Sua Santità il Dalai Lama: Compassione e la persona 1

Sua Santità il Dalai Lama: Credo che nessuno è nato libero dal bisogno di amore.

Sua Santità il Dalai Lama: Credo che nessuno è nato libero dal bisogno di amore.

Sua Santità il Dalai Lama: Compassione e la persona – prima parte

Lo scopo della vita.
Una grande questione è alla base la nostra esperienza, che ci pensiamo consciamente o no: qual è lo scopo della vita? Ho esaminato la questione e vorrei condividere i miei pensieri con la speranza che possano essere di diretto vantaggio pratico a coloro che ci leggono.
Credo che lo scopo della vita è quello di essere felici. Dal momento della nascita, ogni essere umano vuole la felicità e non vuole la sofferenza. Né il condizionamento sociale, né l’istruzione, né l’ideologia possono influire su questo. Dal profondo del nostro essere, semplicemente desideriamo star bene. Non so se l’universo, con le sue innumerevoli galassie, stelle e pianeti, abbia un significato più profondo o meno. Ma, per lo meno, è chiaro che noi esseri umani che viviamo su questa terra abbiamo il compito di realizzare una vita felice per noi stessi. Pertanto, è importante scoprire ciò che ci porterà il massimo grado di felicità.
Come raggiungere la felicità.
Tanto per cominciare, è possibile dividere ogni tipo di felicità e sofferenza in due categorie principali: fisica e mentale.
Dei due, è la mente che esercita la maggiore influenza sulla maggior parte di noi. A meno che non siamo o gravemente malati o privati ​di beni di prima necessità, la nostra condizione fisica gioca un ruolo secondario nella vita. Se il corpo non ci dà problemi, praticamente lo ignoriamo. La mente, invece, registra ogni evento, non importa quanto piccolo sia. Quindi, dobbiamo dedicare i nostri sforzi più seri per realizzare la pace mentale.
Dalla mia limitata esperienza ho scoperto che
il massimo grado di tranquillità interiore deriva dallo sviluppo di amore e compassione.
Quanto più ci preoccupiamo per la felicità degli altri, maggiore diventa il nostro senso di benessere. Coltivare un caloroso sentimento per gli altri mette automaticamente la mente a proprio agio. Questo aiuta a rimuovere qualunque paura o insicurezza che possiamo avere e ci dà la forza per far fronte a tutti gli ostacoli che incontriamo. E’ l’ultima fonte di successo nella vita.
Finché viviamo in questo mondo, siamo destinati ad incontrare problemi. Se, in questi momenti, si perde la speranza e ci scoraggiamo, diminuiamo la nostra capacità di affrontare le difficoltà. Se, d’altra parte, ricordiamo che non è solo per noi stessi, ma per tutti coloro che devono subire la sofferenza, questa prospettiva più realistica aumenta la nostra determinazione e la capacità di superare le difficoltà. Infatti, con questo atteggiamento, ogni nuovo ostacolo può essere visto come l’ennesima occasione preziosa per migliorare la nostra mente!
Così possiamo cercare a poco a poco di diventare più compassionevoli, siamo cioè in grado di sviluppare sia una sincera simpatia per la sofferenza degli altri che la volontà di contribuire a rimuovere il loro dolore. Di conseguenza, la nostra forza interiore e serenità aumenteranno.
Il nostro bisogno d’amore.
In ultima analisi, la ragione per cui l’amore e la compassione portano la più grande felicità è semplicemente che la nostra natura ci conserva sopra ogni altra cosa. Il bisogno d’amore è alla base stessa dell’esistenza umana. Esso deriva dalla profonda interdipendenza che tutti condividiamo uno con l’altro. Tuttavia, per quanto capace e abile un individuo può essere, se lasciato solo, lui o lei non sopravviveranno. Tuttavia, anche un individuo vigoroso ed indipendente può sentirsi durante i periodi meno prosperi della vita, quando si è malati o molto giovani o molto vecchi, che si deve dipendere dal sostegno degli altri.
L’interdipendenza, naturalmente, è una legge fondamentale della natura. Non solo le forme superiori di vita, ma anche molti dei più piccoli insetti sono esseri sociali che, senza alcuna legge religiosa, od istruzione, sopravvivono grazie alla cooperazione reciproca sulla base di un riconoscimento innato della loro interconnessione. Il livello più sottile dei fenomeni materiali è regolato anche dall’interdipendenza. Tutti i fenomeni, dal pianeta in cui viviamo, gli oceani, le nuvole, i boschi ed i fiori che ci circondano, sorgono in dipendenza di modelli sottili d’energia. Senza la loro corretta interazione, si dissolvono e decadono.
E’ perché la nostra esistenza umana è così dipendente dall’aiuto degli altri che il nostro bisogno d’amore è alla base della nostra esistenza. Quindi, abbiamo bisogno di un autentico senso di responsabilità e d’una sincero slancio per il benessere degli altri.
Dobbiamo prendere in considerazione ciò che noi esseri umani siamo davvero. Non siamo degli oggetti fatti a macchina. Se fossimo solo entità meccaniche, con delle macchine si potrebbe alleviare tutte le nostre sofferenze e soddisfare le nostre esigenze. Tuttavia, dal momento che non siamo esclusivamente creature materiali, è un errore mettere tutte le nostre speranze solo per la felicità dello sviluppo esteriore. Invece, dovremmo prendere in considerazione le nostre origini e la nostra natura per scoprire ciò di cui abbiamo bisogno.
Lasciando da parte la complessa questione della creazione e dell’evoluzione del nostro universo, possiamo almeno convenire che ciascuno di noi è il prodotto dei nostri genitori. In generale, la nostra concezione si è realizzata non solo nel contesto del desiderio sessuale, ma dalla decisione dei genitori di avere un figlio. Tali decisioni si fondano sul loro impegno di responsabilità e d’altruismo. I genitori compassionevoli sono tali perché si prendono cura dei loro figli fino a quando non sono in grado di prendersi cura da sé. Così, dal momento del nostro concepimento, l’amore dei nostri genitori è direttamente coinvolto nella nostra creazione.
Inoltre, siamo completamente dipendenti dalle cure di nostra madre fin dalle prime fasi della nostra crescita. Secondo alcuni scienziati, lo stato mentale di una donna incinta, sia calmo o agitato, ha un effetto fisico diretto sul suo bambino non ancora nato.
L’espressione d’amore è molto importante anche al momento della nascita. Dal momento che la prima cosa da fare è succhiare il latte dal seno di nostra madre, è naturale sentirsi vicino a lei, e lei deve sentire amore per noi, per darci da mangiare correttamente. Se si sente rabbia o risentimento il suo latte non può fluire liberamente.
Poi c’è il periodo critico dello sviluppo del cervello dal momento della nascita fino almeno all’età di tre o quattro anni, durante i quali l’amore ed il contatto fisico sono il fattore più importante per la normale crescita del bambino. Se il bambino non è abbracciato, coccolato ed amato, il suo sviluppo è compromesso ed il suo cervello non matura adeguatamente.
Dal momento che un bambino non può sopravvivere senza la cura degli altri, l’amore è il suo nutrimento più importante. La felicità dell’infanzia, il placare le molte paure del bambino e lo sviluppo armonico della fiducia in se stessi dipendono tutti direttamente sull’amore.
Al giorno d’oggi, molti bambini crescono in famiglie infelici. Se non ricevono affetto, più tardi nella vita raramente ameranno i loro genitori e, non di rado, faranno fatica ad amare gli altri. Questo è molto triste.
Come i bambini crescono ed entrano a scuola, il loro bisogno di sostegno deve essere soddisfatto dai loro insegnanti. Se un insegnante non impartisce solo l’istruzione accademica, ma si assume anche la responsabilità di preparare gli studenti per tutta la vita, i suoi alunni avvertiranno fiducia e rispetto e ciò che è stato loro insegnato lascerà un’impronta indelebile nelle loro menti. D’altra parte, un insegnante che non mostra preoccupazione per il vero benessere globale
dei suoi studenti sarà considerato come temporaneo ed il suo ricordo non rimarrà a lungo.

