SIDEBAR
»
S
I
D
E
B
A
R
«
His Holiness the Dalai Lama: ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way’ – 2nd Day
Nov 27th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the congregation on the second day of teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on November 26, 2022. Photo by Tenzin Choejor

November 26, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – As soon as he had taken his seat this morning, His Holiness the Dalai Lama addressed the Korean monks, nuns and lay-people who filled the temple before him.

My dear Korean brothers and sisters, despite war and political tensions, you have maintained your faith in the practice of the Dharma. North Korea relies on the use of weapons. It is a serious threat, but we all have a responsibility to work to bring peace to the Korean Peninsula. Please do your best to resolve the conflict between you and the North.

Buddhism adopts a broad view that takes all sentient beings into account and on that basis we can establish peace in the world. It needs to be rooted in peace of mind. The Buddha taught about the workings of the mind in great detail. He explained that it is the eruption of emotions like anger, greed, jealousy and so forth that disturbs our minds. A simple way to counter such afflictions is to cultivate a good heart.

This morning I’ll give an introduction to the Buddhadharma and we can meditate together—analytical meditation followed by concentration. First, it’s good to sit in the seven-point posture of Vairochana with legs crossed; hands in the gesture of mediation, palms up, right over left; back straight; shoulders resting evenly; head slightly bent forward; tongue touching the upper palate and eyes slightly opened.

All our religious traditions have good qualities and I respect them all, but Buddhism and other ancient Indian traditions make meditation a significant part of practice. Meditation allows us to maintain a relaxed state of mind. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: La saggezza fondamentale della Via di Mezzo. 1° giorno
Nov 27th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Ciò che disturba la nostra serenità è l’attaccamento e l’avidità, la rabbia e l’odio. Si parla tanto di pace nel mondo, ma questa deve essere radicata nella pace dentro di noi.

25 novembre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala. Stamattina circa 5000 persone provenienti da 65 paesi si sono riunite presso lo Tsuglagkhang, il principale tempio tibetano di Dharamsala, per ascoltare Sua Santità il Dalai Lama. Tra questi c’era un gruppo di 350 monaci, monache e laici coreani che gli avevano chiesto di insegnare la “Saggezza fondamentale della Via di Mezzo” https://www.sangye.it/altro/?p=9194 di Nagarjuna https://www.sangye.it/altro/?p=10906.

Mentre Sua Santità attraversava il cortile del tempio, è stato accompagnato alla sua destra dall’abate coreano, Ven Jungwook Kim. Come al solito ha sorriso ricambiando calorosamente i saluti dei presenti. Dalla balconata intorno al tempio, salutava le persone nella strada sottostante. All’interno del tempio ha salutato il Ganden Tri Rinpoché, Sharpa Chöjé e Jangtsé Chöjé, nonché gli Abati di diversi dei grandi monasteri ristabiliti nell’India meridionale.

Il contingente coreano guidato da monaci e suore con le loro vesti grigio chiaro ha vivacemente cantato il ‘Sutra del Cuore’ https://www.sangye.it/altro/?p=6098. “Oggi i miei amici coreani del Dharma sono qui”, ha iniziato Sua Santità. “La Corea è un paese tradizionalmente buddista e sono rimasto colpito dal profondo interesse per il buddismo di molti coreani che ho incontrato. Sono felice di vedervi tutti qui.

“Certo, ognuno dovrebbe sentirsi libero di seguire qualsiasi religione desideri. Le nostre diverse tradizioni religiose hanno punti di vista filosofici diversi, ma tutte trasmettono un messaggio comune di non nuocere e d’aiutare gli altri come meglio possiamo. Sono un monaco ed una persona religiosa ed ho molti amici tra le nostre diverse tradizioni religiose. Visto che tutte queste tradizioni sono degne di rispetto, colgo l’occasione per visitare i luoghi di culto altrui. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way’ – 1st Day
Nov 27th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama, accompanied by the Korean Abbot Ven Jungwook Kim, greeting members of the crowd gathered to attend the first day of teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on November 25, 2022. Photo by Tenzin Choejor

November 25, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning an estimated 5000 people from 65 countries gathered at the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple in Dharamsala, to listen to His Holiness the Dalai Lama. Among them was a group of 350 monks, nuns and lay-people from Korea who had requested him to teach Nagarjuna’s ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way’.

As His Holiness walked through the temple yard, he was accompanied on his right by the Korean Abbot, Ven Jungwook Kim. As usual he smiled and waved to well-wishers in the crowd as he passed. From the balcony around the temple, he waved to people in the street below. Inside the temple he greeted the Ganden Tri Rinpoché and both Sharpa Chöjé and Jangtsé Chöjé, as well as the Abbots of several of the great monasteries re-established in South India.

The Korean contingent led by monks and nuns in their light grey robes briskly chanted the ‘Heart Sutra’.

Today my Korean Dharma friends are here,” His Holiness began. “Korea is a traditionally Buddhist country and I’ve been impressed by the dedicated interest in Buddhism of many Koreans I’ve met. I’m happy to see you all here.

Of course, everyone should feel free to follow whatever religion they wish. Our different religious traditions have different philosophical points of view, but all convey a common message to do no harm and to help others as best we can. I’m a monk and a religious person and I have many friends among our diverse religious traditions. Since all these traditions are worthy of respect, I take whatever opportunity I can to visit other people’s places of worship. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Compassionate Leadership Summit – 2° giorno
Ott 21st, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Dobbiamo pensare alla realtà delle situazioni e ricordare a noi stessi che l’orientamento di base del nostro cuore deve essere altruistico. La tranquillità che ne deriva ci porta anche conforto fisico. Ne deriverà una salute migliore ed un sonno più sano e possiamo fare il miglior uso delle nostre risorse interiori. Quando adottiamo una prospettiva altruistica ci portiamo in una prospettiva più ampia e di più ampia portata: il coraggio”.

19 ottobre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Dopo un esordio di sorrisi e brevi saluti, questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha preso posto per il secondo giorno del Compassionate Leadership Summit: “Sì, inizia”, disse. Richie Davidson, che sta moderando l’incontro, ha chiesto a Sua Santità se ha dormito bene la notte scorsa.

“Sempre”, rispose Sua Santità, “Nove ore”.

“Ieri abbiamo esaminato come bilanciare l’impegno sociale con la generazione di un buon cuore”, ha riassunto Davidson. “Ci siamo chiesti quando va bene uscire di casa e cosa sia la casa, come trovare la bellezza in mezzo alle avversità. Abbiamo esaminato il ruolo dei padri come insegnanti di compassione e come sostenere la speranza di fronte alle sfide che questi giovani devono affrontare ogni giorno. Oggi abbiamo sette persone che condivideranno aspetti della loro vita e ti faranno una domanda”.

Ronan dall’Irlanda è stato il primo a rivolgersi a Sua Santità: “Ieri lei ha parlato a tutti noi dei sette-otto miliardi di persone che vivono oggi e di come dobbiamo riconoscere che siamo tutti uno. Ho contestato quello che ha detto. Ed il background della mia sfida risale a quando ho guidato la strategia politica di Extinction Rebellion, un gruppo di disobbedienza civile non violenta che segue l’esempio di Gandhi e Martin Luther King.

Siamo attivisti pacifici che sono stati incarcerati per aver cercato di aumentare la consapevolezza che ciò che dobbiamo affrontare è un’emergenza climatica, non solo una crisi di sostenibilità. Siamo sulla via dell’estinzione e la forza della compassione non è sufficiente. Il mio dolore concerne quanto sia impossibile cambiare il mondo. Si indurisce in un cinismo al punto che una visione dell’unità, qualcosa di così bello, sembra impossibile. Sembra semplice, sentimentale ed ingenua.

Siamo qui per mettere la nostra sofferenza ai tuoi piedi. Quando ero in Extinction Rebellion sono andato oltre i miei limiti fisici. Il mio corpo è crollato. Siamo in un’epoca di burn-out. Sono caduto sotto stress che ha innescato una condizione di dolore cronico, dolore come quello che senti alle ginocchia, ma su tutto il corpo. Sembra che ci siano pochi trattamenti. Devo accettare ciò che è altrimenti inaccettabile.

Nell’inverno del 2019 ho pensato al suicidio. Ciò che mi ha trattenuto è stato il fatto che sentivo di non poterlo fare con i miei genitori che avevano già perso un figlio quando anni fa mio fratello è caduto dalla bicicletta ed è morto. L’altro fattore che mi ha fermato è stata l’idea che a marzo 2020 ti avrei incontrato. Come scrisse Albert Camus: “In pieno inverno, ho scoperto che c’era, dentro di me, un’estate invincibile. E quello mi rende felice. Perché dice che non importa quanto forte il mondo spinge contro di me, dentro di me, c’è qualcosa di più forte, qualcosa di meglio, che si spinge indietro”.

Non ho una domanda da fare. Vorrei fare una richiesta che ci sediamo in silenzio insieme”.

Dopo un tranquillo intermezzo, Sua Santità ha parlato.

Puoi sapere che ho quattro impegni. Prima di tutto, sono un essere umano e vedo che c’è un’insoddisfazione diffusa. Le persone non affrontano il disagio fisico ma il disagio mentale e questo può essere alleviato. Tendiamo a pensare negativamente senza fermarci a guardare e vedere che il mondo è piuttosto bello. Quindi, parte del nostro disagio mentale è una nostra creazione. A volte abbiamo bisogno di guardare le cose da una prospettiva più ampia e vedere che non sono poi così male. Tutti abbiamo un seme di compassione.

Noi esseri umani non siamo degli animali predatori come le tigri. Abbiamo una preoccupazione per gli altri perché siamo animali sociali, il che costituisce la base per le nostre altre buone qualità. Nessuno di noi è isolato, siamo parte della società. Abbiamo il senso dell’amicizia. È fondamentale nella natura umana apprezzare un senso di comunità.

Ora, dobbiamo ricordare che questo mondo è la nostra unica casa. Gli effetti del riscaldamento globale sono un’altra questione, ma questo mondo è un posto piacevole dove stare. Ho perso il mio paese, ma l’India è stata molto ospitale. Qui ed altrove ho incontrato altre persone ed ho osservato che come esseri umani siamo fisicamente, mentalmente ed emotivamente uguali. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Compassionate Leadership Summit – 2nd Day
Ott 20th, 2022 by admin

Moderator of the meeting Richie Davidson opening the second day of the Compassionate Leadership Summit at His Holiness the Dalai Lama’s residence in Dharamsala, HP, India on October 19, 2022. Photo by Tenzin Choejor

October 19, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – After smiles and brief greetings this morning, His Holiness the Dalai Lama took his seat for the second day of the Compassionate Leadership Summit.

Yes, start,” he said. Richie Davidson, who is moderating the meeting asked whether he slept well last night.

Always,” His Holiness replied, “Nine hours.”

Yesterday, we examined how to balance social engagement with the cultivation of a good heart,” Davidson summarized. “We asked when it’s ok to leave home and what home is, how to find beauty in the midst of adversity. We examined the role of fathers as teachers of compassion and how to sustain hope in the face of challenges such as these young people face every day. Today, we have seven individuals who will share aspects of their lives and ask you a question.”

Ronan from Ireland was the first to address His Holiness: “Yesterday you spoke to all of us about the seven to eight billion people alive today and how we need to recognise that we are all one. I challenged what you said. And the background of my challenge is that I have led political strategy for Extinction Rebellion a non-violent, civil disobedience group who follow the example of Gandhi and Martin Luther King.

We are peaceful activists who have been jailed for trying to raise awareness that what we face is a climate emergency, not just a sustainability crisis. We are on a path to extinction and the force of compassion is not enough. My grief is about how impossible it feels to change the world. It hardens into a cynicism that a vision of oneness, something so beautiful feels impossible. It feels simple, sentimental and naive. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Compassionate Leadership Summit – 1st Day
Ott 19th, 2022 by admin

Shwetal from Mumbai sharing her story with His Holiness the Dalai Lama on the first day of the Compassionate Leadership Summit at his residence in Dharamsala, HP, India on October 18, 2022. Photo by Tenzin Choejor

October 18, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning His Holiness the Dalai Lama met with 15 young leaders from different parts of the world in the audience hall at his residence.

I’m very happy to meet you today,” he told them. “You young people have a very important role to play. We 7-8 billion human beings are essentially the same. We have to live together and this world is our only home. Thinking only of the interests of our own nation and stockpiling weapons is of no use. Differentiating between ‘us’ and ‘them’ is out of date. Now we have to be aware of the oneness of humanity.”

Professor of Psychology and Psychiatry, and old friend of His Holiness, Richard Davidson introduced a group of compassionate leaders to him. Davidson explained that co-organizers of this meeting were Tara Bennett-Goleman and her husband Dan Goleman. Unable to attend in person, they had a short exchange with His Holiness by video link.

Bennett-Goleman explained that these young leaders have been engaged in techniques for inner transformation in addition to their activism. They have studied Goleman’s book ‘A Force for Good’, in which he laid out His Holiness’s vision for the world. Goleman told His Holiness that he hopes to write another book on the basis of the meetings today and tomorrow.

Richie Davidson told His Holiness that the young leaders would each make a short presentation to him and ask him one question.

He first introduced Shabana from Afghanistan. “I was born and brought up in Kabul at a time when education for girls and women was declared illegal. My parents educated me in secret. I am the product of my parents’ and other Afghan women’s courage. Your guidance inspires me. I believe that educating girls is one of the steps we can take to limit global warming. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Compassionate Leadership Summit – 1° giorno
Ott 19th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Dovremmo essere realistici. E dobbiamo essere laici perché come esseri umani dobbiamo vivere insieme. La mia pratica di coltivare l’altruismo ogni giorno mi porta forza interiore e impavidità, che è un passo pratico nella giusta direzione”.

18 ottobre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato 15 giovani leader provenienti da diverse parti del mondo nell’aula delle udienze della sua residenza.

“Sono molto felice di incontrarvi oggi”, ha detto loro. “Voi giovani avete un ruolo molto importante da svolgere. Noi 7-8 miliardi di esseri umani siamo essenzialmente gli stessi. Dobbiamo vivere insieme e questo mondo è la nostra unica casa. Pensare solo agli interessi della nostra stessa nazione e accumulare armi è inutile. La distinzione tra “noi” e “loro” è obsoleta. Ora dobbiamo essere consapevoli dell’unità dell’umanità”.

Professore di Psicologia e Psichiatria e vecchio amico di Sua Santità, Richard Davidson gli presentò un gruppo di leader compassionevoli. Davidson ha spiegato che i co-organizzatori di questo incontro erano Tara Bennett-Goleman e suo marito Dan Goleman. Non potendo partecipare di persona, hanno avuto un breve scambio con Sua Santità tramite collegamento video.

Bennett-Goleman ha spiegato che questi giovani leader, oltre al loro attivismo, sono stati coinvolti in tecniche di trasformazione interiore. Hanno studiato il libro di Goleman “Una forza per il bene”, in cui ha esposto la visione di Sua Santità per il mondo. Goleman ha detto a Sua Santità che spera di scrivere un altro libro sulla base degli incontri di oggi e di domani.

Richie Davidson introdotto a Sua Santità i giovani leader, i quali si sarebbero brevemente presentati e gli avrebbero posto delle domande.

Per prima è stata la volta di Shabana dell’Afghanistan. “Sono nata e cresciuta a Kabul in un periodo in cui l’istruzione delle ragazze e delle donne era dichiarata illegale. I miei genitori mi hanno educata in segreto. Sono il prodotto del coraggio dei miei genitori e di altre donne afghane. La tua guida, Santità, mi ispira. Credo che l’istruzione delle ragazze sia uno dei passi che possiamo fare per limitare il riscaldamento globale.

Ho fondato un collegio per ragazze afgane, ma lo scorso agosto abbiamo dovuto lasciare il Paese. Ora le ragazze afghane sono tristi e non possono andare a scuola. Il nostro lavoro è stato annullato e stiamo lottando dall’esterno. Mi sento impotente.

Dal momento che hai familiarità con la vita in esilio, come creare la sensazione di una casa?”

Dobbiamo guardare avanti e pensare all’intera umanità”, ha risposto Sua Santità. “Dobbiamo avere una visione ampia. Tanti problemi sorgono dal preoccuparci solo della nostra stessa nazione, della nostra stessa comunità. Ogni essere umano vuole vivere una vita pacifica, ma, a volte, i nostri leader sono miopi e ripiegano sull’uso della violenza. Questo è un vecchio modo di pensare.

Non ci sono buone ragioni per pensare in termini di ‘noi’ e ‘loro’ e fare affidamento sulle armi. Di fronte ai problemi globali, dobbiamo imparare a vivere insieme, consapevoli dell’intera umanità.

Diventare un rifugiato mi ha dato benefici inaspettati. L’India è un paese libero ed una volta che sono venuto qui, ho potuto incontrare tutti i tipi di persone provenienti da altri paesi. E sono arrivato a riconoscere che siamo tutti uguali in quanto esseri umani”. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Incontro con Mind & Life – Interdipendenza, etica e reti sociali – Secondo giorno
Ott 18th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Quando cerchiamo la fonte della coscienza, scopriamo che è una continuità. La coscienza di oggi è una continuazione della coscienza di ieri. Riconoscerne la continuità fa sorgere domande sulle vite precedenti.

13 ottobre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Quando questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è entrato nella sala, ha salutato con un ampio sorriso i membri del Mind & Life Institute, Mind & Life Europe ed i loro amici.

Non appena si sedette, annunciò che voleva dire qualcosa sulla mente.

Gli scienziati non hanno studiato la coscienza molto a fondo. Tendono a pensare alla mente in relazione al cervello, eppure la mente è un qualcosa di diverso. La mente non è un prodotto del cervello. È la sua stessa entità. La mente di oggi è una continuazione della mente di ieri. La mente è qualcosa su cui vale la pena saperne di più.

Quando si tratta dell’inizio di una vita umana, l’incontro dei fattori fisici non si traduce necessariamente in un concepimento. Un terzo fattore è la coscienza. E per questo varrebbe la pena indagare che cos’è la coscienza.

Cercare di spiegare l’origine della vita di una persona solo sulla base del suo corpo sarebbe difficile e insoddisfacente. Osserviamo che i gemelli, pur condividendo un’origine fisica nello stesso utero, mostrano differenze nelle loro caratteristiche personali.

“Si dice che la natura della coscienza sia chiarezza e consapevolezza ed è difficile sostenere che questo sia un prodotto del cervello”.

Al che è intervenuto Richie Davidson: “Una delle cose che Sua Santità ci ha fatto notare è che la convinzione scientifica che la mente sia la stessa entità del cervello: ma è una convinzione, non un dato di fatto. Questo è il cuore di ciò che abbiamo raccolto da Sua Santità. In effetti, negli ultimi 100 anni noi scienziati non abbiamo fatto veri progressi nell’investigare questo”. Read the rest of this entry »

Meeting with Mind & Life – Interdependence, Ethics and Social Networks – Day Two
Ott 17th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking on the second day of the Mind & Life Conversation on Interdependence, Ethics and Social Networks at his residence in Dharamsala, HP, India on October 13, 2022. Photo by Tenzin Choejor

October 13, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – When he entered the room this morning, His Holiness the Dalai Lama greeted the members of the Mind & Life Institute, Mind & Life Europe and their friends with a broad smile and a wave.

As soon as he’d taken his seat, he announced that he wanted to say something about the mind.

Scientists haven’t investigated consciousness very deeply. They tend to think of the mind in relation to the brain, and yet the mind is something other than that. The mind is not a product of the brain. It is its own entity. Today’s mind is a continuation of yesterday’s mind. The mind is something worth finding out more about.

When it comes to the start of a human life, the meeting of the physical factors doesn’t necessarily result in a conception. A third factor is consciousness. And for this reason, it would be worthwhile investigating what consciousness is.

Trying to account for the origin of a person’s life only on the basis of their body would be difficult and unsatisfactory. We observe that twins, despite sharing a physical origin in the same womb, display differences in their personal characteristics.

The nature of consciousness is said to be clarity and awareness and it is difficult to argue that this is a product of the brain.” Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Incontro con Mind & Life – Interdipendenza, etica e reti sociali – Primo giorno
Ott 15th, 2022 by admin

Sua Santità ilò Dalai Lama: “Dobbiamo far sapere alle persone che il buon cuore è la fonte della pace della mente, della pace interiore, della forza interiore e della fiducia in sé stessi.”

12 ottobre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama si è unito a circa 180 persone nell’aula delle udienze della sua residenza, di cui 101 erano membri o amici del Mind & Life Institute. Il resto includeva monaci e monache tibetane che hanno partecipato ai programmi scientifici dell’Università di Emory, nonché studenti di scienze del Men-tsee-khang, della Library of Tibetan Works & Archives e così via, nonché lama ed abati di centri di apprendimento nei grandi monasteri dell’India meridionale.

La Presidente del Mind & Life Institute, Susan Bauer-Wu ha così accolto Sua Santità. “Noi, i tuoi amici di Mind & Life, siamo felici di essere qui. Sono trascorsi 3 anni da quando ti abbiamo visto di persona ed è così bello vederti così in forma. Questo evento nasce come risultato degli sforzi del Mind & Life Institute e Mind & Life Europe. Sono passati 35 anni dal primo incontro di Mind & Life. Siamo così felici di essere tornati insieme“.

“Abbiamo tenuto molti incontri di Mind & Life”, ha risposto Sua Santità, “e sento che sono stati molto importanti. Nel mondo in generale, è stata prestata molta attenzione alle cose fisiche, ma molto meno alla mente. Eppure, quando parliamo di felicità e sofferenza, sono esperienze interiori, mentali. Se non abbiamo pace mentale, non saremo felici.

Molti dei conflitti che vediamo nel mondo riguardano cose fisiche, risorse materiali e potere. Pertanto, dobbiamo guardare a ciò che è accaduto in passato e farne tesoro in modo da poter costruire un futuro basato sulla pace, la felicità e l’unione. Read the rest of this entry »

Meeting with Mind & Life – Interdependence, Ethics and Social Networks – Day One
Ott 13th, 2022 by admin

President of the Mind & Life Institute, Susan Bauer-Wu welcoming His Holiness the Dalai Lama at the start of the first day of the Meeting with Mind & Life at his residence in Dharamsala, HP, India on October 12, 2022. Photo by Tenzin Choejor

October 12, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning His Holiness the Dalai Lama joined approximately 180 people in the audience hall at his residence. 101 were members or friends of the Mind & Life Institute. The remainder included Tibetan monks and nuns who have participated in the science programs at Emory University, as well as students of science from the Men-tsee-khang, the Library of Tibetan Works & Archives and so forth, as well as Lamas and Abbots from the centres of learning at the great monasteries in South India.

President of the Mind & Life Institute, Susan Bauer-Wu welcomed His Holiness.

We, your friends at Mind & Life, are happy to be here,” she said. “It’s been 3 years since we saw you in person, and it’s so good to see you looking so well. This event comes about as a result of the efforts of the Mind & Life Institute and Mind & Life Europe. It’s been 35 years since the first Mind & Life dialogue took place. We’re so happy to be back.”

We’ve held a lot of Mind & Life dialogues,” His Holiness replied, and I feel they’ve been very important. In the world at large, a great deal of attention has been paid to physical things, but much less to the mind. And yet, when we talk about happiness and suffering, they are inner, mental experiences. If we have no peace of mind, we won’t be happy.

Many of the conflicts we see in the world are about physical things, material resources and power. Therefore, we need to look at what went on in the past and learn from it so that we can construct a future based on peace, happiness and togetherness. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Commentario al Secondo Capitolo della Comprensione Valida di Dharmakirti – 3° giorno
Ott 7th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “La chiave è pensare di portare felicità a tutti gli esseri e di non danneggiare nessuno.”

5 ottobre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Sua Santità il Dalai Lama ha aperto il terzo giorno di insegnamenti annunciando che pensava di conferire i voti del Bodhisattva con una motivazione favorevole.

Da parte mia ogni giorno prendo questi voti”, ha spiegato. “Ci sono 18 voti fondamentali e 46 impegni minori da mantenere. Il Guru Yoga in Sei Sessioni elenca le 18 cadute radice e chiarisce che, nel caso di un errore di disciplina, se i quattro fattori vincolanti non sono completati, il voto non è infranto. “

Sua Santità ha innanzitutto letto le strofe finali del secondo capitolo del “Commentario sulla Cognizione Valida”: Stabilire una guida affidabile.

“Il Buddha è colui che si è addestrato nel sentiero”, ha osservato. “Ha fatto progressi costanti. In confronto noi esseri ordinari siamo ossessionati dagli atteggiamenti egoistici. Shantideva lo chiarisce nel suo “Entrare nella Via del Bodhisattva”.

Perché dire di più? Osserva questa distinzione: tra lo stolto che brama il proprio vantaggio ed il saggio che agisce per il vantaggio degli altri. 8/130 Read the rest of this entry »

Chapter Two of Dharmakirti’s ‘Commentary on Valid Cognition’ – 3rd Day
Ott 6th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting members of the crowd attending the third day of teachings as he arrives at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on October 5, 2022. Photo by Tenzin Choejor

October 5, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama opened the third day of his current set of teachings by announcing that he thought he would give the Bodhisattva vows by way of an auspicious ending.

I take these vows every day,” he explained. “There are 18 root vows and 46 lesser pledges to be kept. The Six Session Guru Yoga lists the 18 root downfalls and clarifies that, in the case a lapse of discipline, if the four binding factors are not complete, the vow is not lost. “

His Holiness first read the final verses of Chapter two of the ‘Commentary on Valid Cognition’ – Establishing the Reliable Guide.

The Buddha is one who trained in the path,” he observed. “He made steady progress. By comparison we ordinary beings are obsessed with selfish attitudes. Shantideva makes this clear in his ‘Entering the Way of the Bodhisattva’.

Why say more? Observe this distinction: between the fool who longs for his own advantage and the sage who acts for the advantage of others. 8/130

The key is to think of bringing happiness to all beings and of harming no one.

All those who suffer in the world do so because of their desire for their own happiness. All those happy in the world are so because of their desire for the happiness of others. 8/129

For those who fail to exchange their own happiness for the suffering of others, Buddhahood is certainly impossible – how could there even be happiness in cyclic existence? 8/31

If you only think of yourself, you’ll not be happy. Thinking of others and cultivating the awakening mind of bodhichitta helps purify negativities and accumulate merit. Cherishing others as you do yourself brings courage and inner strength.” Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Commentario al Secondo Capitolo della Comprensione Valida di Dharmakirti – 2° giorno
Ott 5th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Per centinaia di anni gli esseri umani si sono combattuti ed uccisi a vicenda. Per farlo, hanno sviluppato armi sempre più letali, eppure, se ci chiediamo cosa effettivamente disturba la nostra pace mentale, sono le afflizioni mentali, le emozioni disturbanti.

4 ottobre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Quando questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha raggiunto lo Tsuglagkhang, il tempio principale tibetano, prima di prendere posto, ha salutato Jangtsé Chöjé, il Ven Gosok Rinpoché, seduto alla sinistra del trono, lo Sharpa Chöjé, il Ven Lobsang Dorjé, seduto alla destra.

È stato cantato il “Sutra del cuore” prima in cinese, poi in tibetano.

Prima di riprendere la lettura del “Commentario sulla Cognizione Valida”, Sua Santità ha menzionato una strofa di un testo tantrico sulla vacuità e sulla natura della mente che indica che l’esistenza ciclica è priva di esistenza inerente.

In questo mondo”, ha proseguito, “le cose sembrano esistere indipendentemente, ma, quando cerchiamo di individuarne l’identità, non siamo in grado di farlo. Comprendere che le cose sono prive di qualsiasi natura essenziale, ci libererà dall’esistenza ciclica. La nostra idea errata che le cose siano intrinsecamente esistenti può essere eliminata. Possiamo osservare che nella vita quotidiana, quando siamo arrabbiati od attaccati ad un qualcosa o a qualcuno, l’oggetto della nostra rabbia o attaccamento sembra essere intrinsecamente esistente.

L’attaccamento, la rabbia e l’odio sono radicati nell’ignoranza. Disturbano la nostra tranquillità. Ma quando siamo in grado di eliminare l’attaccamento alla nozione di esistenza inerente, possiamo fare progressi lungo il sentiero. Read the rest of this entry »

Chapter Two of Dharmakirti’s ‘Commentary on Valid Cognition’ – 2nd Day
Ott 5th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama waving to members of the audience from Taiwan as he departs at the conclusion of the second day of teachings at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on October 4, 2022. Photo by Tenzin Choejor

October 4, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – When His Holiness the Dalai Lama reached the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple, this morning, before taking his own seat, he saluted the Jangtsé Chöjé, Ven Gosok Rinpoché, who is sitting to the left of the throne and the Sharpa Chöjé, Ven Lobsang Dorjé, who is sitting to the right.

The ‘Heart Sutra’ was chanted first in Chinese and then in Tibetan.

Before resuming his reading of the ‘Commentary on Valid Cognition’, His Holiness mentioned a verse from a tantric text about emptiness and the nature of the mind that indicates that cyclic existence is devoid of inherent existence.

In this world,” he continued, “things appear to be independently existent, but when we try to pinpoint their identity, we are unable to do so. Understanding that things lack any essential nature will free us from cyclic existence. Our misconception that things are inherently existent can be eliminated. We can observe that in day-to-day life, when we are angry or attached to something or someone, the object of our anger or attachment appears to be inherently existent.

Attachment, anger and hatred are rooted in ignorance. They disturb our peace of mind. But when we are able to do away with clinging to the notion of inherent existence, we can make progress on the path.

In Chapter 22 of his ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way’ Nagarjuna writes about how we cannot pinpoint the identity or independent existence even of the Buddha, the Tathagata, the One Thus Gone.”

Neither the aggregates, nor different from the aggregates,
The aggregates are not (dependent) on him, nor is he (dependent) on the aggregates.
The Tathagata does not possess the aggregates.
What else is the Tathagata? 22.1
Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Commentario al Secondo Capitolo della Comprensione Valida di Dharmakirti – 1° giorno
Ott 4th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se vogliamo portare la pace nel mondo, dobbiamo prestare attenzione a come raggiungere dentro di noi la pace della mente”.

3 ottobre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Stamattina, mentre attraversava il cortile verso il tempio principale, Sua Santità il Dalai Lama ha sorriso e salutato i membri della stimata folla di 5000 persone provenienti da 55 paesi in attesa di salutarlo. Sembrava, oggi, prestare particolare attenzione agli anziani, fermandosi per una parola veloce, una carezza affettuosa sul capo o sulla mano.

Una volta che Sua Santità si sedette sul trono, il maestro del canto guidò una recita del “Sutra del cuore” in cinese a cui si unirono i 570 discepoli di Taiwan. Avvistando un gatto vagante tra i presenti, Sua Santità chiese che fosse restituito al suo proprietario nel caso fosse in difficoltà.

Il “Sutra del cuore” è stato nuovamente recitato in tibetano.

Oggi”, ha annunciato Sua Santità, “i nostri amici cinesi del Dharma mi hanno chiesto dinsegnare il ‘Commentario sulla Cognizione Valida’ di Dharmakirti.

Nella sua promessa di comporre il testo, Dharmakirti scrisse:

“La maggior parte delle persone è attaccata agli obiettivi ordinari

ed è priva della necessaria forza mentale,

non solo non ha alcun interesse Read the rest of this entry »

Chapter Two of Dharmakirti’s ‘Commentary on Valid Cognition’ – 1st Day
Ott 4th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the congregation at the Main Tibetan Temple on the first day of teachings in Dharamsala, HP, India on October 3, 2022. Photo by Tenzin Choejor

October 3, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – As he walked through the yard to the Main Temple this morning, His Holiness the Dalai Lama smiled and waved to members of the estimated 5000 strong crowd from 55 countries waiting to greet him. He seemed, today, to pay particular attention to the elderly, stopping for a quick word, an affectionate pat on a head or hand, before moving on.

Once His Holiness was seated on the throne, the chant-master led a recitation of the ‘Heart Sutra’ in Chinese in which the 570 disciples from Taiwan joined in. Spotting a cat adrift in the congregation, His Holiness asked that it be returned to its owner in case it was distressed.

The ‘Heart Sutra’ was recited again in Tibetan.

Today,” His Holiness announced, “our Chinese Dharma friends have asked me to teach Dharmakirti’s ‘Commentary on Valid Cognition’. [Translations of the text can be found in the Live section of this website]

In his pledge to compose the text, Dharmakirti wrote,

“The majority of people having attachment to ordinary
pursuits and lacking in the requisite strength of
intellect, not only have no interest in
and fail to appreciate the holy discourses, but being
covered with the dirt of malice, even hate them.

I do not therefore entertain the thought that this work
(of mine) will be of benefit to others, but my mind having
developed an obsession, fostered by prolonged study of
science and scripture, I’m bent upon this task.”

These days,” His Holiness continued, “people are absorbed in pursuing a materialistic way of life. While all religious traditions teach us to be kind, the Nalanda Tradition urges us to use our intelligence, to examine what disturbs our peace of mind. It is in this spirit that Dharmakirti reveals that after prolonged study of science and scripture, he is intent on composing this treatise, ‘Commentary on Valid Cognition’. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Dialogo con l’United States Institute of Peace Youth Leaders, 2° giorno
Set 25th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Come far sentire la propria voce? Prima dovresti essere onesto e poi dovresti agire con compassione. Questa è la cosa giusta da fare. La cosa principale è perdonare e praticare la compassione.

23 settembre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina è ripreso l’incontro tra Sua Santità il Dalai Lama ed i leader giovanili dell’Istituto per la Pace degli Stati Uniti. David Yang, il moderatore, ha ricordato a tutti che ieri si era discusso di come i figli della guerra possano diventare leader per la pace e che la costruzione della pace è uno sforzo spirituale e che dopo ieri si erano trattato i temi dell’appartenenza e della compassione, i temi in discussione oggi sarebbero la pace interiore e l’impegno per l’uguaglianza e la giustizia.

Per cominciare, Angie dalla Colombia, una psicologa appassionata di sfide sociali, diversità e multiculturalismo, ha parlato del suo amore per l’istruzione e l’apprendimento. Nel suo lavoro cerca di rendere l’istruzione più attraente per più persone.

Esra dal Sudan è profondamente coinvolta nella creazione di contenuti e li utilizza per fare la differenza, aiutando individui ed organizzazioni a realizzare la loro visione. Cerca di avere un impatto positivo sulla società ed è attiva nell’educazione e nella costruzione della pace attraverso i suoi scritti e corsi educativi. È impegnandosi nell’istruzione che gli studenti di Esra imparano la pace interiore.

Patrick, del Sud Sudan, si interessa in modo particolare dei giovani, della pace e della sicurezza. Sostiene fortemente la partecipazione dei giovani allo sviluppo delle politiche ed al processo decisionale per un cambiamento positivo. Ha spiegato come nel 2016 si sia ritrovato arenato in un altro Paese e si sia reso conto di quanto fosse frustrato di non poter contribuire a salvare il proprio Paese. Questo lo ha spinto con altri giovani ad impegnarsi nella costruzione della pace.

Arij dalla Tunisia è un facilitatore del dibattito. Quando ha iniziato a parlare in pubblico era nervosa, ma ha acquisito forti capacità di parlare in pubblico che le hanno permesso di tenere seminari su diversi temi legati alla pace e di avere un’influenza positiva. Avendo acquisito fiducia in sé stessa, ha imparato ad addestrare anche gli altri a parlare. Ha osservato che alcune persone perdono la speranza che la Tunisia possa mai trovare la pace, ma è determinata a non disperare. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Dialogue with United States Institute of Peace Youth Leaders, 2nd day
Set 24th, 2022 by admin

The moderator David Yang opening the second day of dialogue with His Holiness the Dalai Lama and United States Insitute of Peace (USIP) youth leaders in Dharamsala, HP, India on September 23, 2022. Photo by Tenzin Choejor

September 23, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning the meeting between His Holiness the Dalai Lama and United States Institute of Peace youth leaders resumed. David Yang, the moderator, reminded everyone that yesterday they had discussed how children of war can become leaders for peace. He asserted that peace-building is a spiritual effort and that after exploring belonging and compassion yesterday, the themes for discussion today would be inner peace and a commitment to equality and justice.

To start with, Angie from Colombia, a psychologist who is passionate about social challenges, diversity and multiculturalism spoke of her love of education and learning. In her work she tries to make education more attractive to more people.

Esra from Sudan is deeply involved with content creation and using it to make a difference, helping individuals and organizations fulfil their vision. She tries to make a positive impact on society and is active in education and peace-building through her writings and educational courses. It’s by engaging in education that Esra’s students learn about inner peace.

