Happy Mind through Secular Ethics. Klagenfurt, Austria, 20 May 2012. Transcribed and slightly edited by Alexander Berzin.

I shall be speaking today about how to achieve a happy mind in the context of doing that using secular methods. Continua »

 

S.S. Dalai Lama: Coltivare l’altruismo.

Sua Santità il Dalai Lama: Mai nutrire sentimenti di malevolenza nei confronti degli altri, aiutare le persone che hanno bisogno, cercare di vivere una vita in armonia con le altre persone: questi sono gli addestramenti più importanti.

Sua Santità il Dalai Lama: Mai nutrire sentimenti di malevolenza nei confronti degli altri, aiutare le persone che hanno bisogno, cercare di vivere una vita in armonia con le altre persone: questi sono gli addestramenti più importanti.

Estratto da un insegnamento di Sua Santità il Dalai Lama
Mongolia – Agosto 1995

E’ in particolare coltivando l’altruismo che si possono creare le cause della felicità. Se al mattino rinnovo i voti del Bodhisattva e coltivo un profondo altruismo, allora mi sento più coraggioso durante tutto il giorno nell’affrontare le varie e diverse situazioni quotidiane; mi sento più felice e più pacifico. La coltivazione dell’altruismo è di grandissimo beneficio. Poiché i benefici dell’altruismo si possono effettivamente sperimentare nella vita quotidiana, cerco di utilizzare tutte le opportunità per spingere anche le altre persone a coltivare una tale aspirazione. Lo sviluppo della mente altruistica è causa di molti effetti positivi, quindi io stesso mi impegno e sprono le persone a coltivare questa attitudine interiore. Se avete preso i voti del bodhisattva, dovete impegnarvi in questo pensiero verso tutti quanti gli esseri senzienti, cercare di coltivare quella mente che desidera aiutare tutti gli esseri. Continua »

 

Dalai Lama: Prendiamoci seriamente

Sua Santità il Dalai Lama: La qualità della nostra vita, ciò che noi e nessun altro stiamo sperimentando proprio adesso, è il risultato diretto delle nostre attitudini e il comportamento che esse generano e non invece quelli di qualcun altro.

Sua Santità il Dalai Lama: La qualità della nostra vita, ciò che noi e nessun altro stiamo sperimentando proprio adesso, è il risultato diretto delle nostre attitudini e il comportamento che esse generano e non invece quelli di qualcun altro.

Sua Santità il Dalai Lama “Se il primo vero fatto è che la vita in genere non è facile, non dovremmo certo attenderci che vedere la natura della nostra mente sia semplice. La vera natura della mente, ad ogni livello, non è molto ovvia. E’ estremamente difficile anche identificare e riconoscere correttamente ciò che è “mente”. Giusto per iniziare a vederla, abbiamo bisogno di una grande motivazione. Dobbiamo essere in chiaro del perchè vogliamo vedere la natura della mente.

Il fondamento per ogni livello di motivazione spirituale è quello di prendere seriamente noi stessi e la qualità della nostra vita. Molte persone si alzano la mattina e o vanno al lavoro, o a scuola, o stanno a casa e si prendono cura della casa e dei bambini. Alla fine del giorno sono stanche e cercano di rilassarsi magari con una birra o guardando la tv. Probabilmente poi vanno a letto e il giorno dopo si alzano e ripetono la sequenza. Spendono tutta la loro vita cercando di fare denaro, crescere una famiglia, cercando di catturare qualsiasi piacere e divertimento possibile.Sebbene molti non possano alterare la struttura delle loro vite, molti anche sentono di non poter cambiare la qualità della esperienza di tale struttura. La vita ha i suoi alti, ma anche molti suoi bassi e tutto è molto stressante. Essi sentono di essere una piccola parte di un meccanismo solido e gigante di cui non possono farci nulla. Continua »

 

S.S. Dalai Lama: Un approccio etico alla protezione dell’ambiente

Sua santità il Dalai lama: Molti degli habitat della terra, animali, piante, insetti ed anche microrganismi che noi conosciamo come rari o minacciati d'estinzione, non potranno essere conosciuti dalle generazioni future. Abbiamo le capacità e la responsabilità. Dobbiamo agire prima che sia troppo tardi.

