Archive for the ‘Dalai Lama Shantideva Kamalashila Sarnath 09 IT’ Category

Sarnath 08.01.09: I giorno d’insegnamenti di S.S. il Dalai Lama: mattino

Scarica la registrazione 8 gennaio mattino

Cari amici, purtroppo questa volta vi possiamo offrire solo degli abbozzi di appunti, presi veramente molto di fretta durante gli insegnamenti, in condizioni estremamente disagiate per la ressa, le estenuanti code chilometriche di accesso agli insegnamenti (vi basti pensare che tutti quanti siamo stati incanalati su due file veramente “indiane” lunghe oltre due chilometri), la security che, temendo che i nostri computer fossero delle bombe, non li voleva far passare, la calca dantesca di tremila e più persone spintonanti, la difficoltà a ricaricare i computer che non ci fanno usare, l’impossibilità a collegarci ad internet, i collegamenti per ascoltare la traduzione radio che vanno e vengono, le traduzioni incomprensibili per le frequenze radio che si sovrappongono, le batterie che quando servono non si trovano, il computer che non vuol proprio accendersi e che quando parte va subito in blocco, il freddo, l’umidità altissima, la stanchezza per aver dormito poco, la polvere che subito scatena la tosse, i “profumi” dell’India ed altro. In ogni caso, per mantener fede all’impegno preso, gli appunti siamo riusciti a prenderli: dapprima col vecchio metodo della biro, quindi anche col laptop. Tuttavia quel che ne è uscito non si tratta certo di un testo lineare. Ci siamo perciò trovati nel dilemma tra il mettervi a disposizione degli appunti farraginosi, come quelli che trovate, o dovervi fare aspettare anche parecchio tempo per offrirvi un testo riveduto e corretto. Come vedete stiamo davvero facendo del nostro meglio. Forse è preferibile accontentarsi dell’uovo oggi piuttosto che della gallina domani, come sussurra il proverbio. Intanto, scaricatevi la bella traduzione in audio mp3 fatta dalla eterea ma determinatissima e bravissima Cristina Ruggeri.

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

GLI INSEGNAMENTI INIZIANO DA QUESTO PUNTO:

Sua Santità il Dalai Lama

Dal momento che oggi è il primo giorno d’insegnamenti, iniziamo con la recitazione del Sutra del Cuore: dapprima in Pali, quindi in Sanscrito ed in Tibetano, per continuare con l’Offerta del Mandala, la Preghiera dedicata a Manjustri ed altri rituali.

Qualsiasi attività di Dharma abbiamo intrapreso, dobbiamo essere sicuri di procedere nella direzione voluta, in modo che qualsiasi azione stiamo compiendo sia in linea col Dharma.

Perciò, il punto più importante consiste nella MOTIVAZIONE.
Oggi I miei insegnamenti verteranno sul Bodhisattvacharyavatara o sul modo d’intraprendere il cammino del Bodhisattva. Innanzitutto dovremo aver chiaro cosa significa Bodhicitta e, conseguentemente, aver presente il vero senso del termine “RIFUGIO”. Continua »

 

Sarnath 08.01.09: I giorno d’insegnamenti di S.S. il Dalai Lama: pomeriggio

Scarica la registrazione 8 gennaio pomeriggio

Cari amici,

lentamente stiamo riprendendo fiato, oggi riusciamo a mantenere la parola data: come per incanto il blog con gli insegnamenti di Sua Santità sta per comparire sul nostro sito nell’immenso oceano del web. Intanto eccovi la prima novità: con una gran cerimonia presieduta da Sua Santità il Dalai Lama, il Central Institute of Tibetan Higher Studies (CIHTS) di Sarnath, vera culla e fucina della cultura Tibetana esiliata in India, che ha organizzato questo grande incontro, ha cambiato nome per diventare Central University of Tibetan Studies (CUTS). Il CIHTS fu fondato nel 1967 grazie a Sua Santità il Dalai Lama Tenzin Gyatso ed al Primo Ministro dell’India il Pandit Jawaharlal Nehru. Ce l’hanno finalmente fatta! I tibetani hanno finalmente ottenuto il riconoscimento della loro università. Erano tanti anni che lo desideravano. A Sua Santità ed a tutti i tibetani farà senz’altro un’enorme piacere questo riconoscimento del Governo Indiano.