Patrick from South Sudan takes a special interest in youth, peace and security. He strongly advocates youth participation in policy development and decision making for positive change. He explained how in 2016 he found himself stranded in another country and realized how tired he was of not being able to contribute to salvaging his own country. This prompted him to engage in peace-building with other young people. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Dialogo con l’United States Institute of Peace Youth Leaders, 1° giorno
Set 24th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Sono buddista e non appena mi sveglio ogni mattina, ricordo a me stesso che tutti gli esseri umani sono uguali a me: tutti noi vogliamo essere felici. Decido quindi di usare la mia vita per assicurarmi che anche gli altri esseri siano felici. È la compassione che porta la pace della mente …

22 settembre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP – Quando questa mattina Sua Santità il Dalai Lama, una volta fatto ingresso nella sala delle udienze della sua residenza per incontrare i giovani leader e costruttori di pace dell’Istituto per la Pace degli Stati Uniti (USIP), ha osservato attentamente i loro volti ed augurato loro calorosamente: “Buongiorno”.

David Yang, vicepresidente per la trasformazione applicata dei conflitti presso l’USIP, in quanto moderatore, ha annunciato che questa è il settimo incontro tra Sua Santità ed i delegati dell’USIP, aggiungendo che oggi e domani Sua Santità si impegnerà con i 26 giovani leader provenienti da 12 regioni colpite da conflitti, e che negli ultimi due anni l’incontro aveva assunto la forma di un dialogo virtuale online, ma che ora erano tutti felici di essere tornati ad incontrarsi di persona.

Una parte del percorso di formazione dei giovani leader per diventare costruttori di pace è rappresentato dalla narrazione delle loro storie e Yang ha chiarito che volevano illustrare a Sua Santità come i figli della guerra possono diventare leader di pace. Sono quattro i temi che nelle diverse sessioni verranno affrontati: appartenenza, compassione, pace interiore, così come uguaglianza e giustizia.

Ha aperto la conversazione Kuol del Sud Sudan, che sta usando la sua amara esperienza di bambino soldato per costruire la pace ed assicurarsi che nessun bambino porti armi in tenera età,. Ha parlato di quando nel suo paese la guerra era al culmine, quando non c’erano più uomini nei villaggi, ma solo donne e bambini. Ogni volta che una famiglia aveva due ragazzi, uno veniva preso per farne un soldato. Ora vuole fare in modo di dare loro accesso all’istruzione e ad altre opportunità. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Dialogue with United States Institute of Peace Youth Leaders, 1st Day
Set 23rd, 2022 by admin

Denis from South Sudan delivering his presentation on the first day of dialogue with United States Institute of Peace (USIP) Youth leaders at His Holiness the Dalai Lama’s residence in Dharamsala, HP, India on September 22, 2022. Photo by Tenzin Choejor

September 22, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP – When His Holiness the Dalai Lama entered the audience room at his residence this morning to meet young leaders and peace-builders from the United States Institute of Peace (USIP), he carefully scanned their faces and warmly wished them, “Good morning.”

David Yang, Vice President for Applied Conflict Transformation at USIP, as the moderator announced that this was the seventh interaction between His Holiness and USIP delegates. He explained that today and tomorrow His Holiness would engage with 26 young leaders from 12 conflict affected regions. He mentioned that over the last two years the meeting had taken the form of an online virtual dialogue, but that they were now happy to be back in person.

Part of the young leaders training has involved story-telling and Yang made clear that they wanted to share with His Holiness how children of war can become leaders for peace. There would be four themes: belonging, compassion, inner peace, as well as equality and justice.

Kuol from South Sudan, who is using his bitter experience of being a child soldier to build peace and make sure no child carries guns at a tender age, opened the conversation. He spoke of the time when war was at its peak in his country, when there were no men left in the villages, only women and children. Whenever a family had two boys, one was taken to become a soldier. Now he wants to give them access to education and other opportunities.

Ruby from Syria realized that achieving peace requires anthropological and ethnographic sensitivity and studied accordingly. She has been working on projects related to peace-building, justice, women’s rights, and climate issues. She talked about her realization that men and women are equally capable, but both need to be powerful and strong. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Insegnamenti su “Entrare nella Via di Mezzo” – 2° Giorno
Set 17th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “L’insegnamento del Buddha è basato sulla logica e su un rapporto di causa ed effetto. Praticarlo non significa pregare il Buddha. Si tratta di superare le oscurazioni e le visioni distorte seguendo la vera strada.

16 settembre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Quando questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha fatto ingresso nel cortile del tempio, si è fermato a prestare attenzione ad una vasta gamma di oggetti che le persone avevano posizionato da benedire su diversi tavoli. Poi, camminando, ha ripetutamente posato lo sguardo su entrambi i lati del percorso per sorridere e salutare il pubblico.

Mentre compiva una circumdeambulazione attorno al tempio di Kalachakra, s‘è fermato per appoggiarsi alla ringhiera, guardando in basso ha salutato le persone raccolte nella strada sottostante. Allo stesso modo, da dietro il tempio principale ha sorriso e salutato con ampi cenni di mano le persone in attesa di poterlo vedere dalla strada fino a McLeod Ganj. All’interno del tempio, prima di sedersi, ha ripetutamente salutato i monaci thailandesi seduti attorno al trono.

Per primo, a ritmo costante, da monaci e monache vietnamiti è stato cantato Il “Sutra del cuore” https://www.sangye.it/altro/?p=6098 seguendo il ritmo dun pesce di legno. Successivamente, è stato recitato da un gruppo dall’Indonesia.

Rivolgendosi al pubblico stimato in 6100 persone da 57 paesi, inclusi i patrocinatori  dell’insegnamento, 650 buddisti di Singapore, Malesia, Indonesia, Thailandia e Vietnam, Sua Santità ha osservato che questo era il secondo giorno degli insegnamenti.

Tutti noi siamo uguali nel non volere le sofferenza, ma nel desiderare la felicità. Su questo pianeta”, ha proseguito, “si sono succeduti diversi maestri fondatori di varie tradizioni religiose, ma è stata l’osservazione del Buddha ad evidenziare che la sofferenza non è senza cause. Queste cause derivano dalle nostre azioni ed afflizioni mentali. Ci ha così  consigliato di conoscere la sofferenza, di liberarci della sua origine, di raggiungere la cessazione e di coltivare il sentiero. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama teaches “Entering into the Middle Way” – 2nd Day
Set 17th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama waving to people gathered on the street below as makes his way around the Kalachakra Temple in Dharamsala, HP, India on September 16, 2022. Photo by Tenzin Choejor

September 16, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – When His Holiness the Dalai Lama stepped into the yard this morning on his way to the temple, he paused to pay attention to a great array of objects that people had placed on several tables to be blessed. Then, walking on, he looked repeatedly to either side of the path to smile and wave to members of the public.

As he walked round the Kalachakra Temple he stopped to lean on the railing, look down and wave to people gathered on the street below. Likewise, from behind the back of the Main Temple he laughed and waved to people waiting to catch a glimpse of him from the road up to McLeod Ganj. Inside the temple, before sitting down, he greeted and saluted the Thai monks who are sitting around the throne.

The ‘Heart Sutra’ was chanted first at a steady pace by Vietnamese monks and nuns who followed the rhythm of a wooden fish. Next, it was recited by a group from Indonesia.

Addressing the audience estimated to number 6100 from 57 countries, including the specific patrons of the teaching, 650 Buddhists from Singapore, Malaysia, Indonesia, Thailand and Vietnam, His Holiness observed that this was the second day of the teachings.

All of us are the same in not wanting to suffer, but wishing to be happy. On this planet,” he went on, “there have been several founding teachers of various religious traditions, but it was the Buddha’s observation that suffering is not without causes. These causes arise from our actions and mental afflictions. He advised that we know suffering, get rid of its origin, achieve cessation and cultivate the path. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: insegnamenti su “Entrare nella Via di Mezzo” – 1° Giorno
Set 16th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “La chiave è affrontare le nostre emozioni, esaminando come, ad esempio, sorge la rabbia e come può essere gestita. L’importante non è preoccuparsi della prossima vita o di raggiungere l’onniscienza, si tratta invece di imparare ad affrontare le emozioni negative qui ed ora.”

15 settembre 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, mentre Sua Santità il Dalai Lama si è assiso sul trono nello Tsuglagkhang, il principale tempio tibetano di Dharamsala, un gruppo di monaci buddisti thailandesi ha recitato il Mangala Sutta in pali seguito dal canto del “Sutra del cuore” in cinese, con la preghiera che racchiude la pratica del Dharma che i cinesi recitano alla fine:

Possiamo essere in grado di dissipare i tre veleni

Possa la luce dell’introspezione risplendere luminosa

Possiamo noi essere in grado di superare tutti gli ostacoli

Possiamo essere in grado di impegnarci nelle azioni dei Bodhisattva.

Sua Santità ha iniziato recitando l’ultimo verso di omaggio della “Saggezza fondamentale della Via di Mezzo” https://www.sangye.it/altro/?p=9194 di Nagarjuna https://www.sangye.it/altro/?p=10906:

Mi prostro a Gautama

Che, per compassione,

Insegnò l’alto Dharma,

Il che porta all’abbandono di tutte le opinioni (distorte).

Dato che soffriamo a causa dell’ignoranza”, ha spiegato, “dobbiamo eliminare tutte le opinioni distorte e sviluppare la visione corretta. Se vogliamo farlo, dobbiamo studiare, riflettere su ciò che abbiamo imparato e meditare su ciò che abbiamo capito. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama teaches “Entering into the Middle Way” – 1st Day
Set 15th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama. Compassion, love and affection are important because life is so much better if we cultivate these qualities. Our mother’s care as soon as we’re born gives us an early lesson in these responses, but we seem to lose interest in them when we go to school because little attention is given to them there.

September 15, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, a group of Thai Buddhist monks recited the Mangala Sutta in Pali as His Holiness the Dalai Lama took his seat on the throne in the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple in Dharamsala. There followed the chanting of the ‘Heart Sutra’ in Chinese, including the prayer that Chinese recite at the end that encapsulates the practice of the Dharma:

May we be able to dispel the three poisons
May the light of insight shine brightly
May we be able to overcome all obstacles
May we be able to engage in the deeds of Bodhisattvas.

His Holiness began by reciting the final verse of homage from Nagarjuna’s ‘Fundamental Wisdom of the Middle Way’:

I prostrate to Gautama
Who, through compassion,
Taught the exalted Dharma,
Which leads to the relinquishing of all (distorted) views.

Since we suffer because of ignorance,” he explained, “we have to eliminate all distorted views and develop the correct view. If we are to do this, we need to study, reflect on what we’ve learned and meditate on what we’ve understood.

When I first heard about emptiness, I felt it was good, but it was only after I had studied ‘Fundamental Wisdom’, ‘Entering into the Middle Way’ and its ‘Auto-commentary’ and thought deeply about it that I gained conviction. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Visita il LGA Dharma Centre e ad Abi Pang Spituk
Ago 27th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Coltivate la mente del risveglio di bodhicitta e siate di buon cuore, vivendo in armonia con gli altri ed aiutandoli ogni volta che siete in grado di farlo.

25 agosto 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, UT, India – Quando Sua Santità il Dalai Lama è arrivato al Centro di Dharma dell’Associazione Ladakh Gonpa, un’enorme sala di preghiera comunitaria a Choglamsar, l’attendevano Mr. Thupstan Chhewang, Presidente dell’Associazione Buddista Ladakh e Acharya Tenzin Wangtak, Presidente dell’Associazione All Ladakh Gonpa.

Durante i miei recenti viaggi attraverso il Ladakh e lo Zanskar”, ha detto loro, “sono rimasto molto colpito dalla profonda riverenza e dall’affetto mostratimi da persone di tutti i componenti della comunità. Il che mi ha fatto sentire la necessità di dover vivere a lungo per servire le persone con un tale senso di devozione. È ammirevole una tale dimostrazione di fratellanza e sorellanza tra persone appartenenti a diverse tradizioni spirituali.

Le persone dal Ladakh all’Arunachal Pradesh condividono la stessa cultura buddista tibetana, una cultura di pace e di compassione. Vorrei esprimere il mio profondo apprezzamento per il modo in cui state contribuendo alla conservazione di questa cultura buddista, che deriva dalla storica Università di Nalanda, dove l’apprendimento si basava su un’indagine ragionata.

Dato che il Ladakh è una regione di confine, i miei viaggi non passeranno inosservati attraverso la frontiera. Un Dalai Lama sorridente che incontra persone che mostrano una fede così profonda e fiducia in lui non solo dà ispirazione ai tibetani in Tibet, ma per loro è anche motivo di orgoglio. Nonostante che alcuni rigidi funzionari comunisti mi abbiano etichettato come reazionario, quando vedono un Dalai Lama perennemente sorridente che fa del suo meglio per servire l’umanità, potrebbero dubitare delle dure politiche che hanno imposto ai tibetani. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Visits the LGA Dharma Centre and Lunch at Abi Pang Spituk
Ago 27th, 2022 by admin


His Holiness the Dalai Lama addressing the congregation during his visit to the Ladakh Gonpa Association community prayer hall in Leh, Ladakh, UT, India on August 25, 2022. Photo by Tenzin Choejor

August 25, 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, UT, India – When His Holiness the Dalai Lama arrived at the Ladakh Gonpa Association’s Dharma Centre, a huge community prayer hall at Choglamsar, Mr. Thupstan Chhewang, President of the Ladakh Buddhist Association and Acharya Tenzin Wangtak, President of the All Ladakh Gonpa Association and other representatives were there to greet him.

During my recent travels across Ladakh and Zanskar,” he told them, “I was very touched by the deep reverence and affection shown to me by people from all sections of the community. It made me feel that I must live long to serve people with such a sense of devotion. Such a display of brotherhood and sisterhood among people belonging to different spiritual traditions is admirable.

People from Ladakh to Arunachal Pradesh share the same Tibetan Buddhist culture, a culture of peace and compassion. I’d like to express my deep appreciation of the way you are contributing to the preservation of this Buddhist culture. It is derived from the historic Nalanda University, where learning was based on reasoned investigation.

Since Ladakh is a border region, my travels will not go unnoticed across the frontier. A smiling Dalai Lama meeting people who show such deep faith and trust in him not only gives inspiration to Tibetans in Tibet, but for them is also a source of pride. Despite some rigid communist officials labelling me a reactionary, when they see a perpetually smiling Dalai Lama doing his best to serve humanity, they might doubt the harsh policies they have imposed on Tibetans. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Inaugura un Centro di Apprendimento in Ladakh
Ago 24th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Un aspetto importante dell’umanità è il nostro comune bisogno di amore e di affetto. Questo è il motivo per cui vale la pena cercare di condurre una vita significativa, coltivando il buon cuore e lavorando per il benessere di tutti gli esseri senzienti.

23 agosto 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, India – Questa mattina Sua Santità ha inaugurato formalmente un nuovo centro di apprendimento a Thupstanling Gonpa, Diskit Tsal, Leh. Costruito dai membri della comunità locale, è un ambiente spazioso, aperto a tutte le confessioni religiose, con strutture per lo svolgimento di lezioni di filosofia buddista, una biblioteca e così via.

La sala era gremita al massimo, con più di 1500 persone all’interno e altrettante raccolte nel cortile esterno. L’abate del Gonpa fece la consueta offerta di un mandala a Sua Santità, dopo di che anche i rappresentanti della comunità di Diskit Tsal chiesero la sua benedizione. Uno di questi rappresentanti della comunità ha tenuto un discorso introduttivo in cui ha espresso profonda gratitudine a Sua Santità per la sua visita ed ha spiegato brevemente il contesto e lo sviluppo del progetto. L’istituzione è cresciuta fino alle dimensioni attuali da un piccolo tempio buddista fondato per la prima volta nel 1984.

“Cari fratelli e sorelle spirituali, buddisti e musulmani”, ha esordito Sua Santità.

“Il popolo del Ladakh e dello Zanskar è stato così devoto ed accogliente ogni volta che lo visito. Come seguace del Buddha, la cui pratica quotidiana include coltivare la mente del risveglio di bodhicitta, mi impegno a servire i miei simili, chiunque essi siano. In effetti, l’essenza di tutte le religioni è di essere di aiuto agli altri. Naturalmente, fornire supporto finanziario ed altro materiale è positivo, ma è ancora meglio consigliare agli altri di essere di buon cuore e di sviluppare la pace della mente. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Inaugurating a Centre of Learning and Attending Lunch at Sindhu Ghat
Ago 24th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama inaugurating a new centre of learning at Thupstanling Gonpa in Diskit Tsal, Leh, Ladakh, UT, India on August 23, 2022. Photo by Tenzin Choejor

August 23, 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, India – This morning His Holiness formally inaugurated a new centre of learning at Thupstanling Gonpa, Diskit Tsal, Leh. Built by members of the local community it is a spacious centre, open to all religious denominations, where there will be facilities for holding classes on Buddhist philosophy, a library, and so forth.

The hall was packed to full capacity, with more than 1500 people inside and an equal number gathered in the courtyard outside. The Abbot of the Gonpa made the customary offering of a mandala to His Holiness, after which representatives of the Diskit Tsal community also sought his blessings. One of these community representatives gave an introductory speech in which he expressed deep gratitude to His Holiness for his visit and briefly explained the background and development of the project. The institution has grown to its present size from a small Buddhist temple first founded in 1984.

“Dear spiritual brothers and sisters, Buddhists and Muslims,” His Holiness began.

“The people of Ladakh and Zanskar have been so devout and welcoming whenever I visit. As a follower of the Buddha, whose daily practice includes cultivating the awakening mind of bodhichitta, I am committed to serving my fellow human beings whoever they are. Indeed, the essence of all religions is to be of help to others. Of course, providing financial and other material support is good, but it is even better to counsel others to be warm-hearted and develop peace of mind. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Visita Shah-e-Hamdan, Masjid Sharif a Shey, Ladakh
Ago 17th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Fondamentalmente, siamo tutti uguali nel voler essere felici e condurre una vita significativa. Inoltre, sebbene le nostre diverse tradizioni religiose affermino punti di vista filosofici diversi, il loro scopo comune è d’incoraggiare i loro seguaci ad essere di buon cuore”.

16 agosto 2022. Shey, Leh, Ladakh, UT, India – Il Comitato di coordinamento musulmano del Ladakh Leh, Ladakh UT, ha ospitato questa mattina un ricevimento a Shah-e-Hamdan, Masjid Sharif, Shey in onore di Sua Santità il Dalai Lama, che è stato accolto dai leader delle comunità sunnite e sciite, seguito da una preghiera dell’imam locale.

Prima della funzione principale, Sua Santità ha offerto preghiere al Masjid Sharif, costruito nel 1382, vicino al luogo in cui si svolgeva la funzione principale. Sua Santità ha poi salutato i presenti, che includevano rappresentanti di varie comunità religiose, la dirigenza eletta del Ladakh Autonomous Hill Development Council (LADHC) e membri della comunità musulmana locale.

Sua Santità ha detto loro che è sempre lieto di incontrare i suoi fratelli e sorelle musulmani. Ha ricordato che molti musulmani vivevano nelle vicinanze della sua città natale nel nord-est del Tibet e che di conseguenza conosceva lo schema quotidiano delle preghiere musulmane. Da bambino tra i suoi compagni di gioco c’erano molti bambini musulmani, e andavano tutti d’accordo.

Più tardi, quando ho raggiunto Lhasa”, ha spiegato, “i tibetani e la piccola comunità musulmana della città hanno avuto buoni rapporti amichevoli. Sono stati costantemente invitati, in segno di rispetto, a partecipare a tutti i festival del governo tibetano. La maggior parte di loro erano mercanti che importavano merci dall’India, ma svolgevano anche un altro ruolo importante quando portavano notizie ed informazioni dal mondo esterno. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Visit to Shah-e-Hamdan, Masjid Sharif at Shey, Ladakh
Ago 17th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking to members of the Muslim community at Shah-e-Hamdan, Masjid Sharif in Shey, Leh, Ladakh, UT, India on August 16, 2022. Photo by Tenzin Choejor

August 16, 2022. Shey, Leh, Ladakh, UT, India – The Ladakh Muslim Coordination Committee Leh, Ladakh UT, hosted a reception at Shah-e-Hamdan, Masjid Sharif, Shey this morning in honour of His Holiness the Dalai Lama. He was welcomed by leaders of both the Sunni and Shia communities, following which the local Imam offered a prayer.

Before the main function, His Holiness offered prayers at the Masjid Sharif, which was built in 1382, close to where the main function was held. His Holiness then greeted the members of the congregation, who included representatives of various religious communities, the elected leadership of the Ladakh Autonomous Hill Development Council (LADHC), and members of the local Muslim community.

His Holiness told them that he is always pleased to meet with his Muslim brothers and sisters. He recalled that many Muslims lived in the vicinity of his birthplace in north-east Tibet and that consequently he was familiar with the daily pattern of Muslim prayers. As a young and lively child his play mates including many Muslim children and they all got along well together.

Later, when I reached Lhasa,” he explained, “Tibetans and the small Muslim community in the city enjoyed good, friendly relations. They were consistently invited to attend all the festivals observed by the Tibetan government as a mark of respect. Most were merchants who imported goods from India, but they also fulfilled another important role when they brought news and information from the outside world. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama incontra la Comunita Islamica di Padum ed incontra gli studenti
Ago 17th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama parla a oltre 4000 studenti e membri della comunità locale presso il centro di insegnamento a Padum, Zanskar, Ladakh, UT, India, il 13 agosto 2022. Foto di Tenzin Choejor

13 agosto 2022. Padum, Zanskar, Ladakh, UT, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha visitato l’Eid Gah su invito della comunità musulmana di Padum. È stato accolto da uno dei responsabili della comunità, al termine della quale l’Imam locale ha offerto una preghiera. Sua Santità a sua volta ha prima salutato i membri della congregazione, tra cui adulti e scolari.

“Come monaco buddista”, ha detto loro, “ovunque io vada, incoraggio le persone a coltivare l’armonia interreligiosa. Tutte le tradizioni religiose consigliano ai loro seguaci di sviluppare amore e compassione e di lavorare per il bene degli altri. Pertanto, ogni volta che posso, visito diversi luoghi di culto, proprio come questa mattina sono venuto a questo Eid Gah.

“Sebbene sia triste vedere scoppiare un conflitto tra seguaci di diverse tradizioni religiose, è ancora più triste assistere a litigi tra membri di diverse confessioni della stessa fede, come vediamo tra sunniti e sciiti in Afghanistan.

“Sebbene le nostre varie tradizioni religiose affermino punti di vista filosofici diversi, il loro scopo comune è incoraggiare i loro seguaci ad essere di buon cuore. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Meets the Padum Muslim Community and Talks to Students
Ago 17th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing members of the Muslim community at the Eid Gah in Padum, Zanskar, Ladakh, UT, India on August 13, 2022. Photo by Tenzin Choejor

August 13, 2022. Padum, Zanskar, Ladakh, UT, India – This morning His Holiness the Dalai Lama visited the Eid Gah at the invitation of the Padum Muslim community. He was made welcome by one of the leaders of the community, following which the local Imam offered a prayer. His Holiness in turn greeted the members of the congregation before him, adults and schoolchildren among them.

“As a Buddhist monk,” he told them, “wherever I go, I encourage people to cultivate inter-religious harmony. All religious traditions counsel their followers to develop love and compassion and work for the benefit of others. Therefore, whenever I can, I visit different places of worship, just as I have come to this Eid Gah this morning.

“While it is sad to see conflict breaking out between followers of different religious traditions, it’s even more saddening to witness quarrelling among members of different denominations of the same faith, as we see between Sunni and Shia Muslims in Afghanistan.

“Although our various religious traditions assert different philosophical points of view, their common purpose is to encourage their followers to be kind-hearted. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama in Zanskar: Insegnamenti su “Entrare nella Via di Mezzo” di Chandrakirti
Ago 17th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta la folla al termine del suo insegnamento a Padum, Zanskar, Ladakh, UT, India, il 12 agosto 2022. Foto di Tenzin Choejor

Sua Santità il Dalai Lama: Generare la mente dell’illuminazione, voti del Bodhisattva e Preghiera di Lunga Vita

12 agosto 2022. Padum, Zanskar, Ladakh, UT, India. Questa mattina a Padum, Zanskar, prima di recarsi dalla sua residenza al padiglione dell’insegnamento, Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato i rappresentanti delle autorità distrettuali di Kargil.

Dopo aver recitato per tre volte la presa di Rifugio nei tre Gioielli, Sua Santità ha ricordato la giusta motivazione per ascoltare gli insegnamenti.

Sua Santità il Dalai Lama – “Riguardo alla cerimonia dello Spirito dell’Illuminazione di solito i discepoli visualizzano il Guru sotto forma di Buddha Sakyamuni. Come seguace del Buddha, oserei affermare di essere una persona che gode della fiducia di tutti i Buddha e i Bodhisattva. Sono, sin dalla mia infanzia, un seguace del Buddha che negli insegnamenti utilizza la ragione. Nel tempio principale di Lhasa davanti alla statua del Buddha Sakyamuni ho ricevuto i voti di Upasaka ed ho anche ricevuto l’ordinazione al noviziato e di monaco pienamente ordinato dal Maestro Vajradhara Ling Rinpoche Dorje Chang. Anche nei miei sogni mi sono sempre identificato come un monaco, come qualcuno che segue gli insegnamenti del Buddha in cui sono stato educato a fondo, ho pure memorizzato diversi classici dei testi come Abhisamayalamkara, Madhyamakāvatāra https://www.sangye.it/altro/?p=3259 e così via, così come ho studiato i Collected Topics e anche la presentazione di Mente e Consapevolezza oltre a logica e ragionamento. E così, ho studiato il Dharma in modo abbastanza approfondito. Anche in questi giorni, ogni volta che ho tempo, leggo i classici testi filosofici indiani. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama teaches on Chandrakirti’s Madyamykavatara or Entering in the Middle Way
Ago 17th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama walking to the teaching pavilion in Padum, Zanskar, Ladakh, UT, India on August 12, 2022. Photo by Tenzin Choejor

His Holiness the Dalai Lama gives a short teaching including the Bodhisattva Vows followed by a Long Life Prayer.

August 12, 2022. Padum, Zanskar, Ladakh, UT, India. In Zanskar this morning, before he walked from his residence to the teaching pavilion, His Holiness the Dalai Lama met representatives of the Kargil District Authorities.

After the recitation for three times the Refuge into the three Jewels, His Holiness remembered the correct motivation to listen to the teachings.

His Holiness the Dalai Lama Regarding the ceremony of the spirit of Enlightenment usually the disciples visualize the Guru in the form of buddha Sakyamuni. As a follower of Buddha, to be in daring, I’m someone whom all the Buddhas and Bodhisattvas have confidence and trust. I’m a follower of Buddha trough reason in teachings since my childhood. In the main temple in Lhasa in front of the statue of Buddha Sakyamuni I received the Upasaka vows and I also received the ordination novice and the fully ordination monk at the same place by Master Vajradhara Ling Rinpoche Dorje Chang and so. Even in my dreams I always identified myself as a monk, as someone following the teachings in the footsteps of Buddha in which I was thoroughly educated, as I memorized the different classic of texts as Abhisamayalamkara, Madhyamakāvatāra https://www.sangye.it/altro/?p=3263 and so forth, as well as I studied the Collected Topics and also the presentation of Mind and Awareness as well as logic and reasoning. And so, I studied the Dharma quite extensively. Even these days, whenever I have time, I read the classic Indian Philosophical texts. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama al Great Summer Debate a Lingshed
Ago 11th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “L’essenza dell’insegnamento non è concentrarsi sulla prossima vita o sul raggiungimento del Nirvana, ma domare la mente e coltivare un buon cuore qui ed ora.”

10 agosto 2022. Lingshed, Leh, Ladakh, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è volato in elicottero da Leh al villaggio di Lingshed e si è diretto al Monastero dove si stima che si fossero radunate circa 3000 persone: Ladakhi e persone dall’estero. Il dottor Tashi Gyalson, Chief Executive Councillor and Chairman of the Ladakh Autonomous Hill Development Council, ha offerto a Sua Santità un mandala e gli organizzatori del Grande Dibattito Estivo di dieci giorni (Yarchos Chenmos), hanno offerto sciarpe di seta. Sua Santità ha poi tenuto un breve insegnamento sugli “Otto versi per addestrare la mente” di Kadampa Geshé Langri Thangpa https://www.sangye.it/altro/?p=27.

Sono lieto di vedere qui dei membri della comunità monastica”, ha rimarcato, “interessati non solo a compiere dei rituali, ma anche impegnati nello studio della filosofia buddista. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a questo sviluppo positivo. Vedo anche che gli studenti qui partecipano a dibattiti tra loro. Non ho dubbi sul fatto che coltivare tali abilità ci aiuti ad affinare le nostre menti.

Subito dopo il nostro arrivo in India come rifugiati nel 1959, ho chiesto il sostegno dell’allora Primo Ministro indiano, Pandit Jawaharlal Nehru, per creare apposite scuole per i bambini rifugiati tibetani. La sua generosa risposta ci ha permesso di preservare la nostra cultura, lingua ed identità, perciò ne siamo grati. All’inizio, queste scuole avevano dei monaci come insegnanti, ma in seguito abbiamo ritenuto che sarebbe stato più rilevante se i monaci insegnassero filosofia buddista”. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Addressing Participants in This Year’s Great Summer Debate
Ago 11th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama teaching on ‘Eight Verses for Training the Mind’ to the gathering at the ground beside Lingshed Monastery in Lingshed, Leh District, UT, Ladakh on August 10, 2022. Photo by Tenzin Choejor

August 10, 2022. Lingshed, Leh District, Ladakh – This morning His Holiness the Dalai Lama flew by helicopter from Leh to Lingshed Village and drove straight to the ground beside the Monastery where an estimated 3000 people had gathered—Ladakhis and people from abroad. Dr Tashi Gyalson, Chief Executive Councillor and Chairman of the Ladakh Autonomous Hill Development Council offered His Holiness a mandala, and the organisers of the ten-day, Great Summer Debate (Yarchos Chenmos), offered silk scarves. His Holiness then gave a brief teaching on the ‘Eight Verses for Training the Mind’ by Kadampa Geshé Langri Thangpa.

I’m pleased to see members of the monastic community here,” he remarked, “who are interested not only in performing rituals, but have also engaged in the study of Buddhist philosophy. I’d like to thank everyone who has contributed to this positive development. I see too that the school-children here are taking part in debates with each other. I’ve no doubt that cultivating such skills helps us sharpen our minds.

Soon after we arrived in India as refugees in 1959, I requested the support of the then Prime Minister of India, Pandit Jawaharlal Nehru, to establish separate schools for Tibetan refugee children. His generous response enabled us to preserve our culture, language and identity, for which we remain grateful. To begin with, these schools employed religious teachers, but later we felt it would be more relevant if they were to teach Buddhist philosophy.” Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama incontra i tibetani in Ladakh
Ago 8th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Studiosi e scienziati, sono molto interessati alla nostra tradizione, in particolare per quanto riguarda la comprensione della mente e le emozioni e come affrontare le emozioni distruttive.”

7 agosto 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, UT, India – Più di 6500 membri della comunità tibetana del Ladakh, inclusi studenti e studentesse, nonché nomadi del Changtang (degli altipiani del nord) del Ladakh, si sono riuniti oggi alla scuola del TCV Tibetan Children Village a Choglamsar, alla periferia di Leh, accogliendo Sua Santità il Dalai Lama con una serie di spettacoli di canti e balli. Sua Santità ha ricordato loro le circostanze che hanno portato lui e decine di migliaia di tibetani a cercare rifugio in India.

Uno dei fattori che scatenò la rivolta di Lhasa nel marzo 1959 fu dato dalle autorità militari cinesi di stanza a Lhasa, che mi invitarono a partecipare ad uno spettacolo di artisti cinesi che erano arrivati di recente, cui avevo acconsentito a presenziare. Tuttavia, non appena i tibetani vennero a conoscenza dei termini e delle condizioni dell’invito rivolto dal generale cinese al comando, ovvero che non dovevo essere accompagnato da alcuna guardia del corpo, tutti erano d’accordo di non permetter che la visita avesse luogo.

A questo punto, i tibetani avevano completamente perso ogni fiducia delle autorità comuniste ed avevano pure perso la speranza che le circostanze sarebbero migliorate. Di conseguenza, più di 10.000 tibetani circondarono il Palazzo Norbulingka per difenderlo. Inoltre, mi supplicarono di non recarmi per nessun motivo al campo militare cinese. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Addressing Tibetans in Ladakh
Ago 8th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama watching students from TCV Choglamsar performing before his address to Tibetans of Ladakh in Leh, Ladakh, UT, India on August 7, 2022. Photo by Tenzin Choejor

August 7, 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, UT, India – More than 6500 members of the Tibetan community living in Ladakh, including schoolboys and schoolgirls, as well as nomads from the Changtang (the Northern Plans) of Ladakh, gathered today at the Tibetan Children’s Village School in Choglamsar on the outskirts of Leh. They made His Holiness the Dalai Lama welcome with a series of performances of singing and dancing. In His Holiness’s address to them he harked back to the circumstances that led him and tens of thousands of Tibetans to seek refuge in India.

One of the factors that triggered the Lhasa Uprising in March 1959 was the Chinese military authorities stationed in Lhasa having invited me to attend a show by Chinese performers who had recently arrived. I had agreed to go. However, as soon as the Tibetan public came to know the terms and conditions of the invitation laid down by the Chinese General in charge—that I should not be accompanied by any body-guards—they made it clear that they would not let the visit take place.

By this time, Tibetans had completely ceased to trust the Communist authorities and had lost hope that circumstances would improve. Consequently, more than 10,000 Tibetans surrounded the Norbulingka Palace to defend it. In addition, they pleaded with me not go to the Chinese military camp under any circumstances. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama è insignito del Ladakh dPal rNgam Dusdon Award
Ago 7th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Come riesco a disciplinare la mia mente e le sue emozioni? Combinando la mente del risveglio di bodhicitta con la visione dello stato degli esseri e delle cose come semplicemente designati.

5 agosto 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, UT, India – Questa mattina, nel quarto anniversario della attribuzione nel 2019 dello status di Union Territory (UT) al Ladakh, Sua Santità è stato insignito del Ladakh dPal rNgam Dusdon Award, a celebrazione dell’importanza storica del Ladakh. La cerimonia si è tenuta vicino a Leh da parte dall’Amministrazione del Territorio dell’Unione a Sindhu Ghat, sulle rive del possente fiume Indo, noto come Sengé Tsangpo in tibetano. Ha presieduto la cerimonia Mr Tashi Gyalson, Chief Executive Commissioner and Chairman of the Ladakh Autonomous Hill Development Council (LAHDC), Shri Umang Narula, Advisor to Union Territory of Ladakh, e altri funzionari.

Il premio è stato assegnato a riconoscimento della onnicomprensiva compassione di Sua Santità, del suo impegno a promozione della pace e dell’armonia e dei suoi sforzi per preservare il ricco patrimonio culturale buddista del Tibet. Questo riconoscimento rappresenta anche la profonda gratitudine del popolo del Ladakh per il ruolo senza precedenti di sostegno alla tutela del propio patrimonio culturale esercitato da Sua Santità, così come il sentirsi orgogliosi del rapporto con Sua Santità sin dalla sua prima visita nel 1966.

Questo giorno ha anche segnato incidentalmente il 400° anniversario dell’ascesa al trono dell’allora Regno del Ladakh del re Sengé Namgyal.

Tra gli oratori c’erano Shri Umang Narula, IAS, Advisor to the UT Ladakh, Shri Jamyang Tsering Namgyal MP, e Shri Tashi Gyalson, Chairman, LAHDC, che hanno espresso ammirazione per il fiume Indo, l’ancora vitale che scorre attraverso il Ladakh. Hanno anche esaltato le qualità del popolo del Ladakh: molti dei suoi cittadini hanno eccelso nei rispettivi campi, inclusa la difesa della nazione. I relatori hanno espresso profonda gratitudine a Sua Santità per la sua dedizione alla promozione della pace e dell’amore nel mondo, per la sua saggezza e compassione e per l’affetto che ha mostrato loro, che è una grande fonte di ispirazione per il popolo del Ladakh, sia giovani che vecchi.