Sua Santità il Dalai Lama: Molti degli habitat della terra, animali, piante, insetti ed anche microrganismi che noi conosciamo come rari o minacciati d'estinzione, non potranno essere conosciuti dalle generazioni future. Abbiamo le capacità e la responsabilità. Dobbiamo agire prima che sia troppo tardi.

Sua Santità il Dalai Lama: Un approccio etico alla protezione dell’ambiente

La pace e la sopravvivenza della vita sulla Terra, come la conosciamo, sono minacciate dalle attività umane prive di valori umani. La distruzione della natura e delle risorse naturali sono i risultati dell’ignoranza, dell’avidità e della mancanza di rispetto per gli esseri viventi della terra. Questa mancanza di rispetto si estende anche alle prossime generazioni dell’umanità sulla terra, alle generazioni future che erediteranno un pianeta molto degradato, se la pace nel mondo non diventerà una realtà e la distruzione dell’ambiente naturale dovesse continuare al ritmo attuale. I nostri antenati considerarono la terra come ricca e generosa, e lo è. Molte persone in passato hanno visto la natura come una risorsa inesauribile, che ora sappiamo è così solo se ce ne prendiamo cura.
Non è difficile perdonare le distruzioni del passato, che furono provocate dall’ignoranza.
Continua »

 

S.S. Dalai Lama “Una Vita etica” Nottingham 25.05.08

Sua Santità il Dalai Lama: Una sola religione non può essere adatta a servire tutti.

Sua Santità il Dalai Lama: Una sola religione non può essere adatta a servire tutti.

Conferenza pubblica di Sua Santità il Dalai Lama sul tema: “Come condurre una vita etica” a Nottingham, UK, 25 Maggio 2008.

Trascritto e tradotto dal tibetano all’inglese e leggermente redatto da Alexander Berzin. Con chiarimenti indicati fra parentesi quadre. Traduzione in italiano a cura di Ida Buraczewska.

Sua Santità il Dalai Lama: L’interesse personale e l’interesse negli altri come base per una vita etica.

L’essenza del Buddismo è: se possiamo aiutare gli altri allora bisogna farlo; se non possiamo, allora almeno asteniamoci dal far loro del male. Questa è l’essenza del condurre una vita etica.

Ogni azione proviene da una motivazione. Se facciamo del male agli altri, è per una motivazione; e se aiutiamo gli altri, anche questo proviene da una motivazione. Quindi per aiutare gli altri, per servirli, abbiamo bisogno di una determinata motivazione. Per questo abbiamo bisogno di determinati concetti. Perché aiutiamo e perché non facciamo del male? Continua »

 

Sua Santità il Dalai Lama: Le Sei Perfezioni

Sua Santità il Dalai Lama: Proteggere qualcuno dalla paura o dal pericolo è il dono del coraggio.

Sua Santità il Dalai Lama: Proteggere qualcuno dalla paura o dal pericolo è il dono del coraggio.

Sua Santità il Dalai Lama: Le Sei Perfezioni

1. Generosità

La prima tra le sei perfezioni è la generosità. La generosità è di tre tipi: dare aiuto materiale, dare dharma e dare protezione dalla paura. “Dare dharma” si riferisce a donare insegnamenti ad altri esseri senzienti nella pura motivazione di beneficiarli. La frase non si riferisce solo agli insegnamenti d’alti lama seduti su troni elevati. Non dovreste avere l’idea che gli insegnamenti di Dharma dovrebbero essere preceduti da rituali impressionanti, come il soffiare conchiglie e simili. Piuttosto, qualsiasi istruzione impartita per compassione e da un cuore gentile da parte di chiunque è considerata la generosità del dharma.

Dare i propri averi, senza nemmeno il minimo senso di avarizia e senza alcuna speranza di ricompensa è parte della pratica della generosità. Sarebbe molto utile, se si vuole praticare la generosità, fare offerte ai malati ed anche alle università monastiche che hanno programmi di studio filosofici e che formano molti giovani monaci alla pratica del dharma. Continua »