Allo stesso modo, il malato curato in ospedale da un medico che manifesta una sensazione di calore umano, ci fa sentire a nostro agio. E il desiderio del medico di fornire la migliore assistenza possibile, è di per sé curativo, indipendentemente dal grado della sua abilità tecnica. D’altra parte, se il medico manca di sentimento umano e mostra disprezzo, ha un’espressione ostile, impazienza, ci farà sentire in ansia, anche se fosse il medico più qualificato e la malattia fosse stata correttamente diagnosticata ed il farmaco prescritto fosse giusto. Inevitabilmente, i sentimenti dei pazienti fanno la differenza per la qualità e la completezza della loro guarigione.
Anche quando c’impegniamo in una normale conversazione nella vita di tutti i giorni, se qualcuno ci parla con sentimento umano ci piace ascoltarlo, e rispondere di conseguenza, tutta la conversazione diventa interessante, e l’argomento ha davvero poca importante. D’altra parte, se una persona parla con freddezza o durezza, ci sentiamo a disagio e desideriamo una rapida fine della conversazione. Dal più piccolo al più importante evento, l’affetto ed il rispetto degli altri sono di vitale importanza per la nostra felicità.
Recentemente ho incontrato in America un gruppo di scienziati che ha detto che il tasso di malattie mentali nel loro paese è piuttosto alta: intorno al dodici per cento della popolazione. È apparso chiaro, nel corso della nostra discussione, che la causa principale della depressione non è una mancanza di necessità materiali, ma la privazione dell’affetto degli altri.

Quindi, come potete vedere da tutto ciò che ho scritto fino ad ora, una cosa mi sembra chiara: che ne siamo consapevoli o no, dal giorno in cui siamo nati, il bisogno di affetto è nel nostro sangue. Anche se l’affetto proviene da un animale o da qualcuno che normalmente consideriamo un nemico, sia i bambini che gli adulti, naturalmente vi si accostano.
Credo che nessuno è nato libero dal bisogno di amore. E questo dimostra che, anche se alcune moderne scuole di pensiero cercano di affermarlo, gli esseri umani non possono essere definiti esclusivamente come componenti fisici. Nessun oggetto materiale, per quanto bello o di valore, può farci sentire amati, perché la nostra identità più profonda e vero carattere si trovano nella natura soggettiva della mente.

fonte http://www.sangye.it/wordpress2/?p=3755