Sua Santità ha aperto le sue osservazioni con la strofa di saluto alla fine del “Trattato fondamentale della Via di Mezzo” di Nagarjuna:

Rendo omaggio al Gautama

Che, mosso da compassione,

Ci ha insegnato il sacro Dharma

Per eliminare tutte le visioni distorte. Read the rest of this entry »

The Union Territory of Ladakh Confers the ‘Ladakh dPal rNgam Dusdon Award 2022’ on His Holiness the Dalai Lama
Ago 7th, 2022 by admin

Thiksay Rinpoche carrying the Ladakh dPal rNgam Dusdon Award 2022 to present to His Holiness the Dalai Lama at Sindhu Ghat in Leh, Ladakh, UT, India on August 5, 2022. Photo by Tenzin Choejor

August 5, 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, UT, India – This morning, on the fourth anniversary of the granting of Union Territory (UT) status to Ladakh in 2019, His Holiness was presented with the Ladakh dPal rNgam Dusdon Award, which celebrates the historical importance of Ladakh. The ceremony was held by the Union Territory Administration at Sindhu Ghat, on the banks of the mighty Indus River, which is known as the Sengé Tsangpo in Tibetan, near Leh. The proceedings were led by Mr Tashi Gyalson, Chief Executive Commissioner and Chairman of the Ladakh Autonomous Hill Development Council (LAHDC), Shri Umang Narula, Advisor to Union Territory of Ladakh, and other officials.

The Award was given in recognition of His Holiness’s all-encompassing compassion, his promotion of peace and harmony and his efforts to preserve Tibet’s rich Buddhist cultural heritage. It also represents the people of Ladakh’s deep gratitude for His Holiness’s unparalleled role in helping them preserve their cultural heritage, as well as their sense of pride in their relationship with him since his first visit in 1966.

This day also incidentally marked the 400th anniversary of the accession of King Sengé Namgyal to the throne of the then Kingdom of Ladakh.

Among the speakers was Shri Umang Narula, IAS, Advisor to the UT Ladakh, Shri Jamyang Tsering Namgyal MP, and Shri Tashi Gyalson, Chairman, LAHDC. They expressed admiration for the Indus River, the vital lifeline flowing through Ladakh. They also extolled the qualities of the people of Ladakh, many of whom have excelled in their respective fields, including the defence of the nation. The speakers expressed deep gratitude to His Holiness for his dedication to the promotion of peace and love in the world, for his wisdom and compassion and for the affection he has shown them, which is a great source of inspiration to the people of Ladakh, both young and the old. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Iniziazione di Avalokiteshvara
Ago 4th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “L’obiettivo finale è il raggiungimento dell’illuminazione, e, per conseguirla, dobbiamo unificare la mente del risveglio, con una comprensione della vacuità.

30 luglio 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, UT, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama ha raggiunto il padiglione dinsegnamenti di Shewatsel poco prima delle 7:00 per poter eseguire le procedure necessarie prima di conferire l’iniziazione di Cenresi Avalokiteshvara, l’incarnazione della grande compassione.

Alle circa 70.000 persone raccolte davanti a lui, mentre eseguiva i rituali per conferire l’iniziazione, dal momento che Avalokiteshvara Chenrezig detiene un legame speciale coi popoli del Tibet e della regione himalayana, ha consigliato di recitarne il mantra di sei sillabe Om mani padme hung.

Sua Santità ha aggiunto che, sebbene possa sembrare presuntuoso, potrebbe essere considerato un rappresentante di Avalokiteshvara nelle sue azioni del corpo, della parola e della mente. Ha inoltre dichiarato che tutte le principali tradizioni religiose incoraggiano i loro seguaci ad apprezzare l’importanza di “karuna” o compassione, portandoli ad agire al servizio degli altri piuttosto che limitarsi a prendersi cura di sè stessi.

“In effetti”, ha ribadito, “se ci dedichiamo al benessere degli altri, per inciso, raggiungeremo i nostri obiettivi”.

A nome dei presenti, Sua Eminenza Thuksé Rinpoché del lignaggio Drukpa Kagyu del Buddismo tibetano, ha offerto il consueto mandala a Sua Santità, seguito da altri rappresentanti che lo hanno omaggiato con sciarpe di seta. Al canto della “Preghiera delle tre pratiche continue”, è seguita una recita del “Sutra del cuore” https://www.sangye.it/altro/?p=6098. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: “Entrare nella via di un Bodhisattva” 2° giorno
Ago 2nd, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Dalla pratica di generazione della mente del risveglio di Bodhicitta scaturisce sia la buona salute che la felicità.

29 luglio 2022. Leh, Ladakh, UT, India – Non appena Sua Santità il Dalai Lama ha raggiunto il padiglione degli insegnamenti, Chhering Dorjey Lakruk, Vice Presidente della Ladakh Buddhist Association (LBA) ha fatto la consueta offerta del mandala, seguito da altri rappresentanti che gli hanno offerto sciarpe di seta. Al canto della “Preghiera delle tre pratiche continue” è seguita una recita del “Sutra del cuore” https://www.sangye.it/altro/?p=6098.

Sua Santità ha informato il pubblico che, poiché oggi è il primo giorno del sesto mese del calendario lunare tibetano, questa mattina presto ha offerto preghiere ed offerte a Palden Lhamo. Ha quindi guidato i presenti nella recita d’una preghiera che aveva composto in lode della Protettrice del Dharma.

Tornando a “Entrare nella via di un Bodhisattvahttps://www.sangye.it/altro/?p=2346 di Shantideva https://www.sangye.it/altro/?p=11776 Sua Santità ha spiegato che è un testo efficace da seguire se si desidera condurre una vita significativa.

I tibetani e le persone della regione himalayana hanno familiarità coi mantra come il mantra di sei sillabe di Avalokiteshvara (Om Mani Padme Hung) ed il mantra di Arya Tara (Om Taré Tuttaré Turé Svaha), ma dovrebbero anche considerarsi fortunati e cercare di realizzare una vita significativa col buon cuore e concentrandosi sul raggiungimento finale dell’illuminazione. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Avalokiteshvara Empowerment
Ago 1st, 2022 by admin

Members of the Ladakhi community performing a song for during the Long Life Offering prayers for His Holiness the Dalai Lama at the Shewatsel Teaching Ground in Leh, Ladakh, UT, India on July 30, 2022. Photo by Tenzin Choejor

July 30, 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, UT, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama reached the pavilion at the Shewatsel teaching ground a little before 7:00 am in order to be able to perform the necessary procedures prior to bestowing the empowerment of Avalokiteshvara, the embodiment of great compassion.

He told the estimated 70,000 people gathered before him that as Avalokiteshvara or Chenrezig has a special connection with the people of Tibet and the Himalayan region, they should recite his six-syllable mantra—Om mani padme hung—while he performed the rituals necessary for him to give the empowerment.

His Holiness remarked that, although it might seem presumptuous for him to say so, he could be regarded as representing Avalokiteshvara in his actions of body, speech and mind. He declared that all major religious traditions encourage their followers to appreciate the importance of ‘karuna’ or compassion, leading to their acting in the service of others rather than just looking after themselves.

Indeed,” he added, “if we dedicate ourselves to the welfare of others, we will incidentally fulfil our own goals.” Read the rest of this entry »

‘Entering the Way of a Bodhisattva’ – 2nd Day
Lug 31st, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama greeting a young Ladakhi girl in traditional dress as he arrives for the second day of teachings at the Shewatsel Teaching Ground in Leh, Ladakh, UT, India on July 29, 2022. Photo by Tenzin Choejor

July 29, 2022. Leh, Ladakh, UT, India – As soon as His Holiness the Dalai Lama reached the pavilion at the teaching ground, Chhering Dorjey Lakruk, Vice President of the Ladakh Buddhist Association (LBA) made the customary offering of a mandala and other representatives presented silk scarves to him. Chanting of the ‘Prayer of Three Continuous Practices’ was followed by a recitation of the ‘Heart Sutra’.

His Holiness informed the public that since today is the first day of the sixth month of the Tibetan lunar calendar, early this morning he offered prayers and offerings to Palden Lhamo. He then led the congregation in reciting a prayer in praise of the female Dharma Protector that he had composed.

Turning to Shantideva’s ‘Entering the Way of a Bodhisattva’ His Holiness explained that it is an effective text to follow if you wish to lead a meaningful life.

Tibetans and people of the Himalayan region are familiar with mantras such the six-syllable mantra of Avalokiteshvara (Om Mani Padme Hung) and mantra of Arya Tara (Om Taré Tuttaré Turé Svaha), but they should also consider themselves fortunate and try to lead a meaningful life by being warm-hearted and focussed on ultimately attaining enlightenment.

Having given a general introductory teaching yesterday, today I’ll resume my reading of the text right from the start.”

He began to read the second chapter, making the occasional comment as he gave the transmission of Shantideva’s book.

“‘Entering the Way of a Bodhisattva’ is an excellent guide to the ways to cultivate the awakening mind of bodhichitta. I keep a copy beside my bed and read it whenever I can. What’s more, people interested in learning about emptiness, will benefit from studying the ninth chapter of this book.

Followers of the Nalanda Tradition are familiar with the practice of generating the awakening mind which gives rise to both health and happiness. When we take refuge in the Buddha, Dharma and Sangha, we have to understand that the Dharma is something we must develop within so we can traverse the paths and grounds culminating in the omniscient state of Buddhahood. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: “Entrare nella via di un Bodhisattva” 1° giorno
Lug 30th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se accumuliamo sentimenti negativi nei confronti dei nostri avversari, con l’intenzione di vendicarci di loro, ciò non ci aiuterà a condurre una vita felice. È molto meglio, invece, provare compassione per coloro che s’impegnano in azioni negative, tenendo presente che il buon cuore ed il perdono sono la causa principale della felicità.

28 luglio 2022. Leh, Ladakh, UT, India – Questa mattina, Sua Santità dalla sua residenza ha raggiunto con una golf cart il padiglione all’estremità del campo didattico di Shewatsel. Si stima che più di 45.000 persone si siano radunate per ascoltare le sue spiegazioni su “Entrare nella via di un Bodhisattva” di Shantideva https://www.sangye.it/altro/?p=11776. Molte persone si accalcavano su entrambi i lati della strada, ansiose di intravedere Sua Santità mentre passava. Mentre li salutava, molti piangevano di gioia. Prima di iniziare l’insegnamento, ha salutato tutti i convenuti dalla fronte del palco.

Sua Santità si è innanzitutto congratulato col gruppo di giovani studenti che al suo arrivo erano intenti nel dibattito sulla mente e sui fattori mentali, dicendo loro che il modo più efficace per studiare il buddismo è l’esplorazione degli insegnamenti tramite la logica e la ragione, un approccio derivato dalla tradizione di Nalanda. È questa posizione ragionata che ha attirato l’interesse degli scienziati.

Lamorevole gentilezza è la chiave della felicità”, Sua Santità ha confidato alle migliaia di persone presenti. “La sperimentiamo dal momento in cui nasciamo ed anche quando raggiungiamo il termine della nostra vita, ci sentiremo più a nostro agio e rilassati se saremo circondati da parenti ed amici dal buon cuore. In breve, siamo animali sociali e se mostriamo buon cuore verso gli altri, condurremo una vita felice. C’è un detto tibetano che dice: “Il buon cuore porta alla felicità ed al successo”. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: ‘Entering the Way of a Bodhisattva’ – 1st Day
Lug 29th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama waving to the crowd of more than 45,000 from the front of the stage of the Shewatsel Teaching Ground as he arrives on the first day of teachings in Leh, Ladakh, UT, India on July 28, 2022. Photo by Tenzin Choejor

July 28, 2022. Leh, Ladakh, UT, India – This morning, His Holiness was driven in an open golfcart from his residence to the pavilion at the far end of the Shewatsel Teaching Ground. More than 45,000 people are estimated to have gathered to listen to his explanation of Shantideva’s ‘Entering the Way of a Bodhisattva’.

Many people thronged both sides of the road, eager to catch a glimpse of His Holiness as he passed. As he waved to them many wept with joy. Before beginning to teach, he saluted the entire gathering from the front of the stage.

His Holiness first congratulated the team of young students who were debating about the mind and mental factors as he arrived. He told them that the most effective way to study Buddhism was to explore the teachings using logic and reason, an approach derived from the Nalanda Tradition. It is this reasoned stance that has attracted the interest of scientists.

Loving-kindness is the key to happiness,” His Holiness told the crowd. “We experience it from the moment we are born and even when we reach the end of our lives, we will feel more comfortable and relaxed if we are surrounded by warm-hearted relatives and friends. In short, we are social animals and if we are warm-hearted towards others, we will lead happy lives. There is a Tibetan saying that goes, ‘Warm-heartedness leads to happiness and success’. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama in pellegrinaggio a Leh al Jokhang, Moschee e Chiesa Morava
Lug 24th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Dato che noi esseri umani siamo tutti uguali, mentalmente, fisicamente ed emotivamente, e poiché tutti cerchiamo la felicità ed abbiamo il diritto di essere felici, dovremmo sempre cercare di aiutarci a vicenda ogni volta che possiamo”.

23 luglio 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, UT, India – Una volta giunto in Ladakh il 15 luglio, Sua Santità il Dalai Lama ha intrapreso oggi i suoi primi impegni pubblici, recandosi in pellegrinaggio al Jokhang, il principale tempio buddista nel centro di Leh, alle moschee Jama Masjid e Anjuman-e-Imamia, nonché alla Chiesa Morava a Leh.

Sua Santità è stato accolto all’arrivo al Jokhang da Thupten Chhewang, presidente dell’Associazione buddista del Ladakh e da altri dignitari. Una volta all’interno, Sua Santità ha reso omaggio alle statue del Buddha, Manjushri, Avalokiteshvara dalle mille braccia e Guru Padmasambhava. Prima di prender posto di fronte alla statua del Buddha che emula il Jowo di Lhasa, ha salutato calorosamente gli ospiti in rappresentanza di monasteri, ONG ed altri.

Thupten Chhewang ha fatto la consueta offerta di un mandala a Sua Santità, a seguito della quale altri rappresentanti gli hanno offerto sciarpe di seta. Il canto della preghiera delle Tre Pratiche Continue è stato seguito da una recita del Sutra del Cuore https://www.sangye.it/altro/?p=6098. Sua Santità ha iniziato salutando tutti coloro che si sono radunati nel Jokhang e nel cortile esterno: “Tashi Deleg, siamo tutti vecchi amici ed i legami tra noi sono solidi come una roccia. Vorrei ringraziarvi per la vostra fede e devozione, che prendo come fonte di incoraggiamento. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama in Pilgrimage to Jokhang, Mosques and a Church in Leh, Ladakh
Lug 24th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “Since we human beings are all the same, mentally, physically and emotionally, and since we all seek happiness and have a right to be happy, we should always try to help one another whenever we can.”

July 23, 2022. Shewatsel, Leh, Ladakh, UT, India – Having arrived in Ladakh on 15th July, His Holiness the Dalai Lama undertook his first public engagements today, making pilgrimages to the Jokhang, the principal Buddhist Temple in the centre of Leh, the Jama Masjid and Anjuman-e-Imamia mosques, as well as the Moravian Church in Leh.

His Holiness was welcomed on arrival at the Jokhang by Thupten Chhewang, President of the Ladakh Buddhist Association and other dignitaries. Once inside, His Holiness paid his respects before the statues of the Buddha, Manjushri, Thousand Armed Avalokiteshvara, and Guru Padmasambhava. He warmly greeted the guests representing monasteries, NGOs and others before taking his seat facing the statue of the Buddha that emulates the Lhasa Jowo.

Thupten Chhewang made the customary offering of a mandala to His Holiness, following which other representatives presented silk scarves to him. Chanting of the Prayer of Three Continuous Practices was followed by a recitation of the Heart Sutra.

His Holiness began by greeting all those assembled in the Jokhang and in the courtyard outside, “Tashi Deleg-we are all very old friends and the bonds between us are rock-solid. I’d like to thank you for your faith and devotion, which I take as a source of encouragement. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: “Grazie degli auguri per il mio compleanno”
Lug 12th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama.

Vorrei cogliere l’occasione per ringraziarvi tutti degli auguri di cuore per il mio 87° compleanno, che apprezzo profondamente e li considero un riconoscimento di quel poco che ho potuto contribuire allo sviluppo di una società più pacifica.

Le vostre parole sono un fermo sostegno ai miei sforzi d’essere al servizio degli altri. La vostra speranza e fiducia verso di me rafforza la mia determinazione a contribuire al benessere degli oltre sette miliardi di esseri umani su questo pianeta.

Il mio messaggio, basato su un semplice ragionamento logico, è che la compassione – il prendersi cura del benessere degli altri – è essenziale. Indipendentemente dalle proprie convinzioni, è importante essere compassionevoli nella nostra vita quotidiana.

Durante la nostra infanzia, le nostre madri ci hanno cresciuto con affetto, nutrendoci con amorevole gentilezza. Vivendo la nostra vita in modo compassionevole, saremo felici e influenzeremo positivamente la nostra famiglia e i nostri amici.

Coltivando la pace della mente dentro di noi, credo che ci sia una reale opportunità per il mondo di diventare un luogo più pacifico.

Oggi faccio appello a tutti i miei amici: che accettiate o meno la religione, praticate gentilmente la Compassione, cioè, quando possibile, cercate di aiutare gli altri, indipendentemente da chi siano.

Questo è tutto ciò che oggi voglio dire.

Tashi Deleg!

11 luglio 20022.

“Thank You” for Greetings on my Birthday, 6th July 2022
Lug 12th, 2022 by admin

July 11, 2022. I would like to take this opportunity to thank you all for your warm greetings on my 87th birthday. I deeply appreciate your good wishes and consider them to be a recognition of whatever little I have been able to contribute towards developing a more peaceful society.

Your words are a firm support for my efforts to be of service to others. Your hope and confidence in me strengthens my determination to contribute to the wellbeing of the more than seven billion human beings on this planet.

My message, based on simple logical reasoning, is that compassion – caring for the wellbeing of others – is essential. Regardless of one’s beliefs, it is important to be compassionate in our everyday lives.

During our childhood, our mothers raised us with affection, nurturing us with loving kindness. By living our lives compassionately, we will be happy and will positively affect our family and friends.

Through cultivating peace of mind within ourselves, I believe that there is a real opportunity for the world to become a more peaceful place.

Today, I appeal to all my friends: whether you accept religion or not, kindly practice Compassion, that is, whenever possible please try to help others, irrespective of who they are.

That’s all I want to say today.

Tashi Deleg!

Inaugurazione della “Dalai Lama Library & Archives”
Lug 8th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Le persone oggi, tra cui gli scienziati, si interessano alla cultura tibetana perché riconoscono che è dedicata a promuovere modi per raggiungere la pace della mente.

6 luglio 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, in occasione del suo 87° compleanno, Sua Santità il Dalai Lama, ha partecipato ad una cerimonia di inaugurazione della Dalai Lama Library & Archives in un nuovo edificio sotto la sua residenza ma sopra il percorso circumambulatorio Lha-gyal-ri.

Una volta che Sua Santità ha preso posto nella nuova sala delle udienze, il Ven Samdhong Rinpoché si prostrò e gli offrì un mandala, quindi sono stati serviti tè e riso dolce. Zumchung Tashi, Project Manager del Dalai Lama Trust, ha aperto i lavori ed ha accolto gli ospiti, tra cui il Ganden Tri Rinpoché ed i leader dell’amministrazione centrale tibetana, invitando il Ven Samdhong Rinpoché a presentare la Dalai Lama Library & Archives.

Rinpoché ha esordito col rendere omaggio a Sua Santità, a cui si è rivolto chiamandolo “Mio abate di ordinazione”, e ha accolto ancora una volta gli ospiti.

“Come Khedrup-jé disse a Jé Tzongkhapa”, continuò Rinpoché, “‘Dal momento che ogni tuo respiro è a beneficio di tutti gli esseri, che bisogno c’è di dire di più sulle tue altre attività illuminate? Lo stesso vale per Sua Santità.

In passato, le persone memorizzavano gli insegnamenti e potevano recitarli a memoria. Tuttavia, ora in questa epoca tecnologicamente più sviluppata, possiamo preservare gli insegnamenti di Sua Santità in un formato digitale. Alcuni documenti potrebbero essere incompleti, ma cercheremo di ripristinarli. Ci sono anche molti libri di e su Sua Santità in lingue diverse dal tibetano e dall’inglese che intendiamo archiviare. Read the rest of this entry »

Inaugurating the Dalai Lama Library and Archives
Lug 7th, 2022 by admin

Ven Samdhong Rnpoche presenting traditional offerings to His Holiness the Dalai Lama at the start of the inauguration ceremony of the Dalai Lama Library and Archives in Dharamsala, HP, India on July 6, 2022. Photo by Tenzin Choejor

July 6, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama’s 87th birthday, he attended a ceremony to inaugurate the Dalai Lama Library & Archives in a new building below his residence but above the Lha-gyal-ri circumambulatory path.

Once His Holiness had arrived and taken his seat in the new audience hall, Ven Samdhong Rinpoché made prostrations and offered him a mandala. Tea and sweet rice were served. Zumchung Tashi, Project Manager of the Dalai Lama Trust opened the proceedings. He welcomed the guests, who included the Ganden Tri Rinpoché and leaders of the Central Tibetan Administration and invited Ven Samdhong Rinpoché to introduce the Dalai Lama Library & Archives to the gathering.

Rinpoché began by paying respects to His Holiness, who he addressed as ‘My ordination Abbot’, and once again welcomed the guests.

As Khedrup-jé said to Jé Tsongkhapa,” Rinpoché continued, “‘Since your every breath is for the benefit of all beings, what need is there to say more about your other enlightened activities? The very same applies to His Holiness.

In the past, people memorized the teachings and could recite them by heart. However, now in this technologically more developed age, we can preserve His Holiness’s teachings in a digital format. Some records may be incomplete, but we will endeavour to restore them. There are also many books by and about His Holiness in languages other than Tibetan and English which we intend to archive. Read the rest of this entry »

Preghiere per la lunga vita di Sua Santità il Dalai Lama
Giu 26th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Nella mia pratica quotidiana mi concentro su bodhicitta e vacuità. Genero ogni giorno bodhicitta per realizzare le aspirazioni degli altri e di me stesso. Ho un legame speciale con Avalokiteshvara, ma sento anche di aver studiato col grande maestro Chandrakirti…

24 giugno 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, 1500 tibetani in rappresentanza di cinque gruppi: Jöl-Kong-Gyel-sum, Yamdrok, Ngari e Chang-ri, oltre a Sera-jé Geshé Dölden Gyatso, si sono riuniti allo Tsuglagkhang, il Tempio Principale Tibetano, per offrire preghiere per la lunga vita di Sua Santità il Dalai Lama.

Al suono dei corni in segno di benvenuto, indossando il suo cappello da Pandit, Sua Santità si è diretto dalla sua residenza al cortile del tempio. Sorrideva raggiante mentre salutava il pubblico e i ballerini che si erano riuniti per salutarlo. Ghirlande di fiori adornavano i pilastri del tempio.

Il venerabile Samdhong Rinpoché, seduto direttamente di fronte a Sua Santità, ha condotto una cerimonia basata sulle preghiere a Tara Bianca, la Ruota che esaudisce i desideri. Fu sostenuto dal maestro di canto e dai monaci del monastero di Namgyal. Le preghiere includevano “Nubi di benedizioni di Ambrosia” di Trulshik Rinpoché, che esamina le qualità della linea di incarnazioni di Avalokiteshvara che include i Dalai Lama.

Ottocento persone che portavano offerte a Sua Santità hanno preso parte alle processioni nel tempio.

Quando è arrivato il momento di offrire il mandala, è stato ricordato agli dei ed alle dee quanto ha fatto Sua Santità. Il Ven Samdhong Rinpoché si è presentato davanti a Sua Santità ed ha recitato un elogio ed una richiesta in cui ha esposto i risultati del lignaggio dei Dalai Lama e del Ganden Phodrang ed il loro contributo al Tibet. Ha suggerito che i risultati di Sua Santità il 14° Dalai Lama superano quelli del 5°, 7° e 13° Dalai Lama messi insieme.

“Sei stato qui tra noi per servire il Dharma e tutta l’umanità”, ha detto. “Ci hai insegnato il valore di ‘ahimsa’, il non nuocere, e ‘karuna’, la compassione, l’armonia interreligiosa ed un senso di unità dell’umanità nel contesto in cui tutti vogliono essere felici e non soffrire. Read the rest of this entry »

Prayers for His Holiness the Dalai Lama’s Long Life
Giu 25th, 2022 by admin

Members of the Tibetan groups who organized the Long Life Offering holding traditional offerings of welcome as His Holiness arrives at the Main Tibetan Temple court yard in Dharamsala, HP, India on June 24, 2022. Photo by Tenzin Choejor

June 24, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, 1500 Tibetans representing five groups: Jöl-Kong-Gyel-sum, Yamdrok, Ngari, and Chang-ri, as well as Sera-jé Geshé Dölden Gyatso, congregated at the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple, to offer prayers for His Holiness the Dalai Lama’s long life.

As horns were played in welcome, His Holiness walked from the gate to his residence through the temple yard. On this occasion he wore his Pandit’s hat. He beamed with smiles as he waved to members of the public and dancers who had gathered to greet him. Garlands of flowers adorned the pillars of the temple.

Venerable Samdhong Rinpoché, seated directly in front of His Holiness in the body of the temple, led a ceremony based on prayers to White Tara, the Wish-fulfilling Wheel. He was supported by the Chant-master and monks of Namgyal Monastery. The prayers included ‘Clouds of Ambrosial Blessings’ by Trulshik Rinpoché, which reviews the qualities of the line of incarnations of Avalokiteshvara that include the Dalai Lamas.

Eight hundred people bearing offerings to His Holiness took part in processions making their way through the temple before him.

When it came to the time to offer the mandala, the gods and goddesses need to be reminded of how much His Holiness has done. Ven Samdhong Rinpoché stood before His Holiness and recited a eulogy and request during which he summarized the accomplishments of the lineage of Dalai Lamas and the Ganden Phodrang and their contribution to Tibet. He suggested that His Holiness 14th Dalai Lama’s achievements surpass those of the 5th, 7th and 13th Dalai Lamas combined.

You’ve been here among us to serve the Dharma and all humanity,” he said. “You’ve taught us the value of ‘ahimsa’—doing no harm, and ‘karuna’—compassion, inter-religious harmony, and a sense of the oneness of humanity in the context that everyone wants to be happy and not to suffer. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Iniziazione di Avalokiteshvara Jinasagara
Giu 15th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Ricordo l’importanza di coltivare bodhicitta, l’aspirazione all’illuminazione per il bene di tutti gli esseri.

14 giugno 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – “Oggi darò l’Iniziazione del Grande Compassionevole, Oceano dei Conquistatori, Avalokiteshvara Jinasagara”, ha annunciato Sua Santità il Dalai Lama dopo aver preso posto nel tempio questa mattina. Chenrezig dalle 1.000 braccia appartiene alla classe dei Tantra d’azione, ma questo Jinasagara appartiene al Tantra Yoga più elevato. Mentre i sutra insegnano la presenza mentale, nel più Alto Yoga Tantra c’è una differenziazione tra gli aspetti grossolani del corpo e della mente e gli aspetti sottili del corpo e della mente.

La mente più sottile è conosciuta come la mente innata e spontanea di chiara luce che è la base ultima della designazione di una persona. Nel più Alto Yoga Tantra si dice che quella mente di chiara luce sia vuota in sé e per sé di qualsiasi esistenza oggettiva ed indipendente, che si realizza quando i tre stati mentali conosciuti come aspetto luminoso, incremento rossastro e così via si dissolvono.

In tutti i tantra meditiamo sulla vacuità in connessione con il mantra, Om svabhava-shuddhah sarvadharmah svabhava-shuddho ham. Nell’Altissimo Yoga Tantra, la mente più sottile, l’innata mente di chiara luce, è indicata come il corpo naturale della verità. Questa mente è stabilita come priva di qualsiasi esistenza indipendente. Dobbiamo capire cos’è questa innata mente di chiara luce ed usarla nella nostra meditazione. Dopo la dissoluzione di tutti gli altri elementi, dal corpo grossolano, l’energia del vento e così via, fino all’aspetto biancastro più sottile, all’aumento rossastro ed al raggiungimento quasi nerastro, rimane solo l’innata mente di chiara luce. Read the rest of this entry »

Avalokiteshvara Jinasagara Empowerment
Giu 14th, 2022 by admin

Tai Situ Rinpoche offering a mandala at the conclusion of the Avalokiteshvara Jinasagara Empowerment given by His Holiness the Dalai Lama at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on June 14, 2022. Photo by Tenzin Choejor

June 14, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – “Today, I’ll give the empowerment of the Great Compassionate One, Ocean of Conquerors, Avalokiteshvara Jinasagara,” His Holiness the Dalai Lama announced once he had taken his seat in the temple this morning. “The 1000 Arm Chenrezig belongs to the class of Action Tantras, but this Jinasagara belongs to Highest Yoga Tantra. Whereas the sutras teach about mindfulness, in Highest Yoga Tantra there is a differentiation between coarse aspects of body and mind and subtle aspects of body and mind.

The subtlest mind is known as the innate, spontaneously arisen mind of clear light which is the ultimate basis of the designation of a person. In Highest Yoga Tantra that clear light mind is said to be empty of any objective, independent existence in and of itself. It is actualized once the three states of mind known as luminous appearance, reddish increase and so forth dissolve.

In all tantras we meditate on emptiness in connection with the mantra, Om svabhava-shuddhah sarvadharmah svabhava-shuddho ham. In Highest Yoga Tantra, the subtlest mind, the innate clear light mind, is referred to as the natural truth body. This mind is established as being devoid of any independent existence. We have to understand what this innate clear light mind is and use it in our meditation. After the dissolution of all the other elements, from the coarse body, wind energy and so forth, down to the subtlest whitish appearance, reddish increase and blackish near attainment, only the innate clear light mind remains. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Lamrim breve ed Iniziazione di Avalokiteshvara Jinasagara
Giu 14th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Quando diciamo che qualcosa è vuoto, si dice che la stessa cosa che stiamo analizzando è vuota di esistenza intrinseca o auto-natura.

13 giugno 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, 8500 persone provenienti da 56 paesi diversi, tra cui 700 monaci, monache e laici delle comunità Sherabling e Chango che avevano richiesto l’iniziazione, si sono riunite al Tsuglagkhang, il principale Tempio Tibetano, per accogliere Sua Santità il Dalai Lama, che, raggiante di gioia, salutava il pubblico mentre dalla soglia della sua residenza raggiungeva il tempio.

“Oggi Tai Situ Rinpoché è con noi”, ha annunciato dal trono. “Ha richiesto l’iniziazione di Chenrezig Gyalwa Gyatso (Avalokiteshvara Jinasagara). Avalokiteshvara può essere praticato secondo tutte e quattro le classi di tantra, ma Gyalwa Gyatso appartiene al più elevato Yoga Tantra.

Sua Santità si riferì ad Avalokiteshvara come alla divinità suprema della compassione e recitò due strofe in sua lode.

Hrih, estremamente lodato da tutti i Buddha

Hai accumulato tutte le sublimi qualità

A te è stato conferito il nome Chenrezig,

Al sempre compassionevole mi inchino.

Le tue 1000 mani rappresentano i 1000 Monarchi Universali,

I tuoi 1000 occhi rappresentano i 1000 Buddha di questo fortunato eone,

Appari a esseri diversi secondo ciò che li doma meglio,

Rendo omaggio al Venerabile Avalokiteshvara.

“Prima di iniziare i preparativi per l’iniziazione, mi è stato chiesto di dare una lettura deI Punti Abbreviati degli Stadi della Via dell’Illuminazione” https://www.sangye.it/altro/?p=1654#more-1654 di Lama Tsong Khapa https://www.sangye.it/altro/?p=11772, cosa che farò ora, dopo aver recitato il ‘Sutra del cuore'” https://www.sangye.it/altro/?p=6098. Read the rest of this entry »

‘Concise Stages for the Path to Enlightenment’ and Empowerment of Avalokiteshvara Jinasagara
Giu 14th, 2022 by admin

Hia Holiness the Dalai Lama waving to the crowd gathered in the Main Tibetan Temple courtyard as he arrives for the first day of his two day teaching in Dharamsala, HP, India on June 13, 2022. Photo by Tenzin Choejor

June 13, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, 8500 people from 56 different countries, including 700 monks, nuns and laypeople from the Sherabling and Chango communities who had requested the empowerment, gathered at the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple, to welcome His Holiness the Dalai Lama. He beamed with joy and waved to members of the public as he walked steadily from the gate to his residence to the temple.

Today, Tai Situ Rinpoché is with us,” he announced from the throne. “He has requested the Chenrezig Gyalwa Gyatso (Avalokiteshvara Jinasagara) empowerment. Avalokiteshvara can be practised according to all four classes of tantra, but Gyalwa Gyatso belongs to Highest Yoga Tantra.”

His Holiness referred to Avalokiteshvara as the supreme deity of compassion and recited a couple of verses in his praise.

Hrih, praised exceedingly by all the Buddhas
You have accumulated all sublime qualities
On you was conferred the name Chenrezig,
To the ever compassionate one I bow down.

Your 1000 hands represent the 1000 Universal Monarchs,
Your 1000 eyes represent the 1000 Buddhas of this fortunate aeon,
You appear to different beings in accordance with what will tame them best,
I pay homage to Venerable Avalokiteshvara.

Before we begin preparations for the empowerment I’ve been asked to give a reading of Jé Tsongkhapa’s ‘Concise Stages of the Path to Enlightenment’, which I’ll do now, after we’ve recited the ‘Heart Sutra’.” Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Iniziazione di Avalokiteshvara II giorno
Giu 4th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama conferisce l’Iniziazione di Avalokiteshvara al Tempio Principale Tibetano a Dharamsala, India, il 2 giugno 2022. Foto di Tenzin Choejor

2 giugno 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – “Oggi darò l’effettiva iniziazione di Avalokiteshvara”, ha annunciato Sua Santità il Dalai Lama quando si è seduto sul trono. “Avalokiteshvara è considerato l’incarnazione della compassione di tutti i Buddha. Ed il Tibet è la terra il cui popolo deve essere addestrato. Fin dai tempi dei grandi re del Dharma, i tibetani hanno goduto di un legame speciale con quello che conoscono come Chenrezig”.

Sua Santità ha ripetuto la storia del Kyirong Jowo, la statua di Wati Sangpo che ha fatto installare nel Tempio per tutta la durata della raccolta di Mani mantra. In Tibet c’era una celebre statua di Avalokiteshvara nel Potala, un’altra nel Jokhang, mentre una terza era il Wati Sangpo. Quando il Quinto Dalai Lama intraprese un ritiro di Avalokiteshvara, riunì i tre e sperimentò visioni di divinità che emergevano dal cuore del Wati Sangpo. I monaci di Dzongkar Chödé affermano che si possono vedere diverse espressioni sul suo volto e Sua Santità dice di aver notato che sembra sorridere quando fa preghiere legate alla bodhicitta.

Qualcosa ha spinto Sua Santità a menzionare una filastrocca ripetetitiva quando ai bambini cadono i denti da latte. “Possa non avere i denti come un asino, possa avere i denti come una pecora.” Ha rivelato di non aver perso nessuno dei suoi denti, ma di non avere i denti del giudizio. “Tuttavia, ho saggezza”, ha osservato, “sono un Bhikshu, un monaco pienamente ordinato nella tradizione buddista. Ho ricevuto l’ordinazione da Kyabjé Ling Rinpoché https://www.sangye.it/altro/?p=3159 nel Jokhang di Lhasa.

Ho studiato anche i testi classici. Quando ero giovane, imparai a memoria “l’Ornamento per la chiara realizzazione” e “l’Ingresso nella Via di Mezzo” https://www.sangye.it/altro/?p=3259. Più tardi, ho scoperto quanto siano preziosi la “Saggezza fondamentale della via di mezzo” di Nagarjuna e “Entrare nella via di mezzo” di Chandrakirti”.

Ha riferito di riflettere ogni giorno sulle strofe 34, 35 e 36 del sesto capitolo di “Entrare nella via di mezzo” https://www.sangye.it/altro/?p=3259 e di pensare anche profondamente ai versi di “Entrare nella via di un Bodhisattva” https://www.sangye.it/altro/?cat=15 di Shantideva.

Tutti coloro che soffrono nel mondo lo fanno per il desiderio della propria felicità.

Tutti coloro che sono felici nel mondo lo sono a causa del loro desiderio per la felicità altrui. 8/129

Perché dire di più?