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

GLI INSEGNAMENTI INIZIANO DA QUESTO PUNTO:

Sua Santità il Dalai Lama

I fenomeni sono dovuti a cause e condizioni perciò esistono. Noi utilizziamo l’addestramento in cui viene detto che tutti i fenomeni composti sono impermanenti, per impermanenza intendiamo due significati: una grossolana, quella con cui vediamo le cose decadere pian piano, ed una sottile, a livello microscopico. Se guardassimo una nostra foto di qualche anno fa potremmo notare molti cambiamenti, vediamo qualcosa che esisteva ed ora non esiste più. Se al mattino ci rasiamo il capo, verso sera vediamo che qualcosa sta cominciando a ricrescere. Questi cambiamenti grossolani sono il risultato visibile di un continuo cambiamento microscopico. Il cambiamento che si manifesta in un anno non potrebbe apparire improvvisamente, in un attimo. Tutto questo arriva gradualmente. Siamo testimoni di questo processo di cambiamento. Vediamo anche gli effetti del mondo tecnologico che ci circonda. Nuovi macchinari vengono rodotti e qui c’è un grande cambiamento progressivo.

Continua »

 

Sarnath 09.01.09: II giorno d’insegnamenti di S.S. il Dalai Lama: mattino

Scarica la registrazione 9 gennaio mattino

Cari amici,

Dobbiamo soprattutto ringraziare Valentino Giacomin per averci messo a disposizione il computer della sua meravigliosa scuola del progetto Alice di cui vi invitiamo a visitare il sito http://www.aliceproject.info e tutti i compagni del pellegrinaggio: Graziella, Antonietta, Alberto, Felicina, Luciana, Luca e Maria Giovanna. Senza il loro sostegno ed il loro determinante contributo sarebbe stato davvero arduo farcela.
Oggi Cristina sembra che abbia trovato la vena giusta perché ha tradotto con tanta disinvoltura da sembrare davvero una professionista della traduzione similtanea, riuscendo a decifrare un inglese dalla ermetica pronuncia indo tibetana che richiedeva davvero dei salti mortali per essere compreso: scaricatevi questa gloriosa fatica.

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

GLI INSEGNAMENTI INIZIANO DA QUESTO PUNTO:

Si parte con il sutra del cuore in cinese…

Sua Santità il Dalai Lama

Ogni volta che incontro fratelli e sorelle cinesi ho molta considerazione per loro come per tutti gli amici del Dharma. Oggi vi sono amici del Dharma che provengono dall’Indonesia, nostri sostenitori, vengono dal tempio di Burubudur, un importante e grande stupa. Quindi voglio ringraziare la presenza di tutti, e la presenza di questo maestro che viene dall’indonesia. In Tibet Atisha, il grande maestro che ha visitato il Tibet, ha compoto il Bodhipattapradipa, la lampada del sentiero verso l’illuminazione, alla richiesta di Naridharma Dharmaking Atisha ha composto questo testo e tra i vari maestri ha ricevuto insegnamenti dal maestro Narashippa che era una maestro di Sumatra, isola dell’Indonesia. Darmakirti anhe veniva da Sumatra. Anche questo maestro arriva dall’Indonesia, quindi sotto questo aspetto abbiamo da allora relazioni con fatelli e sorelle dell’Indonesia. Dall’Abhidharmaabisamayalankara questi sono i versi di omaggio, dal Madhyamikakarika. Ora vi è l’offerta del mandala da parte di alcuni maestri. Ora la preghiera di saluto a Manjusri. La preghiera del rifugio e la bodhicitta. Omaggio al Buddha con le parole di Nagarjuna nel Madhyamikavatara. Omaggio al Buddha che per la sua grande compassione combatte contro tutte le visioni erronee per sviluppare la visione coretta. In modo che ai discepoli, insegnando la saggezza che sradica la visione errata, non lasciando neppure le impronte più sottili. Nel commentario supplemento alla madhyamikavatara viene recitato anche il Sutra, c’è un verso: “L’idea di aggrapparsi al sé è sbagliata, erronea ed è dannosa”.

