Archive for the ‘Dalai Lama COMPASSIONE PUREZZA IT’ Category

S. S. Dalai Lama: Siamo nel Kali-Yuga?

Sua Santità il Dalai Lama: “Il concetto di ahimsa, di non violenza,sta  guadagnando terreno. Al tempo del Mahatma Gandhi, uomo che venero, la non violenza passava più spesso per debolezza, per rifiuto di agire, quasi per vigliaccheria. Non è più così”.

Sua Santità il Dalai Lama: “Il concetto di ahimsa, di non violenza,sta guadagnando terreno. Al tempo del Mahatma Gandhi, uomo che venero, la non violenza passava più spesso per debolezza, per rifiuto di agire, quasi per vigliaccheria. Non è più così”.

Siamo nel Kali-Yuga?

Jean-Claude Carriere: Incomincio con la domanda che ci poniamo tutti (o quasi): “Siamo nel Kali-Yuga?”. Cioè: viviamo in un’epoca di distruzione? È persa ogni speranza? Il Kali-Yuga, secondo la tradizione induista, è in effetti questa epoca nera, che ebbe inizio più di tremila anni fa, all’indomani della morte di Krishna. È la grande oscurità, la fine di ogni virtù, la scomparsa del dharma, Continua »

 

S. S. Dalai Lama: Può il buddhismo offrire un rifugio a tutti?

Sua Santità il Dalai Lama: “Il buddhismo ha sempre avuto vocazione di universalità”.

Sua Santità il Dalai Lama: “Il buddhismo ha sempre avuto vocazione di universalità”.

Può il buddhismo offrire un rifugio a tutti?

Jean-Claude Carriere: “Il buddhismo è salvaguardato dal cadere nell’integralismo?”

Sua Santità il Dalai Lama: “I principi stessi del buddhismo sono l’opposto del fondamentalismo. Sostengono al contrario che un grande flutto ci trasporta, che nulla è stabile per sempre. Ciò non impedisce che in questo momento, in Inghilterra, un lama di buona formazione si comporti come un vero capo di setta.” Continua »

 

S. S. Dalai Lama: L’aggressività

Sua Santità il Dalai Lama: “L'Umanità ha bisogno di risvegliarsi”.

Sua Santità il Dalai Lama: “L'Umanità ha bisogno di risvegliarsi”.

L’aggressività

Jean-Claude Carriere: Parliamo allora dell’aggressività, di Karl Lorenz e di alcuni altri. Si può estrapolare da un lungo e paziente lavoro sul comportamento animale? Si può dire che l’aggressività sia una componente della nostra natura? Faccio presente che questa nozione è sovente presentata come una forza positiva, come un elemento di sopravvivenza, forse addirittura a livello di specie. Senza questa, probabilmente, saremmo scomparsi.

Sua Santità il Dalai Lama: “L’aggressività fa intimamente parte di noi stessi. È proprio per questo che bisogna lottare.”

Jean-Claude Carriere: “Uomini cresciuti in un ambiente rigorosamente non violento, particolarmente l’Asia buddhista, da Pol Pot in Cambogia a Sukhe-Bator in Mongolia, hanno potuto diventare i più crudeli massacratori. Segno che l’aggressività più insensata continua a vivere nel fondo di noi stessi. Su questo non c’è alcun dubbio. Continua »

 

S. S. Dalai Lama: Consapevolezza ed istruzione

 Sua Santità il Dalai Lama: “I veri cambiamenti sono lenti e impercettibili. ”.

Sua Santità il Dalai Lama: “I veri cambiamenti sono lenti e impercettibili. ”.

Consapevolezza ed educazione

Sua Santità il Dalai Lama: Ora stiamo attraversando un periodo critico, molto critico. Tutto il nostro sistema educativo è in crisi. Gli è impossibile adeguarsi. A dire il vero, questa crisi si estende all’attività industriale, alla politica. Tutto sembra sfuggire al nostro pensiero, e di conseguenza al nostro controllo.”

Jean-Claude Carriere: “Come reagire?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Come sempre, in due modi. Possiamo lasciarci andare allo scoraggiamento, e molto presto all’egoismo. Possiamo dire a noi stessi: tutto è perduto, i tempi diventano duri, il mondo non sa più dove va, è in effetti il Kali-Yuga che prevale. Allora ritiriamoci nel nostro cantuccio, godiamoci i pochi beni che possiamo avere accumulato, dimentichiamo il resto, e si vedrà.”