Osserva questa distinzione: tra lo stolto che brama il proprio vantaggio ed il saggio che agisce per il vantaggio degli altri. 8/130 https://www.sangye.it/altro/?p=2418

Procedendo così di felicità in felicità, quale persona pensante si dispererebbe, dopo essere salita sulla carrozza, la mente del risveglio, che elimina ogni stanchezza e fatica? 7/30 https://www.sangye.it/altro/?p=2412 Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Avalokiteshvara Empowerment. 2nd Day
Giu 3rd, 2022 by admin

A view of inside the Main Tibetan Temple during the Avalokiteshvara Empowerment on the second day of His Holiness the Dalai Lama’s Teachings for Tibetan Youth in Dharamsala, HP, India on June 2, 2022. Photo by Tenzin Choejor

June 2, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – “Today, I’m going to give the actual empowerment of Avalokiteshvara,” His Holiness the Dalai Lama announced when he had taken his seat on the throne. “Avalokiteshvara is regarded as the embodiment of the compassion of all the Buddhas. And Tibet is the land whose people he is to train. Since the time of the great Dharma Kings, Tibetans have enjoyed a special connection to the one they know as Chenrezig.”

His Holiness repeated the story of the Kyirong Jowo, the Wati Sangpo statue that he has had installed in the Temple for the duration of the collection of Mani mantras. In Tibet there was a celebrated statue of Avalokiteshvara in the Potala, another in the Jokhang, while a third was the Wati Sangpo. When the Fifth Dalai Lama undertook an Avalokiteshvara retreat he brought the three together and experienced visions of deities emerging from the heart of the Wati Sangpo. The monks of Dzongkar Chödé say that different expressions can be seen on its face and His Holiness says he’s noticed that it seems to smile when he’s making prayers related to bodhichitta.

Something prompted His Holiness to mention a rhyme that is repeated when children’s milk teeth fall out. “May I not have teeth like a donkey, may I have teeth like a sheep.” He revealed that he has lost none of his own teeth, but that he had no wisdom-teeth. “However, I have wisdom,” he remarked, “I’m a Bhikshu, a monk fully-ordained in the Buddhist tradition. I received my ordination from Kyabjé Ling Rinpoché in the Jokhang in Lhasa. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Lode al Sorgere Dipendente e Iniziazione di Avalokiteshvara Thekchen Chöling
Giu 2nd, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama parla della statua di Kyirong Jowa nella teca di vetro alle sue spalle durante il primo giorno del suo Insegnamento per i giovani tibetani a Dharamsala, HP, India, il 1° giugno 2022. Foto di Tenzin Choejor

1 giugno 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, il secondo giorno del Saga Dawa, il mese più sacro dell’anno buddista tibetano, Sua Santità il Dalai Lama ha coperto a piedi il percorso dalla soglia della sua residenza fino allo Tsuglagkhang, il principale tempio tibetano, chiaramente apprezzando l’opportunità di entrare in contatto diretto col pubblico, di giovani e meno giovani, di cui circa 9500 affollavano il tempio ed il cortile. Mentre Sua Santità lanciava il suo sguardo sorridente sui volti della folla, immancabilmente le persone gli rispondevano sorridendo.

“Manteniamo una tradizione di conferire insegnamenti a giugno a studenti e bambini tibetani”, ha dichiarato Sua Santità dal trono, “e come parte di questo conferirò un’iniziazione ad Avalokitesvara. Faremo oggi i preliminari e domani l’effettiva iniziazione.

Khyongla Ratö Rinpoché, un mio ottimo amico è recentemente scomparso. Il monastero di Ratö mi ha offerto un mandala e mi ha chiesto di comporre una preghiera per il rapido ritorno di Rinpoché. Oggi il Monastero ha offerto il tè ed il pane che vengono distribuiti qui, nonché offerte in denaro al Sangha”.

Indicando una statua dietro di lui, Sua Santità ha spiegato: “Qui abbiamo la statua conosciuta come Wati Sangpo o Kyirong Jowo. Durante il periodo del Quinto Dalai Lama questa statua ed un’altra simile, i fratelli Avalokiteshvara, furono riunite nel Potala ed il mio predecessore meditava in loro presenza. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: In Praise of Dependent Arising & Avalokiteshvara Empowerment
Giu 2nd, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking on the first day of his Teachings for Tibetan Youth at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on June 1, 2022. Photo by Tenzin Choejor

June 1, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, the second day of Saga Dawa, the most sacred month in the Tibetan Buddhist Year, His Holiness the Dalai Lama walked steadily from the gate to his residence to the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple. He clearly enjoyed the opportunity to make direct contact with members of the public, young and old, approximately 9500 of whom packed the temple and yard. As His Holiness cast his smiling gaze over the faces of the crowd, they invariably smiled in return.

We have a tradition of teaching Tibetan students and school-children in June,” His Holiness declared from the throne, “and as part of that I’m going to give an Avalokiteshvara empowerment. We’ll do the preliminaries today and the actual empowerment tomorrow.

Khyongla Ratö Rinpoché, a very good friend of mine recently passed away. Ratö Monastery offered a mandala to me and requested that I compose a prayer for Rinpoché’s swift return. Today, the Monastery have provided the tea and bread being distributed here, as well as pecuniary offerings to the Sangha.”

Indicating a statue behind him, His Holiness explained, “Here we have the statue known as Wati Sangpo or Kyirong Jowo. During the time of the Fifth Dalai Lama this statue and another one similar to it, the Avalokiteshvara brothers, were brought together in the Potala and my predecessor meditated in their presence.

Monks of Dzongkha Chödé Monastery and members of Chushi Gangdruk were involved in bringing this Kyirong Jowo out of Tibet to Nepal. Eventually it was brought here to Dharamsala and placed in my safe-keeping. I remember that when first saw it, I was filled with happiness. When Dzongkha Chödé Monastery was re-established in South India a question arose about where the statue should stay. I performed a divination that indicated that it would be favourable if it stayed with me. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Presenta il Monlam Grand Tibetan Dictionary
Mag 29th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama presenta il Monlam Grand Tibetan Dictionary al Tempio Tibetano Principale a Dharamsala, India, il 27 maggio 2022. Foto di Tenzin Choejor

27 maggio 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, Sua Santità il Dalai Lama ha partecipato ad un incontro nel giardino dello Tsuglagkhang, il Tempio Tibetano Principale, adiacente alla sua residenza, di presentazione del Monlam Grand Tibetan Dictionary. Tra gli ospiti c’erano Sakya Gongma Rinpoché, il 42° e 43° Sakya Trizins, il capo della tradizione Bön, membri dell’amministrazione centrale tibetana, amici e sostenitori.

Sua Santità ha camminato dalla soglia della sua residenza attraverso il cortile del tempio, prendendosi del tempo per interagire col pubblico lungo il percorso, stringendo la mano ad alcuni, scambiando qualche parola con altri, benedicendo rosari ed altri oggetti che gli venivano offerti. Dopo mesi di restrizioni per il Covid, sembrava provare piacere a stabilire un contatto fisico con le persone.

Rivolgendosi alla folla, Sua Santità ha esordito: “Noi tibetani abbiamo una ricca tradizione religiosa e culturale. Mentre eravamo in Tibet, non eravamo consapevoli di come fosse paragonabile ad altre tradizioni, ma, una volta in esilio ci siamo resi conto di quanto il nostro patrimonio culturale e spirituale sia prezioso.

È una tradizione concreta al centro della quale ci sono metodi per affrontare le emozioni negative e coltivare la pace della mente. Nella mia pratica quotidiana mi concentro sulla mente di risveglio di bodhicitta e coltivo una comprensione della vacuità, che insieme mi portano una profonda pace interiore.

I praticanti di altre tradizioni religiose si concentrano sulla preghiera, ma noi cerchiamo di trasformare i nostri atteggiamenti mentali. Come spiega la “Guida allo stile di vita del Bodhisattva” di Shantideva https://www.sangye.it/altro/?cat=15, quando si tratta di coltivare la pazienza il nostro nemico è il nostro miglior maestro. Se ci riflettiamo attentamente, non ci sono condizioni avverse che non possano essere trasformate in circostanze favorevoli. Comprendere il funzionamento della mente e delle emozioni è al centro della tradizione di Nalanda https://www.sangye.it/altro/?p=9200. “La gente parla di pace nel mondo, ma, se hai rabbia e odio nel cuore, parlare di pace è semplicemente ipocrita. Quello di cui abbiamo invece bisogno è coltivare le antiche tradizioni indiane di non nuocere (ahimsa) sulla base della compassione per gli altri (karuna). Read the rest of this entry »

Launch of Monlam Grand Tibetan Dictionary
Mag 28th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking at the launch of the Monlam Grand Tibetan Dictionary at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on May 27, 2022. Photo by Tenzin Choejor

May 27, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama attended a gathering in the garden of the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple, adjacent to his residence to launch the Monlam Grand Tibetan Dictionary. Guests included Sakya Gongma Rinpoché, the 42nd and 43rd Sakya Trizins, the Head of the Bön Tradition, members of the Central Tibetan Administration, friends and supporters.

His Holiness walked from the gate to his residence through the temple yard, taking time to engage with members of the public on the way. He shook hands with some, exchanged a few words with others, and blessed rosaries and other items that were offered to him. He seemed to take pleasure in making physical contact with people after months of Covid related restrictions.

Addressing the crowd, His Holiness told them:

We Tibetans have a rich religious and cultural tradition. While we were in Tibet, we were not aware of how it compared with other traditions, but once we came into exile we became aware of how precious our heritage is. It’s a practical tradition at the core of which are methods for tackling negative emotions and cultivating peace of mind. In my own daily practice I focus on the awakening mind of bodhichitta and cultivating an understanding of emptiness, which together bring me deep inner peace. Read the rest of this entry »

Offerta di lunga vita a Sua Santità il Dalai Lama
Mag 27th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama saluta la folla radunata nel cortile del Tempio Principale Tibetano mentre torna alla sua residenza al termine dell’Offerta di Lunga Vita. Foto di Tenzin Choejor

25 maggio 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina dai membri della tradizione Sakya del buddismo tibetano è stata presentata a Sua Santità il Dalai Lama un’offerta di lunga vita presso lo Tsuglagkhang, il tempio principale tibetano di Dharamsala. Guidavano le cerimonie i rettori di entrambi i palazzi, il Dolma Phodrang e Phuntsok Phodrang, guidati da Sakya Dagtri Rinpoché,.

Sakya Dagtri Rinpoché ha salutato Sua Santità mentre scendeva dalla sua autovettura, appena oltre il cancello della sua residenza, per incedere senza sosta attraverso il cancello ed entrare nel giardino, dove sono stati accolti da un gruppo di tamburini danzanti. Passeggiando per il giardino, Sua Santità ha sorriso e salutato i membri del pubblico, fermandosi di tanto in tanto per salutare i bambini, guidando il trasportatore installato di recente fino alla veranda del tempio e continuando ad interagire col pubblico mentre si dirigeva verso la porta del tempio.

Una volta che Sua Santità si è installato sul trono, i Sakya Lama hanno offerto sciarpe di benvenuto ed è iniziata la cerimonia. Sono stati distribuiti tè e riso dolce mentre i presenti recitavano il mantra di Tara Bianca.

Al termine della preghiera di lunga vita sono state presentate a Sua Santità le statue delle divinità della longevità: Tara Bianca, Amitayus e Ushnishavijaya. Sakya Dagtri Rinpoché gli offrì quindi una ciotola piena di pillole di lunga vita. Sua Santità ne prese una per sé e ne restituì unaltra a Sakya Dagtri Rinpoché, il che si è ripetuto quando gli è stato offerto una pozione di nettare di lunga vita. Read the rest of this entry »

Long Life Offering to His Holiness the Dalai Lama
Mag 26th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the gathering at the Main Tibetan Temple during the Long Life Offering presented by members of the Sakya Tradition of Tibetan Buddhism in Dharamsala, HP, India on May 25, 2022. Photo by Tenzin Choejor

May 25, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning a Long Life Offering was presented to His Holiness the Dalai Lama by members of the Sakya Tradition of Tibetan Buddhism at the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple in Dharamsala. Hierarchs of both palaces, the Dolma Phodrang and Phuntsok Phodrang, headed by Sakya Dagtri Rinpoché, led the ceremonies.

Sakya Dagtri Rinpoché greeted His Holiness as he stepped out of his car just inside the gate to his residence. The two of them walked steadily through the gate and into the garden, where they were welcomed by a group of dancing drummers. Walking through the garden, His Holiness smiled and waved to members of the public, stopping occasionally to greet young children. He rode the recently installed lift up to the temple veranda and continued to engage with the public on his way round to the temple door.

Once His Holiness was seated on the throne, the Sakya Lamas offered scarves in welcome and the ceremony began. Tea and sweet rice were distributed while the congregation recited the mantra of White Tara.

After the text of the long life prayer had been recited, statues of the deities of longevity, White Tara, Amitayus and Ushnishavijaya, were presented to His Holiness. Sakya Dagtri Rinpoché then offered him a bowl full of long life pills. His Holiness took one for himself and gave another back to Sakya Dagtri Rinpoché, a process he repeated when he was given a spoonful of long life nectar. Read the rest of this entry »

Il messaggio di Sua Santità il Dalai Lama per il Vesak
Mag 19th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Così possiamo sviluppare in noi la vera pace mentale, che, a sua volta, creerà un’atmosfera serena intorno a noi.

Il messaggio di Sua Santità il Dalai Lama per il Vesak, la celebrazione buddhista della nascita, dell’illuminazione e della morte del Buddha il 16 maggio 2022.

Sua Santità il Dalai Lama

Amici spirituali, innanzitutto vi saluto tutti con l’augurio che possiate stare bene in salute e nello spirito.

Tashi Delek! Oggi celebriamo il Vesak, che commemora il raggiungimento dell’illuminazione da parte del Buddha dopo aver affrontato sei anni di astinenza.

Sulla base della propria esperienza, il Buddha consigliò: “O monaci e studiosi, come l’oro viene testato riscaldandolo, tagliandolo e strofinandolo, così anche voi dovreste esaminare a fondo il mio insegnamento e solo allora accettarlo, non solo per rispetto nei miei confronti”.

Questo punto di vista rivela una qualità speciale del Buddha.

Rispetto tutte le tradizioni religiose. Sono tutte di grande valore perché tutte insegnano la compassione. Tuttavia, solo il Buddha ci chiede di esaminare i suoi insegnamenti come un orafo verifica la purezza dell’oro. Solo il Buddha ci raccomanda di farlo.

Un’altra delle sue istruzioni principali era questa: Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama’s message for Vesak
Mag 17th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama delivering a video message on the auspicious occasion of Vesak.

His Holiness the Dalai Lama’s message for Vesak, the Buddhist celebration of Buddha’s birth, enlightenment and death

Dharamshala: The Office of His Holiness the Dalai Lama (OHHDL) today released a video message from His Holiness the Dalai Lama on the auspicious occasion of Vesak, the Buddhist celebration of Buddha’s birth, enlightenment and death.

In the video message, His Holiness said:

My Spiritual Friends,

First of all, my greetings to you all with my wish that you be well in health and spirit. Today, we are celebrating Vesak which commemorates the Buddha’s attainment of enlightenment after six years of austerity. On the basis of his own experience, the Buddha advised: O monks and scholars, just as gold is tested by heating, cutting, and rubbing it, so likewise you should thoroughly examine my teaching. And only then accept it – not merely out of respect for me. This point of view reveals a special quality of the Buddha. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama Incontra i partecipanti a un Dialogo per il Nostro Futuro
Apr 24th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Come esseri umani siamo fratelli e sorelle e dobbiamo vivere insieme. E se questo deve accadere, sarà molto più efficace se viviamo in libertà, non sotto stretto controllo, e coltiviamo una maggiore tolleranza delle opinioni altrui.”

23 aprile 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India. Oggi, Giornata della Terra 2022, Sua Santità il Dalai Lama ha incontrato i partecipanti ad un dialogo per il nostro futuro che è stato convocato da diverse organizzazioni qui a Dharamsala. Entrando nella stanza Sua Santità ha sorriso e ha augurato ai suoi ospiti “Buongiorno”.

Prima di tutto, l’innovatore della mitigazione del clima Sonam Wangchuk ha presentato a Sua Santità un blocco di ghiaccio, spiegando che era stato preso da un ghiacciaio sul passo Kardungla in Ladakh per evidenziare l’urgenza del cambiamento climatico sull’altopiano tibetano. È stato portato da una squadra di giovani in bicicletta, trasporto pubblico e veicoli elettrici per trasmettere un messaggio: ‘Vi prego, vivete semplicemente, così noi in montagna possiamo vivere semplicemente’.

Nella sua risposta Sua Santità ha detto al raduno: “Apprezzo molto che sempre più persone mostrino preoccupazione per l’ambiente. In definitiva l’acqua è la base della nostra vita. Nei prossimi anni abbiamo la responsabilità di prendere provvedimenti per preservare i grandi fiumi che sono la fonte d’acqua per tanti. Nel corso della mia vita ho visto una riduzione delle nevicate in Tibet e una conseguente riduzione del volume dei fiumi.

“In passato davamo l’acqua per scontata. Sentivamo di poterne fare un uso illimitato senza pensare molto alla sua provenienza. Ora dobbiamo essere più attenti a preservare le nostre fonti d’acqua. Credo che abbiamo la tecnologia per trasformare l’acqua salata, l’acqua di mare, in acqua dolce con cui potremmo rendere verdi i deserti in molti posti e coltivare più cibo.

“Ora abbiamo la responsabilità di assicurare che le generazioni future continuino a godere di acqua pulita. Questo è un modo di esprimere compassione per loro. Se non facciamo lo sforzo, c’è il rischio che il nostro mondo diventi un deserto. Se ciò accade questo bel pianeta blu potrebbe diventare solo un’arida roccia bianca senza acqua. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Meets the Participants in a Dialogue for Our Future
Apr 24th, 2022 by admin

Climate mitigation innovator Sonam Wangchuk describing the block of ice taken from a glacier on the Kardungla pass in Ladakh to highlight the urgency of climate change to His Holiness the Dalai Lama during their meeting in Dharamsala, HP, India on April 22, 2022. Photo by Tenizn Choejor

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Today, Earth Day 2022, His Holiness the Dalai Lama met with participants in a Dialogue for Our Future that has been convened by a number of organizations here in Dharamsala. As he entered the room His Holiness smiled and wished his guests “Good morning”.

First of all, climate mitigation innovator Sonam Wangchuk presented His Holiness with a block of ice, explaining that it had been taken from a glacier on the Kardungla pass in Ladakh to highlight the urgency of climate change on the Tibetan Plateau. It was brought by a team of young people on bicycles, public transport and electric vehicles to convey a message—‘Please live simply so we in the mountains can simply live.’

In his response His Holiness told the gathering, “I really appreciate that more and more people are showing concern for the environment. Ultimately water is the basis of our lives. Over the coming years we have a responsibility to take steps to preserve the great rivers that are the source of water for so many. Within my lifetime I’ve seen a reduction of snowfall in Tibet and a consequent reduction in the volume of the rivers.

In the past, we took water for granted. We felt we could make unrestricted use of it without giving much thought to where it came from. Now, we need to be more careful about preserving our water sources. I believe that we have the technology to transform salt water, sea-water, into sweet water with which we could green the deserts in many places and grow more food. Read the rest of this entry »

Il messaggio di Sua Santità il Dalai Lama per la Giornata della Terra 2022
Apr 23rd, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama guarda lo scioglimento di un blocco di ghiaccio da un ghiacciaio del passo Khardungla in Ladakh presentato per evidenziare l’urgenza dell’azione climatica durante il suo incontro con i partecipanti al Dialogo per il nostro futuro a Dharamsala, HP, India il 22 aprile 2022.

Nella Giornata della Terra 2022, ricordiamo che tutti vogliono vivere una vita felice. Non solo gli esseri umani, ma anche gli animali, gli uccelli e gli insetti. Tutti noi dovremmo preoccuparci della nostra esistenza collettiva. Come esseri umani, i nostri meravigliosi cervelli ci offrono straordinarie opportunità di fare del bene, ma, se guardiamo a come è il mondo oggi, dovremmo essere in grado di fare di meglio. Abbiamo bisogno di un’educazione più olistica, un’istruzione che incorpori i valori interiori, come una preoccupazione compassionevole per il benessere degli altri.

Il nostro mondo è fortemente interdipendente. Nuove sfide, come la crisi climatica che riguarda tutti noi, così come la nostra partecipazione all’economia globale, significano che dobbiamo tenere conto dell’intera umanità. Dobbiamo mettere al primo posto l’interesse globale.

Dobbiamo adottare misure urgenti per ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili ed adottare fonti di energia rinnovabili come quelle che dipendono dal vento e dalla forza del sole. Dobbiamo prestare attenzione alla deforestazione e proteggere meglio l’ambiente. Dobbiamo piantare e prenderci cura di più alberi. Nella mia vita ho assistito al calo delle precipitazioni nevose, prima in Tibet e poi a Dharamsala. In effetti, alcuni scienziati mi hanno detto che c’è il rischio che luoghi come il Tibet alla fine diventino deserti. Ecco perché mi impegno a parlare a favore della protezione del fragile ambiente del Tibet.

La nostra vita è basata sulla speranza, sul desiderio che le cose vadano bene. La speranza riguarda il futuro. Sebbene nulla del futuro possa essere garantito, rimaniamo fiduciosi, il che è molto meglio che essere pessimisti. Anche se il riscaldamento globale aumenta di intensità, molti giovani in particolare stanno lavorando insieme per trovare e condividere soluzioni. Sono la nostra speranza.

Al giorno d’oggi, quando affrontiamo seri problemi a causa della crisi climatica, dobbiamo aiutarci a vicenda stabilendo un calendario per il cambiamento. Come esseri umani, che vivono su questo unico pianeta, dobbiamo fare uno sforzo per vivere insieme felici. La minaccia del cambiamento climatico non è limitata dai confini nazionali, riguarda tutti noi. Dobbiamo lavorare per proteggere la natura ed il pianeta, che è la nostra unica casa.

Il Dalai Lama

22 aprile 2022

His Holiness the Dalai Lama’s Message for Earth Day 2022
Apr 22nd, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama with Sonam Wangchuk, climate activist who organized the presentation of a block of ice from a glacier of Kardung La glacier in Ladakh to highlight the problem of melting glaciers

April 22, 2022. On Earth Day 2022, let us remember that everybody wants to live a happy life. Not only human beings, but animals, birds and insects too. All of us should be concerned about our collective existence. As human beings our marvellous brains provide us with remarkable opportunities to do good, but if we look at how the world is today, we should be able to do better. We need a more holistic education, an education that incorporates inner values, such as a compassionate concern for others’ well-being.

Our world is heavily interdependent. New challenges, like the climate crisis that affect us all, as well as our participation in the global economy, mean that we must take the whole of humanity into account. We have to put the global interest first.

We need to take urgent steps to reduce our reliance on fossil fuels and to adopt renewable sources of energy such as those that rely on the wind and the power of the sun. We must pay attention to deforestation and protect the environment better. We have to plant and care for more trees. In my own life I have witnessed the decline in snowfall, first in Tibet and later in Dharamsala. Indeed, some scientists have told me that there is a risk of places like Tibet eventually becoming deserts. That is why I am committed to speaking out for the protection of Tibet’s fragile environment.

Our life is based on hope, a desire for things to turn out well. Hope is concerned with the future. Although nothing about the future can be guaranteed, we remain hopeful, which is much better than being pessimistic. Even as global warming increases in intensity, many young people in particular are working together to find and share solutions. They are our hope. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama incontra i partecipanti del 25° Sho-tön Opera Festival
Apr 15th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Le emozioni distruttive come la rabbia e l’attaccamento sorgono perché tendiamo a vedere le cose come aventi un’esistenza autonoma dalla loro parte”.

7 aprile 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Mentre questa mattina i primi raggi del sole splendevano sulle montagne, Sua Santità il Dalai Lama ha fatto ingresso nel giardino del tempio dalla sua residenza. Più di 260 membri di otto compagnie d’opera, vale a dire il Tibetan Institute of Performing Arts, Tibetan Opera Associations di Paonta, Kalimpong, Kollegal, Nepal, Mussoorie Tibetan Homes Foundation, Bhandara e la compagnia Chaksampa degli Stati Uniti, oltre a rappresentanti del Mainpat, Mundgod, Odisha, Bylakuppe e Chauntra, oltre a più di 70 delegati dell’Associazione Umaylam (Approccio alla Via di Mezzo), che hanno recentemente tenuto la loro Quinta Riunione Generale, lo attendevano per salutarlo.

Sua Santità ha consacrato brevemente gli oggetti disposti per la benedizione e, immergendo il dito nel latte che gli era stato offerto come parte della tradizionale offerta di Chema Changpu, lo ha lanciato in aria. È stato formalmente accolto con canti da un gruppo di interpreti femminili del TIPA mentre si dirigeva per prendere posto sotto il tempio.

Questa è per noi un’opportunità di celebrare la nostra cultura tradizionale”, ha esordito Sua Santità. “A Lhasa, il festival Sho-tön si teneva per quattro giorni. Mi divertivo davvero. Mi ha concesso del tempo libero dai miei studi e dalle recitazioni davanti ai miei tutor. Era una delle mie feste preferite perché la mia famiglia dimorava a Norbulingka e mia madre avrebbe partecipato al Festival di Sho-tön e sarebbe venuta a trovarmi. Erano giorni felici.

Il primo giorno del festival, la troupe Gyalkhar Chösong avrebbe eseguito opere su una principessa cinese che sposava il re tibetano (Gyalsa e Belsa) e la storia del re del Dharma Sudhana (Norsang). Il secondo giorno, la troupe di Chung Riwoché avrebbe presentato una storia su due fratelli, Dhonyö e Dhondup, e un’altra sulla Dakini Nangsa Öbum. Il terzo giorno, la troupe Shangpai avrebbe messo in scena la storia della principessa cinese che sposa il re tibetano, così come la storia del re Drimé Kunden (re Visvantara). Infine, il quarto giorno, la compagnia Kyomo Lung avrebbe eseguito opere sulla Dakini Drowa Sangmo e Pema Öbar (Padma Prabhajvalya).

Ci divertivamo davvero durante lo Sho-tön Festival, quindi ho pensato che sarebbe stato bello se oggi ciascuna delle troupe che partecipano qui potesse eseguire un’ode per ricordarci quei giorni allegri. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama Meets Participants in the 25th Sho-tön Opera Festival
Apr 9th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the participants of the 25th Sho-tön Opera Festival and members of the Umaylam (Middle Way Approach) Association in the courtyard of the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India on April 7, 2022. Photo by Tenzin Choejor

April 7, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – As the early rays of the sun shone over the mountains this morning, His Holiness the Dalai Lama walked into the temple garden from the gate to his residence. More than 260 members of eight opera troupes – namely the Tibetan Institute of Performing Arts, Tibetan Opera Associations from Paonta, Kalimpong, Kollegal, Nepal, Mussoorie Tibetan Homes Foundation, Bhandara and the Chaksampa troupe from the USA – as well as representatives from the Mainpat, Mundgod, Odisha, Bylakuppe and Chauntra troupes, in addition to more than 70 delegates from the Umaylam (Middle Way Approach) Association who recently held their Fifth General Body Meeting waited to greet him.

His Holiness briefly consecrated objects set out for his blessing and, dipping his finger into the milk he was offered as part of the traditional Chema Changpu offering, flicked it into the air. He was formally welcomed by a group of female performers from TIPA who sang as he walked to his seat beneath the temple.

This is an opportunity for us to celebrate our traditional culture,” His Holiness began. “In Lhasa, the Sho-tön festival was observed over four days. I used to really enjoy it. It gave me time off from my studies and recitations in front of my tutors. It was one of my favourite holidays because my family had a house at Norbulingka and my mother would attend the Sho-tön Festival and would come to see me. Those were happy days. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Insegnamenti dai Racconti Jataka
Mar 19th, 2022 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “L’essenza dell’insegnamento del Buddha è disciplinare la mente.”

18 marzo 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, nel quindicesimo giorno del nuovo Anno della Tigre dell’Acqua, Sua Santità il Dalai Lama si è recato allo Tsuglagkhang, il principale tempio tibetano, per celebrare il Giorno dei Miracoli che commemora un episodio della vita del Buddha. A causa dell’intervenuta pandemia di Covid-19, questa è stata la prima volta che è apparso in pubblico da quando ha lasciato Bodhgaya nel gennaio 2020. Ha camminato dal cancello della sua residenza attraverso il giardino del tempio sorridendo ampiamente e salutando la folla calorosa: giovani e meno giovani.

L’evento di oggi faceva parte del Grande Festival della Preghiera istituito da Jé Tzongkhapa al Jokhang a Lhasa nel 1409, la cui tradizione continua ancora oggi. Ogni giorno del festival è diviso in quattro sessioni: una preghiera mattutina, una sessione di insegnamento, una preghiera di mezzogiorno e una preghiera del pomeriggio. Durante i giorni del festival, la sessione di insegnamento è stata dedicata alla lettura dei Racconti del Jataka o Ghirlanda delle Storie delle vite del Buddha (Jatakamala) https://www.sangye.it/altro/?cat=6 di Aryashura, una rivisitazione poetica del quarto secolo di trentaquattro delle più famose vite precedenti del Buddha. Il quindicesimo giorno del festival, un giorno di luna piena, Tzongkhapa eseg anche una grande cerimonia pubblica per la generazione di bodhicitta, l’aspirazione a raggiungere l’illuminazione a beneficio di tutti gli esseri. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Celebrating the Day of Miracles
Mar 19th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking to the crowd gathered at the Main Tibetan Temple in Dharamsala, HP, India to celebrate the Day of Miracles on March 18, 2022. Photo by Ven Tenzin Jamphel

March 18, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, on the fifteenth day of the new Water-Tiger Year, His Holiness the Dalai Lama came to the Tsuglagkhang, the Main Tibetan Temple, to celebrate the Day of Miracles that commemorates an episode in the life of the Buddha. Because of the intervening Covid-19 pandemic this was the first time he has appeared in public since leaving Bodhgaya in January 2020. He walked from the gate of his residence through the temple garden smiling broadly and waving to the excited crowd, young and old.

Today’s event was part of the Great Prayer Festival established by Jé Tsongkhapa at the Jokhang in Lhasa in 1409, the observation of which continues to the present. Each day of the festival was divided into four sessions: an early morning prayer, a teaching session, a noon prayer, and an afternoon prayer. Throughout the days of the festival, the teaching session was dedicated to reading from Aryashura’s Garland of Birth Stories (Jatakamala), a fourth-century poetic retelling of thirty-four of the most famous of the Buddha’s former lives. On the fifteenth day of the festival, a full-moon day, Tsongkhapa also performed a large public ceremony for the generation of bodhichitta, the aspiration to attain enlightenment for the benefit of all beings. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Speranza di dialogo per ripristinare la pace in Ucraina
Mar 1st, 2022 by admin

Sono stato profondamente rattristato dal conflitto in Ucraina.
Il nostro mondo è diventato così interdipendente che un conflitto violento tra due paesi ha inevitabilmente un impatto sul resto del mondo. La guerra è superata – la non-violenza è l’unica via. Dobbiamo sviluppare un senso di unità dell’umanità considerando gli altri esseri umani come fratelli e sorelle. Questo è il modo in cui costruiremo un mondo più pacifico.
I problemi e i disaccordi si risolvono meglio attraverso il dialogo. La pace autentica nasce dalla comprensione reciproca e dal rispetto per il benessere dell’altro.
Non dobbiamo perdere la speranza. Il 20° secolo è stato un secolo di guerra e di spargimento di sangue. Il 21° secolo deve essere un secolo di dialogo.
Prego che la pace sia ripristinata rapidamente in Ucraina.
Il Dalai Lama
28 Febbraio 2022

His Holiness the Dalai Lama: Concerning the Joint Statement of the Five Nuclear-weapon States
Gen 9th, 2022 by admin

His Holiness the Dalai Lama: History provides ample evidence that violence never leads to lasting peace.

January 6, 2022. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Following the recent joint pledge signed by the five recognised nuclear-weapon states affirming that a nuclear war cannot be won and must never be fought, His Holiness the Dalai Lama has issued a statement warmly commending their action.

As an avowed campaigner for demilitarization throughout the world and the elimination of all nuclear weapons,” His Holiness wrote, “I firmly believe this to be a positive initiative.

Despite many great developments that also took place, the 20th century was an era of violence that included the horrific use of nuclear weapons. It was a time during which some 200 million people are said to have been killed. This joint statement reflects the reality that we live in an increasingly interdependent world, and represents an opportunity to make this 21st century an era of peace and cooperation.

It is essential that all of us, including the UN and its member nations, make concerted efforts to end the threat of nuclear weapons and dedicate ourselves towards total nuclear disarmament.”

His Holiness declared that he firmly believes in the oneness of humanity and considers the well-being and security of all human beings to be of supreme importance. As such, he stated that he is convinced that when there are issues between countries, they should be resolved through dialogue in a spirit of accommodation, understanding and diplomacy. He ended with the observation that history provides ample evidence that violence never leads to lasting peace.

https://www.dalailama.com/news/2022/concerning-the-joint-statement-of-the-five-nuclear-weapon-states

His Holiness the Dalai Lama’s Routine Day
Dic 31st, 2021 by admin

His Holiness the XIV Dalai Lama as all the others Dalai Lamas is believed by Tibetan Buddhists to be manifestation of Avalokiteshvara or Chenrezig, the Bodhisattva of Compassion and the patron saint of Tibet.

His Holiness the Dalai Lama’s Routine Day

When asked by people how His Holiness the Dalai Lama sees himself, he replies that he is a simple Buddhist monk.

His Holiness is often out of Dharamsala on travels both within India and abroad. During these travels, His Holiness’s daily routine varies depending on his engagement schedule. However, His Holiness is an early riser and tries as far as possible to retire early in the evening.

When His Holiness is at home in Dharamsala, he wakes up at 3 am. After his morning shower, His Holiness begins the day with prayers, meditations and prostrations until 5 am. From 5 am His Holiness takes a short morning walk around the residential premises. If it is raining outside, His Holiness has a treadmill to use for his walk. Breakfast is served at 5.30 am. For breakfast, His Holiness typically has hot porridge, tsampa (barley powder), bread with preserves, and tea. Regularly during breakfast, His Holiness tunes his radio to the BBC World News in English. From 6 am to 9 am His Holiness continues his morning meditation and prayers.

From around 9 am he usually spends time studying various Buddhist texts and commentaries written by great Buddhist masters.

Lunch is served from 11.30 am. His Holiness’s kitchen in Dharamsala is vegetarian. However, during visits outside of Dharamsala, His Holiness is not necessarily vegetarian. Following strict vinaya rules, His Holiness does not have dinner. Should there be a need to discuss some work with his staff or hold some audiences and interviews, His Holiness will visit his office from 12.30 pm until around 3.30 pm. Typically, during an afternoon at the office one interview is scheduled along with several audiences, both Tibetan and non-Tibetan. Upon his return to his residence, His Holiness has his evening tea at around 5 pm. This is followed by his evening prayers and meditation. His Holiness retires in the evening by around 7 pm.

https://www.dalailama.com/the-dalai-lama/biography-and-daily-life/a-routine-day

Sua Santità il Dalai Lama: “Le preghiere non bastano. Perchè dobbiamo combattere il Coronavirus con compassione”
Dic 31st, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Questa pandemia serva da avvertimento affinché solo unendoci in una risposta coordinata e globale saremo in grado d’affrontare con successo la grandezza senza precedenti delle sfide che affrontiamo.

Sua Santità il Dalai Lama. A volte gli amici mi chiedono di favorire la soluzione di alcuni problemi del mondo usando dei “poteri magici”. Rispondo sempre loro che il Dalai Lama non ha poteri magici. Se lo facessi, non sentirei il dolore che ho alle gambe o il mal di gola. Siamo tutti uguali in quanto esseri umani, e sperimentiamo le stesse paure, le stesse speranze, le stesse incertezze.

Dal punto di vista buddista, ogni essere senziente conosce la sofferenza e le verità sulla malattia, la vecchiaia e la morte. Ma, come esseri umani, abbiamo la capacità di usare le nostre menti per vincere la rabbia, il panico e l’avidità. Negli ultimi anni ho posto l’accento sul “disarmo emotivo”: cercare di vedere le cose in modo realistico e chiaro, senza la confusione della paura o della rabbia. Se un problema ha una soluzione, dobbiamo lavorare per trovarla; se non esiste, non dobbiamo perdere tempo a pensarci.