Continua »

 

Sarnath 09.01.09: II giorno d’insegnamenti di S.S. il Dalai Lama: pomeriggio

Scarica la registrazione 9 gennaio pomeriggio

Cari amici,
ce l’abbiamo fatta! Grazie alla magica lettera e della conseguente press card dell’editor in chief Pier Luigi Tremonti della mitica rivista Alpes, mensile dedicata all’arco alpino
www.alpesagia.com/, sì quella che ci ha pubblicato diversi articoli cui vi rimandiamo e che vi consigliamo di leggere, siamo riusciti ad ottenere l’accredito stampa! Felicità! Sì, perché adesso niente più controlli estenuanti della security, che anzi s’è fatta più premurosa e ci fanno passare con un certo ossequio. Addirittura, possiamo entrare con tutte le macchine fotografiche, cineprese, computer, telefonini, I pod e diavolerie tecnologiche che vogliamo. Nemmeno l’ombra d’un controllo! Basta mostrare il magico badge “press”! Come potete intuire, oggi pomeriggio le cose cominciano a girare meglio ed il blog comincia a prender forma, nonostante che le batterie del primo laptop si sono esaurite in un baleno e quelle del secondo sono ridotte al lumicino. Anche noi siamo soddisfatti di macinare polvere e tasti del laptop per produrre un testo senz’altro rabberciato ma che, a detta di tutti quelli che lo leggono, un idea di quello che dice Sua Santità, la dà proprio.

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

GLI INSEGNAMENTI INIZIANO DA QUESTO PUNTO:

Sua Santità il Dalai Lama

A volte ci capita di conoscere qualcuno che ci sembrap pieno di buone qualità ma poi pocoa poco queste buon qualità si spengono. Questo è un segno che le nostre attitudine negativa può prevalere. Siamo soggetti che questa mente positiva, dato che non abbiamo una familiarità totale con essa, possa declinare. Perciò dobbiamo stare allerta, non possiamo non considerare la promessa che abbiamo fatto di mantenere un attitudine positiva. La bodichitta di aspirazione è un desiderio che deve essere tenuto fermamente perchè possa tradursi in bodhicitta di impegno altrimenti noi diventiamo persone sulle quali non si può contare.

Continua »

 

Sarnath 10.01.09: III giorno d’insegnamenti di S.S. il Dalai Lama: mattino

Scarica la registrazione 10 gennaio mattino

Cari amici,
ora abbiamo anche le foto. E che foto! La “press” ha addirittura il privilegio di posizionarsi il più vicino possibile a Sua Santità. Non è che gli siamo proprio a contatto di gomito, ma rispetto ai trentamila e più che gli stanno attorno siamo degli ultra privilegiati! Nell’immenso catino dei trentamila e più che gremiscono il Kalachakra ground del Central Institute of Higher Tibetan Studies (CIHTS) a Sarnath, hanno collocato Sua Santità su un altissimo trono sulla sommità d’un palco piramidale riccamente addobbato con stoffe rosse e gialle, sui cui gradoni prendono posto decine e decine di lama d’alto lignaggio, tra cui il direttore spirituale della FPMT il nostro Lama Tubten Zopa Rinpoche, alti dignitari laici e qualche benemerito occidentale. Fotografiamo, filmiamo il Kundun, (così i tibetani lo chiamano affettuosamente con l’appellativo di “Presenza” in quanto Sua santità è sempre vigile con la Sua presenza mentale) che fa il suo emozionante ingresso, che saluta anche noi e ci sorride, che stringe la mano ed abbraccia i suoi fratelli monaci che gli sono seduti accanto, che si sistema il microfono, che beve il tè, che sottolinea con autorevoli gesti della mano i passi salienti del suo discorso. Insomma, pur essendo sempre nel Samsara, siamo entrati in un’altra sfera, più bella e luminosa.

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

GLI INSEGNAMENTI INIZIANO DA QUESTO PUNTO:

Naturalmente si inizia con l’immancabile sutra del cuore…in vietnamita!

Sua Santità il Dalai Lama

Tutte le religione affermano di portare beneficio a tutti gli esseri. E tutte le religion afferano di portare la felicità fra gli esseri in maniera uguale. Perciò bisogna cercare di portare un senso di compassione ra tutti gli esseri enza alcuna eccezione. Dato che tutte le religioni sono fondate sul’amore e la compassione non dobbiamo discriminare, anche se alla base vi sono principi filosofic diversi. Non si può generalizzare fra le religioni e categorizzarle. Nel passato vi sono state, putroppo, anche guerre tra le divere reigioni e questo chiaramente non è stato di beneficio. Nel passato cera la possibilità di vittoria quando si combatteva contro i nemici, ma al giorno d’oggi per via della globalizzazione.