Jean-Claude Carriere: “Conosco persone che vivono così.”

Sua Santità il Dalai Lama: “Oh, anch’io!” dice ridendo. Continua »

 

S. S. Dalai Lama: La ricerca ostinata del denaro

Sua Santità il Dalai Lama: "Se dunque vogliamo difendere la vita e, più in particolare, i cinque miliardi di vite preziose che si affollano in questo momento sul pianeta, se vogliamo donare loro un po' più di prosperità, di giustizia, di felicità, dobbiamo proibirci di accrescerci numericamente. Non è logico?"

Sua Santità il Dalai Lama: "Se dunque vogliamo difendere la vita e, più in particolare, i cinque miliardi di vite preziose che si affollano in questo momento sul pianeta, se vogliamo donare loro un po' più di prosperità, di giustizia, di felicità, dobbiamo proibirci di accrescerci numericamente. Non è logico?"

La ricerca ostinata del denaro

Sua Santità il Dalai Lama: “Un altro punto chiave è evidentemente il denaro, la ricerca ostinata del denaro, per gli uni come per gli altri: per i ricchi a causa dell’avidità, per i poveri a causa della necessità. È anche per denaro che si massacrano gli animali. Ma all’origine di tutte le nostre difficoltà, di tutte queste minacce di cui parliamo, prima ancora del denaro, metto la sovrappopolazione.”

Jean-Claude Carriere: “Lei è dunque a favore del controllo delle nascite?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Assolutamente. Bisogna farlo conoscere e promuoverlo.” Continua »

 

S. S. Dalai Lama: La morte è un semplice passaggio

la morte è un semplice passaggio da uno stato a un altro. Si tratta di una dissoluzione e di una ricomposizione di ogni istante. Il mondo si muove. Nulla di fisso, nulla di stabile vi dimora.

Sua Santità il Dalai Lama: “La morte è un semplice passaggio da uno stato a un altro. Si tratta di una dissoluzione e di una ricomposizione di ogni istante. Il mondo si muove. Nulla di fisso, nulla di stabile vi dimora.

La morte è un semplice passaggio

Jean-Claude Carriere: “Mi trovavo nel 1992 in Iran, paese islamico, che noi definiamo integralista, e con mio grande stupore vidi alla televisione, sul canale ufficiale, una trasmissione, condotta da donne, che spiegava e consigliava la contraccezione.”

Sua Santità il Dalai Lama: “In Iran?”

Jean-Claude Carriere: “Ma sì. E credo che in Egitto esista la stessa cosa. È un genere di informazioni che l’Occidente non ama diffondere. Perché su questo punto siamo in ritardo.”

Sua Santità il Dalai Lama: “Si assiste anche, negli Stati Uniti così come in Europa, a un ritorno di quello che voi chiamate l’ordine morale.”

Jean-Claude Carriere: “Esatto. Un ritorno della censura, dell’agitazione convulsa di coloro che, ad esempio, si oppongono all’aborto, un atto violento, con ancora più violenza. Come se volessero l’impossibile, cioè tornare indietro.” Continua »

 

S. S. Dalai Lama: La flessibilità nella tradizione buddhista

Sua Santità il Dalai Lama: "La flessibilità proviene anzitutto dall\'esperienza. È vero, la nostra esperienza è antica e molto ricca. Ci ha permesso di valutare i pericoli dell\'isolamento, l\'inutilità dell\'autorità dogmatica, la vanità dell\'integralismo. Le ripeto, noi accertiamo dapprima i fatti, poi cerchiamo di analizzare le cause che hanno prodotto questi fatti, e le condizioni nelle quali essi si sono verificati. Senza perdere di vista un solo istante l\'interdipendenza e la transitorietà. Infine, se necessario, cambiamo atteggiamento."

Sua Santità il Dalai Lama: "La flessibilità proviene anzitutto dall'esperienza. È vero, la nostra esperienza è antica e molto ricca. Ci ha permesso di valutare i pericoli dell'isolamento, l'inutilità dell'autorità dogmatica, la vanità dell'integralismo. Le ripeto, noi accertiamo dapprima i fatti, poi cerchiamo di analizzare le cause che hanno prodotto questi fatti, e le condizioni nelle quali essi si sono verificati. Senza perdere di vista un solo istante l'interdipendenza e la transitorietà. Infine, se necessario, cambiamo atteggiamento."