Noi buddisti crediamo che il mondo intero sia interdipendente. Ecco perché parlo spesso di responsabilità universale. Lo scoppio di questa terribile pandemia di Coronavirus ha dimostrato che ciò che accade ad una persona può presto influenzare ogni altro essere. Ma ci ricorda anche che un atto compassionevole o costruttivo, che si tratti di lavorare negli ospedali o semplicemente osservando il distanziamento sociale, ha il potenziale per aiutare molti. Read the rest of this entry »

‘Prayer Is Not Enough.’ The Dalai Lama on Why We Need to Fight Coronavirus With Compassion
Dic 31st, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “This pandemic serves as a warning that only by coming together with a coordinated, global response will we meet the unprecedented magnitude of the challenges we face.”

July 23, 2020. Sometimes friends ask me to help with some problems in the world, using some “magical powers.” I always tell them that the Dalai Lama has no magical powers. If I did, I would not feel pain in my legs or a sore throat. We are all the same as human beings, and we experience the same fears, the same hopes, the same uncertainties.

From the Buddhist perspective, every sentient being is acquainted with suffering and the truths of sickness, old age and death. But as human beings, we have the capacity to use our minds to conquer anger and panic and greed. In recent years I have been stressing “emotional disarmament”: to try to see things realistically and clearly, without the confusion of fear or rage. If a problem has a solution, we must work to find it; if it does not, we need not waste time thinking about it.

We Buddhists believe that the entire world is interdependent. That is why I often speak about universal responsibility. The outbreak of this terrible coronavirus has shown that what happens to one person can soon affect every other being. But it also reminds us that a compassionate or constructive act—whether working in hospitals or just observing social distancing—has the potential to help many.

Ever since news emerged about the coronavirus in Wuhan, I have been praying for my brothers and sisters in China and everywhere else. Now we can see that nobody is immune to this virus. We are all worried about loved ones and the future, of both the global economy and our own individual homes. But prayer is not enough. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama commemora Lama Tzong Khapa
Dic 29th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Quello che dobbiamo imparare è mettere in pratica gli insegnamenti. Man mano che formiamo la nostra mente a ciò che dev’essere praticato, familiarizzandoci più e più volte con esso, ciò avrà effetto. La trasformazione avverrà”.

29 dicembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, entrando nella sala delle udienze della sua residenza da dove può indirizzarsi ad un’udienza virtuale, Sua Santità il Dalai Lama ha salutato coloro che aspettavano di ascoltare il suo insegnamento. Due Maestri del Canto seduti nella Cappella di Meditazione del Centro Scientifico di Loseling presso il Monastero di Drepung a Mundgod, nel sud dell’India, hanno iniziato a recitare preghiere, seguiti da una vivace recita del “Sutra del Cuore” con Sua Santità.

Successivamente, il Ganden Tri Rinpoché poteva essere visto nella sua residenza nel monastero di Sera Jé a Bylakuppe, nel sud dell’India, indossare il suo cappello da pandit ed offrire a Sua Santità un mandala dell’universo e rappresentazioni del corpo, della parola e della mente d’illuminazione. L’insegnamento di oggi per commemorare la scomparsa di Jé Tzongkhapa https://www.sangye.it/altro/?p=942 è stato richiesto dalla Fondazione Internazionale Geluk. Le recitazioni preparatorie si sono concluse con la strofa delle “Centinaia di divinità di Tushita”:

Nel cielo davanti a me, su di un trono sorretto da leoni, con fiori di loto ed un disco lunare,

Siede il santo guru con il suo bel viso sorridente.

Campo supremo di meriti per la mia mente di fede,

Per favore, resta cento eoni per diffondere gli insegnamenti.

Sua Santità ha poi guidato l’assemblea virtuale nel ripetere la strofa di presa di rifugio nei Tre Gioielli https://www.sangye.it/altro/?p=5798 e generare la mente del risveglio https://www.sangye.it/altro/?p=9995 consigliando di rettificare la motivazione, in quanto, sebbene oggi Ganden Nga-chö commemori formalmente la scomparsa di Jé Rinpoché, è questa anche un’opportunità per celebrare i suoi studi e la sua pratica. A questo si allude nella strofa della gioia nelle “Centinaia di divinità di Tushita”: Read the rest of this entry »

Commemorating Jé Tsongkhapa
Dic 29th, 2021 by admin

Ganden Tri Rinpoché at his residence in Sera Jé Monastery in Bylakuppe, South India, offering a mandala of the universe and representations of the body, speech and mind of enlightenment to His Holiness the Dalai Lama at the start of teachings on December 29, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

December 29, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, on entering the audience hall at his residence from where he can address a virtual audience, His Holiness the Dalai Lama saluted those waiting to listen to him. Two Chant Masters sitting in the Loseling Science Centre’s Meditation Chapel at Drepung Monastery in Mundgod in South India began chanting prayers which were followed by a brisk recitation of the ‘Heart Sutra’. His Holiness chanted along with them.

Next, the Ganden Tri Rinpoché could be seen at his residence in Sera Jé Monastery in Bylakuppe, South India, donning his pandit’s hat and offering a mandala of the universe and representations of the body, speech and mind of enlightenment to His Holiness. Today’s teaching commemorating Jé Tsongkhapa’s passing away was requested by the Geluk International Foundation. The preparatory recitations were concluded with the verse from the ‘Hundreds of Deities of Tushita’:

In the sky before me, on a lion throne with lotus and moon seat,
Sits the holy guru with his beautiful smiling face.
Supreme field of merit for my mind of faith,
Please stay one hundred eons to spread the teachings.

His Holiness then led the virtual assembly in repeating the verse for taking refuge in the Three Jewels and generating the awakening mind, advising them to correct their motivation. He noted that although today, Ganden Nga-chö, formally commemorates Jé Rinpoché’s passing away, it is also an opportunity to celebrate his study and practice. This is alluded to in the verse of rejoicing in the ‘Hundreds of Deities of Tushita’: Read the rest of this entry »

Condoglianze per la scomparsa dell’arcivescovo Desmond Tutu
Dic 27th, 2021 by admin

I Premi Nobel per la Pace Sua Santità il Dalai Lama e l’arcivescovo Desmond Tutu il 18/04/2016 con oltre 270 leader delle principali religioni del mondo, tra cui il buddismo, il cristianesimo, l’islam ed ebraismo, esprimono il proprio sostegno ad una forte azione per il clima firmando una Dichiarazione Interreligiosa Congiunta.

26 dicembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Immediatamente dopo essere stato informato che il suo “emerito fratello spirituale maggiore e buon amico” l’arcivescovo Desmond Tutu era deceduto, Sua Santità il Dalai Lama ha scritto una lettera alla figlia dell’arcivescovo, Rev. Desmond Tutu.

“La prego di accettare le mie sentite condoglianze”, ha scritto, “e di trasmettere le stesse a sua madre e agli altri membri della sua famiglia. Prego per lui.
“Come lei sa, nel corso degli anni, suo padre ed io abbiamo goduto di un’amicizia duratura. Ricordo le molte occasioni in cui abbiamo trascorso del tempo insieme, compresa la settimana qui a Dharamsala nel 2015, quando abbiamo potuto condividere i nostri pensieri su come incrementare la pace e la gioia nel mondo. L’amicizia ed il legame spirituale tra di noi era qualcosa che avevamo a cuore.
“L’arcivescovo Desmond Tutu era interamente dedicato a servire i suoi fratelli e le sue sorelle per il maggior bene comune. Era la compassione in persona ed un convinto sostenitore dei diritti umani. Il suo lavoro per la Commissione per la Verità e la Riconciliazione è stato un’ispirazione per altri in tutto il mondo.
“Con la sua scomparsa, abbiamo perso un grande uomo, che ha vissuto una vita veramente significativa. Si è dedicato al servizio degli altri, specialmente dei meno fortunati. Sono convinto che il miglior tributo che possiamo rendergli e mantenere vivo il suo spirito è fare come lui e cercare costantemente di vedere come anche noi possiamo essere di aiuto agli altri”.

Traduzione da https://www.sangye.it/dalailamanews/?p=15028

Condolences in Response to the Death of Archbishop Desmond Tutu
Dic 26th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama and Archbishop Desmond Tutu during the Seeds of Compassion Interfaith Dialogue held in Seattle, Washington, USA on April 15, 2008. Photo by Tomas/Seeds of Compassion

December 26, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Immediately on being informed that his “respected elder spiritual brother and good friend” Archbishop Desmond Tutu had passed away, His Holiness the Dalai Lama composed a letter to the Archbishop’s daughter, Rev. Mpho Tutu.

Please accept my heartfelt condolences,” he wrote, “and convey the same to your mother and other members of your family. I pray for him.

As you know, over the years, your father and I enjoyed an enduring friendship. I remember the many occasions we spent time together, including the week here at Dharamsala in 2015 when we were able to share our thoughts on how to increase peace and joy in the world. The friendship and the spiritual bond between us was something we cherished.

Archbishop Desmond Tutu was entirely dedicated to serving his brothers and sisters for the greater common good. He was a true humanitarian and a committed advocate of human rights. His work for the Truth and Reconciliation Commission was an inspiration for others around the world.

With his passing away, we have lost a great man, who lived a truly meaningful life. He was devoted to the service of others, especially those who are least fortunate. I am convinced the best tribute we can pay him and keep his spirit alive is to do as he did and constantly look to see how we too can be of help to others.” https://www.dalailama.com/news/2021/condolences-in-response-to-the-death-of-archbishop-desmond-tutu

Sua Santità il Dalai Lama: Affrontare le sfide con compassione e saggezza
Dic 23rd, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “La crisi climatica e le sue gravi conseguenze ci dicono che dobbiamo imparare a lavorare insieme, perché dobbiamo anche vivere insieme. Dobbiamo proteggere la Terra e preservare la vita degli esseri umani e delle altre creature.”

23 dicembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina il Prof Dheeraj Sharma, Direttore dell’Indian Institute of Management IIM Rohtak, ha porto a Sua Santità il Dalai Lama un caloroso benvenuto in un incontro organizzato dallIstituto sul tema “Affrontare le sfide con compassione e saggezzae ha espresso la speranza che Sua Santità possa esprimere le sue considerazioni sul mondo doggi, in cui alcuni sono soggetti a dispute e conflitti, mentre altri vivono in un significativo comfort. È un mondo in cui alcune persone non riescono a vedere gli altri in termini di compassione, preoccupati come sono dei propri diritti.

“Sono estremamente felice di avere questa opportunità di parlare con gli amici indiani”, ha risposto Sua Santità. “La Cina e l’India sono le nazioni più popolose del mondo, ma è l’India che ha preservato le sue tradizioni millenarie di non nuocere o “ahimsa” e compassione o “karuna”. Inoltre, in questo Paese convivono tutte le tradizioni religiose del mondo. Persiste qui una lunga tradizione di tolleranza religiosa. Ci saranno sempre delle persone che creeranno problemi, ma, per il resto, l’importanza attribuita al non nuocere significa che prevale l’armonia religiosa.

Gli studiosi possono discutere i più fini punti di vista filosofici adottati da queste tradizioni, ma, in termini di atteggiamenti e comportamenti della gente comune, l’India mostra con l’esempio che le tradizioni religiose possono vivere pacificamente fianco a fianco.

Per quanto riguarda l’istruzione moderna, tuttavia, pone forse troppa enfasi in uno stile di vita materialista. Ciò significa che è necessario prestare maggiore attenzione a comprendere nei programmi di studi i valori della compassione e del non nuocere. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Facing Challenges with Compassion & Wisdom
Dic 23rd, 2021 by admin

Prof Dheeraj Sharma, Director of the Indian Institute of Management, Rohtak, welcoming His Holiness the Dalai Lama to thier program on ‘Facing Challenges with Compassion & Wisdom’ online from his residence in Dharamsala, HP, India on December 23, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

December 23, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning Prof Dheeraj Sharma, Director of the Indian Institute of Management, Rohtak, gave His Holiness the Dalai Lama a warm welcome to a conversation on the theme ‘Facing Challenges with Compassion & Wisdom’ organized by the Institute. He expressed the hope that His Holiness might have something to say about the world today in which some people are subject to strife and conflict, while others live in significant comfort. It’s a world in which some people fail to see others in terms of compassion, concerned as they are with their own entitlement.

I’m extremely happy to have this opportunity to talk to Indian friends,” His Holiness replied. “China and India are the world’s most populous nations, but it is India that has preserved its several thousand-year-old traditions of doing no harm— ‘ahimsa’ and compassion— ‘karuna’. What’s more, all the world’s religious traditions live together in this country. There is a long-standing tradition of religious tolerance here. There will always be a few people who stir up trouble, but otherwise the importance attributed to doing no harm means that religious harmony prevails.

Scholars may debate the finer philosophical standpoints these traditions adopt, but, in terms of the attitudes and behaviour of ordinary people, India shows by example that religious traditions can live peaceably side by side. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Maha-Satipatthana Sutta – 2° giorno
Dic 19th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Attraverso la consapevolezza del respiro, ancoriamo la nostra attenzione ad un’attività umana naturale. Prestiamo attenzione a qualcosa che facciamo senza sforzo e quindi coltiviamo la disciplina mentale. Ha così luogo un acquietamento della mente tale che sperimentiamo ciò che la mente effettivamente è: consapevolezza.”

18 dicembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Non appena questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è entrato nella sala delle udienze della sua residenza, ha salutato a mani giunte gli ascoltatori dal web. Quindi i monaci del tempio del Myanmar in Sri Lanka hanno iniziato a cantare i sutta in pali. Sono stati seguiti dai membri del Consiglio buddista Theravada in Malesia e poi da Bhante Santacito in Indonesia. Rivolgendosi al pubblico Sua Santità ha parlato in tibetano e Thupten Jinpa l’ha tradotto in inglese. Nel frattempo, interpreti invisibili traducevano le sue parole in altre lingue tra cui cinese, hindi, coreano, giapponese, vietnamita, russo, mongolo, spagnolo, francese, italiano, tedesco, nepalese, tailandese, singalese, indonesiano e ladakhi.

Oggi noi seguaci del Buddha ci incontriamo per il secondo giorno, il che è meraviglioso. In generale, si comprende che l’insegnamento del Buddha durerà per 5000 anni e di questi 2600 sono già trascorsi. La tradizione sembra salda nei paesi tradizionalmente buddisti. Inoltre, c’è un crescente interesse per il buddismo anche in altre parti del mondo. Pertanto, è importante per quelli di noi che sono stati tradizionalmente buddisti pensare a cosa possiamo fare per far fiorire il Buddhadharma.

Dobbiamo capire meglio le nostre diverse tradizioni, il che implica entrare in dialogo. Prego che il buddismo duri a lungo e prego che possa rinascere nei luoghi in cui è decaduto.

Esistono due correnti principali del buddismo, la tradizione pali e la tradizione sanscrita e coloro che ne fanno parte hanno bisogno di parlare tra loro. Quando visito Bodhgaya, per esempio, faccio regolarmente un pellegrinaggio per rendere omaggio al Tempio della Mahabodhi, ma visito spesso anche i miei amici al Tempio Tailandese.

Dobbiamo sviluppare una migliore comprensione delle reciproche interpretazioni del Dharma. Dovremmo apprezzare che ci sono anche persone interessate a ciò che il buddismo ha da insegnare, meno in termini di pratica religiosa e più in termini di intuizione psicologica e filosofica. Quindi, dobbiamo lavorare insieme per sostenere il Buddismo: sia nel suo ruolo tradizionale, sia come scienza della mente in un contesto laico. Read the rest of this entry »

The Maha-Satipatthana Sutta – 2nd Day
Dic 18th, 2021 by admin

Members of the Theravada Buddhist Council in Malaysia chanting in Pali at the start of the second day of His Holiness the Dalia Lama’s teaching online from his residence in Dahramsala, HP, India on December 18, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

December 18, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – As soon as His Holiness the Dalai Lama entered the audience hall at his residence this morning, he saluted the virtual congregation with folded hands. Monks at the Myanmar Temple in Sri Lanka began to chant suttas in Pali. They were followed by members of the Theravada Buddhist Council in Malaysia and then Bhante Santacito in Indonesia. Addressing the audience His Holiness spoke in Tibetan and Thupten Jinpa translated what he said into English. Meanwhile, interpreters unseen were rendering his words into other languages including Chinese, Hindi, Korean, Japanese, Vietnamese, Russian, Mongolian, Spanish, French, Italian, German, Nepali, Thai, Sinhala, Indonesian and Ladakhi.

Today, we followers of the Buddha are meeting for the second day, which is wonderful. Generally, there is an understanding that the Buddha’s teaching will last for 5000 years and of those 2600 have passed. The tradition seems firm in traditionally Buddhist countries. What’s more, there is growing interest in Buddhism in other parts of the world as well. Therefore, it’s important for those of us who have traditionally been Buddhist to think about what we can do for the Buddhadharma to flourish.

We need to better understand our different traditions, which involves our entering into dialogue. I pray that Buddhism will last for long time and I pray that it may be revived in places where it has declined. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Maha-Satipatthana Sutta – 1° giorno
Dic 17th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Gli insegnamenti del Buddha non devono essere considerati come un qualcosa di esterno a noi, ma come un contributo alla nostra esperienza. Questo è il motivo per cui sono rilevanti e perché applicarli porta ad un reale cambiamento.”

17 dicembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è stato invitato da un certo numero di gruppi buddisti del sud e sud-est asiatico a commentare il Maha-Satipatthana Sutta. La sessione è iniziata con i monaci della Thailandia e dello Sri Lanka che hanno cantato in pali. Il Ven. Dr Dhammapala Maha Thera ha augurato “Buongiorno” a Sua Santità comunicandogli quanto fosse felice ogni membro del pubblico virtuale di essere benedetto ascoltando gli insegnamenti. Ha detto che il Mangala Sutta parla dei benefici di stare coi saggi. Ha poi presentato a Sua Santità dei vecchi amici dello Sri Lanka, Thailandia, Malesia ed Indonesia.

Il Venerabile Phrabhodhinandhamunee, capo di Bodhgaya, ha iniziato un breve discorso di benvenuto recitando in tibetano una preghiera per la lunga vita di Sua Santità.

Nel regno celeste del Tibet, circondato da catene di montagne innevate,

La fonte di ogni felicità e sostegno per gli esseri

è Tenzin Gyatso, Chenrezig in persona,

Possa la sua vita essere sicura per centinaia di eoni.

Ha quindi ringraziato Sua Santità per aver accettato di commentare il Maha-Satipatthana Sutta https://www.sangye.it/altro/?p=1872 che il Buddha stesso ha dichiarato riguardare l’unico modo per raggiungere la liberazione. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: The Maha-Satipatthana Sutta – 1st Day
Dic 17th, 2021 by admin

Chief Venerable Phrabhodhinandhamunee delivering the welcome address on the first day of His Holiness the Dalai Lama’s online teaching on the ‘The Maha-Satipatthana Sutta’ on December 17, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

December 17, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama was invited by a number of Buddhist groups in South and South-east Asia to comment on the Maha-Satipatthana Sutta. The session began with monks in Thailand and Sri Lanka chanting in Pali. Ven Dr Dhammapala Maha Thera wished His Holiness “Good morning,“ and told him how delighted every member of the virtual audience was to be blessed to listen to the teachings. He mentioned that the Mangala Sutta speaks of the benefits of associating with the wise. He then introduced old friends in Sri Lanka, Thailand, Malaysia and Indonesia to His Holiness.

From Bodhgaya Chief Venerable Phrabhodhinandhamunee began a short welcome address by reciting a prayer for His Holiness’s long life in Tibetan.

In the heavenly realm of Tibet, surrounded by a chain of snow mountains,
The source of all happiness and help for beings
Is Tenzin Gyatso—Chenrezig in person—
May his life be secure for hundreds of aeons.

He thanked His Holiness for agreeing to comment on the Maha-Satipatthana Sutta that the Buddha himself declared deals with the one and only way to achieve liberation. Read the rest of this entry »

BBC Doc Claims Jesus Was A Buddhist Monk Named Issa Who Spent 16+ Years In India & Tibet
Dic 14th, 2021 by admin

The life story of the most famous person who has ever lived is, in fact, filled with a mysterious gaping hole. From the age of 13 to 29, there is no Biblical, Western, or Middle Eastern record of Jesus‘s whereabouts or activities in Palestine. Known as “The Lost Years,” this gaping hole remained a mystery until one explorer’s remarkable discovery in 1887.

In the late 19th century a Russian doctor named Nicolas Notovitch traveled extensively throughout India, Tibet, and Afghanistan. He chronicled his experiences and discoveries in his 1894 book The Unknown Life of Christ. At one point during his voyage, Notovitch broke his leg in 1887 and recuperated at the Tibetan Buddhist Monastery of Hemis in the city of Leh, at the very top of India. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: La pace nel mondo attraverso la compassione
Dic 11th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Dal momento in cui nasciamo nostra madre si prende cura di noi. Senza questa cura non sopravviveremmo. Questa esperienza è la nostra prima opportunità per imparare che la compassione è la radice di tutta la felicità.”

11 dicembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è stato invitato a partecipare alla celebrazione del suo conferimento del Premio Nobel per la Pace nel 1989. L’evento, organizzato dai membri del Gaden Shartse Centre, Taiwan, è iniziata con un breve video della cerimonia di quando Sua Santità ricevette il premio ad Oslo.

Egil Aarvik, il presidente del Comitato per il Nobel, ha letto la citazione ed ha richiamato l’attenzione sul fatto che è anche l’anniversario dell’approvazione da parte delle Nazioni Unite della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo.

Nelle sue osservazioni, all’epoca Sua Santità dichiarò che “per coloro che amano la pace, questo premio è fonte di gioia”.

Dichiarò anche: “Spero e prego che presto la verità prevarrà ed i diritti storici del mio popolo saranno ripristinati. E, a tal fine, riaffermo il mio impegno in questa lotta, così come prego ogni giorno per una pace duratura sul nostro pianeta. Lavorerò anche duramente per raggiungere questo obiettivo, in modo che possa sorgere un giorno in cui le persone di tutto il mondo si ameranno e si aiuteranno a vicenda e vivranno in autentica armonia.’

Al video commemorativo dell’assegnazione del Premio Nobel per la Pace a Sua Santità ha fatto  seguito un’entusiastica danza degli studenti in festa. Successivamente, i presentatori hanno quindi invitato Sua Santità a rivolgersi al pubblico.

In primo luogo”, ha esordito Sua Santità, “vorrei salutare i miei fratelli e sorelle, in particolare i miei fratelli e sorelle Han. Abbiamo goduto di stretti legami per secoli. Potremmo aver visto alti e bassi politici, ma lo stretto sentimento di fratellanza e sorellanza rimane. Noi tibetani ed il popolo Han abbiamo in comune la nostra devozione al Buddhadharma. Quando ho visitato la Cina continentale, ho visto molti templi e statue del Buddha. È chiaro che abbiamo stretti legami religiosi. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: World Peace Through Compassion
Dic 11th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama reading from ‘Illuminating the Threefold Faith: An Invocation of the Seventeen Great Scholar-Adepts of Glorious Nalanda’ during an online program celebrating his having been awarded the Nobel Peace Prize in 1989 from his residence in Dharamsala, HP, India on December 11, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama was invited to participate in a celebration of his having been awarded the Nobel Peace Prize in 1989. The event, which was organized by members of the Gaden Shartse Centre, Taiwan, began with a short video of the ceremony in Oslo when His Holiness received the prize. Egil Aarvik, the Chairman of the Nobel Committee read the citation and drew attention to its also being the anniversary of the UN’s endorsement of the Universal Declaration of Human Rights.

In his remarks at the time His Holiness stated that ‘for those who cherish peace, this award is a source of joy.’ He also declared, ‘I hope and pray that soon the truth will prevail and the historic rights of my people will be restored. And to this end I reaffirm my commitment to this struggle, just as I pray every day for an enduring peace on our planet. I will also work hard towards this goal so that a day may dawn when people all over the world will love and help each other and live in genuine harmony.’

The video reminder of His Holiness’s being awarded the Nobel Peace Prize was followed by an energetic gymnastic dance by students in celebration. Next, the presenters invited His Holiness to address the audience. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Abbracciare la speranza, il coraggio e la compassione in tempo di crisi
Dic 9th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Il nostro obiettivo è essere una persona felice con la mente in pace. Non sto parlando della prossima vita, o di qualsiasi cosa abbia a che fare con Dio, ma d’essere un individuo pacifico e felice qui ed ora.”

8 dicembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Il presidente di Mind and Life Susan Bauer-Wu ha aperto questa mattina un dialogo su “Abbracciare la speranza, il coraggio e la compassione in tempi di crisi” dando il benvenuto a Sua Santità il Dalai Lama, esprimendo gioia nel rivederlo e trovandolo in ottima salute. Ha continuato presentando i partecipanti al dialogo odierno.

La professoressa Elissa Epel è una psicologa della salute e vicepresidente del Dipartimento di Psichiatria dell’Università della California a San Francisco. Studia come la resilienza allo stress e l’addestramento mentale possono proteggere la salute e promuovere il benessere. Studia anche come sia possibile trasformare il disagio per il cambiamento climatico in responsabilizzazione ed in azioni per il clima. È anche co-presidente del Mind and Life Steering Council.

La professoressa Michelle Shiota è una psicologa e direttrice della Substance Use and Addiction Translational Research Network (Rete di Ricerca Traslazionale sull’Uso di Sostanze e le Dipendenze) presso l’Arizona State University. La sua ricerca indaga le emozioni positive, lil controllo delle emozioni, le strette relazioni personali ed i cambiamenti del comportamento.

John Dunne, che Sua Santità conosce bene, funge da moderatore. Dunne detiene il titolo di Distinguished Chair in Contemplative Humanities presso il Center for Healthy Minds dell’Università del Wisconsin-Madison, dove è anche presidente del dipartimento di Lingue e culture asiatiche. È anche un membro di Mind and Life.

Al gruppo si è unito anche Thupten Jinpa, interprete inglese di lunga data di Sua Santità, che ricopre il ruolo di presidente del consiglio di amministrazione del Mind and Life Institute.

Nel suo discorso di apertura John Dunne ha menzionato quanto avesse personalmente appreso dai precedenti incontri di Mind & Life. Al momento, le persone in tutto il mondo stanno affrontando molteplici sfide e crisi, soprattutto in relazione alla pandemia di Covid-19 ed ai cambiamenti climatici. Chiedendosi quale sia il nostro modo migliore per andare avanti, ha invitato la prof.ssa Elissa Epel a porre la prima domanda: come possiamo sentirci più a nostro agio con l’incertezza?

Sua Santità ha iniziato affermando quanto si sentisse felice ed onorato di avere l’opportunità di discutere con gli amici.

Per quanto riguarda l’incertezza, i buddisti credono che le cose siano in continuo cambiamento e che il futuro sia imprevedibile. Alcuni dei problemi che affrontiamo sorgono naturalmente, ma alcuni, come il cambiamento climatico, sono il risultato delle nostre stesse azioni. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Embracing Hope, Courage, and Compassion in Times of Crisis
Dic 8th, 2021 by admin

Mind and Life president Susan Bauer-Wu introducing the moderator John Dunne, Distinguished Chair in Contemplative Humanities at the Center for Healthy Minds and department chair of Asian Languages and Cultures at the University of Wisconsin–Madison, at the start of their dialogue with His Holiness the Dalai Lama online from his residence in Dharamsala, HP, India on December 8, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

December 8, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Mind and Life president Susan Bauer-Wu opened a dialogue on ‘Embracing Hope, Courage, and Compassion in Times of Crisis’ this morning by welcoming His Holiness the Dalai Lama. She expressed joy at seeing him again and noted that he was in such good health. She went on to introduce the panel for today’s discussion.

Professor Elissa Epel is a health psychologist and Vice Chair in the Department of Psychiatry at University of California San Francisco. She studies how stress resilience and mental training can protect health and promote well-being. She also studies how it is possible to transform distress about climate change into empowerment and climate action. She also serves as Co-Chair of the Mind and Life Steering Council.

Professor Michelle Shiota is a psychologist and Director of the Substance Use and Addiction Translational Research Network at Arizona State University. Her research investigates positive emotions, emotion regulation, close personal relationships, and behaviour change.

John Dunne, who His Holiness knows well, was to function as the moderator. Dunne holds the title of Distinguished Chair in Contemplative Humanities at the Center for Healthy Minds of the University of Wisconsin–Madison, where he is also department chair of Asian Languages and Cultures. He is also a Mind and Life Fellow. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama. Coscienza Unificata: Una sola mente – cuore
Dic 4th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Il buon cuore porta ad una mente sana. La tranquillità ci permette di dormire sonni tranquilli. Non sto parlando dei benefici della prossima vita o di trovare Dio, ma di essere una persona pacifica con una mente calma ed un buon cuore qui e ora”.

1° dicembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Sua Santità il Dalai Lama ha aperto la conversazione di questa mattina con il suo vecchio amico padre Laurence Freeman OSB, direttore della Comunità mondiale per la meditazione cristiana, augurandogli “Buongiorno” e “Tashi Delek”. Padre Freeman ha risposto che era una grande gioia vedere Sua Santità e che sperava che stesse molto bene.

“Dato che ci conosciamo da così tanti anni”, ha continuato Sua Santità, “sono estremamente felice di avere questa opportunità di parlare di nuovo con lei”.

Padre Laurence ha spiegato di trovarsi nella sala di meditazione di Bonnevaux o Good Valley in Francia, il nuovo centro della Comunità Mondiale per la Meditazione Cristiana WCCM, che è stato un luogo di meditazione da circa mille anni. Il WCCM esiste da tre anni, aggiungendo che stava rileggendo il libro di Sua Santità, “The Good Heart”, che fu pubblicato a seguito del loro incontro a Londra nel 1996.

Ora tutti, anche gli animali, vogliono la pace”, ha dichiarato Sua Santità. “Quando nasciamo, riceviamo il massimo affetto di nostra madre, senza il quale non sopravviveremmo. È così che inizia la vita. Noi esseri umani siamo animali sociali, naturalmente preoccupati per il benessere degli altri. Fa parte della nostra natura.

Purtroppo, in tempi più moderni abbiamo visto una maggiore enfasi sullo sviluppo dell’intelletto umano, ma non abbastanza sulla promozione di un buon cuore. Sebbene sia nella natura umana essere compassionevoli, il secolo scorso ha visto troppi conflitti. Tuttavia, la maggior parte delle persone ora è stufa della violenza. Molti vedono che si spendono troppi soldi in armamenti, mentre per essere più pacifici dovremmo puntare ad un mondo smilitarizzato. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Unified Consciousness: One Mind, One Heart
Dic 2nd, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama and his old friend Father Laurence Freeman OSB, Director of The World Community for Christian Meditation exchanging greetings at the start of their online conversation on December 1, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

December 1, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama opened this morning’s conversation with his old friend Father Laurence Freeman OSB, Director of The World Community for Christian Meditation, by wishing him “Good morning,” and “Tashi Delek”. Freeman replied that it was a great joy to see His Holiness and that he hoped he was very well.

Since we’ve known each other for so many years,” His Holiness continued, “I’m extremely happy to have this opportunity to talk to you again.”

Father Laurence explained that he was sitting in France, in the meditation hall at Bonnevaux or Good Valley, the new centre of the World Community for Christian Meditation. It has been a place of meditation for about a thousand years. The WCCM has been there for the last three years. He mentioned that he had been looking again at His Holiness’s book, ‘The Good Heart’, that was written as a result of their meeting in London in 1996.

Now, everybody, even animals, wants peace,” His Holiness declared. “When we’re born, we receive our mother’s maximum affection, without which we would not survive. That’s how life begins. We human beings are social animals, naturally concerned about the welfare of others. That’s part of our nature. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: “Educare il cuore nel nuovo millennio”
Nov 26th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “La mia materia preferita è il buon cuore. La compassione ed il buon cuore non si limitano alla pratica religiosa. Siamo tutti esseri umani. Le nostre madri ci hanno partorito e siamo sopravvissuti grazie alle sue cure ed al suo affetto. Il buon cuore non è solo il fattore chiave per la sopravvivenza umana, è anche la base per poter vivere come esseri umani pacifici e felici”.

24 novembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è stato accolto con immensa gioia dalla Prof.ssa Lia Diskin di Palas Athena, Brasile, per una conversazione sul tema: Educare il Cuore. Sebbene si trattasse di un incontro virtuale, Sua Santità ha affermato che si trattava, in effetti, della sua quinta visita in Brasile.

Nel presentare Sua Santità al pubblico, Diskin ha ricordato l’importanza che attribuisce all’istruzione ed ha citato gli sforzi compiuti per far aprire scuole per i bambini tibetani in esilio. Ha anche notato l’entusiasmo con cui da più di 30 anni Sua Santità ha avviato discussioni con scienziati. Ha anche rimarcato la preoccupazione di lunga data di Sua Santità per i cambiamenti climatici ed i danni all’ambiente.

Nella sua risposta, Sua Santità ha augurato a tutti i presenti un “Buongiorno” e “Tashi Delek”, ed ha dichiarato quanto fosse felice di avere questa opportunità di parlare con loro.

Gli elefanti possono avere cervelli più grandi di noi, ma noi esseri umani siamo più intelligenti. La nostra intelligenza è una qualità umana che ci distingue. Nelle ultime migliaia di anni, il mondo ha visto un gran numero di insegnanti e pensatori, incluso il Buddha, che hanno mostrato una meravigliosa intelligenza umana.

Tuttavia, se questa intelligenza è unita all’odio, alla rabbia ed alla paura, può essere molto distruttiva. Pertanto, dobbiamo stare attenti ad unirla invece col buon cuore. Di per sé, l’intelligenza non avrà un grande impatto sulla nostra salute fisica, ma, quando è unita alla compassione ed al buon cuore, porta la pace della mente e migliora il nostro benessere fisico. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Educating the Heart for the New Millennium
Nov 25th, 2021 by admin

Prof Lia Diskin of Palas Athena, Brazil welcoming His Holiness the Dalai Lama to a conversation on Educating the Heart online from his residence in Dharamsala, HP, India on November 24, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

November 24, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama was welcomed with boundless joy by Prof Lia Diskin of Palas Athena, Brazil, to a conversation about Educating the Heart. Although this was a virtual meeting, she stated that it was, in effect, his fifth visit to Brazil.

In introducing His Holiness to the audience, Diskin mentioned the importance he places on education and cited the efforts he made to have schools set up for Tibetan children in exile. She also noted the enthusiasm with which he has entered into discussions with modern scientists for more than 30 years. She also remarked His Holiness’s longstanding concern about climate change and damage to the environment.

In his response, His Holiness wished everyone present a “Good morning”, and “Tashi Delek”, and declared how happy he was to have this opportunity to talk to them.

Elephants may have bigger brains than us, but we human beings are more intelligent. Our intelligence is a distinct human quality. Over the last few thousand years, the world has seen a great number of teachers and thinkers, including the Buddha, who displayed a wonderful human intelligence. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Amore e Compassione
Nov 17th, 2021 by admin

Sua Santità il XIV Dalai Lama: “Poiché la pratica religiosa è un mezzo per ottenere la pace della mente, e poiché tutte le tradizioni religiose al loro interno insegnano la compassione, sono tutte degne di rispetto.”

17 novembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Sua Santità il Dalai Lama questa mattina è stato ospite virtuale del National Institute of Disaster Management, India, ed è stato accolto dal suo Direttore Esecutivo, il Mag. Gen. Manoj Kumar Bindal, che ha invitato Sua Santità a parlare di compassione ed amore nel contesto della gestione dei disastri.

In primo luogo”, ha esordito Sua Santità, “voglio dire ‘Namaste’ alla maniera indiana ed in secondo luogo, ‘Tashi Delek’, come si dice in tibetano.

L’India ed il Tibet hanno relazioni speciali davvero sorprendenti. Nel settimo secolo, l’imperatore tibetano aveva stretti rapporti con la famiglia imperiale cinese, avendo sposato una principessa cinese, e possiamo immaginare che apprezzasse il cibo cinese ed altre cose. Tuttavia, quando considerò come modellare una forma di scrittura tibetana, non fu incline a seguire la tradizione cinese e scelse invece di progettare un alfabeto tibetano modellato sulla scrittura indiana Devanagari.