Continua »

 

Sarnath 10.01.09: III giorno d’insegnamenti di S.S. il Dalai Lama: pomeriggio

Scarica la registrazione 10 gennaio pomeriggio

Cari amici
È proprio bello vedere che tutti si danno una mano e cercano di collaborare in spazi tanto angusti e sovraffollati. Sarnath non è Dharamsala dove s’incontrano internet   point ad ogni angolo, qui sembra d’essere nell’India dell’epoca ante Coca Cola. Arcaica ma vera, scomoda ma sincera! Col risultato che di connessioni al web manco a parlarne ed i telefoni vanno a singhiozzo come ai tempi di Nehru. In compenso è India vera. Sua Santità ha posto l’accento sull’importanza di preservare la cultura, la tradizione e la spiritualità buddista nella regione Himalayana e, contemporaneamente, ad offrire ai giovani un’istruzione moderna. Non basta, Sua Santità ha sottolineato anche la necessità di proteggere ovunque l’ambiente, in particolare del Tetto del Mondo. In questo modo si ottiene una ricaduta in termini di salute locale e generale.

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

GLI INSEGNAMENTI INIZIANO DA QUESTO PUNTO:

Sua Santità il Dalai Lama

La nostra mente si svilupperà e saremo dotati di un senso e di una capacità maggiore nel comprendere la cose. Quando gli altri ci fanno delle lodi è molto facile che aumenti l’orgoglio. Se siluppano nell nostra mente abitudine negative queste danno luogo ad altre emozioni negative che sorgono di conseguenza. E’ importante scoraggiare questo tipo di attitudini che non portano altro che sofferenze. Cosa porteranno le emozioni negative al momento dell morte?In queto vaito non c’è nulla cui si debba essere attaaccati. Anzi l’attaccamento alla faa, agli onori..tutte queste attitudini portano sofferenze perchè l’elemento preponderante sulla base dell quale nascono è l’attaccamento all’io. Se una persona prova gioia soltanto nell’essere lodato e prova rabbia nel sentireche i propri nemici vengono lodati questa è una visione errata. Se un grande praticante gradualmente acquista studenti e la sua fama si espnde. A questo punto se il maestro non è estremamente attento potrà accumulare orgoglio e la sua ente degenererà. Se c’è qualcuno che da molta importanza alla fama ed al successo sicuramente l’arroganza sarà il primo risultato di questa attitudine negativa che ricerca solo il piacere personale. Onori materiali, ricchezza, fama e successo non necessariamente portano elicità nelle ersone che consieriamo fortunate. Anzi altri inizieranno a vederci in maniera negativa, svilupperanno mente negative nei nostri confronti. Ci inece non considererà importante queste qualità ma cercherà di praticare la pzienza nche se ltre persone ci dnneggieranno noi aremo in grado di fronteggiare queste situaioni. Quando si parladella pazienza è vero che molti fattri contamitanti pssono aiutare lo viluppo di uete qalità. L’avversione è la seconda importante qualità negativa che bisogna evitare. E’ simile all’attaccamento ma in senso contrario. La pratica della pazienza non si può sviluppare solo in relazione a persone che ci vogliono bene, che ci danno solo benefici. La pzienza per essere esercitata è necessario che si creino le ondizioni necessarie.

Continua »

 

Sarnath 11.01.09: IV giorno d’insegnamenti di S.S. il Dalai Lama: mattino

Scarica la registrazione 11 gennaio mattino

Cari amici
Come si vede che siamo proprio degli sbadatoni! Non vi abbiamo detto nulla sui testi degli insegnamenti! Chiediamo proprio tanta venia. Fortunatamente Sua Santità l’ha spiegato proprio il mattino del primo giorno. L’avete notato? La sua scelta è caduta innanzitutto sul famosissimo testo “Guida allo stile di vita del Bodhisattva” di Shantideva che vi raccomandiamo di leggervi attentamente, anzi di studiare: visto che è disponibile in italiano per i tipi della Chiara Luce Edizioni
www.chiaraluce.it/ il meraviglioso commentario del santo lama Ghesce Yesce Tobten col inserito il testo radice tradotto in italiano. L’altro importantissimo testo dei questi insegnamenti sono “Gli stadi intermedi della meditazione” di Acharya Kamalashila. Sono testi talmente preziosi che i monaci tibetani li conoscono a memoria!