Jean-Claude Carriere: “Vi è certamente, nel buddhismo, un punto che dapprima ci sorprende, e che poi ci attira. Nelle religioni monoteistiche che costituiscono la nostra tradizione, siamo abituati a scritture rivelate, ora da Dio, ora da uno dei suoi angeli o dei suoi profeti. Tutte provengono dall’esterno. L’uomo che le proclamò, o che le scrisse, non era che l’ambasciatore di un ipotetico aldilà. Era, ed è ancora in molti casi, fuori discussione o inimmaginabile modificare, anche solo di poco, una parola considerata rigorosamente divina.

Nulla di tutto questo nel buddhismo. Fu dal profondo di se stesso, bisogna ripeterlo, che il Buddha trasse le sue quattro verità fondamentali e tutto l’insegnamento che ne seguì. Non cessò di ripetere che questo insegnamento doveva essere, in ogni momento, meticolosamente verificato dall’esperienza, addirittura da un’esperienza personale. Sebbene in certe correnti buddhiste, e anche nell’induismo (che volle riconoscere in Siddharta il nono avatara di Vishnu, dopo Krishna), il Buddha sia stato talvolta considerato come una divinità, resta oggi un uomo. A tale titolo è anch’egli dipendente da tutto quello che lo ha circondato?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Naturalmente. Non ha beneficiato, solo fra tutti, di una vita miracolosamente autonoma. Era anche lui composto di elementi non-Siddharta. E fu così, è così per il suo pensiero.”

Jean-Claude Carriere: “Per questo c’è flessibilità nella tradizione buddhista?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Questa flessibilità, come dice lei, proviene anzitutto dall’esperienza. È vero, la nostra esperienza è antica e molto ricca. Ci ha permesso, a più riprese, di valutare i pericoli dell’isolamento, l’inutilità dell’autorità dogmatica, la vanità dell’integralismo. Le ripeto, noi accertiamo dapprima i fatti, quelli in ogni caso indiscutibili, come la crescita della popolazione. Poi cerchiamo di analizzare le cause che hanno prodotto questi fatti, e le condizioni nelle quali essi si sono verificati. Senza perdere di vista un solo istante l’interdipendenza e la transitorietà. Infine, se necessario, cambiamo atteggiamento.” Continua »

 

S. S. Dalai Lama: Se, per salvare nove dita, bisogna tagliarne uno: lo taglio

Sua Santità il Dalai Lama: "Se, per salvare nove dita, bisogna tagliarne uno, io non esito, lo taglio""

Sua Santità il Dalai Lama: Se, per salvare nove dita, bisogna tagliarne uno, io non esito, lo taglio.

Jean-Claude Carriere: “Mi pare talvolta che il papa voglia fermare la ruota di questo mondo. La vera risposta non può essergli data dal gesto silenzioso del Buddha?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Senza dubbio. Il papa, come è normale, è direttamente influenzato dalle tradizioni religiose che rappresenta. Così, si aggrappa a un principio: essendo la vita umana un bene prezioso, il più grande numero di individui deve beneficiarne. Ma a questo si oppone un altro principio, che rappresenta un’altra forma di rispetto per la vita. In base a questo secondo principio, si tratta di difendere ogni vita, e non soltanto la vita umana. Di quest’ultima, che è in effetti preziosa, si tratta di difendere la qualità. È dunque un principio contro un altro principio. Per noi, nessuna scelta si compie nell’assoluto, per obbedienza servile a un principio. La nostra intelligenza c’è, mi sembra, proprio perché possiamo diventare più flessibili, adattabili. Tutto è relativo. Un’intelligenza bloccata non è un’intelligenza.”

Sua Santità il Dalai Lama mostra le mani e aggiunge: “Se, per salvare nove dita, bisogna tagliarne uno, io non esito, lo taglio”.

Jean-Claude Carriere: “Ricordiamo per un momento paesi che conosciamo, l’Algeria in particolare, la cui popolazione è triplicata in trent’anni, e vediamo un gruppo di fanatici scegliere il peggio, assassinare gli stranieri, mandare deliberatamente in rovina la propria nazione”. Continua »

 

S. S. Dalai Lama: Tibet, Una colonizzazione mascherata.

Sua Santità il Dalai Lama: "Il preteso controllo della popolazione, obbligatorio in Tibet come, dicono, nel "resto della Cina", dissimula una colonizzazione forzata e molto efficace. Sul territorio dell'antico Stato indipendente del Tibet, gli occupanti cinesi sono oggi più numerosi dei tibetani d'origine."

