Chandrakirti

Chandrakirti

Chandrakirti nacque a Samanta o Samana, cittadina nell’India meridionale, nel sesto secolo d.C. e in giovane età padroneggiò la conoscenza della Dottrina e fu ordinato monaco nel Sangha buddhista. Giunto a Nalanda, concentrò i suoi studi sui trattati di https://www.sangye.it/altro/?cat=9 e ottenne in quella università la carica di Upadhyaya, cioè la cattedra di professore della Dottrina.

In quello stesso periodo Chandragomin, un laico seguace del sentiero del Bodhisattva, arrivò in quella regione e Chandrakirti, saputo della sua presenza, gli chiese di entrare nell’università con tutti gli onori, conferendogli, si direbbe oggi, una laurea “honoris causa”. Continue reading »

Chandrakirti: Il ragionamento in sette punti

Chandrakirti: il sé è la forma degli aggregati?

Chandrakirti: Il ragionamento in sette punti.

Analizzare l’io.

Inizia identificando l’oggetto della negazione: l’io/il sé intrinsecamente esistente.
Quindi accerta la pervasione: se un io/sé esistesse intrinsecamente, dovrebbe esistere in uno di questi sette modi:

1) il sé è intrinsecamente unito con le sue parti, il corpo e la mente/gli aggregati? In questo caso, ci dovrebbe essere solo un aggregato, dato che c’è un io; oppure ci dovrebbero essere molti io, dato che ci sono molti aggregati. Inoltre, dovremmo essere in grado di indicare qualcosa, qualche parte del corpo o della mente, e dire “questo è me/è l’io”. E’ così? Continue reading »

Chandrakirti: Supplemento alla Via di Mezzo, Madhyamakavatara

Chandrakīrti

Chandrakirti: Supplemento alla Via di Mezzo, Ingresso nella Via di Mezzo, Introduzione alla Via di Mezzo’, Madhyamakavatara

LA PRIMA GENERAZIONE DELLA MENTE

Nella lingua indiana: Madhyamakavataranama In tibetano: dbu ma la ’jug pa zhes bya ba
[In italiano: Supplemento alla “Via di Mezzo”]

Omaggio al giovanile Manjushri.

[1.1] Gli uditori e i mediani che realizzano la talità nascono dai Sovrani dei Soggiogatori. I Buddha nascono dai Bodhisattva.
La mente della compassione, la comprensione non dualistica,
e la mente altruistica dell’illuminazione sono le cause dei figli di conquistatori.

[1.2] La compassione sola è vista come il seme
del ricco raccolto d’un conquistatore, come l’acqua per la crescita,

e come il maturare a uno stato di gioia duratura,
per questo all’inizio lodo la compassione.

[1.3] Omaggio a quella compassione per i migratori che sono

impotenti come un secchio che si muove in un pozzo
per il fatto di afferrarsi a un sé, un ‘io’,
e poi sviluppare attaccamento per le cose, ‘Questo è mio.’
Continue reading »

Chandrakīrti: Introduction to the Middle Way, Madhyamakāvatāra

Chandrakīrti: Introduction to the Middle Way, Madhyamakāvatāra

The Text Itself

The text we are explaining here is the Introduction to the Middle Way, and to do so we will use its auto-commentary.

There are four main parts to the explanation:

1. The Meaning of the Title

2. The Translators’ Homage

3. The Main Part of the Text

4. The Conclusion

The Meaning of the Title

The Sanskrit title of the auto-commentary is Madhyamakavatarabhashya-nama. In Tibetan, it is dbu ma la ‘jug pa’i bshad pa zhes bya ba, or A Commentary to the Introduction to the Middle Way. Continue reading »