Tradizionalmente guardiamo all’India, non solo come Terra Sacra, ma anche come fonte della nostra conoscenza. Il Buddha era un indiano, insegnava in India. C’è la tradizione pali, seguita principalmente in Sri Lanka, Birmania, Thailandia e così via, e c’è la tradizione sanscrita. Nell’VIII secolo, l’imperatore tibetano invitò in Tibet Shantarakshita, il principale studioso dell’Università di Nalanda. Riconoscendo che i tibetani avevano una loro lingua scritta, li incoraggiò a tradurre la letteratura buddista indiana in tibetano. Il risultato fu il Kangyur che consiste di 100 volumi di parole pronunciate dal Buddha ed il Tengyur che comprende più di 200 volumi di trattati di successivi maestri, per lo più indiani, come Nagarjuna ed Asanga. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Compassion and Love
Nov 17th, 2021 by admin

Prof Santosh Kumar, moderator the the question and answer session, thanking His Holiness the Dalai Lama for his talk on Compassion and Love organized by the National Institute of Disaster Management, India, from his residence in Dharamsala, HP, India on November 17, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

November 17, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama was the virtual guest of the National Institute of Disaster Management, India, this morning and was welcomed by its Executive Director, Maj. Gen. Manoj Kumar Bindal. He invited His Holiness to speak about compassion and love in the context of disaster management.

Firstly,” His Holiness began, “I want to say ‘Namaste’ in the Indian way and secondly, ‘Tashi Delek’, as we say in Tibetan.

India and Tibet have quite amazing special relations. In the seventh century, the Tibetan Emperor had close relations with the Chinese imperial family, having married a Chinese princess, and we may imagine enjoyed Chinese food and other things. Nevertheless, when considering how to shape a Tibetan form of writing, he was disinclined to follow the Chinese tradition and instead chose to design a Tibetan alphabet modelled on the Indian Devanagari script. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: “Coltivare un buon cuore”
Nov 12th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Scopro di avere amici ovunque vado perché non distinguo le persone in base alla loro provenienza, a quale razza appartengono o quale fede seguono. Per quanto mi riguarda, gli altri esseri umani sono tutti come fratelli e sorelle.

10 Novembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è stato invitato a parlare sul tema “Coltivare un buon cuore” con il Foreign Correspondents’ Club of Japan (FCCJ). Sua Santità è stato accolto calorosamente dal Presidente della FCCJ, la Sig.ra Suvendrini Kakuchi, che ha presentato Pio d’Emilia, moderatore dell’evento, il quale ha comunicato a Sua Santità quanto fosse felice di vederlo ed ha iniziato la conversazione del giorno chiedendogli che tipo di mondo c’è dietro l’angolo, se le persone saranno più gentili o meno.

Sua Santità ha risposto che un buon cuore, un cuore caldo, un cuore più compassionevole è la base della nostra sopravvivenza. Almeno per quanto riguarda i mammiferi, siamo biologicamente inclini a trattarci a vicenda con affetto.

Appena nasciamo, le nostre madri si prendono cura di noi. Se non lo facessero, moriremmo. Anche quando un bambino non è ancora nell’utero della madre è influenzato dall’umore della madre stessa e dal suo grado di tranquillità. Siamo animali sociali. La nostra sopravvivenza dipende dagli altri. Come esseri umani prosperiamo grazie all’affetto, che è uno dei motivi per cui tutte le tradizioni religiose sottolineano quanto sia importante. Anche le persone con scarso interesse per la religione sono esseri umani e sperimentare anche per loro l’amorevole gentilezza contribuisce alla loro capacità di vivere una vita felice. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Cultivating a Good Heart
Nov 10th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “I find I have friends wherever I go because I don’t distinguish between people on the basis of where they come from, what race they belong to or what faith they follow. As far as I am concerned, other human beings are like brothers and sisters.”

November 10, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning His Holiness the Dalai Lama was invited to talk to the Foreign Correspondents` Club of Japan (FCCJ) about Cultivating a Good Heart. He was warmly welcomed by the FCCJ President, Mrs. Suvendrini Kakuchi, who introduced Pio d’Emilia, moderator for the event.

d’Emilia told His Holiness how happy he was to see him and began the day’s conversation by asking him what kind of world is round the corner, whether people will be kinder or not.

His Holiness responded that a good heart, a warm heart, a more compassionate heart is the basis of our survival. At least as far as mammals are concerned, we are biologically inclined to treat each other with affection.

As soon as we’re born, our mothers take care of us. If they didn’t, we’d die. Even an unborn child is affected by their mother’s mood and whether she has peace of mind. We are social animals. Our survival depends on others. As human beings we thrive on affection, which is one of the reasons all religious traditions emphasize how important it is. People with little interest in religion are also human beings and for them too experiencing loving kindness contributes their being able to live a happy life. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: L’ornamento dei Sutra Mahayana di Maitreya – 2° giorno
Nov 7th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Una volta che riconosci i tre veleni – attaccamento, rabbia ed ignoranza – e chiedi se possono essere cambiati, vedi che possono essere contrastati da fattori positivi come l’amore.

5 novembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina si è tenuta la seconda giornata d’insegnamenti impartiti da Sua Santità il Dalai Lama ai buddisti della Russia e delle regioni mongole della Federazione Russa. Non appena Sua Santità è apparso sui loro schermi, dalla Dimora d’Oro del Monastero di Buddha Shakyamuni in Calmucchia i devoti hanno iniziato a recitare il “Sutra del cuore” in lingua calmucca, cui è seguita una seconda recita in russo da Kuntsechonei Datsan a San Pietroburgo guidata dall’abate Buda Badmaev.

Sua Santità ha esordito spiegando che, sebbene avesse ricevuto la trasmissione dell'”Ornamento dei Sutra del Grande Veicolo”, il testo che gli era stato chiesto di insegnare, a causa della sua lunghezza non sarebbe stato in grado di completarne la lettura. Ha annunciato che avrebbe fatto un’introduzione al Buddismo, avrebbe ripreso lo Yoga Incommensurabile, e avrebbe risposto alle domande del pubblico.

“Il Buddha ha iniziato il suo insegnamento presentando le Quattro Nobili Verità” https://www.sangye.it/altro/?p=10772, ha rivelato Sua Santità. “Queste si riferiscono alla vera sofferenza, alla sua vera origine, alla vera cessazione ed al vero sentiero, alla loro natura, funzione e risultato. Dopo aver descritto la natura di queste Quattro Verità, quando ha affermato che la sofferenza deve essere conosciuta, non si riferiva solo ad ovvie esperienze dolorose, ma includeva anche la sofferenza sottostante e pervasiva dell’esistenza condizionata. Una volta conosciuta la sofferenza, ha chiarito la necessità di riconoscerne l’origine. Fatto ciò, la domanda era: si può superare l’origine della sofferenza e la risposta fu che si può. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama teaches Ornament of Sutras of the Great Vehicle – 2nd Day
Nov 6th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama listening members of the Kuntsechonei Datsan in St. Petersburg recite the Heart Sutra in Russian at the start of the second day of his online teachings from his residence in Dharamsala, HP, India on November 5, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

November 5, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning saw the second day of teachings given by His Holiness the Dalai Lama to Buddhists in Russia and Mongolian regions of the Russian Federation. As soon as His Holiness appeared on their screens, devotees began to recite the ‘Heart Sutra’ in the Kalmyk language from the Golden Abode of Buddha Shakyamuni Monastery in Kalmykia. This was followed by a second recitation in Russian from Kuntsechonei Datsan in St. Petersburg led by the Abbot, Buda Badmaev.

His Holiness began by explaining that although he had received the transmission of the ‘Ornament of Sutras of the Great Vehicle’, the book he had been requested to teach, because of its length he would be unable to complete reading it. He announced that he would give an introduction to Buddhism, go over the All-encompassing Yoga again and answer questions from the audience.

The Buddha began his teaching by presenting the Four Noble Truths,” His Holiness disclosed. “These refer to true suffering, its true origin, true cessation and the true path, their nature, function and result. After describing the nature of these four truths, when he stated that suffering must be known, he didn’t just mean obvious painful experiences, but also included the underlying, pervasive suffering of conditioned existence. Once suffering was known he made clear the need to recognize its origin. Having done so, the question was, can the origin of suffering be overcome and the answer was that it can. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: L’ornamento dei Sutra Mahayana di Maitreya – 1° giorno
Nov 5th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama legge da ‘Ornamento dei Sutra del Grande Veicolo’ il primo giorno dei suoi insegnamenti richiesti dai buddisti russi online dalla sua residenza a Dharamsala, HP, India il 4 novembre 2021. Foto di Ven Tenzin Jamphel

4 novembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Nel suo discorso d’apertura, Telo Tulku, rappresentante onorario di Sua Santità il Dalai Lama in Russia, Mongolia e nei paesi della CSI, stabilendo il contesto degli insegnamenti odierni di Sua Santità il Dalai Lama, ha evidenziato che questo è il tredicesimo anno consecutivo in cui Sua Santità impartisce insegnamenti ai buddisti russi e la seconda occasione in cui tali insegnamenti hanno avuto luogo online.

Ha anche ricordato che alcuni anni fa i buddisti russi chiesero a Sua Santità di consigliare quali trattati avrebbero potuto tradurre in russo. Tra questi c’erano libri di Maitreya, tre dei quali sono stati ora tradotti. Sono i seguenti:

1) Ornamento dei Sutra del Grande Veicolo – Skt. Mahayana-Sutra-Alankara, Tib. Dodhe Gyen;

2) Distinguere tra fenomeni e realtà – Skt. Dharma-Dharmara- Vibhanga, Tib. Cho Dang Chonyi Nambar Jepa;

3) Discorso sulla discriminazione tra il mezzo e gli estremi – Skt. Madhayanta-Vibhanga, Tib. U-tha Nam Jed.

Telo Rinpoche ha espresso piacere e gratitudine per il fatto che in questa occasione Sua Santità avesse accettato d’insegnare “L’Ornamento dei Sutra del Grande Veicolo”.

Al che è seguita una recita del “Sutra del cuore” in lingua tuva da parte di un’assemblea di monaci e laici, guidati da Khamby Lama Natsik Dorjuu, il leader dei buddisti di Tuva, di Khuree Tsechenling, il principale tempio buddista di Tuva. A questa è seguita una recita del “Sutra del Cuore” in lingua buriata, guidata da Yelo Rinpoché, del Monastero Rinpoché Bagsha a Ulan-Udé, Buriazia.

“Il Buddha ha profetizzato che il suo insegnamento si sarebbe diffuso da nord a nord”, ha esordito Sua Santità. “Lo capiamo in riferimento alla sua diffusione dall’India al Tibet e poi dal Tibet alla Mongolia ed alle regioni mongole associate. L’approccio della Tradizione di Nalanda consiste nella spiegazione del Buddhadharma in termini di ragione e logica. Si basa su una comprensione approfondita della logica e della natura della conoscenza come descritto nel “Compendio della cognizione valida” di Dharmakirti, “Pramanavartikakarika” e nel lavoro sui principi di Sangharakshita, “Compendio delle vere dottrine”, “Tattvasamgraha”. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama teaches Ornament of Sutras of the Great Vehicle – 1st Day
Nov 4th, 2021 by admin

Telo Tulku, His Holiness the Dalai Lama’s Honorary Representative in Russia, Mongolia and CIS countries delivering his opening remarks on the first day of His Holiness the Dalai two day Lama’s online teaching on November 4, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

November 4, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – In his opening remarks, Telo Tulku, His Holiness the Dalai Lama’s Honorary Representative in Russia, Mongolia and CIS countries, set the context for His Holiness the Dalai Lama’s teachings today. He pointed out that this is the 13th consecutive year that His Holiness has been teaching Russian Buddhists and the second occasion that such teachings have taken place online.

He also mentioned that some years ago Russian Buddhists asked His Holiness to recommend which treatises they might translate into Russian. Among them were books by Maitreya, three of which have now been translated. They are as follows:

1) Ornament of Sutras of the Great Vehicle – Skt. Mahayana-Sutra-Alankara, Tib. Dodhe Gyen;
2) Distinguishing Between Phenomena and Pure Being – Skt. Dharma-Dharmara- Vibhanga, Tib. Cho Dang Chonyi Nambar Jepa;
3) Discourse on Discrimination between the Middle and the Extremes – Skt. Madhayanta-Vibhanga, Tib. U-tha Nam Jed.

Telo Rinpoché expressed pleasure and gratitude that His Holiness had agreed to teach ‘Ornament of Sutras of the Great Vehicle’ on this occasion.

There followed a recitation of the ‘Heart Sutra’ in the Tuvan language by an assembly of monks and laypeople. They were led by Khamby Lama Natsik Dorjuu, the Head of Tuvan Buddhists, from Khuree Tsechenling, the main Buddhist temple of Tuva. This was followed by a recitation of the ‘Heart Sutra’ in the Buryatian language, led by Yelo Rinpoché, from Rinpoché Bagsha Monastery in Ulan-Udé, Buryatia. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Lo scopo della vita? Essere felici.
Ott 30th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Per essere felici, è la nostra mente che dobbiamo trasformare.

Sua Santità il Dalai Lama: Lo scopo della vita? Essere felici. La vera fonte di ogni felicità proviene da un sentimento di gentilezza e di calore verso il prossimo. In quanto esseri umani siamo tutti uguali: siamo nati allo stesso modo, moriamo allo stesso modo e tutti vogliamo vivere una vita felice. La chiave della felicità è la pace della mente, non è qualcosa che si può comprare, ma va coltivata da ognuno. Tutte le tradizioni religiose, nonostante le differenze filosofiche, si fondano sullo stesso messaggio d’amore e di empatia che è il fondamento di questa pace mentale.

A volte vorrei che fossimo più simili ai bambini perché sono spontaneamente aperti e accettano gli altri. Invece, crescendo, non riusciamo a coltivare il nostro potenziale naturale e a vivere secondo i valori umani fondamentali. Ci facciamo fuorviare da differenze del tutto secondarie e tendiamo a pensare in termini di “noi” e “loro”. Questo modo di pensare può essere trasformato attraverso l’educazione. Dobbiamo imparare a distinguere la natura distruttiva di emozioni come la rabbia, l’avversione e l’attaccamento, che disturbano la nostra pace mentale, dalle qualità positive come la compassione che sono autentiche fonti di felicità.

Spesso mi chiedo quale sia lo scopo della vita. La conclusione a cui sono giunto è essere felici. Non abbiamo alcuna garanzia di ciò che accadrà in futuro, ma viviamo nella speranza ed è questo che ci fa andare avanti. A volte non si comprende a sufficienza la differenza tra la coscienza sensoriale e la coscienza mentale. La fonte ultima della felicità è uno stato mentale di gioia e non il possesso di beni materiali. Il piacere che danno le cose materiali è generalmente di breve durata e riesce solo temporaneamente a placare l’ansia e la paura. La gioia invece si sostiene da sola, non ha bisogno di stimoli esterni.

Dal momento che dipendiamo da altri esseri umani per la nostra felicità, è naturale provare affetto verso di loro.

Oggi, anche gli scienziati concordano sul fatto che la natura umana è essenzialmente compassionevole e gentile perché è così che inizia la nostra vita. Senza l’amore e l’affetto di nostra madre, non saremmo sopravvissuti. Dal momento che dipendiamo da altri esseri umani per la nostra felicità, è naturale provare affetto verso di loro. Gli esseri umani sono creature reattive: se sorrido a qualcuno, lei o lui generalmente contraccambierà. Persino gli animali reagiscono positivamente.

Il mondo contemporaneo si concentra soprattutto sullo sviluppo materiale. Tuttavia, le antiche tradizioni indiane sottolineano l’importanza dell’introspezione se davvero desideriamo trovare la vera fonte della gioia. Per essere felici, è la nostra mente che dobbiamo trasformare. Questa è la base delle antiche tradizioni di ahimsa, la non-violenza, e karuna, desiderare che gli altri siano liberi dalla sofferenza ovvero la compassione.

Questo articolo scritto da Sua Santità il Dalai Lama è stato pubblicato su India Today lo scorso 30 settembre 2021.

(Tratto dal sito https://nalandaedizioni.it/2021/10/04/lo-scopo-della-vita-essere-felici/?mc_cid=366d14730a&mc_eid=13bdd293c8 che devotamente ringraziamo per la sua compassionevole gentilezza verso tutti gli esseri che soffrono in questa dolorosa esistenza samsarica.)

Sua Santità il Dalai Lama: Compassione e Dignità
Ott 26th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Se i docenti non solo insegnano secondo i programmi di studio, ma sono anche sinceramente interessati al benessere dei loro studenti, tra loro fioriranno dei legami stretti. E, quando un insegnante si dedica sinceramente al miglioramento dell’umanità, tratterà naturalmente i suoi studenti con dignità.

26 ottobre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Non appena Sua Santità il Dalai Lama questa mattina si è assiso, Philip P. Di Stefano, Rettore dell’Università del Colorado, Boulder, lo ha accolto per una conversazione sulla compassione e la dignità nell’ambito dell’istruzione scolastica. Ha notato quanto siano importanti queste qualità, osservando che da esse dipende il futuro. Quando Sua Santità ha visitato l’ultima volta Boulder, nel 2016, è stata posta la prima pietra del Crown Institute. Oggi, questo istituto interdisciplinare si concentra sul benessere, l’interconnessione e la comunità. Il Cancelliere ha concluso: “Che tu sia un insegnante, un genitore od un semplice osservatore, spero che sarai ispirato dalla saggezza stasera qui condivisa”.

Sona Dimidjian, Direttore dell’Istituto Renée Crown Wellness e Professore del Dipartimento di Psicologia e Neuroscienze dell’Università del Colorado Boulder ha preso quindi la parola dichiarando che gli insegnamenti di Sua Santità hanno ispirato le persone di tutto il mondo ad essere curiose dei benefici della compassione nel campo dell’istruzione. Nel frattempo, le sue conversazioni con gli scienziati hanno ispirato nuove ricerche che hanno dimostrato gli impatti positivi dell’addestramento alla compassione.

Ha quindi affermato che lei e i suoi colleghi avevano voluto creare un programma che approfondisse le loro pratiche di compassione come base per tutto il loro insegnamento e per creare scuole sicure, inclusive e giuste. Nel tentativo di portare la compassione nell’ambito principale dell’istruzione Sona Dimidjian ha, di conseguenza, lavorato in collaborazione con educatori ed esperti nella pratica della compassione per progettare un programma annuale chiamato “Coltivare la compassione e la dignità in noi stessi e nelle nostre scuole”. La Prof.ssa Sona Dimidjian ha quindi invitato Sua Santità a parlare dell’importanza della compassione nell’istruzione scolastica. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Compassion and Dignity
Ott 26th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the virtual audience during his conversation on Compassion and Dignity online from his residence in Dharamsala, HP, India on October 26, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 26, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – As soon as His Holiness the Dalai Lama took his seat this morning, Philip P. Di Stefano, Chancellor of the University of Colorado, Boulder, welcomed him to a conversation about compassion and dignity in schools. He noted how important these qualities are, observing that the future depends on them. When His Holiness was last in Boulder, in 2016, the seeds of the Crown Institute were being planted. Today, this interdisciplinary institute is focused on wellness, connection and the community. The Chancellor concluded: “Whether you are a teacher, parent or individual observer, I hope you will be inspired by the wisdom shared here tonight.”

Sona Dimidjian, Institute Director, Renée Crown Wellness Institute and Professor, Department of Psychology and Neuroscience University of Colorado Boulder spoke next. She declared that His Holiness’s teachings have inspired people around the world to be curious about the benefits of compassion in education. Meanwhile, his conversations with scientists have inspired new research that has demonstrated the positive impacts of compassion training.

She stated that she and her colleagues had wanted to create a program that would deepen their practices of compassion as a foundation for all their teaching and for creating safe, inclusive, and just schools. They worked in partnership with educators and experts in compassion practice to design a year-long program called “Cultivating Compassion & Dignity in Ourselves and Our Schools,” in an effort to bring compassion into the mainstream of education. She invited His Holiness to speak about the importance of compassion in education, Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Compassione, educazione e uguaglianza – 2° giorno
Ott 15th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama scoppia in una fragorosa risata durante la sua conversazione online con USIP Generation Change Fellows nella sua residenza a Dharamsala, HP, India, il 15 ottobre 2021. Foto del Ven. Tenzin Jamphel

15 ottobre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Sua Santità il Dalai Lama ha aperto il secondo giorno di conversazione con i membri del Generation Change dell’USIP augurando loro il buongiorno ed auspicando che abbiano dormito bene.

“Ci incontriamo di nuovo”, ha detto loro, “e voglio che sappiate che apprezzo molto il dialogo che stiamo avendo”.

Lise Grande, Presidente e CEO, US Institute of Peace, ha risposto che è un grande piacere interloquire con Sua Santità in questa seconda giornata, aggiungendo che il tema di oggi è l’educazione del cuore e della mente e che il pubblico virtuale sarebbe stato onorato di sentire cosa aveva da dire a riguardo.

“Il secolo scorso è stato pieno di una tale violenza che alcune persone pensano che sia normale ed utile”, ha risposto Sua Santità. “Grandi sforzi sono stati fatti per fabbricare armi, in particolare armi nucleari. Ma ora il mondo sta pensando più seriamente alla pace. I paesi sono diventati interdipendenti all’interno dell’economia globale. Ed in quel contesto la guerra è diventata irrilevante. Le controversie ed i disaccordi devono essere risolti parlando, attraverso il dialogo.

Dobbiamo educare le giovani generazioni a come è cambiato il mondo. In questi giorni è realistico lavorare per la coesistenza a livello globale. Non è più appropriato pensare solo al “mio paese”. Dobbiamo educare i giovani a pensare a come realizzare una vera pace mondiale. Dobbiamo prendere in considerazione il mondo intero, l’intera umanità, a livello globale. Ed oltre a questo, ovviamente, c’è il problema del riscaldamento globale.

La generazione più giovane deve avere una mentalità più ampia. Deve adottare una prospettiva più ampia, non semplicemente ripetendo ciò che è stato sperimentato in passato.

Quando sono arrivato in India come rifugiato, ho scoperto di avere l’opportunità di incontrare molte più persone che in Tibet. Ho riflettuto sul fatto che se ti ritrovi perso in qualche luogo remoto e scorgi un’altra persona, non ti preoccupi da dove viene o quale fede segue. Sei semplicemente felice di incontrare un altro essere umano.

Questo è il punto. Siamo tutti esseri umani e tutti dobbiamo vivere insieme su questo pianeta. Quando incontro le persone in paesi diversi, che seguono religioni diverse e forse sono di un colore diverso, penso semplicemente che siamo tutti uguali nell’essere umani. Dobbiamo aiutarci a vicenda. Per questo promuovo il riconoscimento dell’unicità dell’umanità. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Compassion, Education, and Equality – 2nd Day
Ott 15th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama waving to the virtual audience as he arrives for the second day of his conversation with USIP Generation Change Fellows at his residence in Dharamsala, HP, India on October 15, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 15, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama opened the second day of conversation with USIP Generation Change Fellows by wishing them good morning and expressing the hope that they had slept well.

We’re meeting again,” he told them, “And I want you to know that I very much appreciate the discussions we’re having.”

Lise Grande, President and CEO, US Institute of Peace, responded that it was a great pleasure to talk to His Holiness for a second day. She mentioned that today’s theme was the education of the heart and mind and that the virtual audience would be honoured to hear what he had to say about that.

The last century was filled with such violence that some people think that it’s normal and of benefit,” His Holiness replied. “Great effort has gone into making weapons, especially nuclear weapons. But now the world is thinking more seriously about peace. Countries have become interdependent within the global economy. And in that context war has become irrelevant. Disputes and disagreements must be resolved by talking—through dialogue. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Compassione, educazione e uguaglianza – 1° giorno
Ott 15th, 2021 by admin

Lise Grande, presidente dell’US Institute of Peace, introduce il primo giorno della conversazione di due giorni con Sua Santità il Dalai Lama e i giovani costruttori di pace su compassione, educazione e uguaglianza online dalla sua residenza a Dharamsala, HP, India, il 14 ottobre 2021. Foto di Ven Tenzin Jamphel

14 ottobre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India- Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama era in conversazione con giovani costruttori di pace sulla compassione, l’educazione e l’uguaglianza. È stato accolto dalla signora Lise Grande, presidente dell’US Institute of Peace, che ha introdotto l’evento. Ha spiegato che l’USIP è dedicato alla proposta che la pace è possibile, pratica ed essenziale per la sicurezza degli Stati Uniti e globale. Riunisce giovani leader provenienti da comunità colpite da conflitti e fornisce una formazione sulla leadership, sulla riduzione dei pregiudizi e sulla trasformazione dei conflitti. L’intenzione è quella di costruire ponti attraverso le divisioni sociali e di ridurre l’isolamento che possono sentire nel loro lavoro come costruttori di pace. Attualmente ci sono 300 borsisti associati all’USIP da 26 paesi in Africa, Asia, Medio Oriente e America Latina.

La signora Grande ha menzionato che negli ultimi quattro anni molti leader giovanili si sono incontrati con Sua Santità, alcuni di loro sono venuti a Dharamsala. Tuttavia, a causa delle restrizioni legate a Covid, l’anno scorso e anche quest’anno la conversazione si è svolta in un ambiente virtuale. Il tema della discussione di oggi era l’uguaglianza di genere.

Sua Santità ha iniziato sottolineando che in un’epoca in cui i viaggi fisici sono limitati, è molto felice di usare la tecnologia moderna, come internet, per scambiare idee. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Compassion, Education, and Equality – 1st Day
Ott 14th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the online audience of young peace-builders from his residence in Dharamsala, HP, India on October 14, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 14, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning His Holiness the Dalai Lama was in conversation with young peace-builders about compassion, education and equality. He was welcomed by Mrs. Lise Grande, President, US Institute of Peace, who introduced the event. She explained that the USIP is dedicated to the proposition that peace is possible, practical and essential for US and global security. It brings together young leaders from conflict-affected communities and provides training on leadership, prejudice reduction, and conflict transformation. The intention is to build bridges across social divides and to reduce the isolation they may feel in their work as peace-builders. There are currently 300 Fellows associated with USIP from 26 countries across Africa, Asia, the Middle East and Latin America.

Mrs Grande mentioned that over the past four years many youth leaders have met with His Holiness, some of them coming to Dharamsala. However, due to Covid related restrictions, last year and again this year conversation was being held in a virtual setting. The theme of today’s discussion was gender equality.

His Holiness began by remarking that at a time when physical travel is restricted, he’s very happy to use modern technology, such as the internet, to exchange ideas.

The world is changing,” he went on. “The last century was marked by too much violence, but these days there is a stronger wish for peace in the world both among leaders and the public at large. For this to be achieved, individuals and communities must take part. Individuals need to cultivate peace of mind, voluntarily, not out of fear. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Insegnamento sulla “Lode alla relazione dipendente” – 2
Ott 10th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: L’essenza dei voti del Bodhisattva è di non danneggiare gli altri e d’aiutarli quando e dove è possibile.

10 ottobre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – “Oggi, amici del Dharma, esamineremo la restante trasmissione dell’ ‘Elogio del sorgere dipendente’” Così Sua Santità ha annunciato, non appena fu completato il canto del ‘Sutra del Cuore’ ‘.

Come disse il Buddha nelle Domande delle Scritture Rashtrapala:

La via è vuota, pacifica e non creata.

Non sapendo questo, gli esseri viventi vagano.

Mosso da compassione, offre loro

Centinaia di motivazioni e procedure tecniche.

Uinoltre diversi mezzi per condurre gli esseri fuori dall’esistenza ciclica. Se fin dall’inizio avesse insegnato la vacuità, alcuni avrebbero temuto che stesse proponendo visioni nichiliste. Invece, insegnò le Quattro Nobili Verità https://www.sangye.it/altro/?p=3785 la loro natura, funzione e risultato, e rivelò la vacuità https://www.sangye.it/altro/?p=4206 nel secondo giro della ruota del Dharma. Di conseguenza, tutti i seguaci della tradizione sanscrita del buddismo recitano il Sutra della Perfezione della Saggezza in 25 versi, meglio conosciuto come il “Sutra del Cuore” https://www.sangye.it/altro/?p=6098.

Comprende le righe: ‘La forma è vuota; la vacuità è forma. La vacuità non è altro che forma; anche la forma non è altro che vacuità”, che riassumono la Perfezione della Saggezza https://www.sangye.it/altro/?p=9995. Nulla, dalla forma fino alla mente onnisciente, può essere trovato quando lo si cerca, eppure le cose esistono comunque. Tuttavia, non esistono come appaiono: la forma è vuota. Se cerchiamo l’identità delle cose, non la troviamo. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: In Praise of Dependent Origination – 2
Ott 10th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama addressing the virtual audience on the second day of his two day online teaching from his residence in Dharamsala, HP, India on October 10, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 10, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – “Today, Dharma friends, we’ll go over the remaining transmission of ‘In Praise of Dependent Arising’” His Holiness announced as soon as the chanting of the ‘Heart Sutra’ was complete.

As the Buddha said in the Questions of Rashtrapala Scripture:

The way is empty, peaceful, and uncreated.
Not knowing that, the living beings wander.
Moved by compassion, he introduces them
With hundreds of reasons and technical procedures.

He then used different means to lead beings out of cyclic existence. If he’d taught emptiness from the start, some people would have feared he was recommending nihilism. Instead, he taught the Four Noble Truths, their nature, function and result, and revealed emptiness in the second turning of the wheel of Dharma. Consequently, all followers of the Sanskrit Tradition of Buddhism recite the 25 verse Perfection of Wisdom Sutra that is better known as the ‘Heart Sutra’.

It includes the lines: ‘Form is empty; emptiness is form. Emptiness is not other than form; form also is not other than emptiness’, which summarize the Perfection of Wisdom. Nothing from form up to the omniscient mind can be found when sought, and yet things still exist. However they do not exist as they appear — form is empty. If we seek for the identity of things, it’s not to be found.

Form and so forth don’t exist from their own side. But when the causes and conditions come together, we can understand that form exists as a dependent designation. As Chandrakirti says, things arise from emptiness in a robust way.

I meditate daily on emptiness and have done for many years,” His Holiness revealed. “I have a sense that I could be approaching the path of seeing and am hoping to reach it. Perhaps at the moment I’m near to the path of preparation. The Buddha’s teaching is founded on reason and it can really help us counter negativities within us.

There is a verse that you Chinese recite at the end of the ‘Heart Sutra’.

May we be able to dispel the three poisons
May the light of insight shine brightly
May we be able to overcome all obstacles
May we be able to engage in the deeds of Bodhisattvas.
Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Insegnamento sulla “Lode alla relazione dipendente” – 1
Ott 9th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Fin dal momento in cui al mattino mi sveglio sono consapevole di avere un senso di “io”. Allora lo cerco, ma capisco che non esiste nel modo in cui appare. Ed è quando non lo trovo che mi rendo conto che esiste solo per designazione.

9 ottobre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India. Non appena Sua Santità il Dalai Lama è entrato nella sala da cui attualmente intrattiene conversazioni online, i monaci di Taiwan hanno iniziato a cantare il “Sutra del cuore” in cinese. Dopo la loro recita, il sig. Chung Chih ha dato il benvenuto a Sua Santità a nome del Comitato Organizzatore. Ha ricordato a Sua Santità che i principali discepoli dell’insegnamento odierno erano taiwanesi e cinesi. Molti di loro appartenevano alla Bliss and Wisdom Organization fondata dal defunto Bhikshu Tenzin Jamchen, che portava molti discepoli a Dharamsala. Chung Chih ha assicurato a Sua Santità che tutti questi studenti prendono sul serio i suoi consigli e le sue istruzioni mentre si sforzano di studiare e meditare.

Sua Santità ha risposto d’essere felice di vedere oggi online i suoi amici di Dharma di Taiwan. Ha osservato che, dal punto di vista del Dharma, le relazioni tra guru e discepolo continueranno anche nelle vite future.

“Oggi spiegherò l'”Elogio del sorgere dipendente” https://www.sangye.it/altro/?p=9109 di Jé Tsongkhapa” https://www.sangye.it/altro/?p=942 ha confermato. “Ma prima vorrei darvi una breve introduzione.

Buddha Shakyamuni è apparso in India più di 2500 anni fa. Si è manifestato per insegnare piuttosto che per fare miracoli e ha consigliato ai suoi discepoli: “Voi siete il vostro maestro. Qualunque cosa sperimentiate dipende dalla natura delle vostre azioni’. Li ha incoraggiati ad imparare ad allenare le loro menti. Ha mostrato cosa deve essere adottato e cosa deve essere respinto. Ciò si traduce in un percorso dei sentieri e dei terreni.

Il Buddha vide che non c’era altro modo per lui di aiutare gli esseri. Insegnò le Quattro Nobili Verità https://www.sangye.it/altro/?p=3785 spiegandone la natura, la funzione e il risultato. Perché lo ha fatto? Perché nessuno di noi vuole soffrire. Tutti vogliamo essere felici. Insegnò che la felicità e la sofferenza dipendono da cause e condizioni. Non si verificano a caso. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: In Praise of Dependent Origination – 1
Ott 9th, 2021 by admin

Monks in Taiwan chanting the ‘Heart Sutra’ in Chinese at the start of His Holiness the Dalai Lama’s online teachings from his residence in Dharamsala, HP, India on October 9, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

October 9, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – As soon as His Holiness the Dalai Lama came into the room from where he engages in online conversations today, monks in Taiwan began to chant the ‘Heart Sutra’ in Chinese. Following their recitation, Mr Chung Chih welcomed His Holiness on behalf of the Organizing Committee. He reminded His Holiness that the main disciples of today’s teaching were Taiwanese and Chinese. Many of them belonged to the Bliss and Wisdom Organisation founded by the late Bhikshu Tenzin Jamchen, who used to bring many faithful disciples to Dharamsala. Chung Chih assured His Holiness that all these students take his advice and instruction seriously as they strive to study and meditate.

His Holiness responded that he was happy to see his Dharma friends from Taiwan online today. He remarked that from the point of view of the Dharma relations between guru and disciple will also continue in future lives.

Today, I’m going to explain Jé Tsongkhapa’s ‘In Praise of Dependent Arising’,” https://www.sangye.it/altro/?p=1078 he confirmed. “But first I’d like to give you a short introduction.

Buddha Shakyamuni appeared in India more than 2500 years ago. He manifested in order to teach rather than perform miracles and advised his disciples, ‘You are your own master. Whatever you experience depends on the nature of your own actions.’ He encouraged them to learn to train their minds. He showed what is to be adopted and what is to be rejected. This results in ascending the paths and grounds. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: La nostra felicità, la nostra salute, il nostro futuro.
Set 25th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Le Quattro Nobili Verità sono la base stessa della dottrina del Buddha. La verità del sentiero, riferendosi al Nobile Ottuplice Sentiero, è la più importante delle Quattro Verità. La verità della sofferenza e la sua causa sono chiare, mentre la terza verità, la Verità della Cessazione, offre la speranza che la sofferenza e le sue cause possano essere superate”.

22 settembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Il dottor Patrick Leahy, presidente della Monmouth University, New Jersey, questa mattina ha accolto Sua Santità il Dalai Lama per una conversazione sull’interconnessione tra felicità, salute, benessere e futuro della terra, annunciando che gli studenti e gli insegnanti di Monmouth erano ispirati a condurre una vita più felice, più sana e più compassionevole ed armoniosa, a beneficio delle generazioni a venire sulla terra.

Sua Santità ha risposto ringraziando per l’opportunità di parlare di pace e felicità.Ovviamente, tutti noi vogliamo vivere in pace, animali compresi. Se c’è un incendio, anche gli insetti cercano di fuggirne. Tuttavia, ciò che rende gli esseri umani diversi è che abbiamo questo meraviglioso cervello. Siamo in grado di pensare come evitare e superare i problemi. Siamo in grado di pensare al futuro.

Eppure gli esseri umani possono anche creare problemi. Per migliaia di anni abbiamo inventato diversi tipi di armi. A volte ci riferiamo alle armi come strumenti per la pace, ma in realtà l’unico scopo di un’arma è ferire ed uccidere. Un mondo senza armi sarebbe molto più pacifico.

Investiamo energie e sforzi nella costruzione di sistemi d’arma sempre più complessi. Poi si parla di pace, trascurando il fatto che le armi non contribuiscono in alcun modo al raggiungimento della vera pace.

Il nostro mondo oggi è fortemente interdipendente. In passato, tendevamo a preoccuparci solo delle persone della nostra stessa località. Al giorno d’oggi, nuove sfide come la crisi climatica ed il riscaldamento globale che colpiscono tutti noi, così come il funzionamento dell’economia globale, significano che dobbiamo tenere in considerazione l’intera umanità. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Our Happiness, Our Health, Our Future
Set 25th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama: The Four Noble Truths are the very basis of the Buddha’s doctrine. The truth of the path, referring to the Noble Eightfold Path, is the most important of the four truths. The truth of suffering and its cause are clear, while the third truth, the Truth of Cessation offers hope that suffering and its causes can be overcome. This in turn lends enthusiasm to the practice of the path.