Sua Santità il Dalai Lama: "Il preteso controllo della popolazione, obbligatorio in Tibet come, dicono, nel "resto della Cina", dissimula una colonizzazione forzata e molto efficace. Sul territorio dell'antico Stato indipendente del Tibet, gli occupanti cinesi sono oggi più numerosi dei tibetani d'origine."

Tibet: Una colonizzazione mascherata.

Jean-Claude Carriere: “Una colonizzazione mascherata?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Esatto. Il preteso controllo della popolazione, obbligatorio in Tibet come, dicono, nel “resto della Cina”, dissimula una colonizzazione forzata e molto efficace. Sul territorio dell’antico Stato indipendente del Tibet, gli occupanti cinesi sono oggi più numerosi dei tibetani d’origine.”

Jean-Claude Carriere: “Mi viene alla mente una frase di Nietzsche, che non so citare esattamente, secondo la quale la terra è un essere vivente. Questo essere vivente ha una pelle, questa pelle è colpita da una malattia mortale, questa malattia mortale si chiama specie umana. Continua »

 

S. S. Dalai Lama: Non abbiamo che l’educazione

Sua Santità il Dalai Lama: "Spesso Sakyamuni si è presentato come un medico: "Come l'oceano intero è impregnato dal sapore del sale, così tutto il mio messaggio non ha che un sapore, la liberazione."

Sua Santità il Dalai Lama: "Spesso Sakyamuni si è presentato come un medico: "Come l'oceano intero è impregnato dal sapore del sale, così tutto il mio messaggio non ha che un sapore, la liberazione."

La chiave è nelle nostre mani.

Sua Santità il Dalai Lama: “Ma la chiave è nelle nostre mani. Non bisogna cercarla altrove. È vero che la specie umana è la sola a poter distruggere la terra. Gli uccelli, i conigli non hanno questo potere. Ma se ha il potere di distruggere la terra, ha anche quello di proteggerla.”

Jean-Claude Carriere: “Ma non intraprende questa strada. Anche qui, a Dharamsala, mi ha sorpreso, passeggiando per le foreste, vedere ovunque mucchi di cartacce, scatole di conserva, plastica Sembra che gettino tutto ovunque.”

Sua Santità il Dalai Lama: “È il contributo della comunità tibetana!”.

Jean-Claude Carriere: “Ieri, vicino al mio albergo, ho visto un gruppo di bambini tibetani che giocavano rumorosamente. Il loro divertimento consisteva nell’estrarre i rifiuti da un bidone delle immondizie e nello sparpagliarli per terra Mi fermai e mi domandai: che cosa fanno? Perché?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Hanno sette o otto anni, sono nati in un mondo-spazzatura, per loro la natura è piena di plastica, è così, non l’hanno conosciuto prima. Non sanno che il mondo era bello. Il concetto stesso di bellezza, non lo conosceranno forse mai.” Continua »

 

S. S. Dalai Lama: L’insegnamento e il livello di comprensione dei discepoli.

Sua Santità il Dalai Lama: "Un'oppressione sistematica porta all'insoddisfazione e ben presto all'aggressività."

Sua Santità il Dalai Lama: "Un'oppressione sistematica porta all'insoddisfazione e ben presto all'aggressività."

L’insegnamento dipende anche dal livello di comprensione dei discepoli.

Jean-Claude Carriere: “Sakyamuni sembra avere sempre diffidato delle posizioni estreme, che possono essere interpretate in un senso volto all’eternità (esiste per sempre un’anima indipendente) o, al contrario, nichilista (non esiste nulla). Le sue preoccupazioni di pedagogo ci sono state tramandate da uno dei suoi continuatori, Maitreya. Vi si vede che il Risvegliato diffidava del proprio prestigio, raccomandando di confidare nell’insegnamento propriamente detto, e non nella persona del maestro, e che metteva in guardia anche dalla dolcezza persuasiva delle parole, in altri termini di un bel discorso, preferendo la parola esatta e diretta.

Infine, a certe domande, è noto come egli rispondesse col silenzio. Queste zone lasciate nell’ombra, ove la lama del pensiero non penetra, Continua »

 

S. S. Dalai Lama: Nè io, nè dio

Sua Santità il Dalai Lama: "Tutto deve partire da quella che si chiama la base."