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

GLI INSEGNAMENTI INIZIANO DA QUESTO PUNTO:

Sua Santità il Dalai Lama

Oggi recitiamo il sutra del cuore in Koreano.

Prendo rifugio nel Buddhha, nel Dharma e nel Sangha per i meriti accumulati dall’ascolto degli insegnamenti. Possa io raggiungere l’lluminazione per il bene di tutti gli esseri. L’abilità del Buddha che è totalmente compassionevole si dice che attraverso l’esame e l’investigazione invetigate le mie parole. Non prendete le mie parole coe qualcosa di garantito ma utilzzate l’investigazione per comprendere profondamente l’insegnamento. Attraverso l’investigazione potete avere la certezza della correttezza dell’insegnamento. Nagarjuna ha portato avanti una investigazione totale ed è venuto fuori il significato deinitivo. Vi sono insegnamenti che possono essere definiti definitivi ed altri interpretativi. C’è una progressione negi insegnamenti del Buddha. La visione all’interno di questi insegnamenti diventa sempre più profonda e sottile.

Continua »

 

Sarnath 11.01.09: IV giorno d’insegnamenti di S.S. il Dalai Lama: pomeriggio

Scarica la registrazione 11 gennaio pomeriggio

Oggi è andata veramente di lusso per tutti. Come ogni giorno ci siamo svegliati prima dell’alba, saranno state le 6,30. Abbiamo percepito un rumore strano, uno scroscio dolce e lieve, come d’acqua che cade. Dovete sapere che questa è stagione completamente secca, a gennaio non piove quasi mai. È freddo. Perché la temperatura di notte può scendere anche a 5° C e meno ancora, ma solo raramente. Ma è sereno. Invece, oggi piove! Non è che cade una pioggerellina fine fine modello campagna inglese. No! Piove davvero! Il problema è semplice a dirsi: nessuno ha ombrelle, i negozi sono chiusi, gli insegnamenti sono all’aperto sotto una sottile tenda di cotone leggero fatta per schermare i tenui raggi del sole invernale. La pioggia si fa intanto pioggerella, e, mentre siamo sotto il tendone, diventa pioggerellina. Morale, quando sorge il pallido solo di mezzogiorno il cielo è plumbeo ma non piove! Immmaginatevi in che gran pantano ci saremmo trovati!

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

GLI INSEGNAMENTI INIZIANO DA QUESTO PUNTO:

Continuazione capitolo 8

Sua Santità il Dalai Lama

E’ molto importante effettuare la pratica dello scambiare se stesso con gli altri. In Kamalashila si parla per la generazione di Bodhicitta dellequanimità. Questa attitudine i deve allargare da quelli più vicini a noi a quelli più lontani e dobiamo allargare quto modello di pensiero. In questo modo si pongono le basi per la enerazione di Bodhicitta. Partendo dal pensiero che tutti gli esseri sono uguali, non vogliono la sofferenza e desiderano raggiungere la felicità si realizza che tutti gli esseri hanno un certo diritto alla felicità, noi compresi. Su questo tipo di pensiero si analizza ancora più profondamente, tutte le qualità che noi abbiamo, stati favorevoli e il raggiungimento di stati ancora più avanzati, tutto questo dipende dalla capacità di relazionarci con gli altri esseri. Operare per per il bene degli altri esseri che sono infiniti. Tutti i benefici, compresa l’illuminazione, sono ottenuti in relazione agli altri esseri. Preoccuparsi essenzialmente di noi stessi avrà come risultati sotanto una maggiore sofferenza, il nostro risultato verrà come conseguenza del preoccuparci degli altri esseri senzienti.