September 22, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Dr Patrick Leahy, President of Monmouth University, New Jersey this morning welcomed His Holiness the Dalai Lama to a conversation about the interconnectedness of happiness, health, well-being, and the future of earth. He told him that students and teachers at Monmouth were inspired to lead happier, healthier, and more compassionate and harmonious lives – for the benefit of generations to come on earth.

His Holiness responded with thanks for the opportunity to talk about peace and happiness.

Obviously, we all want to live in peace, animals included. If there’s a fire, even insects seek to escape from it. However, what makes human beings different is that we have this marvellous brain. We are able to think about how to avoid and overcome problems. We are able to think ahead.

And yet human beings can also be trouble makers. For thousands of years we have fashioned different kinds of weapons. We sometimes refer to weapons as tools for peace, but in fact the only purpose of a weapon is to hurt and kill. A world without weapons would be much more peaceful.

We invest energy and effort in building ever more complex systems of weapons. Then we talk about peace, disregarding the fact that weapons contribute nothing to the achievement of real peace. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Entrare nella Via di Mezzo – 2
Set 9th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Non c’è niente di più efficace della bodhicitta per purificare le negatività e raccogliere meriti. Poiché le persone di buon cuore attraggono facilmente gli amici, coltivare pensieri di bodhicitta è benefico anche nella vita quotidiana ordinaria.”

9 settembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Sua Santità il Dalai Lama ha sorriso ampiamente quando è questa mattina entrato nella stanza del webcast ed ha visto i volti dei buddisti asiatici sugli schermi davanti a lui e li ha salutati prima di sedersi. Le monache di Pao Kwan Foh Tang, Singapore, hanno cantato il “Sutra del cuore” in cinese, seguite da un gruppo a Dharmayatra, in Indonesia, che lo ha recitato di nuovo in indonesiano.

Sua Santità ha iniziato ripetendo con calma un verso di omaggio.

Oltre le parole, oltre il pensiero, oltre la descrizione: Prajñaparamita.

Non nata, incessante, l’essenza stessa dello spazio,

Eppure, può essere sperimentata come la saggezza della nostra consapevolezza:

Omaggio alla madre dei Buddha del passato, del presente e del futuro!

Oggi”, ha proseguito, “siamo al secondo giorno dinsegnamenti richiesti dai buddisti asiatici. Potremmo chiederci qual è lo scopo del Dharma e degli insegnamenti della Perfezione della Saggezza. Una risposta può essere trovata nella preghiera che i cinesi recitano alla fine del “Sutra del Cuore” https://www.sangye.it/altro/?p=6098. che racchiude la pratica del Dharma:

Possiamo noi essere in grado di dissipare i tre veleni,

Possa la luce dell’introspezione risplendere brillantemente,

Possiamo noi essere in grado di superare tutti gli ostacoli,

Possiamo noi essere in grado di impegnarci nelle azioni dei Bodhisattva. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Entering into the Middle Way – 2
Set 9th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “There is nothing more effective than bodhichitta for purifying negativities and gathering merit. Since good-hearted people easily attract friends, cultivating thoughts of bodhichitta is beneficial even in ordinary day to day life.”

September 9, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama smiled broadly as he entered the room this morning and saw faces of Asian Buddhists on the screens before him. He waved to them before sitting down. Nuns at Pao Kwan Foh Tang, Singapore, chanted the ‘Heart Sutra’ in Chinese. They were followed by a group in Dharmayatra, Indonesia who recited it again in Indonesian.

His Holiness began by quietly repeating a verse of homage.

Beyond words, beyond thought, beyond description, Prajñaparamita
Unborn, unceasing, the very essence of space
Yet it can be experienced as the wisdom of our own awareness:
Homage to the mother of the buddhas of past, present and future!

Today,” he continued, “we’re on the second day of teachings requested by Asian Buddhists. We might ask what is the purpose of the Dharma and teachings of the Perfection of Wisdom. An answer may be found in the prayer that Chinese recite at the end of the ‘Heart Sutra’, which encapsulates the practice of the Dharma: Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Entrare nella Via di Mezzo – 1
Set 9th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Essere gentili e servire gli altri crea condizioni che possono alleviare la gravità della maturazione anche del karma negativo. Dare la colpa al karma di qualunque cosa accada, come se fosse inevitabile, è un modo pigro di pensare. È chiaro che la confessione ed una potente pratica del Dharma possono eliminare il karma negativo. C’è bisogno di saggezza e di mezzi abili. Comprendere che le cose non esistono nel modo in cui ci appaiono e che sono sorte in modo dipendente aiuterà a superare la sofferenza.

8 settembre 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina la signora Ng Wee Nee ha dato il benvenuto a Sua Santità il Dalai Lama non appena si è seduto nello studio webcast della sua residenza. Lo ha ringraziato a nome di un gruppo di buddisti asiatici di Singapore, Thailandia, Malesia, Indonesia, Vietnam e Hong Kong, che gli avevano chiesto insegnamenti, introducendo un monaco del Doi Wawee International Vipassana Centre, in Thailandia, che avrebbe cantato il Mangala Sutta https://www.sangye.it/altro/?p=1868 in Pali. Successivamente, monaci e monache del tempio di Quan Am Cac, in Vietnam, cantavano il “Sutra del cuore” https://www.sangye.it/altro/?p=6098 in vietnamita.

Una volta completate le recitazioni, Sua Santità ha spiegato che una raccolta di diversi centri di Dharma asiatici aveva richiesto un’introduzione al buddismo basata sull’Autocommentario di Chandrakirti https://www.sangye.it/altro/?p=10587 al suo trattato “Entrare nella Via di Mezzo” https://www.sangye.it/altro/?p=3259.

“Ho ricevuto la trasmissione del testo radice dal mio abate, Kyabjé Ling Rinpoché”, ha confermato Sua Santità, “e la trasmissione dell’autocommentario da Sakya Khenpo Kunga Wangchuk.

Buddha Shakyamuni ha girato la ruota del Dharma più di 2500 anni fa. Tuttavia, ha anche chiarito ai suoi seguaci che non dovrebbero dare per scontato il suo insegnamento, ma dovrebbero esaminarlo come un orafo prova l’oro. Li incoraggiò a verificare che ciò che diceva fosse ragionevole e avrebbe avuto l’effetto di trasformare le loro menti. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Entering into the Middle Way – 1
Set 9th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama: There is a need for wisdom and skilful means. Understanding that things do not exist in the way they appear to us and that they are dependently arisen will help overcome suffering. Dharamsala, India on September 8, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel.

September 8, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning Ms Ng Wee Nee welcomed His Holiness the Dalai Lama as soon as he had taken his seat in the webcast studio at his residence. She thanked him on behalf of a group of Asian Buddhists from Singapore, Thailand, Malaysia, Indonesia, Vietnam, and Hong Kong, who had requested him to teach. She explained that first a monk at the Doi Wawee International Vipassana Centre, Thailand would chant the Mangala Sutta in Pali. After that, monks and nuns from Quan Am Cac Temple, Vietnam would chant the ‘Heart Sutra’ in Vietnamese.

Once the recitations were complete, His Holiness explained that a collection of different Asian Dharma centres had requested an introduction to Buddhism based on Chandrakirti’s auto-commentary to his treatise ‘Entering into the Middle Way’.

I have received the transmission of the root text from my Abbot, Kyabjé Ling Rinpoché,” His Holiness confirmed, “and the transmission of the auto-commentary from Sakya Khenpo Kunga Wangchuk.

Buddha Shakyamuni turned the wheel of dharma more than 2500 years ago. However, he also made clear to his followers that they should not take his teaching for granted, but should examine it as a goldsmith tests gold. He encouraged them to check that what he said was reasonable and would have the effect of transforming their minds. Read the rest of this entry »

La cultura tibetana ed il suo potenziale per contribuire alla pace
Ago 26th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Come preservare la cultura tibetana? Interessarsene è un comportamento pratico. Ma non si tratta tanto di mantenere delle usanze fine a se stesse, quanto di preservare le conoscenze che la tradizione culturale trasmette. In questo caso, ciò che è utile e benefico sono i metodi per coltivare la pace della mente e contribuire così alla pace nel mondo”.

25 agosto 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Tenzyn Zöchbauer, direttore esecutivo della Tibet Initiative Deutschland, ha accolto Sua Santità il Dalai Lama per una conversazione sul tema “La cultura tibetana ed il suo potenziale per contribuire alla pace”, comunicando che 50 sostenitori del Tibet e tibetani in Germania, Svizzera e Austria stavano partecipando all’interazione online, mentre molti altri stavano guardando in tutto il mondo.

“Sono molto felice di avere questa opportunità di prendere parte alla conversazione con gli amici tedeschi”, ha risposto Sua Santità. “Fin dalla mia infanzia ho avuto un debole per la Germania. Sapevo che la Germania era stata sconfitta sia nella prima che nella seconda guerra mondiale.

In Tibet abbiamo avuto due visitatori, Aufschnaiter e Harrer che, poiché parlavano tedesco, li consideravamo tedeschi. Non ho avuto molti contatti personali con Aufschnaiter, ma sono diventato amico di Harrer. È stata la prima persona ad insegnarmi l’inglese, ma è stato solo in seguito che mi sono reso conto che il suo inglese era in realtà piuttosto scarso ed è da lì che è iniziato il mio inglese stentato.

Come ho detto prima, la Germania è stata sconfitta nella seconda guerra mondiale, così come il Giappone, dopo essere stata oggetto di un attacco nucleare. Di conseguenza, in entrambi i paesi sorsero forti movimenti pacifisti. Sia il popolo tedesco che quello giapponese hanno mostrato un reale desiderio di genuina pace ed entrambi hanno contribuito a creare un mondo più pacifico.

Per quanto riguarda la cultura tibetana, in origine eravamo un popolo nomade con uno stile di vita abbastanza semplice. Poi, nel settimo secolo, il re del Tibet, Songtsen Gampo, sposò una principessa cinese. Decise che i tibetani avrebbero dovuto avere i propri mezzi di scrittura, ma invece di seguire il modello cinese, scelse di basarlo sull’alfabeto indiano e sulla sua scrittura Devanagari. Read the rest of this entry »

Tibetan Culture and Its Potential to Contribute to Peace
Ago 26th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “How to preserve Tibetan culture? Taking an interest in it is a practical step. It’s not so much a question of maintaining customs for their own sake, but of preserving the knowledge the cultural tradition conveys. In this case, what is useful and beneficial is the means to cultivate peace of mind and so contribute to peace in the world.”

August 25, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning Tenzyn Zöchbauer, Executive Director of the Tibet Initiative Deutschland, welcomed His Holiness the Dalai Lama to a conversation on the theme ‘Tibetan Culture and its Potential to Contribute to Peace’. She told him that 50 Tibet supporters and Tibetans in Germany, Switzerland and Austria were participating in the online interaction, while many more were watching across the world.

I’m very happy to have this opportunity to take part in discussions with German friends,” His Holiness replied. “Since my childhood I’ve had a soft spot for Germany. I was aware that Germany was defeated in both the first and second world wars.

In Tibet we had two visitors, Aufschnaiter and Harrer who, because they spoke German, we thought of as Germans. I didn’t have much personal contact with Aufschnaiter, but I became friends with Harrer. He was the first person to teach me English, but it was only later that I realized that his English was actually quite poor and that’s where my broken English began. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Compassione e non violenza
Ago 18th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “L’illuminazione si ottiene attraverso l’unione della compassione con la saggezza. Tutte le contaminazioni mentali, le afflizioni mentali e le oscurazioni cognitive vengono eliminate unificando compassione e saggezza”.

18 agosto 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, Jo Young Ok ha introdotto l’incontro a nome del Labsum Shedup Ling Dharma Center in Corea del Sud ed ha chiesto a Sua Santità il Dalai Lama di rivolgersi al pubblico virtuale, che ha risposto dichiarando di essere onorato di avere l’opportunità di spiegare loro il Buddhadharma.

Il Buddismo così come si è diffuso in Tibet è stato fondato da Shantarakshita sulla base della Tradizione di Nalanda. Studiamo i trattati canonici dell’India e ci impegniamo nella pratica dei tre corsi di formazione. Questo è il processo che ho seguito anche io, come monaco. Ho studiato i testi, ho riflettuto su ciò che avevo capito e ne ho fatto esperienza in meditazione. E quello che spiegherò oggi si basa su quell’esperienza.

Rispetto tutte le tradizioni religiose. Abbiamo idee ed approcci filosofici diversi, adatti all’attitudine dei diversi seguaci. Il Buddha ha anche dato diverse spiegazioni in base alle esigenze dei suoi ascoltatori. Tuttavia, tutte queste diverse tradizioni sottolineano l’importanza di coltivare l’amore, la compassione e la non violenza. Storicamente alcune persone hanno combattuto e persino ucciso in nome della religione, ma questo tipo di comportamento dovrebbe essere lasciato al passato.

Tutte le grandi tradizioni religiose del mondo sono fiorite in India e di solito si guardano l’un l’altra col massimo rispetto. Questo è un atteggiamento che potrebbe essere adottato in altre parti del mondo. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Compassion and Non-violence
Ago 18th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama answering a question from a member of the virtual audience during his online teaching at his residence in Dharamsala, HP, India on August 18, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

August 18, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, Indi – This morning, Jo Young Ok introduced the occasion on behalf of the Labsum Shedup Ling Dharma Centre in South Korea and requested His Holiness the Dalai Lama to address the virtual audience. In response he declared that he was honoured to have the opportunity to explain the Buddhadharma to them.

Buddhism as it spread in Tibet was established by Shantarakshita on the basis of the Nalanda Tradition. We study the canonical treatises from India and engage in the practice of the three trainings. This is the process that I, as a monk, also followed. I studied the texts, reflected on what I’d understood and gained experience of it in meditation. And what I’m going to explain today is based on that experience.

I respect all religious traditions. We have different ideas and philosophical approaches suited to the aptitude of different followers. The Buddha also gave different explanations in accordance with his listeners’ needs. However, all these different traditions emphasize the importance of cultivating love, compassion and non-violence. Historically some people have fought and even killed in the name of religion, but that kind of behaviour should now be left in the past.

All the world’s great religious traditions have flourished in India and have customarily regarded each other with the utmost respect. This is an attitude that could well be adopted in other parts of the world. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama con gli studenti indonesiani: i Racconti di Jataka
Ago 11th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Abbiamo bisogno della compassione per essere in grado di aiutare gli altri. Abbiamo bisogno della compassione per purificare le nostre negatività ed accumulare energia positiva. Tutte le azioni altruistiche sono radicate nella bodhicitta, l’aspirazione a raggiungere la Buddità per aiutare gli altri.”

11 agosto 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, la signora Dewi Lestari, scrittrice e cantante indonesiana, ha dato il benvenuto a Sua Santità il Dalai Lama in una conversazione online con più di 1.000 studenti indonesiani. Il tema della conversazione erano i Racconti di Jataka https://www.sangye.it/altro/?cat=6 o storie delle vite precedenti del Buddha, che sono registrate nel libro “Jatakamala” o “Storie della ghirlanda della nascita” e sono raffigurate sullo Stupa del Borobodur a Giava. L’evento era quello di lanciare il Nusantara Dharma Book Festival che si sta svolgendo in collaborazione con la comunità indonesiana di Kadam Chöling.

Sua Santità ha iniziato ringraziando un attore indonesiano che aveva fatto un’offerta tradizionale di mandala e ha augurato ai suoi ascoltatori “Buongiorno”.

“Oggi”, ha continuato, “non vedo l’ora di dialogare coi giovani indonesiani, alcuni dei quali sono interessati al buddismo. Sono un praticante buddista e uno dei miei impegni è promuovere l’armonia interreligiosa. Tutte le nostre diverse tradizioni religiose, che si parli di induismo, cristianesimo, ebraismo, islam o buddismo, portano un messaggio comune sull’importanza dellamorevole gentilezza. Esse offrono visioni filosofiche diverse per rafforzare un senso di altruismo, un interesse per gli altri. Alcune dicono che c’è un Dio, altre si concentrano sulla legge della causalità. Il loro vero scopo è d’aiutare i loro seguaci a diventare persone più gentili e compassionevoli. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: In Conversation with Indonesian Students
Ago 11th, 2021 by admin

A member of the virtual audience making a traditional mandala offering at the start of His Holiness the Dalai Lama’s online conversation with Indonesian students from his residence in Dharamsala, HP, India on August 11, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

August 11, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, Mrs Dewi Lestari, an Indonesian writer and singer, welcomed His Holiness the Dalai Lama to a conversation with more than 1000 Indonesian students. The theme of the conversation was the Jataka Tales or stories of the Buddha’s previous lives, which are recorded in the book the ‘Jatakamala’, or ‘Garland of Birth Stories’, and are depicted on the Borobodur Stupa. The event was to launch the Nusantara Dharma Book Festival which is taking place in collaboration with the Indonesian Kadam Chöling community.

His Holiness began by thanking an Indonesian actor who had made a traditional mandala offering and wished his listeners “Good morning”.

Today,” he continued, “I’m looking forward to holding discussions with young Indonesians, some of whom have an interest in Buddhism. I’m a Buddhist practitioner, and one of my commitments is to promoting inter-religious harmony. All our different religious traditions, whether we’re talking about Hinduism, Christianity, Judaism, Islam, or Buddhism carry a common message about the importance of loving kindness. They each employ different philosophical views to strengthen a sense of altruism, a concern for others. Some say there is a God, others focus on the law of causality. The real aim of them all is to help their followers become kinder, more compassionate people. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: “Creare un mondo più felice”
Ago 4th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Nel nostro mondo interdipendente dobbiamo pensare all’unità dell’umanità. Dobbiamo considerare la comunità nel senso più ampio, perché dobbiamo vivere insieme. Per questo dobbiamo cercare di educare gli altri ad apprezzare che l’umanità è una sola famiglia.”

28 luglio 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Lord Richard Layard, professore alla London School of Economics e fondatore di “Action for Happiness” o “Azione per la felicità”, ha accolto questa mattina Sua Santità il Dalai Lama durante una conversazione sul tema: “Creare un mondo più felice” ed ha annunciato che oggi ricorre il decimo anniversario della fondazione di “Action for Happiness”, un’organizzazione a cui Sua Santità aveva aderito ancor prima che fosse costituita, ed ha ricordato a Sua Santità che avevano condiviso insieme una piattaforma a Zurigo per discutere di etica laica e, quando gli spiegò i suoi piani per “Action for Happiness”, Sua Santità gli disse: “Voglio unirmi”.

Più tardi, ha continuato, al Lyceum Theatre di Londra, Sua Santità lanciò il corso di Action for Happiness, “Exploring What Matters”. Furono effettuate delle verifiche sui partecipanti per valutare quale differenza avesse prodotto la frequenza del corso e ne scaturirono dei risultati positivi, con un significativo aumento della felicità di base. “Ricordo che quando quell’evento a Londra volgeva al termine, un corrispondente della BBC nel backstage le chiese quale preciso elemento avrebbe reso le persone più felici e lei ha immediatamente risposto: “Il buon cuore”. Il che mi fece venire le lacrime agli occhi.”

Al che Layard ha aperto la conversazione chiedendo a Sua Santità come possiamo generare il buon cuore.

“Siamo ben predisposti fin dalla nascita ad essere cordiali e a prenderci cura degli altri”, Sua Santità ha risposto. “La nostra stessa sopravvivenza dipende dagli altri membri della nostra comunità. Dal momento in cui nasciamo dipendiamo dall’affetto di nostra madre. Prendere confidenza con l’essere assistiti da giovani ci prepara a prenderci cura degli altri quando saremo a nostra volta in grado di farlo. Essere di buon cuore e prenderci cura l’uno dell’altro è una cosa naturale da fare. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Creating a Happier World
Ago 4th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama speaking during his conversation on ‘Creating a Happier World’ online from his residence in Dharamsala, HP, India on July 28, 2021. Photo by Ven Tenzin Ja

July 28, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Lord Richard Layard, Professor at the London School of Economics and founder of ‘Action for Happiness’, welcomed His Holiness the Dalai Lama to a conversation this morning about ‘Creating a Happier World’. He told him that today marks the tenth anniversary of the start of ‘Action for Happiness’, an organization he said His Holiness had joined before it was formed. He reminded His Holiness that they had shared a platform in Zurich discussing secular ethics when he explained his plans for ‘Action for Happiness’ and His Holiness told him, “I want to join”.

Later, he said, in the Lyceum Theatre in London, His Holiness launched Action for Happiness’s course, ‘Exploring What Matters’. Trials have been held to assess what difference attending the course had made for participants, and positive results, an increase in basic happiness, have been significant. “I remember that as that event in London came to an end, a BBC correspondent backstage asked you what single thing would make people happier and you immediately replied, ‘Warm-heartedness’. It brought tears to my eyes.”

Layard opened the conversation by asking His Holiness how we can make our hearts warmer.

We are well-equipped from birth to be warm-hearted and to take care of others,” he replied. “Our very survival depends on other members of our community. From the moment we are born we depend on our mother’s affection. Becoming familiar with being taken care of when we are young prepares us to look after others when are able to. Being warm-hearted and taking care of each other is a natural thing to do. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: “La Lampada sul Sentiero verso l’Illuminazione” di Atisha – 2° giorno
Lug 15th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “La rabbia è un’emozione forte, ma non è fondata sulla ragione. Mi d’aiuto la rabbia? Ci arrabbiamo per la frustrazione. Tuttavia, non dobbiamo arrenderci. Viviamo in società, e ne dipendiamo. Se ci arrabbiamo coi nostri vicini, saremo i perdenti. Guardate le cose da una prospettiva più ampia e coltiva la pazienza.

14 luglio 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, all’interno della sua residenza, Sua Santità il Dalai Lama è entrato nella stanza del collegamento web, ha salutato il pubblico che poteva vedere sugli schermi davanti a lui e si è seduto. Nel frattempo, al monastero di Thiksé in Ladakh, Thiksé Rinpoché si è prostrato e ha fatto un’offerta del mandala ed altri membri del pubblico si sono riuniti nel Leh Jokhang.

“Oggi è il quarto giorno del sesto mese del calendario lunare tibetano”, ha annunciato Sua Santità. “È un giorno propizio in cui commemoriamo il primo giro della ruota del Dharma del Buddha Shakyamuni. Per prima cosa, esamineremo la parte restante del testo che stavamo leggendo ieri e poi condurrò una cerimonia per generare bodhicitta.

Come ho detto in precedenza, non solo il maestro che conferisce un insegnamento di Dharma deve avere una motivazione pura, ma anche coloro che lo ascoltano dovrebbero essere ispirati a raggiungere l’illuminazione per il bene degli altri.

In questi giorni, nel nostro mondo materialmente avanzato, dove tante scelte e modi di pensare sono guidati dalla scienza e c’è così tanto sviluppo materiale, possiamo chiederci quanto sia rilevante la religione. La risposta è che non importa quanto sviluppo materiale possiamo avere, di per sé non ci porta la pace mentale. Lo sviluppo materiale è necessario, ma abbiamo anche bisogno della pace mentale. La pace interiore non è prodotta dalle macchine, né è il risultato di un farmaco o di un altro intervento medico. Per raggiungere la pace della mente abbiamo bisogno di addestrare la mente. Dobbiamo capire cosa disturba la nostra mente e come questi disturbi possono essere contrastati.

Tra gli scienziati che ho incontrato, ci sono quelli che hanno scarso interesse per le vite passate e future ma che considerano la meditazione, la compassione, una mente dal calmo dimorare e l’introspezione come intriganti ed utili. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Lamp for the Path to Enlightenment – 2
Lug 15th, 2021 by admin

Thiksé Rinpoché making a mandala offering at Thiksé Monastery in Ladakh at the start of the second day of His Holiness the Dalai Lama’s teachings online from his residence in Dharamsala, HP, India on July 14, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

July 14, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, at his residence, His Holiness the Dalai Lama entered the room, waved to the audience he could see on the screens before him, and sat down. Meanwhile, at Thiksé Monastery in Ladakh, Thiksé Rinpoché performed prostrations and made a mandala offering and other members of the audience gathered in the Leh Jokhang.

Today is the fourth day of the sixth month of the Tibetan lunar calendar,” His Holiness announced. “It’s an auspicious day on which we commemorate Buddha Shakyamuni’s first turning the wheel of dharma. First, we’ll go through the remaining part of the text we were reading yesterday and then I’ll conduct a ceremony for cultivating bodhichitta.

As I said previously, when we’re concerned with a dharma discourse not only must the teacher have a pure motivation, those listening to him or her should also be inspired to attain enlightenment for the sake of others.

These days, in our materially advanced world, where so much thinking is guided by science and there is so much material development, we may ask ourselves how religion is relevant. The answer is that no matter how much material development we may have, by itself it doesn’t bring us mental peace. Material development is necessary, but we also need peace of mind. Inner peace is not produced by machines, nor is it the result of an injection or other medical intervention. To achieve peace of mind we need to train the mind. We need to understand what disturbs our minds and how those disturbances can be countered. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: “La Lampada sul Sentiero verso l’Illuminazione” di Atisha – 1° giorno
Lug 14th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Perchè i sutra vengono presentati prima del tantra? Si tratta di un ordine realistico. Per cominciare, sviluppa la mente del risveglio e la comprensione della vacuità seguendo il sentiero dei sutra. Senza di loro non è possibile praticare il tantra.”

13 luglio 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Dopo che Sua Santità il Dalai Lama è giunto questa mattina ed ha preso posto nella stanza della sua residenza da cui trasmette via web, Thupstan Chhewang, presidente dell’Associazione buddista del Ladakh ha offerto prostrazioni ed ha fatto una breve introduzione all’evento, dichiarando che per due anni, 2019 e 2020, Sua Santità non ha potuto visitare il Ladakh e che i devoti, buddisti e non buddisti, hanno sentito la sua mancanza. Pertanto, quest’anno hanno invitato nuovamente Sua Santità, ma, ancora una volta, non è stato possibile, a causa della diffusa pandemia di coronavirus e delle relative restrizioni.

Pertanto, Thiksey Rinpoché, l’Associazione buddista del Ladakh e l’Associazione Ladakh Gonpa hanno chiesto a Sua Santità di tenere un discorso su Internet.

“Così oggi”, ha risposto Sua Santità, “ho accettato con gioia di insegnare la ‘Lampada per il Sentiero verso l’illuminazione’ https://www.sangye.it/altro/?p=81 ai fedeli laici e monaci del Ladakh. In Tibet facciamo una distinzione tra la diffusione precedente e quella successiva dell’insegnamento del Buddha. Ad un certo punto, dopo l’opposizione di Lang Darma, il buddismo cadde in declino. Di conseguenza, un re del Tibet occidentale fu ispirato a prendere provvedimenti per far rivivere e preservare l’insegnamento. Invitò Atisha https://www.sangye.it/altro/?cat=96 a visitare il Tibet dall’India e gli chiese di comporre un breve testo per i tibetani. Atisha fu compiaciuto della richiesta e scrisse questo testo a Thöling, come afferma la prima strofa, “Esortato dal perfetto discepolo Jangchup Wö”. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Lamp for the Path to Enlightenment – 1
Lug 14th, 2021 by admin

Thupstan Chhewang, President of Ladakh Buddhist Association, at the Jokhang Temple in Leh, Ladakh, India, introducing the first day of His Holiness the Dalai Lama’s online teachings on July 13, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

July 13, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – After His Holiness the Dalai Lama had arrived this morning and taken his seat in the room at his residence from which he webcasts, Thupstan Chhewang, President of Ladakh Buddhist Association offered prostrations and gave a short introduction to the occasion.

He declared that for two years, 2019 and 2020, His Holiness has been unable to visit Ladakh, and devotees, Buddhist and Non-buddhist, have missed him. Therefore, they requested His Holiness to visit this year, but again it has not been possible because of the widespread coronavirus pandemic and its associated restrictions.

Therefore, Thiksey Rinpoché, the Ladakh Buddhist Association and the Ladakh Gonpa Association requested His Holiness to give a discourse over the internet.

So today,” His Holiness responded, “I’ve happily agreed to teach ‘Lamp for the Path to Enlightenment’ to the faithful laypeople and monastics of Ladakh. In Tibet we distinguished between the earlier and later disseminations of the Buddha’s teaching. At certain point, after Lang Darma’s opposition, Buddhism fell into decline. Consequently, a king in western Tibet was inspired to take steps to revive and preserve the teaching. He invited Atisha to visit Tibet from India and requested him to compose a short text for Tibetans. Atisha was pleased by the request and wrote this text at Thöling, as the first verse states, ‘Urged by the good disciple Jangchup Wö’.

Eventually, ‘Lamp for the Path’ https://www.sangye.it/altro/?p=1095 would influence the Sakyas’ ‘Path and Fruit’ tradition. It was also the source for Tsongkhapa’s ‘Stages of the Path to Enlightenment’ texts, as well as the inspiration for Gampopa’s ‘Jewel Ornament of Liberation’. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: La Compassione nella Sanità
Lug 9th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Ogni attività umana dovrebbe essere intrisa di affetto. Oggi tutti i sette miliardi di esseri umani devono vivere insieme, quindi il senso dell’unità dell’umanità è più necessario che mai. Quando le persone sono motivate dalla compassione, l’onestà e la sincerità si manifestano naturalmente. Il lavoro di medici e infermieri è aiutare gli altri, quindi la compassione è certamente rilevante.”

7 luglio 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina Sua Santità il Dalai Lama è stato invitato a parlare di Compassione nell’assistenza sanitaria dalla Dr Reddy’s Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro fondata dal Dr K Anji Reddy. GV Prasad, co-presidente ed amministratore delegato di Dr Reddy’s Laboratories Ltd, ha aperto l’evento introducendo brevemente Sua Santità ed ha concluso congratulandosi con Sua Santità per aver festeggiato ieri il suo 86° compleanno.

“Namasté, Tashi Delek, buongiorno”, Sua Santità ha salutato il pubblico. “Ringrazio molto per avermi dato questa opportunità. Sono nato in Tibet, ma ho trascorso la maggior parte della mia vita in questo paese piacevole e pacifico. Qui c’è armonia religiosa e libertà di stampa. Sono in grado di esprimere liberamente i miei pensieri e possono raggiungere diverse parti del mondo. Sono felice di essere qui.

Per quanto riguarda il mio compleanno, ieri, molti vecchi amici e sostenitori mi hanno inviato i loro auguri. Tra loro c’erano il primo ministro indiano, i ministri del gabinetto dell’Unione ed i primi ministri degli stati indiani. Anche dall’estero ho avuto notizie di amici tra cui il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi. Il suo sostegno è andato oltre le parole gentili. Ha effettivamente visitato il Tibet, parlato con i leader tibetani e cinesi, ed è venuta qui a Dharamsala. Voglio ringraziare tutti loro per i loro generosi pensieri. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Compassion in Healthcare
Lug 7th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama taking questions from health care professionals audience during his talk on Compassion in Healthcare online from his residence in Dharamsala, HP, India on July 7, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

July 7, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, His Holiness the Dalai Lama was invited to speak about Compassion in Healthcare by Dr Reddy’s Foundation, a not-for-profit organization established by Dr K Anji Reddy. GV Prasad, Co-Chairman and Managing Director of Dr Reddy’s Laboratories Ltd opened the occasion by giving a short introduction to His Holiness. He ended by congratulating His Holiness on celebrating his 86th birthday yesterday.

Namasté, Tashi Delek, good morning,” His Holiness greeted the audience. “I really appreciate your giving me this opportunity. I was born in Tibet, but I have spent the major part of my life in this pleasant and peaceful country. Here there is religious harmony and freedom of the press. I am able to express my thoughts freely and they can reach out to different parts of the world. I’m happy to be here.

As far as my birthday, yesterday, is concerned, many old friends and well-wishers sent me their good wishes. Among them were the Indian Prime Minister, Ministers of the Union Cabinet and Chief Ministers. From abroad too I heard from friends including the Speaker of the United States House of Representatives, Nancy Pelosi. Her support has extended beyond kind words. She has actually visited Tibet, spoken to Tibetan and Chinese leaders, as well as coming here to Dharamsala. I want to thank all of them for their generous thoughts.

Signs in my dreams and other indications have suggested that I may live to be 110 or even 113 years old. I felt the friendly messages I received yesterday were sincere and whole-hearted, not just diplomatic gestures. They encourage me to live as long as I can. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama’s 86th Birthday Message
Lug 7th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama’s present

His Holiness the Dalai Lama’s message on the occasion of his 86th birthday on July 6, 2021, from His Holiness’s Residence, Dharamsala, HP, India.

Now, I’m joust a human being. Many people really show they love to me. And many peolple actually love my smile. In spite of my old age, my face is quite handsome. So many people show me genuine friendship. Now it’s nearly my birthday. I want to express my deep appreciation all my friends who really show me love, respect and trust. I want express my thanks. For myself I can ensure you that for the rest of my life I’m committed serving humanity and work to protect the climate condition. So, since I become a refugee and now settled in India I have taken full advantage of India’s freedom and religious harmony. So, I want to assure you that for the rest of my life I will be fully committed to this work. I really appreciate the India concept of secular values, not dependent on religion, such as honesty, karuna (compassion) and aimsha (non violence). So, my dear friends, on my birthday this is my gift. So, please keep in your mind. I myself am committed to non violence and compassion until my death. So, this is my offering to my friends. So, I hope that my friends also keep non violence and compassion for the rest of your life. So, firstly this is like a report about my life. And secondly all my human brothers and sisters should keep these two, non violence and compassion, until your death. Thank you. https://www.dalailama.com/videos/86th-birthday-message

Sua Santità il Dalai Lama: Dialogo per un mondo migliore, ricordando Francisco Varela
Giu 11th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Sono impegnato nell’idea dell’unicità dell’umanità. Come esseri umani siamo tutti uguali. Inoltre, dobbiamo vivere tutti insieme su questo pianeta. Abbiamo un’economia globale. Dipendiamo gli uni dagli altri. Pertanto, dobbiamo pensare al benessere di tutti i sette miliardi di esseri umani ora viventi.”

9 giugno 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Quando Sua Santità il Dalai Lama questa mattina è entrato nella stanza della sua residenza da dove prende parte agli incontri virtuali online, ha portato con sé ed ha mostrato a tutti, la fotografia di Francisco Varela che custodisce. Gábor Karsai, amministratore delegato, Mind & Life Europe lo ha accolto all’incontro online: un “Dialogo per un mondo migliore – Ricordando Francisco Varela”, il primo evento di una serie chiamata “Francisco & Friends: an Embodiment of Relationship”. La serie commemora Varela, uno dei fondatori chiave di Mind & Life, scomparso poco più di vent’anni fa. Karsai ha invitato tutti a guardare una serie di fotografie dei primi incontri di Mind & Life con Varela.

Il dott. Pier Luigi Luisi, professore emerito di biochimica all’ETH di Zurigo, ha aperto la conversazione. Ha ricordato di essere stato presente ad un evento ad Alpbach, in Austria, nel 1983, quando Sua Santità e Francisco Varela si sono incontrati per la prima volta. È stata un’occasione che si è svolta in un clima di amore e di amicizia. Luisi ha chiesto cosa ha reso speciale l’amicizia con Varela per Sua Santità.

Fin da quando ero molto giovane”, ha risposto Sua Santità, “mi sono interessato alle cose meccaniche. Avevo un proiettore cinematografico che era appartenuto al 13° Dalai Lama e la mia curiosità su come la piccola batteria producesse la potenza per gestire ed illuminare il proiettore, mi ha stimolato un interesse per l’elettricità. Allo stesso tempo, sin dalla mia infanzia sono stato impegnato nello studio della filosofia buddista.