Sua Santità il Dalai Lama: "Tutto deve partire da quella che si chiama la base."

NÉ IO NÉ DIO

Sua Santità il Dalai Lama: “Negli aeroporti e nelle stazioni, quando la polizia vuole individuare carichi clandestini di eroina, si giova di cani addestrati. E spesso questo funziona, perché i cani hanno narici molto più fini di quelle dei poliziotti. Ma ciò non significa che i poliziotti debbano considerare i cani come professori. Mi domando veramente se il cambiamento abbia accelerato il suo corso. Quale cambiamento? Continua »

 

S. S. Dalai Lama: Il compito degli scienziati

Sua Santità il Dalai Lama: "Il compito degli scienziati non è soltanto quello di ricercare. È anche quello di informare, o la ricerca non ha senso."

Sua Santità il Dalai Lama: "Il compito degli scienziati non è soltanto quello di ricercare. È anche quello di informare, o la ricerca non ha senso."

Sua Santità il Dalai Lama: “Sì. Lo sforzo principale deve venire da loro.”

“Ma anch’essi appartengono a istituzioni. La maggior parte vive in mezzo ad agi materiali e culturali. Fanno molta fatica a prendere la parola, e i migliori fra loro lo riconoscono.”

Sua Santità il Dalai Lama: “Devono tuttavia parlare, e parlare a voce alta. Stabilire statistiche chiare, e diffonderle. Devono dirci e ripeterci a quali cifre dobbiamo attenerci.”

Jean-Claude Carriere: “L’hanno fatto. A dire il vero, abbastanza raramente. Ma noi leggiamo e dimentichiamo subito. Che la Nigeria conti più di seicento milioni di abitanti fra una trentina di anni, a noi oggi cosa importa?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Ma il compito degli scienziati non è soltanto quello di ricercare. È anche quello di informare, o la ricerca non ha senso. Quel che vale per la popolazione vale anche per l’ambiente. Altrimenti lei ha altre idee? Conosce altri mezzi per aiutarci a superare gli ostacoli?”

Jean-Claude Carriere: Possiamo unicamente fare proposte, che decide soltanto il potere politico.

Sua Santità il Dalai Lama: “L’Occidente potrebbe veramente cambiare vita? È pensabile?”.

Jean-Claude Carriere: “Per ora, vediamo chiaramente che gli occhi di tutti sono puntati sulla disoccupazione Continua »

 

S. S. Dalai Lama: È dall’interno che ti assomiglio

Sua Santità il Dalai Lama: "La fede, o il credo hanno nel buddhismo un posto limitato. Il Budda ci rimanda alla nostra verifica personale, e il suo insegnamento ci invita sempre a "venire a vedere". Lungi dal bendarci gli occhi ordinandoci di credere, si sforza al contrario di eliminare in noi ogni punto oscuro, di aguzzare, di allungare il nostro sguardo."

Sua Santità il Dalai Lama: "La fede, o il credo hanno nel buddhismo un posto limitato. Il Budda ci rimanda alla nostra verifica personale, e il suo insegnamento ci invita sempre a "venire a vedere". Lungi dal bendarci gli occhi ordinandoci di credere, si sforza al contrario di eliminare in noi ogni punto oscuro, di aguzzare, di allungare il nostro sguardo."

Sua Santità il Dalai Lama: “Non sono sicuro di essere del suo parere”.

Jean-Claude Carriere: “In che senso?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Abbiamo evidentemente l’impressione che ogni tecnica venga dall’Occidente, e dai paesi collegati all’Occidente, come il Giappone. Ma questa civilizzazione meccanicistica è intimamente legata all’Occidente? Non credo.”

Jean-Claude Carriere: “Gli indiani dell’Amazzonia vogliono una cinepresa: hanno ragione! Questa si addice loro così come a un francese, a un tedesco! Per il fatto di non essere stata inventata e fabbricata da loro, la cinepresa non è loro estranea! Non portano abiti: questo non significa che manchino loro abiti! È così, e basta”. Continua »

 

S. S. Dalai Lama: Tutto parte da noi

Sua Santità il Dalai Lama: "Tutto parte da noi. Da ciascuno di noi. Le qualità indispensabili sono la pace dello spirito e la compassione. Senza di queste, è inutile anche tentare."

Sua Santità il Dalai Lama: "Tutto parte da noi. Da ciascuno di noi. Le qualità indispensabili sono la pace dello spirito e la compassione. Senza di queste, è inutile anche tentare."