Continua »

 

Sarnath 12.01.09: V giorno d’insegnamenti di S.S. il Dalai Lama: mattino

Scarica la registrazione 12 gennaio mattino

In quanto occidentali, oggi Sua Santità il Dalai Lama ci ha ricevuti in udienza pubblica: eravamo un migliaio circa. L’ora di convocazione era l’alba, o giù di lì. Non pioveva. E questo era già tanto, perché l’incontro è ovviamente all’aperto. Abbiamo aspettato tanto, ed era ovvio perché Sua Santità il Dalai Lama ha una tabella di marcia supeimpegnata. Abbiamo pazientemente atteso e siamo stati ben ripagati. Era davvero come ritrovare un vecchio amico, perché, oltre ad aver fatto alzare le mani ai vari americani, inglesi, tedeschi, francesi, italiani, russi, ecc, ha iniziato a salutare  praticamente tutti quelli che riconosceva d’aver conosciuto precedentemente. Ha una memoria di ferro! Dopodiché ha parlato del suo Tibet presentando la situazione in tutta la sua drammaticità, ma senza piangerci sopra.

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

GLI INSEGNAMENTI INIZIANO DA QUESTO PUNTO:

Partiamo con il sutra del cuore in inglese.

Sua Santità il Dalai Lama

Il ven. Arya Maytreia ha detto che ogni prostrazione fatta alla mente del risveglio, la mente di Bodhicitta, conduce alla libertà dai reami inferiori, dal samsara e conduce all’illuminazione. Le sofferenze sorgono da cause e condizioni. Tutto il mondo esterno ed interno è causato dalle rispettive azioni che danno i rispettivi risultati. Più la mente è calma, meno è concentrata su se stessa meno ci saranno distrazioni. Questa mente di Bodhicitta è la porta aperta verso rinascite superiori. Continua »

 

Sarnath 12.01.09: V giorno d’insegnamenti di S.S. il Dalai Lama: pomeriggio

Scarica la registrazione 12 gennaio pomeriggio

Sua Santità il Dalai lama ha toccato stamani i tasti scoperti del crack economico che sta buttando il mondo sul lastrico: “la mancanza di spiritualità e di cultura è la causa principale alla radice della rampante corruzione del mondo. La gente è diventata più egoistica e materialistica. Questa è stata la premessa alla crisi economica”. Ed ha aggiunto:”Dovremmo espandere la nostra conoscenza e dar voce ai nostri valori interiori. Ognuno di noi dovrebbe vivere una vita pacifica a tutti I livelli”. Potete riconoscerci tra le belle foto ricordo con sua Santità che trovate nel sito www.dalailama.com/. Valentino Giacomin è davvero un santo. Oltre ad aver dedicato la propria vita all’insegnamento, ad aver elaborato e scritto in prima persona i libri per i suoi allievi e non solo, ha devoluto non solo le sue energie ma anche i suoi averi per costruire la scuola a Sarnath e a Bodhgaya che dà da mangiare e da dormire a tantissimi ragazzi. È un vero esempio da seguire. Aiutiamolo!

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

GLI INSEGNAMENTI di Sua Santità il Dalai Lama INIZIANO DA QUESTO PUNTO:

La scuola Prasangika afferma che i fenomeni non hanno esistenza indipendente, nello stesso tempo possono essere designate, etichettate. Ci si chiede come mai le cose possono sorgere se sono prive di esistenza?

I fenomeni non possono sorgere in maniera autonoma ma possono essere designati ed etichettti, questi sorgono benchè siano privi di esistenza instrinseca. L’affermare la realtà dei fenomeni come mancanti di esistenza inerente non togli la loro possibilità di funzionare, di essere prodotti. Continua »

 

Sarnath 13.01.09: VI giorno d’insegnamenti di S.S. il Dalai Lama: mattino

Sua Santità il Dalai Lama fa offerte al Mulagandhakuti Vihara Temple SARNATH 13.01.09

Sua Santità il Dalai Lama fa offerte al Mulagandhakuti Vihara Temple SARNATH 13.01.09

Scarica la registrazione degli insegnamenti di Sua Santità il Dalai lama a Sarnath il 13 gennaio 2009 mattino