Quando ho incontrato Varela, ho incontrato qualcuno che era uno scienziato, ma che era anche profondamente interessato al buddismo. Quando parlava da un punto di vista buddista, diceva: “Sto dicendo questo indossando il mio cappello buddista” e più tardi, quando offriva un’opinione scientifica, “Ora indosso il mio cappello da scienziato”. Mi sono reso conto che avevo bisogno di qualcuno come lui che capisse il buddismo ma che fosse anche professionalmente uno scienziato. Mi ha colpito e lo ricorderò sempre. Ancora oggi conservo la sua foto in camera mia. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Dialogue for a Better World – Remembering Francisco Varela
Giu 10th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama holding a photograph of Francisco Varela that he keeps at home at the start of the ‘Dialogue for a Better World – Remembering Francisco Varela’ on June 9, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

June 9, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – When His Holiness the Dalai Lama entered the room in his residence from where he takes part in online virtual meetings this morning, he brought with him, and held up for all to see, the photograph of Francisco Varela that he keeps at home. Gábor Karsai, Managing Director, Mind & Life Europe welcomed him to a ‘Dialogue for a Better World – Remembering Francisco Varela’, the first event in a series called ‘Francisco & Friends: an Embodiment of Relationship’. The series commemorates Varela, one of the key founders of Mind & Life, who passed away just over twenty years ago. Karsai invited everyone to view a number of photographs from early Mind & Life meetings featuring Varela.

Dr Pier Luigi Luisi, Professor Emeritus of Biochemistry at ETH, Zurich, opened the conversation. He recalled being present at an event in Alpbach, Austria, in 1983, when His Holiness and Francisco Varela first met. It was an occasion that took place in an atmosphere of love and friendship. Luisi asked what made friendship with Varela special for His Holiness.

Since I was very young,” His Holiness replied, “I’ve had an interest in mechanical things. I had a movie projector that had belonged to the 13th Dalai Lama and my curiosity about how the small battery produced the power to drive and illuminate the projector stimulated an interest in electricity. At the same time, from my childhood I was engaged in studying Buddhist philosophy. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Destino Realizzato di Jé Tsongkhapa, 2° giorno
Giu 2nd, 2021 by admin

Sua Santità il Dalia Lama: “Quando la mente è strettamente chiusa, focalizzata su sé stessa, solo sui bisogni di una singola persona: può essere soggetta a depressione. Un buon modo per liberarsene è aprire il tuo cuore agli altri e preoccuparsi invece del loro benessere.

2 giugno 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – “Questo è il secondo giorno dei nostri insegnamenti per i giovani tibetani”, così ha esordito questa mattina Sua Santità il Dalai Lama. “Leggeremo la parte restante di ‘Destino Realizzato’. Quindi, sebbene alla fine di queste sessioni di solito conduco una cerimonia per coltivare la mente del risveglio di bodhicitta, ho pensato che oggi potremmo coltivare la mente di yoga onnicomprensiva.

Vasubandhu ha spiegato una duplice divisione degli insegnamenti del Buddha: scrittura e realizzazione. Ha anche affermato che ci sono solo due modi per preservare l’insegnamento: lo studio e la pratica. Come seguaci della Tradizione di Nalanda, questo è l’approccio introdotto da Shantarakshita che noi sosteniamo. Questa è una tradizione che ha dato origine a molti grandi studiosi ed adepti, esseri che hanno studiato e praticato. E questo è vero per tutte le scuole del buddismo tibetano.

La terza sezione di “Destino Realizzatohttps://www.sangye.it/altro/?p=6093 è intitolata: Come ho praticato giorno e notte e ho dedicato la virtù affinché gli insegnamenti fiorissero. Jé Rinpoché https://www.sangye.it/altro/?p=942 menziona due sistemi all’interno del Mahayana o Veicolo Universale: la Perfezione della Saggezza https://www.sangye.it/altro/?p=10027 ed il Tantra https://www.sangye.it/altro/?p=2913. Comuni a questi due sistemi sono la coltivazione della mente del risveglio e la saggezza che comprende la vacuità. Tocca anche gli stadi di generazione e completamento di Guhyasamaja https://www.sangye.it/altro/?p=11213. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Jé Tsongkhapa’s ‘Destiny Fulfilled’ — Second Day
Giu 2nd, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama answering a question from a member of the virtual audience on the second day of his online teachings for young Tibetans at his residence in Dharamsala, HP, India on June 2, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

June 2, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – “This is the second day of our teachings for young Tibetans,” His Holiness the Dalai Lama began this morning. “We’ll read the remaining part of ‘Destiny Fulfilled’. Then, although I usually conduct a ceremony for cultivating the awakening mind of bodhichitta at the end of these sessions, I thought today we could cultivate the all-encompassing yoga mind.

Vasubandhu explained a twofold division of the Buddha’s teachings—scripture and realization. He also stated that there are only two ways to preserve the teaching—study and practice. As followers of the Nalanda Tradition this is the approach introduced by Shantarakshita that we uphold. This is a tradition that has given rise to many great scholars and adepts — beings who studied and practised. And this is true of all schools of Tibetan Buddhism.

The third section of ‘Destiny Fulfilled’ is entitled – How I practised day and night and dedicated the virtue for the teachings to flourish. Jé Rinpoché mentions two systems within the Mahayana or Universal Vehicle — the Perfection of Wisdom and Tantra. Common to these two systems are the cultivation of the awakening mind and the wisdom understanding emptiness. He also touches upon the generation and completion stages of Guhyasamaja.

In his examination of the four classes of tantra, when it came to Highest Yoga Tantra, Jé Rinpoché paid closest attention to Guhyasamaja. He wrote about it and the essential parts of the completion stage in the ‘Lamp to Illuminate the Five Stages’ and a summary text called a ‘Practical Guide to the Five Stages of Guhyasamaja Completion Stage in a Single Sitting’. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Destino Realizzato di Jé Tsongkhapa, 1° giorno
Giu 1st, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Non prego affinché i sette miliardi di esseri umani in vita oggi diventino buddisti, ma lavoro per creare un mondo pacifico in cui le persone coltivano amore e compassione gli uni per gli altri.”

1 giugno 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Sua Santità il Dalai Lama ha iniziato quest’anno i suoi insegnamenti per i giovani tibetani richiamando le origini del buddismo in Tibet. Ha ricordato che nel VII secolo fu creata una scrittura tibetana basata sull’alfabeto indiano Devanagari. Successivamente, la letteratura buddista indiana fu tradotta in tibetano. Il risultato fu una raccolta di circa 100 volumi di sutra tradotti in tibetano e altri 220 volumi di trattati per lo più indiani tradotti in tibetano. Ciò significava che i tibetani non dovevano fare affidamento su nessun’altra lingua, se non la loro, per studiare il buddismo. Di conseguenza nacquero molti grandi studiosi ed adepti.

Lo studio degli insegnamenti del Buddha alla luce della logica e della ragione”, ha osservato Sua Santità, “è ora preservato solo nella tradizione tibetana. Il buddismo cinese non adotta questo approccio. I seguaci della tradizione Pali studiano ciò che dicono le scritture, ma li canzono per la mancanza degli strumenti della ragione e della logica, il che significa che sono come degli sdentati quando si tratta di masticare punti difficili.

La familiarità con la ragione e la logica ci ha permesso, ormai da molti anni, di impegnarci in discussioni con gli scienziati. Ed entriamo con fiducia in tali discussioni. L’antica tradizione indiana aveva una conoscenza approfondita del funzionamento della mente e delle emozioni. Aggiungete a ciò una padronanza della ragione e della logica ed una comprensione della realtà come delineata nel pensiero della Via di Mezzo https://www.sangye.it/altro/?p=10268 e siamo ben preparati a discutere con gli scienziati. Tradizionalmente la ragione e la logica ed il pensiero della Via di Mezzo https://www.sangye.it/altro/?p=3159 sono raffigurati come due leoni aggiogati al collo. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Jé Tsongkhapa’s ‘Destiny Fulfilled’ — First Day
Giu 1st, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “I don’t pray for the seven billion human beings alive today to become Buddhists, but I work to create a peaceful world in which people cultivate love and compassion for one another.”

June 1, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – His Holiness the Dalai Lama began his teachings for young Tibetans this year by harking back to the origins of Buddhism in Tibet. He recalled that in the 7th century a Tibetan written script was created based on the Indian Devanagari alphabet. Subsequently, Indian Buddhist literature was translated into Tibetan. The result was a collection of about 100 volumes of translated sutras and another 220 volumes of mostly Indian treatises. This meant that Tibetans did not have to rely on any other language to study Buddhism. Many great scholars and adepts came about as a consequence.

Studying the Buddha’s teachings in the light of logic and reason,” His Holiness remarked, “is now only preserved in the Tibetan tradition. Chinese Buddhism doesn’t take this approach. Followers of the Pali Tradition study what the scriptures say, but I tease them that lacking the tools of reason and logic means they are toothless when it comes to chewing over difficult points.

Familiarity with reason and logic has enabled us to engage in discussions with scientists for many years now. And we enter into such discussions with confidence. Ancient Indian tradition had thorough knowledge of the workings of the mind and emotions. Add to that a command of reason and logic and an understanding of reality as outlined in the Middle Way thought and we are well-prepared for discussion with scientists. Traditionally reason and logic and Middle Way thought are characterized as two lions yoked at the neck. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Insegnamento sul Vesak ed I Tre Aspetti Principali del Sentiero
Mag 30th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Da un punto di vista buddista, l’ostacolo principale a mostrare amore ed affetto per gli altri è la nostra predisposizione all’egoismo.”

26 maggio 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Sua Santità il Dalai Lama tiene un breve discorso ed un insegnamento per i mongoli in occasione dell’osservanza nazionale ufficiale del Saka Dawa in Mongolia online dalla sua residenza di Dharamsala, HP, India il 26 maggio 2021 su richiesta del monastero di Gandantegchenlin, cui fa seguito un insegnamento su I Tre Aspetti Principali del Sentiero di Je Tsongkhapa e dal conferimento della Cerimonia per la generazione di Bodhichitta su richiesta della Geluk International Foundation e della Drepung Loseling Tulku Association.

Questa mattina, il giorno di luna piena di Saka Dawa, noto anche come Buddha Purnima, il giorno che commemora la nascita, l’illuminazione ed il mahaparinirvana del Buddha, Khamba Lama Gabju, leader dei buddisti mongoli, ha aperto i lavori offrendo un mandala nel monastero di Gandantegchenlin, Ulan Bator, Mongolia. “Con profondo rispetto per Buddha Shakyamuni.” Sua Santità il Dalai Lama ha esordito: “Farò un breve discorso ai miei fratelli e sorelle mongoli. La Mongolia ed il Tibet hanno un legame unico e la maggior parte dei mongoli sono seguaci di Jé Tsongkhapa.

Il Buddha disse: ‘Sii il tuo maestro. Il futuro è nelle tue mani.” Altre tradizioni religiose suggeriscono che il futuro è nelle mani di Dio, ma il Buddha ci disse che, se facciamo del bene, raccoglieremo buoni frutti, ma, se non lo facciamo, non c’è niente che lui può fare al riguardo. Quindi: sperimentare la felicità o la sofferenza dipende da noi.

Gli esseri umani sono intelligenti e possono rendersi conto delle loro menti. Se le nostre menti sono indisciplinate, tendiamo a fare del male ed a subirne le conseguenze. Se addestriamo le nostre menti, saremo felici. Tutte le tradizioni spirituali ci insegnano a disciplinare le nostre menti, ma il buddismo raccomanda non di pregare ma di lavorare con la mente e di pensare alle cose fino a farle. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama’s Teachings on Buddha Purnima
Mag 26th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama reading from Tsongkhapa’s “Three Principal Aspects of the Path” during his teachings online from his residence in Dharamsala, HP, India on May 26, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

May 26, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, the full-moon day of Saka Dawa, also known as Buddha Purnima, the day that commemorates the Buddha’s birth, enlightenment and mahaparinirvana, Khamba Lama Gabju, leader of Mongolian Buddhists opened proceedings by offering a mandala in Gandantegchenlin Monastery, Ulaanbaatar, Mongolia. “With deep respect for Buddha Shakyamuni.” His Holiness the Dalai Lama began, “I’ll give a short talk to my Mongolian brothers and sisters. Mongolia and Tibet have a unique connection and most Mongolians are followers of Jé Tsongkhapa.

The Buddha said, ‘You are your own master. The future is in your hands.’ Other religious traditions suggest that the future is in the hands of God, but the Buddha told us that if we do good, we’ll reap good fruit, but if we don’t, there’s nothing he can do about it. So, whether we experience happiness or suffering is up to us.

Human beings are intelligent and can take their minds into account. If our minds are unruly, we tend to do harm and suffer the consequences. If we tame our minds, we’ll be happy. All spiritual traditions teach us to discipline our minds, but Buddhism recommends not prayer but working with the mind and thinking things through to do this. Read the rest of this entry »

Il messaggio di Sua Santità il Dalai Lama per il Vesak, Buddha Purnima
Mag 26th, 2021 by admin

In questa occasione propizia, quando commemoriamo la nascita, l’illuminazione e l’ingresso nel Mahaparinirvana del Buddha, offro i miei saluti ai fratelli buddisti di tutto il mondo.

Buddha Shakyamuni nacque circa 2600 anni fa nell’antica India come principe del clan Shakya. Le tradizioni pali e sanscrite dichiarano che il Buddha raggiunse l’illuminazione all’alba del giorno della luna piena che chiamiamo Buddha Purnima. Entrambe le tradizioni concordano sul fatto che il Buddha non fu fin dall’inizio illuminato, ma divenne il Buddha incontrando le giuste condizioni e sforzandosi di accumulare le due raccolte di meriti e saggezza. Secondo la tradizione sanscrita, ha dovuto farlo per molti eoni ed ha comportato la sua manifestazione nei quattro corpi di un Buddha: il corpo della verità naturale, il corpo della verità di saggezza, il corpo del completo godimento ed il corpo d’emanazione.

Il completo assorbimento di un Buddha nella meditazione sulla vacuità è il Corpo di Verità della Saggezza, dal quale si manifesta in diverse forme. Il Corpo di Completo Godimento appare agli Arya Bodhisattva, mentre il Corpo d’Emanazione è visibile a tutti. Buddha Shakyamuni era un Corpo di Emanazione Supremo, la fonte di un flusso continuo di attività a beneficio degli esseri senzienti.

L’insegnamento del Buddha è essenzialmente pratico. Non è solo per un gruppo di persone od un paese, ma per tutti gli esseri senzienti. Le persone possono seguire questo percorso secondo la loro capacità ed inclinazioni. Per esempio, ho iniziato da bambino il mio addestramento buddista e sebbene ora abbia quasi 86 anni, sto ancora imparando. Pertanto, ogni volta che posso, incoraggio i buddisti che incontro ad essere buddisti del 21° secolo, a scoprire cosa significa veramente l’insegnamento ed a metterlo in pratica. Ciò implica ascoltare e leggere, pensare a ciò che hai sentito e letto e familiarizzarsi profondamente con esso.

Sebbene il nostro mondo sia sostanzialmente cambiato dai tempi del Buddha, l’essenza del suo insegnamento rimane rilevante oggi come lo era 2600 anni fa. Sia la tradizione pali che quella sanscrita possiedono metodi per ottenere la liberazione dall’ignoranza e dalla sofferenza. Il consiglio del Buddha, detto semplicemente, era di evitare di danneggiare gli altri e di aiutarli ogni volta che possiamo ed in qualunque modo possibile. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama’s Message for Buddha Purnima / Vesak
Mag 26th, 2021 by admin

On this auspicious occasion, when we commemorate the Buddha’s birth, enlightenment and entering into Mahaparinirvana, I offer my greetings to fellow Buddhists all over the world.

Buddha Shakyamuni took birth as a prince of the Shakya clan in ancient India about 2600 years ago. The Pali and Sanskrit Traditions declare that the Buddha attained enlightenment at dawn of the full moon day that we call Buddha Purnima. Both the traditions agree that he was not enlightened from the beginning but became the Buddha through meeting the right conditions and striving to accumulate the two stores of merit and wisdom. According to the Sanskrit Tradition, he had to do that for many aeons and entailed his manifesting the four bodies of a Buddha—the Natural Truth Body, the Wisdom Truth Body, the Complete Enjoyment Body and the Emanation Body.

A Buddha’s complete absorption in meditation on emptiness is the Wisdom Truth Body, from which he manifests in different forms. The Complete Enjoyment Body appears to Arya Bodhisattvas, while the Emanation Body is visible to all. Buddha Shakyamuni was a Supreme Emanation Body, the source of a continuous flow of activities to benefit sentient beings. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Creare Speranza
Mag 21st, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Il distruttore più efficace della pace della mente è la rabbia, ma la rabbia può essere contrastata sviluppando l’altruismo e la compassione per gli altri.”

19 maggio 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Questa mattina, dopo che Sua Santità il Dalai Lama ha sorriso, salutato e si è seduto davanti alle telecamere, Celesta Billeci, Executive Director of Arts & Lectures, University of California, Santa Barbara (UCSB), ha introdotto l’evento. “Stiamo vivendo in un momento che richiede ottimismo, resilienza, coraggio e visione”, ha esordito. “Chi meglio del Dalai Lama per suscitare queste qualità in noi?” Henry Yang, Rettore dell’Università, ha accolto tutti e, rivolgendosi a Sua Santità, ha dichiarato: “È un onore straordinario accoglierLa oggi”.

“Sono lieto di condividere questo messaggio di speranza di Sua Santità il Dalai Lama”, ha continuato. “Questa è la quinta volta che abbiamo il privilegio di accoglierlo qui. E sono ormai vent’anni da quando abbiamo fondato la cattedra di studi tibetani del 14° Dalai Lama. Il Dalai Lama è un incomparabile maestro buddista ed un campione di riconciliazione. Irradia compassione e pace “.

Detto questo, ha invitato Pico Iyer ad aprire una conversazione con Sua Santità.

Pico Iyer: Benvenuto Santità, è bello rivederla. Stiamo rivolgendo la nostra attenzione alla speranza. Cosa significa speranza per i buddisti?

Sua Santità il Dalai Lama: “Per dirla semplicemente, la nostra vita si basa sulla speranza, sul desiderio che le cose vadano bene. Anche nel grembo materno, la tranquillità della madre nutre il nascituro. La speranza è connessa al futuro. Sebbene nulla possa essere garantito per il futuro, rimaniamo fiduciosi, il che è molto meglio che essere pessimisti. Anche a livello globale abbiamo motivi di speranza. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Creating Hope, a Conversation with Pico Iyer
Mag 20th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama listening to a question asked by Pico Iyer during their online conversation from his residence in Dharamsala, HP, India on May 19, 2021. Photo by Ven Tenzin Jamphel

May 19, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – This morning, after His Holiness the Dalai Lama had smiled, waved and taken his seat in front of the cameras, Celesta Billeci, Executive Director of Arts & Lectures, University of California, Santa Barbara (UCSB), introduced the occasion. “We’re living in a moment that calls for optimism, resilience, courage and vision,” she said. “Who better to spark these qualities in us than the Dalai Lama?” Henry Yang, Chancellor of the University welcomed everyone and addressing His Holiness declared, “It’s an extraordinary honour to welcome you today.”

I am delighted to share this message of hope from His Holiness the Dalai Lama,” he continued. “This is the fifth time we’ve had the privilege of welcoming him here. And it is now twenty years since we established the 14th Dalai Lama Chair of Tibetan Studies. The Dalai Lama is an incomparable Buddhist teacher and a champion of reconciliation. He radiates compassion and peace.”

With that, he called on Pico Iyer to open a conversation with His Holiness.

Pico Iyer: Welcome Your Holiness, it’s nice to see you again. We are turning our focus to hope. What does hope mean for Buddhists?

To put it simply, our life is based on hope, a desire for things to turn out well. Even in the womb, their mother’s peace of mind affects the unborn child. Hope is concerned with the future. Although nothing about the future can be guaranteed, we remain hopeful, which is much better than being pessimistic. On a global level too, we have grounds for hope.

We all come from our mother. We grow under her care. Appreciating her kindness, without which we would not have survived, is a basis on which to cultivate compassion. Experiencing our mother’s kindness gives us hope. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Come studiare la meditazione con metodi scientifici
Mag 8th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “La rinascita implica la coscienza. La coscienza consiste in una continuità di momenti di coscienza. La sua natura è chiarezza e consapevolezza. Le menti di tutte le creature coscienti sono così. Se proviamo a trovare un inizio alla coscienza, ci scontriamo con la necessità che sorga da una causa compatibile: questa è una coscienza precedente. Pertanto, concludiamo che la coscienza non ha inizio, perché la sua fonte deve essere un momento precedente di coscienza.”

Sua Santità il Dalai Lama dialoga su Come studiare la meditazione con metodi scientifici e risponde alle domande del team di ricerca russo del Progetto di studio della meditazione e degli stati alterati di coscienza nei monasteri buddisti tibetani online dalla sua residenza a Dharamsala, HP, India il 5 maggio 2021, organizzato da Save Tibet Foundation (Mosca) e Tibet Culture and Information Center.

5 maggio 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Natalia Inozemtseva, vicedirettore della Save Tibet Foundation, Russia, ha introdotto questa mattina il dialogo tra Sua Santità il Dalai Lama ed un gruppo di neuroscienziati russi, ricordando che, il primo di questa serie di incontri si svolse a Delhi nel 2017 dal titolo: “Conoscenza fondamentale”. Un successivo incontro si tenne a Dharamsala nel 2018. Di conseguenza, gli scienziati russi hanno avviato un progetto di ricerca sul “thukdam”, il fenomeno che a volte si verifica quando un meditatore esperto muore e la sua coscienza sottile rimane nel corpo, anche dopo la morte clinica.

Il prof. Medvedev ha invitato Sua Santità a chiarire quale valore potrebbe avere lo studio del “thukdam” per l’umanità in generale. Sua Santità ha risposto che i buddisti tibetani credono che le persone attraversino un processo di dissoluzione nel corso della morte. Una volta che alcuni meditatori esperti cessano di respirare, il processo di dissoluzione che attraversano include tre visioni: aspetto biancastro, incremento rossastro e conseguimento del quasi nero. Nel corso di questi tre stadi si dissolvono 80 differenti concezioni: 33 durante la visione dell’aspetto biancastro, 40 durante l’incremento rossastro ed infine sette durante lo stadio del raggiungimento del quasi nero.

“Dobbiamo intraprendere più ricerche”, ha detto Sua Santità, “ed indagare su più casi di ‘thukdam’ per stabilire se le visioni siano associate alla dissoluzione degli elementi più grossolani. Poiché si osserva che il corpo di una persona che attraversa questo processo può rimanere caldo, è possibile che la dissoluzione degli elementi terra, acqua e fuoco non coincidano con le tre visioni.

Quando una persona comune muore, c’è una dissoluzione degli elementi. I buddhisti credono che gli esseri vivano vite passate e future, quindi anche questo ha qualcosa a che fare. Il mio tutor anziano, Ling Rinpoché, rimase in “thukdam” per 13 giorni. Recentemente, un monaco del monastero di Kirti è rimasto in questo stato per 37 giorni. Questa è una realtà osservabile, che dobbiamo essere in grado di spiegare. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: A Scientific Investigation of Meditation
Mag 6th, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “Rebirth involves consciousness. Consciousness consists of a continuity of moments of consciousness. Its nature is clarity and awareness. The minds of all conscious creatures are like this. If we try to find a beginning to consciousness, we come up against the need for it to arise from a compatible cause, that is a previous consciousness. Therefore, we conclude that consciousness has no beginning because its source has to be a previous moment of consciousness.”

May 5, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – Mrs Natalia Inozemtseva, Deputy Director of Save Tibet Foundation, Russia, introduced this morning’s dialogue between His Holiness the Dalai Lama and a group of Russian neuroscientists. She recalled that the first in this series of meetings took place in Delhi in 2017 under the banner ‘Fundamental Knowledge’. A subsequent meeting was held in Dharamsala in 2018. Consequently, Russian scientists launched a project of research into ‘thukdam’, the phenomenon that sometimes occurs when an accomplished meditator dies and their subtle consciousness remains in the body, even after clinical death.

Prof Medvedev invited His Holiness to clarify what value the study of ‘thukdam’ could have for humanity in general. He replied that Tibetan Buddhists believe that people go through a process of dissolution in the course of death. Once some accomplished meditators cease breathing, the process of dissolution they go through includes three visions—whitish appearance, reddish increase and black near attainment. In the course of these three stages 80 different conceptions dissolve—33 during the vision of whitish appearance, 40 during reddish increase and finally seven during the stage of black near attainment.

We need to undertake more research,” His Holiness said, “and investigate more cases of ‘thukdam’ to establish whether the visions are associated with dissolution of the coarser elements. Since it is observed that the body of a person going through this process can remain warm, it may be that the dissolution of the earth, water and fire elements do not coincide with the three visions.

When an ordinary person dies, there is a dissolution of the elements. Buddhists believe that beings go through past and future lives, so there is some bearing on this too. My own Senior Tutor, Ling Rinpoché remained in ‘thukdam’ for 13 days. Recently, a monk at Kirti Monastery remained in this state for 37 days. This is an observable reality, which we need to be able to explain.

There is evidence to see and measure. We can also find a detailed explanation of the inner subjective experience of the process of death in the Guhyasamaja Tantra texts. I hope scientists can take all this into account and come up with an explanation.” Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: il Sutra del Cuore
Mag 2nd, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: Abbiamo una meravigliosa intelligenza umana. Di fronte ai problemi, non lasciarti facilmente disturbare. Chiaramente, preghiamo per il benessere di tutti gli esseri senzienti nostre madri. La chiave consiste nell’essere motivati a portare loro la felicità. Le preghiere ed i rituali sono di secondaria importanza rispetto alla pratica principale di coltivare la mente del risveglio e la comprensione della vacuità. Quando sei motivato dall’altruismo, la tua mente è naturalmente aperta.

1 maggio 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – I principali destinatari dell’odierno insegnamento online di Sua Santità il Dalai Lama si sono riuniti in una grande sala a Taipei, Taiwan, iniziando, nel momento in cui Sua Santità è apparsa sui loro schermi, con la recita in cinese del “Cuore della saggezza”, il “Sutra del cuore”, cui ha fatto seguito una breve offerta del mandala, dopo di che Sua Santità ha chiesto loro di cantare anche un ulteriore verso, che riassume la pratica del Dharma:

Possa io essere in grado di dissipare i tre veleni

Possa la luce della saggezza brillare intensamente

Possa io essere in grado di superare tutti gli ostacoli

Possa io essere in grado di impegnarmi nelle azioni dei Bodhisattva.

Oggi, oh miei amici del Dharma di Taiwan”, ha esordito Sua Santità, “siete dei discepoli che desiderano ascoltare l’insegnamento, quindi ho la responsabilità di conferirvelo e sono felice di poter parlare del ‘Sutra del Cuore ‘.

Il buddismo è una delle tante religioni del mondo. La differenza è che il Buddha consigliò ai suoi seguaci di non accettare ciò che diceva per il valore nominale, ma di esaminare le sue parole come un orafo analizza la qualità dell’oro. Tutte le tradizioni religiose insegnano l’importanza dell’amore, ma solo il Buddha incoraggiò i suoi seguaci ad esaminare attentamente ciò che insegnava. Quando comprendete l’insegnamento come ispirato dalla ragione e per voi di beneficio, solo allora seguitelo.

Il Buddha ha identificato le Quattro Nobili Verità https://www.sangye.it/altro/?p=3785 come: la sofferenza, la sua origine, la sua cessazione ed il sentiero. In quell’occasione spiegò di nuovo, in termini di funzione, come comportarsi. Nessuno vuole soffrire, quindi dobbiamo esplorare il motivo per cui soffriamo. È come quando ci ammaliamo e consultiamo un medico per scoprire cosa c’è che non va. Le cause della sofferenza risiedono nelle azioni che compiamo spinti da emozioni disturbanti od afflizioni mentali: come la rabbia e l’attaccamento. Il Buddha ha insegnato che questa origine – karma ed afflizioni – dovrebbe essere superata. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: the Heart of Wisdom
Mag 1st, 2021 by admin

His Holiness the Dalai Lama: “There isn’t a great deal of difference between Buddhist practitioners today and at the time of the Buddha. Conventionally monks and nuns wear robes, but there is no reason why you can’t practise wearing a suit. Practice is about transforming the mind; not how external appearances have developed. Whether or not you can do intense practice of the dharma, I request to you to be kind to others and to help them in any way you can.”

May 1, 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India – The principal recipients of His Holiness the Dalai Lama’s online teaching today were assembled in a large hall in Taipei, Taiwan. They commenced their recitation of the ‘Heart of Wisdom’, the ‘Heart Sutra’, in Chinese the moment His Holiness appeared on their screens. This they followed with a short mandala offering, after which His Holiness asked them also to chant a further verse, which encapsulates the practice of the Dharma:

May I be able to dispel the three poisons
May the light of insight shine brightly
May I be able to overcome all obstacles
May I be able to engage in the deeds of Bodhisattvas.

Today, my dharma friends in Taiwan,” His Holiness began, “there are disciples who wish to hear the teaching, so I have a responsibility to give it to you, and I’m happy to be able to talk about the ‘Heart Sutra’.

Buddhism is one among the many religions in the world. The difference is that the Buddha counselled his followers not to accept what he said at face value, but to examine his words as a goldsmith analyses the quality of gold. All religious traditions teach the importance of love, but only the Buddha encouraged his followers to scrutinize what he taught. He said when you understand the teaching as reasonable and beneficial only then follow it. Read the rest of this entry »

Sua Santità il Dalai Lama: Messaggio per la Giornata della Terra 2021
Apr 23rd, 2021 by admin

In occasione della Giornata della Terra 2021, faccio appello ai miei fratelli e sorelle in tutto il mondo affinché prestino attenzione sia alle sfide che alle opportunità che abbiamo di fronte su questo pianeta blu, che condividiamo.

Scherzo spesso sul fatto che la luna e le stelle sono bellissime, ma, se qualcuno di noi cercasse di viverci, saremmo infelici.

Questo nostro pianeta è un habitat delizioso. La sua vita è la nostra vita, il suo futuro è il nostro futuro. In effetti, la terra si comporta per tutti noi come una madre. Come i bambini dipendono dalla mamma, così dipendiamo dalla Terra. Di fronte a problemi globali come l’effetto del riscaldamento globale e l’esaurimento dello strato di ozono, le singole organizzazioni e le singole nazioni sono impotenti. A meno che non lavoriamo tutti insieme, non è possibile trovare alcuna soluzione. La nostra madre terra ci sta insegnando una lezione sulla responsabilità universale.

Prendete come esempio la questione dell’acqua. Oggi, più che mai, il benessere dei cittadini in molte parti del mondo, soprattutto delle mamme e dei bambini, è ad estremo rischio a causa della grave mancanza di adeguate condizioni idriche, igieniche e sanitarie. È preoccupante che l’assenza di questi servizi sanitari essenziali nel mondo abbia un impatto su quasi due miliardi di persone. Eppure è risolvibile. Sono grato al Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, che ha lanciato un urgente invito all’azione globale.

L’interdipendenza è una legge fondamentale della natura. L’ignoranza dell’interdipendenza ha colpito non solo il nostro ambiente naturale, ma anche la nostra società umana. Pertanto, noi esseri umani dobbiamo sviluppare un maggiore senso di unità di tutta l’umanità. Ognuno di noi deve imparare a lavorare non solo per stesso, la famiglia o la nazione, ma a beneficio di tutta l’umanità. A questo proposito, sono lieto che quest’anno il presidente Joe Biden ospiterà un vertice sul clima dei leader mondiali nella Giornata della Terra, riunendo i leader mondiali per discutere una questione che ha un impatto su tutti noi.

Se il nostro pianeta deve essere sostenuto, l’educazione ambientale e la responsabilità personale devono crescere e continuare a crescere. Prendersi cura dell’ambiente dovrebbe essere una parte essenziale della nostra vita quotidiana. Nel mio caso, il mio risveglio verso l’ambiente è avvenuto solo dopo che sono andato in esilio ed ho incontrato un mondo molto diverso da quello che avevo conosciuto in Tibet. Solo allora mi sono reso conto di quanto fosse puro l’ambiente tibetano e di come lo sviluppo materiale moderno abbia contribuito al degrado della vita in tutto il pianeta.

In questa Giornata della Terra, impegniamoci tutti a fare la nostra parte per contribuire a fare una differenza positiva per l’ambiente della nostra unica casa comune, questa bellissima terra.

Con le mie preghiere

Dalai Lama

22 aprile 2021

https://www.sangye.it/dalailamanews/?p=14716

Sua Santità il Dalai Lama e altri 100 premi Nobel sollecitano la cooperazione al summit sul clima per fermare l’espansione dei combustibili fossili”

His Holiness the Dalai Lama: Message for Earth Day
Apr 22nd, 2021 by admin

Message for Earth Day

On Earth Day 2021, I appeal to my brothers and sisters throughout the world to look at both the challenges and the opportunities before us on this one blue planet that we share.

I often joke that the moon and stars look beautiful, but if any of us tried to live on them, we would be miserable. This planet of ours is a delightful habitat. Its life is our life, its future our future. Indeed, the earth acts like a mother to us all. Like children, we are dependent on her. In the face of such global problems as the effect of global heating and depletion of the ozone layer, individual organizations and single nations are helpless. Unless we all work together, no solution can be found. Our mother earth is teaching us a lesson in universal responsibility.

Take the issue of water as an example. Today, more than ever, the welfare of citizens in many parts of the world, especially of mothers and children, is at extreme risk because of the critical lack of adequate water, sanitation and hygienic conditions. It is concerning that the absence of these essential health services throughout the world impacts nearly two billion people. And yet it is soluble. I am grateful that the Secretary-General of the United Nations, Antonio Guterres, has issued an urgent global call to action.

Interdependence is a fundamental law of nature. Ignorance of interdependence has wounded not just our natural environment, but our human society as well. Therefore, we human beings must develop a greater sense of the oneness of all humanity. Each of us must learn to work not only for his or her self, family or nation, but for the benefit of all mankind. In this connection, I am glad that President Joe Biden will be hosting a Leaders’ Climate Summit on Earth Day this year, bringing together world leaders to discuss an issue that impacts all of us.

If our planet is to be sustained, environmental education and personal responsibility must grow and keep growing. Taking care of the environment should be an essential part of our daily lives. In my own case, my environmental awakening occurred only after I came into exile and encountered a world very different from the one I had known in Tibet. Only then did I realize how pure the Tibetan environment was and how modern material development has contributed to the degradation of life across the planet.

On this Earth Day let us all commit ourselves to doing our part to help make a positive difference to the environment of our only common home, this beautiful earth.

With my prayers,

Dalai Lama

April 22, 2021

https://www.dalailama.com/news/2021/message-for-earth-day

Sua Santità il Dalai Lama: L’amore sia l’artefice di un mondo migliore
Apr 17th, 2021 by admin

Sua Santità il Dalai Lama: “Sono in grado di ridere e rimanere gioioso nonostante le sofferenze del mondo perché, come monaco buddista addestrato nella tradizione di Nalanda, coltivo l’altruismo. Non appena mi sveglio la mattina, si riaccende il mio senso di altruismo e la comprensione che tutto è nato in modo dipendente. Questo porta ad una profonda tranquillità”.

12 Aprile 2021. Thekchen Chöling, Dharamsala, HP, India. Questa mattina Sofia Stril-Rever ha aperto una conversazione tra Sua Santità il Dalai Lama nella sua residenza di Dharamsala e gli ospiti del programma francese “Be the Love” e del canadese “One Better World Collective”, osservando che la chiave per un futuro sostenibile è una mentalità altruistica che valorizzi la collaborazione rispetto alla concorrenza ed avvantaggi il benessere delle persone nel loro insieme. Ha invitato Sua Santità a spiegare come, nel 21° secolo, coltivare l’amore altruistico può permetterci di sanare le nostre divisioni e muoverci realisticamente verso la pace, la giustizia e la felicità globali.

“Ora, ho 86 anni”, Sua Santità il Dalai Lama iniziò. “E nella mia vita ho assistito a molti spargimenti di sangue in una serie di guerre. Il risultato di tale violenza è stato solo sofferenza e più odio. Questo è uno dei motivi per cui ammiro l’Unione europea. Storicamente molte delle nazioni che sono tra i suoi membri, in particolare francesi e tedeschi, si sono regolarmente combattute tra loro nel corso dei secoli. Tuttavia, dopo la fine della seconda guerra mondiale si sono resi conto che considerare costantemente il proprio vicino come un nemico non serve a nulla. Pensa quante vite sono state perse in questi conflitti e quante ne sono invece state salvate nella pace degli ultimi 70 anni circa.

Oggi dobbiamo pensare all’umanità intera. Non basta più pensare alla propria nazione o continente. Va considerato il mondo intero nella sua globalità. Dobbiamo riconoscere che facciamo tutti parte di un’economia globale e siamo tutti minacciati dal cambiamento climatico e dal riscaldamento globale. Read the rest of this entry »

His Holiness the Dalai Lama: Be the Love for One Better World