Sua Santità il Dalai Lama: “Il problema che ha sollevato è di grande importanza. Bisogna riprenderlo. Molti ritengono che queste due attività ne costituiscano una sola. I capi religiosi, qua e là, proclamano a gran voce che occupano questo campo spirituale, che è loro prerogativa. E per questo, a sentire loro, se qualcuno rifiuta la religione, rifiuta nel medesimo tempo ogni esperienza spirituale”.

Jean-Claude Carriere: “Cosa del tutto impropria. Perché la vita spirituale dovrebbe essere necessariamente legata a qualche credenza sovrannaturale? Potremmo addirittura affermare il contrario: che la fede sia l’abbandono dello spirito.”

Sua Santità il Dalai Lama: “In effetti, si potrebbe affermarlo. Ma non cerco di distogliere nessuno dalla propria fede, se la pratica con tolleranza. Guardi tuttavia dove può condurre la confusione fra religioso e spirituale: immaginiamo un uomo che parli del concetto di benevolenza o di perdono, o ancora di compassione, un atteggiamento che, lo sa, è uno dei fondamenti del buddhismo. Un altro uomo, che non abbia alcun interesse religioso, ascolta il primo e dice, alzando le spalle: tutto ciò riguarda la religione, non mi interessa.” Continua »

 

S. S. Dalai Lama: Verso una scienza dello spirito

Sua Santità il Dalai Lama: "Sperimento ogni giorno i benefici effetti della pace dello spirito."

Sua Santità il Dalai Lama: "Sperimento ogni giorno i benefici effetti della pace dello spirito."

S. S. Dalai Lama: Verso una scienza dello spirito

Destreggiarsi fra i concetti buddhisti e induisti non è cosa agevole, non soltanto a causa dei termini, difficili da tradurre, ma della nostra volontà di conferire loro un significato preciso in altre lingue, di trovare parallelismi negli altri sistemi di pensiero. Così il termine dharma, il termine bodhisattva, non sono traducibili nelle lingue occidentali. Continua »

 

S. S. Dalai Lama: La via del Bodhisattva

Sua Santità il Dalai Lama: "Questo bodhisattva dobbiamo produrlo in noi stessi."

Sua Santità il Dalai Lama: "Questo bodhisattva dobbiamo produrlo in noi stessi."

Sua Santità il Dalai Lama: “Dobbiamo molto alla pace dello spirito. Per noi, si tratta di un fatto. Questo equivale a dire che dobbiamo molto allo spirito stesso. Tutta la storia del buddhismo ci riporta allo spirito, al nostro spirito. Un considerevole lavoro è stato fatto dallo spirito per lo spirito. E noi continuiamo”.

Jean-Claude Carriere: “Giungendo fino all’illusione stessa dello spirito?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Questo vale per alcune scuole.”

Jean-Claude Carriere: “Ma qual è il senso esatto del termine “illusione”? Si può concepire un’illusione senza un illusionista?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Noi diciamo che lo spirito illude se stesso, ad ogni istante, nella percezione sommaria che ha del mondo. E che questa percezione erronea deve necessariamente essere corretta, a meno di non scegliere di vivere nell’errore. Noi sosteniamo che l’agitazione ci porta fuori strada, Continua »

 

S. S. Dalai Lama: Il risveglio è inseparabile dalla compassione

Sua Santità il Dalai Lama: "Coloro che affermano che ogni desiderio è negativo si ingannano."

Sua Santità il Dalai Lama: "Coloro che affermano che ogni desiderio è negativo si ingannano."

Sua Santità il Dalai Lama: “Questa determinazione” prosegue mentre il solito monaco sorridente ci porta il tè “è la combinazione di due desideri: quello di aiutare gli altri, e quello di raggiungere la buddhità.”

Jean-Claude Carriere: “Il secondo può sembrare egoistico.”

Sua Santità il Dalai Lama: “In un certo senso, sì. Per questo poniamo così in alto il comportamento del bodhisattva, che rinuncia allo stato di beatitudine.” Continua »

 

S. S. Dalai Lama: Cosa è il nirvana?

Sua Santità il Dalai Lama: "Il Buddha non ha affatto parlato del nirvana."

Sua Santità il Dalai Lama: "Il Buddha non ha affatto parlato del nirvana."

Jean-Claude Carriere: “Che cosa è il nirvana?”