Sua Santità il Dalai Lama, inaugurando la Conferenza “Scienza e Buddhismo” al CIHTS ha affermato: “Se vogliamo vivere in pace, dobbiamo seguire le regole di coesistenza. Siamo qui per discutere di scienza e Buddismo. Mi auguro che la conferenza non sia semplicemente una presentazione di teorizzazioni, ma un momento significativo in cui si espongano concrete determinazioni su come porre fine e risolvere gli angustianti problemi creati dall’uomo. Il 21° secolo si profila molto importante e cruciale per la civiltà a causa dello sviluppo delle conoscenze e delle facoltà mentali. Ma, nel frattempo, possiamo anche ravvisare tante persone che soffrono a causa della violenza, che è il più grande male”. Sua Santità, appena finiti gli  insegnamenti, tra migliaia e migliaia di monaci e di suoi tibetani e pure di molti indiani ed occidentali ha guidato un’immensa preghiera per la pace al grande  Damek Stupa, dove il Buddha 2.500 anni orsono impartì il suo primo insegnamento. La preghiera era dedicata non solo alle tante vittime della repressione cinese in Tibet, ma all’infinito numero di morti del recente terremoto del Sichuan, delle inondazioni del Bihar e dell’attacco terroristico di Mumbai. Al termine Sua Santità si è recato in pellegrinaggio al tempio Mulagandhakuti Vihara per rendere omaggio alle sacre reliquie di Buddha Sakyamuni.

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

GLI INSEGNAMENTI di Sua Santità il Dalai Lama
INIZIAZIONE DI BUDDHA CENREZI AVALOKITESVARA DALLE 1.000 BRACCIA
Evitiamo di fingere d’aver conseguito delle qualità spirituali! Evitiamo di proclamarci realizzati quando non lo si è! I voti riguardano delle qualità sociali e morali. Ad esempio: non uccidere, evitare la condotta sessuale scorretta, astenersi da qualsiasi azione ingannevole. Impedire a noi stessi di diventare incapaci di controllarci. Non cadere in abitudini dannose. Non assumere alcoolici, perché questi c’intossicano, rendendoci incapaci di autocontrollo. Assumiamo invece sostanze derivate da alimenti sani e nutrienti. Aiutiamo gli altri a non cadere in abitudini dannose. Così procedendo saremo fonte d’aiuto per gli altri esseri. Tutti hanno in sé la natura del Buddha. Solo la visione erronea che ci rende aggrappati al sé, è l’ostacolo non insormontabile.

Continua »

 

Sarnath 14.01.09: VII giorno d’insegnamenti di S. S. il Dalai Lama

Sua Santità il Dalai Lama accoglie il Dott. Luciano Villa agli insegnamenti di Sarnath 11.01.09

Oggi è l’ultimo giorno, quello conclusivo: si percepisce un’aria di pura freschezza, di candida gioia prodotta dalla riflessione, dalla meditazione di questi intensissimi giorni e dal clima d’attesa della grande Iniziazione di Tara Bianca di Lunga Vita. Candide sciarpe bianche, le kate immacolate, volteggiano lanciate nell’aria come leggiadre note musicali propagate dal vento. Grazie Tenzin Gyatzo apostolo della pace interiore! Grazie per averci donato le tue parole di saggezza, che possano germogliare nei nostri cuori. Grazie agli organizzatori di questo immenso incontro, grazie a tutti coloro che hanno contribuito alla sua realizzazione, grazie anche a Valentino Giacomin che col suo Progetto Alice a Sarnath ed a Bodhgaya dimostra concretamente ogni giorno che la legge del cuore può aver ragione sulla grettezza umana, grazie a Cristina per il grande impegno nella traduzione. Vi trascriviamo qui alcune delle ultime raccomandazioni di Sua Santità, quasi un suo viatico per tutti noi, che lasciamo con la gioia nel cuore questo luogo di grande spiritualità universale.

Luciano Villa ed Alessandro Tenzin Villa

INIZIAZIONE DI LUNGA VITA DI TARA BIANCA E PREGHIERA DI LUNGA VITA PER SUA SANTITA’ IL DALAI LAMA

Sua Santità il Dalai Lama

Alcune condizioni immediate possono portare alla maturazione del karma e provocare malattie. Prendiamoci perciò, a livello globale, cura dell’ambiente, impegniamoci per un ambiente pulito ed igienico. Il che avrà un effetto immediato sulla salute. Combattiamo i fattori negativi: il riscaldamento globale. Prendiamo provvedimenti per bloccare queste degenerazioni. La degenerazione del mondo è già prevista dalle nostre scritture, in termini d’incremento di fumo, d’esalazioni che riscaldano l’atmosfera.  … Continua »