La parola è già tornata a più riprese nelle nostre conversazioni. So, per averlo letto qua e là, che non si tratta né di un paradiso così come noi lo concepiamo, né della cessazione completa di ogni vita, di una sorta di scomparsa nell’ipotetico Grande Tutto. So anche che i primi commentatori occidentali del buddhismo, soprattutto se cristiani, hanno parlato di un “abisso di ateismo e di nichilismo” (Dahlmann), di un “annientamento” (Burnouf) e, semplicemente, di “nulla” (Schopenhauer). Secondo Rhys Davids, e secondo altri, si tratta di uno stato al quale è impossibile giungere in questa vita. Continua »

 

S. S. Dalai Lama: L’ahimsa, la non violenza

Sua Santità il Dalai Lama: "La pena di morte è pura violenza, una violenza barbara e inutile. È anche pericolosa, perché non può portare che ad altre violenze. Come ogni violenza."

Sua Santità il Dalai Lama: "La pena di morte è pura violenza, una violenza barbara e inutile. È anche pericolosa, perché non può portare che ad altre violenze. Come ogni violenza."

Jean-Claude Carriere: “È possibile conciliare la politica e l’ahimsa?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Sì, dovrebbe essere possibile. Perché no? Guardiamo il nostro secolo: ha escogitato o sviluppato un ampio campionario di metodi per fare della violenza la regola dei rapporti umani. Si va dalla guerra mondiale, con la distruzione di intere città, all’olocausto, alla tortura istituzionalizzata, al terrorismo

come forma di azione. Tutti questi metodi sono falliti, e falliranno sempre.”

Jean-Claude Carriere: “Perché?”

Sua Santità il Dalai Lama: “Perché sono superficiali. Cozzano contro il fondo possente della nostra natura, che è fatta di bontà, di generosità. Continua »

 

S. S. Dalai Lama: La rinascita

Sua Santità il Dalai Lama: "I buddhisti dicono che la rinascita è una realtà. È un fatto. Nel ciclo noto delle rinascite, che noi chiamiamo il samsara, si produce di tanto in tanto il fenomeno della reincarnazione."

Sua Santità il Dalai Lama: "I buddhisti dicono che la rinascita è una realtà. È un fatto. Nel ciclo noto delle rinascite, che noi chiamiamo il samsara, si produce di tanto in tanto il fenomeno della reincarnazione."

Jean-Claude Carriere: “Proprio in ragione della diffusione mondiale dei film.”

Sua Santità il Dalai Lama: “Bisogna che agiscano in un interesse più vasto. È indispensabile. Forse si dovrebbero anche incoraggiare rapporti tra coloro che fanno i film e coloro che li guardano.”

Jean-Claude Carriere: “Sì, perché tutto va sempre a senso unico, con una sola regola, malauguratamente commerciale: fare quel che piace alla maggioranza. Ciò vale all’interno di un paese, ma anche fra un paese e l’altro. In materia di cinema e di televisione, ad esempio, gli Stati Uniti esportano molto nel resto del mondo, e non importano quasi nulla.”

Ritorniamo un momento su una precedente conversazione. Gli parlo delle lotte che abbiamo condotto, e che conduciamo sempre, affinché l’Europa conservi, anche se fosse necessario proteggerla con delle normative, la capacità di raccontarsi le proprie storie, con i mezzi di oggi. Continua »

 

S. S. Dalai Lama: La Vacuità

Sua Santità il Dalai Lama: "Se vogliamo morire bene, dobbiamo imparare a vivere bene."

Sua Santità il Dalai Lama: "Se vogliamo morire bene, dobbiamo imparare a vivere bene."

Jean-Claude Carriere: “Si e creduto per lungo tempo che l’universo fosse infinito, eterno. Una delle grandi scoperte dell’astrofisica nel XX secolo fu di attribuire un’età e una storia all’universo.”

Sua Santità il Dalai Lama: “Intende parlare del Big-Bang?”

Jean-Claude Carriere: “Sì, di quello che si chiama Big-Bang senza ben sapere cosa sia.”

Sua Santità il Dalai Lama: “Ma come, perché il Big-Bang si è prodotto? Questo nessuno lo può dire. Ora, il buddhismo ha una costante: ogni avvenimento deve avere una causa. Sebbene si estenda tanto vastamente nello spazio, l’universo è sottoposto alla transitorietà e al samsara. Sebbene risalga a un tempo antichissimo, è necessaria una causa degli eventi.” Continua »